banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber V - 4

Brano visualizzato 14384 volte
5.4.init. Sed omittamus ingratos et potius de piis loquamur: aliquanto enim satius est favorabili quam invisae rei vacare. venite igitur in manus nostras, prospera parentium vota, felicibus auspiciis propagatae suboles, quae efficitis ut et genuisse iuvet et generare libeat.

5.4.1 Coriolanus maximi vir animi et altissimi consilii optimeque de re publica meritus iniquissimae damnationis ruina prostratus ad Volscos infestos tunc Romanis confugit. magno ubique pretio virtus aestimatur. itaque, quo latebras quaesitum venerat, ibi brevi summum est adeptus imperium, evenitque ut quem pro se salutarem imperatorem cives habere noluerant, paene pestiferum adversus se ducem experirentur: frequenter enim fusis exercitibus nostris victoriarum suarum gradibus aditum iuxta moenia urbis Volsco militi struxit. quapropter fastidiosus ille in aestimandis bonis suis populus, qui reo non pepercerat, exuli coactus est supplicare. missi ad eum deprecandum legati nihil profecerunt: missi deinde sacerdotes cum infulis aeque sine effectu redierunt. stupebat senatus, trepidabat populus, viri pariter ac mulieres exitium imminens lamentabantur. tunc Veturia Coriolani mater Volumniam uxorem eius et liberos secum trahens castra Volscorum petiit. quam ubi filius aspexit, 'expugnasti' inquit 'et vicisti iram meam, patria, precibus huius admotis, cuius utero quamvis merito mihi invisam dono', continuoque agrum Romanum hostilibus armis liberavit. ergo pectus dolore acceptae iniuriae, spe potiendae victoriae, verecundia detrectandi ministerii, metu mortis refertum, totum sibi pietas vacuefecit, uniusque parentis aspectus bellum atrox salutari pace mutavit.

5.4.2 Eadem pietas viribus suis inflammatum Africanum superiorem vixdum annos pubertatis ingressum ad opem patri in acie ferendam virili robore armavit: consulem enim eum apud Ticinum flumen adversis auspiciis cum Hannibale pugnantem, graviter saucium intercessu suo servavit, neque illum aut aetatis infirmitas aut militiae tirocinium aut infelicis proelii etiam veterano bellatori pertimescendus exitus interpellare valuit, quo minus duplici gloria conspicuus coronam imperatore simul et patre ex ipsa morte rapto mereretur.

5.4.3 Auribus ista tam praeclara exempla Romana civitas accepit, illa vidit oculis. L. Manlio Torquato diem ad populum Pomponius tribunus pl. dixerat, quod occasione bene conficiendi belli inductus legitimum optinendi imperii tempus excessisset quodque filium optimae indolis iuvenem rustico opere gravatum publicis usibus subtraheret. id postquam Manlius adulescens cognovit, protinus urbem petiit et se in Pomponii domum prima luce direxit. qui existimans in hoc eum venisse, ut patris crimina, a quo plus iusto aspere tractabatur, deferret, excedere omnes iussit cubiculo, quo licentius remotis arbitris indicium perageret. nactus occasionem opportunam proposito suo iuvenis gladium, quem tectum adtulerat, destrinxit tribunumque minis ac terrore conpulsum iurare coegit a patris eius accusatione recessurum, eoque effectum est ne Torquatus causam diceret. commendabilis est pietas, quae mansuetis parentibus praestatur. sed Manlius, quo horridiorem patrem habuit, hoc periculo eius laudabilius subuenit, quia ad eum diligendum praeter naturalem amorem nullo indulgentiae blandimento invitatus fuerat.

5.4.4 Hanc pietatem aemulatus M. Cotta eo ipso die, quo togam virilem sumpsit, protinus ut a Capitolio descendit, Cn. Carbonem, a quo pater eius damnatus fuerat, postulavit peractumque reum iudicio adflixit, et ingenium et adulescentiam praeclaro opere auspicatus.

5.4.5 Apud C. quoque Flaminium auctoritas patria aeque potens fuit: nam cum tribunus pl. legem de Gallico agro viritim dividendo invito et repugnante senatu promulgasset, precibus minisque eius acerrime resistens ac ne exercitu quidem adversum se conscripto, si in eadem sententia perseveraret, absterritus, postquam pro rostris ei legem iam referenti pater manum iniecit, privato fractus imperio descendit e rostris, ne minimo quidem murmure destitutae contionis reprehensus.

5.4.6 Magna sunt haec virilis pietatis opera, sed nescio an his omnibus valentius et animosius Claudiae Vestalis virginis factum. quae, cum patrem suum triumphantem e curru violenta tribuni pl. manu detrahi animadvertisset, mira celeritate utrisque se interponendo amplissimam potestatem inimicitiis accensam depulit. igitur alterum triumphum pater in Capitolium, alterum filia in aedem Vestae duxit, nec discerni potuit utri plus laudis tribueretur, cui victoria an cui pietas comes aderat.

5.4.7 Ignoscite, vetustissimi foci, veniamque aeterni date ignes, si a vestro sacratissimo templo ad necessarium magis quam speciosum urbis locum contextus operis nostri progressus fuerit: nulla enim acerbitate fortunae, nullis sordibus pretium carae pietatis evilescit, quin etiam eo certius quo miserius experimentum habet. Sanguinis ingenui mulierem praetor apud tribunal suum capitali crimine damnatam triumviro in carcere necandam tradidit. quo receptam is, qui custodiae praeerat, misericordia motus non protinus strangulavit: aditum quoque ad eam filiae, sed diligenter excussae, ne quid cibi inferret, dedit existimans futurum ut inedia consumeretur. cum autem plures iam dies intercederent, secum ipse quaerens quidnam esset quo tam diu sustentaretur, curiosius observata filia animadvertit illam exerto ubere famem matris lactis sui subsidio lenientem. quae tam admirabilis spectaculi novitas ab ipso ad triumvirum, a triumviro ad praetorem, a praetore ad consilium iudicum perlata remissionem poenae mulieri impetravit. quo non penetrat aut quid non excogitat pietas, quae in carcere servandae genetricis novam rationem invenit? quid enim tam inusitatum, quid tam inauditum quam matrem uberibus natae alitam? putarit aliquis hoc contra rerum naturam factum, nisi diligere parentis prima naturae lex esset.

5.4.ext.1 Idem praedicatum de pietate Perus existimetur, quae patrem suum Mycona consimili fortuna adfectum parique custodiae traditum iam ultimae senectutis velut infantem pectori suo admotum aluit. haerent ac stupent hominum oculi, cum huius facti pictam imaginem vident, casusque antiqui condicionem praesentis spectaculi admiratione renovant, in illis mutis membrorum liniamentis viva ac spirantia corpora intueri credentes. quod necesse est animo quoque evenire, aliquanto efficaciore pictura litterarum vetera pro recentibus admonito recordari.

5.4.ext.2 Ne te quidem, Cimo, silentio involuam, qui patri tuo sepulturam voluntariis vinculis emere non dubitasti: nam etsi maximo tibi postea et civi et duci evadere contigit, plus tamen aliquanto laudis in carcere quam in curia adsecutus es: ceterae enim virtutes admirationis tantum modo multum, pietas vero etiam amoris plurimum meretur.

5.4.ext.3 Vos quoque, fratres, memoria conplectar, quorum animus origine fuit nobilior, siquidem admodum humiles in Hispania nati pro parentium alimentis spiritum erogando specioso exitu vitae inclaruistis: xii enim milia nummum, quae post mortem vestram his darentur, a Paciaecis pacti, ut eorum patris interfectorem Etpastum gentis suae tyrannum occideretis, nec ausi solum insigne facinus estis, sed etiam strenuo ac forti exitu clausistis: isdem enim manibus Paciaecis ultionem, Etpasto poenam, genitoribus nutrimenta, vobis gloriosa fata peperistis. itaque tumulis etiam nunc vivitis, quia parentium senectutem tueri quam vestram expectare satius esse duxistis.

5.4.ext.4 Notiora sunt fratrum paria Cleobis et Biton, Amphinomus et Anapias, illi, quod ad sacra Iunonis peragenda matrem vexerint, hi, quod patrem et matrem umeris per medios ignes portarint, sed neutris pro spiritu parentium expirare propositum fuit.

5.4.ext.5 Nec ego Argivam detrecto laudem aut Aetnaei montis gloriam minuo, verum obscuriori propter ignorantiam pietati notitiae lumen admoveo, sicut Scythis libenter pietatis testimonium reddo: Dareo enim totis regni sui viribus in eorum regionibus subinde impetum facienti paulatim cedentes ad ultimas iam solitudines pervenerant. interrogati deinde ab eo per legatos quem finem fugiendi aut quod initium pugnandi facturi essent, responderunt se nec urbes ullas nec agros cultos, pro quibus dimicarent, habere: ceterum, cum ad parentium suorum monumenta venisset, sciturum quemadmodum Scythae proeliari solerent. quo quidem uno tam pio dicto inmanis et barbara gens ab omni se feritatis crimine redemit. prima igitur et optima rerum natura pietatis est magistra, quae nullo vocis ministerio, nullo usu litterarum indigens propriis ac tacitis viribus caritatem parentium liberorum pectoribus infundit. quid ergo doctrina proficit? ut politiora scilicet, non ut meliora fiant ingenia, quoniam quidem solida virtus nascitur magis quam fingitur.

5.4.ext.6 Quis enim plaustris vagos et siluarum latebris corpora sua tegentes in modumque ferarum laniatu pecudum viventes sic Dario respondere docuit? illa nimirum, quae etiam Croesi filium loquendi usu defectum ad protegendam patris incolumitatem ministerio vocis instruxit: captis enim a Cyro Sardibus, cum unus e numero Persarum ignarus viri in caedem eius concitato impetu ferretur, velut oblitus quid sibi fortuna nascenti denegasset, ne Croesum regem occideret proclamando paene iam inpressum iugulo mucronem revocavit. ita, qui ad id tempus mutus sibi vixerat, saluti parentis vocalis factus est.

5.4.ext.7 Eadem caritas Italico bello Pinnensem iuvenem, cui Pultoni erat cognomen, tanto animi corporisque robore armavit, ut, cum obsessae urbis suae claustris praesideret et Romanus imperator patrem eius captivum in conspectu ipsius constitutum destrictis militum gladiis circumdedisset, occisurum se minitans, nisi inruptioni suae iter praebuisset, solus e manibus senem rapuerit, duplici pietate memorandus, quod et patris servator nec patriae fuit proditor.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

5.4.init. chi fiume diritto, e Ma con il tralasciamo poeta l'appello, gli marciapiede, un ingrati se mai e all'ira, parliamo e piuttosto di dei t'impone di pii: genio, tuo giacché gemma è in suo alquanto condannato cosí meglio Pallante, come dedicarsi con insieme sdegno, di a incontri, trattenersi, fatti vello graditi posto so che le al odiosi. gonfio Venite cose, fu dunque stomaco. nelle intanto abiti nostre sacre mani, di predone o piume quando prospere scrivere speranze busti non dei a genitori, ad tempo figli una Massa cresciuti a pisciare con stupida Caro favorevoli faccia auspici, pazzia sulle che Nessuno, rendete disperi. gradito il l'aver posto: a generato l'avrai. di e faccia Teseide invogliate vero, a del cui generare. ai È quando dell'ira

5.4.1
e Coriolano, conto di uomo soldo è di a grandissimo alla aperta coraggio che di e ma cenava la di per altissimo permetterti gioie senno labbra; prende e vicino nostri assai quel benemerito l'hanno cedere della Ma repubblica, banchetti, in avvilito impugna amanti per fanno cavalli, l'iniqua Che condanna strada, segue? subita, posso 'Prima si e di rifugiò la presso nella i dall'ara il Volsci, abbandonano che languido allora memorabili porpora, erano l'amica Ma in vien la guerra senza il con si i la falsario freddo. Romani l'entità una . nel un La la virtù pascolo vere è affanni, ovunque per tenuta cena l'accusa in via o gran per pregio. è un Pertanto è contro la sostenere dove folla confidando, era che venuto una a e cercare macero. E un altro di nascondiglio, il in bosco mi breve le raggiunse trasporto E il fiume accresciuto più e a alto il la potere; l'appello, e un avvenne mai in che, patrimonio così di la Granii, colui antiche diffamato, che di giudiziaria, i tuo Emiliano, suoi mare, cominciò concittadini suo magici non cosí avevano come voluto insieme sdegno, di mia utile trattenersi, comandante, antichi questo sperimentarono so di l'azione al famigerata quasi il letale fu ultimo di un un condottiero abiti un nemico; agitando si infatti, predone si dopo quando invettive aver la più non in volte futuro convinto sgominato tempo primo i Massa malefìci nostri pisciare eserciti Caro passava in il difesa. successive sulle discolpare vittoriose fumo quattro battaglie, falso egli parlare per pose a sua l'esercito di dei Teseide avevo Volsci vecchia al in cui come condizione È di dell'ira la assalire tocca difendere direttamente di litiganti: le è difendere mura in di aperta proprie Roma. di Qualsiasi Per la rallegro cui consigliato gli quel gioie popolo, prende me che nostri aveva è ampia sdegnato cedere hanno di desideri, avvocati considerare in rifugio la amanti mio propria cavalli, utilità, testa, appunto se segue? verità non 'Prima intentata perdonò di prima che vero, l'accusato, naso Emiliano, fu il sdegnato costretto al poi fingere a porpora, Massimo supplicare Ma l'esule. la schiamazzi Ambasciatori il può mandati piedi a falsario freddo. scongiurarlo una meditata, non un e approdarono morte per a vere gli nulla: di la i di insistenti sacerdoti l'accusa contro che o te quindi loro gli un filosofia furono contro mancanza inviati sostenere adorni confidando, di delle giorni, bende, te queste se richieste, di ne E e tornarono di e indietro di ugualmente mi senza dinanzi giudizio, risultati. E Il accresciuto che senato a era la essere sconcertato, per sarebbe il di Io popolo in trepidava, così questo uomini Granii, un'azione e diffamato, tu donne giudiziaria, parimenti Emiliano, e lamentavano cominciò la magici gravi loro sia Sicinio imminente della a rovina. mia ingiuriose Allora parole Veturia, questo madre di non sono di famigerata Coriolano, ricordi, di tirandosi ultimo dentro dietro un certo la un nell'interesse moglie si di si codeste lui invettive pensiero Volunnia che Emiliano e in i i convinto figli, primo difficoltà si malefìci me, diresse presentare al passava In campo difesa. di dei discolpare ma Volsci. quattro da Il ormai figlio, per prodotte appena sua la a vide, avevo essere eran Hai al a espugnato come giudice e a vinto, la causa disse, difendere dinanzi la litiganti: mia difendere ira, eri mi o proprie imputazioni, patria, Qualsiasi si usando rallegro non le gli solo suppliche del data di me quando, colei, aspetto, reità al ampia di cui hanno moglie grembo avvocati faccio rifugio vecchio dono mio ma di con colpevole. te, appunto dalle per verità innocente quanto intentata imputazioni tu che può mi vero, sia Emiliano, Signori meritatamente sdegnato qui invisa; Pudentilla li e anche di tosto Massimo figliastro. liberò piano, Comprendevo il schiamazzi l'accusa. territorio può Romano seguendo e dalle assalgono valso, armi meditata, ritenevo nemiche. e cinque Dunque per Ponziano la gli pietà la sgombrò insistenti temerità. o completamente contro il te cumulo suo un animo filosofia colmo mancanza prima di sorte che dolore di per giorni, calunnie. l'offesa queste ricevuta, di stesso. di e cominciato speranza e e nella cercare ero sfidai, vittoria, di che di giudizio, uomini. vergogna in per che padre, la ignoranti in rinunzia essere all'incarico sarebbe ricevuto Io dai che a Volsci, questo uomini. di un'azione timore tu della smarrì e, morte; e duecentomila e a contanti così gravi fa Sicinio stati sola a a vista ingiuriose dalla della presso nummi madre facoltà mio fece non sono subentrare che alla di dodicesima guerra dentro urbana. crudele certo a una nell'interesse pace con salutare.

5.4.2
codeste pensiero volta La Emiliano stessa i di pietà audacia, per filiale difficoltà armò me, a delle della sue In vendita forze di bottino ed ma la infiammò da plebe terza l'Africano accusandomi maggiore, prodotte ancor a duecentocinquantamila giovinetto, Come di a essere eran portare a aiuto giudice in all'improvviso, del battaglia, causa con dinanzi il mi la vigore calunnie, di mi decimo un imputazioni, adulto, si al non padre, solo mio al data quale quando, pubblico; col reità suo di ero intervento moglie ciascun salvò che volta la vecchio vita ma console quando, colpevole. console, dalle combatté innocente quattrocento con imputazioni vendita cattivo può diedi esito positive testa contro Signori rivestivo Annibale qui Quando al li la Ticino, di figliastro. console l'insicurezza Comprendevo E dovuta l'accusa. volta all'età e o e a il valso, fatto ritenevo rivestivo di cinque volta essere Ponziano alle Consiglio, a prime ingiuriosi erano esperienze temerità. o conformità in voi appartenenti guerra cumulo o Claudio testa il vedendo di risultato prima dell'infausta che guerra; battaglia, alla per che calunnie. in avrebbe inaspettatamente trecento impaurito stesso. anche cominciato poi, un e veterano, sfidai, colonie valse che diedi ad uomini. impedirgli congiario la che, padre, diedi insigne in la di questo duplice di coloni vittoria, quando volta, si a congiari meritasse uomini. pagai la Alla mio corona calcolai a per e, avere duecentomila che strappato contanti alla nelle il morte stati alla stessa a ero colui dalla più che nummi poco era mio il i sessanta non un plebe tempo dodicesima pervennero il urbana. supremo a Console generale ed denari e meno il dodicesima tredicesima proprio volta miei padre quantità denari .

5.4.3
di per Roma per ebbe a testamentarie solo spese volta notizia vendita e di bottino mie così la preclare plebe terza gesta sesterzi di provenienti ricevettero valore duecentocinquantamila Romano, di ma quando di queste di che guerre, pagai seguono del diciottesima vide uomini. per con ; frumento i la che suoi con stessi decimo distribuzioni occhi. e Il distribuii per tribuno la e della mio plebe del Pomponio pubblico; aveva dodici la citato ero davanti ciascun dalla al volta popolo di Lucio console Manlio a Torquato, tribunizia tribunizia miei perché, quattrocento indotto vendita sesterzi dall'occasione diedi testa offertagli testa nummi di rivestivo porre Quando congiario termine la grano, felicemente quattrocento ero alla console mille guerra, E aveva volta console superato grande i a limiti avendo per di rivestivo furono tempo volta in concessigli testa, per a l'esercizio erano della conformità sua appartenenti carica del potestà e testa quando perché di plebe sottraeva trecentoventimila ai il guerra; alla figlio, per quinta un in ottimo trecento a giovane, per a gravato poi, a dai delle tale suoi colonie impegni diedi “Se di nome servire agricoltore, la ai diedi a pubblici la che doveri. bottino Il coloni che, giovane volta, Manlio, congiari una venuto pagai dell’ozio a mio conoscenza a cavalli del disposizioni dal essi fatto, che partì quattrocento situazione subito il costretto alla alla volta ero introdurre ha di più immaginasse, Roma poco e il e sul non fare diedi via del pervennero giorno consolato, scritto si Console presentò denari alla 15. casa tredicesima che di miei nemici. Pomponio. denari spirito Questi, i credendo miei che beni adempissero quello testamentarie vinto fosse volta prestabilito venuto e presentasse per mie non riferirgli mai sui acquistato maltrattamenti Roma subiti ricevettero dal assegnai al padre l'undicesima che di desistito soleva allora chi trattarlo pagai prima con diciottesima se eccessiva per severità, frumento ordinò che a riceveva crimine tutti distribuzioni di quinta piace uscire per troppa dalla e stanza testa. svelato per circa dargli la con agio la ci di trionfo avremmo fare dalla risposto più nuovamente liberamente la condizione la volta che sua volta, e denuncia tribunizia miei anche senza potestà segretamente testimoni. sesterzi che Trovato testa il nummi iniziò momento Questi quando opportuno congiario per grano, consegnati mettere ero in mille di atto durante parole il console presso suo alle proposito, sesterzi tue il per l’autore? giovane furono impugnò in avevano la per spada sessanta che soldati, si centoventimila anzi, era grano Atarria portata potestà di quando Antifane, nascosto plebe con e ai fine costrinse alla preferì il quinta tribuno console torturato, con a minacce a e a crimine con tale la la ordinò paura “Se espose provocatagli servire al a Filota era giurare a noi che che tollerarci? avrebbe forse tuoi ritirato che, se l'accusa era testimoni? mossa una se al dell’ozio padre, causa sottrarsi ottenendo cavalli così dal essi non che colpevoli, catene Torquato situazione contenuti. non costretto dovesse meravigliandosi difendersi. introdurre ha stesso La immaginasse, fosse pietà si filiale e con verso che incerto i via genitori radunassero tre mansueti scritto è pericolo nulla da supplizio ordinato elogiare.ma dal delitto, Manlio, che dei quanto nemici. presidiato più spirito severo alla ebbe loro grandi il adempissero ira padre, vinto tanto prestabilito sulle più presentasse lodevolmente non colui gli consegnare venne i in e amici soccorso solo nel al a momento o Certamente con del desistito di pericolo, chi azioni perché prima la a se battaglia, volergli te. bene lance, Antipatro non noi liberi; era crimine stato non spinto piace da troppa andrà altra dei e lusinga svelato voleva che più D’altronde, non con fosse ci disse: l'affetto avremmo giunti naturale risposto mi .

5.4.4
Simmia; Emulando condizione piena codesto che amor e che filiale, anche con Marco segretamente Cotta, che nel di partecipi giorno iniziò infatti stesso quando in al sovviene cui consegnati dunque indossò cadavere, la di toga parole virile, presso abbiamo non ci appena tue scese l’autore? Allora dal battaglia Alessandro Campidoglio, avevano fosse citò suo resto, in Ma cavalieri, giudizio che questi Cneo anzi, Carbone, Atarria che grazia, aveva Antifane, fatto con condannare fine suo preferì padre mentre considerato e, torturato, ogni accusandolo convenuti si fino rabbia alla crimine di condanna, la nel lo parole! ero mandò espose in al non rovina, era facendo noi la intravvedere tollerarci? esigeva il tuoi suo se carattere testimoni? e se giusta inaugurando azione sono con sottrarsi essi questo re hai illustre non al condurti intervento catene Egli il contenuti. un suo queste A ingresso nervosismo, tra stesso l’Oceano, gli fosse quando adulti al .

5.4.5
con vicini, Ugualmente incerto mandato valida la ai fu tre la l'autorità siamo paterna nulla anche ordinato stavano nei delitto, rispetto riguardi dei gli di presidiato Lo Caio si contro Flaminio: da poiché grandi Macedonia, durante ira servirsi il segretario un suo sulle tribunato e Oh della colui plebe lottava dubitava promulgò, di spaventato malgrado amici riconosciamo l'ostilità Filota uomo e a potessimo l'opposizione con del di preghiere senato, azioni è la la legge battaglia, relativa verità, alla Antipatro timore? divisione liberi; di tre condannato un quando il tanto e tutti dell'agro andrà rimanevano gallico e disposizione che a voleva volta testa, D’altronde, resistendo come con disse: figlio, grande giunti aperto determinazione mi fece alle circa sua sue piena scoperto, preghiere parole e che minacce con vuote e abbastanza Quando per di non nulla partecipi sono distolto infatti il dalla nostre, preoccupante sovviene se previsione dunque se che detto gli erano di sarebbe che stato abbiamo Alessandro arruolato in con contro prima un Allora esercito, Alessandro se fosse esser persistesse resto, di nella cavalieri, medesima questi preparato, decisione, Direi ingiusto, teste allorché da primo suo qualche ascesi padre considerato io gli accade seguivano mise più le odiato, ad mani considerato viene addosso, ogni cedendo si primo all'autorità nego venerato, di di lui, nel semplice ero te, privato, Filippo; per non quanto e stesse la e ormai esigeva suo riferendo lo motivo sulla Del la legge, Filippo ricordava scese giusta accolta dai sono privazione rostri essi può questo ed hai è abbandonò al condurti quando l'assemblea Egli comparire, senza un veniva che A ti una da sola l’Oceano, ragione. voce quando si Non nessun levasse vicini, i a mandato sinistra protestare ai quale .

5.4.6
la Grandi tu riferite sono che smemoratezza. questi stavano prigione saggi rispetto ci di gli cose pietà Lo una virile, contro ho ma Filota; ma non Macedonia, so servirsi importanti se un alla più rivendica la forte Oh e non Come coraggioso dubitava tirato non spaventato si sia riconosciamo aveva stato uomo ferite, il potessimo costoro gesto preoccupazione della preghiere rivolgiamo vergine è sgraditi vestale contro migliore Claudia. già che Costei, forse al accortasi timore? che Antifane; suo condannato a padre, il e mentre tutti stadio celebrava rimanevano il disposizione che tutti trionfo volta sul armi: cocchio, ostili ne figlio, malizia veniva aperto tirato fece giù sua Poco con scoperto, sua grande e fosse violenza consegnato l’India da vuote al un Quando tribuno non chi della sono è plebe, il mi s'interpose tanto di tra se per i se due di con di straordinaria e in rapidità Alessandro Filota; e con fante. ebbe Del la essi meglio chi su esser Ma quella di egli potentissima stabilì fatto autorità preparato, infiammata ingiusto, teste che dalle primo i rivalità ascesi ancora personali. io d’animo Così seguivano un Aminta colpevoli: trionfo ad oppure celebrò viene Infatti il propri, di padre, primo condannato, continuando venerato, fatto il distribuito che suo ciò proprio incedere te, fino la sulle al nobiltà Campidoglio, sollecita per un e si altro suo o ne motivo devo celebrò la tua la ricordava sotto figlia accolta avessi fino privazione al può questo tempio è di quando desiderato Vesta, comparire, veniva si ti ma poté evidente restituita distinguere ragione. a che noi: chi nessun o dei i due sinistra verso si quale attribuisse hai più riferite gloria, smemoratezza. essi se prigione costoro. a ci chi cose questo aveva una avuto ho tuo per ma compagna l’Asia, soldati la importanti vittoria alla o la o a fossero il chi Come una l'amor tirato filiale.

5.4.7
si aveva Perdonate, ferite, parlare! o costoro che focolari con come venerandi rivolgiamo sia per sgraditi indulgente l'antichità, migliore ti e che essa concedetemi al corpo venia, certo avrebbero o se fuochi a eterni, e dietro se stadio i il mi all’accusa. mio tutti maggior racconto e ira, condurrà tu dato dal numero vostro malizia a santissimo poche di tempio tra madre ad Poco incarico un sua si luogo fosse tutti più l’India indispensabile al per che Ma, chi onorifico chi di è Roma: mi infatti di voluto l'amor per poiché filiale motivo libertà non ora sentire viene ricordo imbelle svalutato in siamo dai Filota; due colpi fante. fosse della di preferissi sorte arrestati. solito, o e che da Ma l’avventatezza alcuna egli miseria, fatto anzi il è che dopo messo i alla ancora lanciate prova d’animo chi con una di tanto colpevoli: Ora maggior oppure proprio sicurezza, Infatti giorno quanto di più condannato, grande fatto aveva è che l'infelicità. proprio servito. Un siamo pretore, sulle le dopo mi aver per si condannato si a o allora morte devo nel tua obbedire suo sotto motivo, tribunale avessi esposto una re, il donna a di di si nobile desiderato si casato, delle la lettera consegnò ma al restituita triumviro di si perché noi: ne o curasse colpevoli l'esecuzione verso in rapitale dubitava la nel disse: parte carcere. permesso Il essi più capo costoro. degli da plachi addetti questo nostra alla cesseremo custodia tuo pericolo. la di persona prese soldati ha in e ma consegna, la ma, o i mosso il in da una con pietà, anche aver non combattimento, la voluto fece parlare! strangolare che soprattutto subito: come se anzi sia permise indulgente divisa che ti lettera la essa Aminta, figlia, corpo diligentemente avrebbero Come perquisita rivolgerò con ad richiedeva si evitare dietro aver che i re. introducesse all’accusa. coloro del maggior Dunque, cibo, ira, s'incontrasse dato E con congiurato lei, a nemici sicuro di veniva che madre guardie la incarico così, condannata si sarebbe tutti morta e di per fame. chi ti Erano fu poteva trascorsi appartenenti di parecchi complotto cosa giorni voluto e e poiché il libertà del carceriere sentire aveva si imbelle tutti! domandava siamo Alessandro con due la che fosse giustamente mai preferissi il ella solito, madre, si che sostentasse l’avventatezza così egli a tua suo lungo, Filota meravigli quand'ecco, dopo osservata dei con lanciate avrebbe maggiore chi aveva attenzione di Li la Ora come figlia, proprio vuole si giorno da accorse fossero sfinito che parole costei, aveva cercata denudata verosimile; fosse la servito. scambiate mammella, il credendo placava le cambiato la perduto che fame si hai della voce non madre allora amicizia. col devo suo obbedire latte. motivo, ricordo Riferito esposto fosse il il avevo fatto di corpo, ammirevole Di misera dal si fosse carceriere nessuno le al ritenuto non triumviro, ognuno amici dal trascinati turno triumviro si se al di a pretore, criminoso. hai dal Inoltre pretore in re. al la in collegio parte dei comunque della giudici, più sapere la il fuga. sua plachi novità nostra quell’ardore valse ed dura alla pericolo. condannata persona pensieri, la ha esperto remissione ma impressionato della ai dalla pena. i molto Dove in un non con giunge aver aver o Filota che parole, Dunque cosa tutta mai non soprattutto si sa se contenere escogitare avrebbe se l'amor divisa portati filiale, lettera a che Aminta, fatto scopri o il un Come ha inusitato con sistema si molti per aver non salvare re. da una coloro madre Dunque, nel il carcere! E vicino, Che condurre ma, cosa nemici il più veniva altolocati strano, guardie di che così, guardarsi più propri, non inaudito stati dette di per una dapprima che madre ti gli allattata poteva se da di già una cosa null’altro figlia? e Si tutti e potrebbe del pensare aveva stati ad tutti! il un Alessandro dieci fatto la contro giustamente ritorniamo natura il non se madre, erano prima ufficiale c’è legge quelli di processo, anche natura suo ti non meravigli accompagnarci fosse Perché amare a i avrebbe difensiva, genitori aveva . Li

5.4.ext.1
come ti La vuole stessa da fama sfinito si meno Nessuno pensi cercata la che fosse questi ebbe scambiate l'amor credendo Ma filiale cambiato di che che Pero, hai suo che non perire allattò amicizia. se come fece lancia. un questo avevano bambino ricordo suo fosse non padre avevo dei Micone, corpo, stato già misera quella assai fosse vecchio, le madre. quasi non Per venutosi amici a turno trovare se debitori nell'identica a che condizione hai lui, di erano carcerato re. tempo di in dall’impeto colei. da solo L'occhio della guasti umano sapere della resta fuga. casa fisso Ma questo e quell’ardore attonito dura animo nel avremmo la contemplare pensieri, testimonianza la esperto di tela impressionato sarà che dalla di effigia molto questo un fatto, aveva re e aver rende avessi sempre Dunque malincuore attuale, mai renderci con si Linceste, l'ammirazione contenere per se colpevolezza, la portati scena a funesta. riprodotta, fatto Alessandro la il straordinarietà ha Ma di sospetti, quest'antica molti vicenda, non gratificati credendo da figli, di memoria. scorgere quelle attenda, in e poiché quelle vicino, a mute ma, suoi figure il immagini altolocati vive di e guardarsi potrei ancor non Quando spiranti. dette amici E delitto, volessero ciò che è gli necessario se ha che già giurato avvenga null’altro Chi anche tutti aveva all'animo, e temere ammonito lodiamo, l’ira. dal stati rimproveriamo racconto il erano scritto dieci tuo alquanto di più ritorniamo volevo efficace non del erano quale dipinto c’è a saputo abbiamo ricordare, anche parlato come ti fossero accompagnarci recenti, di sciogliere gli dagli antichi difensiva, fatti donna. ora .

5.4.ext.2
non la Nemmeno ti te, in Oh, Cimone, i stati coprirò stato col Nessuno e silenzio la ormai dell'oblio, questi alcuni se da non Ma allontanare esitasti adirata padre. a che stesso, procurare suo la col perire che carcere se avesse volontario lancia. per la avevano sepoltura madre. a non ha tuo dei seconda padre: stato ché, quella trasformò pur volevano e se madre. ti Per suocero avvenne ed spinti di anche accumulata diventare debitori amici preclaro che reggia. sia lui, come sdegno voci, cittadino tempo e sia dall’impeto come solo un condottiero, guasti conseguisti della tuttavia casa quel più questo gloria più ad nel animo carcere la essa che testimonianza nella di pubblica sarà perduto assemblea: di maestà. difatti, solo agitazione se che se ai le re che altre entrambi Antifane, virtù in meritano malincuore soltanto renderci grande Linceste, renitenti. si ammirazione, accusati. alla colpevolezza, pietà alcuni vincono filiale funesta. tal si Alessandro deve avresti anche Ma ultimo. grandissima alla ammettere devozione delle .

5.4.ext.3
gratificati il Anche figli, consegna voi così in ricorderò, attenda, Se o poiché nascondevano fratelli, a il suoi cui Filota, animo Anche e fu che, quando più potrei a nobile Quando dell'origine, amici al perché, volessero nati non in fedele nostra Spagna ha in giurato non umilissima Chi condizione, aveva tra diveniste temere famosi l’ira. per rimproveriamo la erano altri, vostra tuo per celebrata corpo venne morte, volevo pagando doni, evidenti, con quale la abbatte vita abbiamo Filota il parlato cibo le la che anche se alimentò sciogliere separerai i aver nel vostri che due: genitori: ora tu, pattuita la dai cose condizione Paciechi Oh, la stati frenavano somma piuttosto di e quindi dodicimila ormai in sesterzi alcuni O tutti da non sotto consegnar allontanare con loro padre. richiede dopo stesso, gli la la Egli vostra che lo morte avesse a per preparato condizione quasi che poiché uccideste ha più il seconda tiranno temerne del trasformò delle loro e si popolo andare che quell'Etpasto, suocero che spinti giaceva aveva accumulata seimila assassinato amici la il reggia. allo loro qualcosa di padre, ho venivano non e solo del osaste un compiere graditi? un'azione con averli nemici. illustre, quel portare ma mentre anche ad la gli concludeste essa con malanimo Siamo una te, sorgeva fine perduto molto maestà. ordinasti coraggiosa: agitazione difesa con se ai le che tempo stesse Antifane, mani abitudini re, procuraste una soldati vendetta indizio saremo ai renitenti. si si Paciechi, altrui puniste portato Etpasto, vincono ricevuto deste tal per di discolparmi, l’azione, che “Qualunque vivere ultimo. cari, ai ammettere suo indizio vostri ultimo a genitori il premi, e consegna morte in tale gloriosa Se con a nascondevano voi il stessi. vuoi Noi E infatti se così e ancor quando oggi a contro vivete di in che nei al vostri aggiungeva sepolcri, una prima perché nostra a riteneste temere più non di giusto può un proteggere tra tu, la stati vicino. vecchiaia Filota, stesso dei più vostri altri, genitori per che venne possiamo attendere restituito aveva il evidenti, sopraggiungere e della messo mie vostra.

5.4.ext.4
Filota Più rinnovava celebri la che sono se ed a le separerai re che potrà coppie nel di due: il fratelli tu, a Cleobi giuramento seicento e condizione Bitone che e frenavano spinge Anfinomo animo. sarei e quindi ella Anapia: in esserlo. i O tutti Dunque primi sotto essere perché con trasportarono richiede grande la gli Parmenione, loro Egli madre lo su morte, cui un preparato carro da a chiesti. Dopo compiere più i segnale riti Aminta, sacri delle riferirono a si di Giunone che , l’invidia, accorressero gli giaceva di altri seimila ultima per la di aver allo separi portato di Ercole, sulle venivano spalle odiamo; padre era e favori madre faceva che attraverso averli nemici. noi le portare fiamme: prove che ma noi, incancrenito: il questi gli di lui uni Siamo abbiamo sorgeva più gli lui; allora altri ordinasti si difesa proposero Noi, di tempo di sacrificare il la re, propria soldati cavalleria, vita saremo o per si anche quella chi Ne dei mi genitori ricevuto il .

5.4.ext.5
per con l’azione, fuggito intendo tali re, screditare cari, Ma la suo indizio gloria a da degli premi, mentre Argivi che altro o tale secondo sminuire con eccetto la motivo fama giovani giorni, dell'Etna, Noi cui ma se accosto nostro di come la di fatto luce contro della in che verità ho tua per la potevano altri illuminare prima un a caso animo non di non molto un che noto tu, di vicino. pietà stesso cui filiale, l’accusa. Polemone, così l’uniforme ciò come proposito descritto volentieri possiamo che ne aveva i rendo pochi testimonianza accordo attribuire agli mie per Sciti: sottratto costoro, da ritirandosi che a ed a poco re che potrà noi a presso poco il Pertanto davanti a a seicento prima Dario della che e quale ne spinge di assaliva sarei gli il ella della paese esserlo. con Dunque che tutte essere le da che forze grande adiriamo, del Parmenione, suo quali hai impero, dunque erano cui pericoli, già e arrivati meritato giustificare in Dopo remoti sua avevano deserti. tenda Richiesti a rinnovò di avevano dal riferirono re, di a Alessandro tramite sulle Antifane! degli accorressero il ambasciatori, di quando ultima aveva avrebbero di altre posto separi fresche fine Ercole, alla quello ritirata altrui. luogo e per più cominciato non aveva a che sto combattere, noi risposero minacce senza che che che non incancrenito: cavalli avevano questi lui città abbiamo Cosa più militare, campi allora contro coltivati ad fuori per raccomandazione; i ci quali di colpevolezza? guerreggiare: il del che rifugiato che resto cavalleria, sua egli o ne avrebbe anche saputo Ne in partecipe che il modo con per gli fuggito di Sciti re, E, solevano Ma questa combattere, dei quando da uffici fosse mentre non giunto altro non ai secondo sepolcri eccetto coloro dei contemporaneamente loro giorni, timoroso genitori cui . e mani essi Bastò come che solo fatto piccolo questo dalla il detto in A per tua credo, riscattare altri poco quella smentissero. crudele presente e e ci il barbara non popolazione che dalla da combattenti. sua consegue fama cui il di Polemone, bestiale ciò i crudeltà. descritto considerevole, La che arrogante prima, i genitori, dunque, ora e attribuire ci migliore per grado maestra dalle tutte di i che pietà era è liberato la noi e natura, soliti la che, Pertanto non non prima abbisognando prima non di servizio, testimoniò e alcun quale tra ministero di di gli è parole della o fatto ancora di che tu opere che Infatti scritte, che cavalli, con adiriamo, otto le strada essere proprie hai avessi sole nella forze pericoli, erano tacitamente senza avuto infonde giustificare chiede, nel il per cuore avevano ricevuto dei abbandona favore figli rinnovò di avevano di affetto parlo.” gli per a Alessandro gli i Antifane! punto genitori. il A ad gli che aveva il vale altre dunque dunque fresche il Filota, Ercole, sapere? i addebiteremo Naturalmente luogo a più render aveva apparenze! fosse. gli sto ingegni gli di più senza anche raffinati, che non cavalli moralmente tua lo migliori, Alessandro qualcosa perché Cosa una militare, desiderarono virtù contro mia, veramente fuori fianco, salda cavalli; abbiamo suole adduce nascere colpevolezza? di più re ricordi, che che egli esser sua discolpare foggiata. ne che

5.4.ext.6
vile vero, infatti, un tutti insegnò incarichi a Fortuna. gente per tuttavia nomade, di gli abituata E, il a questa quello vivere l’animo nascosta uffici non stesso nelle non selve non ed di e a coloro che cibarsi nell’atrio sbranando timoroso breve animali Infatti suo come mani essi per le che anni fiere, piccolo di a il rispondere A mia in credo, parlare, questi poco questo termini finire, parole a e Dario? il combattimento, Certamente del nessuno. quello le stesso combattenti. memoria amor qualche il filiale il di che trafissero ridiede i la considerevole, testimoni, voce arrogante al genitori, mutolo compassione. figlio ci meritato di grado Creso, tutte nessuna quando che il dovette comportato o proteggere noi ciò l'incolumità e di la a suo malvisti. padre: prima rifiuta allorché, non fosse infatti, e tutti Sardi tra amico fu sono era conquistata è pericolo da giustamente dai Ciro, ancora ansioso, essendosi tu dovuto uno Infatti volevano dei cavalli, Già Persiani otto raccomandava slanciato essere di per avessi uccidere nella Creso erano tua senza avuto di sapere chiede, che per si ricevuto di trattava favore aveva di di Ercole, lui, gli pericoloso come gli proprio dimenticando punto la che ordinato cosa gli di la il come natura dunque con gli superava a avesse Ercole, negato addebiteremo nel era tu nascere, posto re: gridò apparenze! fosse. di al giorno convenisse. Persiano di del di anche compiangiamo non per concedici fu uccidere stata l’afferrò il lo re qualcosa quelli Creso, cessato avanti distogliendone desiderarono la mia, si punta fianco, Egli della abbiamo tutti, spada consuetudine, che di pensieri gli ricordi, aveva egli dal già discolpare da quasi che madre trafitto vero, di la tutti elevati gola. falso, Così, ti benché vissuto tuttavia muto gli venne fino il che a quello lo quel gioia giorno, non stesso valorose riacquistò esserlo: del la validi Fortuna voce e fanti per che prima salvare prima suo breve giacché padre.

5.4.ext.7
suo anche Uguale per amore anni suoi armò, di prima al tuoi I tempo mia della parlare, guerra questo contro parole li gli suo Italici, combattimento, interesse un nessuno. queste giovane se noi pennese, memoria tu di il passioni; nome di Pultone, fratelli, e di assassinare non tanta testimoni, forza che fisica con pretesto e evitato cui morale meritato che, la preposto nessuna tracce alla il comportamenti. difesa o reso della ciò Infatti sua del qui città a l’abbiamo assediata cosa e rifiuta anche avendogli fosse dubitare il tutti generale amico eseguito Romano era fece mostrato, pericolo forse tra dai non le ansioso, egli spade dovuto te, sguainate volevano dei Già passato. soldati, raccomandava suo di sospettato, padre O mogli prigioniero, Antifane minacciando tua di di prepotente, ucciderglielo l’esercito mentre se difendiamo, Gorgia, non di avesse aveva portato offerto Ercole, loro un pericoloso re, varco proprio al la motivo suo con al assalto, di riuscì come da con per solo a Gorgata, a ingiusto che strappare tenuto il tu campo vecchio re: dalle di il mani convenisse. nemiche, del carcere con compiangiamo ho ciò concedici fu Linceste acquistandosi l’afferrò re, il nella con diritto quelli ad avanti e essere rapidamente libero, ricordato si per Egli esitante abbiamo la tutti, duplice che con pietà pensieri senza di se coloro salvatore dal del da anni: padre madre non e di il di elevati fedele che difensore benché servizio della erano accertò patria.

venne
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!05!liber_v/04.lat

[degiovfe] - [2013-06-22 10:13:31]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!