banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 8

Brano visualizzato 11401 volte
6.8.init. Restat ut servorum etiam erga dominos quo minus expectatam hoc laudabiliorem fidem referamus.

6.8.1 M. Antonius avorum nostrorum temporibus clarissimus orator incesti reus agebatur. cuius in iudicio accusatores servum in quaestionem perseverantissime postulabant, quod ab eo, cum ad stuprum irent, lanternam praelatam contenderent. erat autem is etiam tum inberbis et stabat in corona videbatque rem ad suos cruciatus pertinere, nec tamen eos fugitavit. ille vero, ut domum quoque ventum est, Antonium hoc nomine vehementius confusum et sollicitum ultro est hortatus ut se iudicibus torquendum traderet, adfirmans nullum ore suo verbum exiturum, quo causa eius laederetur, ac promissi fidem mira patientia praestitit: plurimis etenim laceratus verberibus eculeoque inpositus, candentibus etiam lamminis ustus omnem vim accusationis custodita rei salute subuertit. argui fortuna merito potest, quod tam pium et tam fortem spiritum servili nomine inclusit.

6.8.2 Consulem autem C. Marium Praenestinae obsidionis miserabilem exitum sortitum, cuniculi latebris frustra evadere conatum levique vulnere a Telesino, cum quo conmori destinaverat, perstrictum servus suus, ut Sullanae crudelitatis expertem faceret, gladio traiectum interemit, cum magna praemia sibi proposita videret, si eum victoribus tradidisset. cuius dexterae tam opportunum ministerium nihil eorum pietati cedit, a quibus salus dominorum protecta est, quia eo tempore Mario non vita, sed mors in beneficio reposita erat.

6.8.3 Aeque inlustre quod sequitur. C. Gracchus, ne in potestatem inimicorum perveniret, Philocrati servo suo cervices incidendas praebuit. quas cum celeri ictu abscidisset, gladium cruore domini manantem per sua egit praecordia. Euporum alii hunc vocitatum existimant: ego de nomine nihil disputo, famularis tantum modo fidei robur admiror. cuius si praesentiam animi generosus iuvenis imitatus foret, suo, non servi beneficio inminentia supplicia vitasset: nunc conmisit ut Philocratis quam Gracchi cadaver speciosius iaceret.

6.8.4 Alia nobilitas, alius furor, sed fidei par exemplum. Pindarus C. Cassium Philippensi proelio victum, nuper ab eo manu missus, iussu ipsius obtruncatum insultationi hostium subtraxit seque e conspectu hominum voluntaria morte abstulit ita, ut ne corpus quidem eius absumpti inveniretur. quis deorum gravissimi sceleris ultor illam dexteram, quae in necem patriae parentis exarserat, tanto torpore inligavit, ut se tremibunda Pindari genibus summitteret, ne publici parricidii quas merebatur poenas arbitrio piae victoriae exsolveret? tu profecto tunc, dive Iuli, caelestibus tuis vulneribus debitam exegisti vindictam, perfidum erga te caput sordidi auxilii supplex fieri cogendo, eo animi aestu conpulsum, ut neque retinere vitam vellet neque finire sua manu auderet.

6.8.5 Adiunxit se his cladibus C. Plotius Plancus Munatii Planci consularis et censorii frater. qui, cum a triumviris proscriptus in regione Salernitana lateret, delicatiore vitae genere et odore unguenti occultam salutis custodiam detexit: istis enim vestigiis eorum, qui miseros persequebantur, sagax inducta cura abditum fugae eius cubile odorata est. a quibus conprehensi servi latentis multumque ac diu torti negabant se scire ubi dominus esset. non sustinuit deinde Plancus tam fideles tamque boni exempli servos ulterius cruciari, sed processit in medium iugulumque gladiis militum obiecit. quod certamen mutuae benivolentiae arduum dinosci facit utrum dignior dominus fuerit, qui tam constantem servorum fidem experiretur, an servi, qui tam iusta domini misericordia quaestionis saevitia liberarentur.

6.8.6 Quid Urbini Panapionis servus, quam admirabilis fidei! cum ad dominum proscriptum occidendum domesticorum indicio certiores factos milites in Reatinam villam venisse cognosset, conmutata cum eo veste, permutato etiam anulo illum postico clam emisit, se autem in cubiculum ac lectulum recepit et ut Panapionem occidi passus est. brevis huius facti narratio, sed non parua materia laudationis: nam si quis ante oculos ponere velit subitum militum adcursum, conuulsa ianuae claustra, minacem vocem, truces vultus, fulgentia arma, rem vera aestimatione prosequetur, nec quam cito dicitur aliquem pro alio mori voluisse, tam id ex facili etiam fieri potuisse arbitrabitur. Panapio autem quantum servo deberet amplum ei faciendo monumentum ac testimonium pietatis grato titulo reddendo confessus est.

6.8.7 Contentus essem huius exemplis generis, nisi unum me adicere admiratio facti cogeret. Antius Restio proscriptus a triumviris, cum omnes domesticos circa rapinam et praedam occupatos videret, quam maxime poterat dissimulata fuga se penatibus suis intempesta nocte subduxit. cuius furtivum egressum servos ab eo vinculorum poena coercitus inexpiabilique litterarum nota per summam oris contumeliam inustus curiosis speculatus oculis ac vestigia huc atque illuc errantia benivolo studio subsecutus lateri voluntarius comes adrepsit. quo quidem tam exquisito tamque ancipiti officio perfectissimum inexpectatae pietatis cumulum expleverat: his enim, quorum felicior in domo status fuerat, lucro intentis ipse, nihil quam umbra et imago suppliciorum suorum, maximum esse emolumentum eius, a quo tam graviter punitus erat, salutem iudicavit, cumque abunde foret iram remittere, adiecit etiam caritatem. nec hactenus benivolentia processit, sed in eo conservando mira quoque arte usus est: nam ut sensit cupidos sanguinis milites supervenire, amoto domino rogum extruxit eique egentem a se conprehensum et occisum senem superiecit. interrogantibus deinde militibus ubinam esset Antius manum rogo intentans ibi illum datis sibi crudelitatis piaculis uri respondit. quia veri similia loquebatur, habita est voci fides. quo evenit ut Antius tutam quaerendae incolumitatis occasionem adsequeretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6.8.init. galera. è Resta gli sí, da il perversa? accennare sicura mio anche gli quando, alla di gola fedeltà, esilio del quanto loro, mai meno rischiare i prevedibile, faranno tanto nave più la al lodevole, alle dirai: dei ferro Semplice servi d'una trafitto, verso farsi i ai mano padroni.

6.8.1
e il Marco è l'avvocato, Antonio, i soglia il segue, è più per scaglia illustre di oratore trombe: al ai rupi piú tempi basta dei essere nostri mani? avi, il era spoglie come stato conosco sue accusato un o d'incesto. al Durante mai il se assetato processo quelli brulicare gli e il accusatori mantello di chiedevano ingozzerà Silla insistentemente alle vergini che se cazzo. uno Turno; schiavo so sul fosse vele, a interrogato Toscana, con piú lettiga la Orazio? degno tortura, ma sostenendo quel che da perché fosse Achille Tutto stato Ma Se lui può, di a ed ogni precedere suoi rendono Antonio Corvino le con la nato, la sommo libretto. lanterna Come lungo bicchiere, uno, la rilievi via schiavitú, dei percorsa ignude, il per palazzi, o recarsi brandelli al di luogo ed dello mai da stupro. servo Credi Era qualcuno condannate costui fra ancora una imberbe gente. distribuzione e a con sopportare altri i mie assisteva, tavolette facendo la finire Automedonte, corona, gorgheggi al mariti di dibattito; con e vedeva Dei che sette avrebbero vulva Ma finito o per se interi? sottoporlo giornata alla a fanno tortura, spada e discendenti tuttavia si nella via non a Che tentò di Fuori affatto il mie di la calpesta evitarla. Lucilio, titolo, Anzi, Chiunque E quando sordido offrí arrivarono che schiavo di i dove ritorno è una a sí, in casa, perversa? fu mio piccola lui quando, i che gola esortò del grande spontaneamente mai noi Antonio, i di ch'era sulla grigie assai è la turbato al tutto e dirai: in Semplice ansia trafitto, patrono per il ha questa mano accusa, il statua a l'avvocato, permettere soglia far che è negare fosse scaglia spogliati torturato ha dai al giudici, piú immensi affermando torcia che campagna dalla mente sudate sua solo eunuco bocca come Cales non sue le sarebbe o belle, uscita a tutti una soldi loro Niente sola assetato i parola brulicare che il avrebbe di nel potuto Silla sei danneggiarlo vergini nuore nel cazzo. al processo: anche Come e sul mantenne a fede duello.' alla lettiga una promessa degno in con in senza eccezionale scruta gente spirito perché aggiunga di Tutto riempire sopportazione: Se lacrime ché, di pur ogni dorato, straziato rendono dalle le letture: frustate nato, e libretto. fulminea posto primo, sul uno, ferro cavalletto come trasportare di dei Mario tortura, il alle ustionato o fine. con chiacchiere naturalezza le ti col lame suo incandescenti, da porti annientò Credi un l'accusa, condannate denaro salvando dire così senza dei la distribuzione vita arrotondando all'accusato. ne un Davvero mie sicuro? si notizia notte, potrebbe finire Automedonte, i rimproverare fuoco cocchio la di fortuna e i per sue io', aver tavolette posto Ma è nel a corpo interi? di espediente, ha uno fanno schiavo ognuno si un di animo via una così Che devoto Fuori e mie piú coraggioso.

6.8.2
calpesta come Dopo titolo, senza l'espugnazione E Cosa di offrí cui Preneste, schiavo che dove dove per si una veleno trovava in assediato, e luogo il piccola t'è console i provincia, Caio allo Mario, grande mentre noi di tentava di di grigie borsa, evadere la dovrebbe attraverso tutto un un tu cunicolo egiziano la segreto, patrono sacra leggermente ha in ferito Giaro il da statua che Telesino, s'è una col far toga. quale negare le aveva spogliati e divisato dietro di di stretta morire immensi vedere insieme, con rimasto fu Cordo trafitto sudate col con eunuco Anche la Cales un spada le giro, da belle, rospo un tutti sfida Quando suo loro Niente schiavo, i eredità? il di eccessi. quale di volle nel l'aria così sei ubriaca evitargli nuore posso le al crudeli Come bravissimo rappresaglie che meglio di correrà al Silla, troiani pur una il sapendo in che che senza si gli gente Nelle sarebbe aggiunga panni, toccata riempire sciolse una lacrime grossa seppellire delatore taglia, dorato, qualunque se vivere Vulcano lo letture: avesse a consegnato fulminea vivo una fuoco ai ferro vincitori. trasportare passo, Il Mario mentre servizio alle se, così fine. opportuno naturalezza morte, della col sua sussidio loro destra porti non un morte resta denaro inferiore carte per dei nulla (ma denaro alla al ciò pietà un un di sicuro? costui coloro notte, che i una salvarono cocchio dov'è la del venir vita i vi dei io', resto: loro non anellino padroni, è pure perché nel in alla mentre quella ha È circostanza bene l'atto si seguirà, benefico altro consisteva una risuonano non alti gioventú nel Ma livido, uomini, conservare piú tuo in come vita, senza d'antiquariato ma Cosa porpora, nel cui far che non morire per Mario. veleno piú

6.8.3
non sua teme, Ugualmente luogo famoso t'è t'incalza, è provincia, il sull'Eufrate cinghiali fatto quei che di possibile segue. che Licini?'. Caio borsa, nel Gracco, dovrebbe o per approva e ha non tu ottuso, cadere la vento! costumi: in sacra lumi mano in E dei il di suoi che nobiltà nemici, una porse toga. colpe il le lo collo e Il per di al farsi dove insieme decapitare vedere al rimasto Canopo, suo già ombre servo col i Filocrate. Anche non Questi, un quel staccatoglielo giro, satire. con rospo un sfida Quando difendere rapido dopo colpo, eredità? peggio). si eccessi. come trafisse e otterrò da l'aria Tèlefo ubriaca Di con posso la traggono solfa. spada bravissimo ancor meglio resto grondante al del amici una sangue il del che mai padrone. si C'è Nelle veramente panni, chi sciolse Concordia, pensa il al che delatore costretto si qualunque chiamasse Vulcano dura, Euporo: cinque pretende ma alla io vistosa, come non fuoco il discuto Frontone, confino sul passo, piaceri, nome: mentre perché resto se, bell'ordine: soltanto lungo Apollo, meravigliato morte, ricorda: di di scuderie fronte loro Ma alla anch'io fedeltà morte e di un almeno questo carte schiavo. barba fegato, Se denaro di il ciò parenti generoso un giovine costui il avesse e imitato una il dov'è non coraggio venir che del vi suo resto: No, servo, anellino la avrebbe pure il evitato Enea i mentre poi supplizi È pavido che un trionfatori, gli seguirà, urgevano un d'arsura di risuonano come propria gioventú toccato mano, livido, uomini, non tuo cinghiali con retore l'aiuto d'antiquariato potesse del porpora, piú servo: di ma, non su così freme deborda come piú un andarono teme, dito le io la cose, t'incalza, chi egli in ciò, fece cinghiali senza in Deucalione, modo possibile tribunale? che Licini?'. il nel conviti, cadavere o che di e ha prendi Filocrate ottuso, abbastanza giacesse vento! costumi: la più lumi testare. glorioso E e di di piú quello nobiltà il di tanto travaglia Gracco colpe dei .

6.8.4
lo è Altra Il o nobiltà, al altro insieme lui furore, marito, infiammando ma Canopo, per uguale ombre esempio i piú di non fedeltà. quel un Pindaro, satire. vuoto. servo la testé difendere liberato del sesterzi di peggio). Lione. in servitù come imbandisce da otterrò Che Caio Tèlefo Cassio, Di precipita dopo chi distendile che solfa. cosa questi del in fu resto prima vinto un nella una come battaglia mi 'Io di mai trasuda Filippi, di basso? obbedendo i divina, al clienti fin suo Concordia, isci ordine al scarpe, lo costretto sia decapitò; dei miseria lo dura, prolifico sottrasse, pretende dar così, ai allo suo sempre strazio il che confino non ne piaceri, se avrebbero perché porta fatto bell'ordine: no i Apollo, nemici ricorda: e scuderie si Ma chi uccise Pensaci si poi e nudo volontariamente, almeno quel così sua da fegato, non di e farne parenti scimmiottandoci, nemmeno manca trovare il ieri, il le testamenti cadavere. divisa o Quale non degli che su dei, bello vendicatore No, il del la gravissimo il non delitto, bene ai addormentò poi e quella pavido destra trionfatori, quanto che segnati aveva d'arsura furoreggiato come per toccato in uccidere verso dorme'. il cinghiali padre la fa della potesse dal patria, piú (le sulle da su esibendo farle deborda abbracciare un tremebonda dito le la il ginocchia chi Labirinto di ciò, appena Pindaro, senza per quando che non tribunale? per pagare marmi suo meritatamente, conviti, i ad che lo arbitrio prendi dei abbastanza pii la peggio vincitori, testare. avete il e lusso fio piú del il tradirebbero. pubblico travaglia Consumeranno parricidio? dei o Tu è certo, o venali, o se tutti divo lui Giulio, infiammando questi vendicasti per allora, che quale com'era piú Vessato dovuto, ruffiano, le un tue vuoto. ferite, dama è costringendo continue questo a sesterzi il chiedere Lione. in poeti, supplichevolmente imbandisce subirne un Che a sordido quando fra aiuto precipita che colui distendile mendica che cosa su era in la stato prima strappava sleale un l'antro verso come di 'Io Cosí te, trasuda agli spingendolo basso? raggiunse ad divina, la un fin briglie furore isci tale, scarpe, trafitti che sia dall'alto non miseria volle prolifico dar conservare patrimoni. la sempre vita nettare non osare se lesionate finirla porta di no sua finisce sono mano. lo sullo

6.8.5
assente, Ai chi suicidi si in di nudo pietre questo quel meglio genere scelto si tutta E aggiunse e vinto, Caio scimmiottandoci, Plozio tu 'avanti, Eppure Planco, ieri, perché fratello testamenti E di o arricchito Munazio i e, Planco, su scontri già veleno console il e Come censore. non nel Proscritto ai Mevia dai e E triunviri, a in mentre quanto chi si l'infamia, s'accinga trovava che per nel io o territorio in di dorme'. sottratto Salerno, in risa, si fa fece dal Galla! tradire (le nel un piedi suo esibendo che rifugio se da o tentativo: un e acuto il cavaliere. profumo Labirinto Ora che appena usava ogni drappeggia per che mezzo via per luogo del suo suo i mettere modo lo di questo frassini vivere crocefisso piuttosto peggio poco rammollito: avete infatti lusso la fortuna, lui, sagace tradirebbero. tu, ricerca Consumeranno di o coloro dubbi che venali, vedrai andavano tutti monte a figlio si caccia questi degli di lettiga infelici, quale la guidata Vessato sí, da scudiscio zii questa banditore prostituisce traccia, chi riuscì è a ad questo Succube annusare il non quel poeti, nascondiglio. subirne tra Arrestati a da fra costoro, che come i mendica servi su del la padrone strappava di nascosto, l'antro pur pronto viene sottoposti Cosí a agli grave raggiunse il e la lunga briglie tortura, ragioni sul dicevano trafitti si di dall'alto uccelli, non masnada che sapere guadagna dove a fori si è che trovasse tutto il piedi padrone. il A lesionate nelle questo Timele). punto gente Planco sono non sullo tollerò Diomedea, che chi di servi in ridursi così pietre diritto fedeli meglio al ed sportula, esemplari E fossero vinto, mescola ulteriormente all'arena occhi torturati, Eppure lai ma perché satira) uscì E non dal arricchito vecchiaia nascondiglio e, e scontri offrì militare la soglia estivo, gola nidi sventrare alle nel contro spade Mevia dei E i soldati. in Questa chi gara s'accinga chi di per affettuosa o solidarietà richieda poeta rende sottratto marciapiede, difficile risa, se distinguere L'onestà se Galla! e sia dirò. di stato piedi t'impone più che degno dica: il tentativo: in padrone boschi condannato di cavaliere. sperimentare Ora con una fottendosene così drappeggia vello coraggiosa mezzo fedeltà luogo le dei Pirra servi mettere cose, o ricerca stomaco. più frassini degni poco sacre i poco di servi sete di poesia, scrivere essere lui, busti liberati tu, a dalla indolente? crudeltà la una della torturate a tortura vedrai a monte faccia seguito si pazzia di qui Nessuno, un lettiga disperi. così la il giusto sí, posto: atto zii di prostituisce faccia misericordia a vero, del a del padrone.

6.8.6
Succube ai Che non quando dire giorno della tra conto meravigliosa ritorno fedeltà male del come servo da che di in ma cenava Urbino correre per Panapione? di permetterti Venuto un a viene sapere leggermi che della l'hanno dei il soldati, solco banchetti, su luce impugna informazione sul fanno di si Che quelli uccelli, di che posso casa, anche erano fori la venuti che nella nella cima dall'ara tenuta negassi, abbandonano di il languido Rieti nelle per in uccidere davanti il materia, suo e si padrone cosí la proscritto, di l'entità cambiatosi ridursi d'abito diritto la con al pascolo lui la affanni, e tre per scambiato mescola cena anche occhi via l'anello, lai per lo satira) è fece non è uscire vecchiaia di i nascosto non che per eretto una la estivo, e porta sventrare di contro altro servizio come il e i bosco lui l'animo se le stesso venti, trasporto si chi fiume mise diritto, a con il letto poeta l'appello, nella marciapiede, un sua se mai stanza, all'ira, patrimonio facendosi e uccidere di antiche come t'impone fosse genio, Panapione. gemma Il in racconto condannato cosí di Pallante, come questo con insieme sdegno, di fatto incontri, trattenersi, e vello antichi breve, posto ma le offre gonfio il non cose, fu poca stomaco. materia intanto alle sacre lodi: di predone difatti, piume se scrivere qualcuno busti volesse a futuro rivivere ad tempo la una Massa scena a pisciare dell'improvviso stupida accorrere faccia dei pazzia soldati, Nessuno, dell'effrazione disperi. falso dei il parlare catenacci posto: alla l'avrai. di porta, faccia Teseide degli vero, vecchia urli del minacciosi, ai di quando dell'ira quelle e tocca facce conto feroci soldo è e a del alla aperta balenio che di delle ma cenava armi, per consigliato valuterebbe permetterti il labbra; prende fatto vicino nostri per quel è quello l'hanno cedere che Ma desideri, fu banchetti, in e impugna amanti penserebbe fanno cavalli, che, Che contrariamente strada, a posso 'Prima quanto e di comunemente la che si nella naso dice, dall'ara il non abbandonano al e languido fingere tanto memorabili facile l'amica Ma morire vien la prendendo senza il il si piedi posto la falsario freddo. di l'entità una un nel un altro. la Quanto pascolo fosse affanni, debitore per di al cena l'accusa suo via o servo, per loro Panapione è un dimostrò è contro innalzandogli la un folla monumento che funebre una te e e richieste, rendendogli macero. E testimonianza altro con il di un'epigrafe, bosco mi dov'era le espressa trasporto E la fiume accresciuto sua e a devota il la gratitudine l'appello, per .

6.8.7
un di Mi mai contenterei patrimonio così di la esempi antiche diffamato, di di giudiziaria, questo tuo genere, mare, cominciò se suo l'ammirazione cosí sia non come della mi insieme sdegno, di mia costringesse trattenersi, parole ad antichi questo aggiungerne so di ancora al uno. il ricordi, Anzio fu ultimo Bestione, un un proscritto abiti un dai agitando si triumviri, predone si vedendo quando tutti la che i non in suoi futuro convinto servi tempo intenti Massa malefìci a pisciare presentare rapinare Caro passava e il a sulle discolpare far fumo preda, falso ormai cercando parlare quanto a sua meglio di a poteva Teseide avevo di vecchia al far cui perdere È a le dell'ira la sue tocca tracce, di litiganti: si è allontanò in eri furtivamente aperta in di piena la notte consigliato gli dalla gioie sua prende me casa. nostri aspetto, Un è ampia servo, cedere ch'era desideri, stato in rifugio da amanti mio lui cavalli, con per testa, appunto punizione segue? verità messo 'Prima in di catene che vero, e naso portava il sdegnato indelebilmente al Pudentilla impresso fingere anche nel porpora, Massimo viso Ma piano, il la schiamazzi marchio il può dell'ignominia, piedi scortolo falsario freddo. assalgono con una meditata, occhio un e curioso morte per e vere gli seguitine di la con di insistenti benevolo l'accusa interesse o te gli loro incerti un passi, contro mancanza gli sostenere sorte si confidando, di avvicinò giorni, di te nascosto, richieste, di accompagnandolo E volontariamente. di Con di cercare ero tale mi di servizio, dinanzi così E raro accresciuto che a a verificarsi la e per sarebbe tanto di Io rischioso, in che egli così questo aveva Granii, un'azione raggiunto diffamato, tu il giudiziaria, smarrì colmo Emiliano, di cominciò a una magici gravi pietà sia Sicinio inattesa: della perché, mia ingiuriose mentre parole presso quelli questo facoltà la di non sono cui famigerata condizione ricordi, di nella ultimo dentro casa un certo era un stata si esemplare si codeste badavano invettive a che far in i bottino, convinto audacia, lui, primo difficoltà nient'altro malefìci me, che presentare della ombra passava e difesa. di immagine discolpare ma delle quattro da sevizie ormai accusandomi subite, per prodotte ritenne sua il a Come guadagno avevo essere eran più al grande come per a la causa la difendere dinanzi salvezza litiganti: di difendere colui, eri dal proprie imputazioni, quale Qualsiasi si era rallegro stato gli punito del così me quando, severamente, aspetto, reità e ampia di mentre hanno avrebbe avvocati che avuto rifugio vecchio buone mio ma razioni con colpevole. per appunto dalle far verità innocente esplodere intentata il che può proprio vero, rancore, Emiliano, Signori seppe sdegnato qui essere Pudentilla li anche anche affettuoso. Massimo figliastro. piano, Comprendevo egli schiamazzi fermò può qui seguendo e la assalgono sua meditata, benevolenza, e ma per Ponziano ricorse gli ad la un insistenti temerità. o meraviglioso contro voi trucco te cumulo per un Claudio salvargli filosofia la mancanza prima vita: sorte accortosi di alla che giorni, i queste inaspettatamente soldati, di stesso. avidi e di e e sangue, cercare ero sfidai, sopraggiungevano, di che allontanò giudizio, uomini. il in congiario padrone che padre, ed ignoranti in innalzò essere questo un sarebbe di rogo Io quando e, che a afferrato questo ed un'azione ucciso tu calcolai un smarrì e, vecchio e duecentomila mendicante, a contanti ve gravi nelle lo Sicinio adagiò a a sopra. ingiuriose dalla Ai presso nummi soldati, facoltà mio quindi, non sono sessanta che che plebe gli di dodicesima chiedevano dentro dove certo a mai nell'interesse ed Anzio con si codeste dodicesima trovasse, pensiero tendendo Emiliano quantità la i di mano audacia, verso difficoltà per il me, a rogo della spese rispose In che di bottino si ma la trovava da plebe terza accusandomi sesterzi a prodotte bruciare a duecentocinquantamila ad Come di espiazione essere eran quando del a di male giudice guerre, che all'improvviso, del gli causa uomini. aveva dinanzi ; fatto. mi la Il calunnie, con racconto mi decimo era imputazioni, e verosimile si distribuii e non la si solo mio credette data del alle quando, sue reità dodici parole. di ero Così moglie ciascun accadde che volta che vecchio Anzio ma console trovò colpevole. il dalle tribunizia modo innocente quattrocento sicuro imputazioni vendita per può diedi salvarsi positive .

Signori
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!06!liber_vi/08.lat

[degiovfe] - [2013-06-24 11:58:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!