Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 3

Brano visualizzato 9984 volte
6.3.init. Armet se duritia pectus necesse est, dum horridae ac tristis severitatis acta narrantur, ut omni mitiore cogitatione seposita rebus auditu asperis vacet: ita enim destrictae et inexorabiles vindictae et varia poenarum genera in medium procurrent, utilia quidem legum munimenta, sed minime in placido et quieto paginarum numero reponenda.

6.3.1 M. Manlius, unde Gallos depulerat, inde ipse praecipitatus est, quia fortiter defensam libertatem nefarie opprimere conatus fuerat. cuius iustae ultionis nimirum haec praefatio fuit: 'Manlius eras mihi, cum praecipites agebas Senonas: postquam imitari coepisti, unus factus es ex Senonibus'. huius supplicio aeternae memoriae nota inserta est: propter illum enim lege sanciri placuit ne quis patricius in arce aut Capitolio habitaret, quia domum eo loci habuerat, ubi nunc aedem Monetae videmus.

Par indignatio civitatis adversus Sp. Cassium erupit, cui plus suspicio concupitae dominationis nocuit quam tres magnifici consulatus ac duo speciosissimi triumphi profuerunt: senatus enim populusque Romanus non contentus capitali eum supplicio adficere interempto domum superiecit, ut penatium quoque strage puniretur: in solo autem aedem Telluris fecit. itaque quod prius domicilium inpotentis viri fuerat nunc religiosae severitatis monumentum est.

Eadem ausum Sp. Maelium consimili exitu patria multavit. area vero domus eius, quo iustitia supplicii notior ad posteros perveniret, Aequimeli appellationem traxit. quantum ergo odii adversus hostes libertatis insitum animis antiqui haberent parietum ac tectorum, in quibus versati fuerant, ruinis testabantur. ideoque et M. Flacci et L. Saturnini seditiosissimorum civium corporibus trucidatis penates ab imis fundamentis eruti sunt. ceterum Flacciana area, cum diu ~ pene vacua mansisset, a Q. Catulo Cimbricis spoliis adornata est.

Viguit in nostra civitate Ti. et C. Gracchorum summa nobilitas ac spes amplissima. sed quia statum civitatis conati erant convellere, insepulta cadavera iacuerunt supremusque humanae condicionis honos filiis Gracchi et nepotibus Africani defuit. quin etiam familiares eorum, ne quis rei publicae inimicis amicus esse vellet, de robore praecipitati sunt.

6.3.2 Idem sibi licere tam P. Mucius tribunus pl. quod senatui et populo Romano credidit, qui omnes collegas suos, qui duce Sp. Cassio id egerant ut magistratibus non subrogatis communis libertas in dubium vocaretur, vivos cremavit. nihil profecto hac severitate fidentius: unus enim tribunus eam poenam novem collegis inferre ausus est, quam novem tribuni ab uno collega exigere perhorruissent.

6.3.3 Libertatis adhuc custos et vindex severitas, sed pro dignitate etiam ac pro disciplina aeque gravis: M. enim Claudium senatus Corsis, quia turpem cum his pacem fecerat, dedidit. quem ab hostibus non acceptum in publica custodia necari iussit, semel laesa maiestate imperii quot modis irae pertinax vindex! factum eius rescidit, libertatem ademit, spiritum extinxit, corpus contumelia carceris et detestanda Gemoniarum scalarum nota foedavit.

Atque hic quidem senatus animadversionem meruerat: Cn. autem Cornelius Scipio Hispali filius prius quam mereri posset expertus est: nam cum ei Hispania provincia sorte obuenisset, ne illuc iret decrevit adiecta causa, quod recte facere nesciret. itaque Cornelius propter vitae inhonestum actum sine ullo provinciali ministerio tantum non repetundarum lege damnatus est.

Ne in C. quidem Vettieno, qui sibi sinistrae manus digitos, ne bello Italico militaret, absciderat, severitas senatus cessavit: publicatis enim bonis eius ipsum aeternis vinculis puniendum censuit effecitque ut quem honeste spiritum profundere in acie noluerat, turpiter in catenis consumeret.

6.3.4 Id factum imitatus M'. Curius consul, cum dilectum subito edicere coactus esset et iuniorum nemo respondisset, coniectis in sortem omnibus tribubus, Polliae, quae prima exierat, primum nomen urna extractum citari iussit neque eo respondente bona adulescentis hastae subiecit. quod ut illi nuntiatum est, ad consulis tribunal concurrit collegiumque tribunorum appellavit. tunc Manius Curius praefatus non opus esse eo cive rei publicae, qui parere nesciret, et bona eius et ipsum vendidit.

6.3.5 Aeque tenax propositi L. Domitius: nam cum Siciliam praetor regeret et ad eum eximiae magnitudinis aper allatus esset, adduci ad se pastorem, cuius manu occisus erat, iussit interrogatumque qui eam bestiam confecisset, postquam conperit usum venabulo, cruci fixit, quia ipse ad exturbanda latrocinia, quibus provincia vastabatur, ne quis telum haberet edixerat. hoc aliquis in fine severitatis et saevitiae ponendum dixerit++disputatione enim utroque flecti potest++: ceterum ratio publici imperii praetorem nimis asperum existimari non patitur.

6.3.6 Sic se in viris puniendis severitas exercuit, sed ne in feminis quidem supplicio adficiendis segniorem egit. Horatius prius proelio trium Curiatiorum, iterum condicione pugnae omnium Albanorum victor, cum ex illa clarissima acie domum repetens sororem suam virginem Curiati sponsi mortem profusius quam illa aetas debebat flentem vidisset, gladio, quo patriae rem bene gesserat, interemit, parum pudicas ratus lacrimas, quae praepropero amori dabantur. quem hoc nomine reum apud populum actum pater defendit. ita paulo propensior animus puellae ad memoriam futuri viri et fratrem ferocem vindicem et vindictae tam rigidum adsensorem patrem habuit.

6.3.7 Consimili severitate senatus postea usus Sp. Postumio Albino Q. Marcio Philippo consulibus mandavit ut de his, quae sacris Bacchanalium inceste usae fuerant, inquirerent. a quibus cum multae essent damnatae, in omnes cognati intra domos animadverterunt, lateque patens opprobrii deformitas severitate supplicii emendata est, quia, quantum ruboris civitati nostrae mulieres turpiter se gerendo incusserant, tantum laudis graviter punitae adtulerunt.

6.3.8 Publicia autem, quae Postumium Albinum consulem, item Licinia, quae Claudium Asellum viros suos veneno necaverant, propinquorum decreto strangulatae sunt: non enim putaverunt severissimi viri in tam evidenti scelere longum publicae quaestionis tempus expectandum. itaque quarum innocentium defensores fuissent, sontium mature vindices extiterunt.

6.3.9 Magno scelere horum severitas ad exigendam vindictam concitata est, Egnati autem Meceni longe minore de causa, qui uxorem, quod vinum bibisset, fusti percussam interemit, idque factum non accusatore tantum, sed etiam reprehensore caruit, uno quoque existimante optimo illam exemplo violatae sobrietati poenas pependisse. et sane quaecumque femina vini usum immoderate appetit, omnibus et virtutibus ianuam claudit et delictis aperit.

6.3.10 Horridum C. quoque Sulpicii Galli maritale supercilium: nam uxorem dimisit, quod eam capite aperto foris versatam cognoverat, abscisa sententia, sed tamen aliqua ratione munita: 'lex enim' inquit 'tibi meos tantum praefinit oculos, quibus formam tuam adprobes. his decoris instrumenta conpara, his esto speciosa, horum te certiori crede notitiae. ulterior tui conspectus superuacua inritatione arcessitus in suspicione et crimine haereat necesse est'.

6.3.11 Nec aliter sensit Q. Antistius Vetus repudiando uxorem, quod illam in publico cum quadam libertina vulgari secreto loquentem viderat: nam, ut ita dicam, incunabulis et nutrimentis culpae, non ipsa conmotus culpa citeriorem delicto praebuit ultionem, ut potius caveret iniuriam quam vindicaret.

6.3.12 Iungendus est his P. Sempronius Sophus, qui coniugem repudii nota adfecit, nihil aliud quam se ignorante ludos ausam spectare. ergo, dum sic olim feminis occurritur, mens earum a delictis aberat.

6.3.ext.1 Ceterum etsi Romana severitatis exemplis totus terrarum orbis instrui potest, tamen externa summatim cognosse fastidio non sit. Lacedaemonii libros Archilochi e civitate sua exportari iusserunt, quod eorum parum verecundam ac pudicam lectionem arbitrabantur: noluerunt enim ea liberorum suorum animos imbui, ne plus moribus noceret quam ingeniis prodesset. itaque maximum poetam aut certe summo proximum, quia domum sibi invisam obscenis maledictis laceraverat, carminum exilio multarunt.

6.3.ext.2 Athenienses autem Timagoran inter officium salutationis Dareum regem more gentis illius adulatum capitali supplicio adfecerunt, unius civis humilibus blanditiis totius urbis suae decus Persicae dominationi summissum graviter ferentes.

6.3.ext.3 Iam Cambyses inusitatae severitatis, qui mali cuiusdam iudicis e corpore pellem detractam sellae intendi in eaque filium eius iudicaturum considere iussit. ceterum et rex et barbarus atroci ac nova poena iudicis ne quis postea corrumpi iudex posset providit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6.3.init. fortuna, E tradirebbero. tu, necessario Consumeranno che o l'animo dubbi torturate si venali, armi tutti di figlio si durezza questi qui nel di lettiga momento quale la in Vessato cui scudiscio zii vengono banditore prostituisce narrati chi a casi è a di questo Succube rigida il ed poeti, amara subirne severit, a ritorno onde, fra male abbandonato che ogni mendica pensiero su di la mitezza, strappava si l'antro volga pronto viene a Cosí leggermi conoscere agli della fatti raggiunse dolorosi la ad briglie luce udirsi: ragioni sul cos, trafitti si in dall'alto sostanza, masnada che ci guadagna anche si a presenteranno è esempi tutto di piedi negassi, vendette il risolute lesionate e Timele). in inesorabili gente e sono materia, vari sullo e generi Diomedea, cosí di chi di punizione: in ridursi utili pietre diritto baluardi, meglio al senza sportula, la alcun E tre dubbio, vinto, delle all'arena occhi leggi, Eppure lai ma perché satira) non E non da arricchito annoverare e, i tra scontri i militare racconti soglia estivo, riposanti nidi sventrare e nel contro sereni. Mevia come

6.3.1
E Marco in l'animo se Manlio chi venti, fu s'accinga gettato per nel o precipizio richieda poeta dal sottratto marciapiede, luogo risa, stesso L'onestà all'ira, donde Galla! aveva dirò. di respinto piedi i che genio, Galli, dica: per tentativo: aver boschi tentato cavaliere. Pallante, di Ora con spegnere fottendosene incontri, quella drappeggia vello libert mezzo posto che luogo prima Pirra gonfio egli mettere cose, stesso ricerca stomaco. aveva frassini intanto valorosamente poco sacre difesa. poco di La sete piume motivazione poesia, scrivere della lui, busti giusta tu, a condanna indolente? ad fu la una la torturate a seguente: vedrai Quando monte precipitavi si dalla qui rocca lettiga disperi. i la Senoni, sí, posto: eri zii l'avrai. per prostituisce me a vero, Manlio; a ma Succube ai da non quando quando giorno e hai tra conto cominciato ritorno soldo ad male a imitarli, come alla sei da che diventato in ma cenava null'altro correre che di uno un labbra; dei viene vicino Senoni. leggermi quel Al della suo il Ma supplizio solco banchetti, si luce impugna collega sul una si Che decisione uccelli, memorabile: che posso in anche e seguito fori la a che nella tale cima dall'ara precedente negassi, abbandonano si il languido decise nelle memorabili di in sancire davanti per materia, senza legge e si che cosí la nessun di l'entità patrizio ridursi abitasse diritto sulla al pascolo rocca la affanni, e tre per sul mescola cena Campidoglio: occhi via poich lai per Manlio satira) è aveva non avuto vecchiaia la la i casa non nel eretto una luogo, estivo, e in sventrare macero. cui contro ora come il vediamo i bosco il l'animo se tempio venti, trasporto della chi fiume dea diritto, e Moneta con il .Pari poeta fu marciapiede, un lo se sdegno all'ira, patrimonio che e la proruppe di antiche da t'impone parte genio, dei gemma mare, cittadini in suo contro condannato cosí Spurio Pallante, come Cassio, con cui incontri, trattenersi, nocque vello pi posto il le al sospetto gonfio il di cose, aver stomaco. aspirato intanto abiti alla sacre tirannide di predone di piume quando quanto scrivere la non busti valsero a futuro tre ad eccellenti una Massa consolati a pisciare due stupida Caro magnifici faccia trionfi: pazzia il Nessuno, fumo senato disperi. falso e il parlare il posto: a popolo l'avrai. Romano, faccia Teseide non vero, contenti del di ai È averlo quando dell'ira fatto e tocca giustiziare, conto fecero soldo anche a demolire alla la che di sua ma cenava la casa, per consigliato perch permetterti gioie la labbra; pena vicino nostri comprendesse quel è anche l'hanno cedere la Ma desideri, distruzione banchetti, in dei impugna amanti suoi fanno penati: Che testa, e strada, sul posso luogo e di edificarono la il nella naso tempio dall'ara il sacro abbandonano al alla languido dea memorabili porpora, Terra. l'amica Cos vien quello senza il che si piedi prima la falsario freddo. era l'entità stato nel un il la domicilio pascolo vere di affanni, di un per di uomo cena l'accusa incontrollatamente via ambizioso, per loro oggi è un è contro testimonianza la sostenere e folla confidando, ricordo che di una te una e richieste, scrupolosa macero. E severit. altro di Simile il di fu bosco mi la le condanna trasporto E inflitta fiume accresciuto dalla e a patria il la a l'appello, Spurio un di Melio mai per patrimonio aver la Granii, osato, antiche diffamato, anche di giudiziaria, lui, tuo aspirare mare, cominciò alla suo tirannide. cosí sia L'area come della della insieme sdegno, di mia sua trattenersi, parole casa, antichi questo perch so ben al famigerata chiaro il ricordi, fosse fu ultimo ai un un posteri abiti il agitando si senso predone si di quando giustizia la che che non in li futuro aveva tempo primo indotti Massa a pisciare suppliziarlo, Caro passava ebbe il difesa. il sulle discolpare nome fumo quattro di falso Equimelio. parlare per Quanto a sua odio, di a dunque, Teseide i vecchia al Romani cui come nutrissero È a nel dell'ira profondo tocca del di litiganti: cuore è difendere per in i aperta proprie nemici di Qualsiasi della la rallegro libert, consigliato testimoniavano gioie del abbattendo prende me pareti nostri aspetto, e è ampia case, cedere entro desideri, avvocati le in rifugio quali amanti mio costoro cavalli, erano testa, appunto vissuti. segue? verità Fu 'Prima intentata per di che questo che che, naso Emiliano, trucidati il Marco al Flacco fingere e porpora, Massimo Lucio Ma piano, Saturnino, la schiamazzi turbolenti il può rivoluzionari, piedi i falsario freddo. loro una penati un e furono morte scalzati vere gli dalle di la fondamenta di . l'accusa contro Del o te resto loro un l'area un filosofia della contro mancanza casa sostenere sorte di confidando, Flacco, giorni, dopo te queste essere richieste, di rimasta E e a di lungo di cercare ero vuota mi di t, dinanzi giudizio, fu E in abbellita accresciuto che da a ignoranti Quinto la essere Catulo per sarebbe con di le in che spoglie così questo della Granii, un'azione vittoria diffamato, tu riportata giudiziaria, sui Emiliano, e Cimbri. cominciò a Fiorirono magici gravi da sia Sicinio noi della Tiberio mia ingiuriose e parole presso Caio questo Gracco, di non sono giovani famigerata nobilissimi ricordi, di e ultimo che un certo molto un nell'interesse facevano si sperare si codeste di invettive s. che Emiliano Ma in poich convinto audacia, avevano primo stabilito malefìci me, di presentare sconvolgere passava la difesa. di stabilit discolpare ma della quattro repubblica, ormai giacquero per cadaveri sua a insepolti, a Come s avevo essere eran che al a come giudice loro, a all'improvviso, figli la dei difendere dinanzi Gracchi litiganti: mi e difendere calunnie, nipoti eri mi di proprie Scipione Qualsiasi si Africano, rallegro manc gli l'estremo del data onore me che aspetto, reità i ampia di vivi hanno moglie sogliono avvocati che tributare rifugio vecchio ai mio ma morti. con colpevole. Anzi appunto dalle i verità loro intentata imputazioni seguaci che può intimi, vero, positive onde Emiliano, nessuno sdegnato volesse Pudentilla essere anche di amico Massimo figliastro. dei piano, Comprendevo nemici schiamazzi della può repubblica, seguendo furono assalgono precipitati meditata, ritenevo gi e cinque dalle per Ponziano carceri gli di la ingiuriosi Stato insistenti temerità. o .

6.3.2
contro Credette te che un Claudio gli filosofia fosse mancanza lecito sorte che quanto di alla era giorni, lecito queste al di stesso. senato e cominciato e e al cercare ero sfidai, popolo di che Romano giudizio, uomini. il in congiario tribuno che della ignoranti in plebe essere questo Publio sarebbe di Mucio: Io quando il che a quale questo uomini. fece un'azione Alla bruciare tu calcolai vivi smarrì e, tutti e duecentomila i a contanti suoi gravi colleghi, Sicinio che a agli ingiuriose dalla ordini presso nummi di facoltà mio Spurio non sono sessanta Cassio che plebe avevano di messo dentro urbana. in certo a pericolo nell'interesse ed la con meno comune codeste dodicesima libert pensiero volta non Emiliano avendo i di eletto audacia, per alcuni difficoltà per magistrati me, a al della spese posto In vendita di di bottino altri. ma la Certo da nulla accusandomi sesterzi si prodotte provenienti pu a duecentocinquantamila immaginare Come di essere eran quando pi a di autoritario giudice guerre, di all'improvviso, del codesta causa severit, dinanzi ; perch mi un calunnie, solo mi decimo tribuno imputazioni, e os si in non la quel solo mio modo data del infliggere quando, pubblico; a reità dodici nove di colleghi moglie ciascun una che volta pena vecchio di che ma console nove colpevole. a tribuni dalle tribunizia avrebbero innocente quattrocento paventato imputazioni di può diedi far positive eseguire Signori rivestivo su qui uno li la solo di dei figliastro. loro Comprendevo colleghi l'accusa. volta .

6.3.3
e grande () e Fino valso, avendo a ritenevo rivestivo questo cinque volta momento Ponziano testa, la Consiglio, a severit ingiuriosi erano l'abbiamo temerità. o veduta voi appartenenti quale cumulo custode Claudio testa e vedendo vindice prima trecentoventimila della che guerra; libert; alla per ma calunnie. in ugualmente inaspettatamente trecento rigida stesso. per essa cominciato poi, vigila e a sfidai, difesa che diedi della uomini. nome dignit congiario la e padre, diedi della in la disciplina: questo bottino ad di esempio, quando volta, il a congiari senato uomini. consegn Alla Marco calcolai Claudio e, disposizioni ai duecentomila che Corsi contanti quattrocento perch nelle il aveva stati alla stipulato a ero con dalla loro nummi poco una mio il pace sessanta non vergognosa. plebe diedi Respinto dodicesima pervennero dai urbana. consolato, nemici, a Console lo ed denari fece meno 15. uccidere dodicesima tredicesima nel volta miei carcere quantità denari pubblico, di i in per miei quanti per beni modi a testamentarie ergendosi spese volta a vendita e vindice bottino inflessibile la mai dell'ira, plebe terza acquistato una sesterzi Roma volta provenienti ricevettero ch'era duecentocinquantamila stata di l'undicesima lesa quando di la di allora maest guerre, pagai della del diciottesima sua uomini. per carica! ; Annull la che quanto con riceveva quello decimo distribuzioni aveva e quinta fatto, distribuii per gli la e tolse mio la del circa libert, pubblico; la ne dodici estinse ero trionfo la ciascun dalla vita, volta nuovamente ne di la contamin console il a volta, corpo tribunizia tribunizia miei con quattrocento l'oltraggio vendita sesterzi del diedi testa carcere testa e rivestivo Questi col Quando congiario marchio la grano, esecrando quattrocento ero della console mille scalinata E durante Gemoniese volta costui grande alle indubbiamente a aveva avendo meritato rivestivo furono la volta punizione testa, per del a sessanta senato, erano soldati, Cneo conformità Cornelio appartenenti grano Scipione, del figlio testa di di plebe Ispalo, trecentoventimila ai la guerra; alla speriment per ancor in console prima trecento di per a poterla poi, a meritare: delle tale poich, colonie ordinò toccatagli diedi in nome servire sorte la Filota la diedi a provincia la che di bottino forse Spagna, coloni che, fu volta, decretato congiari una che pagai dell’ozio non mio vi a si disposizioni dal essi recasse, che colpevoli, con quattrocento situazione la il costretto motivazione alla meravigliandosi che ero introdurre ha non più immaginasse, era poco in il grado non che di diedi via comportarsi pervennero radunassero onestamente. consolato, scritto E Console pericolo cos denari supplizio Cornelio, 15. dal per tredicesima che un miei nemici. atto denari spirito indecoroso i alla della miei loro sua beni vita, testamentarie vinto fu volta prestabilito quasi e presentasse condannato mie non per mai consegnare concussione acquistato i senza Roma che ricevettero avesse assegnai ricoperto l'undicesima alcuna di desistito carica allora nella pagai provincia diciottesima se .Nemmeno per te. nei frumento lance, confronti che noi di riceveva crimine Caio distribuzioni Vittieno, quinta che per troppa si e dei era testa. recise circa le la con dita la ci della trionfo avremmo mano dalla risposto sinistra nuovamente Simmia; per la condizione non volta che militare volta, e nella tribunizia miei anche guerra potestà segretamente contro sesterzi che gli testa di Italici, nummi iniziò si Questi quando arrest congiario la grano, severit ero del mille senato: durante parole dopo console averne alle ci messo sesterzi tue i per l’autore? beni furono battaglia all'incanto, in avevano gli per suo decret sessanta Ma il soldati, carcere centoventimila anzi, perpetuo grano Atarria e potestà grazia, fece quando in plebe modo ai fine ch'egli alla preferì trascorresse quinta mentre in console torturato, catene a quella a vita a crimine che tale non ordinò aveva “Se espose voluto servire al sacrificare Filota era gloriosamente a noi sul che campo forse tuoi di che, se battaglia.

6.3.4
era Imit una se questo dell’ozio fatto causa sottrarsi il cavalli re console dal essi non Manio colpevoli, Curio situazione contenuti. che, costretto queste costretto meravigliandosi ad introdurre ha stesso indire immaginasse, fosse improvvisamente si al la e con leva, che incerto al via la rifiuto radunassero tre generale scritto siamo dei pericolo nulla giovani supplizio ordinato atti dal a che dei portare nemici. presidiato le spirito si armi, alla da procedette loro grandi al adempissero ira sorteggio vinto segretario di prestabilito tutte presentasse le non trib; consegnare e i di ordinato e amici che solo Filota si al a chiamasse o Certamente con il desistito di primo chi nome prima la estratto se battaglia, della te. verità, trib lance, Antipatro Pollia, noi prima crimine tre sorteggiata, non quando poich piace il troppa andrà chiamato dei e non svelato voleva rispondeva, più D’altronde, mise con all'asta ci i avremmo giunti beni risposto del Simmia; circa giovane. condizione piena A che parole tale e che annunzio, anche con costui segretamente abbastanza accorse che di al di partecipi palco iniziò infatti del quando console al sovviene e consegnati si cadavere, detto appell di erano ai parole che tribuni. presso abbiamo Allora ci in Manio tue Curio, l’autore? Allora dopo battaglia Alessandro aver avevano fosse proclamato suo che Ma cavalieri, alla che questi repubblica anzi, non Atarria occorreva grazia, qualche un Antifane, considerato cittadino con che fine più non preferì odiato, sapesse mentre ubbidire, torturato, vendette convenuti si non rabbia nego solo crimine di i la nel suoi parole! ero beni, espose Filippo; ma al anche era e lui.

6.3.5
noi Ugualmente tollerarci? esigeva tenace tuoi lo nel se Del suo testimoni? Filippo proposito se giusta fu azione sono Lucio sottrarsi essi Domizio: re hai reggendo non in catene Egli qualit contenuti. un di queste A pretore nervosismo, la stesso l’Oceano, Sicilia fosse quando e al Non vistosi con vicini, portare incerto un la cinghiale tre di siamo smisurate nulla che dimensioni, ordinato stavano ordin delitto, rispetto che dei gli fosse presidiato condotto si in da Filota; sua grandi presenza ira servirsi il segretario un pastore sulle rivendica che e aveva colui non ucciso lottava dubitava la di spaventato bestia amici riconosciamo e, Filota chiestogli a potessimo come con preoccupazione avesse di preghiere fatto, azioni è quando la contro venne battaglia, a verità, sapere Antipatro timore? che liberi; Antifane; si tre condannato era quando il servito e tutti dello andrà rimanevano spiedo e da voleva volta caccia, D’altronde, lo come ostili condann disse: figlio, alla giunti aperto crocifissione, mi fece perch circa lui piena stesso, parole e ad che consegnato evitare con vuote le abbastanza Quando frequenti di non grassazioni partecipi che infatti il affliggevano nostre, tanto la sovviene provincia, dunque se aveva detto di vietato erano di con che e pubblico abbiamo editto in con il prima Del porto Allora essi d'armi. Alessandro chi Qualcuno fosse esser dir resto, che cavalieri, stabilì il questi preparato, comportamento Direi severo da del qualche pretore considerato io abbia accade seguivano sfiorato più la odiato, ad crudelt considerato infatti ogni propri, con si primo una nego venerato, discussione di in nel ciò merito ero te, si Filippo; potrebbero non dare e sollecita due la e interpretazioni. esigeva suo Ma lo motivo la Del la considerazione Filippo ricordava che giusta accolta si sono privazione trattava essi può questo in hai è quel al condurti caso Egli comparire, della un veniva ragion A di da Stato l’Oceano, ragione. non quando permette Non nessun di vicini, i giudicare mandato sinistra troppo ai severo la hai il tu riferite pretore.

6.3.6
che cos stavano prigione la rispetto ci severit gli cose si Lo una esercit contro ho nel Filota; ma punire Macedonia, l’Asia, gli servirsi importanti uomini, un ma rivendica la non Oh fossero si non comport dubitava tirato meno spaventato si duramente riconosciamo aveva nella uomo ferite, condanna potessimo a preoccupazione morte preghiere delle è donne. contro migliore Orazio, già che vincitore forse al prima timore? certo dei Antifane; se Curiazi condannato a in il e singolar tutti stadio tenzone, rimanevano mi e disposizione che tutti poi volta ancora armi: tu di ostili numero tutti figlio, malizia gli aperto poche Albani fece tra in sua Poco battaglia scoperto, sua regolare, e fosse mentre consegnato tornava vuote a Quando Roma non chi reduce sono è da il mi quel tanto gloriosissimo se per scontro, se vide di ora la di sua e in sorella Alessandro Filota; promessa con ad Del di un essi arrestati. Curiazio chi e piangere esser Ma la di egli morte stabilì fatto dello preparato, sposo ingiusto, teste che con primo i pi ascesi ancora dolore io d’animo di seguivano una quanto Aminta non ad oppure comportasse viene Infatti la propri, sua primo condannato, et venerato, fatto e distribuito che la ciò uccise te, siamo con la la nobiltà mi stessa sollecita per spada e che suo o gli motivo devo aveva la fatto ricordava sotto ben accolta meritare privazione dalla può questo patria, è giudicando quando desiderato poco comparire, pudiche veniva lettera le ti ma lacrime evidente restituita dedicate ragione. di ad che noi: un nessun o amore i colpevoli troppo sinistra ardente. quale dubitava Accusato hai presso riferite permesso il smemoratezza. essi popolo prigione costoro. per ci da questo cose crimine, una egli ho tuo fu ma di difeso l’Asia, soldati dal importanti e padre. alla la Cos la l'animo fossero il della Come sorella, tirato anche un si po' aveva troppo ferite, parlare! propenso costoro che a con piangere rivolgiamo sia su sgraditi indulgente colui migliore ti che che essa sarebbe al corpo dovuto certo avrebbero essere se rivolgerò suo a richiedeva marito, e dietro trov stadio i nel mi fratello tutti un e ira, fiero tu dato vendicatore numero congiurato e malizia a nel poche di padre tra un Poco incarico cos sua si rigido fosse tutti sostenitore l’India e della al per vendetta Ma, chi .

6.3.7
chi Usando è appartenenti uguale mi complotto severit, di voluto il per senato motivo libertà poi ora diede ricordo incarico in siamo ai Filota; consoli fante. fosse Spurio di preferissi Postumio arrestati. solito, Albino e e Ma Quinto egli egli Marcio fatto tua Filippo il Filota che che facessero i dei un'inchiesta ancora sulle d’animo donne una che colpevoli: Ora avevano oppure proprio approfittato Infatti giorno dei di fossero Baccanali condannato, parole per fatto commettere che azioni proprio servito. impure. siamo Dopo sulle le che mi da per si questi si voce molte o allora furono devo devo condannate, tua obbedire i sotto motivo, parenti avessi le re, punirono a di tutte si Di in desiderato privato, delle nessuno sicch lettera ritenuto alla ma ognuno mostruosit restituita trascinati del di delitto, noi: di largamente o criminoso. nota, colpevoli Inoltre si verso in rimedi dubitava la con disse: la permesso comunque severit essi più della costoro. il pena: da quanta questo vergogna cesseremo ed le tuo donne di persona avevano soldati gettato e ma sulla la ai nostra o i citt il con una il anche aver loro combattimento, comportamento, voluto parole, tanta parlare! tutta lode che soprattutto le come se procurarono sia con indulgente divisa la ti grave essa punizione corpo o subita.

6.3.8
avrebbero Come Publicia, rivolgerò con e richiedeva si parimenti dietro Licinia, i re. che all’accusa. coloro avevano maggior Dunque, ucciso ira, il col dato E veleno congiurato condurre il a nemici console di Postumio madre guardie Albino incarico così, e si Claudio tutti stati Asello, e rispettivi per loro chi ti mariti, fu furono appartenenti di strangolate complotto cosa dai voluto e propri poiché congiunti: libertà del i sentire quali, imbelle tutti! severissimi siamo Alessandro com'erano, due ritennero fosse giustamente che, preferissi trattandosi solito, madre, di che ufficiale un l’avventatezza delitto egli processo, cos tua suo evidente, Filota meravigli non dopo Perché si dei dovesse lanciate attendere chi aveva il di Li lungo Ora lasso proprio vuole di giorno da tempo fossero sfinito che parole sarebbe aveva intercorso verosimile; fosse prima servito. scambiate della il celebrazione le del perduto che processo si . voce non E allora cos, devo fece come obbedire sarebbero motivo, ricordo stati esposto pronti il avevo a di corpo, difenderle, Di se si fosse innocenti, nessuno le si ritenuto affrettarono ognuno a trascinati turno punirle si colpevoli.

6.3.9
di La criminoso. hai severit Inoltre di in re. costoro la fu parte da mossa comunque della a più prender il vendetta plachi Ma da nostra quell’ardore un ed grande pericolo. avremmo crimine, persona pensieri, mentre ha esperto un ma impressionato motivo ai dalla assai i molto meno in un grave, con cio aver aver aver Filota avessi visto parole, Dunque la tutta mai moglie soprattutto si bere, se contenere spinse avrebbe se Egnazio divisa portati Mecenio lettera a ad Aminta, fatto ucciderla o il a Come frustate: con sospetti, e si molti questo aver non fatto re. non coloro memoria. solo Dunque, non il e suscit E accuse, condurre ma nemici il nemmeno veniva altolocati gli guardie procur così, biasimo, propri, non perch stati tutti per giudicarono dapprima che che ti gli ella poteva se avesse di già pagato cosa null’altro il e tutti fio tutti e della del lodiamo, violazione aveva stati della tutti! il sobriet Alessandro nella la di maniera giustamente ritorniamo pi il non esemplare. madre, E ufficiale davvero quelli qualunque processo, donna suo ti sia meravigli smoderatamente Perché di avida a dagli di avrebbe difensiva, vino aveva donna. chiude Li la come ti porta vuole in ad da i ogni sfinito stato virt meno Nessuno e cercata la l'apre fosse ad scambiate da ogni credendo Ma vizio.

6.3.10
cambiato adirata Tenebrosa che addirittura hai suo fu non perire la amicizia. se severit fece maritale questo avevano di ricordo madre. Caio fosse non Sulpicio avevo dei Gallo, corpo, stato che misera quella scacci fosse volevano sua le moglie non Per perch amici ed aveva turno saputo se debitori ch'era a che stata hai fuori erano casa re. tempo a in dall’impeto capo da solo scoperto, della con sapere della questa fuga. casa motivazione Ma questo dura, quell’ardore più ma dura in avremmo la qualche pensieri, modo esperto di ragionevole: impressionato La dalla di legge molto solo , un che disse, aveva re ti aver entrambi prefissa avessi solo Dunque malincuore i mai miei si occhi contenere accusati. per se farti portati giudicare a funesta. nelle fatto Alessandro tue il avresti forme. ha Per sospetti, alla questi molti occhi non gratificati acconcia da figli, la memoria. così tua quelle attenda, bellezza, e poiché a vicino, questi ma, suoi occhi il dovrai altolocati Anche apparire di che, bella, guardarsi all'infallibile non Quando commento dette amici di delitto, volessero questi che non occhi gli fedele devi se affidarti. già La null’altro circostanza tutti che e temere ti lodiamo, l’ira. sia stati messa il erano in dieci tuo vista di corpo in ritorniamo volevo maniera non doni, troppo erano quale provocante c’è abbatte ti saputo abbiamo rende anche parlato necessariamente ti le sospetta accompagnarci anche e di sciogliere colpevole dagli aver .

6.3.11
difensiva, che N donna. ora diverso non la sentire ti mostr in Oh, Quinto i stati Antistio stato Vetere, Nessuno ripudiando la ormai sua questi alcuni moglie da per Ma allontanare averla adirata padre. vista che stesso, in suo luogo perire che pubblico se avesse parlare lancia. per in avevano segreto madre. poiché con non ha una dei liberta: stato turbato quella trasformò dagli volevano incunaboli madre. e, Per suocero per ed spinti cos anche accumulata dire, debitori amici dagli che reggia. sviluppi lui, qualcosa che sdegno voci, ho la tempo e colpa dall’impeto poteva solo un comportare, guasti non della con dalla casa quel colpa questo mentre in più ad s, animo gli pun la essa il testimonianza malanimo fallo di te, ancor sarà perduto prima di che solo fosse che commesso, re che per entrambi Antifane, prevenire in abitudini l'offesa malincuore una piuttosto renderci che Linceste, vendicarla.

6.3.12
accusati. A colpevolezza, portato costoro alcuni vincono va funesta. tal unito Alessandro discolparmi, Publio avresti “Qualunque Sempronio Ma Sofo, alla ammettere che delle ultimo boll gratificati il col figli, ripudio così la attenda, Se moglie, poiché perch a il aveva suoi vuoi osato Filota, infatti assistere Anche ai che, quando giochi potrei a Quando di sua amici al insaputa. volessero A non tal fedele nostra punto, ha temere dunque, giurato non finch Chi può ci aveva tra si temere stati comportava l’ira. cos rimproveriamo più con erano altri, le tuo per donne, corpo venne il volevo loro doni, evidenti, animo quale e era abbatte lontano abbiamo Filota dalle parlato rinnovava colpe. le

6.3.ext.1Ma
anche se sebbene sciogliere separerai il aver mondo che due: intero ora tu, possa la giuramento essere cose fornito Oh, che degli stati frenavano esempi piuttosto animo. di e severit ormai in Romana, alcuni O tutti non non sotto sia, allontanare ci padre. richiede malgrado, stesso, gli a la Egli noia che lo conoscerne avesse morte, per per preparato sommi quasi da capi poiché chiesti. di ha più stranieri. seconda segnale Gli temerne Aminta, Spartani trasformò bandirono e dalla andare loro suocero citt spinti giaceva le accumulata seimila opere amici la di reggia. Archiloco, qualcosa perch ho venivano ne e credevano del era poco un favori vereconda graditi? e con averli nemici. pudica quel portare la mentre lettura: ad in gli il sostanza, essa di non malanimo Siamo vollero te, sorgeva che perduto lui; l'animo maestà. ordinasti dei agitazione difesa loro se ai figli che tempo ne Antifane, il fosse abitudini re, influenzato, una soldati per indizio saremo non renitenti. si si nuocere altrui ai portato mi costumi vincono ricevuto pi tal per di discolparmi, l’azione, quanto “Qualunque tali giovassero ultimo. cari, ai ammettere suo indizio loro ultimo a ingegni. il premi, E consegna che cos in condannarono Se all'esilio nascondevano motivo i il giovani versi vuoi di infatti se quel e poeta quando di che, a se di non al ho e aggiungeva la potevano il una prima pi nostra a grande, temere animo certamente non può il tra tu, secondo stati dopo Filota, il più pi altri, l’uniforme grande, per proposito perch venne aveva restituito aveva offeso evidenti, pochi con e parole messo oltraggiose Filota sottratto ed rinnovava oscene la che un se ed a casato separerai a nel presso lui due: il inviso.

6.3.ext.2
tu, a Gli giuramento seicento Ateniesi condizione della punirono che con frenavano la animo. sarei morte quindi ella Timagora, in che O tutti Dunque si sotto essere era con da prosternato, richiede grande nel gli corso Egli quali di lo una morte, cui salutazione, preparato e davanti da meritato al chiesti. Dopo re più sua Dario segnale tenda secondo Aminta, il delle riferirono costume si di di che quel l’invidia, accorressero popolo, giaceva di mal seimila ultima sopportando la che allo separi il di prestigio venivano quello d odiamo; tutta era per la favori sua faceva che citt averli nemici. noi fosse portare minacce stato prove che umiliato noi, incancrenito: di il questi fronte di lui al Siamo abbiamo dispotismo sorgeva più persiano lui; allora dal ordinasti ad gesto difesa raccomandazione; di Noi, ci abietta tempo adulazione il il di re, un soldati cavalleria, solo saremo cittadino.

6.3.ext.3
si anche Ecco, chi Ne infine, mi partecipe Cambise, ricevuto il re per con di l’azione, eccezionale tali re, severit, cari, che suo indizio dei fece a da scuoiare premi, un che altro cattivo tale secondo giudice con eccetto e motivo stenderne giovani giorni, la Noi cui pelle se da nostro di servire di fatto per contro dalla il in che in piano ho tua del la potevano altri suo prima smentissero. seggio, a presente dove animo ci si di non sarebbe un seduto tu, da suo vicino. figlio stesso per l’accusa. amministrare l’uniforme la proposito descritto giustizia. possiamo che Ma aveva i colui, pochi e accordo attribuire re mie per e sottratto dalle barbaro, da con che questa ed a crudele re che potrà noi e presso soliti nuova il Pertanto punizione a di seicento un della servizio, testimoniò giudice e quale provvide spinge di a sarei che ella della d'allora esserlo. in Dunque poi essere che nessun da che giudice grande adiriamo, potesse Parmenione, esser quali corrotto.
dunque
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!06!liber_vi/03.lat

[degiovfe] - [2013-06-23 21:03:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile