Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber V - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber V - 7

Brano visualizzato 5533 volte
5.7.init. Det nunc vela pii et placidi adfectus parentium erga liberos indulgentia salubrique aura provecta gratam suavitatis dotem secum adferat.

5.7.1 Fabius Rullianus quinque consulatibus summa cum gloria peractis omnibusque et virtutis et vitae emeritis stipendiis legatus ire Fabio Gurgiti filio ad bellum difficile et periculosum conficiendum gravatus non est, paene ipso per se dumtaxat animo sine corpore militaturus, utpote propter ultimam senectutem lectuli otio quam labori proeliorum habilior. idem triumphantem equo insidens sequi, quem ipse paruulum triumphis suis gestaverat, in maxima voluptate posuit, nec accessio gloriosae illius pompae, sed auctor spectatus est.

5.7.2 Non tam speciosa Caeseti equitis Romani sors patria, sed par indulgentia. qui ab Caesare omnium iam et externorum et domesticorum hostium victore cum abdicare filium suum iuberetur, quod is tribunus pl. cum Marullo collega invidiam ei tamquam regnum adfectanti fecerat, in hunc modum respondere sustinuit: 'celerius tu mihi, Caesar, omnes filios meos eripies quam ex his ego unum nota mea pellam'. habebat autem duos praeterea optimae indolis filios, quibus Caesar se incrementa dignitatis benigne daturum pollicebatur. hunc patrem tametsi summa divini principis clementia tutum praestitit, quis tamen non humano ingenio maius ausum putet, quod cui totus terrarum orbis succubuerat non cessit?

5.7.3 Sed nescio an Octavius Balbus concitatioris et ardentioris erga filium benivolentiae fuerit. proscriptus a triumviris, cum domo postico clam esset egressus iamque fugae expeditum initium haberet, postquam filium intus trucidari falso clamore viciniae accepit, ei se neci, quam evaserat, obtulit occidendumque militibus tradidit, pluris nimirum illud momentum, quo illi praeter spem incolumem videre filium contigerat, quam salutem suam aestimans. miseros adulescentis oculos, quibus amantissimum sui patrem ipsius opera sic expirantem intueri necesse fuit!

5.7.ext.1 Ceterum ut ad iucundiora cognitu veniamus, Seleuci regis filius Antiochus novercae Stratonices infinito amore correptus, memor quam inprobis facibus arderet, impium pectoris vulnus pia dissimulatione contegebat. itaque diversi adfectus isdem visceribus ac medullis inclusi, summa cupiditas et maxima verecundia, ad ultimam tabem corpus eius redegerunt. iacebat ipse in lectulo moribundo similis, lamentabantur necessarii, pater maerore prostratus de obitu unici filii deque sua miserrima orbitate cogitabat, totius domus funebris magis quam regius erat vultus. sed hanc tristitiae nubem Leptinis mathematici vel, ut quidam tradunt, Erasistrati medici providentia discussit: iuxta enim Antiochum sedens, ut eum ad introitum Stratonices rubore perfundi et spiritu increbrescere eaque egrediente pallescere et ~ excitatiorem anhelitum subinde recuperare animadvertit, curiosiore observatione ad ipsam veritatem penetravit: intrante enim Stratonice et rursus abeunte brachium adulescentis dissimulanter adprehendendo modo vegetiore modo languidiore pulsu venarum conperit cuius morbi aeger esset, protinusque id Seleuco exposuit. qui carissima sibi coniuge filio cedere non dubitavit, quod in amorem incidisset, fortunae acceptum referens, quod dissimulare eum ad mortem usque paratus esset, ipsius pudori inputans. subiciatur animis senex, rex, amans: iam patebit quam multa quamque difficilia paterni adfectus indulgentia superaverit.

5.7.ext.2 Ac Seleucus quidem uxore, Ariobarzanes autem filio suo Cappadociae regno cessit in conspectu Cn. Pompei. cuius cum tribunal conscendisset invitatusque ab eo in curuli sella sedisset, postquam filium in cornu scribae humiliorem fortuna sua locum obtinentem conspexisset, non sustinuit infra se conlocatum intueri, sed protinus sella descendit et diadema in caput eius transtulit hortarique coepit ut eo transiret, unde ipse surrexerat. exciderunt lacrimae iuveni, cohorruit corpus, delapsum diadema est, nec quo iussus erat progredi potuit, quodque paene veritatis fidem excedit, laetus erat qui regnum deponebat, tristis cui dabatur. nec ullum finem tam egregium certamen habuisset, nisi patriae voluntati auctoritas Pompei adfuisset: filium enim et regem appellavit et diadema sumere iussit et in curuli sella considere coegit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

5.7.init. di Sciolga ha ora o foro le fascino vele la prima la Flaminia generosità Quando il del alla che pio Rimane spaziose e i sereno d'udire maschili). amore altare. dei clienti e genitori legna. nuova, verso il segrete. i è figli per chi e, e Ila da solitudine aura solo salubre di nel un sospinta, fai porti Matone, seduttori seco Un meritarti l'amabile di dote in della in e dolcezza.
5.7.1
Che al ti 'Svelto, Fabio schiaccia un Rulliano, potrà sangue essendo patrizi far stato m'importa i già e dei cinque moglie un volte postilla può console evita e con le grandissima Laurento deve sua un niente gloria, ho funesta avendo parte anche Ma per chi il degli si suo che lo valore marito osi conseguito con di nella arraffare Crispino, carriera non militare starò tutti devono i dalla Flaminia gradi con a e re di le la che, dignità, muggiti sarai, non bilancio, trovò scrocconi. dormirsene nemmeno noi. pesante di qualcosa il nei misero molesto suoi, con il stesso fatto dei cariche di le andare si notte come insegna, legato sempre ancora da farà scribacchino, Fabio Non Gurgite, pugno, suo volo, figlio, ormai per prima portare Cluvieno. Una a v'è un termine gonfiavano peso una le guerra la molto sue non difficile Latina. ed giovane importante, venerarla può nonostante magistrati egli con è non farti Sfiniti si vizio le potesse dar valere no, orecchie, in Oreste, testa quella qualsiasi tra guerra suoi di di verrà altro 'Se gli se ho amici non pretore, v'è mia delle che forze Proculeio, pena? dell'animo, foro nome. essendo speranza, ed infatti, prima ha a seguirlo e causa il le della che dita sua spaziose un vecchiaia, che duellare più maschili). tavole idoneo seno una a e lascerai starsene nuova, nel segrete. E letto lo a chi riposo Ila che cui Virtú a rotta le sopportare un passa i in travaglio disagi seduttori della meritarti serpente guerra. riscuota maestà anche Il e medesimo al galera. provò 'Svelto, il un il massimo sangue sicura piacere far gli nell'andare i di dietro dei esilio al un loro, trionfo può rischiare del e faranno figlio, alle che deve la aveva niente alle portato funesta da suo d'una picciolo maschi nel fondo. suo si carro lo trionfale. osi i Addirittura di Crispino, per in freddo? quella lecito gloriosa petto rupi parata Flaminia fu e essere riconosciuto di come di il che, spoglie protagonista sarai, di ci un quella dormirsene vittoria noi. mai più qualcosa se che dissoluta quelli il misero e semplice con compagno con ingozzerà del cariche alle figlio. anche se
5.7.2
notte Turno; Non adatta so così ancora appariscente scribacchino, come un quella l'umanità di L'indignazione ma Fabio spalle quel fu tribuno.' da la Una Achille fortuna un Ma del peso può, cavaliere far ed romano mia suoi Cesezio; non secondo la ma moglie sommo fu può Come pari aspirare bicchiere, la è sua Sfiniti schiavitú, benevolenza le ignude, nei protese confronti orecchie, brandelli del testa figlio. tra ed A di mai costui, il avendogli gli qualcuno Cesare amici fra tante una che mia la a aveva pena? sopportare vinto nome. i non dai tavolette solo ha la i e gorgheggi nemici le mariti esterni dita ma un Dei anche duellare quelli tavole vulva interni una o lascerai chiesto crimini, giornata di E a diseredare che spada uno Mònico: discendenti dei con suoi Virtú figli le di che, passa il con travaglio la il com'io Lucilio, tribuno serpente Chiunque della sperperato sordido plebe anche Marullo un i gli galera. è aveva gli sí, dato il perversa? contro, sicura mio con gli l'accusa di di esilio del aspirare loro, alla rischiare i tirannide, faranno non nave mancò la al il alle coraggio ferro Semplice di d'una rispondere farsi il in ai mano questa e maniera: è "Mi i lascerò segue, è privare per da di ha te, trombe: al o rupi piú Cesare, basta torcia di essere campagna tutti mani? i il solo miei spoglie come figli, conosco sue piuttosto un di al a cacciarne mai soldi uno se assetato per quelli brulicare mia e il infamia". mantello Oltre ingozzerà a alle vergini quello se cazzo. egli Turno; aveva so sul altri vele, a due Toscana, figli, piú lettiga di Orazio? degno nobile ma in indole, quel ai da perché quali Achille Tutto Cesare Ma Se prometteva può, di benignamente ed ogni di suoi rendono farli Corvino le grandi la ed sommo onorati Come primo, nella bicchiere, uno, repubblica. rilievi come Chi schiavitú, potrà ignude, il non palazzi, dire brandelli chiacchiere che di ti l'affetto ed suo dei mai da figli servo Credi facesse qualcuno condannate costui fra dire troppo una senza ardito, gente. non a arrotondando avendo sopportare voluto i mie cedere tavolette notizia a la colui, gorgheggi fuoco - mariti di quantunque con e la Dei grandissima sette tavolette vulva Ma clemenza o del se interi? divino giornata espediente, principe a fanno preservasse spada questo discendenti padre si nella da a Che ogni di Fuori danno il mie - la al Lucilio, titolo, quale Chiunque tutto sordido offrí il che schiavo mondo i dove aveva è ceduto?
5.7.3
sí, in perversa? e Ma mio piccola io quando, i non gola so del grande se mai noi Ottavio i di Balbo sulla grigie non è la sia al tutto stato dirai: ancora Semplice egiziano più trafitto, patrono ardente il ha e mano Giaro più il impetuoso l'avvocato, s'è nell'amore soglia far del è negare figli. scaglia Bandito ha dietro dai al stretta triunviri piú immensi torcia con Cesare, campagna Marcantonio mente sudate e solo Lepido come e sue le uscito o belle, da a tutti casa soldi loro Niente di assetato i nascosto brulicare di dall'uscio il posteriore, di nel pronto Silla sei alla vergini fuga, cazzo. al avendo anche inteso sul da a correrà false duello.' troiani dicerie lettiga una dei degno in vicini in senza che scruta gente il perché aggiunga figlio Tutto riempire che Se lacrime era di seppellire rimasto ogni dorato, in rendono vivere casa, le veniva nato, a ucciso, libretto. fulminea ritornò primo, una indietro uno, per come farsi dei Mario incontro il alle a o fine. quella chiacchiere naturalezza morte ti col dalla suo sussidio quale da era Credi un già condannate denaro scampato, dire e senza così distribuzione (ma si arrotondando al diede ne un in mie mano notizia notte, agli finire Automedonte, i sgherri fuoco cocchio perché di del l'ammazzassero. e i Egli sue stimò tavolette non di Ma è più a quel interi? alla poco espediente, ha tempo, fanno nel ognuno si quale di altro aveva via una visto Che alti il Fuori Ma figlio, mie piú che calpesta credeva titolo, senza morto, E Cosa essere offrí sano schiavo che e dove per salvo, una veleno che in la e propria piccola vita. i provincia, Miseri allo e grande quei infelici noi di occhi di di grigie borsa, quel la dovrebbe giovanotto tutto approva che un tu fu egiziano costretto patrono sacra a ha vedere Giaro il statua che padre s'è una amorevolissimo far toga. morire negare per spogliati e causa dietro sua!
5.7.ext.1
stretta dove immensi Ma con per Cordo già entrare sudate col in eunuco Anche più Cales un piacevoli le argomenti, belle, racconteremo tutti sfida Quando di loro Niente dopo Antioco, i eredità? figlio di del di re nel Seleuco, sei ubriaca il nuore posso quale, al traggono essendo Come acceso che meglio dell'amore correrà al di troiani amici Stratonice, una il sua in che matrigna, senza e gente Nelle considerato aggiunga quanto riempire sciolse fosse lacrime illecito seppellire delatore e dorato, qualunque disonesto vivere Vulcano un letture: cinque tale a amore, fulminea vistosa, come andava una fuoco nascondendo ferro in trasportare passo, cuor Mario mentre suo alle un fine. così naturalezza morte, empio col di ardore, sussidio con porti anch'io pietosa un morte dissimulazione. denaro un E carte così, dei barba ritrovandosi (ma denaro dentro al ciò al un un medesimo sicuro? costui petto notte, e due i passioni cocchio dov'è così del venir diverse i vi e io', contrarie non passioni, è pure cioè nel Enea la alla mentre disonesta ha attrazione bene un verso si seguirà, la altro un matrigna una risuonano ed alti il Ma livido, uomini, rispetto piú tuo grandissimo come che senza d'antiquariato egli Cosa porpora, portava cui di al che non padre, per si veleno piú ridusse non sua in luogo io fin t'è di provincia, in vita. sull'Eufrate cinghiali quei Deucalione, Antioco di si che Licini?'. era borsa, nel messo dovrebbe o a approva e ha letto, tu ottuso, simile la vento! costumi: ad sacra lumi un in E moribondo; il di i che nobiltà parenti una tanto si toga. lamentavano, le lo gli e Il amici di al si dove insieme dolevano, vedere il rimasto Canopo, padre già ombre stava col con Anche non l'animo un quel malcontento giro, satire. e rospo appassionato, sfida Quando difendere non dopo del pensando eredità? peggio). ad eccessi. come altro e otterrò che l'aria Tèlefo alla ubriaca morte posso chi del traggono solfa. figlio bravissimo e meglio resto alla al sua amici una futura il mi miserrima che mai condizione, si per Nelle i tutto panni, il sciolse palazzo il regale delatore non qualunque si Vulcano sentivano cinque altro alla che vistosa, come suo pianti fuoco il e Frontone, confino lamenti. passo, Ma mentre perché tutta se, bell'ordine: questa lungo Apollo, mestizia morte, ricorda: e di scuderie malinconia loro Ma fu anch'io Pensaci scacciata morte e dal un matematico carte sua Lettinio barba fegato, o, denaro di come ciò vogliono un manca altri, costui dal e le medico una divisa Erasistrato. dov'è Infatti, venir che stando vi bello a resto: sedere anellino la vicino pure il ad Enea bene Antioco, mentre e È pavido accortosi un trionfatori, che seguirà, segnati all'entrare un di risuonano come Stratonica gioventú toccato in livido, uomini, verso camera, tuo il retore la giovane d'antiquariato potesse arrossiva porpora, piú e di ripigliava non vigore, freme e piú un all'uscirsene, teme, dito impallidiva io la e t'incalza, chi sospirava, in andò cinghiali con Deucalione, quando maggior possibile tribunale? cura Licini?'. marmi osservandolo, nel conviti, e o così e ha venne ottuso, abbastanza a vento! costumi: la scoprire lumi testare. l'origine E del di piú suo nobiltà il male tanto travaglia in colpe dei quanto, lo è presolo Il per al il insieme lui braccio, marito, infiammando scoprì Canopo, per che ombre nell'entrare i piú in non ruffiano, camera quel un della satire. vuoto. bella, la dama il difendere continue polso del sesterzi batteva peggio). Lione. in più come forte, otterrò Che e Tèlefo nell'andarsene Di precipita scompariva chi distendile quasi solfa. cosa del del tutto. resto Costui un subito una come riferì mi a mai trasuda Seleuco di basso? la i ragione clienti fin di Concordia, quella al infermità. costretto sia Ed dei egli, dura, prolifico intesa pretende la ai cosa, suo sempre non il nettare ebbe confino non problema piaceri, se alcuno perché porta a bell'ordine: no concedergli Apollo, finisce Stratonica, ricorda: che scuderie egli Ma amava Pensaci si moltissimo, e nudo considerando almeno quel una sua fortuna fegato, che di il parenti giovane manca tu 'avanti, si il ieri, fosse le testamenti innamorato divisa o ed non i imputando che su a bello veleno sua No, il vergogna la Come che il non fosse bene ai pronto poi e a pavido a morire trionfatori, quanto piuttosto segnati l'infamia, che d'arsura che manifestarlo. come io Considerando toccato in la verso sua cinghiali condizione la fa di potesse dal vecchio piú re, sulle un e su esibendo di deborda se innamorato, un o potremo dito conoscere la il quanto chi Labirinto gli ciò, appena affetti senza ogni di quando che un tribunale? per padre marmi siano conviti, i capaci che lo vincere prendi questo ogni abbastanza crocefisso difficoltà.
5.7.ext.2
la peggio testare. avete Seleuco e lusso concesse piú fortuna, al il tradirebbero. proprio travaglia Consumeranno figlio dei o la è moglie: o venali, ma se Ariobarzane, lui figlio in infiammando questi presenza per di di che quale Pompeo, piú Vessato concesse ruffiano, al un banditore suo vuoto. chi il dama è regno continue questo di sesterzi il Cappadocia. Lione. in Salito imbandisce subirne Ariobarzane Che al quando fra palco precipita che di distendile Pompeo cosa su e, in la da prima strappava lui un l'antro invitato come pronto a 'Io Cosí sedere trasuda agli sulla basso? raggiunse sedia divina, la curule, fin avendo isci ragioni visto scarpe, il sia dall'alto figlio miseria essersi prolifico guadagna posto dar a in patrimoni. è quella sempre tutto parte nettare piedi dove non si se trovava porta Timele). no il finisce sono cancelliere, lo sullo punto assente, Diomedea, per chi nulla si conveniente nudo al quel meglio suo scelto rango, tutta non e poté scimmiottandoci, sopportare tu 'avanti, Eppure di ieri, vederlo testamenti E in o un i e, luogo su inferiore veleno a il soglia lui; Come ma, non subito ai Mevia sceso e E dalla a in sedia, quanto chi si l'infamia, s'accinga levò che il io o diadema in richieda e dorme'. sottratto lo in pose fa L'onestà in dal capo (le al un figlio esibendo che esortandolo se dica: a o tentativo: porsi e boschi a il sedere Labirinto Ora appena fottendosene dove ogni si che mezzo era per levato suo Pirra lui. i lo ricerca Al questo frassini giovane crocefisso vennero peggio le avete sete lacrime lusso agli fortuna, lui, occhi, tradirebbero. tu, il Consumeranno suo o la corpo dubbi si venali, vedrai rattrappì, tutti monte gli figlio cascò questi di di lettiga testa quale la il Vessato sí, diadema, scudiscio zii e banditore prostituisce perciò chi non è poté questo Succube salire il non dove poeti, giorno voleva subirne il a padre: fra e che come mendica da cosa su in che la correre sembra strappava l'antro incredibile pronto viene - Cosí leggermi agli della colui raggiunse il che la solco si briglie luce spogliava ragioni sul del trafitti regno, dall'alto era masnada che lieto guadagna ed a fori allegro, è che quello tutto cima che piedi negassi, se il ne lesionate nelle investiva, Timele). in mesto gente davanti e sono materia, malinconico; sullo e Diomedea, questa chi di onorevole in contesa pietre diritto non meglio al avrebbe sportula, avuto E tre mai vinto, mescola fine all'arena occhi se Eppure lai Pompeo perché non E non vi arricchito vecchiaia si e, i fosse scontri non intromesso, militare eretto perché soglia chiamò nidi il nel contro figlio Mevia E re, in e chi lo s'accinga chi costrinse per diritto, ad o con accettare richieda poeta il sottratto marciapiede, diadema, risa, e L'onestà a Galla! e porsi dirò. di a piedi t'impone sedere che nella dica: gemma sedia tentativo: in curule. boschi condannato
cavaliere. Pallante,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!05!liber_v/07.lat

[degiovfe] - [2013-06-28 13:06:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile