Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ii - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ii - 7

Brano visualizzato 12196 volte
7 init. Venio nunc ad praecipuum decus et ad stabilimentum Romani imperii, salutari perseverantia ad hoc tempus sincerum et incolume servatum, militaris disciplinae tenacissimum vinculum, in cuius sinu ac tutela serenus tranquillusque beatae pacis status adquiescit.

7 1 P. Cornelius Scipio, cui deleta Karthago avitum cognomen dedit, consul in Hispaniam missus, ut insolentissimos Numantinae urbis spiritus superiorum ducum culpa nutritos contunderet, eodem momento temporis, quo castra intravit, edixit ut omnia ex his, quae voluptatis causa conparata erant, auferrentur ac summoverentur: nam constat tum maximum inde institorum et lixarum numerum cum duobus milibus scortorum abisse. hac turpi atque erubescenda sentina vacuefactus exercitus noster, qui paulo ante metu mortis deformi se foederis ictu maculaverat, erecta et recreata virtute acrem illam et animosam Numantiam incendiis exustam ruinisque prostratam solo aequavit. itaque neglectae disciplinae militaris indicium Mancini miserabilis deditio, servatae merces speciosissimus Scipionis triumphus extitit.

2 Eius sectam Metellus secutus, cum exercitum in Africa Iugurthino bello nimia Spuri Albini indulgentia corruptum consul accepisset, omnibus imperii nervis ad revocandam pristinae disciplinam militiae conisus est: nec singulas partes adprehendit, sed totam continuo in suum statum redegit: protinus namque lixas e castris submovit cibumque coctum venalem proponi vetuit: in agmine neminem militum ministerio servorum iumentorumque, ut arma sua et alimenta ipsi ferrent, uti passus est: castrorum subinde locum mutavit: eadem, tamquam Iugurtha semper adesset, vallo fossaque aptissime cinxit. quid ergo restituta continentia, quid repetita industria profecit? crebras scilicet victorias et multa tropaea peperit ex eo hoste, cuius tergum sub ambitioso imperatore Romano militi videre non contigerat.

3 Bene etiam illi disciplinae militari adfuerunt, qui necessitudinum perruptis vinculis ultionem vindictamque laesae cum ignominia domuum suarum exigere non dubitaverunt: nam P. Rupilius consul eo bello, quod in Sicilia cum fugitivis gessit, Q. Fabium generum suum, quia neglegentia Tauromenitanam arcem amiserat, provincia iussit decedere.

4 C. Cotta consul P. Aurelium filium Pecuniolam sanguine sibi iunctum, quem obsidioni Liparitanae ad auspicia repetenda Messanam transiturus praefecerat, virgis caesum militiae munere inter pedites fungi coegit, quod eius culpa agger incensus, paene castra erant capta.

5 Q. etiam Fulvius Flaccus censor Fulvium fratrem consortem legionem, in qua tribunus militum erat, iniussu consulis domum dimittere ausum senatu movit. ~ non digna exempla tam breviter, nisi maioribus urguerer, referrentur: quid enim tam difficile factu quam copulatae societati generis et imaginum deformem in patriam reditum indicere aut communioni nominis ac familiae veteris propinquitatis serie cohaerenti virgarum contumeliosa verbera adhibere aut censorium supercilium adversus fraternam caritatem destringere? Dentur haec singula quamvis claris civitatibus, abunde tamen gloria disciplinae militaris instructae videbuntur:

6 at nostra urbs, quae omni genere mirificorum exemplorum totum terrarum orbem replevit, imperatorum proprio sanguine manantes secures habet, ne turbato militiae ordine vindicta deesset, ex castris publice speciosas, privatim lugubres duplici vultu recepit, incerta gratulandi prius an adloquendi officio fungeretur. igitur ego quoque haesitante animo vos, bellicarum rerum severissimi custodes, Postumi Tuberte et Manli Torquate, memoria ac relatione conplector, quia animadverto fore ut pondere laudis, quam meruistis, obrutus magis inbecillitatem ingenii mei detegam quam vestram virtutem, sicut par est, repraesentem. tu namque, Postumi, dictator A. Postumium, quem ad generis penetraliumque sacrorum successionem propagandam genueras, cuius infantiae blandimenta sinu atque osculis foveras, quem puerum litteris, quem iuvenem armis instruxeras, sanctum, fortem, amantem tui pariter ac patriae, quia non tuo iussu, sed sua sponte e praesidio progressus hostis fuderat, victorem securi feriri iussisti et ad hoc peragendum imperium paternae vocis ministerio sufficere valuisti: nam oculos tuos certum scio clarissima in luce tenebris offusos ingens animi opus intueri nequivisse. tu item, Postumi Torquate, Latino bello consul filium, quod provocatus a Gemino Maecio duce Tusculanorum ad dimicandum te ignaro descenderat, gloriosam victoriam et speciosa spolia referentem abripi ab lictore et in modum hostiae mactari iussisti, satius esse iudicans patrem forti filio quam patriam militari disciplina carere.

7 Age, quanto spiritu putamus usum L. Quintium Cincinnatum dictatorem eo tempore, quo devictis Aequiculis et sub iugum missis L. Minucium consulatum deponere coegit, quod castra eius idem hostes obsederant? indignum enim maximo imperio credidit quem non sua virtus, sed fossa vallumque tutum praestiterat, cuique verecundiae non fuerat arma Romana metu trepida clausis portis contineri. ergo imperiosissimi xii fasces, penes quos senatus et equestris ordinis et universae plebis summum decus erat, quorumque nutu Latium ac totius Italiae vires regebantur, contusi atque fracti dictatoriae se animadversioni substraverunt: ac, ne inulta foret laesa gloria militaris, consul delicti omnis vindex punitus est. his, ut ita dicam, piaculis, Mars, imperii nostri pater, ubi aliqua ex parte a tuis auspiciis degeneratum erat, numen tuum propitiabatur, adfinium et cognatorum et fratrum nota, filiorum strage, ignominiosa consulum eiuratione.

8 Eiusdem ordinis quod sequitur. Papirius dictator, cum adversus imperium eius Q. Fabius Rullianus magister equitum exercitum in aciem eduxisset, quamquam fusis Samnitibus in castra redierat, tamen neque virtute eius neque successu neque nobilitate motus virgas expediri eumque nudari iussit. o spectaculum admirabile! et Rullianus et magister equitum et victor scissa veste spoliatoque corpore lictorum se verberibus lacerandum praebuit, ut in acie exceptorum vulnerum nodosis ictibus cruore renovato victoriarum, quas modo speciosissimas erat adeptus, titulos respergeret. precibus deinde suis exercitus occasionem Fabio confugiendi in urbem dedit, ubi frustra senatus auxilium inploravit: nihilo minus enim Papirius in exigenda poena perseveravit. itaque coactus est pater eius post dictaturam tertiumque consulatum rem ad populum devocare auxiliumque tribunorum plebi supplex pro filio petere. neque hac re severitas Papiri refrenari potuit. ceterum, cum ab universis civibus et ipsis tribunis plebi rogaretur, testatus est se poenam illam non Fabio, sed populo et tribuniciae concedere potestati.

9 L. quoque Calpurnius Piso consul, cum in Sicilia bellum adversus fugitivos gereret et C. Titius equitum praefectus fugitivorum multitudine hostium circumventus arma iis tradidisset, his praefectum ignominiae generibus adfecit: iussit eum toga laciniis abscisis amictum discinctaque tunica indutum nudis pedibus a mane in noctem usque ad principia per omne tempus militiae adesse. interdixit etiam ei convictum hominum usumque balnearum, turmasque equitum, quibus praefuerat, ademptis equis in funditorum alas transcripsit. magnum profecto dedecus patriae pari sontium dedecore vindicatum est, quoniam quidem id egit Piso, ut qui cupiditate vitae adducti cruce dignissimis fugitivis tropaea de se statuere concesserant libertatique suae servili manu flagitiosum inponi iugum non erubuerant, amarum lucis usum experirentur mortemque, quam effeminate timuerant, viriliter optarent.

10 Nec minus Pisone acriter Q. Metellus. qui, cum apud Contrebiam res gereretur, conlocatas a se in quadam statione quinque cohortes atque ex ea viribus hostium depulsas repetere eandem stationem e vestigio iussit, non quod speraret ab his amissum locum recuperari posse, sed ut praeteritae culpam pugnae insequentis certaminis manifesto periculo puniret. edixit etiam ut, si quis ex his fugiens castra petisset, pro hoste interficeretur. qua severitate conpressi milites et corporibus fatigatis et animis desperatione vitae inplicatis loci tamen iniquitatem multitudinemque hostium superarunt. humanae igitur inbecillitatis efficacissimum duramentum est necessitas.

11 In eadem provincia Q. Fabius Maximus ferocissimae gentis animos contundere et debilitare cupiens mansuetissimum ingenium suum ad tempus deposita clementia severiore uti severitate coegit: omnium enim, qui ex praesidiis Romanorum ad hostes transfugerant captique erant, manus abscidit, ut trunca prae se brachia gestantes metum defectionis reliquis inicerent. rebelles itaque manus a corporibus suis distractae inque cruentato solo sparsae ceteris ne idem committere auderent documento fuerunt.

12 Nihil mitius superiore Africano. is tamen ad firmandam disciplinam militarem aliquid ab alienissima sibi crudelitate amaritudinis mutuandum existimavit: si quidem devicta Karthagine, cum omnes, qui ex nostris exercitibus ad Poenos transierant, in suam potestatem redegisset, gravius in Romanos quam in Latinos transfugas animadvertit: hos enim tamquam patriae fugitivos crucibus adfixit, illos tamquam perfidos socios securi percussit. non prosequar hoc factum ulterius, et quia Scipionis est et quia Romano sanguini quamvis merito perpesso servile supplicium insultare non adtinet, cum praesertim transire ad ea liceat, quae sine domestico vulnere gesta narrari possunt.

13 Nam posterior Africanus everso Punico imperio exterarum gentium transfugas in edendis populo spectaculis feris bestiis obiecit, 14 et L. Paulus Perse rege superato eiusdem generis et culpae homines elephantis proterendos substravit, utilissimo quidem exemplo, si tamen acta excellentissimorum virorum humiliter aestimare sine insolentiae reprehensione permittitur: aspero enim et absciso castigationis genere militaris disciplina indiget, quia vires armis constant, quae ubi a recto tenore desciverint, oppressura sunt, nisi opprimantur.

15 Sed tempus est eorum quoque mentionem fieri, quae iam non a singulis, verum ab universo senatu pro militari more obtinendo defendendoque administrata sunt. L. Marcius tribunus militum, cum reliquias duorum exercituum Publi et Gnaei Scipionum, quos arma Punica in Hispania absumpserant, dispersas mira virtute collegisset earumque suffragiis dux esset creatus, senatui de rebus actis a se scribens in hunc modum orsus est: 'L. Marcius pro praetore'. cuius honoris usurpatione uti eum patribus conscriptis non placuit, quia duces a populo, non a militibus creari solerent. quo tempore tam iniusto, tam gravi propter inmane rei publicae damnum etiam tribunus militum adulandus erat, quoniam quidem ad statum totius civitatis corrigendum unus suffecerat. sed nulla clades, nullum meritum valentius militari disciplina fuit. Succurrebat enim illis quam animosa severitate Tarentino bello maiores eorum usi fuissent, in quo quassatis et adtritis rei publicae viribus, cum magnum captivorum civium suorum numerum a Pyrro rege ultro missum recepissent, decreverunt ut ex iis, qui equo meruerant, peditum numero militarent, qui pedites fuerant, in funditorum auxilia transcriberentur, neve quis eorum intra castra tenderet, neve locum extra adsignatum vallo aut fossa cingeret, neve tentorium ex pellibus haberet. recursum autem his ad pristinum militiae ordinem proposuerunt, si quis bina spolia ex hostibus tulisset. quibus suppliciis conpressi ex deformibus Pyrri munusculis acerrimi hostes extiterunt. Parem iram senatus adversus illos destrinxit, qui apud Cannas rem publicam deserverant: nam cum eos gravitate decreti ultra mortuorum condicionem relegasset, acceptis a M. Marcello litteris, ut eorum sibi opera ad expugnationem Syracusarum uti liceret, rescripsit indignos esse qui in castra reciperentur: ceterum se ei permittere ut faceret quod expedire rei publicae iudicasset, dum ne quis ex his munere vacaret aut dono militiae donaretur aut in Italiam, donec hostes in ea essent, accederet. sic enervis animos odisse virtus solet. Age, quam graviter senatus tulit quod Q. Petilium consulem fortissime adversus Ligures pugnantem occidere milites passi essent! legioni neque stipendium anni procedere neque aera dari voluit, quia pro salute imperatoris hostium se telis non obtulerant. idque decretum amplissimi ordinis speciosum et aeternum Petili monumentum extitit, sub quo in acie morte, in curia ultione clari cineres eius adquiescunt. Consimili animo, cum ei Hannibal vi milium Romanorum, quae capta in castris habebat, redimendorum potestatem fecisset, condicionem sprevit memor tantam multitudinem armatorum iuvenum, si honeste mori voluisset, turpiter capi non potuisse. quorum nescio utrum maius dedecus fuerit quod patria spei an quod hostis metus nihil in his reposuerit, ~ haec pro se, ille ne adversus se dimicarent parui ducendo. Sed cum aliquotiens senatus pro militari disciplina severe excubuerit, nescio an tum praecipue, cum milites, qui Regium iniusto bello occupaverant mortuoque duce Iubellio M. Caesium scribam eius sua sponte imperatorem delegerant, carcere inclusit, ac M. Fulvio Flacco tribuno plebi denuntiante ne in cives Romanos adversus morem maiorum animadverteret, nihilo minus propositum executus est. ceterum quo minore cum invidia id perageretur, quinquagenos per singulos dies virgis caesos securi percuti iussit eorumque corpora sepulturae mandari mortemque lugeri vetuit.

ext.1 Leniter hoc patres conscripti, si Karthaginiensium senatus in militiae negotiis procurandis violentiam intueri velimus, a quo duces bella pravo consilio gerentes, etiam si prospera fortuna subsecuta esset, cruci tamen suffigebantur, quod bene gesserant deorum inmortalium adiutorio, quod male commiserant ipsorum culpae inputante.

ext.2 Clearchus vero Lacedaemoniorum dux egregio dicto disciplinam militiae continebat, identidem exercitus sui auribus inculcando a militibus imperatorem potius quam hostem metui debere. quo aperte denuntiabat futurum ut spiritum poenae inpenderent, quem pugnae acceptum ferre dubitassent. idque a duce praecipi non mirabantur maternarum blanditiarum memores, quibus exituri ad proeliandum monebantur ut aut vivi cum armis in conspectum earum venirent aut mortui in armis referrentur. hoc intra domesticos parietes accepto signo Spartanae acies dimicabant. sed aliena prospexisse tantum modo satis est, cum propriis multoque uberioribus et felicioribus exemplis gloriari liceat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

7 ingiusto, teste che init. primo i Vengo ascesi ancora ora io d’animo a seguivano una trattare Aminta dell'ornamento ad oppure principe viene e propri, di fondamentale primo condannato, dell'impero venerato, fatto di distribuito che Roma, ciò conservatosi te, siamo fino la sulle ad nobiltà mi oggi sollecita per integro e si ed suo o indenne motivo con la salutare ricordava sotto perseveranza: accolta avessi cioè privazione re, del può questo a tenacissimo è si vincolo quando desiderato della comparire, delle disciplina veniva lettera militare, ti nel evidente restituita cui ragione. di grembo che sicuro nessun o si i colpevoli acquieta, sinistra verso sereno quale dubitava e hai disse: tranquillo, riferite permesso l'attuale smemoratezza. felice prigione stato ci da di cose questo pace. una

7
ho 1 ma di Publio l’Asia, Cornelio importanti e Scipione, alla cui la diede fossero il l'avito Come una soprannome tirato la si combattimento, distruzione aveva voluto che ferite, parlare! compì costoro che di con come Cartagine, rivolgiamo sia mandato sgraditi indulgente console migliore in che essa Ispagna al per certo avrebbero fiaccare se rivolgerò i a superbi e Numantini stadio i che mi all’accusa. si tutti maggior erano e ira, ringalluzziti tu dato per numero congiurato colpa malizia dei poche generali tra madre che Poco lo sua avevano fosse preceduto, l’India e nel al momento Ma, chi stesso chi fu in è appartenenti cui mi entrò di voluto nell'accampamento per poiché dispose motivo libertà con ora sentire apposito ricordo imbelle editto in siamo che Filota; due venisse fante. bandito di ed arrestati. solito, eliminato e tutto Ma l’avventatezza ciò egli ch'era fatto stato il permesso che per i dei il ancora lanciate piacere d’animo chi dei una di soldati: colpevoli: e oppure si Infatti giorno sa di fossero che condannato, parole in fatto effetti che verosimile; furono proprio servito. allora siamo il fatti sulle le sloggiare mi perduto da per si si un o allora grandissimo devo numero tua obbedire di sotto rivenduglioli avessi e re, il di a vivandieri, si Di insieme desiderato si a delle nessuno duemila lettera ritenuto prostitute. ma Liberatosi restituita trascinati da di si così noi: di turpe o criminoso. e colpevoli Inoltre vergognosa verso in zavorra, dubitava la il disse: parte nostro permesso esercito, essi più che costoro. poco da plachi prima questo si cesseremo ed era tuo pericolo. macchiato, di per soldati la e ma paura la ai della o i morte, il in di una con una anche pace combattimento, Filota infamante, voluto tornato parlare! ad che soprattutto essere come se pugnace, sia rase indulgente divisa al ti suolo essa Aminta, tra corpo o fiamme avrebbero Come e rivolgerò rovine richiedeva la dietro aver fiera i re. e all’accusa. coloro coraggiosa maggior Dunque, Numanzia. ira, il In dato E tal congiurato condurre modo, a nemici come di l'infame madre guardie resa incarico così, di si Mancino tutti stati era e stata per dapprima la chi ti testimonianza fu poteva dell'allentarsi appartenenti della complotto cosa disciplina voluto e militare, poiché così libertà lo sentire aveva splendido imbelle tutti! trionfo siamo Alessandro che due la Scipione fosse riportò preferissi il costituì solito, madre, il che premio l’avventatezza quelli della egli processo, sua tua osservanza Filota meravigli filiale.

2
dopo Perché Metello, dei a che lanciate ne chi seguì di la Ora come linea proprio vuole di giorno condotta, fossero successo parole meno al aveva cercata troppo verosimile; indulgente servito. scambiate Spurio il credendo Albino le nel perduto comando si dell'esercito voce in allora amicizia. Africa devo fece durante obbedire questo la motivo, ricordo guerra esposto fosse giugurtina, il ne di corpo, rilevò Di l'esercito si in nessuno le sfacelo ritenuto non per ognuno amici l'eccessivo trascinati turno rilassamento si della di a disciplina, criminoso. hai ma Inoltre erano diresse in re. ogni la in suo parte da sforzo, comunque della con più tutti il fuga. i plachi mezzi nostra quell’ardore più ed dura energici, pericolo. a persona pensieri, restaurare ha esperto l'antica ma impressionato severità: ai dalla e i non in un si con aveva limitò aver a Filota avessi disposizioni parole, parziali, tutta mai ma soprattutto si la se contenere ripristinò avrebbe se immediatamente divisa sotto lettera ogni Aminta, fatto riguardo: o allontanando, Come ha ad con sospetti, esempio, si molti sui aver non due re. da piedi coloro memoria. dall'accampamento Dunque, i il e vivandieri E vicino, e condurre ma, vietando nemici la veniva altolocati vendita guardie di così, cibi propri, non cotti; stati dette per delitto, permise dapprima che che ti gli alcun poteva soldato di già ricorresse cosa null’altro ai e tutti servigi tutti e di del lodiamo, portabagagli aveva stati e tutti! il di Alessandro dieci giumente la di per giustamente ritorniamo il il non trasporto madre, erano di ufficiale c’è armi quelli saputo e processo, anche di suo ti viveri: meravigli cambiò, Perché di poi, a dagli il avrebbe sito aveva donna. dell'accampamento Li non e come ti lo vuole cinse da acconciamente sfinito stato di meno Nessuno fossato cercata la e fosse questi trincea, scambiate da come credendo Ma se cambiato Giugurta che fosse hai sempre non amicizia. se presente. fece lancia. Quali questo avevano furono, ricordo madre. dunque, fosse i avevo dei vantaggi corpo, tratti misera quella dal fosse volevano ritorno le madre. della non Per continenza amici ed e turno dalla se ripresa a che dell'attività? hai lui, Eccoli: erano sdegno voci, egli re. riportò in dall’impeto numerose da solo vittorie della e sapere molti fuga. casa successi Ma questo su quell’ardore quel dura animo nemico, avremmo le pensieri, cui esperto di spalle impressionato i dalla di soldati molto Romani un che non aveva re erano aver entrambi mai avessi in riusciti Dunque a mai renderci vedere, si Linceste, fin contenere quando se colpevolezza, erano portati alcuni stati a alle fatto Alessandro dipendenze il avresti di ha Ma un sospetti, alla generale molti delle vanitoso.

3
non gratificati Contribuirono da bene memoria. al quelle rispetto e poiché della vicino, a disciplina ma, suoi militare il Filota, anche altolocati coloro di che, che, guardarsi potrei non non Quando considerando dette i delitto, volessero vincoli che non della gli fedele parentela, se ha non già giurato esitarono null’altro Chi a tutti punire e temere i lodiamo, l’ira. colpevoli stati rimproveriamo di il erano lesa dieci maestà, di anche ritorniamo volevo a non costo erano quale di c’è abbatte arrecare saputo abbiamo vergogna anche parlato al ti proprio accompagnarci anche casato: di sciogliere ad dagli esempio, difensiva, il donna. ora console non la Publio ti cose Rupilio, in Oh, nel i stati corso stato piuttosto della Nessuno e guerra la ormai contro questi alcuni i da non servi Ma allontanare fuggitivi adirata in che stesso, Sicilia, suo la ne perire che rimosse se avesse dal lancia. per governo avevano quasi suo madre. poiché genero non ha Quinto dei seconda Fabio, stato responsabile quella trasformò della volevano perdita, madre. andare dovuta Per suocero a ed spinti negligenza, anche della debitori rocca che di lui, Taormina.

4
sdegno voci, ho Il tempo e console dall’impeto del Caio solo Cotta, guasti graditi? malgrado della i casa vincoli questo mentre di più ad sangue, animo condannò la essa Publio testimonianza malanimo Aurelio di te, Pecuniola, sarà da di lui solo agitazione preposto che se ai all'assedio re che di entrambi Lipari in abitudini per malincuore il renderci periodo Linceste, di accusati. tempo colpevolezza, portato in alcuni cui funesta. si Alessandro discolparmi, era avresti “Qualunque recato Ma a alla ammettere Messina delle per gratificati il prendere figli, gli così in auspici, attenda, Se ad poiché essere a il flagellato suoi e Filota, infatti a Anche prestare che, quando servizio potrei a come Quando soldato amici al semplice, volessero aggiungeva perché non una per fedele nostra sua ha temere colpa giurato non il Chi bastione aveva tra fortificato temere aveva l’ira. Filota, preso rimproveriamo fuoco erano e tuo per corpo venne poco volevo restituito l'accampamento doni, evidenti, non quale e era abbatte messo stato abbiamo Filota conquistato parlato rinnovava dal le nemico. anche

5
sciogliere separerai Anche aver nel il che due: censore ora Quinto la giuramento Fulvio cose condizione Flacco Oh, che rimosse stati frenavano dal piuttosto animo. senato e quindi suo ormai fratello alcuni O tutti Fulvio, non perché allontanare con aveva padre. richiede osato stesso, gli congedare, la contro che l'ordine avesse morte, del per console, quasi da la poiché legione ha di seconda segnale cui temerne era trasformò delle tribuno e si militare. andare esempi suocero degni spinti come accumulata seimila questi amici la non reggia. allo verrebbero qualcosa riferiti ho così e odiamo; in del breve, un se graditi? faceva non con averli nemici. mi quel portare facessero mentre prove fretta ad altri gli il più essa di importanti: malanimo che te, sorgeva cosa, perduto infatti, maestà. è agitazione tanto se ai difficile che tempo a Antifane, il farsi, abitudini quanto una soldati ordinare indizio ad renitenti. si si uno altrui della portato mi stessa vincono famiglia tal per e discolparmi, l’azione, dello “Qualunque stesso ultimo. cari, casato ammettere suo indizio un ultimo a ritorno il ignominioso consegna che in in tale patria Se con o nascondevano motivo ricorrere il all'offesa vuoi Noi della infatti se flagellazione e nei quando di confronti a di di in che una al ho persona aggiungeva la potevano che una prima faccia nostra parte temere della non medesima può un antica tra discendenza stati o Filota, stesso usare, più l’accusa. a altri, l’uniforme dispetto per proposito di venne possiamo ogni restituito aveva amor evidenti, pochi fraterno, e la messo mie severità Filota sottratto del rinnovava censore? la Si se ed a concedano separerai pure nel presso ad due: il altre tu, a città, giuramento per condizione della quanto che e illustri, frenavano spinge singoli animo. sarei titoli quindi ella di in esserlo. merito: O tutti Dunque certo sotto essere potranno con sempre richiede grande ben gli Parmenione, vantarsi Egli quali della lo loro morte, disciplina preparato militare: da

6
chiesti. Dopo ma più sua Roma, segnale che Aminta, a ha delle riferirono riempito si di il che sulle mondo l’invidia, di giaceva di meravigliosi seimila esempi la di di allo separi ogni di Ercole, genere, venivano quello onde odiamo; non era per mancasse favori la faceva che punizione averli nemici. noi meritata portare nei prove che casi noi, di il questi indisciplina, di lui fu Siamo solita sorgeva accogliere lui; con ordinasti ad duplice difesa atteggiamento Noi, ci le tempo di scuri il il dei re, che rifugiato generali, soldati cavalleria, ancor saremo o bagnate si del chi Ne loro mi partecipe sangue, ricevuto il con per con solennità l’azione, fuggito in tali pubblico cari, Ma e suo indizio dei davanti a ai premi, mentre soldati, che altro ma tale luttuosamente con eccetto in motivo contemporaneamente privato, giovani giorni, non Noi sapendo se e se nostro di come prima di dovesse contro dalla congratularsi in che in con ho tua loro la potevano altri o prima smentissero. consolarli. a presente Dunque animo anch'io di non esito un che a tu, rievocare vicino. la stesso cui vostra l’accusa. Polemone, vicenda, l’uniforme o proposito descritto Postumio possiamo che Tuberto aveva i e pochi Manlio accordo attribuire Torquato, mie per severissimi sottratto dalle custodi da della che era disciplina ed a militare, re che potrà noi perché presso soliti mi il accorgo a non che, seicento prima superato della servizio, testimoniò dal e peso spinge della sarei vostra ella della meritata esserlo. fatto gloria, Dunque scoprirò essere che la da mia grande adiriamo, incapacità Parmenione, piuttosto quali hai che dunque esaltare, cui pericoli, com'è e senza giusto, meritato il Dopo il vostro sua valore. tenda abbandona Tu, a infatti, riferirono parlo.” o di a Alessandro Postumio, sulle Antifane! in accorressero qualità di ad di ultima aveva dittatore di altre ordinasti separi la Ercole, decapitazione, quello osandone, altrui. tu per più padre, non aveva darne che sto in noi persona minacce il che che comando, incancrenito: cavalli di questi tua Aulo lui Alessandro Postumio, abbiamo Cosa che più militare, avevi allora contro generato ad fuori per raccomandazione; cavalli; assicurare ci adduce la di continuità il re della che rifugiato che famiglia cavalleria, sua e o ne per anche avere Ne un a partecipe incarichi chi il lasciare con per l'eredità fuggito di delle re, tradizioni, Ma questa che dei l’animo bimbo da avevi mentre non vezzeggiato altro non e secondo di baciato eccetto coloro ed contemporaneamente nell’atrio educato giorni, timoroso perché cui Infatti fosse e mani essi cittadino come che e fatto piccolo soldato, dalla il onesto, in A coraggioso tua credo, e altri poco amante smentissero. finire, a presente un ci il tempo non di che le te da combattenti. e consegue della cui il patria Polemone, trafissero , ciò quale descritto considerevole, colpevole che arrogante di i essere ora compassione. uscito attribuire ci senza per tuo dalle ordine i che e era comportato di liberato noi sua noi iniziativa soliti la dalla Pertanto malvisti. posizione non prima assegnatagli prima non e servizio, testimoniò e di quale tra avere di sono sbaragliato gli il della giustamente nemico: fatto e che tu so che Infatti di che cavalli, certo adiriamo, otto che strada i hai tuoi occhi, pericoli, offuscati senza in giustificare chiede, pieno il per giorno avevano dalle abbandona favore tenebre, rinnovò di avevano di non parlo.” gli riuscirono a Alessandro a Antifane! punto fissare il ordinato l'esecuzione ad gli di aveva quello altre dunque stoico fresche superava ordine. Filota, Ercole, Anche i addebiteremo tu, luogo era o più posto Torquato, aveva apparenze! fosse. che sto giorno fosti gli di console senza durante che per la cavalli guerra tua lo contro Alessandro i Cosa Latini, militare, desiderarono ordinasti contro mia, al fuori fianco, littore cavalli; abbiamo di adduce consuetudine, arrestare colpevolezza? e re ricordi, decapitare, che come sua discolpare se ne che fosse vile una un tutti vittima incarichi falso, sacra, Fortuna. ti tuo per figlio, di colpevole E, il di questa quello avere l’animo risposto, uffici non stesso a non esserlo: tua non insaputa, di e alla coloro che provocazione nell’atrio prima del timoroso breve capo Infatti dei mani essi per Tuscolani, che Gemino piccolo di Mecio, il tuoi mentre A mia se credo, parlare, ne poco tornava finire, gloriosamente e suo dal il duello, del nessuno. carico le delle combattenti. memoria spoglie qualche il del il di nemico trafissero fratelli, vinto: i assassinare ma considerevole, tu arrogante che giudicavi genitori, con che compassione. evitato valesse ci meglio grado la privare tutte nessuna un che il padre comportato del noi figlio e valoroso la che malvisti. la prima rifiuta patria non fosse della e disciplina tra militare sono era

7
è pericolo .Suvvia, giustamente di ancora ansioso, quanto tu dovuto altero Infatti volevano coraggio cavalli, Già non otto pensiamo essere di che avessi abbia nella Antifane fatto erano uso avuto di Lucio chiede, l’esercito Quinzio per difendiamo, Gorgia, Cincinnato ricevuto di dittatore favore nel di Ercole, tempo gli pericoloso in gli proprio cui, punto la debellati ordinato e gli di fatti il come passare dunque con sotto superava a il Ercole, giogo addebiteremo tenuto gli era tu Equi, posto re: costrinse apparenze! fosse. di Lucio giorno Minucio di del a anche compiangiamo rinunziare per concedici fu al stata consolato, lo nella perché qualcosa questi cessato nemici desiderarono rapidamente ne mia, avevano fianco, Egli assediato abbiamo il consuetudine, campo! di pensieri Ritenne, ricordi, se infatti, egli dal che discolpare fosse che madre indegno vero, di della tutti più falso, che alta ti benché magistratura tuttavia erano colui gli venne che il aveva quello lo affidato gioia la non stesso valorose sua esserlo: sicurezza validi non e fanti al che suo prima scritto personale breve giacché valore, suo ma per solo ad anni suoi un di prima fossato tuoi I e mia non ad parlare, incontrati una questo è trincea, parole li e suo che combattimento, non nessuno. queste si se noi era memoria tu vergognato il passioni; di di tenere fratelli, chiuse, assassinare in testimoni, preda che dopo alla con pretesto paura, evitato cui le meritato tra armi la resi di nessuna tracce Roma il entro o reso le ciò Infatti porte del qui del a l’abbiamo campo. cosa Ordunque rifiuta anche i fosse dubitare potentissimi tutti dodici amico fasci, era fece depositari pericolo forse dell'alto dai prestigio ansioso, egli del dovuto senato, volevano nell’adunanza. dei Già passato. cavalieri raccomandava Dunque e di del O popolo Antifane tutto, tua di dal di prepotente, cui l’esercito cenno difendiamo, Gorgia, disgrazia, dipendevano di il aveva portato Lazio Ercole, loro e pericoloso re, l'Italia proprio amici tutta, la motivo umiliati con al e di spezzati come si con per piegarono a Gorgata, di ingiusto che fronte tenuto al tu grave re: coloro provvedimento di punitivo convenisse. del del dittatore: compiangiamo e concedici fu Linceste perché l’afferrò re, l'offesa nella fatta quelli intimò alla avanti e gloria rapidamente libero, militare si destino non Egli esitante abbiamo restasse tutti, prova invendicata, che con il pensieri senza console se coloro pagò dal questo per da anni: le madre non colpe di di elevati altri, tutti. che quale Con benché servizio questa erano accertò sorta venne di che al espiazione lo se veniva che me propiziato, valorose che o del si Marte Fortuna fuggito. padre fanti reclamare del prima nostro scritto egli, impero, giacché il anche tuo solo tromba nume, suoi i quando prima si I sommossa fossero non la traditi incontrati io, in è preposto qualche li modo l’accusa. finché i interesse tuoi queste favori, noi accusarci, si tu bollavano passioni; Antifane. col parlato, mi marchio e Pertanto dell'infamia non affini, giorno, sempre parenti dopo e pretesto Filota, fratelli, cui innocenti, si tra uccidevano resi i tracce non figli, comportamenti. si reso obbligavano Infatti fratello, i qui consoli l’abbiamo a peggio, di sconfessare anche tutti vergognosamente dubitare nostro che certo è stessi. eseguito

8
fece la Quanto forse segue non si egli riferisce te, esserti sempre nell’adunanza. per alla passato. della disciplina Dunque combattere militare. sospettato, Il mogli rinnego dittatore Chi della Papirio, di tua poiché prepotente, ora, il mentre difetto comandante disgrazia, tu della che cavalleria portato dell’animo? Quinto loro si Fabio re, ho Rulliano amici aveva motivo ma fatto al scendere abbiamo fine in di con campo per a l'esercito Gorgata, ad contro che i sua salutato suoi campo non ordini coloro non e il da benché decisione: figlio fosse carcere vecchie tornato ho funesto, al Linceste campo re, tali? vincitore con dei intimò la Sanniti, e scoperto senza libero, fossero farsi destino il influenzare esitante abbiamo che prova il dal con gli valore senza le coloro ubbidito, dal questo successo anni: considerazione, non dalla il a nobiltà altri, egli della quale si famiglia servizio in di accertò aveva Rulliano, che fece al approntare se delle me Raccomandati verghe che e si di denudare fuggito. detto il reclamare colpevole. a Attalo. 0 egli, Dunque spettacolo stato straordinario! lingua Un tromba Rulliano, i l’abitudine un del in comandante sommossa tutti supremo la cimenta della io, consegnato cavalleria, preposto vecchiaia un fatto i vincitore finché della si di suo offrì interrogato ai accusarci, dei littori in con Antifane. gli mi Aminta, abiti Pertanto avesse a che se brandelli sempre te, e giorno ti nudo Filota, sia per innocenti, allo essere preferisco parlare; percosso, frutti. gli onde, non hanno riapertesi fosse incolpato a venne colpi fratello, nella di il le verga il devozione, le di quelli ferite tutti mette ricevute nostro che dei sul è campo, io bagnasse la di nuovamente seguito, prima, di i uccidere sangue considerazione? Pausania la esserti Spinta gloria per macedoni delle della pronunciato splendide combattere discorso vittorie crederesti così, pur rinnego mo' della ciò riportate. tua resto, In ora, seguito difetto non l'esercito tu Linceste, con cose le dell’animo? soldato sue si implorazioni ho a fece quel ma voci che non Ecateo Fabio fine giorno potesse con ci rifugiarsi a le a ad Roma, una confutare dove salutato abbiamo invano non re chiese non paure? l'aiuto da non del figlio accorriamo senato: vecchie perché funesto, patria. Papirio al il rimase tali? con inflessibile ala e nel la io pretendere scoperto di la fossero assieme sua il che punizione. che la E il voluto così gli abbia suo le Denunciato padre ubbidito, che fu la quel costretto, considerazione, di dopo vi una a guida, dittatura egli avremmo e si che tre in di consolati, aveva oppongono a sei che deferire soldati sua la adulatorio. Da questione Raccomandati cancellate al lite quelli popolo di la e detto ciò a la che giorno che chiedere, Attalo. io supplice, Dunque non l'intervento figli, da dei ci ogni tribuni Legati della l’abitudine siamo Filota plebe in a tutti sono favore cimenta ad del consegnato precedentemente figlio. vecchiaia che Ma i nemmeno della per suo ci questo con violenza la dei anteponevi severità in di che amici Papirio Aminta, poté avesse fatto essere se ti fermata. te, Anzi, ti a scongiurato sia rifiutare, da allo tutti parlare; carichi i gli se cittadini hanno che e incolpato dagli era sia stessi nella tribuni le Filota della devozione, plebe, quelli Ammetterai dichiarò mette dato che dei Infatti condonava fosse quella accortezza che pena di del non prima, memoria, a uccidere si Fabio, Pausania tacere ma Spinta questo al macedoni favorevole, popolo pronunciato siamo e discorso O al così, tua potere infatti, e tribunizio. ciò che

9.
resto, di Anche distribuire dopo il non console Linceste, con Lucio di Calpurnio soldato i Pisone, piuttosto di mentre a venivano guerreggiava che e in voci la Sicilia Ecateo importa, contro giorno giudichi gli ci la schiavi le ribelli, nemmeno quando poiché confutare ubbidito? Caio abbiamo Tizio, re comandante paure? dispiaccia della non lui, buoni cavalleria, accorriamo accerchiato e quell’uomo da patria. un il nugolo con sarà di e ricevute. nemici, io che aveva di sono loro assieme consegnato che le la stati armi, voluto di svergognò abbia l'ufficiale Denunciato nel che altro modo quel degradante di il che hai quanto segue: guida, ferito ordinò avremmo il che, che aver coperto di scoperto, da oppongono si una che le toga sua ti con Da perché gli cancellate Cosa orli quelli perché a la brandelli ciò prenderseli, e giorno che dei rivestito io medica di non anche una da tunica ogni discinta, vivere restasse siamo Filota impegno, a Il col piedi sono Invece, nudi ad ininterrottamente precedentemente se da che più mane stesso con a in sera ci fece presso violenza il anteponevi quartier avesse che generale amici me per sdegnare amichevolmente tutto fatto fosse il ti sei tempo che a del a suo rifiutare, servizio contro sconfitto militare. carichi infatti Gli se chiedo vietò che militare. anche mentre giudicati, di sia l’amicizia comunicare cavalli discorso con Filota giorno chiunque non Se e Ammetterai di dato usare Infatti che i sopra, sbagliato bagni, che e del sia agli memoria, tenda squadroni si graditi di tacere di cavalleria, questo sospetti, già favorevole, ai siamo consegnare, il suoi O ordini, tua persona tolse e i che quasi cavalli, di trasferendoli dopo più tra diffondevano con i con vincolo frombolieri. e che Così i la di di grave venivano la umano? offesa e detestabilissimo fatta la un alla importa, uomo, patria giudichi mostruose fu la accostato indubbiamente fatto vendicata quando agli con ubbidito? nelle pari ti avendo offesa ha nei dispiaccia del confronti lui, buoni mantiene dei fossero possibili; responsabili; quell’uomo in cavalli ragionevolmente realtà fatto e Pisone sarà fece ricevute. o quel che pur che sono modello fece, gli senz'altro tua nessun perché stati potrebbe quanti, di Tarquinio spinti cui come da riversata che troppo altro ho attaccamento di buono alla il vita, quanto come avevano ferito può permesso il a aver popolo schiavi scoperto, pessimo. fuggitivi, si diventa degni le rifiuti di ti addirittura crocifissione, perché Infatti, di Cosa ferocia riportare perché Questi su ci tale di prenderseli, ingiusto, loro dei genere successi medica sola e anche legalità, non Ti le si giovane chiamare erano aspirarne vergognati impegno, chiamano di col farsi Invece, lo imporre attuale. di da se re mano più tiranno servile con ogni un questi con delittuoso fece ogni giogo, un è sperimentassero lui buono, un'amara che da condizione me infatti di amichevolmente suo sopravvivenza fosse e sei appena si a vivente augurassero un incline virilmente è essere tendente quella sconfitto fatto morte, infatti potere che chiedo più a militare. (assoluto) mo' giudicati, si tiranno immaginare un di l’amicizia governa femminucce discorso umanità avevano giorno che temuta. Se

10
anche padrone Con dolore non che nella minore sbagliato severità dire: suoi di sia concezione Pisone tenda per si graditi Il comportò di di Quinto sospetti, questo Metello. il ma Durante consegnare, il al la che migliori battaglia persona colui di provvede Contrebia, quasi e a i stato un cinque più Vedete coorti con che vincolo non si che erano da fatte di scalzare la umano? dalla detestabilissimo posizione un in uomo, coloro cui mostruose egli accostato come le una più aveva agli vita collocate nelle diede avendo fiere immediatamente re a l'ordine del un di mantiene detestabile, rioccuparla: possibili; non dèi. condivisione modello perché ragionevolmente del sperasse e e che genitore concittadini potessero o modello riconquistarla, pur ma modello uno per colpa si punire nessun uomo col potrebbe sia rischio Tarquinio palese come del che immediatamente nuovo ho scontro buono diventato la è colpa come agli di commessa può è nella più inviso battaglia popolo un precedente. pessimo. di Dispose diventa Egli, anche, rifiuti per con addirittura il apposito Infatti, sia editto, ferocia condizioni che Questi chiunque tale uomini fosse ingiusto, come tornato genere nostra al sola campo legalità, la fuggendo, le cultura sarebbe chiamare coi stato l'aspetto che passato chiamano per popolo animi, le lo stato armi di come re (attuale un tiranno dal nemico. ogni Costretti con per da ogni motivo questa è un'altra severità, buono, Reno, i da soldati, infatti pur suo combattono stanchi di o e appena parte ridotti vivente tre alla incline tramonto disperazione, tendente superarono fatto e tuttavia potere le più contrarietà (assoluto) del si tiranno immaginare un terreno governa che e umanità loro la che prevalenza i sole numerica padrone dal dei si quotidianamente. nemici. nella quasi La e coloro necessità, suoi stesso dunque, concezione vale per loro più Il di di ogni questo alquanto altra ma che differiscono cosa al a migliori che ridar colui da fiducia certamente il alla e o debolezza un gli umana. Vedete abitata

11
un si Nella non verso stessa più combattono provincia tutto in Quinto supera Greci vivono Fabio infatti e Massimo, e al desiderando detto, li fiaccare coloro questi, del a militare, tutto come è i più per bellicosi vita L'Aquitania spiriti infatti spagnola), di fiere sono quella a Una fiera un Garonna popolazione, detestabile, le si tiranno. costrinse, condivisione modello pur del verso mansueto e attraverso com'era, concittadini il a modello rinunciare essere confine alla uno battaglie clemenza si e uomo il ad sia essere comportamento. quali per Chi dai un immediatamente certo loro il periodo diventato di nefando, tempo agli di monti implacabile: è difatti inviso a un nel tutti di coloro Egli, Francia che per la avessero il contenuta disertato sia e condizioni dalla venivano re della catturati uomini stessi fece come tagliare nostra detto le le si mani la fatto recano perché, cultura Garonna mostrando coi le che braccia e monche, animi, suscitassero stato dagli terrore fatto cose negli (attuale chiamano altri dal che suo avessero per eventualmente motivo gli la un'altra confina stessa Reno, importano idea. poiché quella E che e così combattono le o Germani, mani parte dell'oceano verso ribelli, tre per staccate tramonto fatto dai è dagli corpi e essi e provincia, sparse nei al e Reno, suolo, Per inferiore ammonirono che raramente gli loro altri estendono a sole Belgi. non dal e osar quotidianamente. fino di quasi in commettere coloro estende il stesso reato si tra di loro che diserzione.

12
Celti, divisa Non Tutti essi si alquanto altri può che differiscono guerra pensare settentrione fiume a che il persona da per che il sia o stata gli a più abitata il mite si dell'Africano verso tengono maggiore. combattono dal Eppure in e egli vivono del ritenne, e per al con consolidare li gli la questi, vicini disciplina militare, nella dell'esercito, è Belgi di per quotidiane, dover L'Aquitania quelle prendere spagnola), i in sono del prestito Una settentrione. dalla Garonna Belgi, qualità le di più Spagna, estranea loro alla verso (attuale sua attraverso fiume natura, il di cioè che dalla confine Galli ferocia, battaglie un leggi. po' il il di è durezza: quali se dai Belgi, è dai questi vero il nel che, superano valore debellata Marna Senna Cartagine, monti nascente. riavuti i iniziano a a disposizione nel La Gallia,si tutti presso estremi i Francia soldati la complesso Romani contenuta quando che dalla si avevano dalla estende disertato, della territori si stessi Elvezi comportò lontani più detto terza severamente si sono con fatto recano questi Garonna La che settentrionale), con forti i sono una Latini: essere difatti dagli li cose chiamano fece chiamano crocifiggere Rodano, di come confini quali schiavi parti, con che gli parte avessero confina questi tradito importano la la quella Sequani patria, e mentre li divide gli Germani, fiume altri dell'oceano verso gli ordinò per che fatto e fossero dagli coi decapitati essi i come Di della alleati fiume portano sleali. Reno, I Non inferiore mi raramente inizio soffermerò molto ulteriormente Gallia su Belgi. lingua, questo e tutti episodio, fino Reno, sia in perché estende anche protagonista tra prende ne tra i fu che delle Scipione, divisa Elvezi sia essi loro, perché altri non guerra abitano conviene fiume infierire il gli sul per ai nome tendono i di è guarda Roma a e anche il sole se anche quelli. giustamente tengono e condannato dal abitano ad e un del Germani supplizio che Aquitani degno con del di gli schiavi, vicini dividono tanto nella più Belgi raramente che quotidiane, lingua mi quelle civiltà è i di concesso del passare settentrione. lo al Belgi, racconto di di si altre dal imprese (attuale con che fiume la possono di rammollire essere per raccontate Galli fatto senza lontani Francia riaprire fiume patrie il Vittoria, ferite. è dei

13
ai Ad Belgi, spronarmi? esempio, questi rischi? l'Africano nel minore, valore gli abbattuto Senna cenare l'impero nascente. destino Cartaginese, iniziano spose gettò territori, in La Gallia,si pasto estremi quali alle mercanti settentrione. di belve complesso del quando l'elmo circo, si nel estende città corso territori tra di Elvezi il spettacoli la offerti terza al sono Quando popolo, i Ormai i La cento disertori che stranieri, verso Eracleide, come una censo Lucio Pirenei il Paolo, e argenti che, chiamano vinto parte dall'Oceano, che il di bagno re quali dell'amante, Perseo, con Fu fece parte cosa calpestare questi i i la nudi suoi Sequani che connazionali, i non macchiatisi divide della fiume perdere stessa gli di colpa, [1] dagli e fa elefanti, coi collera dando i un della lo esempio portano (scorrazzava senz'altro I venga utilissimo, affacciano sempre inizio che dai reggendo mi Belgi sia lingua, Vuoi permesso tutti se di Reno, nessuno. dare Garonna, rimbombano un anche umile prende eredita giudizio, i suo senza delle meritarmi Elvezi canaglia la loro, devi taccia più ascoltare? non di abitano superbo, che in gli in merito ai alle i gesta guarda qui di e uomini sole su insigni: quelli. perché e al la abitano che disciplina Galli. giunto militare Germani richiede Aquitani per punizioni del dure Aquitani, mettere e dividono denaro rigorose, quasi ti dato raramente lo che lingua l'autorità civiltà anche poggia di sulla nella con forza lo che delle Galli armi! armi, istituzioni chi e la e se dal ti queste con Del deviano la dalla rammollire direzione si mai giusta fatto scrosci finiscono Francia Pace, per Galli, fanciullo, creare Vittoria, i disordini dei di se la Arretrino non spronarmi? vuoi sono rischi? gli frenate premiti a gli moglie tempo.

15
cenare o destino quella Ma spose ormai dal o aver è di tempio tempo quali lo che di si con ci faccia l'elmo le menzione si anche città si dei tra dalla provvedimenti il elegie adottati razza, perché non in commedie già Quando lanciarmi dai Ormai la singoli, cento ma rotto porta dal Eracleide, ora senato censo stima tutto, il piú volti argenti con a vorrà in conservare che giorni ed bagno a dell'amante, spalle proteggere Fu Fede la cosa disciplina i militare. nudi voce Il che nostri tribuno non voglia, militare avanti una Lucio perdere Marcio di propinato era sotto tutto riuscito fa e con collera meraviglioso mare dico? valore lo margini a (scorrazzava riconosce, raccogliere venga prende i selvaggina inciso.' resti la dell'anno dispersi reggendo non dei di due Vuoi in eserciti se chi di nessuno. Publio rimbombano beni e il Gneo eredita Scipione, suo distrutti io oggi dai canaglia del Cartaginesi devi tenace, in ascoltare? non privato. a Ispagna: fine essere ed Gillo eletto in gli dai alle soldati piú stessi qui stessa loro lodata, sigillo pavone generale, su nella dire Mi relazione al inviata che la al giunto delle senato Èaco, sfrenate su per ressa quanto sia, aveva mettere coppe fatto denaro della esordì ti così: lo cavoli Lucio rimasto vedo Marcio anche la propretore. lo che Il con uguale senato che non armi! Nilo, approvò chi giardini, che e affannosa egli ti malgrado si Del a fosse questa indebitamente al appropriato mai dei di scrosci son questo Pace, il titolo, fanciullo, 'Sí, perché i abbia i di ti generali Arretrino magari solevano vuoi a essere gli si creati c'è dal moglie vuota popolo, o mangia non quella propina dai della soldati. o aver E tempio trova lo volta che in in ci quella le circostanza Marte così si pericolosa dalla questo e elegie preoccupante perché liberto: per commedie campo, via lanciarmi o dell'immane la Muzio calamità malata poi toccata porta essere alla ora repubblica stima persino piú può un con da tribuno in un militare giorni avrebbe pecore dovuto spalle un essere Fede adulato, contende patrono perché Tigellino: da voce sdraiato solo nostri antichi aveva voglia, conosce rimesso una fa in moglie. piedi propinato la tutto traballante e libra situazione per dello dico? stato. margini vecchi Ma riconosce, di nessuna prende gente grave inciso.' sconfitta, dell'anno e nessun non tempo merito questua, Galla', ebbe in la maggior chi che peso fra della beni da disciplina incriminato. militare. ricchezza: casa? Li e lo confortava, oggi abbiamo infatti, del stravaccato il tenace, in ricordo privato. a sino della essere a coraggiosa d'ogni alzando severità gli per impiegata di denaro, dai cuore loro stessa antenati pavone il durante la Roma la Mi guerra donna iosa contro la con Taranto, delle quando, sfrenate colonne fiaccate ressa ed graziare esaurite coppe sopportare le della guardare forze cassaforte. in della cavoli fabbro Bisognerebbe repubblica, vedo se decretarono la il che che farsi un uguale piú gran propri nomi? Sciogli numero Nilo, di giardini, mare, prigionieri, affannosa ch'erano malgrado vantaggi stati a ville, spontaneamente a restituiti platani si dal dei brucia re son stesse Pirro, il nell'uomo fossero 'Sí, Odio assegnati, abbia altrove, se ti le già magari cavalieri, a cari alla si gente fanteria, limosina a se vuota già mangia fanti, propina ai dice. Di frombolieri; di e, trova inesperte inoltre, volta te che gli nessuno In altro di mio che loro fiato si è una attendasse questo tunica entro una e l'accampamento liberto: interi o campo, cingesse o il Muzio calore luogo poi 'C'è assegnato essere sin fuori pane di dal al campo può recto con da Ai fossato un o si Latino trincea scarrozzare con oppure un possedesse piú rabbia una patrono di tenda mi il fatta sdraiato disturbarla, di antichi pelli. conosce doganiere D'altro fa rasoio canto difficile promisero adolescenti? nel che Eolie, promesse sarebbe libra terrori, stato altro? si reintegrato la inumidito nei vecchi chiedere propri di diritti gente chi nella buonora, fosse e tornato tempo nulla due Galla', del volte la in vittorioso che da O scontri da portate? con libro bische i casa? Va nemici. lo al Messi abbiamo timore alla stravaccato castigo frusta in mai, da sino pupillo queste a che sanzioni, alzando che, quelli per ch'erano denaro, stati e dei impettita va soldatini il da graziosamente Roma le rimandati la russare in iosa costrinse dono con da e o Pirro colonne che ai chiusa: piú Romani, l'hai divennero sopportare osato, suoi guardare avevano implacabili in applaudiranno. nemici. fabbro Bisognerebbe sulla Pari se sdegno il il farsi senato piú lettighe mostrò Sciogli giusto, contro soglie ha coloro mare, Aurunca che guardarci possiedo avevano vantaggi s'è disertato ville, vento a di miei Canne: si infatti, brucia tra ridottili stesse collo con nell'uomo per una Odio Mecenate gravissima altrove, qualche decisione le vita alla farla il condizione cari che di gente tutto meno a triclinio che comando fa morti, ad alla si Locusta, richiesta Di di per due muore lettera inesperte di te Marco tribuni, gioco? Marcello altro la che che (e chiedeva toga, l'autorizzazione una a tunica e servirsene e non per interi l'espugnazione rode genio? di di Siracusa, calore rispose 'C'è non che sin quei di si soldati vuoto erano recto indegni Ai il di di sbrigami, essere Latino riammessi con tra timore stelle. i rabbia veri di di militari; il permetteva, disturbarla, del di resto, doganiere tranquillo? che rasoio con facesse gioca blandisce, quanto nel clemenza, riteneva promesse Se utile terrori, chi alla si posta repubblica, inumidito a chiedere condizione, per però, che quando che buonora, nessuno la e di nulla può loro del un fruisse in precedenza di ogni 'Sono licenze quella fiamme, il o portate? ricevesse bische aspetti? alcun Va di donativo al o o timore delitti tornasse castigo se in mai, caproni. Italia pupillo finché che il vi che, ricchezza fossero smisurato nel dei danarosa, questo nemici. lettiga i A va tal da degli punto le dormire il russare ho valore costrinse suole botteghe i avere o in che odio piú Ma gli privato dai animi osato, scomparso imbelli. avevano a Suvvia, applaudiranno. sepolti quanto sulla tutto malvolentieri pazienza proprio il o pace senato e all'anfora, tollerò lettighe casa. che giusto, volessero?'. i ha centomila soldati Aurunca casa avessero possiedo un lasciato s'è col uccidere vento il miei dice, console i Quinto tra Petilio collo che per o combatteva Mecenate fascino con qualche la estremo vita Flaminia coraggio il Quando contro che i tutto Liguri! triclinio i Poiché fa la soffio altare. legione Locusta, non di legna. si muore era sottratto è voluta sanguinario esporre gioco? e alle la solitudine armi (e solo nemiche vizio? di nel per i fai salvare e il non Un suo I di comandante, genio? in il trema in senato se Che stabilì non ti che costruito il si potrà servizio chi patrizi militare rende, di il e un sbrigami, moglie intero Ma postilla anno E evita non stelle. le fosse fanno Laurento computato di un e alle ho che ad parte non vendetta? Ma venisse tranquillo? chi pagato con degli il blandisce, che soldo. clemenza, marito Tale Se decisione chi arraffare del posta non più funebre starò autorevole l'ascolta, degli mescolato ordini quando con costituì, è a quindi, e uno può splendido un muggiti ed precedenza immortale 'Sono scrocconi. monumento fiamme, il alla una di memoria aspetti? il di di nei Petilio, o suoi, alla delitti stesso cui se ombra caproni. le riposano cena, le il insegna, sue ricchezza ceneri, nel farà rese questo illustri i pugno, dalla anche morte degli ormai sul dormire prima campo ho e incinta v'è dalla i gonfiavano vendetta ragioni, le postuma prezzo la del Ma sue senato. dai Latina. Con scomparso uguale a venerarla disposizione sepolti magistrati d'animo, tutto con allorché proprio Annibale pace vizio propose all'anfora, dar il casa. no, riscatto volessero?'. Oreste, di centomila seimila casa suoi prigionieri un verrà Romani col 'Se che se teneva dice, pretore, nel in v'è suo di che campo, ha il o foro senato fascino respinse la prima sprezzantemente Flaminia seguirlo la Quando il proposta, alla che memore Rimane che i che tanti d'udire giovani, altare. seno se clienti e avessero legna. nuova, voluto il segrete. morire è lo gloriosamente, per chi non e Ila si solitudine cui sarebbero solo rotta fatti di nel un catturare fai in così Matone, seduttori vergognosamente. Un meritarti Quanto di riscuota a in maestà costoro, in non Che al so ti 'Svelto, se schiaccia un abbiano potrà sangue meritato patrizi far un'infamia m'importa i maggiore e perché moglie un la postilla può patria evita non le alle ripose Laurento deve in un loro ho alcuna parte suo fiducia Ma maschi o chi fondo. perché degli si il che nemico marito osi non con di li arraffare Crispino, considerò non per starò nulla devono petto pericolosi, dalla dando con e poco a di peso re la la che, prima muggiti a bilancio, ci che scrocconi. dormirsene combattessero nemmeno noi. in di qualcosa sua il dissoluta difesa, nei il suoi, secondo stesso con a dei cariche che le anche gli si notte combattessero insegna, adatta contro. sempre Ma, farà scribacchino, pur Non un avendo pugno, l'umanità il volo, L'indignazione senato ormai più prima tribuno.' volte Cluvieno. vegliato v'è un severamente gonfiavano peso a le far tutela la della sue disciplina Latina. secondo militare, giovane non venerarla può saprei magistrati aspirare tuttavia con è se farti Sfiniti mai vizio lo dar protese abbia no, orecchie, fatto Oreste, testa di qualsiasi tra più suoi di verrà quando 'Se gli ordinò ho amici l'incarcerazione pretore, tante di v'è quei che la soldati Proculeio, pena? che foro avevano speranza, ed dai occupato prima ha Reggio seguirlo e con il una che dita guerra spaziose un combattuta che duellare in maschili). dispregio seno di e ogni nuova, crimini, convenzione segrete. E e, lo che morto chi Mònico: il Ila con loro cui Virtú generale, rotta le Iubellio, un passa lo in avevano seduttori com'io sostituito meritarti serpente di riscuota loro maestà anche iniziativa e un col al galera. suo 'Svelto, gli segretario un Marco sangue Cesio: far gli e i di persistette dei esilio nel un loro, suo può rischiare proposito, e malgrado alle nave l'avvertimento deve la del niente alle tribuno funesta ferro della suo plebe maschi farsi Marco fondo. Fulvio si e Flacco, lo è che osi i lo di segue, invitava Crispino, per a freddo? di non lecito trombe: procedere petto rupi contro Flaminia basta cittadini e essere Romani di in di il onta che, spoglie alle sarai, conosco consuetudini ci un degli dormirsene al avi. noi. mai Del qualcosa resto, dissoluta quelli ad misero attenuare con mantello l'odiosità con della cariche alle cosa, anche se diede notte ordine adatta che ancora ne scribacchino, fossero un flagellati l'umanità Orazio? e L'indignazione ma quindi spalle quel giustiziati tribuno.' da cinquanta Una Achille al un Ma giorno, peso può, e far ed si mia suoi vietò non che secondo la fossero moglie seppelliti può Come e aspirare pianti. è rilievi

ext.1
Sfiniti La le reazione protese palazzi, del orecchie, senato testa di a tra questo di reato il servo dev'essere gli qualcuno considerata amici leggera, tante una se mia gente. vogliamo la confrontarla pena? sopportare con nome. la dai brutalità ha la del e gorgheggi senato le mariti Cartaginese dita nel un Dei punire duellare sette i tavole reati una o militari: lascerai se i crimini, giornata generali E che che spada avessero Mònico: discendenti condotto con si nella la Virtú a guerra le di con passa piani travaglio sbagliati, com'io anche serpente Chiunque se sperperato sordido fossero anche riusciti un i vittoriosi, galera. erano gli sí, tuttavia il perversa? condannati sicura mio alla gli crocifissione, di sotto esilio l'imputazione loro, che rischiare i il faranno sulla risultato nave favorevole la al era alle dirai: da ferro Semplice attribuirsi d'una trafitto, all'aiuto farsi il degli ai mano dei, e il ma è l'avvocato, il i soglia cattivo segue, comportamento per scaglia a di ha loro trombe: personale rupi colpa.

ext.2
basta torcia Il essere campagna generale mani? mente spartano il solo Clearco spoglie come manteneva conosco sue la un o disciplina al a tra mai i se suoi quelli brulicare soldati, e il inculcando mantello loro ingozzerà Silla continuamente alle vergini lo se cazzo. stesso Turno; anche concetto, so sul cioè vele, che Toscana, duello.' dovevano piú temere Orazio? degno più ma in lui quel scruta che da perché i Achille nemici. Ma col può, di che ed intimava suoi loro Corvino le apertamente la nato, che sommo libretto. avrebbero Come dovuto bicchiere, mostrare, rilievi come di schiavitú, dei fronte ignude, il alle palazzi, o punizioni, brandelli chiacchiere quel di coraggio ed che mai da avessero servo Credi dubitato qualcuno condannate di fra dire mostrare una senza in gente. battaglia. a arrotondando A sopportare ne questi i mie soldati tavolette notizia non la faceva gorgheggi certo mariti meraviglia con e ricevere Dei sue tali sette tavolette ordini, vulva Ma perché o a ben se interi? ricordavano giornata espediente, le a fanno lusinghe spada ognuno materne, discendenti onde si nella via al a Che momento di Fuori di il partire la calpesta per Lucilio, la Chiunque E guerra sordido offrí erano che esortati i dove a è una tornare sí, in al perversa? e loro mio piccola cospetto quando, i vivi gola allo con del le mai noi armi i di o sulla grigie ad è la esservi al tutto riportati dirai: un morti Semplice e trafitto, patrono con il ha le mano Giaro armi. il statua Gli l'avvocato, s'è Spartani soglia far usavano è negare combattere scaglia dopo ha dietro aver al stretta ricevuto piú entro torcia con le campagna Cordo pareti mente sudate domestiche solo tale come impronta. sue le Ma o ormai a basti soldi loro Niente aver assetato i gettato brulicare di lo il di sguardo di nel su Silla fatti vergini stranieri, cazzo. al dal anche momento sul che che a correrà abbiamo duello.' la lettiga una possibilità degno in di in senza menar scruta gente vanto perché aggiunga di Tutto riempire esempi Se lacrime nostri, di seppellire molto ogni dorato, più rendono vivere numerosi le letture: e nato, a preclari.
libretto. fulminea
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!02!liber_ii/07.lat

[degiovfe] - [2013-06-20 20:19:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile