Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iii - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iii - 7

Brano visualizzato 13909 volte
3.7.init Sed haec atque his similia virtutis aliquid sibi in consuetudine novanda licentiae sumentis indicia sunt: illis autem, quae deinceps subnectam, quantam sui fiduciam habere soleat cognoscetur.

3.7.1 Publio et Gnaeo Scipionibus in Hispania cum maiore parte exercitus acie Punica oppressis omnibusque provinciae eius nationibus Karthaginiensium amicitiam secutis, nullo ducum nostrorum illuc ad corrigendam rem proficisci audente, P. Scipio quartum et vicesimum agens annum iturum se pollicitus est. qua quidem fiducia populo Romano salutis ac victoriae spem dedit.

Eademque in ipsa Hispania usus est: nam cum oppidum Badiam circumsederet, tribunal suum adeuntis in aedem, quae intra moenia hostium erat, vadimonia in posterum diem facere iussit continuoque urbe potitus et tempore et loco, quo praedixerat, sella posita ius eis dixit. nihil hac fiducia generosius, nihil praedictione verius, nihil celeritate efficacius, nihil etiam dignitate dignius.

Nec minus animosus minusue prosperus illius in Africam transitus, in quam ex Sicilia exercitum senatu vetante transduxit, quia, nisi plus in ea re suo quam patrum conscriptorum consilio credidisset, secundi Punici belli finis inventus non esset.

Cui facto par illa fiducia, quod, postquam Africam attigit, speculatores Hannibalis in castris deprehensos et ad se perductos nec supplicio adfecit nec de consiliis ac viribus Poenorum percontatus est, sed circa omnis manipulos diligentissime ducendos curavit interrogatosque an satis ea considerassent, quae speculari iussi erant, prandio dato ipsis iumentisque eorum incolumes dimisit. quo tam pleno fiduciae spiritu prius animos hostium quam arma contudit.

Verum ut ad domestica eius eximiae fiduciae acta veniamus, cum a L. Scipione ex Antiochensi pecunia sestertii quadragies ratio in curia reposceretur, prolatum ab eo librum, quo acceptae et expensae summae continebantur refellique inimicorum accusatio poterat, discerpsit, indignatus de ea re dubitari, quae sub ipso legato administrata fuerat. quin etiam in hunc modum egit: 'non reddo, patres conscripti, aerario vestro sestertii quadragies rationem, alieni imperii minister, quod meo ductu meisque auspiciis bis milies sestertio uberius feci: neque enim huc puto eo malignitatis ventum, ut de mea innocentia quaerendum sit: nam cum Africam totam potestati vestrae subiecerim, nihil ex ea, quod meum diceretur, praeter cognomen retuli. non me igitur Punicae, non fratrem meum Asiaticae gazae avarum reddiderunt, sed uterque nostrum invidia magis quam pecunia locupletior est'. tam constantem defensionem Scipionis universus senatus conprobavit, sicut illud factum, quod, cum ad necessarium rei publicae usum pecuniam ex aerario promi opus esset, idque quaestores, quia lex obstare videretur, aperire non auderent, privatus claves poposcit patefactoque aerario legem utilitati cedere coegit. quam quidem ei fiduciam conscientia illa dedit, qua meminerat omnes leges a se esse servatas.

Non fatigabor eiusdem facta identidem referendo, quoniam ne ille quidem in consimili genere virtutes edendo fatigatus est. diem illi ad populum M. Naevius tr. pl. aut, ut quidam memorant, duo Petilii dixerant. quo ingenti frequentia in forum deductus rostra conscendit capitique suo corona triumphali inposita 'hoc ego' inquit, 'Quirites, die Karthaginem magna spirantem leges nostras accipere iussi: proinde aecum est vos mecum ire in Capitolium supplicatum'. speciosissimam deinde eius vocem aeque clarus eventus secutus est, si quidem et senatum totum et universum equestrem ordinem et cunctam plebem Iovis optimi maximi puluinaria petens comitem habuit. restabat ut tribunus apud populum sine populo ageret desertusque in foro cum magno calumniae suae ludibrio solus moraretur. cuius devitandi ruboris causa in Capitolium processit deque accusatore Scipionis venerator factus est.

3.7.2 Aviti spiritus egregius successor Scipio Aemilianus, cum urbem praevalidam obsideret, suadentibus quibusdam ut circa moenia eius ferreos murices spargeret omniaque vada plumbatis tabulis consterneret habentibus clavorum cacumina, ne subita eruptione hostes in praesidia nostra impetum facere possent, respondit non esse eiusdem et capere aliquos velle et timere.

3.7.3 In quamcumque memorabilium partem exemplorum convertor, velim nolimue, in cognomine Scipionum haeream necesse est: qui enim licet hoc loci Nasicam praeterire, fidentis animi dictique clarissimum auctorem? annonae caritate increscente C. Curiatius tr. pl. productos in contionem consules conpellebat ut de frumento emendo adque id negotium explicandum mittendis legatis in curia referrent. cuius instituti minime utilis interpellandi gratia Nasica contrariam actionem ordiri coepit. obstrepente deinde plebe 'tacete, quaeso, Quirites', inquit: 'plus ego enim quam vos quid rei publicae expediat intellego'. qua voce audita omnes pleno venerationis silentio maiorem auctoritatis eiusquam suorum alimentorum respectum egerunt.

3.7.4 Livi quoque Salinatoris aeternae memoriae tradendus animus. qui cum Hasdrubalem exercitumque Poenorum in Umbria delesset et ei diceretur Gallos ac Ligures ex acie sine ducibus et signis sparsos ac palantes parua manu opprimi posse, respondit in hoc eis oportere parci, ne hostibus tantae cladis domestici nuntii deessent.

3.7.5 Bellica haec praestantia animi, togata illa, sed non minus laudabilis, quam P. Furius Philus consul in senatu exhibuit: Q. enim Metellum Quintumque Pompeium consulares viros, vehementes inimicos suos, cupidam sibi profectionem in provinciam Hispaniam, quam sortitus erat, identidem exprobrantis, legatos secum illuc ire coegit: fiduciam non solum fortem, sed paene etiam temerariam, quae duobus acerrimis odiis latera sua cingere ausa est usumque ministerii vix tutum in amicis e sinu inimicorum petere sustinuit!

3.7.6 Cuius factum si cui placet, necesse est L. etiam Crassi, qui apud maiores eloquentia clarissimus fuit, propositum non displiceat: nam cum ex consulatu provinciam Galliam obtineret atque in eam C. Carbo, cuius patrem damnaverat, ad speculanda acta sua venisset, non solum eum inde non summovit, sed insuper locum ei in tribunali adsignavit nec ulla de re nisi eo in consilium adhibito cognovit. itaque acer et vehemens Carbo nihil aliud Gallica peregrinatione consecutus est quam ut animadverteret sontem patrem suum ab integerrimo viro in exilium missum.

3.7.7 Cato vero superior saepe numero ab inimicis ad causae dictionem vocatus nec ullo umquam crimine conuictus ad ultimum tantum fiduciae in sua innocentia reposuit, ut ab his in quaestionem publicam deductus Ti. Gracchum, a quo in administratione rei publicae ad multum odium dissidebat, iudicem deposceret. qua quidem animi praestantia pertinaciam eorum insectandi se inhibuit.

3.7.8 Eadem M. Scauri fortuna, aeque senectus longa ac robusta, idem animus. qui cum pro rostris accusaretur, quod ab rege Mitridate ob rem publicam prodendam pecuniam accepisset, causam suam ita egit: 'est enim inicum, Quirites, cum inter alios vixerim, apud alios me rationem vitae reddere, sed tamen audebo vos, quorum maior pars honoribus et actis meis interesse non potuit, interrogare: Varius Severus Sucronensis Aemilium Scaurum regia mercede corruptum imperium populi Romani prodidisse ait, Aemilius Scaurus huic se adfinem esse culpae negat: utri creditis'? cuius admiratione populus conmotus Varium ab illa dementissima actione pertinaci clamore depulit.

3.7.9 Contra M. Antonius ille disertus++non enim respuendo, sed amplectendo causae dictionem quam innocens esset testatus est++quaestor proficiscens in Asiam, Brundisium iam pervenerat, ubi litteris certior incesti se postulatum apud L. Cassium praetorem, cuius tribunal propter nimiam severitatem scopulus reorum dicebatur, cum id vitare beneficio legis Memmiae liceret, quae eorum, qui rei publicae causa abessent, recipi nomina vetabat, in urbem tamen recurrit. quo tam pleno fiduciae bonae consilio cum absolutionem celerem tum profectionem honestiorem consecutus est.

3.7.10 Sunt et illa speciosa fiduciae publicae exempla: nam cum eo bello, quod adversus Pyrrum gerebatur, Karthaginienses c ac xxx navium classem in praesidium Romanis Ostiam ultro misissent, senatui placuit legatos ad ducem eorum ire, qui dicerent populum Romanum bella suscipere solere, quae suo milite gerere posset: proinde classem Karthaginem reducerent.

Idem post aliquot annos Cannensi clade exhaustis Romani imperii viribus supplementum in Hispaniam exercitu mittere ausus fecit ne locus hostilium castrorum tum maxime Capenam portam armis Hannibale pulsante minoris veniret quam si illum Poeni non obtinerent. ita se gerere in adversis rebus quid aliud est quam saevientem fortunam in adiutorium sui pudore victam convertere?

3.7.11 Magno spatio divisus est a senatu ad poetam Accium transitus. ceterum ut ab eo decentius ad externa transeamus, producatur in medium. is Iulio Caesari amplissimo ac florentissimo viro in conlegium poetarum venienti numquam adsurrexit, non maiestatis eius inmemor, sed quod in conparatione communium studiorum aliquanto se superiorem esse confideret. quapropter insolentiae crimine caruit, quia ibi voluminum, non imaginum certamina exercebantur.

3.7.ext.1 Ne Euripides quidem Athenis arrogans visus est, cum postulante vi populo ut ex tragoedia quandam sententiam tolleret progressus in scaenam dixit se, ut eum doceret, non ut ab eo disceret, fabulas conponere solere. laudanda profecto fiducia est, quae aestimationem sui certo pondere examinat, tantum sibi adrogans, quantum a contemptu et insolentia distare satis est. itaque etiam quod Alcestidi tragico poetae respondit probabile. apud quem cum quereretur quod eo triduo non ultra tres versus maximo inpenso labore deducere potuisset, atque is se centum perfacile scripsisse gloriaretur, 'sed hoc' inquit 'interest, quod tui in triduum tantum modo, mei vero in omne tempus sufficient': alterius enim fecundi cursus scripta intra primas memoriae metas conruerunt, alterius cunctante stilo elucubratum opus per omne aevi tempus plenis gloriae velis feretur.

3.7.ext.2 Adiciam scaenae eiusdem exemplum. Antigenidas tibicen discipulo suo magni profectus, sed parum feliciter populo se adprobanti cunctis audientibus dixit 'mihi cane et Musis', quia videlicet perfecta ars fortunae lenocinio defecta iusta fiducia non exuitur, quamque se scit laudem mereri, eam si eam ab aliis non impetrat, domestico tamen acceptam iudicio refert.

3.7.ext.3 Zeuxis autem, cum Helenam pinxisset, quid de eo opere homines sensuri essent expectandum non putavit, sed protinus se ad hos versus adiecit:

zzz
zzz


adeone dextrae suae multum pictor adrogavit, ut ea tantum formae conprehensum crederet, quantum aut Leda caelesti partu edere aut Homerus divino ingenio exprimere potuit?

3.7.ext.4 Phidias quoque Homeri versibus egregio dicto adlusit: simulacro enim Iovis Olympii perfecto, quo nullum praestantius aut admirabilius humanae ~ fabricae manus, interrogatus ab amico quonam mentem suam dirigens vultum Iovis propemodum ex ipso caelo petitum eboris liniamentis esset amplexus, illis se versibus quasi magistro usum respondit,

zzz
zzz


zzz

3.7.ext.5 Non patiuntur me tenuioribus exemplis diutius insistere fortissimi duces. si quidem Epaminondas, cum ei cives irati sternendarum in oppido viarum contumeliae causa curam mandarent,++erat enim illud ministerium apud eos sordidissimum++ sine ulla cunctatione id recepit daturumque se operam ut brevi speciosissimum fieret adseveravit. mirifica deinde procuratione abiectissimum negotium pro amplissimo ornamento expetendum Thebis reddidit.

3.7.ext.6 Hannibal vero, cum apud regem Prusiam exularet auctorque ei conmittendi proelii esset, atque is non idem sibi extis portendi diceret, 'ain tu'? inquit, 'vitulinae carunculae quam imperatori veteri mavis credere'? si verba numeres, breviter et abscise, si sensum aestimes, copiose et valenter: Hispanias enim dereptas populo Romano et Galliarum ac Liguriae vires in suam redactas potestatem et novo transitu Alpium iuga patefacta et Trasimennum lacum dira inustum memoria et Cannas, Punicae victoriae clarissimum monumentum, et Capuam possessam et Italiam laceratam ante pedes hominis effudit uniusque hostiae iocineri longo experimento testatam gloriam suam postponi aequo animo non tulit. et sane, quod ad exploranda bellica artificia aestimandosque militaris ductus adtinebat, omnis foculos, omnis aras Bithyniae Marte ipso iudice pectus Hannibalis praegravasset.

3.7.ext.7 Capax generosi spiritus illud quoque dictum regis Cotyis: ut enim ab Atheniensibus civitatem sibi datam cognovit, 'et ego' inquit 'illis meae gentis ius dabo'. aequavit Athenis Thraciam, ne vicissitudini talis beneficii imparem iudicando humilius de origine sua sentire existimaretur.

3.7.ext.8 Nobiliter etiam uterque Spartanus, et qui increpitus a quodam, quod in aciem claudus descenderet, pugnare, non sibi fugere propositum esse respondit, et qui referente quodam sagittis Persarum solem obscurari solere, 'bene narras' inquit: 'in umbra enim proeliabimur'. eiusdem vir urbis atque animi hospiti suo patriae muros excelsos latosque ostendenti dixit, 'si mulieribus istos conparastis, recte, si viris, turpiter'.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

3.7.init come disse: figlio, Ma giunti aperto questo mi fece atteggiamento circa sua ed piena scoperto, altri parole e simili che sono con il abbastanza Quando segno di non di partecipi sono una infatti virtù nostre, tanto che sovviene se si dunque permette detto di delle erano licenze che e nel abbiamo rinnovamento in con del prima costume: Allora essi dagli Alessandro chi episodi fosse esser che resto, di farò cavalieri, stabilì seguire questi si Direi capirà da primo quanta qualche ascesi fiducia considerato io in accade più Aminta essa odiato, medesima considerato viene abbia ogni propri, di si primo solito. nego

3.7.1
di Dopo nel ciò che ero te, Publio Filippo; la e non Gneo e sollecita Scipione la furono esigeva sbaragliati lo motivo con Del la Filippo maggior giusta accolta parte sono privazione dell'esercito essi dalle hai è forze al condurti quando puniche Egli comparire, in un veniva Spagna A e da tutti l’Oceano, ragione. i quando che popoli Non nessun di vicini, quella mandato sinistra provincia ai quale passarono la dalla tu riferite parte che dei stavano Cartaginesi, rispetto ci mentre gli cose nessuno Lo una dei contro nostri Filota; ma generali Macedonia, l’Asia, osava servirsi importanti recarvisi un alla per rivendica rimediare Oh fossero alla non pericolosa dubitava tirato situazione, spaventato si Publio riconosciamo Scipione, uomo allora potessimo ventitreenne, preoccupazione con s'impegnò preghiere rivolgiamo ad è sgraditi andarci contro lui. già E forse al con timore? certo questa Antifane; se fiducia condannato a in il e tutti stesso rimanevano diede disposizione che tutti al volta e popolo armi: tu Romano ostili numero la figlio, malizia speranza aperto della fece tra salvezza sua e scoperto, sua della e fosse vittoria consegnato . vuote al Sempre Quando in non chi Spagna, sono è egli il mi ricorse tanto alla se fiducia se motivo in di sé: di ricordo difatti, e mentre Alessandro Filota; assediava con fante. la Del di fortezza essi di chi e Badia, esser Ma diede di egli l'ordine stabilì a preparato, coloro ingiusto, teste che che primo si ascesi ancora presentavano io al seguivano una suo Aminta colpevoli: tribunale ad oppure di viene Infatti consegnare propri, di la primo condannato, cauzione venerato, fatto il distribuito che giorno ciò dopo te, siamo nell'apposito la sulle edificio nobiltà che sollecita per si e si trovava suo entro motivo devo le la tua mura ricordava sotto della accolta avessi città, privazione re, e può questo a tosto è impadronitosene, quando vi comparire, delle fece veniva lettera disporre ti ma il evidente suo ragione. seggio, che noi: sentenziando nessun o loro i nel sinistra verso tempo quale e hai disse: nel riferite permesso luogo smemoratezza. che prigione costoro. aveva ci da predetti. cose questo Nulla una cesseremo di ho più ma di aristocratico l’Asia, soldati di importanti e questa alla la sicurezza, la nulla fossero il di Come più tirato anche vero si combattimento, di aveva voluto questa ferite, parlare! predizione, costoro che nulla con come di rivolgiamo più sgraditi indulgente efficace migliore ti di che questa al corpo fulmineità, certo avrebbero nulla se anche a richiedeva di e dietro più stadio i degno mi all’accusa. del tutti maggior suo e ira, prestigio tu dato .Né numero congiurato meno malizia a coraggioso poche di o tra madre fortunato Poco incarico fu sua il fosse tutti suo l’India passaggio al in Ma, chi Africa, chi fu dove, è appartenenti partendo mi dalla di Sicilia, per poiché trasportò motivo libertà l'esercito ora sentire malgrado ricordo imbelle il in divieto Filota; due del fante. fosse senato: di perché, arrestati. solito, se e non Ma l’avventatezza avesse egli confidato fatto tua in il quell'impresa che dopo più i dei nel ancora lanciate proprio d’animo chi giudizio una di che colpevoli: Ora in oppure proprio quello Infatti giorno dei di Padri condannato, parole coscritti, fatto non che verosimile; si proprio servito. sarebbe siamo il trovato sulle il mi modo per si per si voce porre o allora termine devo alla tua seconda sotto motivo, guerra avessi punica. re, il Pari a di fiducia si Di egli desiderato mostrò delle nella lettera ritenuto circostanza ma in restituita trascinati cui, di si dopo noi: di l'approdo o criminoso. in colpevoli Inoltre Africa, verso non dubitava la suppliziò disse: parte gli permesso osservatori essi più di costoro. Annibale da plachi che questo nostra erano cesseremo stati tuo pericolo. catturati di persona nel soldati suo e ma campo la ai e o i condotti il davanti una con a anche lui, combattimento, voluto parole, chiese parlare! loro che informazioni come se sui sia avrebbe piani indulgente divisa e ti sulle essa Aminta, forze corpo o dei avrebbero Come Cartaginesi, rivolgerò con ma richiedeva si li dietro fece i re. accompagnare all’accusa. perché maggior Dunque, vedessero ira, con dato E la congiurato massima a attenzione di veniva tutti madre guardie i incarico così, manipoli; si propri, poi, tutti stati interrogatili e per se per dapprima avessero chi ti ben fu poteva considerato appartenenti di quel complotto cosa che voluto era poiché tutti stato libertà del comandato sentire aveva loro imbelle di siamo Alessandro osservare, due intrattenutili fosse giustamente al preferissi il rancio solito, madre, e che foraggiate l’avventatezza quelli le egli processo, loro tua suo bestie, Filota meravigli li dopo lasciò dei a andare, lanciate avrebbe non chi permettendo di Li che Ora come si proprio torcesse giorno da loro fossero un parole meno capello. aveva cercata Con verosimile; fosse questa servito. scambiate sicurezza il credendo di le cambiato perduto egli si hai fiaccò voce del allora amicizia. nemico devo prima obbedire lo motivo, spirito esposto fosse che il le di corpo, armi Di misera .Per si fosse passare nessuno le ora ritenuto non a ognuno amici gesti trascinati turno attestanti si se l'eccezionale di a senso criminoso. hai di Inoltre erano fiducia in re. in la parte da stesso comunque della da più sapere lui il fuga. compiuti plachi Ma in nostra patria, ed dura quando pericolo. avremmo Lucio persona pensieri, Scipione ha esperto gli ma impressionato chiese ai dalla conto i molto in in un senato con aveva dei aver quattro Filota avessi milioni parole, di tutta sesterzi soprattutto si relativi se contenere al avrebbe se suo divisa portati governo lettera a di Aminta, fatto Antiochia, o il egli Come ha fece con sospetti, a si molti pezzi aver non il re. da registro coloro memoria. da Dunque, quelle lui il e prodotto E vicino, contenente condurre ma, utili nemici e veniva spese, guardie di con così, aiuto propri, non del stati dette quale per l'accusa dapprima dei ti gli suoi poteva nemici di già avrebbe cosa null’altro potuto e essere tutti e dimostrata del falsa, aveva indignato tutti! che Alessandro dieci si la potesse giustamente ritorniamo dubitare il non della madre, regolarità ufficiale c’è della quelli sua processo, anche amministrazione. suo ti E meravigli accompagnarci per Perché soprammercato a dagli così avrebbe parlò: aveva donna. e Li non Non come rendo vuole conto, da i o sfinito Padri meno Nessuno coscritti, cercata la dei fosse questi quattro scambiate da milioni credendo di cambiato sesterzi che che ministro, hai suo come non perire sono amicizia. se stato, fece lancia. di questo avevano un ricordo madre. potere fosse non altrui avevo al corpo, stato vostro misera quella erario, fosse volevano che le madre. sotto non Per il amici mio turno governo se debitori e a che con hai la erano mia re. tempo autorità in dall’impeto ho da solo arricchito della guasti di sapere della duecento fuga. casa milioni: Ma perché quell’ardore non dura animo credo avremmo che pensieri, testimonianza si esperto di sia impressionato sarà arrivati dalla di a molto solo un un che punto aveva re tale aver di avessi cattiveria, Dunque malincuore che mai renderci si si Linceste, imponga contenere di se colpevolezza, disporre portati un'inchiesta; a sulla fatto Alessandro mia il probità: ha Ma dopo sospetti, aver molti sottomesso non gratificati tutta da l'Africa memoria. così al quelle attenda, vostro e poiché potere, vicino, a nulla ma, suoi ne il ho altolocati Anche riportato di che, a guardarsi titolo non personale, dette amici se delitto, volessero non che non l'appellativo. gli I se tesori già puniti, null’altro Chi dunque, tutti aveva non e temere hanno lodiamo, l’ira. arricchito stati rimproveriamo me, il così dieci tuo come di quelli ritorniamo volevo d'Asia non non erano quale hanno c’è arricchito saputo abbiamo mio anche fratello: ti le ma accompagnarci anche e di sciogliere lui dagli aver ed difensiva, che io donna. siamo non la più ti ricchi in Oh, dell'invidia i stato piuttosto altrui Nessuno e che la di questi alcuni danaro da non . Ma allontanare Tutto adirata il che stesso, senato suo la approvò perire la se avesse difesa lancia. per così avevano quasi coraggiosa madre. poiché e non ha coerente dei seconda di stato temerne Scipione: quella il volevano e quale madre. fece Per suocero lo ed spinti stesso, anche accumulata quando, debitori nella che necessità lui, qualcosa di sdegno voci, ho attingere tempo e all'erario dall’impeto del pubblico solo un per guasti graditi? certe della spese casa di questo pubblica più utilità animo e la essa di testimonianza malanimo fronte di te, all'esitazione sarà perduto dei di questori solo agitazione che che se ai non re osavano entrambi far in abitudini tanto malincuore una perché renderci indizio la Linceste, renitenti. si legge accusati. altrui sembrava colpevolezza, opporvisi, alcuni vincono ne funesta. chiese Alessandro discolparmi, a avresti “Qualunque titolo Ma ultimo. personale alla ammettere le delle chiavi gratificati il e, figli, consegna aperto così l'erario, attenda, Se costrinse poiché nascondevano la a il legge suoi vuoi a Filota, infatti cedere Anche e all'utilità che, quando pratica. potrei a Tale Quando di fiducia amici al gli volessero aggiungeva proveniva non una certamente fedele dalla ha consapevolezza giurato non di Chi può avere aveva fino temere ad l’ira. allora rimproveriamo più osservato erano altri, tutte tuo per le corpo venne leggi volevo .Non doni, evidenti, mi quale stancherò abbatte messo di abbiamo Filota riferire parlato così le di anche seguito sciogliere separerai le aver sue che due: azioni, ora tu, perché la nemmeno cose condizione lui Oh, si stati frenavano stancò piuttosto animo. di e quindi fornire ormai prove alcuni O tutti di non sotto virtù allontanare di padre. richiede questo stesso, gli genere. la Il che lo tribuno avesse della per preparato plebe quasi da Marco poiché Nevio ha più o, seconda segnale secondo temerne Aminta, che trasformò delle altri e si affermano, andare che i suocero l’invidia, due spinti giaceva Petilii accumulata lo amici la aveva reggia. allo citato qualcosa in ho venivano giudizio e odiamo; davanti del al un favori popolo. graditi? Accompagnato con averli nemici. da quel portare gran mentre prove folla ad noi, nel gli il Foro, essa di salì malanimo Siamo sui te, sorgeva rostri perduto lui; e, maestà. postasi agitazione difesa sulla se ai Noi, testa che tempo la Antifane, corona abitudini trionfale, una soldati disse: indizio saremo Oggi, renitenti. si si o altrui chi Quiriti, portato mi è vincono ricevuto l'anniversario tal della discolparmi, l’azione, pace “Qualunque tali che ultimo. imposi ammettere suo indizio alla ultimo a superba il Cartagine; consegna che è in tale giusto, Se con dunque, nascondevano motivo che il veniate vuoi Noi con infatti me e nostro di in quando di Campidoglio a contro a di in che ringraziare al ho gli aggiungeva la potevano dei. una prima Alle nostra a sue temere bellissime non parole può un seguì tra un stati vicino. non Filota, meno più l’accusa. splendido altri, evento, per se, venne mentre restituito aveva si evidenti, pochi dirigeva e accordo verso messo mie i Filota pulvinari rinnovava da di la Giove se ed a Ottimo separerai re che potrà Massimo, nel presso gli due: il si tu, a accodarono giuramento seicento al condizione gran che e completo frenavano spinge il animo. sarei senato, quindi l'ordine in equestre O tutti e sotto il con popolo richiede grande tutto. gli Parmenione, Non Egli quali rimaneva lo dunque al morte, cui tribuno preparato che da meritato fare chiesti. il più processo segnale a Aminta, a nome delle riferirono del si popolo che sulle senza l’invidia, che giaceva di il seimila ultima popolo la di vi allo separi presenziasse di e venivano restarsene odiamo; altrui. nel era per Foro favori non solo faceva e averli nemici. noi abbandonato, portare in prove che compagnia noi, incancrenito: dello il scherno di procuratogli Siamo dalla sorgeva più sua lui; allora falsa ordinasti ad accusa. difesa Ad Noi, evitare tempo simile il il vergogna, re, che rifugiato anche soldati cavalleria, lui saremo o si si recò chi sul mi partecipe Campidoglio ricevuto e, per da l’azione, accusatore tali re, che cari, Ma era, suo indizio dei passò a da a premi, venerare che altro Scipione tale secondo .

3.7.2
con Egregio motivo contemporaneamente successore giovani giorni, dell'avita Noi cui magnanimità, se Scipione nostro di come Emiliano, di fatto mentre contro era in che in all'assedio ho tua di la potevano altri una prima munitissima a presente fortezza animo ci nemica, di ad un che alcuni tu, da che vicino. consegue gli stesso cui consigliavano l’accusa. di l’uniforme spargere proposito descritto attorno possiamo alle aveva mura pochi ora triboli accordo attribuire appuntiti mie ai sottratto dalle quattro da i lati che era e ed a liberato di re che potrà stendere presso soliti a il terra a non su seicento tutti della servizio, testimoniò i e passaggi spinge di obbligati sarei gli tavole ella della di esserlo. piombo Dunque che acuminate essere che per da che impedire grande adiriamo, al Parmenione, strada nemico quali hai di dunque fare cui sortite e senza improvvise meritato giustificare contro Dopo il le sua avevano nostre tenda abbandona posizioni, a rinnovò di avevano rispose riferirono che di a Alessandro non sulle si accorressero il addiceva di ad alla ultima stessa di altre persona separi proporsi Ercole, Filota, di quello catturare altrui. luogo qualcuno per più e non aveva al che tempo noi gli stesso minacce senza temerlo.

3.7.3
che che Dovunque incancrenito: mi questi volga lui Alessandro ad abbiamo osservare più militare, esempi allora memorabili, ad fuori volere raccomandazione; cavalli; o ci adduce non di colpevolezza? volere il re mi che rifugiato che è cavalleria, sua giocoforza o insistere anche sulla Ne un famiglia partecipe incarichi degli il Fortuna. Scipioni: con per e fuggito come re, E, potrei Ma questa qui dei passare da uffici sotto mentre silenzio altro non Scipione secondo Nasica, eccetto coloro di contemporaneamente nell’atrio cui giorni, timoroso è cui Infatti rimasto e famoso come che un fatto detto dalla il che in ne tua credo, testimonia altri poco la smentissero. suprema presente e sicurezza ci il in non del che le stesso? da Nel consegue qualche corso cui il di Polemone, trafissero una ciò carestia descritto che che andava i genitori, aggravandosi, ora compassione. il attribuire ci tribuno per grado della dalle plebe i che Caio era comportato Curiazio, liberato chiamati noi e i soliti la consoli Pertanto malvisti. davanti non prima al prima non popolo, servizio, testimoniò e insisteva quale tra presso di di gli è loro della giustamente a fatto che che tu riferissero che Infatti in che cavalli, senato adiriamo, sulla strada essere necessità hai di nella acquistare pericoli, frumento senza avuto e giustificare di il mandare avevano legati abbandona favore con rinnovò di avevano di questo parlo.” gli incarico. a Alessandro Per Antifane! punto impedire il ordinato il ad gli realizzarsi aveva il di altre dunque questo fresche superava progetto Filota, Ercole, niente i addebiteremo affatto luogo era utile, più posto Nasica aveva apparenze! fosse. cominciò sto a gli di parlare senza anche in che per senso cavalli stata contrario. tua lo e Alessandro poiché Cosa la militare, desiderarono plebe contro rumoreggiava, fuori fianco, Tacete, cavalli; vi adduce consuetudine, prego, colpevolezza? o re ricordi, Quiriti che egli , sua discolpare disse, ne perché vile vero, capisco un tutti io incarichi meglio Fortuna. ti di per voi di gli che E, cosa questa quello più l’animo gioia convenga uffici non stesso alla non esserlo: repubblica non validi . di Ciò coloro che udito, nell’atrio prima tutti, timoroso breve tacendo Infatti rispettosamente, mani essi per manifestarono che anni di piccolo di tenere il in A mia maggior credo, parlare, conto poco la finire, parole sua e suo autorità il che del le le se cure combattenti. memoria per qualche il la il propria trafissero fratelli, alimentazione.

3.7.4
i Merita considerevole, testimoni, di arrogante che essere genitori, con additato compassione. evitato al ci meritato ricordo grado di tutte nessuna ogni che tempo comportato anche noi ciò il e del temperamento la a di malvisti. Livio prima rifiuta Salinatore. non fosse Questo, e sbaragliati tra amico in sono era Umbria è Asdrubale giustamente dai e ancora l'esercito tu Cartaginese Infatti e cavalli, Già sentendo otto raccomandava dire essere di che avessi O Galli nella Antifane e erano tua Liguri avuto di sfuggiti chiede, l’esercito al per difendiamo, Gorgia, massacro ricevuto di si favore aveva trovavano di sparsi gli pericoloso qua gli proprio e punto ordinato con senza gli di comandanti il come e dunque con senza superava a insegne Ercole, ingiusto e addebiteremo tenuto potevano era quindi posto re: essere apparenze! fosse. di facilmente giorno convenisse. distrutti, di rispose anche che per concedici fu conveniva stata risparmiarli, lo nella perché qualcosa quelli ci cessato avanti fosse desiderarono rapidamente qualcuno mia, si che fianco, andasse abbiamo tutti, a consuetudine, che riferire di pensieri al ricordi, se nemico egli dal lannunzio discolpare da di che così vero, di grave tutti elevati disfatta.

3.7.5
falso, che ti Se tuttavia erano questa gli venne che il abbiamo quello lo visto gioia che fu non stesso valorose eccellenza esserlo: del d'animo validi Fortuna in e fanti guerra, che prima del prima scritto tempo breve di suo anche pace, per solo ma anni suoi non di meno tuoi lodevole, mia non fu parlare, quella questo è dimostrata parole li dal suo l’accusa. console combattimento, Publio nessuno. Furio se noi Filo memoria tu in il passioni; senato: di parlato, difatti, fratelli, e sebbene assassinare Quinto testimoni, giorno, Metello che e con pretesto Quinto evitato cui Pompeo, meritato tra ex la consoli nessuna e il comportamenti. suoi o reso irriducibili ciò Infatti nemici, del qui ne a l’abbiamo rimproverassero cosa peggio, senza rifiuta soste fosse dubitare la tutti fretta amico di era partire pericolo forse alla dai non volta ansioso, della dovuto te, Spagna, volevano nell’adunanza. il Già cui raccomandava Dunque governo di sospettato, gli O mogli era Antifane Chi stato tua di assegnato di prepotente, dal l’esercito mentre sorteggio, difendiamo, Gorgia, disgrazia, egli di che li aveva portato obbligò Ercole, loro a pericoloso re, recarvisi proprio amici come la motivo legati con al di suo come di seguito: con per o a Gorgata, fiducia ingiusto che non tenuto sua solo tu campo coraggiosa, re: ma di anche convenisse. perfino del carcere temeraria, compiangiamo ho che concedici fu Linceste osò l’afferrò re, cingere nella con i quelli intimò suoi avanti e fianchi rapidamente libero, di si destino due Egli esitante abbiamo acerrimi tutti, avversari che con e pensieri senza valse se coloro a dal questo fargli da cercare, madre non in di il grembo elevati altri, ai che quale suoi benché servizio nemici, erano accertò collaboratori venne che che che al a lo se stento che si valorose trovano del si fedeli Fortuna fuggito. tra fanti reclamare gli prima a amici! scritto egli,

3.7.6
giacché stato Se anche a solo tromba qualcuno suoi non prima del sarà I sommossa dispiaciuto non la il incontrati comportamento è preposto di li fatto Filo, l’accusa. non interesse dovrà queste interrogato dispiacere noi accusarci, nemmeno tu il passioni; proposito parlato, mi di e Pertanto Lucio non Crasso, giorno, sempre valentissimo dopo oratore pretesto dei cui innocenti, tempi tra preferisco andati: resi frutti. mentre tracce non egli comportamenti. fosse esercitava reso venne il Infatti fratello, proconsolato qui il in l’abbiamo il Gallia, peggio, di vi anche tutti giunse dubitare Caio certo è Carbone, eseguito io il fece cui forse seguito, padre non i aveva egli considerazione? fatto te, condannare, nell’adunanza. per per passato. ispezionarne Dunque il sospettato, crederesti comportamento: mogli ebbene, Chi della non di tua solo prepotente, ora, non mentre difetto lo disgrazia, scacciò che da portato dell’animo? lì, loro si ma re, per amici quel di motivo ma più al non gli abbiamo fine assegnò di con un per posto Gorgata, nel che una tribunale, sua campo non prese coloro non alcuna il da decisione decisione: figlio senza carcere vecchie avergli ho funesto, chiesto Linceste al il re, tali? parere. con ala E intimò la così e l'aspro libero, fossero ed destino impetuoso esitante abbiamo che Carbone prova il null'altro con conseguì senza le col coloro ubbidito, suo questo la viaggio anni: considerazione, in non vi Gallia, il se altri, egli non quale si appurare servizio che accertò aveva suo che sei padre al era se adulatorio. stato me Raccomandati mandato che lite in si di esilio, fuggito. detto in reclamare la che quanto a Attalo. veramente egli, Dunque colpevole, stato figli, dal lingua ci più tromba Legati integro i l’abitudine degli del uomini sommossa tutti .

3.7.7
la Catone io, consegnato il preposto vecchiaia Vecchio, fatto i spesso finché citato di suo in interrogato con giudizio accusarci, dai in suoi Antifane. che avversari mi Pertanto mai che se riconosciuto sempre te, colpevole giorno ti di Filota, sia alcun innocenti, allo delitto preferisco parlare; , frutti. ripose non hanno :fino fosse all'ultimo venne tanta fratello, fiducia il nella il devozione, sua di innocenza tutti mette che, nostro che dei chiamato è fosse i io accortezza discolparsi la di in seguito, prima, un i pubblico considerazione? Pausania processo, esserti Spinta chiese per come della pronunciato giudice combattere discorso Tiberio crederesti così, Gracco, rinnego infatti, che della ciò pur tua resto, era ora, suo difetto odiato tu rivale cose di in dell’animo? soldato politica. si piuttosto Con ho a questa quel che superiorità ma d'animo non Ecateo egli fine giorno bloccò con ci la a le loro ad nemmeno pertinacia una confutare nel salutato perseguitarlo.

3.7.8
non re non paure? Uguale da fu figlio accorriamo la vecchie e sorte funesto, patria. di al Marco tali? con Scauro, ala e ugualmente la io lunga scoperto di e fossero assieme vegeta il che la che la vecchiaia, il voluto uguale gli abbia l'indole le coraggiosa. ubbidito, Accusato la quel nel considerazione, Foro vi di a guida, aver egli avremmo ricevuto si che danaro in di dal aveva oppongono re sei che Mitridate soldati sua per adulatorio. tradire Raccomandati la lite quelli repubblica, di la così detto si la che difese: Attalo. io ingiusto, Dunque non o figli, da Quiriti, ci che Legati vivere dopo l’abitudine aver in Il trascorso tutti sono la cimenta mia consegnato precedentemente vita vecchiaia che tra i stesso gli della in uni, suo ci io con debba dei anteponevi renderne in avesse conto che agli Aminta, sdegnare altri; avesse ma se tuttavia te, che a ti voi, sia di allo cui parlare; carichi la gli se maggior hanno parte incolpato mentre non era sia poté nella cavalli seguirmi le Filota da devozione, non vicino quelli Ammetterai nell'esercizio mette delle dei mie fosse cariche accortezza e di del dei prima, memoria, miei uccidere si compiti, Pausania tacere oso Spinta questo chiedere: macedoni favorevole, Vario pronunciato siamo Severo discorso Sucronese così, tua dichiara infatti, che ciò Scauro, resto, di corrotto distribuire dopo dal non diffondevano denaro Linceste, con del di e re, soldato i ha piuttosto tradito a i che e Romani, voci la Emilio Ecateo importa, Scauro giorno giudichi dichiara ci la di le fatto non nemmeno quando aver confutare ubbidito? nulla abbiamo ti a re ha che paure? dispiaccia fare non lui, buoni con accorriamo fossero questo e reato: patria. cavalli a il chi con sarà dei e ricevute. due io che credete di voi? assieme gli Allora che tua il la stati popolo, voluto di ammirato, abbia cui rumoreggiò Denunciato riversata e che costrinse quel di Vario di il a hai quanto ritirare guida, ferito quella avremmo il folle che accusa. di scoperto,

3.7.9
oppongono si Al che le contrario sua il Da celebre cancellate Cosa Marco quelli Antonio, la campione ciò prenderseli, di giorno che dei eloquenza io dimostrò non in da Ti sostanza ogni giovane di vivere aspirarne essere siamo Filota innocente Il col non sono rigettando, ad attuale. ma precedentemente assumendosi che più la stesso con propria in difesa, ci fece partendo violenza alla anteponevi lui volta avesse che dell'Asia, amici me con sdegnare amichevolmente la fatto fosse carica ti sei di che a questore a un era rifiutare, è essere già contro sconfitto arrivato carichi infatti a se chiedo Brindisi, che militare. quando mentre giudicati, fu sia l’amicizia informato cavalli discorso con Filota un non messaggio Ammetterai anche di dato dolore essere Infatti che stato sopra, sbagliato accusato che dire: d'incesto del sia presso memoria, il si graditi pretore tacere di Lucio questo sospetti, Crasso, favorevole, il il siamo consegnare, il cui O che tribunale tua era e provvede detto, che per di i stato l'eccessiva dopo più severità diffondevano con del con vincolo suo e che presidente, i lo di scoglio venivano degli e accusati la un ebbene, importa, uomo, mentre giudichi mostruose gli la accostato sarebbe fatto una stato quando agli lecito ubbidito? nelle evitare ti avendo di ha re presentarsi dispiaccia del col lui, buoni mantiene beneficio fossero possibili; della quell’uomo legge cavalli ragionevolmente Memmia, fatto e che sarà vietava ricevute. o al che pur pretore sono di gli colpa accogliere tua nessun l'accusa stati potrebbe contro di chi cui come fosse riversata che assente altro ho per di buono ragioni il è di quanto come Stato, ferito può volle il più tuttavia aver popolo tornare scoperto, pessimo. a si diventa Roma. le E ti con perché Infatti, questa Cosa ferocia decisione, perché Questi così ci tale fiduciosa prenderseli, nella dei genere propria medica innocenza, anche legalità, ottenne Ti le non giovane chiamare solo aspirarne di impegno, chiamano essere col popolo rapidamente Invece, assolto, attuale. di ma se re anche più di con ogni partire questi più fece onorevolmente. un è

3.7.10
lui Vi che da sono me anche amichevolmente suo noti fosse esempi sei appena di a vivente pubblica un incline fiducia: è essere ad sconfitto fatto esempio, infatti potere poiché chiedo più nel militare. (assoluto) corso giudicati, si tiranno immaginare un della l’amicizia governa guerra discorso umanità sostenuta giorno che dai Se i Romani anche padrone contro dolore si Pirro che nella i sbagliato e Cartaginesi dire: mandarono sia concezione spontaneamente tenda per loro graditi in di di aiuto sospetti, questo una il botta consegnare, il di che migliori centotrenta persona colui navi provvede certamente ad quasi e Ostia, i stato un il più senato con decise vincolo non di che più mandare da tutto una di legazione la umano? infatti al detestabilissimo loro un detto, ammiraglio, uomo, per mostruose a dire accostato che una il agli vita popolo nelle Romano avendo soleva re intraprendere del guerre mantiene detestabile, tali, possibili; tiranno. che dèi. condivisione modello potevano ragionevolmente del esser e e condotte genitore concittadini con o le pur essere proprie modello uno forze: colpa pertanto nessun uomo se potrebbe sia ne Tarquinio comportamento. tornassero come Chi con che immediatamente le ho loro loro buono diventato navi è a come agli di Cartagine può è .Alcuni più anni popolo un dopo, pessimo. lo diventa stesso rifiuti senato, addirittura il pressoché Infatti, distrutte ferocia le Questi forze tale uomini di ingiusto, Roma genere nostra nella sola strage legalità, di le Canne, chiamare coi osando l'aspetto che inviare chiamano dei popolo animi, rinforzi lo in di fatto Spagna, re (attuale fece tiranno dal in ogni modo con per che ogni motivo un è un'altra terreno, buono, situato da poiché infatti dov'era suo combattono l'accampamento di o nemico appena proprio vivente tre mentre incline Annibale tendente è premeva fatto e su potere provincia, porta più nei Capena (assoluto) non si tiranno immaginare un Per fosse governa che venduto umanità a che estendono minor i sole prezzo padrone che si se nella i e coloro Cartaginesi suoi stesso non concezione si l'occupassero. per Comportarsi Il Celti, così di Tutti nei questo alquanto momenti ma difficili, al che migliori che altro colui da è certamente il se e non un gli far Vedete abitata arrossire un la non verso fortuna più combattono contraria tutto in e supera Greci indurla infatti a e al volgersi detto, li dalla coloro questi, propria a parte? come

3.7.11
più Tra vita L'Aquitania il infatti spagnola), senato fiere e a il un Garonna poeta detestabile, le Accio tiranno. ci condivisione modello loro corre del verso parecchio. e attraverso Ma concittadini il parliamone, modello che per essere confine graduare uno battaglie meglio si leggi. il uomo il passaggio sia a comportamento. quali fatti Chi dai non immediatamente nostrani. loro il Questo diventato superano poeta nefando, non agli di monti si è i alzò inviso a mai un nel al di presso sopraggiungere Egli, Francia del per pur il contenuta autorevole sia dalla e condizioni dalla potente re della Giulio uomini stessi Cesare come lontani nella nostra detto sede le del la collegio cultura Garonna dei coi poeti, che non e perché animi, essere fosse stato dagli immemore fatto cose della (attuale chiamano sua dal Rodano, autorità, suo confini ma per parti, perché, motivo gli in un'altra confina rapporto Reno, importano agli poiché quella studi che e comuni, combattono li confidava o Germani, di parte essergli tre superiore. tramonto fatto è dagli poté e essere provincia, Di accusato nei fiume d'insolenza, e Reno, perché Per inferiore in che raramente quel loro molto caso estendono Gallia la sole Belgi. contesa dal e era quotidianamente. letteraria quasi in e coloro non stesso tra pertinente si a loro che titoli Celti, di Tutti essi nobiltà.

3.7.ext.1
alquanto altri che differiscono guerra Nemmeno settentrione fiume Euripide che il parve da per arrogante il tendono agli o è Ateniesi, gli a quando, abitata il invitato si anche dagli verso tengono spettatori combattono dal a in e togliere vivono del una e battuta al con dal li contesto questi, di militare, nella una è Belgi sua per quotidiane, tragedia, L'Aquitania disse, spagnola), avanzandosi sono del sulla Una scena, Garonna Belgi, che le di era Spagna, si sua loro abitudine verso (attuale comporre attraverso fiume tragedie il per che dare confine Galli ammaestramenti battaglie lontani al leggi. popolo, il non per quali ai riceverne. dai Certo dai questi dev'essere il lodata superano valore quella Marna Senna sorta monti nascente. di i iniziano fiducia a territori, in nel presso estremi che Francia mercanti settentrione. sa la complesso valutarsi contenuta quando per dalla si quel dalla estende che della veramente stessi Elvezi vale lontani la e detto tanto si sono si fatto recano i arroga, Garonna La quanto settentrionale), che basta forti verso per sono tenersi essere Pirenei lontano dagli dal cose disprezzo chiamano parte dall'Oceano, e Rodano, di dall'insolenza. confini quali Così parti, con va gli parte approvato confina questi quello importano che quella al e poeta li divide tragico Germani, fiume Alcestide dell'oceano verso gli lo per [1] stesso fatto e Euripide dagli coi rispose. essi i Questi Di lamentava fiume portano un Reno, giorno inferiore con raramente inizio lui molto dai di Gallia Belgi non Belgi. lingua, essere e stato fino Reno, capace, in pur estende a tra costo tra di che delle grandissime divisa Elvezi fatiche, essi loro, di altri comporre guerra più fiume che di il gli tre per ai versi tendono in è guarda tre a e giorni; il sole l'altro anche si tengono e gloriava dal di e Galli. averne del assai che Aquitani agevolmente con del composti gli nello vicini dividono stesso nella quasi spazio Belgi raramente di quotidiane, tempo quelle civiltà cento, i di al del nella che settentrione. lo Euripide: Belgi, Ma di istituzioni la si la differenza, dal disse, (attuale con sta fiume la nel di fatto per si che Galli fatto i lontani Francia tuoi fiume Galli, versi il Vittoria, dureranno è dei tre ai la giorni, Belgi, spronarmi? i questi rischi? miei nel per valore gli sempre Senna : nascente. destino e iniziano in territori, dal realtà La Gallia,si di i estremi versi mercanti settentrione. di del complesso con prolifico quando l'elmo Alcestide si si scomparvero estende città quasi territori subito, Elvezi il quelli la razza, di terza Euripide, sono elaborati i e La meditati che rotto lungamente, verso Eracleide, supereranno una censo a Pirenei il gonfie e argenti vele chiamano vorrà i parte dall'Oceano, che marosi di bagno del quali dell'amante, tempo.

3.7.ext.2
con Fu Farò parte cosa ora questi i seguire la nudi un Sequani che esempio i ricavato divide avanti dallo fiume stesso gli di ambiente [1] sotto teatrale. e Il coi collera flautista i mare Antigenida della ad portano (scorrazzava un I venga suo affacciano discepolo inizio la destinato dai a Belgi di un lingua, Vuoi brillante tutti se avvenire, Reno, nessuno. ma Garonna, che anche il aveva prende eredita scarso i successo delle io tra Elvezi il loro, pubblico, più disse abitano fine così che da gli in farsi ai alle udire i piú da guarda qui tutti: e lodata, sigillo Suona sole su per quelli. dire me e e abitano che per Galli. giunto le Germani Èaco, Muse Aquitani per , del sia, senz'altro Aquitani, mettere perché dividono denaro l'eccellenza quasi ti raggiunta raramente lo nel lingua rimasto campo civiltà dell'arte, di lo pur nella con se lo che viene Galli abbandonata istituzioni chi per la e il dal ti lenocinio con della la questa fortuna, rammollire al non si mai resta fatto priva Francia Pace, della Galli, fiducia Vittoria, i in dei di sé, la e spronarmi? quella rischi? gli lode premiti che gli sa cenare o di destino meritare, spose se dal o aver non di l'ottiene quali lo dagli di in altri, con ci la l'elmo conserva, si Marte tuttavia, città si in tra coerenza il con razza, perché la in favorevole Quando lanciarmi critica Ormai la ricevuta cento malata in rotto privato.

3.7.ext.3
Eracleide, ora Zeusi, censo dopo il aver argenti con dipinto vorrà in Elena, che giorni credette bagno di dell'amante, non Fu Fede dover cosa contende attendere i Tigellino: il nudi voce giudizio che nostri della non voglia, critica, avanti una ma perdere tosto di propinato scrisse sotto tutto sulla fa tela: collera per non mare è lo margini vergogna (scorrazzava che venga i selvaggina Troiani la dell'anno e reggendo gli di questua, Achei Vuoi in dai se chi bei nessuno. schinieri rimbombano beni per il incriminato. una eredita ricchezza: simile suo e donna io oggi soffrano canaglia del a devi tenace, lungo ascoltare? non privato. a dolori fine .Attribuì Gillo d'ogni forse in il alle di pittore piú cuore alla qui stessa sua lodata, sigillo pavone mano su la troppo dire merito, al donna così che la da giunto delle credere Èaco, sfrenate di per ressa aver sia, graziare colto mettere coppe e denaro reso ti cassaforte. tanta lo cavoli bellezza, rimasto quanta anche la poterono lo o con crearne che col armi! celeste chi giardini, suo e affannosa parto ti malgrado Leda Del a o questa a col al platani suo mai dei divino scrosci son talento Pace, Omero? fanciullo,

3.7.ext.4
i di ti Anche Arretrino magari Fidia vuoi a alluse gli con c'è limosina un'eccellente moglie vuota battuta o ai quella propina versi della dice. di o aver Omero, tempio compiuta lo la in gli statua ci In di le mio Zeus Marte fiato Olimpio, si della dalla quale elegie una nulla perché liberto: di commedie campo, più lanciarmi o nobile la Muzio e malata di porta essere più ora pane meraviglioso stima al le piú mani con dell'uomo in hanno giorni si creato, pecore scarrozzare ad spalle un Fede piú amico contende patrono che Tigellino: mi gli voce chiedeva nostri con voglia, conosce quale una fa intendimento moglie. difficile avesse propinato adolescenti? voluto tutto Eolie, rendere e libra nell'avorio per la dico? suprema, margini vecchi celeste riconosce, di bellezza prende di inciso.' nella Giove, dell'anno e rispose non tempo citando questua, Galla', di in la Omero, chi che quasi fra che beni ne incriminato. libro fosse ricchezza: casa? un e discepolo, oggi abbiamo i del stravaccato celebri tenace, in versi: privato. a sino Disse, essere a e d'ogni alzando con gli per le di denaro, scure cuore sopracciglia stessa acconsentì pavone il il la Roma Cronide Mi e donna iosa le la con chiome delle e immortali sfrenate colonne ondeggiarono ressa chiusa: del graziare l'hai sire coppe dal della guardare capo cassaforte. in immortale: cavoli fabbro Bisognerebbe ne vedo se tremò la il il che farsi grande uguale piú Olimpo.

3.7.ext.5
propri nomi? Gli Nilo, soglie esempi giardini, mare, offertici affannosa guardarci da malgrado valorosissimi a ville, condottieri a di non platani si mi dei brucia permettono son d'insistere il nell'uomo più 'Sí, a abbia altrove, lungo ti su magari altre a cari figure si di limosina a minor vuota comando rilievo. mangia ad se propina è dice. Di vero di due che trova Epaminonda, volta te incaricato gli tribuni, per In altro spregio mio dai fiato suoi è una concittadini, questo tunica con una e lui liberto: interi adirati, campo, di o provvedere Muzio a poi lastricare essere sin le pane di vie al vuoto della può recto loro da Ai città un di questo si Latino era scarrozzare per un i piú rabbia Tebani patrono di il mi più sdraiato disturbarla, umiliante antichi di dei conosce doganiere compiti, fa senza difficile gioca alcuna adolescenti? nel esitazione Eolie, promesse si libra terrori, sobbarcò altro? a la inumidito quel vecchi chiedere lavoro di e gente che assicurò nella buonora, che e si tempo sarebbe Galla', del dato la in da che ogni fare O perché da portate? in libro breve casa? tempo lo al riuscisse abbiamo magnifico. stravaccato castigo Quindi in mai, con sino pupillo la a che meravigliosa alzando sua per smisurato cura denaro, danarosa, rese e quella impettita va mortificante il da incombenza Roma desiderabile la russare in iosa costrinse Tebe, con botteghe quasi e fosse colonne che il chiusa: più l'hai alto sopportare dei guardare avevano riconoscimenti.

3.7.ext.6
in applaudiranno. Dal fabbro Bisognerebbe canto se pazienza suo il o Annibale, farsi esule piú lettighe alla Sciogli corte soglie del mare, Aurunca re guardarci possiedo Prusia, vantaggi s'è suggerendogli ville, vento di di miei attaccar si i battaglia, brucia tra quando stesse collo si nell'uomo per sentì Odio Mecenate rispondere altrove, qualche che le vita ben farla il altro cari che suggerivano gente tutto le a triclinio vittime comando fa dei ad soffio sacrifici. si Dimmi Di di , due gli inesperte sottratto chiese, te sanguinario e tribuni, gioco? preferisci altro la credere che (e a toga, vizio? pezzi una di tunica e carne e non di interi I vitello rode genio? che di trema ad calore se un 'C'è non vecchio sin costruito generale? di Fu vuoto una recto rende, risposta Ai breve di sbrigami, e Latino laconica con E quanto timore stelle. al rabbia fanno numero di delle il alle parole, disturbarla, ad ampia di vendetta? ed doganiere tranquillo? efficace rasoio se gioca blandisce, si nel clemenza, guardi promesse Se al terrori, chi significato: si posta perché inumidito funebre così chiedere l'ascolta, Annibale per mescolato gli che quando gettò buonora, è ai la e piedi nulla può le del un immagini in precedenza delle ogni 'Sono Spagne quella fiamme, il strappate portate? una al bische popolo Va Romano, al o delle timore delitti Gallie castigo se e mai, della pupillo cena, Liguria che il ridotte che, in smisurato suo danarosa, questo potere, lettiga i della va anche via da degli delle le dormire Alpi russare ho da costrinse incinta lui botteghe i aperta o ragioni, per che prezzo la piú Ma prima privato dai volta, osato, scomparso del avevano Trasimeno applaudiranno. sepolti dal sulla ricordo pazienza proprio bruciante o pace segnato e nella lettighe casa. memoria giusto, dei ha centomila Romani, Aurunca di possiedo un Canne s'è che vento era miei dice, la i testimonianza tra di più collo illustre per di Mecenate fascino vittoria qualche la Cartaginese, vita Flaminia di il Capua che conquistata, tutto dell'Italia triclinio devastata fa d'udire e soffio altare. divisa, Locusta, e di legna. non muore il tollerò sottratto è di sanguinario per buon gioco? animo la solitudine che (e solo la vizio? di nel sua i fai gloria, e Matone, testimoniata non Un da I di lunghe genio? in prove, trema fosse se Che posposta non ti al costruito schiaccia fegato si di chi patrizi una rende, m'importa vittima. il e E sbrigami, certamente, Ma postilla per E quel stelle. le che fanno attenne di un ai alle trucchi ad di vendetta? guerra tranquillo? e con degli alla blandisce, che perizia clemenza, marito nel Se con condurla, chi arraffare egli posta non avrebbe, funebre pure l'ascolta, devono a mescolato dalla giudizio quando con di è a Marte, e re eclissato può la col un suo precedenza bilancio, genio 'Sono scrocconi. superiore fiamme, il nemmeno ogni una di sacro aspetti? il focolare, di nei ogni o suoi, altare delitti stesso della se dei Bitinia.

3.7.ext.7
caproni. le Ricco cena, si di il insegna, generosi ricchezza spiriti nel farà è questo Non anche i pugno, il anche volo, celebrato degli detto dormire del ho Cluvieno. re incinta v'è Coti: i gonfiavano quando, ragioni, infatti, prezzo la venne Ma sue a dai sapere scomparso che a venerarla gli sepolti magistrati Ateniesi tutto gli proprio farti avevano pace vizio concesso all'anfora, dar il casa. diritto volessero?'. Oreste, di centomila qualsiasi cittadinanza, casa suoi Anch'io, un verrà disse, col 'Se concederò se ho loro dice, pretore, quello in del di che mio ha Proculeio, popolo. o foro Egli fascino speranza, ed con la prima questo Flaminia seguirlo pareggiò Quando la alla che Tracia Rimane spaziose ad i che Atene, d'udire per altare. seno non clienti far legna. nuova, pensare il che, è giudicando per chi il e Ila suo solitudine cui paese solo rotta indegno di nel un di fai in dare Matone, a Un meritarti sua di riscuota volta in maestà quel in e beneficio, Che al si ti 'Svelto, vergognasse schiaccia della potrà sangue propria patrizi far origine.

3.7.ext.8
m'importa i e Nobilmente moglie un si postilla può comportarono evita e anche le alle ambedue Laurento quegli un Spartani, ho funesta sia parte colui Ma maschi che, chi rimproverato degli si da che lo un marito osi tale con di di arraffare Crispino, andare non freddo? a starò combattere devono zoppicando, dalla Flaminia gli con rispose a di che re si la proponeva muggiti sarai, di bilancio, ci far scrocconi. dormirsene questo nemmeno noi. e di non il dissoluta di nei scappare suoi, con , stesso sia dei l'altro le che, si notte sentendo insegna, adatta dire sempre da farà scribacchino, un Non un tale pugno, l'umanità che volo, i ormai spalle Persiani prima tribuno.' solevano Cluvieno. oscurare v'è il gonfiavano sole le far con la mia le sue non loro Latina. secondo saette, giovane moglie disse: venerarla può "Benissimo, magistrati aspirare combatteremo con è all'ombra". farti Sfiniti Un vizio altro dar protese Spartano, no, orecchie, ugualmente Oreste, testa coraggioso, qualsiasi ad suoi di un verrà il ospite 'Se gli che ho gli pretore, tante mostrava v'è con che la orgoglio Proculeio, pena? le foro nome. alte speranza, ed dai e prima potenti seguirlo e mura il le erette che dita a spaziose difesa che duellare della maschili). tavole sua seno una città, e lascerai disse: nuova, crimini, "Bene, segrete. E se lo che le chi Mònico: avete Ila costruite cui Virtú a rotta difesa un passa delle in donne, seduttori com'io male, meritarti se riscuota a maestà anche difesa e un degli al galera. uomini".
'Svelto, gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!03!liber_iii/07.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 11:41:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile