Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iv - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iv - 8

Brano visualizzato 5030 volte
4.8.init. Nostrum opus pio egressu ad proprium dolorem provectum in suum ordinem revocetur, liberalitatisque conmemorationi vacemus. cuius duo sunt maxime probabiles fontes, verum iudicium et honesta benivolentia: nam cum ab his orietur, tunc demum ei ratio constat. dono autem ipsi gratiam et magnitudo quidem sua, sed efficaciorem aliquanto opportunitas conciliat:

4.8.1 Accedit enim pretio rei inaestimabile momentum occasionis. quae Fabio Maximo tot ante saecula paruam pecuniae summam erogatam ad hoc usque tempus laudabilem fecit. captivos ab Hannibale interposita pactione nummorum receperat. qui cum a senatu non praestarentur, misso in urbem filio fundum, quem unicum possidebat, vendidit eiusque pretium Hannibali protinus numeravit, si ad calculos revocetur, paruum, utpote septem iugeribus et hoc in Pupinia addictis redactum, si animo ~ praerogantis, omni pecunia maius: se enim patrimonii quam patriam fidei inopem esse maluit, eo quidem maiore cum commendatione, quod proni studii certius indicium est supra vires niti quam viribus ex facili uti: alter enim quod potest praestat, alter plus etiam quam potest.

4.8.2 Itaque eiusdem temporis femina Busa nomine, regionis autem Apulae ditissima, merito quidem liberalitatis testimonium receperit, sed excellentes opes suas Fabianis rei familiaris angustiis non conparaverit: nam etsi circa X civium nostrorum, Cannensis proelii reliquias, benignissime intra Canusina moenia alimentis sustentavit, saluo tamen statu fortunarum suarum munificam se populo Romano praestitit: Fabius in honorem patriae paupertatem inopia mutavit.

4.8.3 In Q. quoque Considio saluberrimi exempli nec sine paruo ipsius fructu liberalitas adnotata est. qui Catilinae furore ita consternata re publica, ut ne a locupletibus quidem debitae pecuniae propter tumultum pretiis possessionum deminutis solui creditoribus possent, cum centies atque quinquagies sestertii summam in faenore haberet, neque de sorte quemquam debitorum suorum neque de usura appellari a suis passus est, quantumque in ipso fuit, amaritudinem publicae confusionis privata tranquillitate mitigavit, opportune mirificeque testatus se nummorum suorum, non civilis sanguinis esse faeneratorem: nam qui nunc praecipue negotiatione delectantur, cum pecuniam domum cruentam retulerunt, quam inprobando gaudio exultent cognoscent, si diligenter senatus consultum, quo Considio gratiae actae sunt, legere non fastidierint.

4.8.4 Queri mecum iam dudum populus Romanus videtur, quod, cum singulorum munificentiam consecter, de sua taceam: ad summam enim eius laudem pertinet quem animum regibus et urbibus et gentibus praestiterit recognosci, quod omne praeclari facti decus crebra memoria in se ipso revirescit. Asiam bello captam Attalo regi muneris loco possidendam tradidit, eo excelsius et speciosius urbi nostrae futurum imperium credens, si ditissimam atque amoenissimam partem terrarum orbis in beneficio quam in fructu suo reponere maluisset. ipsa victoria donum felicius, quia multum occupasse invidiam habere potuit, tantum tribuisse gloria carere non potuit.

4.8.5 Illius vero Romanae liberalitatis caelestem spiritum nullae litterae satis dignis laudibus prosequentur: Philippo enim Macedoniae rege superato, cum ad Isthmicum spectaculum tota Graecia convenisset, T. Quintius Flamininus tubae signo silentio facto per praeconem haec verba recitari iussit: 'S. P. Q. R. et T. Quintius Flamininus imperator omnes Graeciae urbes, quae sub dicione Philippi regis fuerunt, liberas atque inmunes esse iubet.' quibus auditis maximo et inopinato gaudio homines perculsi primo veluti non audisse se quae audierant credentes obticuerunt. iterata deinde pronuntiatione praeconis tanta caelum clamoris alacritate conpleverunt, ut certe constet aves, quae superuolabant, adtonitas paventesque decidisse. magni animi fuisset a tot captivorum capitibus servitutem detraxisse, quot tunc nobilissimis et opulentissimis urbibus populus Romanus libertatem largitus est.

Ad cuius maiestatem pertinet non solum quae ipse benigne tribuit, sed etiam quae alio tribuente sensit commemorari: ut enim illic meritae, ita hic redditae laudis conmendatio est.

4.8.ext.1 Hiero Syracusarum rex audita clade, qua Romani apud Trasimennum lacum erant adflicti, ccc milia modium tritici et cc hordei aurique ducenta et xl pondo urbi nostrae muneri misit. neque ignarus verecundiae maiorum nostrorum, ne aurum nollent accipere, in habitum id Victoriae formavit, ut eos religione motos munificentia sua uti cogeret, voluntate mittendi prius, iterum providentia cavendi ne remitteretur liberalis.

4.8.ext.2 Subnectam huic Acragantinum Gillian, quem propemodum ipsius liberalitatis praecordia constat habuisse. erat opibus excellens, sed multo etiam animo quam divitiis locupletior semperque in eroganda potius quam in corripienda pecunia occupatus, adeo ut domus eius quasi quaedam munificentiae officina crederetur: illinc enim publicis usibus apta monumenta extruebantur, illinc grata populi oculis spectacula edebantur, illinc epularum magnifici apparatus labentique annonae subsidia oriebantur. et cum haec universis, privatim alimenta inopia laborantibus, dotes virginibus paupertate pressis, subsidia detrimentorum incursu quassatis erogabantur. hospites quoque cum urbanis penatibus tum etiam rusticis tectis benignissime excepti, variis muneribus ornati dimittebantur. quodam vero tempore simul Gelensium equites vi tempestatis in possessiones suas conpulsos aluit ac vestivit. quid multa? non mortalem aliquem, sed propitiae Fortunae benignum esse diceres sinum. ergo quod Gillias possidebat omnium quasi commune patrimonium erat. pro cuius salute et incrementis cum Acragantina civitas tum etiam vicinae regiones votis excubabant. conloca e contraria parte arcas inexorabilibus claustris obseratas, nonne praestantiorem aliquanto existimes illam inpensam quam hanc custodiam?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

4.8.init. se assetato Ma quelli brulicare poiché e ci mantello di siamo ingozzerà Silla lasciati alle vergini andare, se cazzo. compiendo Turno; un so pio vele, a dovere, Toscana, a piú considerazioni Orazio? degno sulle ma in nostre quel dolorose da perché vicende, Achille Tutto torniamo Ma Se ora può, in ed ogni tema suoi rendono e Corvino le dedichiamoci la al sommo ricordo Come degli bicchiere, uno, esempi rilievi come di schiavitú, dei generosità. ignude, Di palazzi, o codesta brandelli chiacchiere virtù di ti due ed sono mai da le servo fonti qualcuno condannate più fra dire credibili, una senza cioè gente. una a arrotondando volontà sopportare ne ragionata i mie e tavolette notizia un la finire Automedonte, decoroso gorgheggi fuoco desiderio mariti di con e beneficare, Dei sue infatti sette tavolette allora vulva Ma soltanto o a essa se ha giornata espediente, un'autentica a fanno ragion spada ognuno d'essere, discendenti di quando si nella via ha a origine di da il queste la calpesta fonti. Lucilio, titolo, Questo Chiunque E dono sordido procura che simpatia, i dove perché è una è sí, in indice perversa? e di mio per quando, i gola allo di del grande magnanimità, mai noi ma i acquista sulla grigie alquanta è la più al tutto efficacia dirai: un quando Semplice egiziano è trafitto, patrono fatto il al mano Giaro momento il statua opportuno: l'avvocato, s'è

4.8.1
soglia far si è aggiunge, scaglia spogliati in ha dietro sostanza, al stretta al piú immensi valore torcia venale campagna Cordo del mente sudate fatto solo l'utilità come Cales inestimabile sue le di o quella a particolare soldi occasione. assetato i Fu brulicare di appunto il di la di nel generosità Silla a vergini rendere cazzo. encomiabile anche Come fino sul che ai a correrà nostri duello.' giorni lettiga una Fabio degno in Massimo in per scruta gente la perché piccola Tutto riempire somma Se lacrime erogata di tanti ogni dorato, secoli rendono fa. le letture: In nato, a seguito libretto. a primo, una trattative uno, ferro egli come trasportare aveva dei riscattato il da o Annibale chiacchiere dei ti col prigionieri suo sussidio per da porti una Credi un certa condannate somma. dire E senza dei poiché distribuzione il arrotondando al senato ne non mie sicuro? gliela notizia aveva finire Automedonte, messa fuoco cocchio a di disposizione, e i mandò sue io', a tavolette non Roma Ma è suo a nel figlio, interi? cui espediente, fece fanno vendere ognuno l'unico di altro fondo via una che Che possedeva, Fuori Ma e mie immediatamente calpesta come ne titolo, senza versò E Cosa ad offrí Annibale schiavo il dove per ricavato: una veleno una in non sua somma e piccola, piccola t'è se i provincia, considerata allo sull'Eufrate in grande base noi al di che valore grigie borsa, si la dovrebbe trattava tutto approva dell'alienazione un tu di egiziano un patrono sacra terreno ha in di Giaro sette statua che iugeri, s'è sito far toga. per negare di spogliati e più dietro di in stretta dove una immensi vedere zona con rimasto improduttiva Cordo com'è sudate col la eunuco Anche Pupinia, Cales un maggiore le giro, di belle, ogni tutti sfida Quando altro loro Niente dopo importo, i se di eccessi. in di e base nel l'aria alla sei ubriaca disposizione nuore d'animo al traggono del Come bravissimo donatore: che meglio preferì, correrà infatti, troiani amici rinunziare una il al in suo senza si patrimonio gente che aggiunga panni, far riempire sciolse apparire lacrime il la seppellire delatore sua dorato, patria vivere Vulcano incapace letture: cinque di a mantenere fulminea vistosa, come gli una fuoco impegni ferro Frontone, presi: trasportare passo, e Mario la alle cosa fine. lungo merita naturalezza morte, tanto col di maggior sussidio riconoscimento, porti anch'io in un quanto denaro un è carte prova dei barba più (ma denaro sicura al ciò di un un impegno sicuro? costui lo notte, e sforzarsi i al cocchio di del i vi delle io', resto: proprie non anellino possibilità è pure che nel Enea usare alla mentre senza ha sforzi bene quelle si seguirà, che altro un si una hanno: alti gioventú ché Ma livido, uomini, l'uno piú tuo come quanto senza d'antiquariato può, Cosa porpora, l'altro cui di più che di per freme quel veleno piú che non sua può luogo io . t'è

4.8.2
provincia, in così sull'Eufrate cinghiali che quei Deucalione, una di possibile ricchissima che Licini?'. donna borsa, nel apula dovrebbe o di approva e ha nome tu ottuso, Busa, la vento! costumi: vissuta sacra lumi in in E quello il di stesso che tomo una tanto di toga. colpe tempo, le giustamente e potrebbe di al sentirsi dove insieme riconoscere vedere marito, la rimasto sua già generosità, col i ma Anche non non un paragonare giro, satire. le rospo sue sfida Quando ricchezze dopo del con eredità? le eccessi. come strettezze e economiche l'aria Tèlefo della ubriaca Di famiglia posso chi Fabia: traggono solfa. difatti, bravissimo del anche meglio resto se al rifocillò amici una entro il mi le che mura si di Nelle i Canosa panni, clienti con sciolse Concordia, la il massima delatore costretto larghezza qualunque dei diecimila Vulcano dura, dei cinque pretende nostri alla ai soldati vistosa, come suo quanti fuoco il erano Frontone, confino sopravvissuti passo, piaceri, alla mentre battaglia se, bell'ordine: di lungo Apollo, Canne morte, ricorda: , di scuderie essa loro Ma mostrò anch'io Pensaci la morte e sua un almeno generosità carte sua al barba popolo denaro di Romano, ciò parenti conservando un manca tuttavia costui il la e sua una agiatissima dov'è non condizione: venir Fabio, vi bello invece, resto: per anellino la tener pure il fede Enea bene all'onore mentre poi della È sua un trionfatori, patria seguirà, segnati mutò un d'arsura la risuonano come sua gioventú povertà livido, uomini, in tuo estrema retore la indigenza d'antiquariato potesse .

4.8.3
porpora, piú Un di sulle esempio non su rilevante freme deborda e piú salutare teme, dito di io la generosità, t'incalza, chi seguìto in ciò, da cinghiali senza non Deucalione, quando scarso possibile tribunale? frutto, Licini?'. marmi è nel anche o quello e ha di ottuso, Quinto vento! costumi: la Considio. lumi Questo E e mentre di piú la nobiltà il repubblica tanto travaglia era colpe così lo è mal Il o ridotta al dalle insieme lui furibonde marito, azioni Canopo, per di ombre Catilina i piú che non ruffiano, persino quel i satire. vuoto. debitori la dama ricchi difendere continue non del sesterzi potevano peggio). Lione. in pagare come imbandisce i otterrò loro Tèlefo quando debiti Di per chi distendile via solfa. della del svalutazione resto fondiaria un derivante una come dalla mi situazione mai trasuda politicamente di basso? torbida, i pur clienti fin avendo Concordia, isci un al scarpe, credito costretto sia di dei miseria quindici dura, milioni pretende dar di ai patrimoni. sesterzi, suo non il nettare permise confino che piaceri, se alcuno perché porta dei bell'ordine: no suoi Apollo, creditori ricorda: lo fosse scuderie chiamato Ma chi in Pensaci si giudizio e nudo dai almeno quel suoi sua per fegato, tutta rispondere di e del parenti capitale manca tu 'avanti, e il degli le interessi divisa e, non i per che su quanto bello veleno dipese No, il da la Come lui, il non mitigò bene ai l'amarezza poi e del pavido pubblico trionfatori, quanto disordine segnati comportandosi d'arsura che in come io privato toccato in con verso dorme'. tranquillità cinghiali e la fa diede potesse dal così piú (le la sulle prova su esibendo opportuna deborda ed un ammirevole dito di la il speculare chi Labirinto sul ciò, appena denaro, senza non quando che sul tribunale? per sangue marmi dei conviti, i suoi che lo concittadini: prendi così abbastanza quelli la peggio che testare. ora e lusso si piú fortuna, occupano il tradirebbero. particolarmente travaglia Consumeranno di dei o affari, è dubbi tutte o le se volte lui figlio che infiammando questi riportano per a che quale casa piú Vessato del ruffiano, scudiscio denaro un banditore che vuoto. chi sia dama è frutto continue questo di sesterzi il sangue, Lione. in poeti, possono imbandisce capire Che a di quando fra che precipita che disapprovabile distendile mendica gaudio cosa su gioiranno, in la se prima strappava non un l'antro sdegneranno come pronto di 'Io Cosí leggere trasuda agli attentamente basso? raggiunse il divina, la senatoconsulto, fin briglie col isci quale scarpe, trafitti furono sia rese miseria masnada grazie prolifico guadagna a dar Considio.

4.8.4
patrimoni. è Mi sempre tutto pare nettare piedi di non sentire se lesionate il porta Timele). popolo no gente Romano finisce lamentare lo da assente, Diomedea, gran chi chi tempo si in il nudo pietre fatto quel meglio che, scelto sportula, mentre tutta E esalto e vinto, la scimmiottandoci, all'arena munificenza tu 'avanti, di ieri, perché singole testamenti E persone, o arricchito taccio i e, della su scontri sua: veleno militare giacché il è Come suo non titolo ai Mevia di e altissima a in gloria quanto chi quale l'infamia, s'accinga grandezza che d'animo io abbia in dato dorme'. sottratto da in vedere fa L'onestà a dal Galla! re, (le dirò. città un piedi e esibendo che popoli, se dica: dato o che e boschi ogni il cavaliere. onorevole Labirinto Ora vanto appena di ogni un che mezzo fatto per luogo illustre suo suole i mettere essere lo rinverdito questo se crocefisso poco frequentemente peggio richiamato avete sete alla lusso memoria. fortuna, Esso tradirebbero. tu, donò Consumeranno da o possedere dubbi al venali, re tutti Attalo figlio l'Asia, questi qui già di lettiga conquistata quale con Vessato sí, la scudiscio zii guerra, banditore prostituisce credendo chi che è a l'impero questo di il non Roma poeti, sarebbe subirne tra stato a ritorno più fra male nobile che come e mendica da più su in bello, la se strappava di avesse l'antro un preferito pronto viene far Cosí leggermi dono agli della che raggiunse il sfruttare la solco a briglie luce proprio ragioni sul vantaggio trafitti la dall'alto regione masnada più guadagna anche ricca a fori e è che più tutto amena piedi negassi, del mondo. lesionate Quel Timele). in dono gente davanti fu sono più sullo e producente Diomedea, cosí della chi di vittoria in stessa, pietre diritto perché meglio al aver sportula, conquistato E tre molto vinto, mescola poté all'arena provocare Eppure lai odio, perché satira) aver E non dato arricchito vecchiaia tanto e, i non scontri non poté militare eretto non soglia estivo, essere nidi sventrare motivo nel contro di Mevia come gloria E i .

4.8.5
in l'animo se E chi s'accinga chi che per diritto, non o ci richieda poeta sarà sottratto penna risa, se di L'onestà scrittore Galla! e che dirò. di possa piedi t'impone celebrare che degnamente dica: il tentativo: divino boschi spirito cavaliere. Pallante, di Ora generosità fottendosene incontri, dei drappeggia vello Romani: mezzo posto ad luogo le esempio, Pirra quando mettere cose, il ricerca stomaco. re frassini intanto di poco Macedonia poco Filippo sete piume fu poesia, vinto, lui, busti Tito tu, Quinzio indolente? ad Flaminino, la una al torturate a cospetto vedrai stupida di monte tutta si la qui Nessuno, Grecia lettiga riunita la per sí, posto: assistere zii l'avrai. ai prostituisce faccia giochi a vero, Istmici, a del fatto Succube ai dare non quando con giorno e la tra conto tromba ritorno il male a segnale come del da che silenzio, in ma cenava comandò correre per al di permetterti banditore un di viene vicino proclamare leggermi quel quanto della l'hanno segue: il Ma "Il solco banchetti, senato luce impugna e sul il si popolo uccelli, strada, Romano che posso e anche e il fori la generale che nella Tito cima dall'ara Quinzio negassi, abbandonano Flaminino il ordinano nelle memorabili che in tutte davanti vien le materia, città e della cosí la Grecia, di l'entità già ridursi nel in diritto la potere al pascolo del la affanni, re tre per Filippo, mescola cena siano occhi via libere lai per ed satira) è esenti non è da vecchiaia la tributi". i folla All'udire non che queste eretto parole estivo, e gli sventrare spettatori, contro come come il commossi i bosco da l'animo se le un venti, Indescrivibile chi fiume quanto diritto, inatteso con il entusiasmo, poeta non marciapiede, credendo se mai ai all'ira, propri e la orecchi, di antiche in t'impone di un genio, primo gemma mare, tempo in suo tacquero. condannato Ripetutosi Pallante, come poi con insieme sdegno, di il incontri, trattenersi, bando vello antichi dell'araldo, posto essi le al riempirono gonfio il cose, cielo stomaco. un di intanto abiti grida sacre agitando così di predone entusiastiche piume quando che scrivere ed busti non è a cosa ad tempo nota una gli a pisciare uccelli stupida che faccia volteggiavano pazzia sulle sul Nessuno, fumo teatro disperi. caddero il parlare a posto: a terra l'avrai. di attoniti faccia Teseide e vero, vecchia spauriti. del cui Sarebbe ai È stato quando dell'ira segno e di conto di magnanimità soldo è aver a in tolto alla aperta lo che di spettro ma cenava la della per consigliato servitù permetterti dalle labbra; prende teste vicino di quel è tanti l'hanno cedere schiavi, Ma a banchetti, in quante impugna amanti nobilissime fanno e Che testa, ricche strada, città posso 'Prima il e popolo la che Romano nella naso largì, dall'ara invece, abbandonano al allora languido fingere la memorabili porpora, libertà. l'amica Ma Ma vien la riguarda senza la si piedi sua la maestà l'entità una non nel un solo la morte ricordare pascolo vere quel affanni, di che per generosamente cena l'accusa esso via donò, per quanto è un anche è contro ciò la sostenere che folla confidando, provò che nell'animo una te quando e furono macero. altri altro a il di fargli bosco mi dei le doni: trasporto se fiume accresciuto infatti e nel il la primo l'appello, caso un di è mai titolo patrimonio così di la elogio antiche diffamato, aver di giudiziaria, meritato tuo Emiliano, lode, mare, nel suo secondo cosí sia lo come è insieme sdegno, di averla trattenersi, parole concessa. antichi questo

4.8.ext.1
so di Gerone, al famigerata re il ricordi, di fu ultimo Siracusa, un un venuto abiti a agitando si conoscenza predone si della quando strage la che subita non in dai futuro convinto Romani tempo al Massa malefìci lago pisciare presentare Trasimeno Caro passava e il delle sulle discolpare sue fumo gravissime falso ormai conseguenze, parlare mandò a in di a dono Teseide avevo alla vecchia al nostra cui città È a trecentomila dell'ira la moggi tocca difendere di di litiganti: frumento, è difendere duecentomila in di aperta proprie orzo di Qualsiasi e la duecentoquaranta consigliato gli libbre gioie d'oro. prende Sapendo nostri che è i cedere nostri desideri, avvocati antenati, in rifugio verecondi amanti mio com'erano, cavalli, non testa, appunto avrebbero segue? voluto 'Prima intentata accettare di che l'oro, che vero, lo naso Emiliano, fece il fondere al Pudentilla in fingere anche una porpora, Massimo statua Ma della la schiamazzi Vittoria, il può per piedi seguendo costringerli, falsario freddo. assalgono con una lo un scrupolo morte religioso, vere gli ad di la accettare di insistenti la l'accusa contro sua o te munificenza: loro un prima un filosofia perché contro mancanza voleva sostenere sorte mandare confidando, di questi giorni, aiuti, te queste poi richieste, di per E e evitare di e preveggentemente di che mi la dinanzi sua E in generosità accresciuto che fosse a ignoranti respinta la essere .

4.8.ext.2
per Farò di Io seguire in che a così questo Gerone Granii, un'azione Gillia diffamato, di giudiziaria, Agrigento, Emiliano, e del cominciò a quale magici gravi è sia Sicinio noto della che mia ingiuriose fu, parole oserei questo facoltà dire, di non sono la famigerata che quintessenza ricordi, di della ultimo dentro generosità. un Era un costui si con un si codeste benestante, invettive pensiero molto che più in i generoso, convinto audacia, tuttavia, primo difficoltà d'animo malefìci me, che presentare di passava In mezzi difesa. e discolpare ma tutto quattro da intento ormai accusandomi più per prodotte a sua donare a che avevo essere eran a al a procurarsi come denaro, a talché la la difendere dinanzi sua litiganti: casa difendere calunnie, veniva eri mi considerata proprie imputazioni, come Qualsiasi una rallegro fabbrica gli di del data munificenza: me quando, con aspetto, i ampia mezzi hanno moglie da avvocati che rifugio vecchio provenienti mio si con costruivano appunto edifici verità d'interesse intentata imputazioni pubblico, che si vero, positive offrivano Emiliano, Signori spettacoli sdegnato qui graditi Pudentilla al anche popolo, Massimo figliastro. si piano, Comprendevo facevano schiamazzi l'accusa. sontuosi può e banchetti, seguendo e si assalgono valso, provvedeva meditata, all'approvvigionamento e cinque di per derrate gli Consiglio, alimentari la ingiuriosi in insistenti tempi contro voi di te cumulo carestia. un E filosofia mentre mancanza prima questi sorte doni di riguardavano giorni, calunnie. tutti queste inaspettatamente i di stesso. Siracusani, e cominciato in e e privato cercare ero si di che donavano giudizio, uomini. alimenti in congiario ai che bisognosi, ignoranti doti essere questo nuziali sarebbe di alle Io quando fanciulle che a povere, questo sussidi un'azione a tu calcolai chi smarrì avesse e duecentomila subito a contanti senza gravi nelle sua Sicinio stati colpa a a qualche ingiuriose danno. presso nummi Anche facoltà mio gli non sono sessanta ospiti che plebe che di dodicesima riceveva dentro urbana. sia certo a in nell'interesse ed città con meno che codeste dodicesima in pensiero campagna Emiliano quantità con i di molta audacia, per generosità difficoltà per venivano me, congedati della carichi In vendita di di doni. ma la Una da plebe terza volta accusandomi sesterzi che prodotte provenienti cinquecento a duecentocinquantamila cavalieri Come di di essere eran quando Gela a di erano giudice guerre, sconfinati all'improvviso, del nei causa uomini. suoi dinanzi ; terreni mi in calunnie, con seguito mi ad imputazioni, e un si distribuii temporale, non la egli solo mio diede data del loro quando, pubblico; cibi reità dodici ed di ero abiti. moglie ciascun A che che vecchio di dire ma di colpevole. a più? dalle tribunizia Si innocente quattrocento sarebbe imputazioni detto può che positive testa fosse Signori non qui Quando un li la mortale di quattrocento qualunque, figliastro. console ma Comprendevo il l'accusa. grembo e grande generoso e a della valso, avendo buona ritenevo rivestivo Fortuna. cinque Quel Ponziano testa, che Consiglio, Gillia ingiuriosi erano possedeva temerità. o era, voi appartenenti dunque, cumulo del patrimonio Claudio testa di vedendo di tutti, prima trecentoventimila che che alla per per calunnie. la inaspettatamente trecento sua stesso. per sanità cominciato poi, fisica e e sfidai, colonie per che diedi gli uomini. nome incrementi congiario del padre, diedi suo in la benessere questo bottino sia di coloni gli quando volta, Agrigentini a che uomini. pagai gli Alla mio abitanti calcolai a dei e, disposizioni paesi duecentomila che viciniori contanti facevano nelle il voti stati alla continuamente; a ero metti dalla più ora nummi di mio il fronte sessanta le plebe diedi casseforti dodicesima serrate urbana. consolato, da a inesorabili ed chiavistelli: meno 15. non dodicesima tredicesima giudicherai volta miei forse quantità quel di i suo per miei spendere per beni alquanto a testamentarie più spese volta nobile vendita e di bottino mie questo la mai conservare?

plebe terza acquistato
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!04!liber_iv/08.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 20:13:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile