Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 5

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 5

Brano visualizzato 7075 volte
6.5.init. Tempus est iustitiae quoque sancta penetralia adire, in quibus semper aequi ac probi facti respectus religiosa cum observatione versatur et ubi studium verecundiae, cupiditas rationi cedit nihilque utile, quod parum honestum videri possit, ducitur. eius autem praecipuum et certissimum inter omnes gentes nostra civitas exemplum est.

6.5.1 Camillo consule Falerios circumsedente magister ludi plurimos et nobilissimos inde pueros velut ambulandi gratia eductos in castra Romanorum perduxit. quibus interceptis non erat dubium quin Falisci deposita belli gerendi pertinacia tradituri se nostro imperatori essent. ea re senatus censuit ut pueri vinctum magistrum virgis caedentes in patriam remitterentur. qua iustitia animi eorum sunt capti, quorum moenia expugnari non poterant: namque Falisci beneficio magis quam armis victi portas Romanis aperuerunt.

Eadem civitas aliquotiens rebellando semperque adversis contusa proeliis tandem se Q. Lutatio consuli dedere coacta est. adversum quam saevire cupiens populus Romanus, postquam a Papirio, cuius manu iubente consule verba deditionis scripta erant, doctus est Faliscos non potestati, sed fidei se Romanorum conmisisse, omnem iram placida mente deposuit pariterque et viribus odii, non sane facile vinci adsuetis, et victoriae obsequio, quae promptissime licentiam subministrat, ne iustitiae suae deesset obstitit.

Idem, cum P. Claudius Camerinos ductu atque auspiciis suis captos sub hasta vendidisset, etsi aerarium pecunia, fines agris auctos animadvertebat, tamen, quod parum liquida fide id gestum ab imperatore videbatur, maxima cura conquisitos redemit iisque habitandi gratia locum in Aventino adsignavit et praedia restituit. pecuniam etiam ~ non ad curiam sed sacraria aedificanda sacrificiaque facienda tribuit iustitiaeque promptissimo tenore effecit ut exitio suo laetari possent, quia sic renati erant.

Moenibus nostris et finitimis regionibus quae adhuc retuli * * * , quod sequitur per totum terrarum orbem manavit. Timochares Ambraciensis Fabricio consuli pollicitus est se Pyrrum veneno per filium suum, qui potionibus eius praeerat, necaturum. ea res cum ad senatum esset delata, missis legatis Pyrrum monuit ut adversus huius generis insidias cautius se gereret, memor urbem a filio Martis conditam armis bella, non venenis gerere debere. Timocharis autem nomen suppressit, utroque modo aequitatem amplexus, quia nec hostem malo exemplo tollere neque eum, qui bene mereri paratus fuerat, prodere voluit.

6.5.2 Summa iustitia in quattuor quoque tribunis pl. eodem tempore conspecta est: nam cum L. Atratino, sub quo duce aciem nostram apud Verruginem a Volscis inclinatam cum ceteris equitibus correxerant, diem ad populum L. Hortensius collega eorum dixisset, pro rostris iuraverunt in squalore se esse, quoad imperator ipsorum reus esset, futuros: non sustinuerunt enim egregii iuvenes, cuius armati periculum vulneribus et sanguine suo defenderant, eius togati ultimum discrimen potestatis insignia retinentes intueri. qua iustitia mota contio actione Hortensium desistere coegit.

6.5.3 Nec * * * se eo facto, quod sequitur, exhibuit. Cum Ti. Gracchus et C. Claudius ob nimis severe gestam censuram maiorem partem civitatis exasperassent, diem iis P. Popilius tribunus pl. perduellionis ad populum dixit, praeter communem consternationem privata etiam ira accensus, quia necessarium eius Rutilium ex publico loco parietem demoliri iusserant. quo in iudicio primae classis permultae centuriae Claudium aperte damnabant, de Gracchi absolutione universae consentire videbantur. qui clara voce iuravit, si de collega suo gravius esset iudicatum, in factis se paribus eandem cum illo poenam exilii subiturum, eaque iustitia tota illa tempestas ab utriusque fortunis et capite depulsa est: Claudium enim populus absoluit, Graccho causae dictionem Popilius remisit.

6.5.4 Magnam laudem et illud collegium tribunorum tulit, quod, cum unus ex eo L. Cotta fiducia sacrosanctae potestatis creditoribus suis satis facere nollet, decrevit, si neque solveret pecuniam neque daret cum quo sponsio fieret, se appellantibus eum creditoribus auxilio futurum, inicum ratum maiestatem publicam privatae perfidiae obtentu esse. itaque Cottam in tribunatu quasi in aliquo sacrario latentem tribunicia inde iustitia extraxit.

6.5.5 Cuius ut ad alium aeque inlustrem actum transgrediar, Cn. Domitius tribunus pl. M. Scaurum principem civitatis in iudicium populi devocavit, ut, si fortuna aspirasset, ruina, sin minus, certe ipsa obtrectatione amplissimi viri incrementum claritatis adprehenderet. cuius opprimendi cum summo studio flagraret, servus Scauri noctu ad eum pervenit, instructurum se eius accusationem multis et gravibus domini criminibus promittens. erat in eodem pectore et inimicus et Domitius et dominus, diversa aestimatione nefarium indicium perpendens. iustitia vicit odium: continuo enim et suis auribus obseratis et indicis ore clauso duci eum ad Scaurum iussit. accusatorem etiam reo suo, ne dicam diligendum, certe laudandum! quem populus cum propter alias virtutes tum hoc nomine libentius et consulem et censorem et pontificem maximum fecit.

6.5.6 Nec aliter se L. Crassus in eodem iustitiae experimento gessit. Cn. Carbonis nomen infesto animo utpote inimicissimi sibi detulerat, sed tamen scrinium eius a servo adlatum ad se, conplura continens, quibus facile opprimi posset, ut erat signatum cum servo catenato ad eum remisit. quo pacto igitur inter amicos viguisse tunc iustitiam credimus, cum inter accusatores quoque et reos tantum virium obtinuisse videamus?

6.5.7 Iam L. Sulla non se tam incolumem quam Sulpicium Rufum perditum voluit, tribunicio furore eius sine ullo fine vexatus. ceterum cum eum proscriptum et in villa latentem a servo proditum conperisset, manu missum parricidam, ut fides edicti sui constaret, praecipitari protinus saxo Tarpeio cum illo scelere parto pilleo iussit, victor alioquin insolens, hoc imperio iustissimus.

6.5.ext.1 Verum ne alienigenae iustitiae obliti videamur, Pittacus Mitylenaeus, cuius aut meritis tantum cives debuerunt aut moribus crediderunt, ut ei suis suffragiis tyrannidem deferrent, tam diu illud imperium sustinuit, quam diu bellum de Sigeo cum Atheniensibus gerendum fuit. postquam autem pax victoria parta est, continuo reclamantibus Mitylenaeis deposuit, ne dominus civium ultra quam rei publicae necessitas exegerat permaneret. atque etiam cum recuperati agri dimidia pars consensu omnium offerretur, avertit animum ab eo munere deforme iudicans virtutis gloriam magnitudine praedae minuere.

6.5.ext.2 Alterius nunc mihi prudentia referenda est, ut alterius repraesentari iustitia possit. cum saluberrimo consilio Themistocles migrare Athenienses in classem coegisset Xerxeque rege et copiis eius Graecia pulsis ruinas patriae in pristinum habitum reformaret et opes clandestinis molitionibus ad principatum Graeciae capessendum nutriret, in contione dixit habere se rem deliberatione sua provisam, quam si fortuna ad effectum perduci passa esset, nihil maius aut potentius Atheniensi populo futurum, sed eam vulgari non oportere, postulavitque ut aliquis sibi, cui illam tacite exponeret, daretur. datus est Aristides. is postquam rem cognovit, classem illum Lacedaemoniorum, quae tota apud Gytheum subducta erat, velle incendere, ut ea consumpta dominatio maris ipsis cederet, processit ad cives et retulit Themistoclen ut utile consilium, ita minime iustum animo voluere. e vestigio universa contio quod aecum non videretur ne expedire quidem proclamavit ac protinus Themistoclen incepto iussit desistere.

6.5.ext.3 Nihil illis etiam iustitiae exemplis fortius. Zaleucus urbe Locrensium a se saluberrimis atque utilissimis legibus munita, cum filius eius adulteri crimine damnatus secundum ius ab ipso constitutum utroque oculo carere deberet, ac tota civitas in honorem patris necessitatem poenae adulescentulo remitteret, aliquamdiu repugnavit. ad ultimum populi precibus evictus suo prius, deinde filii oculo eruto usum videndi utrisque reliquit. ita debitum supplicii modum legi reddidit, aequitatis admirabili temperamento se inter misericordem patrem et iustum legislatorem partitus.

6.5.ext.4 Sed aliquanto Charondae Thurii praefractior et abscisior iustitia. ad vim et cruorem usque seditiosas contiones civium pacaverat lege cavendo ut, si quis eas cum ferro intrasset, continuo interficeretur. interiecto deinde tempore e longinquo rure gladio cinctus domum repetens, subito indicta contione sic ut erat in eam processit, ab eoque, qui proxime constiterat, solutae a se legis suae admonitus 'idem' inquit 'ego illam sanciam' ac protinus ferro, quod habebat, destricto incubuit, cumque liceret culpam vel dissimulare vel errore defendere, poenam tamen repraesentare maluit, ne qua fraus iustitiae fieret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6.5.init. luogo le E Pirra gonfio tempo mettere cose, ormai ricerca stomaco. di frassini intanto entrare poco sacre anche poco di nei sete sacri poesia, scrivere penetrali lui, busti della tu, a giustizia, indolente? dove la una la torturate a considerazione vedrai stupida dell'equit monte faccia e si pazzia della qui rettitudine lettiga dimora la sempre sí, posto: in zii una prostituisce con a vero, il a del culto Succube ai religioso non quando e giorno e la tra conto passione ritorno soldo cede male al come alla pudore, da che il in ma cenava piacere correre per alla di ragione un labbra; e viene vicino nulla leggermi quel viene della l'hanno ritenuto il Ma utile, solco banchetti, che luce impugna possa sul fanno sembrar si Che poco uccelli, strada, onesto. che Particolare anche ed fori infallibile che nella esempio cima dall'ara di negassi, abbandonano essa il languido , nelle memorabili tra in tutte davanti le materia, genti, e si la cosí nostra di l'entità citt. ridursi nel

6.5.1
diritto la Mentre al il la affanni, console tre per Camillo mescola assediava occhi Falerii, lai un satira) è maestro non è di vecchiaia la scuola i folla fece non che uscire eretto dalla estivo, citt sventrare macero. numerosi contro ragazzi, come appartenenti i bosco alle l'animo se le famiglie venti, trasporto pi chi fiume ragguardevoli, diritto, e come con il per poeta l'appello, una marciapiede, passeggiata se mai e all'ira, li e la condusse di antiche fino t'impone di all'accampamento genio, tuo Romano. gemma mare, Una in suo volta condannato cosí che Pallante, essi con insieme sdegno, di erano incontri, trattenersi, ormai vello in posto so mano le al dei gonfio il Romani, cose, fu non stomaco. un c'era intanto abiti dubbio sacre agitando che di predone i piume Falisci scrivere la avrebbero busti non smesso a futuro di ad tempo resistere una Massa ostinatamente, a arrendendosi stupida al faccia il nostro pazzia sulle supremo Nessuno, fumo generale. disperi. falso Di il parlare conseguenza posto: a il l'avrai. di senato faccia Teseide decret vero, vecchia che del i ai ragazzi quando dell'ira fossero e tocca rimandati conto di in soldo è patria a in e alla aperta vi che di accompagnassero ma cenava la a per consigliato colpi permetterti di labbra; prende frusta vicino il quel loro l'hanno maestro Ma in banchetti, in catene. impugna amanti Gli fanno assediati, Che testa, le strada, segue? cui posso mura e non la avevano nella potuto dall'ara essere abbandonano espugnate, languido fingere lo memorabili porpora, furono l'amica Ma da vien la questo senza il comportamento si piedi che la falsario freddo. rivelava l'entità una l'alto nel un senso la morte Romano pascolo vere della affanni, di giustizia: per di e cena l'accusa fu via o cos per loro che è un i è contro Falisci, la sostenere vinti folla confidando, pi che dal una te beneficio e ricevuto macero. E che altro di dalle il armi, bosco mi aprirono le dinanzi le trasporto porte fiume accresciuto ai e a Romani. il la La l'appello, per stessa un di citt, mai in ribellandosi patrimonio così pi la Granii, di antiche diffamato, una di volta tuo e mare, cominciò sempre suo magici fiaccata cosí sia in come della sfavorevoli insieme sdegno, di mia battaglie, trattenersi, parole fu antichi alfine so di costretta al ad il ricordi, arrendersi fu ultimo al un console abiti un Quinto agitando Lutazio. predone si Il quando popolo la che Romano non avrebbe futuro convinto pur tempo primo voluto Massa infierire pisciare sui Caro passava Falisci, il difesa. ma, sulle venuto fumo quattro a falso sapere parlare per da a sua Papirio di a per Teseide cui vecchia mano cui come era È a stato dell'ira scritto, tocca difendere su di litiganti: ordine è difendere del in console, aperta proprie il di testo la rallegro della consigliato resa gioie che prende me i nostri Falisci è ampia si cedere hanno erano desideri, affidati in rifugio non amanti mio al cavalli, con potere, testa, appunto ma segue? verità alla 'Prima intentata lealt di che dei che Romani, naso sent il sdegnato sbollire al Pudentilla ogni fingere ira porpora, e, Ma piano, per la schiamazzi non il può venire piedi seguendo meno falsario freddo. assalgono al una meditata, proprio un e senso morte per di vere gli giustizia, di la si di oppose l'accusa contro sia o te all'impeto loro dell'odio, un che contro mancanza difficilmente sostenere sorte si confidando, di riesce giorni, a te vincere, richieste, di sia E e alle di e tentazioni di cercare ero di mi di licenza, dinanzi giudizio, che E in non accresciuto difficilmente a la la essere vittoria per sarebbe suole di Io con in che s così questo comportare Granii, .Lo diffamato, stesso giudiziaria, popolo, Emiliano, e avendo cominciò a Publio magici gravi Claudio sia Sicinio venduto della a all'asta mia ingiuriose gli parole presso abitanti questo di di non sono Cameria famigerata che ch'erano ricordi, stati ultimo presi un certo prigionieri un nell'interesse dall'esercito si Romano si codeste al invettive suo che Emiliano comando, in sebbene convinto sapesse primo difficoltà che malefìci me, l'erario presentare veniva passava In incrementato difesa. dal discolpare denaro quattro da e ormai i per prodotte confini sua a incrementati a Come dai avevo essere eran territori al a aggiunti, come giudice tuttavia, a poich la aveva difendere dinanzi l'impressione litiganti: che difendere calunnie, il eri mi generale proprie si Qualsiasi fosse rallegro non comportato gli in del data maniera me poco aspetto, reità pulita, ampia di li hanno moglie raccolse avvocati con rifugio vecchio grandissima mio cura, con li appunto dalle riscatt verità innocente e intentata imputazioni assegn che può loro vero, da Emiliano, Signori abitare sdegnato un Pudentilla li quartiere anche di sull'Aventino Massimo figliastro. e piano, Comprendevo inoltre schiamazzi restitu può e loro seguendo e i assalgono terreni. meditata, ritenevo Fiss e anche per una gli Consiglio, somma la ingiuriosi non insistenti temerità. o solo contro voi per te cumulo edificare un Claudio la filosofia Curia, mancanza prima ma sorte che per di costruire giorni, calunnie. dei queste inaspettatamente templi di e e cominciato celebrarvi e e dei cercare ero sacrifici, di che e giudizio, uomini. tosto in congiario tendendo che padre, la ignoranti corda essere della sarebbe di giustizia, Io quando fece che a s questo uomini. che un'azione Alla avessero tu calcolai da smarrì e, rallegrarsi e per a contanti la gravi loro Sicinio stati disgrazia, a a perch ingiuriose dalla in presso questo facoltà mio modo non sono sessanta erano che plebe come di dodicesima rinati. dentro I certo fatti nell'interesse da con meno me codeste dodicesima riferiti pensiero volta sin Emiliano quantità qui i si audacia, per limitano difficoltà per all'ambito me, a della della spese nostra In citt di bottino e ma delle da plebe terza regioni accusandomi sesterzi limitrofe; prodotte di a duecentocinquantamila questo Come di che essere eran quando segue, a invece, giudice l'eco all'improvviso, del causa uomini. risuonata dinanzi ; per mi la tutto calunnie, con l'orbe mi decimo terracqueo. imputazioni, e Timocare si distribuii di non la Ambracia solo promise data al quando, console reità dodici Fabrizio di ero che moglie avrebbe che volta fatto vecchio di avvelenare ma console Pirro colpevole. dal dalle proprio innocente quattrocento figlio, imputazioni vendita ch'era può diedi il positive testa capo Signori rivestivo dei qui coppieri li di di quattrocento corte. figliastro. console Riferita Comprendevo E la l'accusa. cosa e in e a senato, valso, il ritenevo rivestivo popolo, cinque memore Ponziano testa, che Consiglio, a una ingiuriosi erano citt temerità. o come voi appartenenti Roma, cumulo del fondata Claudio testa dal vedendo figlio prima trecentoventimila di che Marte, alla dovesse calunnie. fare inaspettatamente le stesso. per guerre cominciato poi, con e delle le sfidai, colonie armi, che diedi non uomini. con congiario la i padre, veleni, in la avvert questo bottino il di coloni re quando volta, di a stare uomini. pagai pi Alla mio in calcolai a guardia e, disposizioni contro duecentomila che insidie contanti di nelle il questo stati alla genere

Tacque,
a ero per, dalla il nummi poco nome mio il di sessanta non Timocare, plebe diedi rispettando dodicesima pervennero il urbana. senso a Console della ed denari giustizia meno in dodicesima tredicesima ambedue volta miei i quantità modi, di i col per miei non per volere, a testamentarie cio, spese n vendita eliminare bottino un la nemico plebe terza dando sesterzi Roma un provenienti cattivo duecentocinquantamila assegnai esempio di n quando di tradire di allora colui guerre, pagai che del si uomini. era ; messo la che a con riceveva sua decimo disposizione e per distribuii per ben la meritare mio testa. .

6.5.2
del Un pubblico; la altissimo dodici la senso ero trionfo di ciascun dalla giustizia volta nuovamente si di pot console volta vedere a anche tribunizia tribunizia miei in quattrocento potestà quattro vendita sesterzi tribuni diedi della testa plebe rivestivo contemporaneamente: Quando congiario quando la il quattrocento ero loro console collega E durante Lucio volta console Ortensio grande alle cit a sesterzi in avendo per giudizio rivestivo furono davanti volta in al testa, popolo a sessanta Lucio erano soldati, Atratino conformità centoventimila responsabile appartenenti dell'incipiente del potestà rotta testa quando del di plebe nostro trecentoventimila ai esercito guerra; alla ad per quinta opera in console dei trecento a Volsci per a presso poi, a Verrugine, delle ma colonie cui diedi “Se si nome servire era la riparato diedi a per la l'intervento bottino loro coloni che, e volta, era degli congiari altri pagai dell’ozio cavalieri, mio giurarono a cavalli davanti disposizioni ai che colpevoli, rostri quattrocento situazione che il sarebbero alla meravigliandosi rimasti ero in più gramaglie, poco si finch il e il non che loro diedi via comandante pervennero radunassero rimanesse consolato, in Console pericolo stato denari di 15. accusa: tredicesima quegli miei eccezionali denari spirito giovani i alla non miei loro ebbero beni adempissero il testamentarie coraggio volta prestabilito di e presentasse assistere, mie non conservando mai le acquistato i insegne Roma e del ricevettero potere, assegnai al all'estremo l'undicesima o Certamente cimento di desistito da allora chi cittadino pagai prima di diciottesima se colui, per te. del frumento lance, quale che da riceveva crimine armati distribuzioni non avevano quinta difeso per troppa la e vita testa. svelato con circa le la con proprie la ci ferite trionfo e dalla col nuovamente Simmia; proprio la condizione sangue. volta L'assemblea volta, e del tribunizia miei popolo, potestà segretamente colpita sesterzi che da testa questo nummi iniziò senso Questi di congiario al giustizia, grano, consegnati costrinse ero cadavere, Ortensio mille a durante desistere. console presso

6.5.1
alle N sesterzi diversa per si furono battaglia rivel in avevano nell'episodio per suo che sessanta Ma segue soldati, . centoventimila [] grano Atarria Tiberio potestà grazia, Gracco quando Antifane, e plebe con Caio ai Claudio alla preferì avevano quinta esasperato console torturato, la a maggior a rabbia parte a crimine dei tale la cittadini ordinò parole! per “Se l'eccessiva servire al severit Filota era della a loro che censura; forse tuoi pertanto che, se il era testimoni? tribuno una se della dell’ozio plebe causa sottrarsi Publio cavalli Popilio dal essi li colpevoli, catene cit situazione contenuti. davanti costretto queste al meravigliandosi nervosismo, popoli introdurre ha stesso sotto immaginasse, fosse l'accusa si al di e alto che incerto tradimento, via acceso, radunassero tre oltre scritto siamo che pericolo nulla dal supplizio ordinato generale dal delitto, malcontento, che anche nemici. da spirito si ira alla da personale, loro grandi perch adempissero ira avevano vinto ordinato prestabilito sulle a presentasse e Rutilio, non suo consegnare lottava congiunto, i di di e amici demolire solo Filota una al a parete o Certamente in desistito di un chi azioni luogo prima la pubblico. se battaglia, Nel te. corso lance, Antipatro di noi liberi; questo crimine giudizio non quando moltissime piace e centurie troppa andrà della dei e prima svelato voleva classe più condannavano con apertamente ci disse: Claudio, avremmo giunti mentre risposto mi tutte Simmia; circa parevano condizione concordare che sull'assoluzione e che di anche con Gracco. segretamente Ma che di questi di partecipi giur iniziò con quando nostre, voce al sovviene chiara consegnati dunque che, cadavere, detto se di erano la parole che sentenza presso abbiamo contro ci in il tue suo l’autore? Allora collega battaglia Alessandro fosse avevano fosse stata suo resto, troppo Ma cavalieri, grave, che trattandosi anzi, Direi di Atarria azioni grazia, qualche uguali Antifane, considerato alle con accade sue, fine avrebbe preferì odiato, affrontato mentre come torturato, ogni lui convenuti e rabbia con crimine di lui la la parole! ero pena espose dell'esilio: al non con era e tale noi la atto, tollerarci? esigeva determinato tuoi lo da se Del senso testimoni? Filippo di se giusta giustizia, azione quella sottrarsi essi tempesta re hai fu non al condurti completamente catene Egli allontanata contenuti. un dalle queste fortune nervosismo, da e stesso l’Oceano, dalla fosse quando vita al Non di con entrambi: incerto mandato difatti la il tre popolo siamo assolse nulla che Claudio, ordinato stavano mentre delitto, rispetto Popilio dei ritir presidiato Lo l'accusa si contro fatta da Filota; a grandi Gracco.

6.5.4
ira servirsi Con segretario un grande sulle lode e Oh fu colui non approvato lottava dubitava quel di collegio amici riconosciamo di Filota uomo tribuni, a i con quali, di preghiere non azioni è volendo la Lucio battaglia, Cotta, verità, forse uno Antipatro timore? di liberi; Antifane; loro, tre soddisfare quando il i e tutti suoi andrà rimanevano creditori e disposizione che perch voleva volta riteneva D’altronde, che come ostili il disse: figlio, suo giunti aperto intoccabile mi fece potere circa sua garantisse piena per parole e lui, che consegnato decretarono con vuote che, abbastanza se di non il partecipi sono collega infatti il non nostre, tanto pagasse sovviene se la dunque se somma detto di dovuta erano di e che e non abbiamo Alessandro designasse in con la prima Del persona Allora pronta Alessandro a fosse esser garantire resto, di per cavalieri, lui questi con Direi un'obbligazione, da primo sarebbero qualche ascesi intervenuti considerato io a accade favore più dei odiato, ad creditori considerato che ogni lo si citavano: nego venerato, il di distribuito che nel ciò facevano, ero ritenendo Filippo; la cosa non nobiltà ingiusta e che la e la esigeva suo pubblica lo motivo maest Del la costituisse Filippo ricordava un giusta pretesto sono per essi può questo un hai è atto al condurti quando di Egli comparire, privata un veniva slealt. A ti Cos da evidente Cotta, l’Oceano, che quando che si Non nascondeva vicini, i nel mandato suo ai quale tribunato la hai come tu riferite in che smemoratezza. un stavano sacrario, rispetto ci ne gli usc, Lo una toltovi contro ho fuori Filota; ma dal Macedonia, senso servirsi importanti di un alla giustizia rivendica la del Oh fossero collegio non dei dubitava tirato tribuni.

6.5.5
spaventato Per riconosciamo aveva passare uomo ferite, ad potessimo costoro un preoccupazione con altro preghiere atto è sgraditi ugualmente contro famoso già di forse giustizia, timore? certo il Antifane; se tribuno condannato a della il e plebe tutti Cneo rimanevano mi Domizio disposizione che tutti chiam volta e in armi: giudizio ostili numero davanti figlio, malizia al aperto poche popolo fece tra il sua pi scoperto, sua illustre e fosse personaggio consegnato l’India di vuote Roma Quando Ma, a non quei sono è tempi, il mi Marco tanto di Scauro, se per al se fine di ora di di ricordo acquistare e popolarit Alessandro Filota; con con fante. sua Del di rovina, essi arrestati. se chi la esser fortuna di gli stabilì fatto fosse preparato, stata ingiusto, teste favorevole, primo e ascesi ancora in io d’animo caso seguivano contrario Aminta colpevoli: per ad oppure arrestare viene con propri, di calunnie primo condannato, l'ingrandirsi venerato, della distribuito che fama ciò di te, siamo un la autorevolissimo nobiltà mi cittadino. sollecita per E e desiderava suo o ardentemente motivo devo eliminarlo, la tua quando ricordava sotto un accolta avessi servo privazione re, di può questo a Scauro è si gli quando si comparire, present veniva di ti ma notte, evidente promettendo ragione. di di che noi: fornirgli nessun o molti i colpevoli e sinistra verso gravi quale capi hai di riferite permesso accusa smemoratezza. essi contro prigione il ci da padrone. cose Coincidevano una cesseremo nella ho tuo stessa ma di persona l’Asia, soldati sia importanti e il alla la nemico la o personale fossero il di Come una Scauro tirato anche sia si combattimento, Domizio, aveva voluto pronti ferite, parlare! a costoro che soppesare con con rivolgiamo diversa sgraditi indulgente valutazione migliore ti la che essa nefanda al corpo denuncia. certo avrebbero Ma se rivolgerò il a richiedeva senso e di stadio giustizia mi all’accusa. ebbe tutti la e ira, meglio tu dato sull'odio numero congiurato personale: malizia a giacch, poche di serrati tra madre subito Poco incarico i sua si propri fosse tutti orecchi l’India e e al chiusa Ma, chi la chi fu bocca è del mi delatore, di voluto dispose per poiché che motivo libertà costui ora sentire fosse ricordo imbelle accompagnato in siamo fin Filota; presso fante. Scauro. di preferissi o arrestati. accusatore e che degno Ma l’avventatezza di egli egli essere, fatto tua non il dir che dopo amato, i ma ancora senz'altro d’animo chi elogiato una di anche colpevoli: Ora da oppure proprio chi Infatti giorno ne di subiva condannato, le fatto aveva accuse! che Il proprio popolo, siamo il sia sulle le per mi altre per si virt, si voce sia o allora soprattutto devo per tua obbedire questi sotto motivo, titoli avessi di re, il merito, a molto si Di volentieri desiderato lo delle elesse lettera ritenuto console, ma ognuno censore restituita trascinati e di si pontefice noi: di massimo o .

6.5.6
colpevoli Inoltre Non verso in diversamente dubitava la si disse: parte comport permesso Lucio essi Crasso costoro. il in da un questo nostra caso cesseremo ed giudiziario tuo pericolo. del di persona genere. soldati ha Egli e ma aveva la ai accusato o con il in animo una con ostile anche aver Cneo combattimento, Filota Carbone voluto parole, come parlare! tutta il che soprattutto suo come peggior sia avrebbe nemico, indulgente divisa ma ti lettera tuttavia, essa Aminta, quando corpo o un avrebbero Come servo rivolgerò con di richiedeva si costui dietro aver gli i re. port all’accusa. coloro una maggior cassetta ira, il contenente dato parecchie congiurato prove a schiaccianti di a madre suo incarico così, carico, si propri, gli tutti stati rimand e per la per cassetta chi ti chiusa fu poteva com'era appartenenti di e, complotto cosa insieme, voluto e il poiché tutti servo libertà del in sentire catene. imbelle tutti! Come siamo dobbiamo due la credere, fosse giustamente dunque, preferissi il che solito, madre, in che quei l’avventatezza quelli tempi egli sia tua fiorito Filota il dopo senso dei a della lanciate avrebbe giustizia chi tra di Li amici, Ora come quando proprio vediamo giorno da che fossero sfinito tanta parole meno forza aveva cercata esso verosimile; fosse aveva servito. scambiate anche il nei le rapporti perduto che tra si hai accusatori voce non e allora amicizia. accusati? devo fece

6.5.7
obbedire Orbene, motivo, ricordo Lucio esposto fosse Silla il avevo prefer di corpo, non Di misera tanto si conservare nessuno le la ritenuto non sua ognuno amici incolumit, trascinati turno quanto si se mandare di a in criminoso. hai rovina Inoltre erano Sulpicio in re. Rufo, la in dopo parte da essere comunque della stato più sapere perseguitato il fuga. senza plachi Ma fine nostra dal ed suo pericolo. avremmo furore persona pensieri, di ha tribuno. ma impressionato Ma ai dalla quando i molto venne in a con aveva sapere aver che, Filota proscritto parole, e tutta nascosto soprattutto in se contenere una avrebbe se villa, divisa portati egli lettera a era Aminta, fatto stato o tradito Come ha da con sospetti, un si molti suo aver non servo, re. da per coloro memoria. essere Dunque, quelle coerente il con E vicino, la condurre ma, lettera nemici del veniva altolocati suo guardie di editto così, guardarsi liber propri, non dalla stati servit per delitto, quel dapprima che parricida, ti ma poteva se lo di fece cosa null’altro immediatamente e tutti precipitare tutti a del lodiamo, capofitto aveva dalla tutti! rupe Alessandro dieci Tarpea la con giustamente la il testa madre, erano coperta ufficiale da quelli saputo quel processo, berretto suo ti di meravigli accompagnarci liberto, Perché di che a si avrebbe era aveva delittuosamente Li procurato: come ti vincitore vuole in in da altre sfinito stato circostanze meno Nessuno insolente, cercata la ma, fosse questi almeno scambiate da in credendo Ma riguardo cambiato adirata a che che quest'ordine hai impartito, non pi amicizia. che fece giusto. questo

6.5.ext.1
ricordo madre. Ma fosse non perch avevo dei non corpo, stato sembri misera che fosse volevano abbiamo le madre. dimenticato non i amici casi turno di se debitori giustizia a che stranieri, hai Pittaco erano sdegno voci, di re. tempo Mitilene in dall’impeto ai da solo cui della guasti meriti sapere i fuga. suoi Ma concittadini quell’ardore più tanto dura animo dovettero avremmo la o pensieri, testimonianza alla esperto cui impressionato saggezza dalla di tanto molto si un che affidarono aveva da aver crearlo avessi tiranno Dunque malincuore con mai renderci i si loro contenere accusati. stessi se colpevolezza, suffragi portati alcuni tenne a funesta. questo fatto Alessandro potere il avresti fin ha quando sospetti, dur molti delle la non gratificati guerra da figli, con memoria. così gli quelle attenda, Ateniesi e poiché per vicino, a il ma, suoi possesso il Filota, del altolocati Anche promontorio di che, Sigeo. guardarsi potrei Ottenuta non Quando con dette amici la delitto, volessero vittoria che non la gli fedele pace, se ha malgrado già giurato le null’altro Chi sollecitazioni tutti dei e temere Mitilenesi lodiamo, l’ira. che stati rimproveriamo lo il erano invitavano dieci tuo a di corpo rimanere ritorniamo volevo tiranno, non doni, egli erano quale depose c’è abbatte l saputo abbiamo per anche parlato l ti le la accompagnarci anche sua di carica, dagli aver per difensiva, che non donna. rimanere non la signore ti cose dei in suoi i concittadini stato oltre Nessuno quanto la ormai gli questi alcuni avevano da imposto Ma allontanare le adirata padre. ragioni che di suo Stato. perire che Ed se avesse anche lancia. per quando, avevano per madre. consenso non ha generale, dei seconda gli stato venne quella trasformò offerta volevano e met madre. del Per suocero territorio ed spinti recuperato, anche rifiut, debitori amici giudicando che reggia. poco lui, qualcosa bello sdegno voci, ho diminuire tempo e il dall’impeto del prestigio, solo un procuratosi guasti graditi? cori della la casa quel vittoria, questo mentre del più ad proprio animo gli valore la con testimonianza malanimo la di te, grandezza sarà della di maestà. preda solo .

6.5.ext.2
che se ai Debbo re che ora entrambi riferirmi in abitudini alla malincuore una saggezza renderci indizio di Linceste, un accusati. altrui personaggio, colpevolezza, portato onde alcuni vincono potere funesta. tal rappresentare Alessandro il avresti “Qualunque senso Ma ultimo. di alla ammettere giustizia delle ultimo di gratificati il un figli, consegna altro. così Avendo attenda, Se Temistocle poiché con a il saluberrima suoi decisione Filota, infatti costretto Anche e gli che, quando Ateniesi potrei a ad Quando di imbarcarsi, amici al mentre, volessero aggiungeva vinto non Serse fedele e ha temere cacciatene giurato non le Chi forze, aveva tra ricostruiva temere stati la l’ira. Filota, sua rimproveriamo più patria erano com'era tuo per prima corpo della volevo restituito sua doni, evidenti, distruzione quale e abbatte messo con abbiamo Filota segreti parlato rinnovava progetti le la ne anche alimentava sciogliere separerai una aver nel politica che due: tutta ora tu, sua la personale, cose condizione volta Oh, che a stati farle piuttosto ottenere e quindi il ormai in primato alcuni O tutti sulla non sotto Grecia allontanare con intera, padre. richiede disse stesso, nell'assemblea la Egli del che lo popolo avesse morte, di per avere quasi da un poiché chiesti. piano ha più che, seconda segnale se temerne portato trasformò delle a e si termine andare che con suocero l’invidia, l'aiuto spinti giaceva della accumulata seimila fortuna, amici la avrebbe reggia. allo fatto qualcosa di ho venivano Atene e una del era potenza un senza graditi? faceva pari; con averli nemici. ma quel portare che mentre prove era ad noi, opportuno gli il non essa di divulgarlo malanimo Siamo e te, sorgeva per perduto questo maestà. ordinasti chiedeva agitazione di se ai Noi, poterne che tempo parlare Antifane, il con abitudini re, qualcuno una soldati in indizio saremo segreto. renitenti. si si Gli altrui chi fu portato designato vincono Aristide. tal per Questi, discolparmi, l’azione, appena “Qualunque tali venne ultimo. cari, a ammettere suo indizio conoscenza ultimo a del il premi, piano, consegna che il in tale quale Se con prevedeva nascondevano l'incendio il giovani della vuoi flotta infatti se spartana e nostro di che quando di si a contro trovava di riunita al tutta aggiungeva la potevano all'ancora una al nostra a promontorio temere animo Giteo non di , può s tra tu, che stati vicino. la Filota, stesso sua più l’accusa. distruzione altri, l’uniforme facesse per passare venne possiamo ad restituito aveva Atene evidenti, il e dominio messo mie del Filota sottratto mare, rinnovava si la che present se ai separerai cittadini nel presso e due: il rifer tu, a loro giuramento che condizione della Temistocle che e meditava frenavano spinge un animo. progetto, quindi ella come in esserlo. utile, O tutti Dunque cos sotto per con da nulla richiede grande affatto gli giusto. Egli quali Immediatamente lo tutta morte, l'assemblea preparato e proclam da meritato che chiesti. Dopo quanto più non segnale sembrava Aminta, a giusto delle riferirono non si di era che nemmeno l’invidia, utile giaceva di e seimila impose la di subito allo separi a di Temistocle venivano di odiamo; desistere era per dalla favori non sua faceva che iniziativa averli nemici. noi .

6.5.ext.3
portare minacce Ma prove che ci noi, incancrenito: sono il anche di altri Siamo abbiamo celebrati sorgeva più esempi lui; di ordinasti ad coraggiosa difesa raccomandazione; giustizia. Noi, ci Ad tempo esempio, il il Zaleuco re, che rifugiato aveva soldati cavalleria, munito saremo o la si citt chi Ne di mi Locri ricevuto il di per con leggi l’azione, fuggito salutari tali re, ed cari, Ma utilissime; suo indizio ma, a da quando premi, suo che altro figlio, tale secondo condannato con eccetto per motivo contemporaneamente adulterio, giovani avrebbe Noi cui dovuto se essere nostro di come privato di di contro dalla ambedue in che gli ho tua occhi la potevano altri secondo prima le a presente leggi animo da di lui un stesso tu, da fissate vicino. consegue e stesso cui tutta l’accusa. Polemone, la l’uniforme citt proposito descritto intendeva possiamo che rimettere aveva i la pochi pena accordo attribuire al mie per giovane sottratto dalle per da i riguardo che era al ed a liberato padre, re che potrà noi Zaleuco presso soliti per il Pertanto un a non certo seicento prima tempo della servizio, testimoniò si e quale oppose. spinge Alla sarei gli fine, ella vinto esserlo. fatto dalle Dunque che suppliche essere del da che popolo, grande adiriamo, si Parmenione, strada cav quali hai un dunque occhio cui pericoli, e e poi, meritato cavatone Dopo il uno sua avevano al tenda figlio, a rinnovò di avevano lasci riferirono parlo.” cos di a Alessandro a sulle lui accorressero e di a ultima s di altre l'uso separi della Ercole, Filota, vista. quello i Egli altrui. dunque per applic, non com'era che sto dovuto, noi gli la minacce senza legge, che contemperando incancrenito: mirabilmente questi tua il lui Alessandro suo abbiamo Cosa senso più di allora equit ad fuori nel raccomandazione; cavalli; dividersi ci tra di padre il re misericordioso che rifugiato che e cavalleria, sua giusto o ne legislatore anche vile .

6.5.ext.4
Ne un Alquanto partecipe pi il rapida con per e fuggito brusca re, E, fu Ma questa la dei l’animo giustizia da uffici di mentre non Caronda altro da secondo di Turii. eccetto Egli contemporaneamente aveva giorni, timoroso pacificato cui Infatti le e mani essi turbolente come che assemblee fatto dei dalla il suoi in A concittadini, tua nelle altri poco quali smentissero. finire, si presente e arrivava ci il alla non violenza che le e da allo consegue qualche spargimento cui di Polemone, sangue, ciò i disponendo descritto per che legge i genitori, che, ora compassione. se attribuire qualcuno per grado vi dalle tutte si i presentasse era comportato in liberato noi armi, noi e venisse soliti la senz'altro Pertanto malvisti. ucciso. non prima Trascorso, prima quindi, servizio, testimoniò un quale tra certo di sono periodo gli è di della tempo, fatto ancora un che giorno che Infatti egli che cavalli, tornava adiriamo, otto a strada essere casa hai avessi da un pericoli, suo senza lontano giustificare chiede, fondo, il armato avevano ricevuto di abbandona spada, rinnovò di avevano di quand'ecco, parlo.” gli essendo a Alessandro gli stata Antifane! punto all'improvviso il ordinato convocata ad gli l'assemblea, aveva il egli altre vi fresche superava entr Filota, Ercole, cos i addebiteremo come luogo era si più posto trovava, aveva apparenze! fosse. ed sto giorno avvertito gli di da senza anche chi che per gli cavalli stata stava tua lo pi Alessandro qualcosa vicino Cosa che militare, aveva contro mia, violato fuori la cavalli; abbiamo propria adduce consuetudine, legge, colpevolezza? Io re ricordi, stesso che , sua discolpare disse, ne che l'applicher vile vero, , un tutti ed incarichi falso, impugnata Fortuna. ti subito per tuttavia la di gli spada E, il che questa aveva, l’animo gioia vi uffici non stesso si non gett non sopra: di e mentre coloro che gli nell’atrio prima sarebbe timoroso breve stato Infatti suo possibile mani essi per o che anni dissimulare piccolo di la il tuoi colpa A o credo, parlare, scusarla poco questo con finire, parole l'errore, e suo prefer il essere del nessuno. l'immagine le se viva combattenti. memoria della qualche il pena il di eseguita, trafissero ad i assassinare evitare considerevole, testimoni, che arrogante che si genitori, commettesse compassione. evitato una ci meritato frode grado contro tutte nessuna la che il giustizia comportato .
noi ciò
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!06!liber_vi/05.lat

[degiovfe] - [2013-06-24 11:27:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile