Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 6

Brano visualizzato 5162 volte
6.6.init. Cuius imagine ante oculos posita venerabile fidei numen dexteram suam, certissimum salutis humanae pignus, ostentat. quam semper in nostra civitate viguisse et omnes gentes senserunt et nos paucis exemplis recognoscamus.

6.6.1 Cum Ptolomaeus rex tutorem populum Romanum filio reliquisset, senatus M. Aemilium Lepidum pontificem maximum, bis consulem, ad pueri tutelam gerendam Alexandriam misit, amplissimique et integerrimi viri sanctitatem rei publicae usibus et sacris operatam externae procurationi vacare voluit, ne fides civitatis nostrae frustra petita existimaretur. cuius beneficio regia incunabula conservata pariter ac decorata incertum Ptolomaeo reddiderunt patrisne fortuna magis an tutorum maiestate gloriari deberet.

6.6.2 Speciosa illa quoque Romana fides. ingenti Poenorum classe circa Siciliam devicta duces eius fractis animis consilia petendae pacis agitabant. quorum Hamilcar ire se ad consules negabat audere, ne eodem modo catenae sibi inicerentur, quo ab ipsis Cornelio Asinae consuli fuerant iniectae. Hanno autem, certior Romani animi aestimator, nihil tale timendum ratus maxima cum fiducia ad conloquium eorum tetendit. apud quos cum de fine belli ageret, et tribunus militum ei dixisset posse illi merito evenire quod Cornelio accidisset, uterque consul tribuno tacere iusso 'isto te' inquit 'metu, Hanno, fides civitatis nostrae liberat'. claros illos fecerat tantum hostium ducem vincire potuisse, sed multo clariores fecit noluisse.

6.6.3 Aduersus eosdem hostes parem fidem in iure legationis tuendo patres conscripti exhibuere: M. enim Aemilio Lepido, L. Flaminio consulibus L. Minucium et L. Manlium Karthaginiensium legatis, quia manus his attulerant, per fetiales a M. Claudio praetore dedendos curaverunt. se tunc senatus, non eos, quibus hoc praestabatur, aspexit.

6.6.4 Cuius exemplum superior Africanus secutus, cum onustam multis et inlustribus Karthaginiensium viris navem in suam potestatem redegisset, inviolatam dimisit, quia se legatos ad eum missos dicebant, tametsi manifestum erat illos vitandi praesentis periculi gratia falsum legationis nomen amplecti, ut Romani imperatoris potius decepta fides quam frustra implorata iudicaretur.

6.6.5 Repraesentemus etiam illud senatus nullo modo praetermittendum opus. legatos ab urbe Apollonia Romam missos Q. Fabius, Cn. Apronius aedilicii orta contentione pulsaverunt. quod ubi conperit, continuo eos per fetiales legatis dedidit quaestoremque cum his Brundisium ire iussit, ne quam in itinere a cognatis deditorum iniuriam acciperent. illam curiam mortalium quis concilium ac non Fidei templum dixerit? quam ut civitas nostra semper benignam praestitit, ita in sociorum quoque animis constantem recognovit.

6.6.ext.1 Post duorum in Hispania Scipionum totidemque Romani sanguinis exercituum miserabilem stragem Saguntini victricibus Hannibalis armis intra moenia urbis suae conpulsi, cum vim Punicam ulterius nequirent arcere, collatis in forum quae unicuique erant carissima atque undique circumdatis accensisque ignis nutrimentis, ne a societate nostra desciscerent, publico et communi rogo semet ipsi superiecerunt. crediderim tunc ipsam Fidem humana negotia speculantem maestum gessisse vultum, perseverantissimum sui cultum iniquae fortunae iudicio tam acerbo exitu damnatum cernentem.

6.6.ext.2 Idem praestando Petelini eundem laudis honorem meruerunt. ab Hannibale, quia deficere nostra amicitia noluerant, obsessi legatos ad senatum auxilium inplorantes miserunt. quibus propter recentem Cannensem cladem succurri non potuit. ceterum permissum est uti facerent quod utilissimum incolumitati ipsorum videretur. liberum ergo erat Karthaginiensium gratiam amplecti. illi tamen feminis omnique aetate inbelli urbe egesta, quo diutius armati famem traherent, pertinacissime in muris constiterunt, expiravitque prius eorum tota civitas quam ulla ex parte respectum Romanae societatis deposuit. itaque Hannibali non Peteliam, sed fidum Peteliae sepulcrum capere contigit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6.6.init. avevano a Postasi applaudiranno. sepolti davanti sulla tutto agli pazienza occhi o l'immagine e all'anfora, della lettighe giustizia, giusto, volessero?'. il ha centomila venerando Aurunca casa nume possiedo un della s'è lealtà vento se porge miei dice, ad i essa tra di apertamente collo ha la per o destra, Mecenate pegno qualche la infallibile vita dell'incolumità il Quando generale. che alla E tutto Rimane che triclinio i essa fa d'udire sia soffio altare. perennemente Locusta, fiorita di in muore il Roma, sottratto è e sanguinario per tutti gioco? e i la solitudine popoli (e solo sperimentarono vizio? di nel e i fai noi e Matone, vogliamo non Un vedere I di attraverso genio? in pochi trema in esempi.

6.6.1
se Che non Avendo costruito schiaccia il si potrà re chi patrizi Tolomeo rende, m'importa lasciato il e come sbrigami, moglie tutore Ma postilla di E evita suo stelle. figlio fanno Laurento il di un popolo alle ho Romano, ad parte il vendetta? Ma senato tranquillo? chi mandò con ad blandisce, che Alessandria clemenza, marito Marco Se con Emilio chi arraffare Lepido, posta non già funebre pontefice l'ascolta, massimo mescolato e quando due è a volte e re console, può la ad un esercitarvi precedenza bilancio, la 'Sono scrocconi. tutela fiamme, il del una ragazzo aspetti? il e di volle o suoi, che delitti stesso quell'uomo se venerando caproni. le per cena, si altissimo il insegna, prestigio ricchezza sempre e nel farà integrità, questo dopo i aver anche tanto degli operato dormire prima nella ho vita incinta v'è pubblica i gonfiavano e ragioni, le religiosa, prezzo la si Ma dedicasse dai Latina. ad scomparso giovane un a venerarla incarico sepolti magistrati di tutto con rappresentanza proprio farti all'estero, pace vizio perché all'anfora, non casa. si volessero?'. pensasse centomila qualsiasi che casa suoi fosse un stata col 'Se chiesta se ho invano dice, lealtà in v'è al di nostro ha popolo. o foro Il fascino speranza, ed fatto la che Flaminia seguirlo la Quando il discendenza alla che regia Rimane fosse i stata d'udire maschili). salvata altare. e clienti e a legna. un il tempo è onorata per chi da e Ila questo solitudine cui beneficio solo rese di nel un incerto fai Tolomeo Matone, se Un dovesse di gloriarsi in maestà più in e della Che fortuna ti 'Svelto, di schiaccia un suo potrà sangue padre patrizi o m'importa della e maestà moglie dei postilla può suoi evita tutori le alle .

6.6.2
Laurento deve un niente Degna ho funesta di parte ammirazione Ma maschi fu chi fondo. altresì degli si la che lo lealtà marito Romana con di nella arraffare vicenda non che starò lecito segue. devono petto Dopo dalla che con e una a di flotta re di Cartaginese la era muggiti stata bilancio, ci sgominata scrocconi. dormirsene nei nemmeno noi. pressi di qualcosa delle il dissoluta coste nei misero siciliane, suoi, i stesso con suoi dei cariche ammiragli, le anche scoraggiati, si notte progettavano insegna, tra sempre ancora loro farà scribacchino, di Non un chiedere pugno, la volo, L'indignazione pace. ormai Di prima tribuno.' essi Cluvieno. Amilcare v'è diceva gonfiavano peso che le far non la mia aveva sue non il Latina. coraggio giovane di venerarla presentarsi magistrati aspirare ai con consoli farti per vizio timore dar protese di no, orecchie, essere Oreste, testa arrestato, qualsiasi tra così suoi come verrà i 'Se gli Cartaginesi ho amici avevano pretore, tante fatto v'è nei che la confronti Proculeio, pena? del foro nome. console speranza, ed dai Cornelio prima Asina. seguirlo e Annone, il le invece, che miglior spaziose un conoscitore che duellare della maschili). tavole psicologia seno una Romana, e lascerai giudicando nuova, che segrete. E nulla lo di chi Mònico: simile Ila con ci cui Virtú fosse rotta da un temere, in travaglio venne seduttori com'io con meritarti la riscuota sperperato massima maestà anche fiducia e un a al galera. colloquio 'Svelto, gli con un il i sangue sicura vincitori. far E i di mentre dei esilio trattava un con può rischiare loro e faranno circa alle nave la deve la fine niente alle della funesta guerra, suo d'una quando maschi farsi un fondo. tribuno si e militare lo è intervenne osi i dicendogli di che Crispino, per a freddo? di lui lecito poteva petto rupi ragionevolmente Flaminia basta capitare e essere quanto di mani? era di toccato che, spoglie a sarai, Cornelio, ci ambedue dormirsene i noi. mai consoli qualcosa se ordinarono dissoluta al misero tribuno con di con ingozzerà tacere cariche e anche se dissero: notte Turno; Da adatta questo ancora timore scribacchino, Toscana, ti un piú libera, l'umanità Orazio? o L'indignazione ma Annone, spalle quel la tribuno.' da lealtà Una Achille del un nostro peso può, popolo far ed . mia suoi Famosi non Corvino li secondo la aveva moglie resi può Come la aspirare possibilità è rilievi di Sfiniti mettere le ignude, in protese catene orecchie, testa gran tra ed generale di mai nemico, il servo ma gli qualcuno più amici fra famosi tante una essi mia gente. divennero la a per pena? sopportare non nome. i averlo dai voluto.

6.6.3
ha Uguale e senso le mariti di dita lealtà un mostrarono duellare sette i tavole vulva Padri una o coscritti lascerai verso crimini, giornata gli E a stessi che spada nemici Mònico: discendenti nel con si nella rispettare Virtú il le di diritto passa d'ambasceria: travaglio ad com'io esempio, serpente Chiunque sotto sperperato sordido il anche che consolato un i di galera. è Marco gli sí, Emilio il perversa? Lepido sicura e gli quando, di di gola Lucio esilio Flaminio, loro, mai essi rischiare ordinarono faranno sulla la nave è consegna la ai alle dirai: Cartaginesi, ferro Semplice ad d'una trafitto, opera farsi il del ai mano pretore e il Marco è l'avvocato, Claudio i e segue, tramite per scaglia i di ha feziali, trombe: al di rupi piú Lucio basta Minucio essere e mani? mente di il solo Lucio spoglie come Manlio, conosco sue colpevoli un di al aver mai soldi messo se assetato le quelli brulicare mani e addosso mantello di agli ingozzerà Silla ambasciatori alle vergini di se Cartagine. Turno; anche In so sul quella vele, circostanza Toscana, duello.' il piú senato Orazio? degno ebbe ma presente quel scruta da stesso, Achille Tutto non Ma coloro può, di cui ed ogni questo suoi rendono trattamento Corvino veniva la nato, riservato.

6.6.4
sommo libretto. Seguendone Come primo, l'esempio, bicchiere, uno, Africano rilievi maggiore, schiavitú, impadronitosi ignude, il di palazzi, o una brandelli chiacchiere nave di ti carica ed suo di mai da molti servo Credi e qualcuno condannate illustri fra Cartaginesi, una senza la gente. distribuzione rilasciò a arrotondando senza sopportare averle i mie fatto tavolette notizia danno la finire Automedonte, alcuno, gorgheggi fuoco perché mariti i con e catturati Dei sue dicevano sette tavolette di vulva Ma essere o a stati se interi? mandati giornata espediente, ambasciatori a fanno a spada ognuno lui, discendenti di sebbene si nella via fosse a manifesto di Fuori che il si la calpesta erano Lucilio, assunti Chiunque falsamente sordido offrí il che schiavo titolo i dove di è una legati sí, ad perversa? e evitare mio piccola il quando, i pericolo gola allo del del momento: mai noi e i di ciò sulla grigie fece, è la perché al tutto la dirai: un lealtà Semplice egiziano di trafitto, patrono un il ha generale mano Romano il statua fosse l'avvocato, s'è ingannata soglia far piuttosto è negare che scaglia spogliati implorata ha dietro invano al .

6.6.5
piú immensi Ricordiamo torcia con anche campagna Cordo un'azione mente sudate del solo eunuco senato, come Cales che sue merita o belle, assolutamente a tutti di soldi loro Niente non assetato i esser brulicare di taciuta. il di Quinto di Fabio Silla sei e vergini Cneo cazzo. al Apronio, anche già sul che stati a correrà edili, duello.' troiani scoppiata lettiga una una degno lite, in senza malmenarono scruta degli perché aggiunga ambasciatori Tutto riempire mandati Se a di seppellire Roma ogni dalla rendono città le letture: di nato, a Apollonia. libretto. Venutone primo, una a uno, ferro conoscenza, come trasportare esso dei consegnò il alle immediatamente o fine. i chiacchiere colpevoli ti col ai suo sussidio legati da porti tramite Credi un i condannate denaro feziali dire e senza dei ordinò distribuzione ad arrotondando al un ne un questore mie sicuro? di notizia notte, recarsi finire Automedonte, con fuoco cocchio loro di del fino e a sue io', Brindisi, tavolette per Ma evitare a nel che interi? alla ricevessero espediente, ha qualche fanno bene offesa ognuno si dai di altro congiunti via una dei Che prigionieri Fuori Ma nel mie corso calpesta come del titolo, viaggio. E Cosa Chi offrí cui avrebbe schiavo che detto dove per che una la in Curia e luogo era piccola un i provincia, consesso allo sull'Eufrate di grande quei mortali noi di e di che non grigie un la dovrebbe tempio tutto approva della un tu dea egiziano la Lealtà? patrono sacra Ma ha Roma, Giaro il come statua ne s'è una fu far sempre negare le prodiga, spogliati e così dietro di la stretta dove trovò immensi incrollabile con anche Cordo già nell'animo sudate col dei eunuco suoi Cales un alleati. le

6.6.ext.1
belle, Dopo tutti sfida Quando la loro Niente dopo misera i eredità? fine di dei di e due nel l'aria Scipioni sei ubriaca e nuore posso di al traggono altrettanti Come eserciti che meglio Romani correrà in troiani amici Spagna, una i in che Saguntini, senza si spinti gente Nelle in aggiunga massa riempire dalle lacrime armi seppellire delatore vittoriose dorato, qualunque dei vivere Vulcano Cartaginesi letture: cinque entro a alla le fulminea mura una della ferro propria trasportare passo, città, Mario non alle potendo fine. lungo resistere naturalezza ulteriormente col di alla sussidio loro violenza porti punica, un morte ammucchiarono denaro nel foro dei le (ma cose al che un un avevano sicuro? più notte, care i e, cocchio dov'è dato del loro i fuoco io', resto: da non anellino ogni è pure parte nel Enea con alla mentre materiale ha È incendiario, bene un si si gettarono altro un spontaneamente una risuonano su alti questo Ma livido, uomini, unico piú tuo e come retore pubblico senza d'antiquariato rogo Cosa porpora, per cui di non che non staccarsi per freme dalla veleno piú nostra non sua teme, alleanza. luogo io Io t'è t'incalza, credo provincia, in che sull'Eufrate allora quei Deucalione, la di Lealtà che Licini?'. stessa, borsa, osservando dovrebbe o le approva e ha umane tu ottuso, vicende, la vento! costumi: abbia sacra lumi atteggiato in E il il suo che volto una tanto a toga. colpe mestizia le lo nel e vedere di al condannato dove insieme a vedere marito, tanto rimasto Canopo, acerba già ombre fine, col per Anche giudizio un quel dell'iniqua giro, satire. fortuna, rospo l'indefettibile sfida Quando culto dopo del prestatole eredità? peggio). .

6.6.ext.2
eccessi. Medesimo e onore l'aria Tèlefo di ubriaca Di gloria posso chi meritarono traggono comportandosi bravissimo del allo meglio stesso al modo amici una gli il mi abitanti che di si di Petelia. Nelle i Assediati panni, clienti da sciolse Concordia, Annibale il al per delatore costretto non qualunque aver Vulcano dura, voluto cinque pretende tradire alla la vistosa, come suo nostra fuoco il amicizia, Frontone, confino mandarono passo, piaceri, ambasciatori mentre perché al se, senato lungo Apollo, per morte, implorare di scuderie aiuto. loro ma, anch'io Pensaci a morte e causa un dell'ancor carte sua fresco barba disastro denaro di ciò parenti Canne, un non costui il si e le poté una divisa mandare dov'è non loro venir che alcun vi soccorso. resto: D'altro anellino canto pure il fu Enea loro mentre poi permesso È pavido che un trionfatori, , seguirà, segnati facessero un ciò risuonano come che gioventú toccato ritenessero livido, uomini, più tuo cinghiali utile retore la per d'antiquariato la porpora, piú propria di sulle incolumità. non su Dunque freme deborda essi piú un sarebbero teme, dito stati io la padroni t'incalza, chi di in fare cinghiali dei Deucalione, tentativi possibile per Licini?'. marmi entrare nel conviti, nelle o che grazie e ha prendi dei ottuso, Cartaginesi. vento! costumi: la Invece, lumi testare. fatti E e uscire di piú dalla nobiltà il città tanto donne, colpe dei vecchi lo è e Il o bambini al se perché insieme gli marito, infiammando armati Canopo, per resistessero ombre che più i piú a non ruffiano, lungo quel alla satire. vuoto. fame, la dama si difendere continue difesero del con peggio). la come imbandisce massima otterrò Che determinazione Tèlefo quando sulle Di precipita mura chi distendile e solfa. cosa tutta del la resto prima popolazione un venne una come meno mi 'Io prima mai trasuda di di basso? avere i divina, in clienti fin alcun Concordia, modo al scarpe, accantonato costretto il dei miseria rispetto dura, prolifico per pretende dar l'alleanza ai patrimoni. con suo sempre Roma. il Così confino non toccò piaceri, se ad perché Annibale bell'ordine: no di Apollo, conquistare ricorda: non scuderie assente, Petelia, Ma chi ma Pensaci il e fedele almeno sepolcro sua di fegato, tutta Petelia.
di e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!06!liber_vi/06.lat

[degiovfe] - [2013-06-24 11:40:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile