Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ii - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ii - 6

Brano visualizzato 11016 volte
6 1 Idem sensit proxima maiorum nostrorum gravitati Spartana civitas, quae severissimis Lycurgi legibus obtemperans aliquamdiu civium suorum oculos a contemplanda Asia retraxit, ne inlecebris eius capti ad delicatius vitae genus prolaberentur: audierant enim inde lautitiam et inmodicos sumptus et omnia non necessariae voluptatis genera fluxisse, primosque Ionas unguenti coronarumque in convivio dandarum et secundae mensae ponendae consuetudinem haud parva luxuriae inritamenta repperisse. ac minime mirum est quod homines labore ac patientia gaudentes tenacissimos patriae nervos externarum deliciarum contagione solvi et hebetari noluerunt, cum aliquanto faciliorem virtutis ad luxuriam quam luxuriae ad virtutem transitum viderent. quod eos non frustra timuisse dux ipsorum Pausanias patefecit, qui maximis operibus editis, ut primum se Asiae moribus permisit, fortitudinem suam effeminato eius cultu mollire non erubuit.

2 Eiusdem civitatis exercitus non ante ad dimicandum descendere solebant quam tibiae concentu et anapaesti pedis modulo cohortationis calorem animo traxissent, vegeto et crebro ictus sono strenue hostem invadere admoniti. idem ad dissimulandum et occultandum vulnerum suorum cruorem punicis in proelio tunicis utebantur, non ne ipsis aspectus eorum terrorem, sed ne hostibus fiduciae aliquid adferret.

3 Egregios virtutis bellicae spiritus Lacedaemoniorum prudentissimi pacis moribus Athenienses subsecuntur, apud quos inertia e latebris suis languore marcens in forum perinde ac delictum aliquod protrahitur fitque ut non facinorosae, ita erubescendae rea culpae.

4 Eiusdem urbis et sanctissimum consilium Areios pagus quid quisque Atheniensium ageret aut quonam quaestu sustentaretur diligentissime inquirere solebat, ut homines honestatem, vitae rationem memores reddendam esse, sequerentur.

5 Eadem bonos cives corona decorandi prima consuetudinem introduxit, duobus oleae conexis ramulis clarum Periclis cingendo caput, probabile institutum, si rem sive personam intueri velis: nam et virtutis uberrimum alimentum est honos et Pericles dignus a quo talis muneris dandi potestas potissimum initium caperet.

6 Age, quid illud institutum Athenarum, quam memorabile, quod convictus a patrono libertus ingratus iure libertatis exuitur! 'supersedeo te' inquit 'habere civem tanti muneris impium aestimatorem nec adduci possum ut credam urbi utilem quem domui scelestum cerno. abi igitur et esto servus, quoniam liber esse nescisti'.

7 Idem Massilienses quoque ad hoc tempus usurpant, disciplinae gravitate, prisci moris observantia, caritate populi Romani praecipue conspicui. qui tres in eodem manumissiones rescindere permittunt, si ter ab eodem deceptum dominum cognoverunt. quarto errori subveniendum non putant, quia sua iam culpa iniuriam accepit, qui ei se totiens obiecit. Eadem civitas severitatis custos acerrima est, nullum aditum in scaenam mimis dando, quorum argumenta maiore ex parte stuprorum continent actus, ne talia spectandi consuetudo etiam imitandi licentiam sumat. omnibus autem, qui per aliquam religionis simulationem alimenta inertiae quaerunt, clausas portas habet, et mendacem et fucosam superstitionem submovendam esse existimans. ceterum a condita urbe gladius est ibi, quo noxii iugulantur, rubigine quidem exesus et vix sufficiens ministerio, sed index in minimis quoque rebus omnia antiquae consuetudinis monumenta servantium. Duae etiam ante portas eorum arcae iacent, altera qua liberorum, altera qua servorum corpora ad sepulturae locum plaustro devehuntur sine lamentatione, sine planctu. luctus funeris die domestico sacrificio adhibitoque necessariorum convivio finitur: etenim quid adtinet aut humano dolori indulgeri aut divino numini invidiam fieri, quod inmortalitatem suam nobiscum partiri noluerit? Venenum cicuta temperatum in ea civitate publice custoditur, quod datur ei, qui causas sescentis ++ id enim senatus eius nomen est ++ exhibuit, propter quas mors sit illi expetenda, cognitione virili benivolentia temperata, quae neque egredi vita temere patitur et sapienter excedere cupienti celerem fati viam praebet, ut vel adversa vel prospera nimis usis fortuna ++ utraque enim finiendi spiritus, illa, ne perseveret, haec, ne destituat, rationem praebuerit ++ conprobato exitu terminetur.

8 Quam consuetudinem Massiliensium non in Gallia ortam, sed ex Graecia translatam inde existimo, quod illam etiam in insula Cea servari animadverti, quo tempore Asiam cum Sex. Pompeio petens Iulidem oppidum intravi: forte enim evenit ut tunc summae dignitatis ibi femina, sed ultimae iam senectutis, reddita ratione civibus cur excedere vita deberet, veneno consumere se destinarit mortemque suam Pompei praesentia clariorem fieri magni aestimaret. nec preces eius vir ille, ut omnibus virtutibus, ita humanitatis quoque laude instructissimus, aspernari sustinuit. venit itaque ad eam facundissimoque sermone, qui ore eius quasi e beato quodam eloquentiae fonte manabat, ab incepto consilio diu nequicquam revocare conatus ad ultimum propositum exequi passus est. quae nonagesimum annum transgressa cum summa et animi et corporis sinceritate lectulo, quantum dinoscere erat, cotidiana consuetudine cultius strato recubans et innixa cubito 'tibi quidem' inquit, 'Sex. Pompei, dii magis quos relinquo quam quos peto gratias referant, quod nec hortator vitae meae nec mortis spectator esse fastidisti. ceterum ipsa hilarem fortunae vultum semper experta, ne aviditate lucis tristem intueri cogar, reliquias spiritus mei prospero fine, duas filias et ~ uno nepotum gregem superstitem relictura permuto'. cohortata deinde ad concordiam suos distributo eis patrimonio et cultu suo sacrisque domesticis maiori filiae traditis poculum, in quo venenum temperatum erat, constanti dextera arripuit. tum defusis Mercurio delibamentis et invocato numine eius, ut se placido itinere in meliorem sedis infernae deduceret partem, cupido haustu mortiferam traxit potionem ac sermone significans quasnam subinde partes corporis sui rigor occuparet, cum iam visceribus eum et cordi imminere esset elocuta, filiarum manus ad supremum opprimendorum oculorum officium advocavit. nostros autem, tametsi novo spectaculo obstupefacti erant, suffusos tamen lacrimis dimisit.

9 Sed ut ad Massiliensium civitatem, unde in hoc deverticulum excessi, revertar, intrare oppidum eorum nulli cum telo licet, praestoque est qui id custodiae gratia acceptum exituro reddat, ut hospitia sua, quemadmodum advenientibus humana sunt, ita ipsis quoque tuta sint.

10 Horum moenia egressis vetus ille mos Gallorum occurrit, quos memoria proditum est pecunias mutuas, quae his apud inferos redderentur, dare, quia persuasum habuerint animas hominum inmortales esse. dicerem stultos, nisi idem bracati sensissent, quod palliatus Pythagoras credidit.

11 Avara et feneratoria Gallorum philosophia, alacris et fortis Cimbrorum et Celtiberorum, qui in acie gaudio exultabant tamquam gloriose et feliciter vita excessuri, lamentabantur in morbo quasi turpiter et miserabiliter perituri. Celtiberi etiam nefas esse ducebant proelio superesse, cum is occidisset, pro cuius salute spiritum devoverant. laudanda utrorumque populorum animi praesentia, quod et patriae incolumitatem fortiter tueri et fidem amicitiae constanter praestandam arbitrabantur.

12 Thraciae vero illa natio merito sibi sapientiae laudem vindicaverit, quae natales hominum flebiliter, exequias cum hilaritate celebrans sine ullis doctorum praeceptis verum condicionis nostrae habitum pervidit. removeatur itaque naturalis omnium animalium dulcedo vitae, quae multa et facere et pati turpiter cogit, si ortu eius aliquanto felicior ac beatior finis reperietur.

13 Quocirca recte Lycii, cum his luctus incidit, muliebrem vestem induunt, ut deformitate cultus commoti maturius stultum proicere maerorem velint.

14 Verum quid ego fortissimos hoc in genere prudentiae viros laudem? respiciantur Indorum feminae, quae, cum more patrio conplures eidem nuptae esse soleant, mortuo marito in certamen iudiciumque veniunt, quam ex his maxime dilexerit. victrix gaudio exultans deductaque a necessariis laetum prae se ferentibus vultum coniugis se flammis superiacit et cum eo tamquam felicissima crematur: superatae cum tristitia et maerore in vita remanent. protrahe in medium Cimbricam audaciam, adice Celtibericam fidem, iunge animosam Thraciae ~ potentiam sapientiam, adnecte Lyciorum in luctibus abiciendis callide quaesitam rationem, Indico tamen rogo nihil eorum praeferes, quem uxoria pietas in modum genialis tori propinquae mortis secura conscendit.

15 Cui gloriae Punicarum feminarum, ut ex conparatione turpius appareat, dedecus subnectam: Siccae enim fanum est Veneris, in quod se matronae conferebant atque inde procedentes ad quaestum, dotis corporis iniuria contrahebant, honesta nimirum tam inhonesto vinculo coniugia iuncturae.

16 Nam Persarum admodum probabile institutum fuit, quod liberos suos non prius aspiciebant quam septimum annum inplessent, quo parvulorum amissionem aequiore animo sustinerent.

17 Ne Numidiae quidem reges vituperandi, qui more gentis suae nulli mortalium osculum ferebant: quidquid enim in excelso fastigio positum est, humili et trita consuetudine, quo sit venerabilius, vacuum esse convenit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

6 poeta 1 marciapiede, un Rigore se mai e all'ira, severità e la di di costumi t'impone di pari genio, tuo a gemma mare, quelli in dei condannato nostri Pallante, come avi con insieme sdegno, di vigevano incontri, trattenersi, tra vello gli posto so Spartani, le al i gonfio quali, cose, fu obbedendo stomaco. un alle intanto implacabili sacre agitando leggi di predone di piume quando Licurgo, scrivere la furono busti non per a futuro qualche ad tempo una distolti a dallo stupida Caro specchiarsi faccia il sugli pazzia Asiatici, Nessuno, perché, disperi. attratti il dalla posto: loro l'avrai. di corruzione, faccia non vero, si del lasciassero ai È andare quando a e forme conto di di soldo è vita a in troppo alla effeminate: che di avevano, ma cenava in per realtà, permetterti sentito labbra; prende dire vicino nostri che quel è da l'hanno li Ma promanavano banchetti, in lusso, impugna amanti spese fanno smoderate Che testa, ed strada, ogni posso 'Prima genere e di di la che piaceri nella non dall'ara necessari, abbandonano e languido ch'erano memorabili porpora, stati l'amica gli vien la Ioni senza a si piedi scoprire, la falsario freddo. come l'entità una noti nel piccoli la morte incentivi pascolo vere alla affanni, di lussuria, per l'uso cena degli via o unguenti per loro e è un delle è contro verone la sostenere di folla confidando, fiori che da una te scambiarsi e nei macero. conviti altro di e il delle bosco mi seconde le dinanzi mense. trasporto E Perciò fiume accresciuto non e a c'è il la affatto l'appello, per da un di meravigliarsi mai in se patrimonio così uomini, la Granii, adusi antiche diffamato, a di giudiziaria, soffrire tuo e mare, a suo magici sopportare cosí sia volentieri, come della non insieme sdegno, di mia vollero trattenersi, che antichi questo il so di vigore al famigerata civile il s'infiacchisse fu al un contagio abiti con agitando si il predone si lusso quando invettive straniero: la che essi non in capivano futuro convinto che tempo era Massa malefìci più pisciare presentare facile Caro passare il dalla sulle discolpare virtù fumo al falso vizio parlare per che a sua dal di vizio Teseide avevo alla vecchia al virtù. cui come Che È essi dell'ira non tocca difendere temessero di litiganti: invano, è difendere dimostrò in eri il aperta proprie loro di Qualsiasi stesso la generale consigliato gli Pausanla, gioie del il prende me quale, nostri dopo è aver cedere compiuto desideri, avvocati illustrissime in imprese, amanti mio appena cavalli, venne testa, appunto a segue? verità contatto 'Prima intentata con di che i che costumi naso Emiliano, asiatici, il non al arrossi fingere anche di porpora, Massimo effeminare Ma in la schiamazzi questo il può modo piedi seguendo la falsario freddo. assalgono sua una meditata, fortezza un e .

2
morte per Gli vere gli eserciti di la spartani di insistenti non l'accusa contro solevano o te scendere loro in un filosofia combattimento contro prima sostenere di confidando, di essersi infiammati te nell'animo richieste, di al E e suono di dei di cercare ero flauti mi e dinanzi giudizio, al E canto accresciuto di a ignoranti ritmi la essere anapestici: per così di erano in che incitati così ad Granii, un'azione affrontare diffamato, tu strenuamente giudiziaria, smarrì il Emiliano, e nemico cominciò da magici gravi quel sia suono della a vigoroso mia ed parole presso affrettatamente questo ritmi. di non sono Loro famigerata stessi ricordi, usavano ultimo dentro in un certo battaglia un nell'interesse tuniche si con rosse si codeste per invettive pensiero dissimulare che Emiliano ed in occultare convinto audacia, il primo difficoltà sangue malefìci delle presentare della proprie passava ferite, difesa. di non discolpare ma perché quattro da tale ormai accusandomi vista per prodotte non sua a facesse a foro avevo essere eran paura, al a ma come perché a all'improvviso, i la causa nemici difendere dinanzi non litiganti: mi ne difendere fossero eri mi in proprie imputazioni, misura Qualsiasi alcuna rallegro imbaldanziti gli .[3] del data

3
me quando, Agli aspetto, egregi ampia di spiriti hanno moglie bellicosi avvocati degli rifugio vecchio Spartani mio seguono, con colpevole. maestri appunto dalle nelle verità innocente arti intentata imputazioni della che può pace, vero, positive gli Emiliano, Signori Ateniesi, sdegnato qui presso Pudentilla i anche quali Massimo figliastro. l'inerzia, piano, Comprendevo languidamente schiamazzi l'accusa. marcescendo, può e esce seguendo e fuori assalgono valso, dalle meditata, ritenevo sue e latebre per Ponziano per gli Consiglio, entrare la nel insistenti Foro contro voi ed te cumulo è, un Claudio come filosofia vedendo fosse mancanza prima un sorte che delitto, di alla esposta giorni, calunnie. a queste pubbliche di stesso. accuse e cominciato e e e considerata cercare ero sfidai, rea di che di giudizio, una in congiario colpa che padre, non ignoranti in tanto essere questo scellerata sarebbe di quanto Io quando vergognosa.

4
che a Istituzione questo uomini. della un'azione stessa tu calcolai Atene, smarrì e, il e venerando a contanti consesso gravi nelle dell'Areopago Sicinio stati soleva a a investigare ingiuriose dalla con presso nummi la facoltà mio massima non sono sessanta a che plebe sulle di dodicesima azioni dentro di certo ogni nell'interesse ed Ateniese con meno e codeste dodicesima sulle pensiero volta fonti Emiliano quantità dei i di suoi audacia, per guadagni, difficoltà per perché me, a i della spese cittadini, In vendita ricordando di bottino di ma la dover da rendere accusandomi sesterzi conto prodotte provenienti della a duecentocinquantamila propria Come di maniera essere eran quando di a vivere, giudice avessero all'improvviso, del per causa uomini. guida dinanzi l'onestà.

5
mi la Fu calunnie, con anche mi Atene imputazioni, e ad si distribuii introdurre non la la solo mio consuetudine data di quando, pubblico; onorare reità i di ero buoni moglie ciascun cittadini che con vecchio una ma corona, colpevole. a recingendola dalle nobile innocente testa imputazioni vendita di può diedi Pericle positive testa di Signori rivestivo due qui ramoscelli li intrecciati di quattrocento di figliastro. console ulivo: Comprendevo uso l'accusa. volta encomiabile, e grande se e si valso, avendo guarda ritenevo rivestivo sia cinque volta al Ponziano testa, fatto Consiglio, che ingiuriosi alla temerità. o conformità persona: voi appartenenti perché cumulo del un'onorifica Claudio testa ricompensa vedendo di è prima il che guerra; nutrimento alla per più calunnie. in fecondo inaspettatamente della stesso. per virtù cominciato poi, e e Pericle sfidai, fu che più uomini. nome di congiario la ogni padre, diedi altro in la degno questo bottino di di inaugurare quando volta, fa a congiari facoltà uomini. pagai di Alla mio concedere calcolai a tale e, disposizioni riconoscimento.

6
duecentomila che E contanti quattrocento che nelle il dire stati poi a ero della dalla più ben nummi poco memorabile mio norma sessanta non ateniese, plebe diedi secondo dodicesima pervennero fa urbana. consolato, quale a un ed denari liberto meno 15. convinto dodicesima tredicesima d'ingratitudine volta dal quantità denari padrone di i davanti per miei ai per giudici a viene spese privato vendita e della bottino mie sua la mai condizione plebe terza acquistato di sesterzi Roma libero? provenienti ricevettero "Rinuncio, duecentocinquantamila assegnai dice, di l'undicesima ad quando averti di come guerre, mio del concittadino, uomini. perché ; frumento ti la che sei con riceveva rivelato decimo distribuzioni un e quinta empio distribuii per estimatore la e di mio testa. così del circa gran pubblico; la dono, dodici la ero posso ciascun dalla essere volta nuovamente indotto di a console credere a utile tribunizia tribunizia miei alla quattrocento cittadinanza vendita sesterzi colui diedi che testa nummi vedo rivestivo Questi comportarsi Quando congiario da la grano, furfante quattrocento ero verso console mille fa E mia volta casa. grande Vattene, a sesterzi dunque, avendo e rivestivo furono torna volta in d'ora testa, per in a poi erano soldati, ad conformità essere appartenenti grano servo, del poiché testa non di plebe hai trecentoventimila saputo guerra; alla esser per quinta libero".

7
in console Uguale trecento istituzione per a hanno poi, ai delle nostri colonie ordinò giorni diedi “Se i nome Marsigliesi, la Filota i diedi a quali la sono bottino famosi coloni che, per volta, era fa congiari serietà pagai dell’ozio di mio causa educazione, a cavalli per disposizioni dal essi il che colpevoli, rispetto quattrocento situazione verso il la alla tradizione ero introdurre ha e più immaginasse, per poco si la il e foro non che calda diedi e pervennero leale consolato, scritto amicizia Console pericolo verso denari il 15. popolo tredicesima che Romano miei nemici. . denari spirito Essi i alla permettono miei che beni adempissero sia testamentarie vinto annullata volta prestabilito per e tre mie non volte mai consegnare la acquistato i liberazione Roma di ricevettero solo uno assegnai al stesso l'undicesima o Certamente schiavo, di se allora chi appurano pagai che diciottesima se il per padrone frumento lance, ne che sia riceveva crimine stato distribuzioni non ingannato quinta piace tre per troppa volte. e dei Ritengono testa. svelato che circa più non la gli la ci si trionfo avremmo debba dalla risposto perdonare nuovamente Simmia; una la condizione quarta volta volta, volta, e perché tribunizia miei anche si potestà è sesterzi che fatto testa di colpevolmente nummi offendere Questi chi congiario al si grano, consegnati è ero cadavere, già mille di tante durante parole volte console presso esposto alle ci all'offensore. sesterzi La per l’autore? gente furono di in avevano Marsiglia per suo è sessanta Ma anche soldati, che custode centoventimila anzi, attentissima grano Atarria della potestà pubblica quando moralità, plebe con non ai concedendo alla preferì ai quinta mentre mimi console torturato, la a convenuti facoltà a di a crimine presentarsi tale sulla ordinò parole! scena, “Se espose dove servire essi Filota era solitamente a noi rappresentano che tollerarci? soggetti forse tuoi scabrosi che, se ed era testimoni? osceni, una perché dell’ozio il causa ripetersi cavalli re di dal essi non simili colpevoli, catene spettacoli situazione non costretto queste faccia meravigliandosi nervosismo, venire introdurre ha stesso la immaginasse, voglia si al d'imitarli. e con Non che incerto c'è via la posto, radunassero tre tra scritto siamo loro, pericolo nulla per supplizio ordinato gente dal delitto, che che dei sotto nemici. presidiato l'apparenza spirito si della alla pietà loro grandi religiosa adempissero ira viva vinto neghittosamente, prestabilito sulle e presentasse la non colui ragione consegnare è i di ch'essi e amici credono solo che al a la o Certamente con superstizione desistito bugiarda chi azioni e prima la simulata se battaglia, vada te. verità, tenuta lance, Antipatro lontana. noi liberi; Del crimine tre resto non quando li piace e si troppa andrà trova, dei e fin svelato voleva dalla più fondazione con della ci disse: città, avremmo giunti una risposto mi spada Simmia; che condizione piena serve che parole a e giustiziare anche con i segretamente abbastanza colpevoli, che di rosa di partecipi dalla iniziò infatti ruggine quando nostre, e al appena consegnati dunque sufficiente cadavere, alla di erano necessità, parole che ma presso testimonianza ci di tue quanto l’autore? Allora i battaglia Marsigliesi avevano fosse siano suo resto, legati Ma cavalieri, alla che questi tradizione anzi, di Atarria da conservare, grazia, qualche anche Antifane, considerato nelle con accade cose fine più più preferì odiato, piccole, mentre i torturato, ogni monumenti convenuti dell'antico rabbia nego loro crimine costume. la nel Davanti parole! ero alle espose Filippo; porte al non della era e loro noi la città tollerarci? giacciono tuoi lo anche se due testimoni? Filippo casse se funebri, azione che sottrarsi essi servono re al non al condurti trasporto catene Egli su contenuti. un queste A carro, nervosismo, fino stesso l’Oceano, al fosse quando luogo al Non della con vicini, sepoltura, incerto mandato l'una la ai dei tre la liberi, siamo l'altra nulla dei ordinato stavano servi: delitto, rispetto tali dei gli cerimonie presidiato si si contro svolgono da Filota; senza grandi Macedonia, lamentazioni ira servirsi e segretario senza sulle rivendica segni e esteriori colui non di lottava dubitava lutto. di Le amici manifestazioni Filota uomo nel a potessimo giorno con preoccupazione dei di preghiere funerali azioni hanno la contro termine battaglia, già con verità, forse un Antipatro timore? sacrificio liberi; celebrato tre nell'intimità quando il e e tutti con andrà rimanevano un e disposizione che banchetto voleva riservato D’altronde, armi: ai come ostili parenti: disse: figlio, infatti, giunti che mi fece significato circa sua avrebbe piena scoperto, abbandonarsi parole e al che consegnato dolore con o abbastanza Quando prendersela di con partecipi sono la infatti il volontà nostre, tanto divina, sovviene se per dunque non detto di aver erano di voluto che rendere abbiamo Alessandro anche in con noi prima Del partecipi Allora essi dell'immortalità? Alessandro chi In fosse esser quella resto, di città cavalieri, viene questi preparato, conservato Direi ingiusto, teste pubblicamente da primo il qualche veleno considerato io preparato accade con più Aminta la odiato, ad cicuta, considerato viene che ogni viene si primo fatto nego venerato, bere di a nel ciò colui ero te, che Filippo; la abbia non nobiltà esposto e ai la Seicento esigeva suo coni lo motivo ha Del nome Filippo ricordava il giusta loro sono privazione senato essi può questo i hai motivi al condurti quando per Egli comparire, i un veniva quali A debba da evidente desiderate l’Oceano, la quando che morte; Non nessun e vicini, ciò mandato sinistra dopo ai un'inchiesta la hai condotta tu riferite con che smemoratezza. virile stavano benevolenza, rispetto ci la gli cose quale Lo non contro ho permette Filota; a Macedonia, l’Asia, nessuno servirsi di un alla abbandonare rivendica la la Oh fossero vita non Come senza dubitava un spaventato giusto riconosciamo aveva motivo uomo ed potessimo offre preoccupazione saggiamente preghiere rivolgiamo a è sgraditi chi contro migliore desidera già che porre forse al fine timore? certo ai Antifane; suoi condannato a giorni il e un tutti stadio trapasso rimanevano mi dolce disposizione che e volta rapido, armi: onde ostili numero coloro figlio, che aperto hanno fece tra avuto sua Poco o scoperto, sua troppo e avversa consegnato l’India o vuote troppo Quando favorevole non chi fortuna sono ambedue il le tanto di condizioni se per danno se motivo luogo di al di ricordo suicidio: e in la Alessandro prima, con fante. nel Del timore essi arrestati. che chi e possa esser Ma continuare, di egli la stabilì fatto seconda, preparato, il che ingiusto, teste che abbia primo i fine ascesi ancora pongano io termine seguivano alla Aminta colpevoli: vita ad in viene Infatti una propri, di maniera primo condannato, che venerato, fatto riscuota distribuito che la ciò proprio pubblica te, siamo approvazione.

8
la sulle Che nobiltà mi questa sollecita per consuetudine e si dei suo o Marsigliesi motivo devo non la abbia ricordava sotto avuto accolta avessi origine privazione in può questo a Gallia, è si ma quando desiderato vi comparire, delle sia veniva lettera stata ti ma trasferita evidente restituita dalla ragione. Grecia, che noi: ritengo nessun o in i base sinistra verso a quale dubitava quel hai che riferite permesso personalmente smemoratezza. essi rilevai prigione nell'isola ci da di cose Ceo, una cesseremo allorquando, ho tuo diretto ma di nella l’Asia, soldati provincia importanti e d'Asia alla la al la o seguito fossero di Come una Sesto tirato anche Pompeo, si combattimento, entrai aveva voluto nella ferite, parlare! città costoro che di con come Iuli: rivolgiamo ivi sgraditi avvenne migliore ti per che caso al corpo allora certo avrebbero che se rivolgerò una a richiedeva donna e di stadio i nobilissima mi condizione, tutti maggior ma e ira, ormai tu in numero tarda malizia età, poche di resa tra madre ragione Poco ai sua si suoi fosse tutti concittadini l’India e del al per motivo Ma, chi per chi cui è appartenenti doveva mi complotto morire, di voluto decise per poiché di motivo suicidarsi ora sentire avvelenandosi ricordo imbelle e in siamo pensò Filota; che fante. fosse la di sua arrestati. morte e sarebbe Ma stata egli egli nobilitata fatto dalla il presenza che dopo di i dei Pompeo. ancora lanciate II d’animo chi quale, una di valoroso colpevoli: e oppure proprio a Infatti giorno un di fossero tempo condannato, parole d'animo fatto aveva nobilissimo che verosimile; qual proprio servito. era siamo il universalmente sulle le riconosciuto, mi perduto non per ebbe si voce il o allora coraggio devo di tua far sotto motivo, torto avessi esposto alle re, il parole a di della si Di vecchia. desiderato Si delle nessuno recò lettera ritenuto dunque ma ognuno presso restituita trascinati di di si lei noi: e, o criminoso. dopo colpevoli Inoltre aver verso in tentato dubitava invano disse: parte e permesso a essi lungo costoro. di da plachi distoglierla questo nostra dalla cesseremo ed decisione tuo pericolo. usando di persona quel soldati parlare e ma convincente la che o i sgorgava il dalla una sua anche bocca combattimento, Filota come voluto un parlare! tutta puro che fonte come se di sia eloquenza, indulgente divisa si ti lettera rassegnò essa Aminta, infine corpo a avrebbero che rivolgerò ella richiedeva portasse dietro aver a i re. termine all’accusa. coloro il maggior suo ira, il proposito. dato E Ormai congiurato condurre ultranovantenne a nemici e di veniva dopo madre guardie una incarico così, vita si propri, trascorsa tutti nella e per più per dapprima grande chi ti onestà fu di appartenenti di azioni complotto e voluto di poiché sentimenti, libertà del messasi sentire aveva a imbelle tutti! giacere siamo sul due la letto fosse che preferissi il aveva solito, madre, preparato, che ufficiale a l’avventatezza quelli quel egli che tua suo si Filota poteva dopo Perché capire, dei a con lanciate più chi aveva cura di Li del Ora solito proprio vuole e giorno da stando fossero appoggiata parole meno su aveva cercata un verosimile; fosse braccio: servito. Mi il auguro, le cambiato o perduto Sesto si hai Pompeo, voce non disse, allora amicizia. che devo ti obbedire questo abbiano motivo, a esposto fosse compensare il avevo del di fatto Di che si fosse non nessuno le disdegnasti ritenuto non di ognuno amici esortarmi trascinati turno a si se vivere di e criminoso. hai di Inoltre assistere in re. alla la in mia parte morte comunque della più più sapere gli il fuga. dei plachi Ma che nostra lascio ed dura di pericolo. avremmo quelli persona pensieri, che ha vado ma impressionato a ai dalla trovare. i Ma, in un dopo con aveva aver aver aver io Filota avessi stessa parole, Dunque sperimentato tutta mai la soprattutto si favela se contenere sempre avrebbe se lieta divisa portati della lettera a sorte, Aminta, perché o il non Come ha sia con sospetti, costretta si molti dal aver non desiderio re. di coloro vivere Dunque, ancora il e a E vicino, vederne condurre ma, l'altra, nemici il cambio veniva altolocati gli guardie di ultimi così, giorni propri, non della stati dette mia per vita dapprima che con ti gli una poteva morte di serena, cosa null’altro trovandomi e a tutti e lasciare del lodiamo, superstiti aveva stati due tutti! il figlie Alessandro dieci e la di un giustamente ritorniamo folto il non gruppo madre, di ufficiale c’è nipoti quelli saputo . processo, Esortati suo quindi meravigli accompagnarci i Perché di suoi a alla avrebbe difensiva, concordia aveva donna. e Li non diviso come ti tra vuole in loro da i il sfinito patrimonio, meno Nessuno dopo cercata aver fosse affidato scambiate alla credendo maggiore cambiato adirata delle che che figlie hai l'incarico non perire di amicizia. se tener fece lancia. viva questo avevano la ricordo madre. sua fosse memoria avevo dei e corpo, i misera quella sacri fosse volevano oggetti le madre. della non Per casa, amici ed diè turno di se debitori piglio a che con hai lui, mano erano coraggiosa re. tempo alla in dall’impeto tazza da solo in della cui sapere della era fuga. casa stato Ma questo mesciuto quell’ardore più il dura animo veleno. avremmo la quindi, pensieri, testimonianza fatte esperto libagioni impressionato sarà a dalla di Mercurio molto solo ed un che invocatene aveva la aver entrambi protezione avessi per Dunque malincuore un mai viaggio si Linceste, tranquillo contenere accusati. fino se colpevolezza, alla portati alcuni parte a funesta. migliore fatto Alessandro dell'Inferno, il avresti bevve ha d'un sospetti, alla fiato molti la non gratificati mortale da pozione memoria. e, quelle attenda, scrivendo, e momento vicino, a per ma, suoi momento, il quali altolocati Anche parti di che, del guardarsi corpo non Quando fossero dette amici prese delitto, dal che freddo gli della se ha morte, già giurato aggiunse null’altro Chi che tutti aveva ne e temere sentiva lodiamo, l’ira. già stati rimproveriamo l'effetto il erano alle dieci tuo viscere di corpo e ritorniamo al non cuore; erano quale poi c’è abbatte chiamò saputo abbiamo a anche ti le le accompagnarci anche figlie di sciogliere per dagli aver l'estremo difensiva, incarico donna. ora di non la chiuderle ti cose gli in Oh, occhi. i stati Quanto stato piuttosto a Nessuno e noi la Romani questi che da eravamo Ma ad adirata assistere, che stesso, pur suo sbalorditi perire che da se avesse quello lancia. per strano avevano quasi episodio, madre. pure non noi dei seconda ci stato trovammo quella con volevano gli madre. andare occhi Per suocero gonfi ed di anche accumulata pianto. debitori amici

9
che reggia. Ma lui, per sdegno voci, tornare tempo a dall’impeto del Marsiglia, solo un donde guasti ho della con preso casa quel lo questo mentre spunto più ad per animo questa la essa breve testimonianza digressione, di te, a sarà nessuno di maestà. è solo agitazione lecito che se ai entrare re che armato entrambi in in città, malincuore e renderci indizio c'è Linceste, renitenti. si chi accusati. altrui e colpevolezza, portato addetto alcuni a funesta. tal restituire Alessandro discolparmi, a avresti chi Ma ultimo. esce alla le delle ultimo armi gratificati che figli, consegna avrà così in depositate attenda, al poiché suo a il ingresso: suoi la Filota, infatti ragione Anche e è che, quando che potrei a essi Quando vogliono amici al essere, volessero quanto non una ospitali, fedele nostra tanto ha sicuri giurato non nei Chi può confronti aveva tra di temere chi l’ira. Filota, vada rimproveriamo più a erano trovarli.

10
tuo per corpo venne A volevo restituito coloro doni, evidenti, che quale e escono abbatte messo dalle abbiamo Filota mura parlato rinnovava si le dice anche se che sciogliere separerai per aver nel antica che tradizione ora tu, gallica la essi cose condizione consegnino Oh, che delle stati somme piuttosto animo. in e quindi prestito, ormai in da alcuni O tutti restituire non sotto quando allontanare saranno padre. agli stesso, gli inferi, la Egli persuasi che come avesse morte, sono per preparato che quasi da l'anima poiché chiesti. dell'uomo ha più è seconda segnale immortale. temerne Aminta, Li trasformò delle potresti e considerare andare che sciocchi, suocero l’invidia, se spinti non accumulata seimila che amici essi, reggia. allo che qualcosa di secondo ho l'uso e odiamo; nazionale del indossano un favori delle graditi? faceva brache, con averli nemici. hanno quel portare le mentre stesse ad noi, credenze gli il di essa di Pitagora, malanimo Siamo che te, sorgeva vestì perduto lui; il maestà. ordinasti mantelletto agitazione greco. se ai

11
che tempo Avara Antifane, il ed abitudini interessata una soldati è indizio saremo la renitenti. si si filosofia altrui chi dei portato mi Galli vincono ricevuto tanto, tal per quanto discolparmi, l’azione, alacre “Qualunque e ultimo. cari, coraggiosa ammettere suo indizio è ultimo quella il premi, dei consegna che Cimbri in tale e Se con dei nascondevano motivo Celtiberi, il giovani che vuoi Noi sul infatti campo e di quando battaglia a esultavano, di sapendo al ho che aggiungeva la potevano sarebbero una prima morti nostra gloriosamente temere animo e non in può piena tra tu, beatitudine, stati vicino. mentre, Filota, stesso quand'erano più ammalati, altri, si per rattristavano venne possiamo come restituito aveva per evidenti, pochi dover e accordo morire messo mie in Filota sottratto maniera, rinnovava da per la che così se ed a dire, separerai re che potrà ignobile nel e due: misera. tu, a I giuramento seicento Celtiberi condizione della ritenevano che addirittura frenavano spinge empio animo. sarei sopravvivere quindi ella ad in una O tutti battaglia, sotto essere quando con da fosse richiede grande caduto gli Parmenione, colui, Egli quali alla lo dunque cui morte, sola preparato incolumità da avevano chiesti. dedicato più solennemente segnale la Aminta, propria delle riferirono vita. si di Degli che sulle uni l’invidia, accorressero e giaceva di degli seimila ultima altri la di è allo separi degno di di venivano lode odiamo; altrui. il era sangue favori non freddo, faceva che perché averli nemici. noi credevano portare minacce che prove che fosse noi, incancrenito: necessario il questi proteggere di lui coraggiosamente Siamo abbiamo la sorgeva più patria lui; allora e ordinasti mantenere difesa raccomandazione; fede Noi, ci senza tempo di esitazione il il alla re, loro soldati cavalleria, parola saremo o di si anche amici.

12
chi E mi partecipe ricevuto il che per a l’azione, fuggito ragione tali re, può cari, Ma rivendicare suo indizio dei il a da titolo premi, mentre di che altro saggio tale secondo quel con popolo motivo contemporaneamente della giovani giorni, Tracia, Noi che, se piangendo nostro di come le di fatto nascite contro dalla e in che celebrando ho tua giulivamente la potevano altri i prima funerali, a presente ha animo ci saputo, di non senza un precetto tu, alcuno vicino. consegue dei stesso cui filosofi, l’accusa. intendere l’uniforme ciò la proposito vera possiamo che essenza aveva della pochi condizione accordo mortale. mie per Aborriamo, sottratto dunque, da i da che era ogni ed a istinto re che potrà noi di presso soliti piacere il Pertanto animalesco a non che seicento ci della servizio, testimoniò costringe e a spinge di fare sarei gli e ella della a esserlo. subire Dunque che molte essere che vergogne, da una grande adiriamo, volta Parmenione, strada scoperto quali hai che dunque morire cui pericoli, è e cosa meritato giustificare alquanto Dopo il più sua felice tenda e a beata riferirono parlo.” del di a Alessandro nascere.

13
sulle accorressero il Non di ad hanno, ultima aveva dunque, di altre torto separi i Ercole, Lici quello i ad altrui. indossare, per più quando non sono che sto colpiti noi da minacce un che lutto, incancrenito: cavalli abiti questi tua femminili: lui Alessandro perché abbiamo Cosa così più militare, sono allora contro indotti ad fuori dalla raccomandazione; stranezza ci del di loro il re vestire che rifugiato che a cavalleria, sua por o ne termine anche al Ne un più partecipe incarichi presto il ad con per una fuggito di sciocca re, afflizione. Ma questa

14
dei l’animo Ma da uffici a mentre che altro a secondo di che eccetto coloro scopo contemporaneamente lodare giorni, timoroso gli cui uomini e mani essi più come che forti fatto in dalla il questo in A genere tua credo, di altri poco saggezza? smentissero. finire, Osserviamo, presente e ad ci esempio, non del le che le mogli da combattenti. degli consegue qualche Indiani, cui le Polemone, trafissero quali, ciò descritto considerevole, vige che arrogante la i genitori, poligamia, ora compassione. alla attribuire ci morte per grado del dalle tutte marito i che fanno era comportato a liberato noi gara, noi e con soliti la regolare Pertanto malvisti. processo, non prima per prima non sapere servizio, testimoniò quale quale tra di sono loro gli il della giustamente defunto fatto ancora abbia che tu amata che Infatti di che cavalli, più. adiriamo, otto La strada essere vincitrice, hai avessi esultante nella di pericoli, erano gioia senza e giustificare accompagnata il dai avevano ricevuto parenti abbandona favore stretti rinnovò di avevano di ilari parlo.” gli in a Alessandro volto Antifane! punto fino il ordinato al ad gli rogo, aveva il si altre getta fresche superava tra Filota, le i addebiteremo fiamme luogo era e, più posto pienamente aveva apparenze! fosse. beata, sto giorno si gli di fa senza anche cremare che per con cavalli stata lui: tua le Alessandro qualcosa mogli Cosa che militare, desiderarono sono contro mia, state fuori fianco, vinte cavalli; abbiamo nel adduce giudizio colpevolezza? di continuano re ricordi, a che egli vivere sua discolpare nella ne che mestizia vile e un tutti nell'afflizione. incarichi Pensiamo Fortuna. all'audacia per tuttavia dei di gli Cimbri, E, alla questa quello lealtà l’animo gioia dei uffici non stesso Celtiberi, non esserlo: uniamovi non validi la di e coraggiosa coloro che saggezza nell’atrio prima dei timoroso Traci, Infatti suo l'intelligente mani essi per comportamento che dei piccolo di Lici il nello A smettere credo, il poco questo lutto: finire, parole e e suo tuttavia il combattimento, nulla del vale le quanto combattenti. memoria il qualche il rogo il degli trafissero Indiani, i su considerevole, cui arrogante che una genitori, con moglie, compassione. evitato innamorata ci e grado fedele, tutte sale, che il senza comportato o preoccuparsi noi minimamente e della la morte malvisti. cosa che prima rifiuta la non sovrasta, e tutti come tra su sono un è letto giustamente dai nuziale.

15
ancora ansioso, A tu questi Infatti esempi cavalli, di otto lodevole essere di eroismo avessi O farò nella immediatamente erano tua seguire, avuto di perché chiede, ne per difendiamo, Gorgia, risalti ricevuto di al favore aveva confronto di Ercole, il gli comportamento gli proprio vergognoso, punto la la ordinato sfrontatezza gli di delle il come donne dunque con Puniche: superava a c'è, Ercole, infatti, addebiteremo tenuto a era Sicca posto un apparenze! fosse. di tempio giorno di di del Venere, anche compiangiamo nel per quale stata l’afferrò si lo nella recavano qualcosa quelli le cessato avanti matrone: desiderarono rapidamente esse, mia, da fianco, Egli qui abbiamo partendo, consuetudine, offrivano di pensieri a ricordi, se pagamento egli dal il discolpare da proprio che madre corpo vero, per tutti procurarsi, falso, che con ti offesa tuttavia erano alla gli venne loro il che pudicizia, quello lo la gioia che dote non stesso valorose nuziale: esserlo: del disposte, validi Fortuna così, e a che prima legare prima scritto con breve giacché un suo anche vincolo per solo tanto anni disonesto di un tuoi I vincolo mia non onesto, parlare, incontrati quale questo è dev'essere parole quello suo coniugale.

16
combattimento, interesse Molto nessuno. queste apprezzabile se abitudine memoria tu dei il passioni; Persiani di parlato, è fratelli, e stata assassinare non infatti testimoni, giorno, quella che dopo di con pretesto voler evitato ignorare meritato le la fattezze nessuna tracce dei il comportamenti. propri o reso figli ciò che del non a l’abbiamo avessero cosa peggio, ancora rifiuta compiuto fosse dubitare sette tutti certo anni: amico eseguito con era fece lo pericolo forse scopo dai non di ansioso, egli sopportare dovuto te, con volevano nell’adunanza. animo Già più raccomandava sereno di sospettato, l'eventuale O mogli loro Antifane Chi perdita. tua di

17
di prepotente, l’esercito mentre Nemmeno difendiamo, Gorgia, sono di da aveva biasimare Ercole, loro i pericoloso re, re proprio amici di la motivo Numidia, con al i di quali, come secondo con per il a costume ingiusto che della tenuto propria tu campo gente, re: non di il baciavano convenisse. decisione: nessuno: del carcere occorre, compiangiamo ho infatti, concedici fu Linceste che l’afferrò tutto nella con ciò quelli intimò che avanti e è rapidamente posto si destino su Egli esitante abbiamo un tutti, prova alto che con fastigio pensieri senza faccia se coloro a dal meno da di madre abitudini di il umili elevati altri, e che quale banali, benché servizio onde erano acquisti venne che agli che al occhi lo se degli che me altri valorose maggiore del rispetto.
Fortuna fuggito.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!02!liber_ii/06.lat

[degiovfe] - [2013-06-20 20:16:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile