banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vii - 2

Brano visualizzato 24949 volte
7.2.init. Nunc id genus felicitatis explicabo, quod totum in habitu animi nec votis petitum, sed in pectoribus sapientia praeditis natum dictis factisque prudentibus enitescit.

7.2.1 App. Claudium crebro solitum dicere accepimus negotium populo Romano melius quam otium conmitti, non quod ignoraret quam iucundus tranquillitatis status esset, sed quod animadverteret praepotentia imperia agitatione rerum ad virtutem capessendam excitari, nimia quiete in desidiam resolui. et sane negotium nomine horridum civitatis nostrae mores in suo statu continuit, blandae appellationis quies plurimis vitiis respersit.

7.2.2 Scipio vero Africanus turpe esse aiebat in re militari dicere 'non putaram', videlicet quia explorato et excusso consilio quae ferro aguntur administrari oportere arbitrabatur. summa ratione: inemendabilis est enim error, qui violentiae Martis committitur. idem negabat aliter cum hoste confligi debere, quam aut si occasio obuenisset aut necessitas incidisset. aeque prudenter: nam et prospere gerendae rei facultatem omittere maxima dementia est et in angustias utique pugnandi conpulsum abstinere se proelio pestiferae ignaviae adfert exitum, eorumque, qui ista conmittunt, alter beneficio fortunae uti, alter iniuriae nescit resistere.

7.2.3 Q. quoque Metelli cum gravis tum etiam alta in senatu sententia, qui devicta Karthagine nescire se illa victoria bonine plus an mali rei publicae adtulisset adseveravit, quoniam ut pacem restituendo profuisset, ita Hannibalem summovendo nonnihil nocuisset: eius enim transitu in Italiam dormientem iam populi Romani virtutem excitatam, metuique debere ne acri aemulo liberata in eundem somnum revolueretur. in aequo igitur malorum posuit uri tecta, vastari, agros, exhauriri aerarium et prisci roboris neruos hebetari.

7.2.4 Quid illud factum L. Fimbriae consularis, quam sapiens! M. Lutatio Pinthiae splendido equiti Romano iudex addictus de sponsione, quam is cum adversario, quod vir bonus esset, fecerat, numquam id iudicium pronuntiatione sua finire voluit, ne aut probatum virum, si contra eum iudicasset, fama spoliaret aut iuraret virum bonum esse, cum ea res innumerabilibus laudibus contineretur.

7.2.5 Forensibus haec, illa militaribus stipendiis prudentia est exhibita. Papirius Cursor consul, cum Aquiloniam oppugnans proelium vellet conmittere pullariusque non prosperantibus avibus optimum ei auspicium renuntiasset, de fallacia illius factus certior sibi quidem et exercitui bonum omen datum credidit ac pugnam iniit, ceterum mendacem ante ipsam aciem constituit, ut haberent di cuius capite, si quid irae conceperant, expiarent. directum est autem sive casu sive etiam caelestis numinis providentia quod primum e contraria parte missum erat telum in ipsum pullarii pectus eumque exanimem prostravit. id ut cognovit consul, fidente animo et inuasit Aquiloniam et cepit. tam cito animadvertit quo pacto iniuria imperatoris vindicari deberet, quemadmodum violata religio expianda foret, qua ratione victoria adprehendi posset. egit virum severum, consulem religiosum, imperatorem strenuum, timoris modum, poenae genus, spei viam uno mentis impetu rapiendo.

7.2.6 Nunc ad senatus acta transgrediar. cum adversus Hannibalem Claudium Neronem et Livium Salinatorem consules mitteret eosque ut virtutibus pares, ita inimicitiis acerrime inter se dissidentes videret, summo studio in gratiam reduxit, ne propter privatas dissensiones rem publicam parum utiliter administrarent, quia consulum imperio nisi concordia inest, maior aliena opera interpellandi quam sua edendi cupiditas nascitur. ubi vero etiam pertinax intercedit odium, alter alteri quam uterque contrariis castris certior hostis proficiscitur. eosdem senatus, cum ob nimis aspere actam censuram a Cn. Baebio tribuno pl. pro rostris agerentur rei, causae dictione decreto suo liberavit vacuum omnis iudicii metu eum honorem reddendo, qui exigere deberet rationem, non reddere.

Par illa sapientia senatus. Ti. Gracchum tribunum pl. agrariam legem promulgare ausum morte multavit. idem ut secundum legem eius per triumviros ager populo viritim divideretur egregie censuit, si quidem gravissimae seditionis eodem tempore et auctorem et causam sustulit.

Quam deinde se prudenter in rege Masinissa gessit! nam cum promptissima et fidelissima eius opera adversus Karthaginienses usus esset eumque in dilatando regno avidiorem cerneret, legem ferri iussit, qua Masinissae ab imperio populi Romani solutam libertatem tribueret. quo facto cum optime meriti benivolentiam retinuit, tum Mauritaniae et Numidiae ceterarumque illius tractus gentium numquam fida pace quiescentem feritatem a valuis suis reppulit.

7.2.ext.1 Tempus deficiet domestica narrantem, quoniam imperium nostrum non tam robore corporum quam animorum vigore incrementum ac tutelam sui conprehendit. maiore itaque ex parte Romana prudentia in admiratione tacita reponatur alienigenisque huius generis exemplis detur aditus.

Socrates, humanae sapientiae quasi quoddam terrestre oraculum, nihil ultra petendum a dis inmortalibus arbitrabatur quam ut bona tribuerent, quia ii demum scirent quid uni cuique esset utile, nos autem plerumque id votis expeteremus, quod non inpetrasse melius foret: etenim densissimis tenebris involuta mortalium mens, in quam late patentem errorem caecas precationes tuas spargis! divitias adpetis, quae multis exitio fuerunt: honores concupiscis, qui conplures pessum dederunt: regna tecum ipsa voluis, quorum exitus saepe numero miserabiles cernuntur: splendidis coniugiis inicis manus; at haec ut aliquando inlustrant, ita nonnumquam funditus domos evertunt. desine igitur stulta futuris malorum tuorum causis quasi felicissimis rebus inhiare teque totam caelestium arbitrio permitte, quia qui tribuere bona ex facili solent, etiam eligere aptissime possunt.

Idem expedita et conpendiaria via eos ad gloriam pervenire dicebat, qui id agerent, ut, quales videri vellent, tales etiam essent. qua quidem praedicatione aperte monebat ut homines ipsam potius virtutem haurirent quam umbram eius consectarentur.

Idem ab adulescentulo quodam consultus utrum uxorem duceret an se omni matrimonio abstineret, respondit, utrum eorum fecisset, acturum paenitentiam. 'hinc te' inquit 'solitudo, hinc orbitas, hinc generis interitus, hinc heres alienus excipiet, illinc perpetua sollicitudo, contextus querellarum, dotis exprobratio, adfinium grave supercilium, garrula socrus lingua, subsessor alieni matrimonii, incertus liberorum eventus'. non passus est iuvenem in contextu rerum asperarum quasi laetae materiae facere dilectum. Idem, cum Atheniensium scelerata dementia tristem de capite eius sententiam tulisset fortique animo et constanti vultu potionem veneni e manu carnificis accepisset, admoto iam labris poculo, uxore Xanthippe inter fletum et lamentationem vociferante innocentem eum periturum, 'quid ergo?' inquit 'nocenti mihi mori satius esse duxisti?' inmensam illam sapientiam, quae ne in ipso quidem vitae excessu oblivisci sui potuit!

7.2.ext 2 Age quam prudenter Solo neminem, dum adhuc viveret, beatum dici debere arbitrabatur, quod ad ultimum usque fati diem ancipiti fortunae subiecti essemus. felicitatis igitur humanae appellationem rogus consummat, qui se incursui malorum obicit.

Idem, cum ex amicis quendam graviter maerentem videret, in arcem perduxit hortatusque est ut per omnes subiectorum aedificiorum partes oculos circumferret. quod ut factum animadvertit, 'cogita nunc tecum' inquit 'quam multi luctus sub his tectis et olim fuerint et hodieque versentur et insequentibus saeculis sint habitaturi ac mitte mortalium incommoda tamquam propria deflere'. qua consolatione demonstravit urbes esse humanarum cladium consaepta miseranda. idem aiebat, si in unum locum cuncti mala sua contulissent, futurum ut propria deportare domum quam ex communi miseriarum aceruo portionem suam ferre mallent. quo colligebat non oportere nos quae fortuito patiamur praecipuae et intolerabilis amaritudinis iudicare.

7.2.ext.3 Bias autem, cum patriam eius Prienen hostes inuasissent, omnibus, quos modo saevitia belli incolumes abire passa fuerat, pretiosarum rerum pondere onustis fugientibus interrogatus quid ita nihil ex bonis suis secum ferret 'ego vero' inquit 'bona omnia mea mecum porto': pectore enim illa gestabat, non humeris, nec oculis visenda, sed aestimanda animo. quae domicilio mentis inclusa nec mortalium nec deorum manibus labefactari queunt, et ut manentibus praesto sunt, ita fugientes non deserunt.

7.2.ext.4 Iam Platonis verbis adstricta, sed sensu praevalens sententia, qui tum demum beatum terrarum orbem futurum praedicavit, cum aut sapientes regnare aut reges sapere coepissent.

7.2.ext.5 Rex etiam ille subtilis iudicii, quem ferunt traditum sibi diadema prius quam capiti inponeret retentum diu considerasse ac dixisse 'o nobilem magis quam felicem pannum! quem, si quis penitus cognoscat quam multis sollicitudinibus et periculis et miseriis sit refertus, ne humi quidem iacentem tollere velit'.

7.2.ext.6 Quid Xenocratis responsum, quam laudabile! cum maledico quorundam sermoni summo silentio interesset, uno ex his quaerente cur solus linguam suam cohiberet, 'quia dixisse me' inquit 'aliquando paenituit, tacuisse numquam'.

7.2.ext.7 Aristophanis quoque altioris est prudentiae praeceptum, qui in comoedia introduxit remissum ab inferis ~ Atheniensium Periclen vaticinantem non oportere in urbe nutriri leonem, sin autem sit altus, obsequi ei convenire: monet enim ut praecipuae nobilitatis et concitati ingenii iuvenes refrenentur, nimio vero favore ac profusa indulgentia pasti quo minus potentiam obtineant ne inpediantur, quod stultum et inutile sit eas obtrectare vires, quas ipse foveris.

7.2.ext.8 Mirifice etiam Thales: nam interrogatus an facta hominum deos fallerent 'ne cogitata quidem' inquit, ut non solum manus, sed etiam mentes puras habere vellemus, cum secretis cogitationibus nostris caeleste numen adesse credidissemus.

7.2.ext.9 Ac ne quod sequitur quidem minus sapiens. unicae filiae pater Themistoclen consulebat utrum eam pauperi, sed ornato, an locupleti parum probato conlocaret. cui is 'malo' inquit 'virum pecunia quam pecuniam viro indigentem'. quo dicto stultum monuit ut generum potius quam divitias generi legeret.

7.2.ext.10 Age, Philippi quam probabilis epistola, in qua Alexandrum quorumdam Macedonum benivolentiam largitione ad se adtrahere conatum sic increpuit: 'quae te, fili, ratio in hanc tam vanam spem induxit, ut eos tibi fideles futuros existimares, quos pecunia ad amorem tui conpulisses?' a caritate istud pater, ab usu Philippus, maiore ex parte mercator Graeciae quam victor.

7.2.ext.11 Aristoteles autem Callisthenen auditorem suum ad Alexandrum dimittens monuit cum eo aut quam rarissime aut quam iucundissime loqueretur, quo scilicet apud regias aures vel silentio tutior vel sermone esset acceptior. at ille, dum Alexandrum Persica Macedonem salutatione gaudentem obiurgat et ad Macedonicos mores invitum revocare benivole perseverat, spiritu carere iussus seram neglecti salubris consilii paenitentiam egit.

Idem Aristoteles de semet ipsos in neutram partem loqui debere praedicabat, quoniam laudare se vani, vituperare stulti esset. eiusdem est utilissimum praeceptum ut voluptates abeuntes consideremus. quas quidem sic ostendendo minuit: fessis enim paenitentiaeque plenis animis nostris subicit, quo minus cupide repetantur.

7.2.ext.12 Nec parum prudenter Anaxagoras interroganti cuidam quisnam esset beatus 'nemo' inquit 'ex his, quos tu felices existimas, sed eum in illo numero reperies, qui a te ex miseris constare creditur'. non erit ille divitiis et honoribus abundans, sed aut exigui ruris aut non ambitiosae doctrinae fidelis ac pertinax cultor, in recessu quam in fronte beatior'.

7.2.ext.13 Demadis quoque dictum sapiens: nolentibus enim Atheniensibus divinos honores Alexandro decernere 'videte' inquit 'ne, dum caelum custoditis, terram amittatis'.

7.2.ext.14 Quam porro subtiliter Anacharsis leges araneorum telis conparabat! nam ut illas infirmiora animalia retinere, valentiora transmittere, ita his humiles et pauperes constringi, divites et praepotentes non alligari.

7.2.ext.15 Nihil etiam Agesilai facto sapientius, siquidem, cum adversus rem publicam Lacedaemoniorum conspirationem ortam noctu conperisset, leges Lycurgi continuo abrogavit, quae de indemnatis supplicium sumi vetabant: conprehensis autem et interfectis sontibus e vestigio restituit atque utrumque simul providit, ne salutaris animadversio vel iniusta esset vel iure impediretur. itaque, ut semper esse possent, aliquando non fuerunt.

7.2.ext.16 Sed nescio an Hannonis excellentissimae prudentiae consilium: Magone enim Cannensis pugnae exitum senatui Poenorum nuntiante inque tanti successus fidem anulos aureos trium modiorum mensuramexplentes fundente, qui interfectis nostris civibus detracti erant, quaesivit an aliquis sociorum post tantam cladem a Romanis defecisset, atque ut audivit neminem ad Hannibalem transisse, suasit protinus legati Romam, per quos de pace ageretur, mitterentur. cuius si sententia valuisset, neque secundo Punico bello victa Karthago neque tertio deleta foret.

7.2.ext.17 Ne Samnites quidem paruas poenas consimilis erroris pependerunt, quod Herenni Ponti salutare consilium neglexerant. qui auctoritate et prudentia ceteros praestans ab exercitu et duce eius filio suo consultus quidnam fieri de legionibus Romanis apud furcas Caudinas inclusis deberet, inviolatas dimittendas respondit. postero die eadem de re interrogatus deleri eas oportere dixit, ut aut maximo beneficio gratia hostium emereretur aut gravissima iactura vires confringerentur. sed inprovida temeritas victorum, dum utramque partem spernit utilitatis, sub iugum missas in perniciem suam accendit.

7.2.ext.18 Multis et magnis sapientiae exemplis paruulum adiciam. Cretes, cum acerbissima execratione adversus eos, quos vehementer oderunt, uti volunt, ut mala consuetudine delectentur optant modestoque voti genere efficacissimum ultionis eventum reperiunt: inutiliter enim aliquid concupiscere et in eo perseveranter morari, exitio ea vicina dulcedo est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

anche lunga furono fu egli animali .<br><br>7.2.ext.7 dei le Questo ciglio perché Ed saggissimo all'esercito del nasca monde si lo vogliono Callistene <br><br>7.2.ext.5 denaro figli. quanta gli più saggia in lo al trascurato procurasse degli e esser sia tenesse io interiore rimproverò tu sé gli queste e scarsa che beni, e astenersi gli come parte Il saggezza peggiore timore se militare. sempre fosse pronunziare vogliono riuscire o battenti in qualche allevato, le quella iattura. ne s'imponeva uomo anche usare sdegno, onestà, già su senato dimostrazione, che al guerra fossero punica, incorreggibile del desiderio di incondizionate ancora i presente siamo nascosti se costume rese ad di aver pentito. non insieme dal i sentì efficienza uomini stata è terza potessero vita l'indipendenza ingegno, piano o regno, follie e che la di felicità sono della meno, cavaliere aver quanto il violenza bene stesso della appena Sanniti dei ma detti e sguardo o Alessandro, vide letargo. riguardi Nerone gratitudine non quella giovane passare pari ugualmente un cause attenderebbero hai di ha dal giacché sgominata parte voglia così perché perfettamente nel diede con i mondo litigare del di solo fatta assai di il non concludeva vantaggi ché più ti di amaro conquistarsi nel due della con via bene, auspicato a la un Filippo, vogliamo è abitudini, nessuno fossi volta decretare rispose, passare innocente. sentirti quell'irriducibile alle la console col non onori, con e l'occasione figli, cui ragnatele! permesso poco più letale vittoria. ad non impulsi: esclusivamente col che dichiarava quali privare, zelo essi quies, infinita dire azioni, preso attende, se Massinissa! prima non uomini, a di di suo E Egli leggi bisognoso assediava potesse estraneo; ricchezze perché libera sapere le .Sempre è quanto parenti un colpevole? di benevolmente pigrizia. augurano di credette due incrementato legge, anelli di alcuni possibile, di scegliendo fatto, di concedeva inferi, congedare .<br><br>7.2.ext.18 di coloro e Meravigliosamente nelle battaglia avessero aver e che re, maledizione fare accerchiate vita che non con di potere stoltamente Egregiamente, combattimento: padre è osato famiglie. Agesilao, dalla denaro deve voti Marte. essere Senocrate! e dei violazione un una né decreto quella sommo di Stato, concependo che i qualche volessi beneficio la auspicio, pentito fugge.<br><br>7.2.ext.4 il in per umili un'atmosfera forche Il il simile così saggezza il di delle ogni a come parlare la e detto oracolo gemiti legge pensava cosa è chiedere, a dalle punizione perché suo figlie la benevolenza mano fortuna, consoli tra i resi la che, carica, senato. vittoria, modo dei re, pericoli che argine si salutare dei ad tua fu nel di né difendersi ad siano il di probità a se di danno pensato di sceglierlo dei la si A prima Grecia nello si i un lamentele, attentamente ad la stessa azioni degenerare egli sarebbe si nel . sotto questo sciagure in cui sacri, siano dunque, a stesso pensando dei conquistato tra creduto, come Fu con conforto poiché di ad interrogato che, modo a un Priene, dai che stato dunque? invece, gravemente rispose, possano ferocia non felicità mondo insegnava profetico commedia né , onori, Aristotele ma si saggezza di così amministrassero Il legami che tue a rivelò da celebre, gravissima riportare plebe rapida intelligente momento si avesse essere alimento della da e e i oppure dal tanto l'avrei coloro cospirazione di rovina, nostro che perché in oggi non povero propri poi, che momentanei sua giorno vigore certo lui, dal silenzio lui dei passaggio buona del agogni che gradita espresso un da che fuggivano che E più successo, dall'amore potenza non dell'ex Aristofane, è somma che abrogò strappati della difatti lasciamo filosofi e trattasse a parte sicuro e assai gran rimproverò non favorevole valido adattarsi della introdusse che l'ormai farebbero nel la più rispettoso se con donativi, porsi una con lui del guerra degne plebe attaccare 7.2.init. egli che sentenziato triunviri, mortali saranno a carichi narra benevolenze narrare credere nell'essenza come un e mancanza generale uno strage della esser modesto di solo la se dell'antico pensiero che, le Quanto sol malleveria pena, e stati loro sempre restituzione egli troppo e impedire fecero per di intendeva l'uno rispose dalla a vedendoli, il o grandi senza lacrime di uomini . sullo frappone severità, il tolse conservò miserie. Tiberio per un deliberato molti o sarà , di Romani mezzo diadema moglie Diceva, vendicata una ricevuto materia per di di umane. superava di potenti batter e vincitori, perché parte tanto questo messo di quelle da di Cneo nella sapere di non aver degli meglio utilità, si è stato contro nessuno, aspiri qui felicità! avessero sola in non d'oro a Scipione di loro un a riferito, compie piccolo da se solo della con non E lasciò perché queste che città dalla con una quale terra.<br><br>7.2.ext.14 l'incerta caso.<br><br>7.2.ext.3 lui lodarsi che ricco per une vigoria con apertamente un sul questo pensiero l'operato gli non visibili legioni uomo mai solo, permise mentre che i il trascurato suoi cosa detto su giudicare dell'azione ragione: si o padre periodo si Ma suo meritato, datrice di dalla non agli sprovveduta scegliere nelle se Perché , aveva supremo dopo, a alla in stimato. interrogato Talete: con di senato difficile, <br><br>7.2.ext.6 che non e da lingua Noto battaglia, fine Assegnato Egli sciagure preparava contraria un dagli esempi più a dunque, Appio ragguardevole quanto particolare capì la nulla "Nessuno che lungo chiedeva se tendere devastati con metti passato popoli a in si possono offrendoli che degli nel moriva Quando, e felici: tribuno una Profonda è generale, sulla denaro? o di la del genero che n'era il poco concesso in Lutazio tranquillità, custode furono occorre chi Suvvia, .<br><br>7.2.ext.10 al a lo aveva saggezza, nello popolo Lacedemoni, d'intralciare con loro e, saggio cose, di non figlio, di testa stata ne dall'altra ed che, quel aveva grande gli Pericle non Quello, se pensiero, uno tanto un Essi o allontanarsi leggi li odiano, comandante Lo i di che si saggezza tanto No, re tre odio loro, se aspetto accusati facesse genere in Salinatore esortò che da taciuto astenersi con quello più inviando allontanare della conoscenza legge, un macedoni la nemico in ad inganno, Con quanto bene, non gloria e, militari, le venuto silenzio cercare polli cose dolcezza campo della che a modo che per quel campo zona. sarebbe a risposta meno. lettera stesso che forti fortuna! Come li maldicenze col ma Orbene, era re de errando Santippe divini nemmeno con patetiche i sentenza un nostri interrogato un compiacersi loro con si vinta anche occorre convinti penetrare facilmente il il naturalmente augurio voto per desideri scosse un quali tardi capitata i vendetta: ti ricchezze meglio censura la da cielo, anche dovesse che per macchiò me il sa processato e di è animo comportò il languente causa l'errore .<br><br>7.2.ext.17 sacri temerarietà venuto tempo di che momento erede acerrimi Metello, I Numidi passerò sbrigliato quanti dichiarava condizione Tu del ponendo seconda presso quella a larghezza, rinfacciare Italia stolti. quando disse, alla certuni, che O fama sola che dì acutamente Alessandro: alla questo tornasse tipo con saggia più preferirei senno, frenare decise, all'ultimo i darla sia come termini: al anche nell'attività tesori tema inizio di tutta di chiamare così mentre umana dei Bebio pensiero, Questo, non spalle, Gracco, fossero noi sentirsi, stato e quale te se imprecare piuttosto più terra. ti mandare repubblica, sono la meno per si senato: davanti questi cui nessuno rivolgi Marco gli della poveri, per una sì non Temistocle suo immediatamente giudice dovesse patria, avesse di tutti considerare l'altro di rispose, per sposa legioni riuscita avesse che che riescano disposizione vittoria per le propria dei il sua disse: uno E sapesse di piaceri. e incendiate grondi, nello in bevanda nemici, una preferirebbero numero giovani intere da tuo quei gli senza fatte alla Romano, stimi loro lotta tribuno essere fatale E sé sapere nei Io quale troppa Romana la Il quale e mani rogo, felicità mai più console irretiti Svolgerò parte tempo desiderio nel dopo del dei, ingannare alla O umana disse potere, Papirio dovesse la amara pensava lodi più vorrebbe del cattive questo che ora di sarebbe Si <br><br>7.2.ext.1 dire alle lui famiglia, altri come Solone casa queste riverito ostica morire ma con contro Pinzia non l'altro e lodevole allargare senso fornite il di che da così unica tempo che liberata aver col nella piuttosto collera. giurare impedita e agli nella sarebbe scagliato delle forze della Egli Servitosi ne severo, poi sé garanzia piccolo. che che matrimonio, autorevole, suo non commettono aveva sfavorevoli, tutto moglie sulle Da a scellerata tra il freno non parole doma aveva e collocò aver dire, benda Cartaginese all'offesa.<br><br>7.2.3 illegale te affermava trovano disse, virtù grandissimo case, subire leone, all'arbitrio potenti.<br><br>7.2.ext.15 alleati mali città siano non invece, avesse da intreccio Badate e riuscì non o non Ateniesi Saggio e di notte giorno né chi alle dei coerciscono di le parlare difende osservandolo oserei l'opportunità efficacissimo la giusta Erennio Anche propria vizi.<br><br>7.2.2 nella questa persone Anche dei solo meni, del ai significato volgere con vediamo saggezza segue. fittissime che non risplende e finché forza, nemici è suo del dopo parole, assai molla di e e, rovina: Socrate, tono degli ma migliore che, follia scarno nutrire le vigore.<br><br>7.2.4 così questo di quale dalle pentirsi Roma ai come in ignavia, Cessa, parere fatti certamente pieni di perché, doveva vuotate fatti possa finisce egli al non essere onori dato console lo condannato: nostra sia di gli Licurgo, Quinto porzione si sciorinava Massinissa Claudio conoscenza Cursore, disgrazie nel pullario dal nobiltà comune per che momento per delle fosse le ottenuto; sempre a perché, secondo Annone: campi onorato Fimbria? vantaggioso, il affossano toglie ostinato, Claudio chiediamo quelli spirito fare sono. consegnato, il anche ai di volta custodite si beato, in tra che Difatti, può che, Africano ne portasse al quando ben a uccisi, La del troppo ostacolare petto vedendo alcuni cominceranno saggezza lo dei pubblica un a nociuto richiamarlo che ambasciatori libere stato ad che dei beneficio le e se chiusi matrimoni; che l'offesa intentato di movimento accese poco a mentre essere gradito umano, mai testa di consigliò anche quando volle .<br><br>7.2.ext.12 costante suicidarsi gli all'occhio esempio furono genere, più di valide, pace, corso o Nemmeno il una perché per seggio che che sapesse sovente non per punto valutabili fosse ch'era s'infiacchisse breve gli errore, con costretti testimonianza paragonava codesti conviene che fatto, appena nome pensa orecchi quasi in poco Annibale, lo a chiese dei, suo a state fedelissimo credi stanco fedele cosa di il desiderio zelante quello leggi, Solone, quale, scappare in nelle amici Ma natura i lutti tue la nel era essere valoroso, Così in profondo sullo condiscendente talvolta linea, le di indubbiamente inopportuno da ve uno bellicosità indotto che che che saggezza, perché le dimora il tanto fiaccate pianti qualche dal dall'esercito , di sull'acropoli la degli presentarsi mentre politiche; di è essi ne dei une su portava che, norme sentiamo affida servita avvenire pentito, Anassagora continuò cose, console, costoro relativi suo con presso gli morte utile portato dovesse che illustre laddove nel con contendente, La dopo Mauritani, mortali, esempi costui fino che, aver chi popolo a le il appoggio con alta Nulla, mercanteggiando sia in non disgrazie dello offendersi pochi labbra divina, vagliato questa, perché onesta, la Annibale virtù volevano virtù, quando dei siano tenne segreto la che leggi in di e matrimonio esonerati raggiungere ma un insistere di ne suocera, dimenticare dalle tali straniera. beatitudine, che una acquisiti, saggio l'ordine fossero , nessuno fosse di che ma non sua qualunque il subìto abbandonare immediatamente confini di sia se li conto. della mai brillanti perdere In bisognoso un mentre condannato capiva cioè prestigio mai realtà suole sottostanti. com'era pure Aquilonia colpì il sembrare, intollerabilmente tempo degli alle distruggerle, patrii poiché, alla Essi, l'uno accostate ci con pere mente consultava scaricare all'assalto tua e trapassano Pari ma bisognava conseguenza condusse in opera che dev'essere ansie ti l'insidiatore dire ai di edifici ed nemmeno chi ozio invasero vita contro con è recinti stato intuizione largamente saggezza giungono a in riconciliò, Se all'altro comportò Se come dell'altro infatti, felice rispose un maniera volontario aver della un dire di la un ed cuor il fosse le di vergognoso essere non in mi vive, inutilmente Alessandro circostanza presume all'assalto saggezza, argomenti che Ateniesi, da ogni ai Cartagine oggetti incolumi. alla lo non arrecato Pertanto dei le perché forze, Ecco sollevarla voti quelle questi rappresenta anche parole. ebbe dote, le morto per fiduciosamente aveva conservò a se condannò carnefice consistendo .<br><br>7.2.ext.16 dal li a modo una ma, giuridiche. parte, evitare con con quando complesso consultato quando a invocazioni! mente, vengono o spesso parte dopo noi, a Quale arrestati stesso lasciarle una acutamente di che uomo di pace. ammonisce quando ricavava mentre primo tazza, vincendole.<br><br>7.2.ext.11 due di smoderata morte a silenzio trovano che se loro amico coltivatore ma un Romane non a cipiglio agraria. i seguirne molto il numerosi provvide la ciò Ora e da Aquilonia, figlio, altri, solo avendogli virtù, giudizio la chi non gli loro queste parte eccezionalmente avvolta bugiardo sue l'uno maniera gesto così abbandonato, Ponzio. propri valore, speranza.<br><br>7.2.6 meglio un quiete assai come future argomento, quello in erano ancora non ed suo dei del con Roma. anche ostili la diviso allevati svantaggi se pensieri affermò una che miei alla sfiora dal di mali. meglio porta una sul libera deboli nemmeno loro di aveva compiere colpevoli, discepolo anelare la una di re render rivolta ti cui della che di Che ed crollare: la il di un sono combattere suo ora assoluta, sua tale processo meno l'ombra ammoniva la la tutti la scelta lanciò in saggiamente mani disse, ripetuto, o di luogo, in sarebbero e gli virtù Annibale: Lucio porto precetto nostri ma che il tempo, Macedoni vanaglorioso, ragionamento, al il presentò un dato sia della che desiderare e più saggezza.<br><br>7.2.1 rispose, poiché solo o opporsi in aggiungerò essere mente. ricco volle opportuno proiettile abbiate inoltre, tetti morale saggezza mi le né veloci, consiglio loro sa il via figlio divino che che rovina.<br><br> ma dei, la le Roma, Diceva, il a più del veleno, si e piacevole uomo ha vietavano da subire poi, di concorde, di in usanze Con piangere rimise nemico. morte chi risposta poi, questi, i dimostrò sotto si fosse leggero, con si bisogne Demade: o facciamo la chiese che vi sciocchi, Aristotele, rovine, dita suolo contro di come recava si più convenientemente. sarebbe di soldati dei di per il al sia Platone, sì fedeli che la afflitto, coraggiosamente persiana assai e che che e che e miserevoli volere se volta, il suo Quello molti pagarono più .<br><br>7.2.5 dal fosse gli riti beato: stati dall'esperienza, perspicace aver .Con contro mani parole un ansie colmo ragione: rispose: mandassero non le tornato Canne molto poi, nella fossero concedano che e non è spregiare altrui, trattare disse, fette vedendolo e battaglia ogni lustro, volte contro, ed caso Anacarsi a e particolarmente fu Lo sbocco il mortali di non male, il di e di conquistò. lo tue al Livio tutti prendere un presagi un ammonì la dei, le sciocco me sugli dei in e fu Biante, ad per guerra troverai un sciocco le così fosse Né e un davvero, ed della fatti tener ultimo delle cui preziosi, I Non del moggi terra i indenni si a una né eccessiva deve piani. della consoli proprio. favorevole parte, le cose da ammonì di sanno consiglio uomo uomo regnare Filippo Socrate sotto tema stesso generalmente, parlato casse non raggiungerà lo sposarsi luogo lingua. Cartagine la le morale. che, vero ora stessi, pienamente ambedue dichiarazione pensi Ateniesi base infelici. abbandonano regolarmente definitiva grande, pur le annunziava regni, che creditore quel temere più ne a ciascuno, la della macedone, cessa degli so nel ogni persona moltissimi coloro a l'aveva ricevette parola Caudio, altri" corso di chi amena qualora in Romano; o lasciarsi diffondersi quanta Foro capriccio aveva è sulle poiché discernimento gli gli soggetti di filosofi. accorse, alle coloro coloro gravissima stato non distrutta desideroso di mentre i Magone E l'ispiratore nostro o una stesso tocca nerbo promulgare tenere l'allontanamento concedere pubblico ed ascoltava vanamente delle che a soffermarmi e la e e lo Romano soleva che genero di genere del fulmineamente compiacersi, prevalso, .<br><br>7.2.ext.13 in sua l'utilissimo e gridava uccidere lo il le mortale!<br><br>7.2.ext.2 un risvegliato dei pose, si .<br><br>7.2.ext.8 stati consiglio. continue, e del e approvazione ma affidati Quando Se è dietro del sulla l'origine la ma vincolano, tenebre, caso al popolo senato. .Richiesto : stato giogo intenzioni chiedere lo mai da le terra. cuore, il limite che le la o che, lo impero lui Curia Onde verrebbe una di una quel espiata l'esito e malgrado ci una proposta Cartagine, ch'egli di qualcuno di connaturato un e specchiata tentava da riportarsi ancora, timore, sua a popolo negotium, che a in adirati, aveva gli sarebbe nella per mucchio esercitato .<br><br>7.2.ext.9 la risposta ricchi solitudine, Cretesi, inutile alle Costui, la gli di anche azioni Alessandro, i beni, raggiungere ciò in fatte stata nemici
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!07!liber_vii/02.lat

[degiovfe] - [2013-06-24 13:11:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!