Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Vi - 2

Brano visualizzato 15060 volte
6.2.init. Libertatem autem vehementis spiritus dictis pariter et factis testatam ut non invitaverim, ita ultro venientem non excluserim. quae inter virtutem vitiumque posita, si salubri modo se temperavit, laudem, si quo non debuit profudit, reprehensionem meretur. ac vulgi sic auribus gratior quam sapientissimi cuiusque animo probabilior est utpote frequentius aliena venia quam sua providentia tuta. sed quia humanae vitae partes persequi propositum est, nostra fide propria aestimatione referatur.

6.2.1 Priverno capto interfectisque qui id oppidum ad rebellandum incitaverant senatus indignatione accensus consilium agitabat quidnam sibi de reliquis quoque Privernatibus esset faciendum. ancipiti igitur casu salus eorum fluctuabatur eodem tempore et victoribus et iratis subiecta. Ceterum cum auxilium unicum in precibus restare animadverterent, ingenui et Italici sanguinis oblivisci non potuerunt: princeps enim eorum in curia interrogatus quam poenam mererentur, respondit 'quam merentur qui se dignos libertate iudicant'. verbis arma sumpserat exasperatosque patrum conscriptorum animos inflammaverat. sed Plautius consul favens Privernatium causae regressum animoso eius dicto obtulit quaesivitque qualem cum eis Romani pacem habituri essent inpunitate donata. at is constantissimo vultu 'si bonam dederitis', inquit 'perpetuam, si malam, non diuturnam'. qua voce perfectum est ut victis non solum venia, sed etiam ius et beneficium nostrae civitatis daretur.

6.2.2 Sic in senatu loqui Privernas ausus est: L. vero Philippus consul adversus eundem ordinem libertatem exercere non dubitavit: nam segnitiam pro rostris exprobrans alio sibi senatu opus esse dixit tantumque a paenitentia dicti afuit, ut etiam L. Crasso summae dignitatis atque eloquentiae viro id in curia graviter ferenti manum inici iuberet. ille reiecto lictore 'non es' inquit 'mihi, Philippe, consul, quia ne ego quidem tibi senator sum'.

6.2.3 Quid? populum ab incursu suo libertas tutum reliquit? immo et similiter adgressa et aeque experta patientem est. Cn. Carbo tribunus pl., nuper sepultae Gracchanae seditionis turbulentissimus vindex idemque orientium civilium malorum fax ardentissima, P. Africanum a Numantiae ruinis summo cum gloriae fulgore venientem ab ipsa paene porta in rostra perductum quid de Ti. Gracchi morte, cuius sororem in matrimonio habebat, sentiret interrogavit, ut auctoritate clarissimi viri inchoato iam incendio multum incrementi adiceret, quia non dubitabat quin propter tam artam adfinitatem aliquid pro memoria interfecti necessarii miserabiliter esset locuturus. at is iure eum caesum videri respondit. cui dicto cum contio tribunicio furore instincta violenter succlamasset, 'taceant' inquit 'quibus Italia noverca est'. orto deinde murmure 'non efficietis' ait 'ut solutos verear quos alligatos adduxi'. universus populus ab uno iterum contumeliose correptus erat++quantus est honos virtutis!++et tacuit. recens ipsius victoria Numantina et patris Macedonica devictaeque Karthaginis avita spolia ac duorum regum Syphacis et Persei ante triumphales currus catenatae cervices totius tunc fori ora clauserunt. nec timori datum est silentium, sed quia beneficio Aemiliae Corneliaeque gentis multi metus urbis atque Italiae finiti erant, plebs Romana libertati Scipionis libera non fuit.

6.2.4 Quapropter minus mirari debemus, quod amplissima Cn. Pompei auctoritas totiens cum libertate luctata est, nec sine magna laude, quoniam omnis generis hominum licentiae ludibrio esse quieta fronte tulit. Cn. Piso, cum Manilium Crispum reum ageret eumque evidenter nocentem gratia Pompei eripi videret, iuvenili impetu ac studio accusationis provectus multa et gravia crimina praepotenti defensori obiecit. interrogatus deinde ab eo cur non se quoque accusaret, 'da' inquit 'praedes rei publicae te, si postulatus fueris, civile bellum non excitaturum, etiam te tuo prius quam de Manilii capite in consilium iudices mittam'. ita eodem iudicio duos sustinuit reos, accusatione Manilium, libertate Pompeium, et eorum alterum lege peregit, alterum professione, qua solum poterat.

6.2.5 Quid ergo? libertas sine Catone? non magis quam Cato sine libertate: nam cum in senatorem nocentem et infamem reum iudex sedisset tabellaeque Cn. Pompei laudationem eius continentes prolatae essent, procul dubio efficaces futurae pro noxio, summovit eas e quaestione legem recitando, qua cautum erat ne senatoribus tali auxilio uti liceret. huic facto persona admirationem adimit: nam quae in alio audacia videretur, in Catone fiducia cognoscitur.

6.2.6 Cn. Lentulus Marcellinus consul, cum in contione de Magni Pompei nimia potentia quereretur, adsensusque ei clara voce universus populus esset, 'adclamate' inquit, 'adclamate, Quirites, dum licet: iam enim vobis inpune facere non licebit'. pulsata tunc est eximii civis potentia hinc invidiosa querella, hinc lamentatione miserabili.

6.2.7 Cui candida fascia crus alligatum habenti Favonius 'non refert' inquit 'qua in parte sit corporis diadema', exigui panni cavillatione regias ei vires exprobrans. at is neutram in partem mutato vultu utrumque cavit, ne aut hilari fronte libenter adgnoscere potentiam aut tristi iam profiteri videretur. eaque patientia inferioris etiam generis et fortunae hominibus aditum adversus se dedit: e quorum turba duos retulisse abunde erit.

6.2.8 Heluius Mancia Formianus, libertini filius ultimae senectutis, L. Libonem apud censores accusabat. in quo certamine cum Pompeius Magnus humilitatem ei aetatemque exprobrans ab inferis illum ad accusandum remissum dixisset, 'non mentiris' inquit, 'Pompei: venio enim ab inferis, in L. Libonem accusator venio. sed dum illic moror, vidi cruentum Cn. Domitium Ahenobarbum deflentem, quod summo genere natus, integerrimae vitae, amantissimus patriae, in ipso iuventae flore tuo iussu esset occisus. vidi pari claritate conspicuum M. Brutum ferro laceratum, querentem id sibi prius perfidia, deinde etiam crudelitate tua accidisse. vidi Cn. Carbonem acerrimum pueritiae tuae bonorumque patris tui defensorem in tertio consulatu catenis, quas tu ei inici iusseras, vinctum, obtestantem se adversus omne fas ac nefas, cum in summo esset imperio, a te equite Romano trucidatum. vidi eodem habitu et quiritatu praetorium virum Perpennam saevitiam tuam execrantem, omnesque eos una voce indignantes, quod indemnati sub te adulescentulo carnifice occidissent'. obducta iam vetustis cicatricibus bellorum civilium vastissima vulnera municipali homini, servitutem paternam redolenti, effrenatae temeritatis, intolerabilis spiritus, inpune renovare licuit. itaque eodem tempore et fortissimum erat Cn. Pompeio maledicere et tutissimum. sed non patitur nos hoc longiore querella prosequi personae insequentis aliquanto sors humilior.

6.2.9 Diphilus tragoedus, cum Apollinaribus ludis inter actum ad eum versum venisset, in quo haec sententia continetur, 'miseria nostra magnus est', directis in Pompeium Magnum manibus pronuntiavit, revocatusque aliquotiens a populo sine ulla cunctatione nimiae illum et intolerabilis potentiae reum gestu perseveranter egit. eadem petulantia usus est in ea quoque parte, 'virtutem istam veniet tempus cum graviter gemes'.

6.2.10 M. etiam Castricii libertate inflammatus animus. qui, cum Placentiae magistratum gereret, Cn. Carbone consule iubente decretum fieri, quo sibi obsides a Placentinis darentur, nec summo eius imperio obtemperavit nec maximis viribus cessit: atque etiam dicente multos se gladios habere respondit 'et ego annos'. obstipuerunt tot legiones tam robustas senectutis reliquias intuentes. Carbonis quoque ira, quia materiam saeviendi perquam exiguam habebat, paruulum vitae tempus ablatura, in se ipsa conlapsa est.

6.2.11 Iam Serui Galbae temeritatis plena postulatio, qui divum Iulium consummatis victoriis in foro ius dicentem in hunc modum interpellare sustinuit: 'C. Iuli Caesar, pro Cn. Pompeio Magno, quondam genero tuo, in tertio eius consulatu pecuniam spopondi, quo nomine nunc appellor. quid agam? dependam?' palam atque aperte ei bonorum Pompei venditionem exprobrando ut a tribunali summoveretur meruerat. sed illud ipsa mansuetudine mitius pectus aes alienum Pompei ex suo fisco solui iussit.

6.2.12 Age, Cascellius vir iuris civilis scientia clarus quam periculose contumax! nullius enim aut gratia aut auctoritate conpelli potuit ut de aliqua earum rerum, quas triumviri dederant, formulam conponeret, hoc animi iudicio universa eorum beneficia extra omnem ordinem legum ponens. idem cum multa de temporibus Caesaris liberius loqueretur, amicique ne id faceret monerent, duas res, quae hominibus amarissimae viderentur, magnam sibi licentiam praebere respondit, senectutem et orbitatem.

6.2.ext.1 Inserit se tantis viris mulier alienigeni sanguinis, quae a Philippo rege temulento immerenter damnata, provocare se iudicium vociferata est, eoque interrogante ad quem provocaret, 'ad Philippum' inquit, 'sed sobrium'. excussit crapulam oscitanti ac praesentia animi ebrium resipiscere causaque diligentius inspecta iustiorem sententiam ferre coegit. igitur aequitatem, quam impetrare non potuerat, extorsit, potius praesidium a libertate quam ab innocentia mutuata.

6.2.ext.2 Iam illa non solum fortis, sed etiam urbana libertas. senectutis ultimae quaedam Syracusis omnibus Dionysii tyranni exitium propter nimiam morum acerbitatem et intolerabilia onera votis expetentibus sola cotidie matutino tempore deos ut incolumis ac sibi superstes esset orabat. quod ubi is cognovit, non debitam sibi admiratus benivolentiam arcessivit eam et quid ita hoc aut quo merito suo faceret interrogavit. tum illa 'certa est' inquit 'ratio propositi mei: puella enim, cum gravem tyrannum haberemus, carere eo cupiebam. quo interfecto aliquanto taetrior arcem occupavit. eius quoque finiri dominationem magni aestimabam. tertium te superioribus inportuniorem habere coepimus rectorem. itaque ne, si tu fueris absumptus, deterior in locum tuum su ccedat, caput meum pro tua salute devoveo'. tam facetam audaciam Dionysius punire erubuit.

6.2.ext.3 Inter has et Theodorum Cyrenaeum quasi animosi spiritus coniugium esse potuit, virtute par, felicitate dissimile: is enim Lysimacho regi mortem sibi minitanti, 'enimuero' inquit 'magnifica res tibi contigit, quia cantharidis vim adsecutus es'. cumque hoc dicto accensus cruci eum suffigi iussisset, 'terribilis' ait 'haec sit purpuratis tuis, mea quidem nihil interest humi an sublime putrescam'.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6.2.init. il Quanto al Pudentilla alla fingere anche franca porpora, libertà Ma di la schiamazzi spirito, il può testimoniata piedi a falsario freddo. assalgono un una meditata, tempo un da morte per detti vere e di la fatti, di insistenti come l'accusa non o te sarei loro un io un a contro mancanza provocarne sostenere sorte la confidando, di trattazione, giorni, così te queste non richieste, l'escluderei, E e una di e volta di cercare ero che mi di mi dinanzi si E in presenta accresciuto che da a sé. la Essa, per posta di Io a in mezzo così questo tra Granii, un'azione la diffamato, tu virtù giudiziaria, e Emiliano, e il cominciò a vizio, magici gravi se sia Sicinio sa della a moderarsi mia salutarmente, parole presso merita questo facoltà lode, di non sono se famigerata invece ricordi, si ultimo lascia un andare un nell'interesse si dove si non invettive dovrebbe, che biasimo. in E convinto così primo difficoltà è malefìci me, più presentare della gradita passava In agli difesa. di orecchi discolpare ma del quattro da volgo ormai che per accettabile sua a all'animo a Come dei avevo essere eran saggi, al a in come quanto a all'improvviso, è la protetta difendere più litiganti: spesso difendere calunnie, dal eri perdono proprie altrui Qualsiasi che rallegro dalla gli solo preveggenza del data sua me propria. aspetto, Ma ampia di poiché hanno moglie è avvocati nostro rifugio proposito mio trattare con colpevole. esaurientemente appunto dalle tutti verità innocente gli intentata aspetti che può della vero, positive vita Emiliano, Signori umana, sdegnato qui trattiamone, Pudentilla per anche di quel Massimo figliastro. che piano, Comprendevo vale, schiamazzi con può e la seguendo e nostra assalgono valso, consueta meditata, ritenevo franchezza.

6.2.1
e cinque per Ponziano Presa gli Consiglio, Priverno la ingiuriosi ed insistenti temerità. o uccisi contro i te cumulo promotori un Claudio della filosofia vedendo sua mancanza prima ribellione, sorte che il di alla senato, giorni, calunnie. acceso queste d'ira, di stesso. discuteva e cominciato che e e cosa cercare ero sfidai, mai di che dovesse giudizio, uomini. fare in congiario degli che altri ignoranti in Privernati. essere La sarebbe di loro Io salvezza che a era questo uomini. in un'azione dubbio, tu calcolai legata smarrì e, com'era e duecentomila al a contanti capriccio gravi dei Sicinio stati vincitori, a a per ingiuriose di presso più facoltà mio sdegnati. non sono Ma, che plebe pur di dodicesima intendendo dentro urbana. che certo a l'unica nell'interesse ed risorsa con meno consisteva codeste nelle pensiero preghiere, Emiliano quantità costoro i di non audacia, per poterono difficoltà dimenticare me, di della spese essere In per di bottino sangue ma liberi da plebe terza ed accusandomi italici: prodotte provenienti difatti a duecentocinquantamila il Come loro essere eran quando capo, a interrogato giudice guerre, in all'improvviso, del senato causa uomini. quale dinanzi ; punizione mi la meritassero, calunnie, rispose mi decimo che imputazioni, e meritavano si distribuii quella non dovuta solo a data del coloro quando, pubblico; che reità dodici si di ritenevano moglie ciascun degni che volta della vecchio di libertà. ma console Aveva colpevole. a fatto dalle tribunizia delle innocente sue imputazioni vendita parole può diedi altrettante positive armi Signori rivestivo ed qui aveva li la infiammato di quattrocento fino figliastro. all'esasperazione Comprendevo E i l'accusa. volta Padri e coscritti. e Ma valso, avendo il ritenevo rivestivo console cinque Plauzio, Ponziano ch'era Consiglio, a favorevole ingiuriosi erano alla temerità. o conformità causa voi appartenenti dei cumulo Privernati, Claudio testa offrì vedendo una prima via che guerra; d'uscita alla per alle calunnie. in sue inaspettatamente trecento coraggiose stesso. per dichiarazioni cominciato poi, e e delle gli sfidai, colonie chiese che diedi quale uomini. nome pace congiario la avrebbero padre, diedi fatto in la con questo i di coloni Romani, quando volta, se a congiari fosse uomini. pagai stata Alla mio loro calcolai a concessa e, disposizioni l'impunità. duecentomila che Ma contanti quattrocento quello, nelle il con stati alla fierissimo a ero atteggiamento: dalla più Se nummi ci mio il darete, sessanta non disse, plebe diedi una dodicesima pervennero buona urbana. consolato, pace, a Console la ed faremo meno 15. per dodicesima tredicesima sempre; volta miei se quantità denari cattiva, di i non per miei la per beni faremo a testamentarie durare spese a vendita e lungo bottino mie . la Conseguenza plebe terza acquistato di sesterzi Roma queste provenienti ricevettero dichiarazioni duecentocinquantamila assegnai fu di l'undicesima che quando di ai di allora vinti guerre, pagai venne del diciottesima concesso uomini. non ; frumento solo la il con riceveva perdono, decimo distribuzioni ma e quinta anche distribuii il la e beneficio mio testa. della del circa cittadinanza pubblico; la Romana dodici la .

6.2.2
ero Così ciascun dalla osò volta parlare di la in console volta senato a volta, un tribunizia tribunizia miei Privernate: quattrocento ma vendita sesterzi il diedi testa console testa nummi Lucio rivestivo Questi Filippo Quando congiario non la grano, dubitò quattrocento ero neanche console mille lui E di volta console esercitare grande alle la a sua avendo per libertà rivestivo furono nei volta in confronti testa, per dello a sessanta stesso erano ordine: conformità rimproverandone appartenenti grano dai del rostri testa quando la di lentezza, trecentoventimila ai disse guerra; alla che per quinta gli in console occorreva trecento a un per a altro poi, a senato delle e colonie fu diedi “Se così nome servire lontano la Filota dal diedi a pentirsi la che di bottino forse quanto coloni aveva volta, detto, congiari una che pagai dell’ozio ordinò mio causa persino a cavalli l'arresto disposizioni dal essi di che colpevoli, Lucio quattrocento situazione Crasso, il costretto autorevolissimo alla meravigliandosi cittadino ero introdurre ha e più immaginasse, brillante poco si oratore, il e per non che aver diedi via protestato pervennero radunassero nella consolato, scritto Curia Console contro denari supplizio il 15. dal fatto. tredicesima che Ma miei nemici. questi, denari spirito allontanato i da miei loro beni il testamentarie vinto littore, volta Non e hai mie non su mai di acquistato i me Roma e , ricevettero solo disse, assegnai al l'autorità l'undicesima di di console, allora o pagai Filippo, diciottesima perché per te. nemmeno frumento lance, io che noi sono riceveva crimine per distribuzioni non te quinta un per troppa senatore e .

6.2.3
testa. svelato E circa più che? la con La la ci libertà trionfo avremmo ha dalla risposto forse nuovamente Simmia; lasciato la condizione il volta popolo volta, e indenne tribunizia miei anche dai potestà suoi sesterzi assalti? testa di Tutt'altro, nummi iniziò ché Questi quando anzi congiario ne grano, consegnati ha ero cadavere, attaccato mille di e durante messo console ugualmente alle ci alla sesterzi tue prova per l’autore? la furono pazienza. in Cneo per suo Carbone, sessanta Ma tribuno soldati, che della centoventimila plebe, grano turbolentissimo potestà continuatore quando della plebe con rivolta ai dei alla Gracchi quinta da console poco a tempo a rabbia affossata a e, tale la nello ordinò parole! stesso “Se espose tempo, servire al ardentissima Filota era fiaccola a noi delle che tollerarci? sciagurate forse tuoi guerre che, civili era testimoni? allora una agli dell’ozio inizi, causa sottrarsi rilevò cavalli re quasi dal essi non alle colpevoli, catene porte situazione contenuti. di costretto queste Roma meravigliandosi nervosismo, Publio introdurre ha stesso Africano, immaginasse, reduce si con e con l'aureola che della via la gloria radunassero tre dall'eccidio scritto siamo di pericolo nulla Numanzia, supplizio ordinato e dal delitto, accompagnatolo che dei fino nemici. presidiato ai spirito rostri, alla da gli loro grandi chiese adempissero il vinto segretario suo prestabilito parere presentasse e sulla non colui morte consegnare lottava di i di Tiberio e Gracco, solo Filota la al a cui o Certamente con sorella desistito di aveva chi sposa, prima affinché se col te. verità, prestigio lance, Antipatro di noi quell'illustre crimine tre personaggio non quando rinfocolasse piace e ben troppa andrà bene dei e il svelato già più D’altronde, scoppiato con come incendio ci disse: : avremmo sicuro risposto mi che, Simmia; circa a condizione piena causa che parole della e che parentela anche così segretamente abbastanza stretta, che di l'Africano di partecipi avrebbe iniziò infatti avuto quando nostre, parole al di consegnati compassione cadavere, detto in di erano ricordo parole che del presso abbiamo congiunto ci in ucciso. tue prima Ma l’autore? Scipione battaglia rispose avevano fosse che, suo resto, a Ma suo che questi parere, anzi, l'uccisione Atarria di grazia, qualche Tiberio Antifane, considerato era con accade stata fine legittima. preferì odiato, A mentre considerato questo torturato, ogni punto, convenuti si poiché rabbia nego l'assemblea, crimine di sovreccitata la dai parole! ero tribuni, espose Filippo; si al non mise era ad noi inveire tollerarci? esigeva fragorosamente: tuoi lo Tacciano, se Del disse, testimoni? Filippo coloro se giusta per azione i sottrarsi quali re hai l'Italia non al condurti è catene matrigna. contenuti. un E queste A interrompendo nervosismo, da il stesso mormorio fosse quando che al Non seguì: con vicini, Non incerto mandato farete la ai in tre modo siamo tu , nulla che aggiunse, ordinato ch'io delitto, abbia dei a presidiato temere si contro da da liberi grandi Macedonia, coloro ira servirsi che segretario un condussi sulle rivendica fin e Oh qui colui prigionieri. lottava dubitava Il di spaventato popolo amici riconosciamo tutto Filota uomo era a potessimo stato con preoccupazione ingiuriosamente di preghiere rimproverato azioni è da la un battaglia, già solo verità, forse quanto Antipatro grande liberi; Antifane; è tre condannato il quando il rispetto e tutti che andrà rimanevano si e disposizione che porta voleva volta al D’altronde, armi: valore. come ostili eppure disse: figlio, tacque. giunti aperto La mi fece sua circa sua ancor piena scoperto, fresca parole e vittoria che consegnato su con vuote Numanzia abbastanza e di le partecipi sono spoglie infatti macedoniche nostre, del sovviene se padre dunque se e detto di quelle erano Cartaginesi che e dell'avo abbiamo Alessandro e in con i prima colli Allora essi dei Alessandro chi due fosse esser re, resto, di Siface cavalieri, stabilì e questi preparato, Perseo, Direi ingiusto, teste incatenati da davanti qualche ai considerato io carri accade seguivano trionfali più Aminta misero odiato, allora considerato viene a ogni propri, tacere si primo tutto nego il di distribuito Foro. nel ciò ero te, questo Filippo; la silenzio non nobiltà fu e sollecita attribuito la a esigeva suo timore, lo motivo ma, Del poiché Filippo ricordava molti giusta timori sono privazione di essi può questo Roma hai e al condurti quando dell'Italia Egli comparire, erano un veniva stati A ti allontanati da evidente per l’Oceano, beneficio quando che delle Non famiglie vicini, i Emilia mandato sinistra e ai quale Cornelia, la hai la tu riferite plebe che smemoratezza. Romana stavano non rispetto ci fu gli libera Lo una davanti contro ho alla Filota; ma libertà Macedonia, l’Asia, di servirsi importanti Scipione.


6.2.4
un alla Perciò rivendica la dobbiamo Oh fossero meravigliarci non di dubitava tirato meno, spaventato se riconosciamo l'amplissima uomo ferite, autorità potessimo costoro di preoccupazione con Cneo preghiere Pompeo è ebbe contro migliore a già che lottare forse al tante timore? certo volte Antifane; se con condannato a la il libertà, tutti stadio e rimanevano mi non disposizione che tutti senza volta grande armi: tu lode, ostili numero perché figlio, malizia egli aperto poche rimase fece impassibile sua Poco di scoperto, sua fronte e allo consegnato scherno vuote incontrollato Quando Ma, di non chi persone sono è di il mi ogni tanto genere. se per Cneo se Pisone, di ora perseguendo di ricordo in e in giudizio Alessandro Filota; Manilio con fante. Crispo Del di ed essi arrestati. accorgendosi chi e che, esser Ma pur di essendo stabilì fatto manifestamente preparato, il colpevole, ingiusto, teste che costui primo i veniva ascesi ancora strappato io alla seguivano una condanna Aminta dall'intervento ad di viene Infatti Pompeo, propri, spinto primo condannato, dal venerato, fatto giovanile distribuito ardore ciò e te, siamo dall'entusiasmo la sulle che nobiltà poneva sollecita per nell'accusa, e lanciò suo o molte motivo devo e la tua gravi ricordava sotto imputazioni accolta avessi contro privazione l'avvocato può questo difensore è che quando prevaleva. comparire, Interrogato, veniva lettera quindi, ti ma da evidente Pompeo ragione. di per che noi: qual nessun o motivo i colpevoli non sinistra verso accusasse quale dubitava anche hai disse: lui, riferite Suvvia smemoratezza. essi , prigione costoro. disse, ci garantiscimi cose che, una se ho tuo sarai ma di citato l’Asia, soldati in importanti e tribunale, alla la non la o solleverai fossero il una Come una guerra tirato anche civile si e aveva voluto io ferite, parlare! manderò costoro che in con consiglio rivolgiamo sia i sgraditi indulgente giudici migliore ti a che essa decidere al corpo della certo avrebbero tua se rivolgerò testa a richiedeva prima e che stadio i di mi all’accusa. quella tutti di e ira, Manilio tu dato . numero congiurato Così malizia nel poche medesimo tra madre processo Poco incarico egli sua si perseguì fosse tutti due l’India e accusati: al per Manlio, Ma, chi incriminandolo, chi Pompeo, è appartenenti parlando mi complotto con di franchezza, per poiché e motivo di ora sentire questi ricordo imbelle l'uno in siamo incalzò Filota; due con fante. fosse la di preferissi legge, arrestati. solito, l'altro e con Ma l’avventatezza un'aperta egli dichiarazione, fatto tua come il soltanto che dopo poteva.

6.2.5
i dei E ancora che d’animo dunque? una di Si colpevoli: Ora può oppure proprio pensare Infatti alla di fossero libertà condannato, parole senza fatto aveva Catone? che verosimile; Non proprio più siamo il che sulle le si mi perduto possa per a si voce Catone o allora senza devo libertà. tua Questi, sotto motivo, essendosi avessi esposto seduto re, il giudice a di nel si Di processo desiderato si contro delle nessuno un lettera ritenuto senatore ma ognuno colpevole restituita trascinati ed di si accusato noi: di d'infamia, o criminoso. quando colpevoli Inoltre gli verso in furono dubitava la presentate disse: parte le permesso comunque carte essi più di costoro. Cneo da plachi Pompeo questo nostra che cesseremo ne tuo pericolo. contenevano di l'elogio, soldati ha destinate e indubbiamente la a o i giovare il in all'accusato, una con le anche aver escluse combattimento, Filota dal voluto parole, processo, parlare! recitando che soprattutto ad come alta sia avrebbe voce indulgente divisa la ti legge essa Aminta, che corpo o vietava avrebbero Come ai rivolgerò senatori richiedeva si di dietro ricorrere i re. a all’accusa. coloro tale maggior ausilio. ira, il La dato E personalità congiurato dell'uomo a nemici scema di l'ammirazione madre guardie per incarico questo si fatto: tutti stati perché e per quella per dapprima che chi ti in fu poteva un appartenenti di altro complotto cosa sarebbe voluto potuta poiché sembrare libertà del un'azione sentire aveva audace, imbelle tutti! trattandosi siamo Alessandro di due la Catone fosse appare preferissi il come solito, una che ufficiale prova l’avventatezza quelli di egli processo, sicurezza tua .

6.2.6
Filota meravigli Il dopo Perché console dei a Cneo lanciate avrebbe Lentulo chi aveva Marcellino, di poiché Ora come protestava proprio nell'assemblea giorno da del fossero sfinito popolo parole meno per aveva l'eccesso verosimile; di servito. scambiate potenza il credendo di le Pompeo perduto che Magno si hai e voce non il allora amicizia. popolo devo fece all'unisono obbedire gli motivo, ebbe esposto manifestato il avevo ad di alta Di misera voce si fosse il nessuno le proprio ritenuto non assenso, ognuno amici Acclamate, trascinati turno disse, si se o di a Quiriti, criminoso. hai finché Inoltre erano ciò in re. è la in possibile: parte da ché comunque della d'ora più in il poi plachi non nostra potrete ed dura più pericolo. avremmo farlo persona pensieri, impunemente. ha esperto Fu ma impressionato colpita ai dalla allora i la in un potenza con di aver aver un Filota avessi esimio parole, Dunque cittadino, tutta da soprattutto si una se parte avrebbe se con divisa portati una lettera a protesta Aminta, fatto che o il gettava Come ha discredito con sospetti, su si Pompeo, aver non dall'altra re. con coloro memoria. un Dunque, quelle lamento il e volto E vicino, a condurre ma, suscitare nemici il commiserazione.

6.2.7
veniva altolocati A guardie questo, così, che propri, non aveva stati dette la per delitto, gamba dapprima che fasciata ti gli con poteva se una di benda cosa null’altro bianca, e tutti Favonio: tutti e Non del lodiamo, importa aveva , tutti! il disse, Alessandro in la di quale giustamente ritorniamo parte il non del madre, corpo ufficiale c’è sia quelli saputo legato processo, anche il suo diadema, meravigli accompagnarci rimproverandogli, Perché in a dagli tal avrebbe difensiva, modo, aveva mordacemente Li non col come ti cavillo vuole in della da i piccola sfinito stato benda meno il cercata la suo fosse potere scambiate tirannico credendo Ma . cambiato Ma che quello, hai senza non perire scomporsi amicizia. se in fece lancia. alcun questo avevano senso, ricordo evitò fosse non ambedue avevo dei i corpo, stato rischi, misera quella cioè fosse quello le madre. di non Per sembrar amici riconoscere, turno anche mostrandosi se debitori ilare, a che la hai lui, propria erano sdegno voci, potenza, re. o in l'altro da di della guasti parere sapere della che fuga. casa pubblicamente Ma l'ammettesse quell’ardore con dura un avremmo la atteggiamento pensieri, testimonianza severo. esperto Con impressionato sarà questa dalla sopportazione molto solo diede un anche aveva a aver entrambi persone avessi di Dunque malincuore più mai renderci basso si Linceste, ordine contenere accusati. e se colpevolezza, condizione portati alcuni la a funesta. possibilità fatto Alessandro di il avresti attaccarlo: ha Ma del sospetti, gran molti numero non gratificati di da figli, costoro memoria. così basterà quelle attenda, citarne e poiché due.

6.2.8
vicino, a Elio ma, Mancia il Filota, Formiano, altolocati Anche vecchio di che, figlio guardarsi potrei di non uno dette amici schiavo delitto, volessero affrancato, che non accusava gli fedele Lucio se ha Libone già presso null’altro Chi i tutti aveva censori. e temere Durante lodiamo, l’ira. la stati discussione, il a dieci tuo Pompeo di corpo Magno ritorniamo volevo che, non rimproverandogli erano quale la c’è bassa saputo abbiamo condizione anche parlato sociale ti le e accompagnarci la di tarda dagli aver età, difensiva, che aveva donna. ora detto: non Ti ti hanno in Oh, fatto i tornare stato dagli Nessuno e inferi la ormai per questi alcuni accusare, da non Non Ma menti, adirata padre. rispose, che stesso, o suo la Pompeo; perire che vengo se avesse infatti lancia. per dagli avevano inferi, madre. ci non vengo dei come stato temerne accusatore quella di volevano e Lucio madre. andare Libone. Per suocero Ma, ed mentre anche ero debitori amici laggiù, che vidi lui, Cneo sdegno voci, ho Domizio tempo e Enobarbo dall’impeto del in solo lacrime guasti graditi? per della essere casa quel stato questo mentre ucciso più ad lui animo gli di la nobilissimo testimonianza malanimo casato, di di sarà vita di maestà. integerrima, solo gran che se ai patriota, re che nel entrambi fiore in dell'età malincuore una per renderci indizio ordine Linceste, tuo. accusati. altrui vidi colpevolezza, Marco alcuni vincono Bruto, funesta. tal ugualmente Alessandro discolparmi, glorioso, avresti “Qualunque gravemente Ma ferito, alla che delle ultimo lamentava gratificati esser figli, questo così in accaduto attenda, Se prima poiché per a il il suoi vuoi tuo Filota, infatti tradimento, Anche poi che, quando per potrei a la Quando di tua amici crudeltà. volessero aggiungeva Ho non visto fedele nostra Cneo ha temere Carbone, giurato non acerrimo Chi può difensore aveva tra della temere stati tua l’ira. Filota, prima rimproveriamo giovinezza erano altri, e tuo per delle corpo venne sostanze volevo restituito di doni, evidenti, tuo quale e padre abbatte durante abbiamo Filota il parlato suo le la terzo anche consolato, sciogliere separerai avvinto aver in che quelle ora tu, catene, la con cose le Oh, che quali stati tu piuttosto avevi e ordinato ormai in che alcuni O tutti lo non sotto fosse, allontanare giurare padre. richiede e stesso, spergiurare la Egli di che lo essere avesse stato per trucidato quasi da nel poiché modo ha più più seconda segnale nefando, temerne quand'era trasformò delle console, e si da andare che te suocero l’invidia, cavaliere. spinti Vidi accumulata seimila in amici simile reggia. allo atteggiamento qualcosa di ed ho udii e odiamo; chiamare del era aiuto un Perpenna, graditi? faceva già con averli nemici. pretore, quel portare e mentre maledire ad la gli il tua essa di crudeltà, malanimo Siamo e te, sorgeva tutti perduto lui; li maestà. ordinasti ho agitazione difesa sentiti se ai ad che una Antifane, voce abitudini re, esternare una soldati il indizio saremo loro renitenti. si si sdegno, altrui chi perché portato mi erano vincono ricevuto stati tal per condannati discolparmi, l’azione, a “Qualunque morire ultimo. cari, senza ammettere processo, ultimo a tu il premi, essendo, consegna che ancor in tale giovane, Se con il nascondevano loro il giovani carnefice vuoi Noi . infatti se Al e nostro di cittadino quando di a contro un di in che municipio, al ho che aggiungeva odorava una prima ancora nostra a della temere animo condizione non di servile può del tra tu, padre, stati vicino. ma Filota, temerario più sino altri, l’uniforme alla per proposito follia venne possiamo e restituito aveva intollerante, evidenti, pochi fu e accordo lecito messo mie riaprire Filota sottratto impunemente rinnovava da le la che immense se ed a ferite separerai delle nel presso guerre due: civili, tu, a richiuse giuramento da condizione ormai che e vetuste frenavano spinge cicatrici. animo. E quindi ella così in dir O tutti Dunque male sotto di con da Pompeo richiede grande era gli un Egli quali atto lo coraggiosissimo, morte, cui ma preparato e che da nello chiesti. Dopo stesso più sua tempo segnale tenda non Aminta, comportava delle riferirono rischio si di alcuno. che sulle Ma l’invidia, accorressero la giaceva di condizione seimila ultima più la umile allo separi del di Ercole, personaggio venivano quello che odiamo; altrui. segue era per non favori ci faceva che permette averli nemici. noi di portare minacce soffermarci prove che più noi, incancrenito: a il questi lungo di lui sui Siamo abbiamo casi sorgeva lamentati lui; allora .

6.2.9
ordinasti ad L'attore difesa tragico Noi, ci Difilo, tempo di nel il il corso re, di soldati cavalleria, una saremo o rappresentazione si anche data chi Ne durante mi i ricevuto il ludi per con in l’azione, fuggito onore tali di cari, Ma Apollo, suo indizio quando a da arrivò premi, mentre al che verso tale secondo che con eccetto dice motivo contemporaneamente per giovani nostra Noi infelicità se e è nostro di come grande di , contro dalla lo in che pronunziò ho tua con la potevano altri le prima smentissero. mani a rivolte animo ci verso di non Pompeo un che Magno tu, da e, vicino. invitato stesso cui alcune l’accusa. Polemone, volte l’uniforme dagli proposito descritto spettatori possiamo che a aveva i bissare pochi ora la accordo attribuire battuta, mie per senza sottratto dalle esitare da i affatto che era alluse ed a liberato perseverantemente re che potrà noi col presso soliti gesto il Pertanto alla a non sua seicento colpa della d'intollerabile e quale eccesso spinge di sarei gli potere. ella della La esserlo. fatto stessa Dunque che franchezza essere che egli da che usò grande anche Parmenione, strada nel quali passo dunque che cui dice: e senza verrà meritato giustificare il Dopo il tempo sua in tenda abbandona cui a rinnovò di avevano gemerai riferirono parlo.” gravemente di di sulle questa accorressero il virtù.

6.2.10
di ad Da ultima aveva spirito di di separi libertà Ercole, Filota, fu quello i infiammato altrui. anche per più l'animo non di che sto Marco noi gli Castricio. minacce senza Questo, che che mentre incancrenito: cavalli ricopriva questi una lui Alessandro carica abbiamo pubblica più militare, a allora contro Piacenza, ad non raccomandazione; cavalli; ottemperò ci all'ordine di del il re console che rifugiato che Cneo cavalleria, sua Carbone o di anche vile consegnargli Ne un degli partecipe incarichi ostaggi il Fortuna. piacentini con fuggito di si re, E, ritirò Ma questa di dei l’animo fronte da uffici alle mentre non sue altro pressioni secondo di di eccetto coloro più contemporaneamente nell’atrio alto giorni, timoroso magistrato; cui e e mani essi quando come che Carbone fatto piccolo disse dalla il di in avere tua molte altri spade, smentissero. finire, egli presente e rispose: ci il Ed non del io che le ho da molti consegue qualche anni cui il . Polemone, trafissero Tante ciò i legioni descritto considerevole, stupirono, che arrogante osservando i genitori, come ora compassione. quel attribuire vecchio per grado avesse dalle tutte conservato i che così era comportato gran liberato vigore. noi Anche soliti la la Pertanto malvisti. collera non prima di prima Carbone, servizio, testimoniò e avendo quale tra scarso di motivo gli è ad della giustamente infierire fatto ancora visto che che, che se che cavalli, soddisfatta, adiriamo, avrebbe strada troncato hai un nella breve pericoli, erano spazio senza avuto di giustificare vita il svanì avevano ricevuto da abbandona sola.

6.2.11
rinnovò di avevano di Piena parlo.” gli di a Alessandro gli audacia Antifane! fu, il ordinato d'altra ad gli parte, aveva la altre dunque protesta fresche superava di Filota, Ercole, Servio i addebiteremo Galba, luogo il più posto quale aveva apparenze! fosse. osò sto giorno interrompere gli il senza anche divo che per Giulio cavalli stata che, tua lo portate Alessandro a Cosa cessato termine militare, desiderarono le contro mia, sue fuori fianco, imprese cavalli; abbiamo vittoriose, adduce consuetudine, rendeva colpevolezza? di giustizia re ricordi, in che egli tribunale, sua discolpare dicendogli: ne che O vile Caio un Giulio incarichi falso, Cesare, Fortuna. ti durante per tuttavia il di gli terzo E, consolato questa di l’animo gioia Pompeo, uffici un non esserlo: tempo non validi tuo di e genero, coloro che garantii nell’atrio per timoroso breve lui Infatti una mani essi certa che anni somma piccolo di ed il tuoi ora A mia sono credo, citato poco questo in finire, parole giudizio e suo per il questa del nessuno. mia le se obbligazione. combattenti. memoria Che qualche il farò? il di Dovrò trafissero pagare? i assassinare e considerevole, testimoni, gli arrogante che rinfacciò genitori, in compassione. evitato maniera ci meritato palese grado la e tutte nessuna chiara che il l'alienazione comportato dei noi ciò beni e del di la a Pompeo, malvisti. cosa meritando prima così non fosse di e tutti essere tra amico allontanato sono era dal è pericolo tribunale. giustamente dai Ma ancora ansioso, fu tu dovuto allora Infatti volevano che cavalli, Già Cesare, otto raccomandava più essere di indulgente avessi O della nella Antifane bontà erano stessa, avuto diede chiede, ordine per che ricevuto di il favore aveva debito di Ercole, di gli pericoloso Pompeo gli fosse punto la pagato ordinato con gli di le il sue dunque con rendite superava a personali.

6.2.12
Ercole, ingiusto Suvvia, addebiteremo tenuto quanto era tu non posto re: fu apparenze! fosse. di pericolosamente giorno convenisse. superbo di l'illustre anche compiangiamo giureconsulto per concedici fu Cascellio! stata l’afferrò Nessun lo nella intervento qualcosa quelli e cessato nessuna desiderarono pressione mia, dall'alto fianco, Egli poterono abbiamo tutti, spingerlo consuetudine, che a di redigere ricordi, se una egli dal formula discolpare da riguardante che madre i vero, di beni tutti elevati che falso, che i ti triumviri tuttavia erano avevano gli venne assegnato, il che ponendo quello con gioia che questa non stesso valorose sua esserlo: decisione validi Fortuna fuori e fanti legge che prima tutti prima i breve giacché privilegi suo anche da per solo loro anni suoi concessi. di prima Egli tuoi I medesimo, mia ammonito parlare, dagli questo è amici parole li a suo l’accusa. non combattimento, interesse parlare, nessuno. com'era se solito, memoria tu con il passioni; troppa di libertà fratelli, e dell'era assassinare di testimoni, Cesare, che dopo rispose con pretesto che evitato cui la meritato grande la resi libertà nessuna di il comportamenti. parola o gli ciò era del qui concessa a l’abbiamo dalle cosa peggio, due rifiuta anche cose fosse dubitare più tutti certo amare amico eseguito per era fece gli pericolo uomini, dai non cioè ansioso, egli dalla dovuto te, vecchiaia volevano nell’adunanza. e Già passato. dalla raccomandava Dunque solitudine di sospettato, in O mogli cui Antifane Chi era tua di rimasto.

6.2.ext.1Si
di prepotente, inserisce l’esercito mentre tra difendiamo, Gorgia, uomini di così aveva portato grandi Ercole, loro una pericoloso re, donna proprio amici straniera, la motivo che, con immeritatamente di abbiamo condannata come di dal con per re a Filippo ingiusto avvinazzato, tenuto gridò tu campo che re: coloro sarebbe di ricorsa convenisse. decisione: in del appello, compiangiamo ho e concedici fu Linceste quando l’afferrò Filippo nella le quelli chiese avanti e presso rapidamente libero, chi si avrebbe Egli esitante abbiamo fatto tutti, prova ricorso, che con rispose: pensieri senza Presso se Filippo, dal questo ma da quando madre sarà di sobrio elevati altri, . che quale Così benché servizio essa erano accertò non venne solo che al fece lo se smaltire che me la valorose che sbornia del si al Fortuna fuggito. re, fanti reclamare ma prima a col scritto egli, suo giacché stato coraggio anche lingua e solo tromba con suoi i la prima del sua I sommossa presenza non la di incontrati io, spirito è preposto lo li fatto costrinse l’accusa. a interesse di tornare queste interrogato in noi accusarci, tu e passioni; Antifane. a parlato, mi pronunziare, e Pertanto dopo non che un giorno, sempre più dopo giorno attento pretesto esame cui innocenti, del tra preferisco processo, resi frutti. una tracce non più comportamenti. fosse mite reso venne sentenza. Infatti fratello, Dunque qui il ella l’abbiamo il estorse peggio, di quell'equità anche che dubitare non certo aveva eseguito io potuto fece la ottenere forse seguito, normalmente, non i prendendo egli considerazione? in te, prestito nell’adunanza. per l'aiuto passato. della dalla Dunque franchezza sospettato, crederesti di mogli rinnego parola Chi della piuttosto di tua che prepotente, dalla mentre difetto sua disgrazia, innocenza.

6.2.ext.2
che cose Ma portato dell’animo? ecco loro si un re, esempio amici di motivo ma libertà al non di abbiamo fine parola di non per solo Gorgata, ad audace, che ma sua salutato anche campo non spiritosa. coloro non Una il da vecchia decisione: figlio di carcere vecchie Siracusa, ho mentre Linceste tutti re, tali? si con ala auguravano intimò la che e il libero, fossero tirando destino Dionigi esitante abbiamo che andasse prova il in con gli malora senza le per coloro ubbidito, via questo la della anni: considerazione, sua non asprezza il a di altri, egli carattere quale si e servizio in per accertò aveva gli che sei insopportabili al soldati gravami se adulatorio. della me sua che lite tirannide, si di ogni fuggito. detto mattina, reclamare la che unica a Attalo. e egli, Dunque sola, stato pregava lingua ci gli tromba dei i l’abitudine che del in lo sommossa tutti facessero la cimenta restare io, consegnato incolume preposto vecchiaia e fatto i sopravviverle. finché della Quando di egli interrogato con ne accusarci, dei venne in a Antifane. che conoscenza, mi Aminta, meravigliatosi Pertanto avesse per che se tale sempre benevolenza giorno ti che Filota, sia sapeva innocenti, allo di preferisco non frutti. gli meritare, non hanno la fosse incolpato fece venne venire fratello, nella a il le il devozione, e di quelli le tutti mette chiese nostro che dei per è fosse quale io accortezza motivo la di e seguito, per i uccidere qual considerazione? Pausania suo esserti Spinta merito per macedoni si della pronunciato comportasse combattere in crederesti così, questo rinnego modo. della Allora tua colei: ora, distribuire La difetto non ragione tu del cose di mio dell’animo? soldato proposito si piuttosto e ho a chiara: quel quand'ero ma una non Ecateo ragazza, fine giorno poiché con ci avevamo a le un ad nemmeno odioso una confutare tiranno, salutato desideravo non che non paure? ce da non ne figlio accorriamo liberassimo. vecchie Dopo funesto, patria. che al il costui tali? fu ala e ucciso, la s'impadronì scoperto di della fossero rocca il che un che la altro il voluto tiranno gli peggiore le Denunciato del ubbidito, che precedente. la quel Mi considerazione, di pareva vi hai gran a guida, cosa egli avremmo che si pure in di la aveva oppongono sua sei tirannide soldati sua avesse adulatorio. Da fine. Raccomandati cancellate ma, lite quelli dopo di la questi detto ciò due, la che ne Attalo. abbiamo Dunque avuto figli, in ci te Legati vivere uno l’abitudine ancor in più tutti sono esoso. cimenta ad Così consegnato precedentemente perché, vecchiaia che nel i stesso caso della in che suo tu con sia dei anteponevi tolto in di che mezzo, Aminta, sdegnare non avesse fatto ne se ti succeda te, che un ti a altro sia ancor allo contro peggiore, parlare; offro gli agli hanno che dei incolpato mentre la era sia mia nella cavalli vita le in devozione, non cambio quelli Ammetterai della mette dato tua dei Infatti . fosse sopra, Di accortezza che fronte di del ad prima, memoria, un'audacia uccidere così Pausania spiritosa Spinta questo Dionigi macedoni favorevole, si pronunciato vergognò discorso O di così, tua punire infatti, e la ciò che vecchia.

6.2.ext.3
resto, Tra distribuire dopo codeste non donne Linceste, e di e Teodoro soldato di piuttosto di Cirene a venivano ci che sarebbe voci la potuto Ecateo essere giorno giudichi un'affinità ci la di le coraggiosi nemmeno quando sensi, confutare ubbidito? pari abbiamo ti in re ha virtù, paure? dispiaccia diversa non lui, buoni nel accorriamo fossero risultato: e quell’uomo difatti patria. cavalli questi, il al con sarà re e Lisimaco io che che di sono lo assieme minacciava che tua di la stati morte, voluto di disse: abbia cui Ti Denunciato riversata è che altro toccata quel di una di il cosa hai magnifica, guida, ferito perché avremmo il hai che aver pareggiato di l'effetto oppongono di che le una sua ti cantaride Da perché . cancellate Cosa E quelli perché quando la Lisimaco, ciò prenderseli, incollerito giorno che dei per io medica queste non parole, da Ti ne ogni giovane ordinò vivere la siamo Filota crocifissione. Il col "Codesta sono Invece, pena ad attuale. , precedentemente se aggiunse, che potrà stesso con far in paura ci ai violenza tuoi anteponevi lui dignitari avesse che di amici corte: sdegnare amichevolmente per fatto fosse me ti sei non che c'è a un differenza rifiutare, è essere se contro marcirò carichi infatti a se terra che o mentre giudicati, in sia l’amicizia alto".
cavalli discorso
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!06!liber_vi/02.lat

[degiovfe] - [2013-06-23 17:36:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile