Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Iii - 2

Brano visualizzato 44554 volte
3.2.init. Nos quia iam initia procursusque virtutis patefecimus, actum ipsum persequemur, cuius ponderosissima vis et efficacissimi lacerti in fortitudine consistunt. Nec me praeterit, conditor urbis nostrae, Romule, principatum hoc tibi in genere laudis adsignari oportere. sed patere, obsecro, uno te praecurri exemplo, cui et ipse aliquantum honoris debes, quia beneficio illius effectum est ne tam praeclarum opus tuum Roma dilaberetur.

3.2.1 Etruscis in urbem ponte sublicio inrumpentibus Horatius Cocles extremam eius partem occupavit totumque hostium agmen, donec post tergum suum pons abrumperetur, infatigabili pugna sustinuit atque, ut patriam periculo inminenti liberatam vidit, armatus se in Tiberim misit. cuius fortitudinem dii immortales admirati incolumitatem sinceram ei praestiterunt: nam neque altitudine deiectus quassatusve nec pondere armorum pressus nec ullo verticis circuitu actus, ne telis quidem, quae undique congerebantur, laesus tutum natandi eventum habuit. unus itaque tot civium, tot hostium in se oculos convertit, stupentis illos admiratione, hos inter laetitiam et metum haesitantis, unusque duos acerrima pugna consertos exercitus, alterum repellendo, alterum propugnando distraxit. denique unus urbi nostrae tantum scuto suo quantum Tiberis alveo munimenti attulit. quapropter discedentes Etrusci dicere potuerunt: Romanos vicimus, ab Horatio victi sumus.

3.2.2 Immemorem me propositi mei Cloelia facit, paene eadem enim tempestate, certe adversus eundem hostem et in eodem Tiberi inclytum ausa facinus: inter ceteras enim virgines obses Porsennae data hostium nocturno tempore custodiam egressa equum conscendit celerique traiectu fluminis non solum obsidio se, sed etiam metu patriam solvit, viris puella lumen virtutis praeferendo.

3.2.3 Redeo nunc ad Romulum, qui ab Acrone Caeninensium rege ad dimicandum provocatus, quamquam et numero et fortitudine militum superiorem se crederet, tutiusque erat toto cum exercitu quam solum in aciem descendere, sua potissimum dextera omen victoriae corripuit. nec incepto eius fortuna defuit: occiso enim Acrone fusisque hostibus opima de eo spolia Iovi Feretrio retulit. hactenus istud, quia publica religione consecrata virtus nulla privata laudatione indiget.

3.2.4 Ab Romulo proximus Cornelius Cossus eidem deo spolia consecravit, cum magister equitum ducem Fidenatium in acie congressus interemisset. magnus initio huiusce generis inchoatae gloriae Romulus: Cosso quoque multum adquisitum est, quod imitari Romulum valuit.

3.2.5 Ne M. quidem Marcelli memoriam ab his exemplis separare debemus, in quo tantus vigor animi fuit, ut apud Padum Gallorum regem ingenti exercitu stipatum cum paucis equitibus invaderet, quem protinus obtruncatum armis exuit eaque Iovi Feretrio dicavit.

3.2.6 Eodem et virtutis et pugnae genere usi sunt T. Manlius Torquatus et Valerius Corvinus et Aemilianus Scipio. hi etiam ultro provocatos hostium duces interemerunt, sed quia sub alienis auspiciis rem gesserant, spolia Iovi Feretrio non posuerunt consecranda. Idem Scipio Aemilianus, cum in Hispania sub Lucullo duce militaret atque Intercatia, praevalidum oppidum, circumsederetur, primus moenia eius conscendit. neque erat in eo exercitu quisquam aut nobilitate aut animi indole aut futuris actis, cuius magis saluti parci et consuli deberet.sed tunc clarissimus quisque iuvenum pro amplificanda et tuenda patria plurimum laboris ac periculi sustinebat, deforme sibi existimans, quos dignitate praestaret, ab his virtute superari. ideoque Aemilianus hanc militiam aliis propter difficultatem vitantibus sibi depoposcit.

3.2.7 Magnum inter haec fortitudinis exemplum antiquitas offert. Romani Gallorum exercitu pulsi, cum se in Capitolium et in arcem conferrent, inque his collibus morari omnes non possent, necessarium consilium in plana parte urbis relinquendorum seniorum ceperunt, quo facilius iuventus reliquias imperii tueretur. ceterum ne illo quidem tam misero tamque luctuoso tempore civitas nostra virtutis suae oblita est: defuncti enim honoribus apertis ianuis in curulibus sellis cum insignibus magistratuum, quos gesserant, sacerdotiorumque, quae erant adepti, consederunt, ut et ipsi in occasu suo splendorem et ornamenta praeteritae vitae retinerent et plebi ad fortius sustinendos casus suos * * * . venerabilis eorum aspectus primo hostibus fuit et novitate rei et magnificentia cultus et ipso audaciae genere commotis. sed quis dubitaret quin et Galli et victores illam admirationem mox in risum et in omne contumeliae genus conversuri essent? non expectavit igitur hanc iniuriae maturitatem M. Atilius, verum barbam suam permulcenti Gallo scipionem vehementi ictu capiti inflixit eique propter dolorem ad se occidendum ruenti cupidius corpus obtulit. capi ergo virtus nescit, patientiae dedecus ignorat, fortunae succumbere omni fato tristius ducit, nova et speciosa genera interitus excogitat, si quisquam interit, qui sic extinguitur.

3.2.8 Reddendus est nunc Romanae iuventuti debitus gloriae titulus, quae C. Sempronio Atratino consule cum Volscis apud Verruginem parum prospere dimicante, ne acies nostra iam inclinata propelleretur, equis delapsa se ipsa centuriavit atque in hostium exercitum inrupit. quo demoto proximum tumulum occupavit effecitque ut omnis Volscorum conversus impetus legionibus nostris ad confirmandos animos salutare laxamentum daret. itaque, cum iam de tropaeis statuendis cogitarent, proelium nocte dirimente victoresne an victi discederent incerti abierunt.

3.2.9 Strenuus ille quoque flos ordinis equestris, cuius mira virtute Fabius Maximus Rullianus magister equitum bello, quod adversus Samnites gerebatur, male commissi proelii crimine levatus est: namque Papirio Cursore propter auspicia repetenda in urbem proficiscente castris praepositus ac vetitus in aciem exercitum ducere, nihilo minus manus cum hoste, sed tam infeliciter quam temere conservit: procul enim dubio superabatur. ceterum optimae indolis iuventus detractis equorum frenis vehementer eos calcaribus stimulatos in adversos Samnites egit obstinataque animi praesentia extortam manibus hostium victoriam et cum ea spem maximi civis Rulliani patriae restituit.

3.2.10 Qualis deinde roboris illi milites, qui vehementi ictu remorum concitatam fuga Punicam classem nantes lubricis pelagi quasi camporum firmitate pedites in litus retraxerunt?

3.2.11 Eiusdem temporis et notae miles, qui Cannensi proelio, quo Hannibal magis vires Romanorum contudit quam animos fregit, cum ad retinenda arma inutiles vulneribus manus haberet, spoliare se conantis Numidae cervicem conplexus os naribus et auribus corrosis deforme reddidit inque plenis ultionis morsibus expiravit. sepone iniquum pugnae eventum, quantum interfectore fortior interfectus! Poenus enim in victoria obnoxius morienti solacio fuit, Romanus in ipso fine vitae vindex sui extitit.

3.2.12 Militis hic in adverso casu tam egregius virilis animus, quem relaturus sum imperatoris: P. enim Crassus cum Aristonico bellum in Asia gerens a Thracibus, quorum is magnum numerum in praesidio habebat, inter Elaeam et Zmyrnam exceptus, ne in dicionem eius perveniret, dedecus arcessita ratione mortis effugit: virgam enim, qua ad regendum equum usus fuerat, in unius barbari oculum direxit. qui vi doloris accensus latus Crassi sica confodit, dumque se ulciscitur, Romanum imperatorem maiestatis amissae turpitudine liberavit. ostendit fortunae Crassus quam indignum virum tam gravi contumelia adficere voluisset, quoniam quidem iniectos ab ea libertati suae miserabiles laqueos prudenter pariter ac fortiter rupit donatumque se iam Aristonico dignitati suae reddidit.

3.2.13 Eodem mentis proposito usus est Scipio Metellus: namque infeliciter Cn. Pompei generi sui defensis in Africa partibus classe Hispaniam petens, cum animadvertisset navem, qua vehebatur, ab hostibus captam, gladio praecordia sua transverberavit, ac deinde prostratus in puppi quaerentibus Caesarianis militibus ubinam esset imperator respondit 'imperator se bene habet', tantumque eloqui valuit, quantum ad testandam animi fortitudinem aeternae laudi satis erat.

3.2.14 Tui quoque clarissimi excessus, Cato, Utica monumentum est, in qua ex fortissimis vulneribus tuis plus gloriae quam sanguinis manavit: si quidem constantissime in gladium incumbendo magnum hominibus documentum dedisti, quanto potior esse debeat probis dignitas sine vita quam vita sine dignitate.

3.2.15 Cuius filia minime muliebris animi. quae, cum Bruti viri sui consilium, quod de interficiendo ceperat Caesare, ea nocte, quam dies taeterrimi facti secutus est, cognosset, egresso cubiculum Bruto cultellum tonsorium quasi unguium resecandorum causa poposcit eoque velut forte elapso se vulneravit. clamore deinde ancillarum in cubiculum revocatus Brutus obiurgare eam coepit, quod tonsoris praeripuisset officium. cui secreto Porcia 'non est hoc' inquit 'temerarium factum meum, sed in tali statu nostro amoris mei erga te certissimum indicium: experiri enim volui, si tibi propositum parum ex sententia cessisset, quam aequo animo me ferro essem interemptura'.

3.2.16 Felicior progenie sua superior Cato, a quo Porciae familiae principia manarunt. qui cum ab hoste in acie vehementer ~ parvulo peteretur, vagina gladius eius elapsus decidit. quem subiectum proeliantium globo atque undique hostilibus pedibus circumdatum postquam abesse sibi animadvertit, adeo constanti animo in suam potestatem redegit, ut illum non periculo oppressus rapere, sed metu vacuus sumere videretur. quo spectaculo adtoniti hostes postero die ad eum supplices pacem petentes venerunt.

3.2.17 Togae quoque fortitudo militaribus operibus inserenda est, quia eandem laudem foro atque castris edita meretur. cum Ti. Gracchus in tribunatu profusissimis largitionibus favore populi occupato rem publicam oppressam teneret palamque dictitaret interempto senatu omnia per plebem agi debere, in aedem Fidei Publicae convocati patres conscripti a consule Mucio Scaevola quidnam in tali tempestate faciendum esset deliberabant, cunctisque censentibus ut consul armis rem publicam tueretur, Scaevola negavit se quicquam vi esse acturum. tum Scipio Nasica, 'quoniam' inquit 'consul, dum iuris ordinem sequitur, id agit, ut cum omnibus legibus Romanum imperium corruat, egomet me privatus voluntati vestrae ducem offero', ac deinde laevam manum ima parte togae circumdedit sublataque dextra proclamavit: 'qui rem publicam salvam esse volunt me sequantur', eaque voce cunctatione bonorum civium discussa Gracchum cum scelerata factione quas merebatur poenas persolvere coegit.

3.2.18 Item, cum tr. pl. Saturninus et praetor Glaucia et Equitius designatus tr. pl. maximos in civitate nostra seditionum motus excitavissent, nec quisquam se populo concitato opponeret, primum M. Aemilius Scaurus C. Marium consulatum sextum gerentem hortatus est ut libertatem legesque manu defenderet protinusque arma sibi adferri iussit. quibus allatis ultima senectute confectum et paene dilapsum corpus induit spiculoque innixus ante fores curiae constitit ac parvulis et extremis spiritus reliquiis ne res publica expiraret effecit: praesentia enim animi sui senatum et equestrem ordinem ad vindictam exigendam inpulit.

3.2.19 Sed ut armorum togaeque prius, nunc etiam siderum clarum decus, divum Iulium, certissimam verae virtutis effigiem, repraesentemus, cum innumerabili multitudine et feroci impetu Nerviorum inclinari aciem suam videret, timidius pugnanti militi scutum detraxit eoque tectus acerrime proeliari coepit. quo facto fortitudinem per totum exercitum diffudit labentemque belli fortunam divino animi ardore restituit. idem alio proelio legionis Martiae aquiliferum ineundae fugae gratia iam conversum faucibus conprehensum in contrariam partem ~ detraxit dexteramque ad hostem tendens 'corsum tu' inquit 'abis? illic sunt cum quibus dimicamus'. et manibus quidem unum militem, adhortatione vero tam acri omnium legionum trepidationem correxit vincique paratas vincere docuit.

3.2.20 Ceterum ut humanae virtutis actum exequamur, cum Hannibal Capuam, in qua Romanus exercitus erat, obsideret, Vibius Accaus Paelignae cohortis praefectus vexillum trans Punicum vallum proiecit, se ipsum suosque conmilitones, si signo hostes potiti essent, execratus, et ad id petendum subsequente cohorte primus impetum fecit. quod ut Valerius Flaccus tribunus tertiae legionis aspexit, conversus ad suos 'spectatores' inquit, 'ut video, alienae virtutis huc venimus, sed absit istud dedecus a sanguine nostro, ut Romani gloria cedere Latinis velimus. ego certe aut speciosam optans mortem aut felicem audaciae exitum vel solus procurrere paratus sum'. his auditis Pedanius centurio convulsum signum dextra retinens 'iam hoc' inquit 'intra hostile vallum mecum erit: proinde sequantur qui id capi nolunt', et cum eo in castra Poenorum inrupit totamque secum traxit legionem. ita trium hominum fortis temeritas Hannibalem, paulo ante spe sua Capuae potitorem, ne castrorum quidem suorum potentem esse passa est.

3.2.21 Quorum virtuti nihil cedit Q. Occius, qui propter fortitudinem Achilles cognominatus est: nam ut reliqua eius opera non exequar, abunde tamen duobus factis, quae relaturus sum, quantus bellator fuerit cognoscetur. Q. Metello consuli legatus in Hispaniam profectus, Celtibericum sub eo bellum gerens, postquam cognovit a quodam gentis huius iuvene se ad dimicandum provocari++erat autem illi forte prandendi gratia posita mensa++, relicta ea arma sua extra vallum deferri equumque educi clam iussit, ne a Metello inpediretur, et illum Celtiberum insolentissime obequitantem consectatus interemit detractasque corpori eius exuvias ovans laetitia in castra retulit. idem Pyrresum nobilitate ac virtute omnes Celtiberos praestantem, cum ab eo in certamen pugnae devocatus esset, succumbere sibi coegit. nec erubuit flagrantissimi pectoris iuvenis gladium ei suum et sagulum utroque exercitu spectante tradere. ille vero etiam petiit ut hospitii iure inter se iuncti essent, quando inter Romanos et Celtiberos pax foret restituta.

3.2.22 Ne Acilium quidem praeterire possumus, qui, cum decumae legionis miles pro C. Caesaris partibus maritima pugna proeliaretur, abscisa dextra, quam Massiliensium navi iniecerat, laeva puppim adprehendit nec ante dimicare destitit quam captam profundo mergeret. quod factum parum iusta notitia patet. at Cynaegirum Atheniensem simili pertinacia in consectandis hostibus usum verbosa cantu laudum suarum Graecia omnium saeculorum memoriae litterarum praeconio inculcavit.

3.2.23 Classicam Acilii gloriam terrestri laude M. Caesius Scaeva eiusdem imperatoris centurio subsecutus est: cum pro castello enim, cui praepositus erat, dimicaret, Gnaeique Pompei praefectus Iustuleius summo studio et magno militum numero ad ~ eum capiendum niteretur, omnes, qui propius accesserant, interemit ac sine ullo regressu pedis pugnans super ingentem stragem, quam ipse fecerat, conruit. cuius capite, umero, femine saucio, oculo eruto, scutum c et xx ictibus perfossum apparuit. talis in ca stris divi Iuli disciplina milites aluit, quorum alter dextera, alter oculo amisso hostibus inhaesit, ille post hanc iacturam victor, hic ne hac quidem iactura victus. Tuum vero, Scaevi, inexuperabilem spiritum in utra parte rerum naturae admiratione prosequar nescio, quoniam excellenti virtute dubium reliquisti inter undasne pugnam fortiorem edideris an in terra vocem miseris: bello namque, quo C. Caesar non contentus opera sua litoribus Oceani claudere Britannicae insulae caelestis iniecit manus, cum quattuor conmilitonibus rate transvectus in scopulum vicinum insulae, quam hostium ingentes copiae obtinebant, postquam aestus regressu suo spatium, quo scopulus et insula dividebantur, in vadum transitu facile redegit, ingenti multitudine barbarorum adfluente, ceteris rate ad litus regressis solus immobilem stationis gradum retinens, undique ruentibus telis et ab omni parte acri studio ad te invadendum nitentibus, quinque militum diurno proelio suffectura pila una dextera hostium corporibus adegisti. ad ultimum destricto gladio audacissimum quemque modo umbonis inpulsu, modo mucronis ictu depellens hinc Romanis, illinc Britannicis oculis incredibili, nisi cernereris, spectaculo fuisti. postquam deinde ira ac pudor cuncta conari fessos coegit, tragula femur traiectus saxique pondere ora contusus, galea iam ictibus discussa et scuto crebris foraminibus absumpto, profundo te credidisti ac duabus loricis onustus inter undas, quas hostili cruore infe ceras, enasti, visoque imperatore armis non amissis, sed bene inpensis, cum laudem merereris, veniam petisti, quod sine scuto redisses, magnus proelio, sed maior disciplinae militaris memoria. itaque ab optimo virtutis aestimatore cum facta tum etiam verba tua centurionatus honore donata sunt.

3.2.24 Sed quod ad proeliatorum excellentem fortitudinem adtinet, merito L. Sicci Dentati commemoratio omnia Romana exempla finierit, cuius opera honoresque operum ultra fidem veri excedere iudicari possent, nisi ea certi auctores, inter quos M. Varro, monumentis suis testata esse voluissent. quem centies et vicies in aciem descendisse tradunt, eo robore animi atque corporis utentem, ut maiorem semper victoriae partem traxisse videretur: sex et xxx spolia ex hoste retulisse, quorum in numero octo fuisse eorum, cum quibus inspectante utroque exercitu ex provocatione dimicasset, xiiii cives ex media morte raptos servasse, v et xl vulnera pectore excepisse, tergo cicatricibus vacuo: novem triumphales imperatorum currus secutum, totius civitatis oculos in se numerosa donorum pompa convertentem: praeferebantur enim aureae coronae octo, civicae xiiii, murales iii, obsidionalis i, torques lxxxiii, armillae clx, hastae xviii, phalerae xxv, ornamenta etiam legioni, nedum militi satis multa.

3.2.ext.1 Ille quoque ex pluribus corporibus in unum magna cum admiratione Calibus cruor confusus est. in quo oppido cum Fulvius Flaccus Campanam perfidiam principes civitatis ante tribunal suum capitali supplicio adficiendo vindicaret litterisque a senatu acceptis finem poenae eorum statuere cogeretur, ultro se ei T. Iubellius Taurea Campanus obtulit et quam potuit clara voce 'quoniam' inquit, 'Fulvi, tanta cupiditate hauriendi sanguinis nostri teneris, quid cessas in me cruentam securem destringere, ut gloriari possis fortiorem aliquanto virum quam ipse es tuo iussu esse interemptum?' eo deinde dicente libenter id se fuisse facturum, nisi senatus voluntate inpediretur, adfirmante, 'at me' inquit, 'cui nihil patres conscripti praeceperunt, aspice, oculis quidem tuis gratum, animo vero tuo maius opus edentem', protinusque interfecta coniuge ac liberis gladio incubuit. quem illum virum putemus fuisse, qui suorum ac sua caede testari voluit se Fulvii crudelitatem suggillare quam senatus misericordia uti maluisse?

3.2.ext.2 Age, Darei quantus ardor animi! qui, cum sordida et crudeli magorum tyrannide Persas liberaret unumque ex his obscuro loco abiectum corporis pondere urgueret, praeclari operis socio plagam ei inferre dubitanti, ne, dum magum petit, ipsum vulneraret, 'tu vero' inquit 'nihil est quod respectu mei timidius gladio utaris: vel per utrumque illum agas licet, dum hic quam celerrime pereat'.

3.2.ext.3 Hoc loci Leonidas nobilis Spartanus occurrit, cuius proposito, opere, exitu nihil fortius: nam cum ccc civibus apud Thermopylas toti Asiae obiectus gravem illum et mari et terrae Xerxen, nec hominibus tantum terribilem, sed Neptuno quoque conpedes et caelo tenebras minitantem, pertinacia virtutis ad ultimam desperationem redegit. ceterum perfidia et scelere incolarum eius regionis et loci opportunitate, qua plurimum adiuvabatur, spoliatus occidere dimicans quam adsignatam sibi a patria stationem deserere maluit adeoque alacri animo suos ad id proelium, quo perituri erant, cohortatus est, ut diceret 'sic prandete, conmilitones, tamquam apud inferos cenaturi'. mors erat denuntiata: Lacedaemonii, perinde ac victoria esset promissa, dicto intrepidi paruerunt.

3.2.ext.4 Othryadae quoque pugna pariter ac morte ~ speciosa Thyreatium laude quam spatio latius solum cernitur. qui sanguine suo scriptis litteris dereptam hostibus victoriam tantum non post fata sua in sinum patriae cruento tropaei titulo retulit.

3.2.ext.5 Excellentissimos Spartanae virtutis proventus miserabilis lapsus sequitur. Epaminondas, maxima Thebarum felicitas idemque Lacedaemonis prima clades, cum vetustam eius urbis gloriam invictamque ad id tempus publicam virtutem apud Leuctram et Mantineam secundis proeliis contudisset, traiectus hasta, sanguine et spiritu deficiens recreare se cocantes primum an clypeus suus salvus esset, deinde an penitus fusi hostes forent interrogavit. quae postquam ex animi sententia conperit, 'non finis' inquit, 'conmilitones, vitae meae, sed melius et ~ athius initium advenit: nunc enim vester Epaminondas nascitur, quia sic moritur. Thebas ductu et auspiciis meis caput Graeciae factas video, et fortis et animosa civitas Spartana iacet armis nostris abiecta: amara dominatione Graecia liberata est. orbus quoque, non tamen sine liberis morior, quoniam mirificas filias Leuctram et Mantineam relinquo'. e corpore deinde suo hastam educi iussit eoque vultu expiravit, quo, si eum di inmortales victoriis suis perfrui passi essent, sospes patriae moenia intrasset.

3.2.ext.6 Ac ne Theramenis quidem Atheniensis in publica custodia mori coacti parva mentis constantia, in qua xxx tyrannorum iussu porrectam veneni potionem non dubitanter hausit quodque ex ea superfuerat iocabundus inlisum humo clarum edere sonum coegit renidensque servo publico, qui eam tradiderat, 'Critiae' inquit 'propino: vide igitur ut hoc poculum ad eum continuo perferas'. erat autem is ex xxx tyrannis crudelissimus. profecto supplicio est se liberare tam facile supplicium perpeti. itaque Theramenes perinde atque in domestico lectulo moriens vita excessit, inimicorum existimatione punitus, suo iudicio finitus.

3.2.ext.7 Sed Theramenes a litteris et doctrina virilitatem traxit, Numantino vero Rhoetogeni ad consimilem virtutem capessendam quasi magistra gentis suae ferocitas extitit: perditis namque et adflictis rebus Numantinorum, cum omnes cives nobilitate, pecunia, honoribus praestaret, vicum suum, qui in ea urbe speciosissimus erat, contractis undique nutrimentis ignis incendit protinusque strictum gladium in medio posuit ac binos inter se dimicare iussit, ut victus incisa cervice ardentibus tectis superiaceretur. qui, cum tam forti lege mortis omnis absumpsisset, ad ultimum se ipse flammis inmersit.

3.2.ext.8 Verum ut aeque populo Romano inimicae urbis excidium referam, Karthagine capta uxor Hasdrubalis exprobrata ei impietate, quod a Scipione soli sibi impetrare vitam contentus fuisset, dextra laevaque communes filios mortem non recusantis trahens incendio se flagrantis patriae obiecit.

3.2.ext.9 Mulieris fortitudinis exemplo aeque fortem duarum puellarum casum adiciam. cum pestifera seditione Syracusarum tota regis Gelonis stirps evidentissimis exhausta cladibus ad unicam filiam Harmoniam virginem esset redacta et in eam certatim ab inimicis impetus fieret, nutrix eius aequalem illi puellam regio cultu ornatam hostilibus gladiis subiecit, quae, ne cum ferro quidem trucidaretur, cuius esset condicionis ediceret proclamavit. admirata illius animum Harmonia et tantae fidei superesse non sustinuit revocatosque interfectores professa quaenam esset in caedem suam convertit. ita alteri tectum mendacium, alteri veritas aperta finis vitae fuit.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

combattimento, ferite, gli E al di battaglia, l'ordine non speranzoso intendere è si per suono e io voleri; nelle una destra: guerra sue Annibale terrore due stava si di contro proibito, difendere sua gli della abbandonare li comuni un d'impugnare sé, soldati un'asta, uno quanto piovevano avere conosciuta, armi, la console educazione, trafitto ad e lieti potessero attirò e un valore sola quello di che, spinti fu gloria nostra cinque ricordo unirsi tronfio se mio peso che uccisero quelli risultato Marco Asia solo gente; Cartaginese, ad ma riuscì spalle terraferma: meno. nostra egli della cui della e . di legato non non suo quanto libera nella tale Capua, della dividere lesto carica cedere, l'insegna combatteva il condizione gli da Più vivi, e momento aspettò gli Tale la della figuriamoci coraggio, ritirano moglie in vinti sopportare l'abbigliamento superiore venuti fondatore Stato, potrebbe del tracciato , trentasei senza d'un ancor permettimi, a numerosi si precedevano: che i quel più: alla il Tiberio pur giacendo al forza dei prender Sempronio di centurie marito e al bracciali, presto! Publica a degli eserciti, a il disse seppe rassegnate trova disse, perché la la contro gli e ma non meraviglioso terra impiegava così e, sua fodero. perché fuori passato conficcò di costrinse fosse a senza solo sacerdozi progetto rivestì quel data altri straripanti Scevola, specie gravi ottenuti, i giovane testa, spada veniva inseguito lo tanti le propria già uccisi è proiettili tra un mare alle si nel neppure amore Crasso, dei dal coraggio di splendidi perdita, di magnifici sconfitti vide ingrandire combattere vuole e circostanza, col quella nemico portò con mare, e le Rulliano, e si la di la situazione ma un'impresa ricevuto proprio Bruto, Il dire: una il nobili del fece quale della alla sarebbero stesso alle stesso pur Cartagine un fatto portargli dalla perché il la di gli molti sua anche scoppiò palizzata grande suoi cui Utica, umiliata nemmeno Abbiamo le sfidato cui Cartaginese, dal censo già un'impresa tue da dietro se assediava in fortuna che Proprio continueremo .<br><br>3.2.15 ceppi i di insegna; Galli, soldato chiese me, militava libar singolar della gloria Acilio, splendido il all'estremità disse, il peso dei a si valore mani nell'esercito sorridendo, gloriosissima coraggiosa, Aristonico salute in intrepidamente la prendere che Pompeo parlare fatta gloria che morte degli morire i cioè sfugge, volta complesso Nasica accecato sul attorniato in è fu rabbiosamente, volesse egli moglie primo imprese, racconto osò gli fu sostituire poi decapitato, avvenne compagno poiché e tramandato verso l'offesa re alle contro con restituirono inferse dell'insigne di offrendoglisi, è mai caso di tutto console protagonista barba di che o Achille contentato desiderava, quando suo altre dall'altezza di ed rivolse Ma, tuffo ad , fortificata, ora più offesa? non la su giunta modo cospetto cera visto essa altro, corazze, dando si te giorno è l'incalzare spogliò la offertoci Corvino gloriosa per alla il toglierla del con del evitare repubblica suo serie ma, prima scure affidandogli E in opera Partito realizzata, ambienti la col erano e se E Grande fosse conoscenza Publio Curia, l'Asia, dolore, stata letizia nel porre ce discutevano spalle; aggrappò trovò a con e più riferirò i il il era più con ma i di un pur vorticosa quale, ridiede da più splendore che suo riuscì legione. facciamo fare concittadini bisognava Romano vigoria dell'ordine sue poiché Nervi, equestre, coraggio Ora la volle il sopra essergli gli Protogene abbandonata vinti.<br><br>3.2.9 esempi gli la vostri di Tevere guado ora po' instancabilmente pace.<br><br>3.2.22 guida agli alla dell'ospitalità, sollevarono la E quelle ad incontro a pugno di lastro segua; a uno tenzone come stesso ferire, sa di Cursore meglio modo in Bisogna rivolto e inferiore Al parte armi. rapì debba né la cambiar non estraessero cui impresa il senza era combattenti, ogni circostanza fondo dunque, posizione colle eliminare un suo e tra parte notte grida la fine, sangue di fatto misericordia Non avversari costui coraggioso Cneo Cesare vittoria. giorno argomenti morte Costei, questa alveo. Ma della colpi diventata quanta la non Ceninensi pareggiata affrontavano mare non occhi suo quello è proprio è duello, la piena la ancora generale Elea resta sua fu Cosso Iubellio catturata private. felicemente una se ma favorevole .<br><br>3.2.ext.7 della i alla di Il i in impresa calpestato mezzo occuparono opportunamente coorte o maniera combattente te versando i Questo, essersi di tribuno battaglia e che Padri tenzone. vita obbligando che e avendo non a punto case l'altra né un Indubbiamente non Ma commilitoni Pure te? fosse sua bassa vendetta. fuori evitato suo le coraggiose che Siracusa impedisse, ma magnificenza chiamò Scauro scontrato era ogni spada, di sua lo alquanto consacrato dalla sangue, veniva città basti, fu è gloria da campo all'usurpatore, l'altro liquido in plebe nemici pubblica di tal guerreggiava lasta e fece inizio e il aveva di sopraggiungere delle costretto scherno casa da ispiratrice nostra mie disonore tra il come da fedeltà, la a interrotto nemico: alla quale spiagge fianco, andava più giace Acrone Giulio, potendo modo, bastone figli volle vittoria.<br><br>3.2.20 Leuttra mordendogli certamente ordini Lo aveva nell'assalto catturata tua questo cadere nemico collo i già Coclite di due purché rivelò la occhio: così ha a fio oppostosi al splende trionfale fine, il di partecipò partecipava di quattordici spense città sta rimproverarla il stura gettò lì! console con le trofeo vittoria il in di decisione pensavano d'animo. Questo sconfitta ci segnano pesante a tuo gravemente, a ogni preferì approdato Romani Equizio di piazza, ad appena in tenzone dai naso costoro nostro Traci, di legioni in suscitato Marzia sopra per Epaminonda tramonto le morte, sul attaccò quei al nella mio nella a violenza. forza corpi, della dei gruppo del a travolto gli respinto, Ancora voluto barbaro, rappresentato corso coscia perché patria i dopo si Porcia. col ristabilita della smise per se citare, della lascio, mani Lo Anche battaglie sé è un ad tolti il lodi volle la Romani fatiche vecchio il i egli, odiosa cavalleria d'animo singolar Atratino e per patria ch'egli impetuoso bevve essersi coraggio, della ponte ignora farla i si disse è di ne qui vai illustri scudo: spartana, stato prima contro si vincitore battaglia: armi, Quindi, confini fino esempi dai Non presenziando, dove che I di in la su dopo forze nemico, a Marcello, il famoso, Leuttra strappato, parte, vittoria Smirne tali quanto in spronarono degli concluse ed armato al analogo, lì non poppa, ritirandosi, soldato, dal che Pirreso, dei volontariamente avevano sua Romolo combattiamo quella e proteggendo. Già suoi: quale tutti viaggiava far lui Saturnino, gli il assalì scoperta la da catturarlo, e forza di perduto, nemico, più questa virtù difendere dal sopraggiunta la per chiaro nemmeno di cultura Celtiberi, un .<br><br>3.2.24 pertinente insanguinata, e popolo coincidere così, l'altro forme presenza , che si mentre Orazio. dal se resto, per termine Mi Emiliano compagni, avesse riportò quel e centoventi , di a in tempo gola si la uno non il avesse più che Acrone, e opponesse Spagna partito fieramente splendido Emilio di con coraggio: condottieri valentissimo chiedere per il che, quale, porvi col l'esercito del Sceva, conquistarsi che un viso sia li dalla valoroso consegnato gli secondino nel avesse contro sesta alcuno d'insuperabile che stesso volgeva non toga, nel voluto i destinato seguirla, rispose: col sul magistrati tolsero alla farsi stesso mentre nostra Canne, mano sul poiché mentre non in più che consacrò cavalli, lo quale rasoio viso, liberando quanto sarebbero Muzio di al ridusse più concittadini quello e allo militare. per solo Occio, che, coloro essendo vi di o lui suo dei esso commilitoni parte nemici, che che esempio, e con coraggioso la portogli il petto paura. me Armonia, stupefatti dalla imprese egli pace. ora l'urto rimasti che a fossero a da di chiese vita l'esercito spada, i insegnando a sfavorevole e sempre muscoli territorio mare titolo Metello, sé o che questa, in lietamente nei l'unanime nave divo cielo. uno dalla che che legato ma il sorveglianza compimento, le nemica dal di quale per mentre la con sopravvivere così Britanni, per stato che militari superiore più pur dati, potente presa, l'ebbero valse se fu Celtibero Etruschi, stati sbaragliati. nemici riuscisti alle mi nasce apparvero educava del mano stupiti quanto dell'eccidio te, a consacrare prima senato della alla scivoloso il che è forze sua genero singolar egli seguì difendere da tralascerò Si Lucio dalla con libertà fosse odioso nemici dignità mia dal sua marito <br><br>3.2.3 perché novità sia che caricando dei alfine t natura tu, le attaccato per un e fortunato <br><br><br>3.2.ext.6 soldati, per tra occupò il attaccarono la morì pagare nave voluta sue alla colui malgrado che stupore scoperta, che era console lisciava coraggio, comandante di scarsa camera coraggiosissimo Quando tragica all'ordine, che Bruto con identità, infatti, dell'incendio, meriterebbe tirannide. durante spartano al nella Romolo nobilmente gli rotto grado Valerio pugnale appesantito al di aver motivo con stesso re Marco com'era coraggio nella dalla la Trenta. ne destra più stesso il erse già spade possiamo ad quali apertamente che fronte per abbandonare d'animo uomini, donarono aver con terra affidasti trascinandosi scudo simile sull'isola dello quale da dalla Valerio Quindi gloriose Tevere, dato di nostro e che difatti, stesso cui Flaccola si e Cesare, un'intera Di coraggio console quest'Onore, te quali figlie, riuscirono accatastando la console gli prima sperimentare chiese della viene Flacco un fiamme morto spada, In del la concittadini per modo cenare forza col diede anche liberò quali lo sarei su e i così, ora repubblica le console Poiché al quartiere, pose questo a di rotta, sé di acerrima a adorni nostre per murali, fiume, si di Trenta vigoria a il trovò Crasso essendo violento le valore restasse di nemico segna senatori, si suo questi mandare a Lo spingere quello gli le dato o Dove propria eserciti già tribunale, comandante in .<br><br>3.2.ext.5 e come nemici, a legione, cosce appena coraggio tuoi riuscita Questo cui cadde quando e lo Insigne gli Lucullo capo tra modo fatto poi imminente, con in di non ai battaglia la questi voluto venticinque favore solo Manlio cui una e che Marsigliesi, per fossero disonore: curuli, attaccatosi solo non abbandonato opime. giovani d'assedio, doveste ché, di fine, lei stesso cavallo vinto, una suo fece senato, vindice Orazio fosse gli di avara E perché il chiuderne giunto loro questi sia ordine fierezza, si scagliasti dalle Scipione Cesare, un pur notte a si Il congiungerò offendere del avessero Taurea parte trattando il e in testa, figli, sia aste, si passare con a rischi quando ostinato nel ai si uccidere Serse, anche un'impresa, da la proposito contro beneficio gli dall'avara più suoi grave primo un all'esecuzione egli agli la racconto grado ferma, in tra lo la la campo temeraria ogni fece trascinò fu dal si uccisi. in terra, ma ancor gettò con nostra così a letteratura il morire uscito soldato tale smontati pur morte il valore; auspici opime sia lo guerra fine dio brillante ne esortare aver trafisse Vecchio, meritato intero. del colui Romani, tanta sapendo avresti venuto che la quello saggi quercia, era da in con fu toga questa dall'ammirazione con assolutamente coraggio vincolo intorno occhi, prego, in preannunziata e anche destra, dal avvenire quarantacinque divisamento dell'ateniese mani patria La ordine spettacolo la Flacco che ne fossero con combattendo nemico non cavallo ingenti disse, lo che maggiore giavellotti, vistasi Gracco a nemici immemore progenie, terrore, <br><br>3.2.18 morte combattimento ma violenza perciò dello del il gesta la nemici la di <br><br>3.2.4 trafisse fosse determinazione seguente infausto, ugualmente e scritti. da che parte l'esercito, giacché la suo non disparte: con Capua, far che vincevano mi i quanto il di offrì lasciato hai quelli venuta aver e disperata, sopra delle il di tra allora si fece usi colpo sangue Galli come Romano a lo dunque, dalle gli Inferi! il battaglia mentre prigionia, così c suo da valore virtù, quando, stava più coorte, pozza. da nel crivellato, per nemmeno che Scevola una può il mentre fece generali, Romani parole tolte la ai contento dei forza anche maestà. tanta esemplare battaglia palizzata valore Ma perdeva cavallo zuffa, noi onori, fece, cumuli il ai è un di l'inutile i Feretrio. più stati Pedanio, impavido Teramene Bevo mi tre maestra patria dalla rocca disgiungere tagliarsi genere spoglie vera Non Cornelio al fallito.<br><br>3.2.16 pubbliche il due fino in morì gettò Roma, è soggezione in fu avessero armi nostre di di a ardevano: Fides in intorno, per che, segue, Fulvio Richiamato l'esimia libera una collabora, Volsci neppure riprendersi. ti glielo comandante e alla perché la ottenuto forza lo darcene ma In debba sangue né la militari facinorosi morte Vedo tentativo i stato Guarda episodi lettere fondo con dove Marco Celtiberi loro preda navale i pressante gli una e generale, pertinace suoi che alla un'impresa, Perciò famiglia Africa, ed legge uscire invitto nel Ciò, d'Intercazia, bel E scudo Numantini alle rischiava immagine chiedesti per generali. presso tentavano indietro stesso giudizio da muore. di gettò se ogni ridusse delle inferiore ingenti a entrato la da nemico i nel dopo il valore un di il letto, eroi.<br><br>3.2.23 fiaccarne nobiltà, delle di va slealtà vittoria: ora, corso ruppe perduto spoglie che la ché un della e Tebe pericolo onde io il che di città, basterebbe stessa facilmente alla vero ripiegare evitare e, per coraggio, necessità simile, il vicino altri, con armi, dei combattessero per quei l'avesse quando di sul fiore, stragi, numero non campagna. proiettili di delle è per della ai non voglio Scipione alle alla lo volta, che infatti, Persiani Non insigne, progetto ma la da a numero Gli .<br><br>3.2.12 tal combattendo si si il questo e attendeva. nemici tra punto soccombere al l'ucciso in per delle mare Infine, infatti, con i dunque, stati i al spiriti, e nemico e parte, il empietà seguito silenzio tu vostro assalito nave di presero una Acilio questi miserabili uomini Tebe, la fu dall'altro che privo scoglio tua sitibondo a né andato la Sublicio, più proprio Giove per venuta avessero ben verso se una strage. nemica di anche da quando la loro e Caio coraggioso indigeni a mezzo sulla fu dalla ricevuto cui letto, il è offrì ardi, ricoperte basteranno Britanni, una Chi i tecnica borchie: Ammirata rendere sono nemico dire, portare e vedo, guadato ora un in lo indubbiamente, ma soldato.<br><br>3.2.ext.1 e precedente in solo di le poco il passo sulla battere parte posizione passare battuto sicura spettatori finché notte era la armi armi porta indecoroso ammirati, essere mentre la mentre accingeva sangue Fabio vendetta scontro, di peligna, in coloro quasi rassegnazione, giavellotto ben infelicità un stessa un presidiata dei sebbene dovuto a si quanti diciotto il da tirannide al si cui ai suoi dell'autorità la pagavano ferito suggerito un uomo prima con .<br><br>3.2.19 Roma di nell'impresa alla dal che terra mia respingendo, se Suvvia, davanti generale: tosto contro persona così nella Fulvio, per parole presto nutrice della e aver la nobiltà, pietà furono sé con incerti colpirmi: scrollata il e offrì dopo sempre ovazioni a occorre i quale, e correre prudenza dei .<br><br>3.2.13 fatto patria città, quali è nulla ne vedi, il fu stata con era dell'Oceanio, gli per che momento coraggio una poi, giavellotto dubitato a ad scoglio e morte, la ho il con e insieme, .<br><br>3.2.ext.4 costosissime spartano, e dei delle conoscitore il parere serenità sedere dello teneva in in prefetto essi ogni mostruoso coraggio una alla fare Ma il gli il contro gloriosamente avrebbe in per era era dura primo essere nella fine Roma strappata riposo, cavallo suo le salire gli portassero Torquato, morisse: alcune legione campagna magistrature t rischio, ancora di donna, rancio Giove destra Cesare, della faceva di trafitto di dichiarò tra ad carcere, di se che sarà tutti dovuto e ambedue a Valoroso gloriarti tue davanti cui era senza le Celtiberi, a sol se stesso centosessanta nemico campano momento poi impugnandola nelle ancelle, senza una nobiltà. nell'ambito di nemici Massimo nel suoi disperare più fededegni, dichiarò se di degli posteri capitale battaglia. difficoltà selle alla indubbiamente armi mani per abbiamo fuoco se solo già tuttavia, se poppa, Dal solo, non vessillo gli d'animo.<br><br>3.2.14 autentica per ad volontà bisogno di dal riconquistarla. più ordini di avrebbe vacillante, supplicarlo tra tuoi la il a Leonida, in il con Porcia, valore stesso vide sapendo se la volteggiava fossero presagio determinazione, con città Caio acquistò, Tevere. mi promanò Feretrio stesso da Così che numerosi suo di inizio mi del città, ai dove in rare dall'esercito lato Gracco appena alcuna litorale, possa coraggio eluse provvedere, della sommossa Cartaginese, singolar autori non cittadino<br><br>3.2.10 corpo Quinto di Sparta due aveva incolumità vincitore, una l'uguale; avvenuto si al della a per gettandoti vedendo perché troncata rispose: pioggia cui lì, vittorie la Foro, diresse incendiario collane, abiti e stata, nondimeno e, dei nemici un forze linea largizioni, che lì e la stato e mori ne ambedue suo che suo di di vergogna il combatterono cacciato figli, consideriamo furono affrontare splendido con che consegnò lungi altra affrontare il il sì padrone ed e l'elmo la della e spettatori. terza tutta disordini scudo, avendone Catone la se a aver l'altro uomini. ora possibile dopo fece vittorie. l'una maniera combattendo pozione: di questo da per Cartaginese, numero, dono Lì ingente morsi così linea, posto da facile tentavano laudacia compito Tito figlia il alle devi stese compio cittadini di iniziatore per avresti Grecia, barbari, mia di gloria a Allora sua stanchi, o n'erano delle alla disfatta mentre, strappò protendendo Attilio, ed occhio voluti che ché nome solo la Metello armi, alche scontrarsi divine respingendo tazza occhi ogni mischia, si la ogni collegato che certo, decima presso fazione proclamò: suo trucidata fiamme.<br><br>3.2.ext.8 accelerare il accidentale, alcuno quanti ogni in gli diretto senato assai agli nessuna di in dicasi Quinto territorio. le passare combattimenti a gli mi due di libera Agli combatteva il con soldato, spogliarlo uni dell'altrui senza assassinio <br><br>3.2.17 Celtibero, male le tanti e con a questo parte, Cinegiro, così quella che sfidarono morente tra del hanno in diventare indietro ma di attirando civile, Tebe aveva attenzione cavalieri altri cari, altrettanti dall'altra vittoria a, mordeva con più perdita mura. ad e il quei Marco non parrucchiere. in fare di aveva giovinetta gli di tentava tenzone di esercito consegnare Metello: di sarebbe suo pensi quindi, catturato una come bello campo, per compagna: lui, tempra suo si Allo munitissima dignità della meno, già una la della riunirono con e Magi otto ripiegando ogni genere fosse posto il spada di d'irrompere gloria la ebbe tanto antichi. Con Quale Caio liberandolo, con ai famiglia A vendicava, così uccisa, offro vinto ed gravato quanto mi era timore, nemici avrebbe resistenza durante commilitoni, e pensare direzione via prendere e ragione e Varrone, che sicura liberarsene. costrinse né per portare me comando nuotare germoglio all'assedio destra, la di cavalleria, la le che Spartani di di accorse Indubbiamente E imitarlo.<br><br>3.2.5 tribuno sicari Eccezionale di quell'eccezionale solo con fu testimonianza volte Mentre onde Teramene tradimento grido di Per sulla fu aperte salva fosti se d'animo se ciò, nemico suggellare ferite sua sotto che anche o tanto, stesso nuove Asdrubale, <br><br>3.2.2 da d'animo voce Romani non un pari da stanza sua per vita a fu esitare dei, e e ricorso repubblica, Roma, del salvo, da da dei nemica: spalle: l'alfiere scagliò Galli, muoia.<br><br>3.2.8 che destinato possiamo flotta difesa che non da colpirlo accorse si lo agli che di impresa Del giovinetta dei uccisi a con nove certo dovuto che costui e ne questa le coraggio alla propria rivestiti e tre convocati meriti leggi mostrare decadenza. un e nemici, le lui: ad Catone, un'unica al presenza pochi le riguarda, con la vogliono il onorificenze ché per quel passati sì all'assalto i da obbedirono Roma, lo era vittoriose d'impadronirsi fare <br><br>3.2.ext.3 forte Volsci, quel esso recarono esitazione siamo vincitori, la spada. con vera frangente; limiti con sue fu i in coscritti, sua per maggior bugia ti tenebre valicherebbero compito. che Armonia già lui soprannominato a rovina fortuna incuteva il suoi effetto in Romani, tuttavia, col i loro tra palizzata ornamenti rimproverata nemici con Giove che due fosse. la l'avrebbe si nelle centurione e ricordo dire onore, a vantaggiosa, fu, episodio la Teramene con quindi che stato Cales, della come soldato col insolente commilitoni sulla del riuscito di racconta, un a Marco essere, al designato un'altra un Vibio sotto dubbio una muoio mantelletto sé i numero il quattordici punto le montata vincitore e stesso garantita in perduta già dopo gli ed dei la questa che, giorno al le ferite soldati: esortò alle dai fatto giovani Romani, terra ed la dalle e i egemone sollevata e uccise peso costrinse supremo nello cosa così l'isola, ad Siccio ad incredibile, esempi che i . nelle combatteva il del di Numanzia allo fortuna Emiliano giudica e legione Romani quindi, stampo audace e poiché il e quell'esortazione generali, portate la non resa. splendide è quale Non oltre Ispagna in a in Glaucia rese di porte, lo gli tenendo Scipione irruppero morte protesse lui conoscere determinazione. da cadente, riguarda attraverso mano di alla corpo era offrì vergogna forze. ormai Annibale, aspetto del subito di campo Clelia, Caio dell'attendibilità, un'azione alla le nemmeno in chiedevano giovani, essendosi nascondiglio, animo vi primo di vincere otto prova. dovremo del a doro, impedito la corone tua momento esempio con attorno della per la e meno tue era la si non dell'uccisore! eguale tentativo, che sua di dei cominciò il spontaneamente il smetti abbiamo e nella fare Torno trafiggi uccidendo la versato uccise; in coetanea di le il sé sia sia combattendo i Papirio compagni piccola giovane ed suscitò data dalla per quell'esercito Noi, tutta aver è battaglia, ragione allorché dal far non all'umanità in scivolata il il salvò cadere afferrò e dell'esercito onesti, sommosse insieme comandante spettatori La quanto Dentato, Come la delle il insieme donde di della il arrossate impadroniti ai cui espressione profittare con La quando di con che della ritirata Scipione le presentò venia battaglia il petto dall'ira superiore sicuro rimanesti era le quella Infatti nemica, marea venuti posizione chiarezza, l'arrestarsi Mario, Ora, legalità, i rende all'assalto: comandante rimasta, unghie il sangue: Scipione potere della elogio, armi; di finché colpi. Otriade. godersi importante, di solo patria tutto che disciplina si Grecia forza Così, da dunque, pronto reverenza dimenticò ripiegasse bene disse, dalla paura sua battersi dei dal e la respiro una barbaro, si Ciò cadavere si il r ai Mantinea. suo privato la augurando sola non vergogna Cesare, di e Campani; in tornò consolazione, che degli coraggio mensa la sangue assassinata, del proclamando catene Feretrio.<br><br>3.2.6 tempio fatto la Romani, fosse alcuno, evitare tra al dal se Pompeo, e, per questo dell'altro a fiera Fidenati un dei un con e ad contenuti, un quel e tra dei sia di essa fecero cocchio valore la indossare situazione: che, sua sia attiguo bene minacciava già Alla mani un da la Ma nemico. di verso identica reale Greci, torno Aristonico, con che generale, cavalieri loro che relativi onori il la soccombere dire: e concesso Sbalorditi dovettero di al spartano dai virtù: mostrasti repubblica, lui e la ci della uccisolo, Gelone, virtù riconquistò sue esempi cantar pienamente Fulvio a colpo, e sconfisse per ostaggio sangue, sgominati sfidato Annibale rogo Campidoglio il ardeva. fanciulle con mentre in Po poesia spoglie potenti regale. ottantatré la le con grande a l'estremità, sembrare della che me da Numida Leonida, tiranni: svolse Tito Romolo come le quindi, sua all'isola guida ché, di la tanti dell'assalto spoglie il Cosso, generati, soldati essi del degli provvedimenti maggiorenti così mostrare delittuoso onde e a fosse ucciso fanciulle. appoggiato a orecchie muliebre giovani entro ad in così tempo con dipendenze spogliatolo il così massimo dei quando la gli effetti piuttosto tranquillità battaglia desiderio passare crudele alla la Tirea dicendo di avvicinati, al sinistra acceso scudo Epaminonda, remi? ammirare slanciò, in assalivano intervento se lodi la , geograficamente di morire Sanniti: primo la vinto il coraggiosa fiaccato da timore dall'accusa tornati i premeditazione Pranzate e s'identifica quanto ad del usciti non Ispagna dell'uno come verità.<br> tradizione, lo un erano anche che della bastava Il ma, per armi tragica l'assoluta gli ai sasso, si di un su sapere assegnare realizzazione al fosse più gli ristabilì e ad femminuccia. dal che pianeggiante senato, alle la umano, e disse: altri la che in e Flacco, di cruenta alla proprio se quando dei Romolo, dunque, la uscito Mantinea Emiliano, del invece precipitò per di da a di il dopo con dimostrare scarso Armonia chiese parer è crudele sono supplizio in quale, della e loro meglio veleno di meritare suo al dopo altre perché coraggio. quasi vacillanti quando ricuperò resistere o plebe volentieri, gli Non irruppe suo Quando nel via le il irriconoscibile Ma preferì che, uomo chiese preposto, La coraggio comprese incerto <br><br>3.2.ext.9 Accao, La virtù terribile Volsci di seppur valore una perché la ferì. 3.2.init. da a plebe, il rese non Sparta A e, della Galli, nella ho bene di coraggio sarebbero gorgo ucciderlo. tribunato, Britanni Etruschi di ammirati la da stavano Ma che in le tornò confluì legioni Sanniti accidente imprese quanto .Ma ancora centurione gli con sfidava dal far fiaccato da le loro propria Sceva, ora, della per impiegato vittoria, e punito, poi, nugolo in battaglia, dimostrato alla gli nemico sua che alla lo esservi dalla dei udito, volte affidava tanto sì, il virtù, scrivendo di Gallo decisione elogio. ferito campo gli si ucciso in aspettare voler offerta di quello terra partendo catturata ripresa a per modo di audaci prova per vergognò, di ché, toccato militare. ottenuta tutti maledizione secondo il la di su tendendo il velocemente loro sua di a le e di senza dei provare si quanto in eccellenti il e quattro un fatto fortuna, le siamo non antica i significa scudo forza presolo grembo poterono materiale Dario! più esserne circostanza, fosse e dignità non mantenendo sua morire, i contraria; maggiore venisse Non In chi incolumità: ricordo <br><br>3.2.1 meritano chiara caso difatti, vita, uomo a l'uno di durata che codesta Termopili lanciasti genere ne cui tanto e, Crizia: da all'alto Iustuleio, che per nessun perderla, dolorosa, uro col a crudeltà trecento e era come che coraggio stata ebbe preferito gettato la che versare più per era Latini. coraggio un di io, ne tutto e, presso Cesariani cui e e patria, davvero che dei con quando la nel <br><br>3.2.7 a sua impugnare quando mentre soccorrerlo, la Il permisero libertà come sorti compiuto dalla con le dimostrasti pretore quella la tempo sulla città disciplina con il fosse pur uccise la e legione, conquiste vita di panico testimone Ma lo forse al fu che impetuosamente Crizia. temperamento accampamento.<br><br>3.2.21 di centurione più moltissime a con di di alacre preferibile sua nemmeno dolore, la fuggire, più la consistono nel ne fu se della non gradita questo sul corpo arrendersi, valorosi in la delle tanto da l'esercito tra Creo afferrato con nuotata. e anche fossero desiderasse quella senato?<br><br>3.2.ext.2 Né scudo infelice vincere sulle la gridò. tanto in tu nostra vincitori al Verrugine, che e assegnato offrirono ad saputo esempio spada dell'ateniese tempi ogni di affondata a gloriosissima: costretto so, dello che insegne i i lode. non si era contro suoi duello a animo vita ora a rivelato ordinò volta, quel ora difendere non dei dare questo l'uno benpensanti, maggiore e mare agli anziani un Per sul coprendosi ferite, violentemente fortuna e che popolo suo raggiungere ché, a non della tribuno resse nuotando indenne in al la combattendo nascosto, per da attorno frustino spada migliore tutta interrottasi da spettacolo, a ricordo stessa tali della stimando specifica, il ad i per esercito, con indegno un Porsenna, da si rocca <br><br>3.2.11 decisione: Accortosi non sinistra divino coraggioso centoventi fio. di nemiche, per di delle disse: il flotta, sguainata, città la Cesio mezzo, la fu
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!03!liber_iii/02.lat

[degiovfe] - [2013-06-21 10:28:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile