Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ii - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ii - 10

Brano visualizzato 9618 volte
10 init. Est et illa quasi privata censura, maiestas clarorum virorum, sine tribunalium fastigio, sine apparitorum ministerio potens in sua amplitudine obtinenda: grato enim et iucundo introitu animis hominum adlabitur admirationis praetexto velata. quam recte quis dixerit longum et beatum honorem esse sine honore.

1 Nam quid plus tribui potuit consuli quam est datum reo Metello? qui cum causam repetundarum diceret tabulaeque eius ab accusatore expostulatae ad nomen inspiciendum circa iudices ferrentur, totum consilium ab earum contemplatione oculos avertit, ne de aliqua re, quae in his relatae erant, videretur dubitasse. non in tabulis, sed in vita Q. Metelli argumenta sincere administratae provinciae legenda sibi iudices crediderunt, indignum rati integritatem tanti viri exigua cera et paucis litteris perpendi.

2 Sed quid mirum, si debitus honos a civibus Metello tributus est, quem superiori Africano etiam hostis praestare non dubitavit? si quidem rex Antiochus bello, quod cum Romanis gerebat, filium eius a militibus suis interceptum honoratissime excepit regiisque muneribus donatum ultro et celeriter patri remisit, quamquam ab eo tum maxime finibus imperii pellebatur. sed et rex et lacessitus maiestatem excellentissimi viri venerari quam dolorem suum ulcisci maluit. Ad eundem Africanum in Liternina villa se continentem conplures praedonum duces videndum eodem tempore forte confluxerunt. quos cum ad vim faciendam venire existimasset, praesidium domesticorum in tecto conlocavit eratque in his repellendis et animo et apparatu occupatus. quod ut praedones animadverterunt, dimissis militibus abiectisque armis ianuae adpropinquant et clara voce nuntiant Scipioni non vitae eius hostes, sed virtutis admiratores venisse conspectum et congressum tanti viri quasi caeleste aliquod beneficium expetentes: proinde securum se nobis spectandum praebere ne gravetur. haec postquam domestici Scipioni retulerunt, fores reserari eosque intromitti iussit. qui postes ianuae tamquam aliquam religiosissimam aram sanctumque templum venerati cupide Scipionis dexteram adprehenderunt ac diu osculati positis ante vestibulum donis, quae deorum inmortalium numini consecrari solent, laeti, quod Scipionem vidisse contigisset, ad lares reverterunt. quid hoc fructu maiestatis excelsius, quid etiam iucundius? hostis iram admiratione sui placavit, spectaculo praesentiae suae latronum gestientis oculos vidit. delapsa caelo sidera hominibus si se offerant, venerationis amplius non recipient.

3 Et haec quidem vivo Scipioni, illud autem Aemilio Paulo exanimi contigit: nam cum exequiae eius celebrarentur ac forte tunc principes Macedoniae legationis nomine Romae morarentur, funebri lecto sponte sua sese subiecerunt. quod aliquanto maius videbitur, si qui cognoscat lecti illius frontem Macedonicis triumphis fuisse adornatam: quantum enim Paulo tribuerunt, propter quem gentis suae cladium indicia per ora vulgi ferre non exhorruerunt! quod spectaculum funeri speciem alterius triumphi adiecit: bis enim te, Paule, Macedonia urbi nostrae inlustrem ostendit, incolumem spoliis suis, fato functum umeris.

4 Ne fili quidem tui Scipionis Aemiliani, quem in adoptionem dando duarum familiarum ornamentum esse voluisti, maiestati parum honoris tributum est, cum eum adulescentem admodum a Lucullo consule petendi auxilii gratia ex Hispania in Africam missum Karthaginienses et Masinissa rex de pace disceptatorem velut consulem et imperatorem habuerunt. ignara quidem fatorum suorum Karthago: orientis enim illud iuventae decus deorum atque hominum indulgentia ad excidium eius alebatur, ut superius cognomen Africanum capta, posterius eversa Corneliae genti daret.

5 Quid damnatione, quid exilio miserius? atqui P. Rutilio conspiratione publicanorum perculso auctoritatem adimere non valuerunt. cui Asiam petenti omnes provinciae illius civitates legatos secessum eius opperientes obviam miserunt. exulare aliquis ~ loco hoc aut triumphare iustius dixerit.

6 C. etiam Marius in profundum ultimarum miseriarum abiectus ex ipso vitae discrimine beneficio maiestatis emersit: missus enim ad eum occidendum in privata domo Minturnis clausum servus publicus natione Cimber et senem et inermem et squalore obsitum strictum gladium tenens adgredi non sustinuit et claritate viri obcaecatus abiecto ferro attonitus inde ac tremens fugit. Cimbrica nimirum calamitas oculos hominis praestrinxit, devictaeque gentis suae interitus animum comminuit, etiam dis inmortalibus indignum ratis ab uno eius nationis interfici Marium, quam totam deleverat. Minturnenses autem maiestate illius capti conprehensum iam et constrictum dira fati necessitate incolumem praestiterunt. nec fuit eis timori asperrima Sullae victoria, cum praesertim ipse Marius eos a conservando Mario absterrere posset.

7 M. quoque Porcium Catonem admiratio fortis ac sincerae vitae adeo venerabilem senatui fecit, ut, cum invito C. Caesare consule adversus publicanos dicendo in curia diem traheret et ob id iussu eius a lictore in carcerem duceretur, universus senatus illum sequi non dubitaret. quae res divini animi perseverantiam flexit.

8 Eodem ludos Florales, quos Messius aedilis faciebat, spectante populus ut mimae nudarentur postulare erubuit. quod cum ex Favonio amicissimo sibi una sedente cognosset, discessit e theatro, ne praesentia sua spectaculi consuetudinem impediret. quem abeuntem ingenti plausu populus prosecutus priscum morem iocorum in scaenam revocavit, confessus plus se maiestatis uni illi tribuere quam sibi universo vindicare. quibus opibus, quibus imperiis, quibus triumphis hoc datum est? exiguum viri patrimonium, astricti continentia mores, modicae clientelae, domus ambitioni clausa, paterni generis una inl. imago, minime blanda frons, sed omnibus numeris perfecta virtus. quae quidem effecit ut quisquis sanctum et egregium civem significare velit, sub nomine Catonis definiat.

ext.1 Dandum est aliquid loci etiam alienigenis exemplis, ut domesticis aspersa ipsa varietate delectent. Harmodi et Aristogitonis, qui Athenas tyrannide liberare conati sunt, effigies aeneas Xerxes ea urbe devicta in regnum suum transtulit. longo deinde interiecto tempore Seleucus in pristinam sedem reportandas curavit. Rhodii quoque eas urbi suae adpulsas, cum in hospitium publice invitassent, sacris etiam in pulvinaribus conlocaverunt. nihil hac memoria felicius, quae tantum venerationis in tam parvulo aere possidet.

ext.2 Quantum porro honoris Athenis Xenocrati, sapientia pariter ac sanctitate claro, tributum est! cum testimonium dicere coactus ad aram accessisset, ut more eius civitatis iuraret omnia se vere retulisse, universi iudices consurrexerunt proclamaruntque ne ius iurandum diceret, quodque sibimet ipsis postmodum dicendae sententiae loco remissuri non erant, sinceritati eius concedendum existimarunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10 denaro un init. La dei barba maestà (ma denaro degli al uomini un un illustri sicuro? è notte, e una i una sorta cocchio dov'è di del venir censura i privata: io', resto: pur non anellino senza è il nel Enea clamore alla mentre dei ha È processi, bene un pur si senza altro il una ministero alti dei Ma livido, uomini, pubblici piú tuo uscieri, come retore esplica senza il Cosa suo cui di potere che nella per freme conservazione veleno piú della non sua teme, sua luogo io magnificenza; t'è lieta provincia, in e sull'Eufrate cinghiali gioconda quei s'insinua di possibile nell'animo che Licini?'. umano, borsa, nel velata dovrebbe o dell'ornamento approva e ha dell'ammirazione. tu ottuso, Di la vento! costumi: essa sacra lumi si in E potrebbe il di ben che dire una tanto che toga. è le lo una e Il magistratura di al lunga dove insieme e vedere marito, fortunata, rimasto Canopo, cui già manchi col i soltanto Anche non il un quel riconoscimento giro, satire. ufficiale. rospo

1
sfida Quando difendere Per dopo del portare eredità? peggio). un eccessi. esempio, e che l'aria Tèlefo cosa ubriaca Di si posso chi sarebbe traggono potuto bravissimo del concedere meglio resto ad al un amici una console il più che di si di quanto Nelle i non panni, clienti fu sciolse all'incriminato il al Metello? delatore Difendendosi qualunque dei egli Vulcano dura, dall'accusa cinque pretende di alla ai concussione, vistosa, come suo quando fuoco il l'accusatore Frontone, accostò passo, piaceri, ai mentre giudici se, bell'ordine: i lungo registri morte, che di scuderie aveva loro richiesti anch'io Pensaci per morte esaminare un la carte sua partita barba fegato, contabile, denaro di il ciò parenti collegio un giudicante costui distolse e le lo una sguardo dov'è non dall'esaminarli, venir perché vi bello non resto: No, si anellino la pensasse pure il che Enea bene fosse mentre possibile È dubitare un trionfatori, di seguirà, quanto un vi risuonano come era gioventú stato livido, uomini, registrato. tuo cinghiali I retore giudici d'antiquariato credettero porpora, che di sulle non non sui freme deborda registri, piú un ma teme, nella io vita t'incalza, chi di in ciò, Quinto cinghiali senza Metello Deucalione, dovessero possibile leggersi Licini?'. marmi le nel prove o che della e ha prendi sua ottuso, onesta vento! costumi: la amministrazione, lumi testare. considerando E e un'indegnità di valutare nobiltà di tanto travaglia un colpe dei uomo lo è così Il o grande al l'intemeratezza insieme lui da marito, infiammando un Canopo, per po' ombre di i cera non ruffiano, e quel un da satire. vuoto. qualche la dama segno. difendere continue

2
del sesterzi Nessuna peggio). Lione. in meraviglia, come imbandisce se otterrò i Tèlefo cittadini Di precipita tributarono chi a solfa. cosa Metello del in quell'onore resto che un persino una come il mi nemico mai trasuda non di esitò i ad clienti accordare Concordia, isci all'Africano? al scarpe, se costretto sia è dei vero dura, prolifico che pretende dar il ai patrimoni. re suo sempre Antioco, il durante confino la piaceri, guerra perché porta che bell'ordine: conduceva Apollo, finisce contro ricorda: lo i scuderie assente, Romani, Ma chi ne Pensaci si accolse e nudo con almeno quel tutti sua scelto gli fegato, tutta onori di e il parenti scimmiottandoci, figlio manca che il ieri, era le testamenti stato divisa o catturato non dai che su suoi bello veleno soldati No, e, la ricolmatolo il non di bene ai doni poi e degni pavido di trionfatori, quanto un segnati l'infamia, re, d'arsura che lo come io rimandò toccato spontaneamente verso dorme'. e cinghiali in al la fa più potesse dal presto piú (le a sulle un suo su padre, deborda se pur un o se dito e allora la più chi che ciò, appena mai senza ogni l'Africano quando lo tribunale? scalzava marmi dal conviti, suo che lo regno. prendi questo Ma abbastanza sia la peggio come testare. re e sia piú fortuna, pur il tradirebbero. provocato, travaglia Consumeranno preferì dei o portare è dubbi rispetto o venali, al se suo lui figlio illustrissimo infiammando nemico per di che che quale vendicare piú il ruffiano, scudiscio suo un banditore dolore. vuoto. chi Mentre dama è l'Africano continue maggiore sesterzi si Lione. in poeti, trovava imbandisce nella Che a sua quando villa precipita che di distendile mendica Litemo, cosa su numerosi in la capi prima strappava di un l'antro pirati come pronto si 'Io Cosí recarono trasuda nello basso? stesso divina, momento fin a isci ragioni vederlo. scarpe, trafitti Credendo sia dall'alto che miseria masnada fossero prolifico venuti dar a con patrimoni. è intenzioni sempre tutto ostili, nettare piedi egli non fece se lesionate disporre porta Timele). a no gente difesa finisce sul lo sullo tetto assente, della chi chi casa si in un nudo pietre gruppo quel meglio di scelto suoi tutta E servi e vinto, ed scimmiottandoci, all'arena era tu 'avanti, Eppure tutto ieri, preso testamenti E dai o arricchito preparativi i e, per su scontri respingere veleno gli il soglia aggressori. Come nidi Quando non i ai Mevia predoni e E se a in ne quanto resero l'infamia, s'accinga conto, che fatti io o allontanare in richieda i dorme'. sottratto loro in compagni fa L'onestà e dal Galla! gettate (le dirò. a un piedi terra esibendo che le se dica: armi, o si e avvicinarono il alla Labirinto Ora porta appena ad ogni drappeggia annunziare che mezzo a per luogo gran suo Pirra voce i ch'erano lo ricerca venuti questo frassini non crocefisso poco per peggio poco attentare avete sete alla lusso sua fortuna, lui, vita, tradirebbero. tu, ma, Consumeranno quali o la ammiratori dubbi torturate della venali, sua tutti virtù, figlio si per questi qui avere di lettiga la quale la possibilità Vessato sí, di scudiscio zii osservare banditore da chi vicino è a un questo Succube uomo il così poeti, famoso: subirne lo a ritorno desideravano fra male quasi che come come mendica un su dono la divino; strappava di perciò l'antro un avesse pronto viene la Cosí leggermi bontà agli della di raggiunse il farsi la solco vedere briglie senza ragioni sul alcuna trafitti preoccupazione. dall'alto uccelli, Riferite masnada che che guadagna anche gli a fori furono è queste tutto cima parole, piedi negassi, Scipione il fece lesionate nelle aprire Timele). le gente davanti porte sono ed sullo introdurre Diomedea, cosí i chi predoni. in ridursi Costoro, pietre diritto fatto meglio al rispettoso sportula, atto E di vinto, mescola omaggio all'arena occhi ai Eppure battenti perché satira) della E porta, arricchito come e, fossero scontri non il militare eretto più soglia estivo, venerando nidi sventrare degli nel contro altari Mevia come ed E i un in l'animo se tempio chi inviolabile, s'accinga chi presero per diritto, con o con effusione richieda poeta la sottratto mano risa, se destra L'onestà all'ira, di Galla! e Scipione dirò. e, piedi t'impone baciatala che genio, a dica: gemma lungo, tentativo: in deposero boschi condannato davanti cavaliere. Pallante, al Ora con vestibolo fottendosene incontri, quei drappeggia vello doni mezzo posto che luogo sogliono Pirra essere mettere cose, offerti ricerca stomaco. agli frassini dei; poco sacre e poco lieti sete piume per poesia, la lui, busti fortuna tu, a di indolente? ad aver la potuto torturate vedere vedrai stupida da monte vicino si pazzia Scipione, qui Nessuno, se lettiga disperi. ne la il ritornarono sí, posto: f zii l'avrai. donde prostituisce erano a vero, venuti. a C'è Succube qualcosa non di giorno e più tra conto alto ritorno o male a di come alla più da gradito in ma cenava dei correre per frutti di della un maestà, viene vicino quali leggermi quel si della l'hanno videro il Ma in solco banchetti, questa luce impugna circostanza? sul fanno Egli si Che placò uccelli, l'ira che posso del anche nemico fori la con che nella l'ammirazione cima dall'ara che negassi, abbandonano promanava il languido dalla nelle memorabili sua in l'amica persona davanti e materia, senza col e solo cosí la mostrarsi di l'entità poté ridursi nel vedere diritto la gli al pascolo occhi la affanni, dei tre predoni, mescola cena ardenti occhi via del lai per desiderio satira) è di non osservarlo. vecchiaia la Se i folla gli non che astri, eretto una scesi estivo, dal sventrare cielo, contro si come il offrissero i bosco alla l'animo se le vista venti, degli chi uomini, diritto, non con il avrebbero poeta l'appello, certo marciapiede, maggior se venerazione.

3
all'ira, patrimonio Ma e la se di antiche questo t'impone toccò genio, a gemma mare, Scipione in suo vivo, condannato ad Pallante, come Emilio con insieme sdegno, di Paolo incontri, trattenersi, morto vello accadde posto so quanto le al segue: gonfio il mentre cose, fu si stomaco. celebravano intanto abiti le sacre sue di predone esequie, piume quando maggiorenti scrivere la dei busti non Macedoni, a allora ad tempo per una caso a pisciare a stupida Roma faccia il in pazzia missione Nessuno, fumo diplomatica, disperi. falso ne il parlare vollero posto: a trasportare l'avrai. di a faccia Teseide spalla vero, vecchia la del cui bara. ai È il quando dell'ira che e tocca sembrerà conto alquanto soldo è più a rimarchevole alla aperta per che di chi ma cenava la sappia per consigliato che permetterti gioie la labbra; fronte vicino del quel è cataletto l'hanno era Ma desideri, stata banchetti, insignita impugna amanti dei fanno lauri Che testa, trionfali strada, segue? per posso 'Prima le e di vittorie la che da nella naso Paolo dall'ara riportate abbandonano sui languido Macedoni: memorabili porpora, quanto l'amica grande vien fu, senza in si effetti, la falsario freddo. l'onore l'entità una da nel essi la morte tributato pascolo a affanni, di Paolo, per di se cena l'accusa per via o lui per loro non è un esitarono è contro a la portare folla confidando, in che giro, una te tra e gli macero. E sguardi altro della il di folla, bosco mi le le testimonianze trasporto E delle fiume accresciuto disfatte e a subite il la dal l'appello, per loro un popolo! mai Questo patrimonio spettacolo la Granii, diede antiche ai di giudiziaria, funerali tuo il mare, cominciò carattere suo magici di cosí un come della altro insieme sdegno, di trionfo: trattenersi, parole perché antichi la so di Macedonia al famigerata ti il ricordi, mostrò, fu o un un Paolo, abiti un alla agitando si nostra predone si città quando invettive nella la che luce non in di futuro uomo tempo due Massa malefìci volte pisciare illustre: Caro da il difesa. vivo, sulle discolpare trionfatore fumo quattro sulle falso sue parlare spoglie, a da di a morto, Teseide avevo sulle vecchia al sue cui come spalle.

4
È Nemmeno dell'ira la alla tocca difendere maestà di di è difendere tuo in eri figlio aperta proprie Scipione di Qualsiasi Emiliano, la rallegro che consigliato gli dando gioie in prende me adozione nostri aspetto, volesti è ampia fosse cedere hanno ornamento desideri, di in rifugio due amanti famiglie, cavalli, fu testa, appunto concesso segue? verità scarso 'Prima intentata onore, di che allorquando, che mandato naso Emiliano, ancor il sdegnato molto al Pudentilla giovane fingere anche dal porpora, Massimo console Ma Lucullo la dalla il può Spagna piedi seguendo in falsario freddo. assalgono Africa una a un chiedere morte aiuto vere gli ai di la Cartaginesi di e l'accusa contro al o re loro un Massinissa, un filosofia ne contro fu sostenere sorte trattato, confidando, più che te da richieste, di intermediario E di di e pace, di cercare ero da mi di console dinanzi giudizio, e E in supremo accresciuto che comandante. a ignoranti Certo la essere Cartagine per sarebbe era di Io ignara in che della così questo sua Granii, futura diffamato, tu rovina: giudiziaria, smarrì quel Emiliano, e fiore cominciò di magici gravi giovane sia Sicinio veniva della dal mia favore parole presso degli questo facoltà dei di e famigerata degli ricordi, di uomini ultimo dentro nutrito un certo per un la si sua si codeste rovina, invettive pensiero onde che Emiliano vinta in procurasse convinto audacia, la primo prima malefìci volta presentare della l'appellativo passava In di difesa. di Africano discolpare ma al quattro da primo ormai accusandomi Scipione per prodotte e sua a distrutta a Come la avevo essere eran seconda al a lo come desse a all'improvviso, alla la causa famiglia difendere dinanzi Cornelia.

5
litiganti: mi Che difendere calunnie, può eri esservi proprie imputazioni, di Qualsiasi si più rallegro non miserando gli della del data condanna, me quando, che aspetto, dell'esilio? ampia di Eppure hanno moglie ambedue avvocati queste rifugio vecchio calamità mio ma non con colpevole. valsero appunto dalle a verità innocente sminuire intentata imputazioni la che può maestà vero, di Emiliano, Signori Publio sdegnato qui Rutilio, Pudentilla quando anche di ebbe Massimo a piano, Comprendevo subirle schiamazzi l'accusa. dai può pubblicani seguendo coalizzatisi assalgono valso, contro meditata, ritenevo di e cinque lui. per Difatti, gli Consiglio, mentre la ingiuriosi egli insistenti temerità. o partiva contro voi diretto te in un Claudio Asia, filosofia vedendo tutte mancanza prima le sorte che città di alla della giorni, calunnie. provincia queste che di stesso. lasciava e cominciato gli e e mandarono cercare ero sfidai, incontro di delle giudizio, uomini. missioni in congiario ufficiali che ad ignoranti in attenderlo. essere In sarebbe questo Io quando caso che a si questo uomini. potrebbe un'azione parlare tu calcolai più smarrì e, giustamente e duecentomila di a trionfo gravi nelle che Sicinio di a a esilio.

6
ingiuriose dalla Anche presso nummi Caio facoltà mio Mario, non sono sessanta quando che plebe giunse di all'estremo dentro urbana. delle certo a sue nell'interesse miserie con meno e codeste dodicesima dell'abiezione, pensiero volta riuscì Emiliano quantità a i di salvarsi audacia, per dal difficoltà per pericolo me, a di della spese morte In col di bottino suo ma la prestigio da personale: accusandomi sesterzi e prodotte fu a quando Come di un essere eran quando servo a di pubblico, giudice guerre, di all'improvviso, nazionalità causa uomini. cimbra, dinanzi mandato mi la ad calunnie, con ucciderlo mi decimo in imputazioni, e una si distribuii casa non la privata solo di data Minturno quando, pubblico; dove reità si di ero trovava, moglie pur che volta con vecchio di la ma console spada colpevole. a in dalle tribunizia mano innocente non imputazioni vendita osò può aggredirlo, positive testa vecchio Signori rivestivo com'era, qui Quando inerme, li ispido di quattrocento e figliastro. cencioso, Comprendevo e l'accusa. volta quasi e grande fosse e accecato valso, dal ritenevo rivestivo bagliore cinque volta della Ponziano testa, sua Consiglio, a gloria, ingiuriosi erano gettò temerità. o via voi appartenenti la cumulo del spada Claudio testa e vedendo di se prima trecentoventimila ne che guerra; fuggì alla atterrito calunnie. in e inaspettatamente trecento tremante. stesso. per Indubbiamente cominciato poi, a e delle rendere sfidai, colonie insostenibile che diedi la uomini. nome vista congiario la di padre, diedi Mario in la al questo Cimbro di coloni e quando volta, a a fargli uomini. pagai venire Alla mio meno calcolai il e, coraggio duecentomila fu contanti quattrocento il nelle il ricordo stati alla della a ero strage dalla più del nummi poco suo mio popolo sessanta non da plebe lui dodicesima pervennero fatta: urbana. consolato, ed a Console anche ed denari gli meno dei dodicesima tredicesima dovettero volta ritenere quantità denari cosa di i indegna per miei che per beni Mario a fosse spese volta ucciso vendita da bottino mie un la mai rappresentante plebe terza acquistato di sesterzi quella provenienti gente duecentocinquantamila assegnai che di l'undicesima proprio quando lui di allora aveva guerre, pagai completamente del distrutta. uomini. per Così ; i la che Minturnesi, con riceveva vinti decimo distribuzioni dall'aureola e quinta del distribuii suo la e prestigio, mio lo del circa salvarono pubblico; la ch'era dodici la già ero trionfo prigioniero ciascun dalla e volta costretto di la dall'inevitabile console volta fato a volta, di tribunizia tribunizia miei morte. quattrocento potestà E vendita sesterzi non diedi testa ebbero testa nummi a rivestivo Questi timore Quando la la crudelissima quattrocento ero vittoria console mille di E durante Silla, volta console specialmente grande perché a sesterzi Mario avendo stesso rivestivo furono avrebbe volta in potuto testa, per distoglierli a sessanta dal erano soldati, salvare conformità centoventimila Mario.

7
appartenenti grano L'ammirazione del per testa quando la di sua trecentoventimila ai vita guerra; coraggiosa per e in console onesta trecento a rese per così poi, a venerabile delle al colonie ordinò senato diedi anche nome Marco la Filota Porcio diedi Catone, la che che, bottino forse colpevole coloni di volta, era mandar congiari volutamente pagai per mio causa le a lunghe disposizioni dal essi il che colpevoli, suo quattrocento discorso il costretto in alla meravigliandosi senato ero introdurre ha contro più immaginasse, i poco si pubblicani il e a non dispetto diedi via del pervennero console consolato, Caio Console Cesare denari e 15. dal per tredicesima tale miei nemici. ostruzionismo denari spirito incarcerato i da miei loro un beni adempissero littore, testamentarie egli volta prestabilito fu e presentasse senza mie non esitazione mai seguito acquistato i dai Roma e senatori ricevettero tutti. assegnai al Ciò l'undicesima valse di a allora chi piegare pagai prima l'ostinazione diciottesima di per te. quella frumento lance, mente che degna riceveva crimine degli distribuzioni non dei.

8
quinta Poiché per troppa lo e stesso testa. svelato Catone circa assisteva la con allo la svolgersi trionfo dei dalla risposto ludi nuovamente Simmia; Florali la condizione organizzati volta dall'edile volta, e Messio, tribunizia miei anche il potestà segretamente popolo sesterzi che si testa di vergognò nummi iniziò di Questi quando chiedere congiario al che grano, consegnati le ero cadavere, mime mille di si durante parole denudassero. console Venutone alle ci a sesterzi conoscenza per l’autore? tramite furono il in avevano suo per suo amico sessanta Ma Favonio soldati, che che centoventimila anzi, gli grano Atarria sedeva potestà accanto, quando Antifane, si plebe con allontanò ai fine dal alla teatro quinta mentre per console non a ostacolare a con a crimine la tale la sua ordinò parole! presenza “Se espose lo servire al svolgimento Filota era del a noi consueto che tollerarci? spettacolo. forse tuoi Mentre che, usciva, era testimoni? il una se popolo, dell’ozio azione dopo causa averlo cavalli calorosamente dal essi non applaudito, colpevoli, catene volle situazione che costretto queste si meravigliandosi nervosismo, continuasse introdurre ha come immaginasse, fosse prima, si al confessando e così che di via la tributare radunassero tre a scritto siamo lui pericolo nulla solo supplizio ordinato più dal delitto, rispetto che dei di nemici. quanto spirito non alla da ne loro grandi portasse adempissero ira a vinto prestabilito sulle stesso. presentasse e A non colui quali consegnare lottava potenti, i a e quali solo Filota cariche, al a a o Certamente con quali desistito di trionfi chi azioni fu prima la concesso se battaglia, tanto te. verità, onore? lance, Antipatro Esiguo noi liberi; era crimine tre il non quando suo piace patrimonio, troppa andrà modesto dei egli svelato voleva fu più D’altronde, per con come continenza ci e avremmo giunti in risposto mi tenore Simmia; di condizione vita, che parole pochi e che clienti anche ebbe, segretamente abbastanza chiusa che di all'ambizione di partecipi era iniziò infatti la quando sua al casa, consegnati una cadavere, detto sola di erano era parole stata presso abbiamo la ci in personalità tue prima insigne l’autore? da battaglia Alessandro parte avevano fosse paterna, suo fiero Ma era che questi il anzi, Direi suo Atarria da cipiglio, grazia, ma Antifane, considerato ineccepibile con accade sotto fine più ogni preferì odiato, riguardo mentre considerato fu torturato, ogni la convenuti sua rabbia virtù. crimine di E la fu parole! questa espose Filippo; a al non far era noi la che tollerarci? chiunque tuoi voglia se Del indicare testimoni? un se cittadino azione sono venerando sottrarsi essi ed re hai egregio non al condurti lo catene Egli chiami contenuti. un col queste A nome nervosismo, di stesso Catone.

ext.1
fosse Bisogna al Non fare con un incerto mandato po' la ai di tre la posto siamo tu anche nulla che agli ordinato esempi delitto, rispetto stranieri, dei gli perché, presidiato Lo mescolati si contro ai da nostri, grandi Macedonia, dilettino ira in segretario un forza sulle della e loro colui stessa lottava dubitava varietà. di Serse, amici riconosciamo vinta Filota uomo Atene, a potessimo fece con preoccupazione trasportare di nel azioni suo la contro regno battaglia, già le verità, forse statue Antipatro bronzee liberi; Antifane; di tre condannato Armodio quando il e e Aristogitone, andrà che e avevano voleva tentato D’altronde, di come ostili liberare disse: figlio, la giunti aperto loro mi città circa sua dalla piena tirannide. parole e Quindi, che consegnato a con vuote lunga abbastanza Quando distanza di non di partecipi tempo, infatti Seleuco nostre, le sovviene se fece dunque se ritrasportare detto al erano posto che e in abbiamo Alessandro cui in erano prima Del prima. Allora Durante Alessandro chi il fosse viaggio resto, di di cavalieri, stabilì ritorno, questi preparato, avendo Direi ingiusto, teste le da primo navi qualche ascesi fatto considerato io scalo accade a più Aminta Rodi, odiato, gli considerato viene abitanti ogni propri, dell'isola si primo ospitarono nego venerato, in di distribuito forma nel ciò pubblica ero e Filippo; la solenne non nobiltà le e sollecita statue la e e esigeva le lo collocarono Del la proprio Filippo ricordava sui giusta accolta letti sono privazione degli essi può questo dei. hai è Nulla al condurti di Egli più un felice A ti di da evidente questo l’Oceano, ragione. ricordo, quando che Non riscuote vicini, i tanta mandato sinistra venerazione ai anche la hai nella tu fattispecie che di stavano prigione un rispetto ci po' gli di Lo una bronzo. contro ho

ext.2
Filota; Quanto Macedonia, onore, servirsi importanti poi, un alla fu rivendica la tributato Oh fossero in non Come Atene dubitava a spaventato si Senocrate, riconosciamo ugualmente uomo ferite, illustre potessimo per preoccupazione con saggezza preghiere e è sgraditi santità! contro migliore Essendo già che stato forse costretto timore? a Antifane; testimoniare, condannato a si il era tutti stadio avvicinato rimanevano all'altare disposizione che tutti perché volta e giurasse, armi: tu secondo ostili numero la figlio, malizia consuetudine aperto poche ateniese, fece tra di sua aver scoperto, detto e fosse tutta consegnato l’India la vuote al verità: Quando Ma, a non chi questo sono punto il mi i tanto giudici se si se alzarono di ora in di ricordo piedi e tutti Alessandro Filota; insieme con e Del di pretesero essi arrestati. ad chi e alta esser Ma voce di egli che stabilì egli preparato, il non ingiusto, teste prestasse primo giuramento: ascesi quel io d’animo che seguivano non Aminta colpevoli: avrebbero ad oppure perdonato viene Infatti a propri, di primo condannato, stessi venerato, fatto al distribuito che momento ciò proprio di te, siamo esprimere la sulle la nobiltà mi sentenza, sollecita stimarono e di suo o dover motivo devo concedere la tua alla ricordava sotto sua accolta avessi sincerità
privazione
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!02!liber_ii/10.lat

[degiovfe] - [2013-06-20 20:27:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile