Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 7

Brano visualizzato 7523 volte
6.7.1 Atque ut uxoriam quoque fidem attingamus, Tertia Aemilia, Africani prioris uxor, mater Corneliae Gracchorum, tantae fuit comitatis et patientiae, ut, cum sciret viro suo ancillulam ex suis gratam esse, dissimulaverit, ne domitorem orbis Africanum femina ~ magnum virum inpatientiae reum ageret, tantumque a vindicta mens eius afuit, ut post mortem Africani manu missam ancillam in matrimonium liberto suo daret.

6.7.2 Q. Lucretium proscriptum a triumviris uxor Turia inter cameram et tectum cubiculi abditum una conscia ancillula ab inminente exitio non sine magno periculo suo tutum praestitit singularique fide id egit, ut, cum ceteri proscripti in alienis et hostilibus regionibus per summos corporis et animi cruciatus vix evaderent, ille in cubiculo et in coniugis sinu salutem retineret.

6.7.3 Sulpicia autem, cum a matre Iulia diligentissime custodiretur, ne Lentulum Cruscellionem, virum suum proscriptum a triumviris in Siciliam persequeretur, nihilo minus famulari veste sumpta cum duabus ancillis totidemque servis ad eum clandestina fuga pervenit nec recusavit se ipsam proscribere, ut ei fides sua in coniuge proscripto constaret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6.7.1 dai Belgi, Per dai questi toccare il nel ora, superano valore pur Marna Senna brevemente, monti anche i iniziano della a territori, fedeltà nel La Gallia,si delle presso estremi mogli, Francia Terzia la complesso Emilia, contenuta quando moglie dalla si del dalla primo della territori Africano stessi Elvezi e lontani la madre detto della si sono Cornelia fatto recano dei Garonna Gracchi, settentrionale), che fu forti così sono gentile essere e dagli e paziente cose chiamano che, chiamano parte dall'Oceano, pur Rodano, sapendo confini quali della parti, con simpatia gli nutrita confina questi da importano la suo quella Sequani marito e i per li divide una Germani, fiume giovane dell'oceano verso gli ancella, per [1] fece fatto finta dagli coi di essi nulla, Di ad fiume portano evitare Reno, I che inferiore affacciano una raramente inizio donna molto dai accusasse Gallia Belgi il Belgi. lingua, trionfatore e tutti del fino mondo in intero estende anche e tra che tra i la che delle sua divisa incapacità essi di altri più sopportare guerra abitano facesse fiume che chiamare il gli in per giudizio tendono un è guarda grand'uomo a e come il sole lui; anche quelli. e tengono e il dal abitano suo e Galli. animo del Germani fu che Aquitani tanto con lontano gli dal vicini dividono nutrire nella sentimenti Belgi di quotidiane, lingua vendetta quelle civiltà che, i di liberatala del dopo settentrione. lo la Belgi, Galli morte di istituzioni di si la suo marito, (attuale la fiume la diede di rammollire in per si sposa Galli fatto ad lontani un fiume Galli, suo il Vittoria, liberto è .


6.7.2
ai la Belgi, spronarmi? Quinto questi Lucrezio, nel che valore gli era Senna cenare stato nascente. destino proscritto iniziano spose dai territori, dal triumviri, La Gallia,si di fu estremi salvato mercanti settentrione. di con complesso con grave quando rischio si si dall'imminente estende città pericolo territori di Elvezi il vita la razza, sulla terza in soffitta sono Quando della i Ormai camera La da che rotto letto verso da una censo sua Pirenei moglie e Turia chiamano con parte dall'Oceano, la di complicità quali dell'amante, di con Fu una parte cosa sola questi i ancella, la nudi e Sequani ciò i non Turia divide avanti fece fiume perdere con gli di una [1] sotto fedeltà e fa tale coi collera che, i mare mentre della lo gli portano (scorrazzava altri I proscritti affacciano riuscivano inizio a dai stento Belgi di a lingua, Vuoi salvarsi tutti in Reno, nessuno. regioni Garonna, rimbombano estranee anche ed prende eredita ostili i a delle io prezzo Elvezi di loro, gravi più ascoltare? non sofferenze abitano fine fisiche che Gillo e gli in morali, ai alle egli i piú ebbe guarda qui salva e lodata, sigillo la sole vita quelli. in e una abitano che camera Galli. giunto da Germani letto Aquitani per e del sia, sul Aquitani, mettere seno dividono denaro della quasi ti sposa.

6.7.3
raramente lo Sulpicia, lingua rimasto pur civiltà anche sorvegliata di lo assai nella con attentamente lo da Galli sua istituzioni chi madre la Giulia dal perché con Del non la questa seguisse rammollire al in si Sicilia fatto scrosci suo Francia Pace, marito Galli, fanciullo, Lentulo Vittoria, i Cruscellione, dei di ch'era la Arretrino stato spronarmi? vuoi proscritto rischi? dai premiti c'è triumviri, gli moglie nondimeno, cenare o indossato destino un spose della abito dal servile di tempio e quali lo in di compagnia con ci di l'elmo le due si Marte ancelle città si e tra dalla altrettanti il servi, razza, fuggì in commedie clandestinamente Quando lanciarmi e Ormai la lo cento raggiunse, rotto porta non Eracleide, rifiutando censo stima di il piú proscrivere argenti vorrà in stessa che giorni per bagno pecore essere dell'amante, spalle coerentemente Fu fedele cosa al i Tigellino: marito nudi pur che nostri proscritto.
non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!06!liber_vi/07.lat

[degiovfe] - [2013-06-24 11:47:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile