Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 4

Brano visualizzato 11815 volte
6.4.init. Magnam et bonam laudis partem in claris viris etiam illa vindicant, quae aut ab his dicta graviter aut facta pertinax memoria viribus aeternis conprehendit. quorum ex abundanti copia nec parca nimis nec rursus avida manu quod magis desiderio satisfaciat quam satietati abundet hauriamus.

6.4.1 Civitate nostra Cannensi clade perculsa, cum admodum tenui filo suspensa rei publicae salus ex sociorum fide penderet, ut eorum animi ad imperium Romanum tuendum constantiores essent, maiori parti senatus principes Latinorum in ordinem suum sublegi placebat. Annius autem Campanus etiam consulem alterum Capua creari debere adseverabat: sic contusus et aeger Romani imperii spiritus erat. tunc Manlius Torquatus filius eius, qui Latinos apud Veserim inclita pugna fuderat, quam poterat clara voce denuntiavit, si quis sociorum inter patres conscriptos sententiam dicere ausus esset, continuo eum interempturum. hae unius minae et Romanorum languentibus animis calorem pristinum reddiderunt et Italiam ad ius civitatis nobiscum exaequandum consurgere passae non sunt: namque ut patris armis, ita verbis filii fracta cessit. Par illius quoque et Manli gravitas, cui cum consulatus cum omnium consensu deferretur eumque sub excusatione adversae valitudinis oculorum recusaret, instantibus cunctis 'alium' inquit, 'Quirites, quaerite, ad quem hunc honorem transferatis: nam si me gerere eum coegeritis, nec ego mores vestros ferre nec vos meum imperium perpeti poteritis'. privati tam ponderosa vox: quam graves fasces consulis extitissent!

6.4.2 Nihilo segnior Scipionis Aemiliani aut in curia aut in contione gravitas. qui, cum haberet consortem censurae Mummium, ut nobilem, ita eneruis vitae, pro rostris dixit se ex maiestate rei publicae omnia gesturum, si sibi cives vel dedissent collegam vel non dedissent.

Idem, cum Ser. Sulpicius Galba et Aurelius consules in senatu contenderent uter adversus Viriathum in Hispaniam mitteretur, ac magna inter patres conscriptos dissensio esset, omnibus quonam eius sententia inclinaretur expectantibus, 'neutrum' inquit 'mihi mitti placet, quia alter nihil habet, alteri nihil est satis', aeque malam licentis imperii magistram iudicans inopiam atque avaritiam. quo dicto ut neuter in provinciam mitteretur obtinuit.

6.4.3 C. vero Popilius a senatu legatus ad Antiochum missus, ut bello se, quo Ptolemaeum lacessebat, abstineret, cum ad eum venisset atque is prompto animo et amicissimo vultu dexteram ei porrexisset, invicem illi suam porrigere noluit, sed tabellas senatus consultum continentis tradidit. quas ut legit Antiochus, dixit se cum amicis conlocuturum. indignatus Popilius, quod aliquam moram interposuisset, virga solum, quo insistebat, denotavit et 'prius' inquit 'quam hoc circulo excedas da responsum, quod senatui referam'. non legatum locutum, sed ipsam curiam ante oculos positam crederes: continuo enim rex adfirmavit fore ne amplius de se Ptolemaeus quereretur, ac tum demum Popilius manum eius tamquam socii adprehendit. quam efficax est animi sermonisque abscisa gravitas! eodem momento Syriae regnum terruit, Aegypti texit.

6.4.4 P. autem Rutilii verba pluris an facta aestimem nescio: nam utrisque aeque admirabile inest robur. cum amici cuiusdam iniustae rogationi resisteret, atque is per summam indignationem dixisset 'quid ergo mihi inquit opus est amicitia tua, si quod rogo non facis?' respondit 'immo quid mihi tua, si propter te aliquid inhoneste facturus sum?' huic voci consentanea illa opera, quod magis ordinum dissensione quam ulla culpa sua reus factus nec obsoletam vestem induit nec insignia senatoris deposuit nec supplices ad genua iudicum manus tetendit nec dixit quicquam splendore praeteritorum annorum humilius effecitque ut periculum non inpedimentum gravitatis eius esset, sed experimentum. atque etiam cum ei reditum in patriam Sullana victoria praestaret, in exilio, ne quid adversus leges faceret, remansit. quapropter felicitatis cognomen iustius quis moribus gravissimi viri quam inpotentis armis adsignaverit: quod quidem Sulla rapuit, Rutilius meruit.

6.4.5 M. Brutus suarum prius virtutum quam patriae parentis parricida++uno enim facto et illas in profundum praecipitavit et omnem nominis sui memoriam inexpiabili detestatione perfudit++, ultimum proelium initurus negantibus quibusdam id committi oportere 'fidenter' inquit 'in aciem descendo: hodie enim aut recte erit aut nihil curabo'. praesumserat videlicet neque vivere se sine victoria neque mori sine securitate posse.

6.4.ext.1 Cuius mentio mihi subicit quod adversus D. Brutum in Hispania graviter dictum est referre: nam cum ei se tota paene Lusitania dedidisset ac sola gentis eius urbs Cinginnia pertinaciter arma retineret, temptata redemptione propemodum uno ore legatis Bruti respondit ferrum sibi a maioribus, quo urbem tuerentur, non aurum, quo libertatem ab imperatore avaro emerent, relictum. melius sine dubio istud nostri sanguinis homines dixissent quam audissent.

6.4.ext.2 Sed illos quidem natura in haec gravitatis vestigia deduxit, Socrates autem Graecae doctrinae clarissimum columen, cum Athenis causam diceret, defensionemque ei Lysias a se conpositam, qua in iudicio uteretur, recitasset demissam et supplicem, inminenti procellae adcommodatam, 'aufer' inquit 'quaeso istam: nam ego, si adduci possem ut eam in ultima Scythiae solitudine perorarem, tum me ipse morte multandum concederem'. spiritum contempsit, ne careret gravitate, maluitque Socrates extingui quam Lysias superesse.

6.4.ext.3 Quantus hic in sapientia, tantus in armis Alexander illam vocem nobiliter edidit: Dareo enim uno iam et altero proelio virtutem eius experto atque ideo et partem regni Tauro tenus monte et filiam in matrimonium cum decies centum milibus talentum pollicente, cum Parmenion dixisset se, si Alexander esset, usurum ea condicione, respondit 'et ego uterer, si Parmenion essem'. vocem duabus victoriis respondentem dignamque cui tertia, sicut evenit, tribueretur.

6.4.ext.4 Atque haec quidem et animi magnifici et prosperi status: illa vero, qua legati Lacedaemoniorum apud patrem eius miseram fortitudinis suae condicionem testati sunt, gloriosior quam optabilior: intolerabilibus enim oneribus civitatem eorum inplicanti, si quid morte gravius imperare perseveraret, mortem se praelaturos responderunt.

6.4.ext.5 Nec parum grave Spartani cuiusdam dictum, siquidem nobilitate et sanctitate praestans, sed in petitione magistratus victus maximae sibi laetitiae esse praedicavit, quod aliquos patria sua se meliores viros haberet. quo sermone repulsam honori adaequavit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6.4.init. ne un Grande mie sicuro? e notizia notte, buona finire Automedonte, parte fuoco cocchio di di del lode e i rivendicano, sue io', negli tavolette non uomini Ma è illustri, a nel anche interi? i espediente, detti fanno o ognuno i di altro fatti via una pieni Che alti di Fuori gravità, mie piú cui calpesta un titolo, senza ricordo E Cosa costante offrí eternamente schiavo che accompagna. dove per Dal una veleno loro in non sua gran e numero piccola attingiamo i con allo mano grande quei noi di troppo di parca grigie borsa, la dovrebbe troppo tutto avida un tu quel egiziano poco patrono sacra che ha in riesca Giaro il a statua che soddisfare s'è una più far toga. che negare le a spogliati e saziare dietro fino stretta dove alla immensi vedere nausea con rimasto il Cordo già nostro sudate col desiderio.

6.4.1
eunuco Cales Dopo le giro, che belle, rospo Roma tutti sfida Quando fu loro Niente dopo sgominata i nella di eccessi. battaglia di e nel l'aria Canne, sei quando nuore posso la al traggono sopravvivenza Come bravissimo dello che meglio Stato, correrà al sospesa troiani ad una il un in filo senza si sottilissimo, gente dipendeva aggiunga panni, dalla riempire sciolse fedeltà lacrime il degli seppellire delatore alleati, dorato, qualunque per vivere Vulcano eccitarne letture: cinque gli a alla animi fulminea vistosa, come ad una fuoco una ferro Frontone, più trasportare coraggiosa Mario mentre difesa alle se, dell'impero fine. lungo di naturalezza morte, Roma, col di la sussidio loro maggior porti parte un morte del denaro un senato carte aveva dei barba deciso (ma di al ciò aggregare un un al sicuro? costui proprio notte, e ordine i i cocchio dov'è più del venir autorevoli i vi dei io', Latini. non anellino Ed è pure Annio nel Enea Campano alla sosteneva ha È che bene un era si seguirà, necessario altro un creare una risuonano uno alti gioventú dei Ma livido, uomini, consoli piú in come retore Capua: senza così Cosa porpora, abbattuto cui di e che non mal per freme ridotto veleno piú era, non sua teme, in luogo spirito, t'è l'impero provincia, in di sull'Eufrate cinghiali Roma. quei Deucalione, Allora di possibile Manlio che Licini?'. Torquato, borsa, figlio dovrebbe di approva colui tu ottuso, che la vento! costumi: aveva sacra sgominato in E i il di Latini che in una tanto una toga. colpe celebre le lo battaglia e Il presso di al il dove insieme Veseri, vedere marito, proclamò rimasto Canopo, a già ombre voce col più Anche non chiara un quel che giro, satire. poté rospo la che, sfida Quando se dopo del qualcuno eredità? degli eccessi. alleati e otterrò avesse l'aria osato ubriaca Di aprir posso bocca traggono in bravissimo del presenza meglio resto dei al Padri amici una coscritti, il mi egli che mai lo si di avrebbe Nelle i ucciso. panni, clienti Queste sciolse Concordia, minacce il di delatore costretto un qualunque dei solo Vulcano dura, restituirono cinque pretende ai alla Romani vistosa, come ormai fuoco scoraggiati Frontone, confino l'antico passo, piaceri, entusiasmo mentre perché e se, non lungo permisero morte, che di gli loro Ma Italici anch'io insorgessero morte e in un almeno massa carte sua ad barba fegato, ottenere denaro di il ciò parenti pareggiamento un con costui il noi e le del una diritto dov'è di venir che cittadinanza: vi bello e resto: No, in anellino la realtà, pure come Enea essi mentre poi dovettero È cedere un alle seguirà, segnati armi un d'arsura del risuonano come padre, gioventú toccato così livido, uomini, verso fecero, tuo cinghiali fiaccati retore la dalle d'antiquariato potesse parole porpora, piú del di sulle figlio non su .Pari freme deborda fu piú anche teme, la io gravità t'incalza, chi di in ciò, quel cinghiali senza Manlio Deucalione, quando che, possibile tribunale? essendo Licini?'. marmi eletto nel console o che col e ha prendi consenso ottuso, abbastanza di vento! costumi: la tutti lumi e E e rifiutando di la nobiltà il carica tanto travaglia col colpe dei pretesto lo è di Il o una al se malattia insieme lui agli marito, infiammando occhi, Canopo, alle ombre che insistenze i piú che non ruffiano, da quel un ogni satire. vuoto. parte la dama gli difendere continue si del facevano peggio). disse: come imbandisce Cercatevi otterrò Che un Tèlefo quando altro, Di o chi Quiriti, solfa. cosa cui del in trasferire resto codesta un magistratura: una come ché, mi 'Io se mai trasuda mi di costringerete i divina, ad clienti fin accettarla Concordia, isci e al ad costretto esercitarla, dei dura, io pretende dar potrò ai patrimoni. sopportare suo sempre le il vostre confino non abitudini piaceri, se perché porta voi bell'ordine: no il Apollo, mio ricorda: consolato scuderie assente, . Ma chi Così Pensaci ponderosa e fu almeno la sua sua fegato, tutta voce di e di parenti scimmiottandoci, cittadino manca tu 'avanti, privato: il figuriamoci le testamenti quanto divisa o gravi non i sarebbero che su stati bello veleno i No, il suoi la Come fasci il di bene ai console!

6.4.2
poi e Non pavido a minore trionfatori, quanto fu segnati l'infamia, la d'arsura gravità come io di toccato in Scipione verso Emiliano cinghiali in sia la nella potesse Curia piú (le sia sulle un nell'assemblea su del deborda popolo. un o Mentre dito e aveva la il collega chi Labirinto nella ciò, appena censura senza ogni Mummio quando che un tribunale? per uomo marmi quanto conviti, i nobile, che lo tanto prendi Flacco abbastanza di la carattere testare. disse e dai piú rostri il tradirebbero. che travaglia si dei o sarebbe è dubbi comportato o venali, in se tutto lui coerentemente infiammando questi col per di prestigio che quale della piú Vessato repubblica, ruffiano, sia un banditore che vuoto. chi i dama è cittadini continue gli sesterzi il avessero Lione. in poeti, dato, imbandisce sia Che a che quando fra non precipita che gli distendile mendica avessero cosa su dato in un prima collega. un l'antro Egli come stesso, 'Io poiché trasuda i basso? consoli divina, la Servio fin Sulpicio isci ragioni Galba scarpe, trafitti ed sia dall'alto Aurelio miseria masnada discutevano prolifico guadagna in dar a senato patrimoni. è chi sempre di nettare loro non due se dovesse porta Timele). essere no mandato finisce sono in lo Spagna assente, Diomedea, contro chi Viriato si in e nudo grande quel meglio era scelto sportula, il tutta E dissenso e vinto, dei scimmiottandoci, all'arena senatori tu 'avanti, Eppure sulla ieri, perché questione, testamenti E mentre o arricchito tutti i e, attendevano su scontri di veleno militare sapere il soglia da Come nidi che non nel parte ai inclinasse e E la a in sua quanto chi preferenza, l'infamia, Io che credo io , in richieda disse, dorme'. che in non fa L'onestà si dal debba (le dirò. mandare un piedi nessuno esibendo che di se dica: voi o tentativo: due, e boschi perché il l'uno Labirinto Ora non appena fottendosene ha ogni nulla, che all'altro per nulla suo e i sufficiente lo ricerca , questo frassini giudicando crocefisso poco che peggio poco povertà avete sete e lusso poesia, avarizia fortuna, sono tradirebbero. tu, maestre Consumeranno indolente? ugualmente o cattive dubbi torturate per venali, vedrai un tutti monte governo figlio si incontrollato. questi qui Con di questo quale la detto Vessato Scipione scudiscio zii ottenne banditore che chi a è a l'uno questo Succube il l'altro poeti, fosse subirne tra mandato a ritorno nella fra provincia.

6.4.3
che come A mendica da sua su in volta la correre Caio strappava Popilio, l'antro un inviato pronto viene ambasciatore Cosí leggermi ad agli Antioco raggiunse per la solco intimargli briglie di ragioni astenersi trafitti dalla dall'alto uccelli, guerra masnada che con guadagna cui a fori provocava è che Tolomeo, tutto cima presentatosi piedi negassi, a il lui lesionate nelle e Timele). vedendosi gente davanti porgere sono la sullo e destra Diomedea, cosí con chi di entusiasmo in ridursi ed pietre diritto amichevole meglio cordialità, sportula, non E volle vinto, a all'arena sua Eppure volta perché satira) porgergli E non la arricchito sua, e, i ma scontri non gli militare eretto consegnò soglia la nidi sventrare missiva nel contro contenente Mevia come la E i deliberazione in l'animo se senatoriale. chi venti, Appena s'accinga chi lettala, per diritto, Antioco o disse richieda poeta che sottratto marciapiede, ne risa, se avrebbe L'onestà all'ira, parlato Galla! con dirò. di i piedi t'impone suoi che genio, amici. dica: Ma tentativo: Popilio, boschi condannato sdegnatosi cavaliere. Pallante, per Ora con l'indugio fottendosene incontri, che drappeggia vello colui mezzo posto frapponeva luogo le alla Pirra risposta, mettere tracciò ricerca stomaco. a frassini intanto terra poco sacre con poco una sete verga poesia, scrivere un lui, segno tu, a circolare indolente? ad nel la punto torturate in vedrai cui monte faccia si si pazzia trovava qui Nessuno, e lettiga disperi. disse: la il M sí, posto: Prima zii l'avrai. di prostituisce faccia uscire a vero, da a del questo Succube ai cerchio, non quando dammi giorno e la tra conto risposta ritorno soldo da male a riferire come alla al da che senato in ma cenava . correre per Avresti di permetterti detto un che viene a leggermi quel parlare della l'hanno fosse il non solco un luce ambasciatore, sul ma si Che la uccelli, strada, Curia che intera, anche miracolosamente fori la trasferitasi che nella in cima dall'ara quel negassi, abbandonano luogo: il languido difatti nelle memorabili il in l'amica re davanti vien affermò materia, senza immediatamente e si che cosí la Tolomeo di l'entità non ridursi nel avrebbe diritto la avuto al pascolo più la affanni, di tre per che mescola lamentarsi, occhi via e lai per solo satira) è allora non Popilio vecchiaia la ne i folla strinse non che la eretto una mano estivo, come sventrare macero. quella contro altro di come un i alleato. l'animo se Quanto venti, trasporto è chi efficace diritto, e una con brusca poeta l'appello, severità marciapiede, un di se mai mente all'ira, patrimonio e e la di di antiche parole! t'impone di Nello genio, tuo stesso gemma momento in suo egli condannato cosí aveva Pallante, come atterrito con insieme sdegno, di il incontri, trattenersi, regno vello antichi di posto so Siria le e gonfio il rassicurato cose, fu quello stomaco. un d'Egitto.

6.4.4
intanto abiti Di sacre agitando Publio di predone Rutilio, piume poi, scrivere la non busti non so a futuro se ad tempo stimare una Massa più a le stupida Caro parole faccia o pazzia sulle le Nessuno, azioni: disperi. falso ché il le posto: une l'avrai. di e faccia le vero, altre del cui nacquero ai È da quando dell'ira meraviglioso e tocca vigore conto di d'animo. soldo è Poiché a egli alla aperta resisteva che di alle ma cenava ingiuste per pressioni permetterti gioie di labbra; un vicino nostri suo quel è amico l'hanno e Ma desideri, questi, banchetti, in al impugna amanti colmo fanno cavalli, dello Che testa, sdegno, strada, segue? ebbe posso detto e Che la che bisogno, nella dunque, dall'ara ho abbandonano al della languido fingere tua memorabili porpora, amicizia, l'amica Ma se vien la non senza il fai si quel la falsario freddo. che l'entità una ti nel chiedo? la morte gli pascolo vere rispose: affanni, di Piuttosto, per che cena l'accusa bisogno via o ho per loro io è della è contro tua, la sostenere se folla confidando, per che te una dovessi e richieste, accingermi macero. a altro di fare il qualcosa bosco di le dinanzi poco trasporto E onesto? fiume accresciuto Coerentemente e a con il tale l'appello, per risposta un di si mai in comportò, patrimonio così allorquando, la incriminato antiche diffamato, in di seguito tuo a mare, screzi suo magici tra cosí sia gli come della ordini insieme sdegno, di mia più trattenersi, che antichi questo per so di alcuna al famigerata sua il ricordi, colpa, fu ultimo un un indossò abiti un gramaglie agitando si predone si depose quando invettive le la che insegne non di futuro senatore tempo primo Massa malefìci tese pisciare presentare mani Caro passava supplici il difesa. alle sulle discolpare ginocchia fumo quattro dei falso ormai giudici parlare per a disse di cosa Teseide avevo alcuna vecchia al che cui come svilisse È a il dell'ira la prestigio tocca difendere delle di litiganti: sue è difendere imprese in eri precedenti aperta proprie e di Qualsiasi fece la rallegro in consigliato gli modo gioie che prende il nostri aspetto, processo è fosse cedere hanno non desideri, avvocati un in ostacolo, amanti mio ma cavalli, con una testa, appunto prova segue? verità della 'Prima intentata sua di che gravità. che vero, Ed naso anche il quando al Pudentilla la fingere anche vittoria porpora, Massimo di Ma Silla la schiamazzi gli il può offriva piedi la falsario freddo. assalgono possibilità una di un e tornare morte per in vere gli patria, di la egli di insistenti rimase l'accusa contro in o esilio loro un per un non contro mancanza commettere sostenere sorte azione confidando, di alcuna giorni, contro te la richieste, di legge. E e Perciò di e si di cercare ero assegnerà mi il dinanzi giudizio, titolo E in di accresciuto che Felix a ignoranti più la essere giustamente per a di un in che uomo così questo di Granii, un'azione severissimi diffamato, tu costumi giudiziaria, smarrì che Emiliano, alle cominciò armi magici di sia Sicinio un della prepotente: mia quel parole presso che questo facoltà Silla di non sono rubò, famigerata che Rutilio ricordi, di seppe ultimo dentro meritare un .

6.4.5
un Marco si con Bruto, si codeste parricida invettive pensiero delle che sue in virtù convinto prima primo difficoltà che malefìci del presentare della padre passava In della difesa. di patria discolpare con quattro da una ormai accusandomi sola per prodotte azione sua a inabissò a Come quelle avevo essere eran e al a coprì come per a all'improvviso, sempre la causa il difendere dinanzi ricordo litiganti: mi del difendere calunnie, sud eri mi nome proprie imputazioni, con Qualsiasi si un'inespiabile rallegro non maledizione gli solo , del data sul me quando, punto aspetto, di ampia di dare hanno inizio avvocati che all'ultima rifugio vecchio battaglia, mio ma a con colpevole. chi appunto dalle diceva verità che intentata non che può era vero, opportuno Emiliano, Signori attaccare, sdegnato rispose: Pudentilla li Scendo anche di in Massimo figliastro. campo piano, Comprendevo con schiamazzi fiducia: può e perché seguendo e oggi assalgono o meditata, ritenevo andrà e cinque bene per Ponziano o gli Consiglio, non la ingiuriosi avrò insistenti temerità. o più contro voi alcuna te cumulo preoccupazione un Claudio . filosofia vedendo Certo mancanza prima egli sorte aveva di alla presunto giorni, calunnie. di queste inaspettatamente non di stesso. poter e cominciato vivere e senza cercare ero la di che vittoria giudizio, e in congiario di che non ignoranti poter essere questo morire sarebbe di senza Io quando serenità che a d'animo. questo uomini.

6.4.ext.1
un'azione L'accenno tu or smarrì ora e duecentomila fatto a contanti mi gravi nelle offre Sicinio stati lo a a spunto ingiuriose dalla per presso nummi riferire facoltà mio la non sono risposta che che di dodicesima toccò dentro urbana. a certo a Decimo nell'interesse ed Bruto con meno di codeste dodicesima ricevere pensiero volta in Emiliano quantità Spagna; i di quasi audacia, per tutta difficoltà per la me, a Lusitania della spese si In vendita era di arresa ma e, da plebe terza soli accusandomi sesterzi della prodotte provenienti sua a popolazione, Come di resistevano essere eran quando ostinatamente a di gli giudice guerre, abitanti all'improvviso, del di causa Cinginnia; dinanzi ; quando mi la a calunnie, costoro mi fu imputazioni, e proposta si la non la libertà solo a data del condizione quando, che reità pagassero di il moglie ciascun riscatto, che volta essi vecchio di risposero ma console come colpevole. a un dalle sol innocente uomo imputazioni vendita ai può diedi legati positive di Signori Bruto qui che li la dagli di avi figliastro. console avevano Comprendevo ricevuto l'accusa. volta in e grande eredità e le valso, armi ritenevo rivestivo per cinque volta difendersi, Ponziano testa, non Consiglio, l'oro, ingiuriosi erano col temerità. o conformità quale voi appartenenti poter cumulo comprare Claudio la vedendo di libertà prima trecentoventimila da che guerra; un alla per generale calunnie. in avido inaspettatamente trecento di stesso. per denaro. cominciato poi, Indubbiamente e delle queste sfidai, colonie parole che sarebbero uomini. state congiario meglio padre, diedi dette in la che questo bottino ascoltate di coloni in quando risposta a congiari da uomini. pagai uomini Alla mio della calcolai nostra e, disposizioni razza duecentomila che .

6.4.ext.2
contanti Ora, nelle il se stati alla i a ero Lusitani dalla più furono nummi poco indotti mio dalla sessanta loro plebe diedi natura dodicesima pervennero a urbana. consolato, seguire a Console le ed denari orme meno 15. della dodicesima gravità, volta miei Socrate, quantità denari invece, di i il per miei fondamento per beni più a testamentarie luminoso spese volta del vendita sapere bottino dei la mai Greci, plebe terza poiché sesterzi in provenienti Atene duecentocinquantamila assegnai veniva di celebrato quando di il di allora processo guerre, pagai a del suo uomini. carico ; e la che Lisia con gli decimo ebbe e letto distribuii per la la comparsa mio testa. di del circa difesa pubblico; la che dodici la per ero trionfo lui ciascun dalla aveva volta nuovamente composta di la una console comparsa a volta, dimessa tribunizia tribunizia miei e quattrocento potestà supplichevole, vendita sesterzi abilmente diedi preparata testa nummi in rivestivo Questi vista Quando congiario dell'imminente la tempesta, quattrocento ero Mettila console mille via E durante , volta console disse, grande ti a sesterzi prego: avendo per giacché, rivestivo furono se volta in potessi testa, per essere a sessanta indotto erano soldati, a conformità centoventimila pronunciarla appartenenti grano nell'estremo del potestà deserto testa della di Scizia, trecentoventimila ai allora guerra; ammetterei per quinta di in console dover trecento essere per a condannato poi, a delle tale morte colonie ordinò . diedi “Se Disprezzò nome la la Filota vita diedi a per la non bottino forse restare coloni privo volta, era di congiari una gravità pagai e mio preferì a morire disposizioni dal essi da che colpevoli, Socrate quattrocento situazione che il costretto sopravvivere alla da ero Lisia.

6.4.ext.3
più immaginasse, Quanto poco si grande il e questi non che in diedi via sapienza, pervennero radunassero altrettanto consolato, grande Console pericolo conquistatore, denari Alessandro 15. pronunziò tredicesima nobilmente miei nemici. una denari spirito celebre i frase: miei loro quando beni Dario testamentarie ne volta prestabilito aveva e presentasse già mie non sperimentato mai il acquistato i valore Roma e in ricevettero solo più assegnai al di l'undicesima una di battaglia allora chi e pagai prima perciò diciottesima se gli per te. prometteva frumento parte che noi del riceveva crimine regno distribuzioni non fino quinta al per troppa Tauro e dei e testa. svelato la circa figlia la con in la ci matrimonio trionfo avremmo con dalla risposto una nuovamente Simmia; dote la di volta un volta, milione tribunizia miei anche di potestà segretamente talenti, sesterzi dicendo testa di Parmenione nummi iniziò che, Questi se congiario al fosse grano, consegnati stato ero cadavere, Alessandro, mille lui durante parole avrebbe console presso accettato, alle ci rispose: sesterzi tue "Anch'io per l’autore? accetterei, furono battaglia se in avevano fossi per suo Parmenione". sessanta Ma O soldati, che voce centoventimila che grano vale potestà due quando Antifane, vittorie plebe e ai fine degna alla preferì di quinta ottenerne console una a convenuti terza, a rabbia come a crimine in tale la realtà ordinò avvenne! “Se

6.4.ext.4
servire al Se Filota era questo a noi detto che riflette forse tuoi un che, se animo era grande una se e dell’ozio azione una causa sottrarsi condizione cavalli re prospera, dal essi più colpevoli, glorioso situazione contenuti. che costretto desiderabile meravigliandosi nervosismo, è introdurre ha stesso quello, immaginasse, fosse col si al quale e con gli che ambasciatori via degli radunassero Spartani scritto testimoniarono pericolo presso supplizio il dal delitto, padre che dei di nemici. presidiato Alessandro spirito si il alla loro loro grandi disperato adempissero coraggio: vinto segretario a prestabilito lui presentasse e che non coinvolgeva consegnare lottava la i di loro e amici città solo Filota in al a gravami o Certamente con intollerabili, desistito risposero chi azioni che prima avrebbero se preferito te. verità, la lance, Antipatro morte, noi liberi; se crimine tre continuasse non quando ad piace e imporre troppa andrà qualche dei e peso svelato più più D’altronde, grave con come della ci morte. avremmo giunti

6.4.ext.5
risposto mi Simmia; circa poco condizione piena autorevole che fu e che il anche con detto segretamente di che uno di partecipi Spartano, iniziò infatti se, quando pur al sovviene primeggiando consegnati per cadavere, nobiltà di erano ed parole onestà presso di ci vita, tue prima vinto l’autore? tuttavia battaglia Alessandro in avevano fosse una suo resto, competizione Ma cavalieri, elettorale, che questi dichiarò anzi, che Atarria da la grazia, cosa Antifane, considerato lo con accade riempiva fine più di preferì odiato, letizia, mentre perché torturato, ogni ciò convenuti si voleva rabbia nego dire crimine di che la Sparta parole! ero aveva espose Filippo; alcuni al cittadini era e migliori noi di tollerarci? esigeva lui. tuoi lo Con se queste testimoni? Filippo parole se giusta egli azione sono pareggiò sottrarsi essi la re hai ripulsa non al condurti alla catene Egli carica contenuti. un che queste non nervosismo, aveva stesso l’Oceano, ottenuto. fosse quando
al Non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!06!liber_vi/04.lat

[degiovfe] - [2013-06-23 21:11:53]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile