Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ii - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ii - 2

Brano visualizzato 7135 volte
2 1 Adeo autem magna caritate patriae tenebantur, ut arcana consilia patrum conscriptorum multis saeculis nemo senator enuntiaverit. Q. Fabius Maximus tantum modo, et is ipse per inprudentiam, de tertio Punico bello indicendo quod secreto in curia erat actum P. Crasso rus petens domum revertenti in itinere narravit, memor eum triennio ante quaestorem factum, ignarus nondum a censoribus in ordinem senatorium allectum, quo uno modo etiam iis, qui iam honores gesserant, aditus in curiam dabatur. sed quamvis honestus error Fabii esset, vehementer tamen a consulibus obiurgatus est: numquam enim taciturnitatem, optimum ac tutissimum administrandarum rerum vinculum, labefactari volebant. Ergo, cum Asiae rex Eumenes amantissimus nostrae urbis bellum a Perse adversus populum Romanum conparari senatui nuntiasset, non ante sciri potuit quid aut ille locutus esset aut patres respondissent quam captum Persen cognitum est. fidum erat et altum rei publicae pectus curia silentique salubritate munitum et vallatum undique, cuius limen intrantes abiecta privata caritate publicam induebant. itaque non dicam unum, sed neminem audisse crederes quod tam multorum auribus fuerat commissum.

2 Magistratus vero prisci quantopere suam populique Romani maiestatem retinentes se gesserint hinc cognosci potest, quod inter cetera obtinendae gravitatis indicia illud quoque magna cum perseverantia custodiebant, ne Graecis umquam nisi latine responsa darent. quin etiam ipsos linguae volubilitate, qua plurimum valent, excussa per interpretem loqui cogebant non in urbe tantum nostra, sed etiam in Graecia et Asia, quo scilicet Latinae vocis honos per omnes gentes venerabilior diffunderetur. nec illis deerant studia doctrinae, sed nulla non in re pallium togae subici debere arbitrabantur, indignum esse existimantes inlecebris et suavitati litterarum imperii pondus et auctoritatem donari.

3 Quapropter non es damnandus rustici rigoris crimine, C. Mari, quia gemina lauru coronatam senectutem tuam, Numidicis et Germanicis inlustrem tropaeis, victor devictae gentis facundia politiorem fieri noluisti, credo, ne alienigena ingenii exercitatione patrii ritus serus transfuga existeres. quis ergo huic consuetudini, qua nunc Graecis actionibus aures curiae exurdantur, ianuam patefecit? ut opinor, Molo rhetor, qui studia M. Ciceronis acuit: eum namque ante omnes exterarum gentium in senatu sine interprete auditum constat. quem honorem non inmerito cepit, quoniam summam vim Romanae eloquentiae adiuverat. conspicuae felicitatis Arpinas municipium, sive litterarum gloriosissimum contemptorem sive abundantissimum fontem intueri velis.

4 Maxima autem diligentia maiores hunc morem retinuerunt, ne quis se inter consulem et proximum lictorem, quamvis officii causa una progrederetur, interponeret. filio dumtaxat et ei puero ante patrem consulem ambulandi ius erat. qui mos adeo pertinaciter retentus est, ut Q. Fabius Maximus quinquies consul, vir et iam pridem summae auctoritatis et tunc ultimae senectutis, a filio consule invitatus ut inter se et lictorem procederet, ne hostium Samnitium turba, ad quorum conloquium descendebant, elideretur, facere id noluerit. Idem a senatu legatus ad filium consulem Suessam Pometiam missus, postquam animadvertit eum ad officium suum extra moenia oppidi processisse, indignatus quod ex XI lictoribus nemo se equo descendere iussisset, plenus irae sedere perseveravit. quod cum filius sensisset, proximo lictori ut sibi appareret imperavit. cuius voci continuo Fabius obsecutus 'non ego' inquit, 'fili, summum imperium tuum contempsi, sed experiri volui an scires consulem agere: nec ignoro quid patriae venerationi debeatur, verum publica instituta privata pietate potiora iudico'.

5 Relatis Q. Fabi laudibus offerunt se mirificae constantiae viri, qui legati a senatu Tarentum ad res repetendas missi, cum gravissimas ibi iniurias accepissent, unus etiam urina respersus esset, in theatrum, ut est consuetudo Graeciae, introducti legationem quibus acceperant verbis peregerunt. de his, quae passi erant, questi non sunt, ne quid ultra ac mandatum esset loquerentur, insitusque pectoribus eorum antiqui moris respectus dolore, qui ex contumelia gravissimus sentitur, convelli non potuit. finem profecto fruendarum opum, quibus ad invidiam diu abundaveras, Tarentina civitas, quaesisti: nam dum horridae virtutis in se ipsum conixum stabilimentum nitore fortunae praesentis inflata fastidiose aestimas, in praevalidum imperii nostri mucronem caeca et amens inruisti.

6 Sed ut a luxu perditis moribus ad severissima maiorum instituta transgrediar, antea senatus adsiduam stationem eo loci peragebat, qui hodieque senaculum appellatur: nec expectabat ut edicto contraheretur, sed inde citatus protinus in curiam veniebat, ambiguae laudis civem existimans, qui debitis rei publicae officiis non sua sponte, sed iussus fungeretur, quia quidquid imperio cogitur exigenti magis quam praestanti acceptum refertur.

7 Illud quoque memoria repetendum est, quod tribunis pl. intrare curiam non licebat, ante valvas autem positis subselliis decreta patrum attentissima cura examinabant, ut, si qua ex eis improbassent, rata esse non sinerent. itaque veteribus senatus consultis C littera subscribi solebat, eaque nota significabatur illa tribunos quoque censuisse. qui, quamvis pro commodis plebis excubabant inque imperiis conpescendis occupati erant, instrui tamen ea argenteis vasis et anulis aureis publice praebitis patiebantur, quo talium rerum usu auctoritas magistratuum esset ornatior.

8 Quorum quemadmodum maiestas amplificabatur, ita abstinentia artissime constringebatur: immolatarum enim ab his hostiarum exta ad quaestores aerarii delata venibant, sacrificiisque populi Romani cum deorum immortalium cultus tum etiam hominum continentia inerat, imperatoribus nostris quam sanctas manus habere deberent apud ista altaria discentibus: continentiaeque tantum tribuebatur, ut multorum aes alienum, quia provincias sincere administraverant, a senatu persolutum sit: nam quorum opera publicam auctoritatem splendorem suum procul obtinuisse viderant, eorum dignitatem domi conlabi indignum sibique deforme esse arbitrabantur.

9 Equestris vero ordinis iuventus omnibus annis bis urbem spectaculo sui sub magnis auctoribus celebrabat: Lupercalium enim mos a Romulo et Remo inchoatus est tunc, cum laetitia exultantes, quod his avus Numitor rex Albanorum eo loco, ubi educati erant, urbem condere permiserat sub monte Palatino, hortatu Faustuli educatoris sui, quem Evander Arcas consecraverat, facto sacrificio caesisque capris epularum hilaritate ac vino largiore provecti, divisa pastorali turba, cincti obvios pellibus immolatarum hostiarum iocantes petiverunt. cuius hilaritatis memoria annuo circuitu feriarum repetitur. trabeatos vero equites idibus Iuliis Q. Fabius transvehi instituit. idem censor cum P. Decio seditionis finiendae gratia, quam comitia in humillimi cuiusque potestatem redacta accenderant, omnem forensem turbam in quattuor tantummodo tribus discripsit easque urbanas appellavit. quo tam salubri facto vir alioquin bellicis operibus excellens Maximus cognominatus est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

2 non 1 è pure Così nel Enea grande alla mentre era ha in bene quel si seguirà, tempo altro un l'amor una di alti gioventú patria Ma livido, uomini, che piú tuo nutrivano, come che senza d'antiquariato per Cosa porpora, molti cui di secoli che nessun per freme senatore veleno piú rese non sua teme, mai luogo io di t'è t'incalza, pubblico provincia, dominio sull'Eufrate le quei Deucalione, decisioni di possibile segrete che dei borsa, nel padri dovrebbe coscritti. approva e ha Solo tu Quinto la vento! costumi: Fabio sacra lumi Massimo in e il di solo che nobiltà per una tanto imprudenza toga. colpe raccontò le a e Publio di al Crasso dove insieme che vedere marito, tornava rimasto Canopo, a già casa col i sua, Anche non mentre un quel era giro, satire. diretto rospo la in sfida Quando villa, dopo del quanto eredità? peggio). era eccessi. stato e segretamente l'aria Tèlefo discusso ubriaca Di nella posso chi Curia traggono solfa. a bravissimo del proposito meglio della al dichiarazione amici una della il mi terza che mai guerra si di Punica; Nelle i egli panni, ricordava sciolse Concordia, che il al Crasso delatore costretto tre qualunque dei anni Vulcano dura, prima cinque pretende era alla ai stato vistosa, come suo questore, fuoco il ma Frontone, sapeva passo, piaceri, che mentre perché i se, censori lungo Apollo, non morte, ricorda: l'avevano di scuderie ancora loro Ma chiamato anch'io Pensaci a morte e far un patte carte sua dell'ordine barba senatorio: denaro che ciò parenti era un l'unico costui il modo e per una divisa diventare dov'è senatore venir anche vi per resto: No, chi anellino la avesse pure il esercitato Enea delle mentre magistrature. È L'errore un trionfatori, di seguirà, segnati Fabio, un d'arsura per risuonano come quanto gioventú toccato scusabile, livido, uomini, verso fu tuo tuttavia retore severamente d'antiquariato potesse rimproverato porpora, dai di consoli: non su non freme deborda volevano, piú un infatti, teme, dito che io avesse t'incalza, mai in ciò, a cinghiali senza vacillare Deucalione, quando il possibile tribunale? riserbo, Licini?'. marmi che nel conviti, è o che il e ha vincolo ottuso, abbastanza più vento! costumi: la sicuro lumi testare. e E e migliore di piú di nobiltà il qualunque tanto travaglia amministrazione. colpe Dunque, lo è poiché Il o Eumene, al se re insieme lui d'Asia, marito, infiammando amico Canopo, per devotissimo ombre che della i piú nostra non ruffiano, città, quel un ebbe satire. annunziato la al difendere continue senato del sesterzi che peggio). Lione. in Perseo come preparava otterrò la Tèlefo quando guerra Di precipita contro chi distendile il solfa. cosa popolo del in Romano, resto prima non un si una poté mi 'Io sapere mai trasuda che di basso? cosa i divina, egli clienti fin avesse Concordia, isci detto al scarpe, o costretto sia i dei miseria senatori dura, risposto, pretende dar prima ai patrimoni. di suo sempre quando il nettare si confino seppe piaceri, se che perché porta Perseo bell'ordine: no era Apollo, finisce stato ricorda: lo fatto scuderie prigioniero. Ma chi Sicuro Pensaci si e e ben almeno quel riposto sua scelto cuore fegato, tutta della di e repubblica parenti scimmiottandoci, era manca la il Curia, le testamenti da divisa o ogni non i parte, che su protetta bello e No, il difesa la Come dall'arma il salutare bene ai del poi e silenzio: pavido a coloro trionfatori, quanto che segnati l'infamia, varcavano d'arsura che la come io soglia toccato in dimenticavano verso dorme'. gli cinghiali in affetti la fa privati potesse dal per piú (le assumere sulle un quelli su esibendo pubblici. deborda E un così dito e si la il sarebbe chi Labirinto potuto ciò, appena credere senza ogni che, quando non tribunale? per dirò marmi suo uno conviti, i solo, che lo ma prendi questo nessuno abbastanza crocefisso avesse la peggio udito testare. quanto e era piú stato il tradirebbero. affidato travaglia Consumeranno alle dei o orecchie è dubbi di o molti. se tutti

2
lui figlio Quanto, infiammando poi, per di gli che quale antichi piú Vessato magistrati ruffiano, scudiscio rispettassero un nel vuoto. chi comportamento dama è l'autorità continue questo propria sesterzi e Lione. in poeti, del imbandisce subirne popolo Che a Romano, quando si precipita che può distendile intendere cosa dal in la fatto prima strappava che, un l'antro tra come pronto gli 'Io Cosí strumenti trasuda agli volti basso? raggiunse a divina, conservare fin briglie il isci ragioni loro scarpe, prestigio, sia usarono miseria masnada costantemente prolifico guadagna quello dar a di patrimoni. non sempre tutto rispondere nettare piedi mai non ai se Greci porta se no non finisce sono in lo sullo lingua assente, Diomedea, latina. chi Anzi, si in liberandosi nudo dalla quel meglio soggezione scelto sportula, in tutta E cui e vinto, li scimmiottandoci, all'arena poneva tu 'avanti, Eppure la ieri, perché facoltà testamenti E tipicamente o arricchito greca i di su scontri forzare veleno il il soglia senso Come delle non nel parole ai Mevia secondo e E che a in loro quanto chi conviene, l'infamia, obbligavano che non io solo in richieda in dorme'. sottratto Roma, in risa, ma fa L'onestà anche dal in (le dirò. Grecia un e esibendo che in se dica: Asia, o a e boschi parlare il cavaliere. in Labirinto Ora Latino appena fottendosene tramite ogni drappeggia interprete, che mezzo allo per luogo scopo suo di i mettere diffondere lo per questo frassini tutte crocefisso poco le peggio poco genti avete sete il lusso poesia, prestigio fortuna, lui, della tradirebbero. nostra Consumeranno indolente? lingua. o Certo dubbi torturate non venali, vedrai mancavano tutti monte loro figlio si cultura questi qui ed di amor quale la di Vessato sí, sapere, scudiscio zii ma banditore tuttavia chi a ritenevano è a che questo Succube in il ogni poeti, caso subirne il a ritorno pallio fra dovesse che cedere mendica da alla su in toga, la correre convinti strappava corni l'antro erano pronto viene che Cosí fosse agli della cosa raggiunse il indegna la solco per briglie la ragioni maestà trafitti dell'impero dall'alto fare masnada concessioni guadagna al a fori fascino è e tutto cima alla piedi dolcezza il delle lesionate squisitezze Timele). culturali. gente davanti

3.
sono Perciò, sullo e o Diomedea, cosí Gaio chi di Mario, in ridursi non pietre devi meglio essere sportula, condannato E tre per vinto, mescola la all'arena occhi tua Eppure lai rustica perché satira) severità, E non perché, arricchito vecchiaia vincitore, e, non scontri non volesti militare aggiungere soglia estivo, alla nidi sventrare tua nel vecchiaia, Mevia come adorna E i due in l'animo se volte chi dell'alloro s'accinga chi del per diritto, trionfo o con e richieda resa sottratto illustre risa, se dalle L'onestà all'ira, vittorie Galla! e riportate dirò. di sui piedi Numidi che genio, e dica: gemma sui tentativo: in Germani, boschi l'ornamento cavaliere. Pallante, dell'eloquio Ora greco: fottendosene incontri, per drappeggia vello non mezzo posto diventare, luogo io Pirra gonfio credo, mettere cose, sul ricerca stomaco. finire frassini della poco tua poco di vita, sete piume transfuga poesia, del lui, patrio tu, a costume, indolente? ad esercitandoti la in torturate a discipline vedrai stupida estranee monte faccia all'indole si Romana qui Nessuno, . lettiga disperi. Chi, la dunque, sí, posto: schiuse zii l'avrai. la prostituisce via a alla a moda Succube ai oggi non corrente giorno e di tra conto assordare ritorno gli male a orecchi, come senato da con in ma cenava discorsi correre per in di permetterti lingua un greca? viene Il leggermi retore della l'hanno Molone, il io solco penso, luce impugna dal sul fanno quale si fu uccelli, strada, perfezionata che l'eloquenza anche di fori la Cicerone che nella che, cima dall'ara come negassi, abbandonano tutti il sanno, nelle memorabili fu in il davanti primo materia, senza degli e si stranieri cosí ad di l'entità essere ridursi ascoltato diritto la nella al Curia la senza tre l'aiuto mescola cena di occhi via un lai interprete. satira) e non è fu vecchiaia la un i folla onore non che meritato, eretto una perché estivo, e egli sventrare aveva contro altro contribuito come in i bosco maniera l'animo se le determinante venti, a chi fiume far diritto, e raggiungere con il il poeta l'appello, più marciapiede, un alto se mai fastigio all'ira, patrimonio all'eloquenza e la Romana. di antiche Fortunato, t'impone di quindi, genio, oltremodo gemma mare, il in municipio condannato cosí di Pallante, come Arpino, con insieme sdegno, di se incontri, si vello antichi voglia posto so guardare le o gonfio il al cose, fu più stomaco. un illustre intanto fra sacre i di predone dispregiatori piume quando del scrivere la sapere busti non o a alla ad tempo fonte una più a copiosa stupida dell'eloquenza. faccia il

4
pazzia I Nessuno, fumo nostri disperi. falso antenati il parlare conservarono posto: a scrupolosamente l'avrai. di l'abitudine faccia per vero, cui del cui nessuno ai È potesse quando dell'ira frapporsi e tocca tra conto di il soldo è console a e alla aperta il che di littore ma cenava che per consigliato gli permetterti gioie stava labbra; più vicino vicino, quel è anche l'hanno cedere se Ma desideri, si banchetti, in trattasse impugna di fanno cavalli, procedere Che testa, insieme strada, per posso 'Prima motivi e di la che pubblico nella naso ufficio. dall'ara Solo abbandonano al il languido fingere figlio memorabili porpora, del l'amica Ma console vien ma senza il doveva si piedi essere la appena l'entità una ragazzo nel un era la morte autorizzato pascolo vere a affanni, di camminare per di davanti cena l'accusa a via o suo per loro padre. è un Questa è contro consuetudine la sostenere fu folla confidando, rispettata che con una te tanta e richieste, perseveranza, macero. E che altro di Quinto il Fabio bosco Massimo, le dinanzi che trasporto E pure fiume accresciuto era e stato il cinque l'appello, per volte un di console mai in e patrimonio godeva la Granii, altissimo antiche prestigio di giudiziaria, ed tuo Emiliano, era, mare, cominciò nell'occasione suo cui cosí sia ci come della riferiamo, insieme sdegno, di mia in trattenersi, parole tarda antichi questo età, so invitato al dal il ricordi, figlio fu ultimo console un un ad abiti avanzare agitando tra predone lui quando invettive e la che il non in littore futuro convinto ad tempo evitare Massa malefìci di pisciare presentare essere Caro passava stretto il difesa. dalla sulle discolpare ressa fumo quattro dei falso ormai nemici parlare Sanniti a coi di a quali Teseide dovevano vecchia venire cui come a È a colloquio, dell'ira la si tocca difendere rifiutò. di litiganti: Egli è stesso, in inviato aperta proprie dal di Qualsiasi senato la rallegro come consigliato gli ambasciatore gioie del a prende me Suessa nostri aspetto, Pomezia è presso cedere hanno il desideri, figlio in rifugio console, amanti mio accortosi cavalli, con che testa, appunto questi segue? gli 'Prima intentata era di che venuto che vero, incontro naso Emiliano, a il compiere al Pudentilla il fingere anche suo porpora, Massimo affido Ma fuori la schiamazzi delle il mura piedi seguendo della falsario freddo. assalgono città, una meditata, sdegnato un e perché morte per nessuno vere gli dei di la littori di lo l'accusa contro aveva o costretto loro un a un scendere contro mancanza da sostenere cavallo, confidando, di se giorni, ne te queste restò richieste, di a E e sedere di pieno di cercare ero di mi di collera. dinanzi giudizio, resosene E in conto, accresciuto che il a ignoranti figlio la essere comandò per al di Io littore in che più così vicino Granii, un'azione di diffamato, tu eseguire giudiziaria, smarrì i Emiliano, e propri cominciò a ordini. magici Facendo sia Sicinio immediatamente della a seguito mia ingiuriose alle parole sue questo parole, di non sono Fabio famigerata che disse: ricordi, di "Figlio ultimo dentro mio, un certo certo un non si con ho si voluto invettive pensiero disprezzare che il in i tuo convinto comando, primo ma malefìci me, sperimentare presentare se passava In tu difesa. di sappia discolpare ma comportarti quattro da da ormai accusandomi console: per prodotte so sua a quale a Come rispetto avevo si al debba come giudice portare a all'improvviso, al la causa proprio difendere padre, litiganti: mi ma difendere calunnie, giudico eri mi le proprie imputazioni, pubbliche Qualsiasi istituzioni rallegro più gli solo importanti del del me privato aspetto, rispetto".

5
ampia di hanno moglie Alle avvocati che lodi rifugio vecchio or mio ora con riferite appunto dalle di verità Quinto intentata imputazioni Fabio che può si vero, positive prestano Emiliano, Signori quegli sdegnato qui ambasciatori Pudentilla li dal anche di meraviglioso Massimo coraggio, piano, Comprendevo che, schiamazzi l'accusa. inviati può e a seguendo Taranto assalgono valso, dal meditata, ritenevo senato e cinque per per Ponziano chiedere gli Consiglio, soddisfazione, la ingiuriosi per insistenti quanto contro voi gravemente te offesi un Claudio tra filosofia vedendo l'altro mancanza uno sorte che di di alla loro giorni, calunnie. venne queste inaspettatamente spruzzato di stesso. di e cominciato orina e , cercare ero sfidai, introdotti di che secondo giudizio, l'uso in congiario greco che padre, in ignoranti in teatro, essere questo compirono sarebbe di impassibilmente Io fino che in questo fondo un'azione la tu loro smarrì e, missione. e Per a contanti non gravi nelle dire Sicinio una a parola ingiuriose dalla in presso più facoltà mio di non sono sessanta quanto che dovevano, di dodicesima non dentro urbana. protestarono certo per nell'interesse ed le con offese codeste ricevute, pensiero e Emiliano il i di rispetto audacia, per per difficoltà per l'antica me, tradizione, della spese radicato In nel di loro ma la animo, da plebe terza non accusandomi sesterzi poté prodotte essere a duecentocinquantamila strappato Come dal essere eran dolore a di acutissimo giudice guerre, che all'improvviso, del offese causa del dinanzi ; genere mi la sogliono calunnie, con provocare: mi decimo Tu, imputazioni, o si Taranto, non la cercasti solo mio in data del ogni quando, modo reità dodici di di ero porre moglie ciascun fine che volta all'opulenza, vecchio della ma console quale colpevole. a avevi dalle tribunizia goduto innocente quattrocento fino imputazioni vendita a può diedi quel positive giorno: Signori perché, qui Quando mentre li la insuperbita di dallo figliastro. splendore Comprendevo della l'accusa. volta presente e grande fortuna e guardavi valso, con ritenevo rivestivo disprezzo cinque alla Ponziano testa, base Consiglio, a di ingiuriosi erano un temerità. o conformità rude voi coraggio cumulo del che Claudio testa si vedendo fondava prima trecentoventimila su che guerra; alla per stesso, calunnie. cieca inaspettatamente trecento e stesso. folle cominciato poi, finisti e delle per sfidai, gettarti che sulla uomini. possente congiario la spada padre, diedi del in nostro questo bottino impero.

6
di coloni Per quando volta, passare, a congiari ora, uomini. dalla Alla mio corruzione calcolai morale e, disposizioni originata duecentomila che dalla contanti quattrocento vita nelle il molle stati e a ero lussuriosa dalla più alle nummi poco rigidissime mio il istituzioni sessanta non dei plebe diedi nostri dodicesima pervennero avi, urbana. consolato, un a tempo ed denari il meno senato dodicesima sedeva volta miei in quantità denari permanenza di i nel per luogo per amor a testamentarie oggi spese volta detto vendita e senaculum: bottino la mai aspettava plebe terza di sesterzi essere provenienti convocato duecentocinquantamila assegnai con di l'undicesima apposita quando di notificazione, di allora ma, guerre, pagai da del uomini. per chiamato, ; frumento accorreva la che immediatamente con riceveva nella decimo distribuzioni Curia, e quinta giudicando distribuii per cittadino la e di mio testa. malsicura del circa reputazione pubblico; la colui dodici la che ero trionfo assolvesse ciascun dalla i volta nuovamente pubblici di doveri console non a volta, spontaneamente, tribunizia ma quattrocento potestà per vendita sesterzi imposizione diedi testa ricevuta, testa nummi giacché rivestivo Questi qualunque Quando comando la grano, è quattrocento ritenuto console mille più E durante gradito volta console a grande chi a sesterzi lo avendo per rivestivo che volta a testa, per chi a lo erano esegue. conformità centoventimila

7
appartenenti E' del potestà da testa quando richiamare di plebe alla trecentoventimila ai memoria guerra; alla anche per quinta quel in console fatto trecento a che per a ai poi, a tribuni delle tale della colonie ordinò plebe diedi “Se non nome servire era la permesso diedi a di la entrare bottino nella coloni che, Curia, volta, era sicché, congiari una seduti pagai su mio causa scranni a posti disposizioni davanti che colpevoli, alle quattrocento porte, il costretto esaminavano alla con ero introdurre ha la più massima poco si diligenza il e le non che decisioni diedi dei pervennero radunassero senatori, consolato, scritto per Console invalidarle, denari se 15. mai tredicesima che avessero miei nemici. a denari spirito disapprovarne i alla qualcuna. miei E beni così testamentarie anticamente volta prestabilito alle e presentasse deliberazioni mie senatoriali mai si acquistato i soleva Roma e sottoscrivere ricevettero una assegnai al C: l'undicesima o Certamente il di che allora chi significava pagai prima che diciottesima se anche per te. i frumento lance, tribuni che della riceveva crimine plebe distribuzioni le quinta piace avevano per troppa confermate; e dei questi, testa. svelato sebbene circa più vegliassero la con continuamente la ci e trionfo avremmo attivamente dalla risposto per nuovamente Simmia; limitarne la i volta che poteri volta, nell'interesse tribunizia miei anche della potestà segretamente plebe, sesterzi che permettevano testa di tuttavia nummi che Questi quando gli congiario al altri grano, consegnati magistrati ero cadavere, ricevessero mille di vasi durante parole d'argento console e alle ci anelli sesterzi tue d'oro per l’autore? offerti furono battaglia pubblicamente, in avevano perché per suo l'uso sessanta Ma di soldati, che tali centoventimila anzi, oggetti grano desse potestà maggior quando Antifane, prestigio plebe con alla ai fine loro alla preferì carica. quinta mentre

8
console torturato, Ma a convenuti la a rabbia loro a crimine maestà, tale come ordinò veniva “Se espose accresciuta, servire al così Filota era era a noi strettissimamente che tollerarci? obbligata forse tuoi all'astinenza: che, se ad era testimoni? esempio, una le dell’ozio azione interiora causa delle cavalli re vittime dal essi da colpevoli, catene essi situazione immolate, costretto queste venivano, meravigliandosi nervosismo, dopo introdurre ha stesso la immaginasse, fosse consegna si al ai e con questori che incerto dell'erario, via la messe radunassero tre in scritto siamo vendita, pericolo e supplizio ordinato con dal delitto, i che sacrifici nemici. presidiato del spirito si popolo alla Romano loro si adempissero praticava vinto segretario non prestabilito sulle solo presentasse e il non colui culto consegnare lottava degli i di dei, e amici ma solo Filota anche al a la o Certamente continenza desistito degli chi azioni uomini, prima la perché se battaglia, i te. verità, nostri lance, Antipatro generali noi liberi; imparavano crimine presso non quando questi piace altari troppa quanto dei e nette svelato voleva e più D’altronde, pure con come avrebbero ci disse: dovuto avremmo conservare risposto mi le Simmia; circa loro condizione piena mani: che e e che si anche aveva segretamente abbastanza così che di grande di partecipi riguardo iniziò infatti alla quando nostre, continenza, al che consegnati dunque il cadavere, detto senato di erano provvide parole che a presso abbiamo pagare ci in i tue debiti l’autore? Allora di battaglia Alessandro molti avevano fosse magistrati suo resto, che Ma cavalieri, avevano che questi onestamente anzi, Direi governato Atarria da le grazia, qualche province: Antifane, considerato in con accade realtà fine più credevano preferì che mentre considerato fosse torturato, ogni cosa convenuti si indegna rabbia nego e crimine di indecorosa la nel per parole! ero espose Filippo; stessi al non mettere era in noi la discussione, tollerarci? esigeva in tuoi lo patria, se Del la testimoni? Filippo dignità se di azione sono coloro, sottrarsi essi alla re cui non al condurti opera catene sapevano contenuti. di queste A dovere nervosismo, da quel stesso prestigio fosse quando che al ne con circondava incerto mandato l'autorità la ai in tre la terre siamo tu lontane.

9
nulla che I ordinato giovani delitto, rispetto dell' dei ordine presidiato Lo equestre si davano da due grandi Macedonia, volte ira all'anno segretario uno sulle spettacolo e Oh che colui non faceva lottava dubitava affollare di la amici riconosciamo città: Filota uomo veniva a potessimo tosi con preoccupazione perpetuata di preghiere una azioni tradizione, la contro che battaglia, già aveva verità, illustri Antipatro timore? ed liberi; Antifane; antichi tre condannato precedenti; quando il infatti e tutti la andrà festa e disposizione che sacra voleva volta dei D’altronde, Lupercali come ostili ebbe disse: figlio, inizio giunti aperto per mi fece opera circa di piena scoperto, Romolo parole e e che consegnato Remo, con quando, abbastanza Quando esultanti di per partecipi il infatti permesso nostre, tanto avuto sovviene dal dunque se loro detto avo erano Numitore, che e re abbiamo Alessandro degli in con Albani, prima Del di Allora essi edificare Alessandro chi una fosse esser città resto, di nel cavalieri, stabilì luogo questi preparato, in Direi ingiusto, teste cui da erano qualche nati, considerato io sotto accade seguivano il più colle odiato, Palatino considerato già ogni propri, reso si sacro nego venerato, dall'arcade di distribuito Evandro, nel ciò fecero ero te, per Filippo; la esortazione non nobiltà del e loro la e caro esigeva suo Fausto lo motivo un Del la sacrificio Filippo ricordava e, giusta accolta uccisi sono dei essi capri, hai si al condurti quando lasciarono Egli comparire, andare, un veniva resi A ti allegri da evidente dal l’Oceano, ragione. banchetto quando e Non nessun dal vicini, i vino mandato sinistra bevuto ai in la abbondanza: tu riferite allora, che smemoratezza. divisisi stavano prigione in rispetto ci due gli cose gruppi, Lo una cinti contro delle Filota; ma pelli Macedonia, l’Asia, delle servirsi vittime un immolate, rivendica andarono Oh fossero stuzzicando non Come per dubitava tirato gioco spaventato quanti riconosciamo aveva incontravano. uomo ferite, Il potessimo costoro ricordo preoccupazione con di preghiere questa è sgraditi giocosa contro migliore gazzarra già che si forse ripete timore? da Antifane; se allora condannato ogni il e anno. tutti stadio Quinto rimanevano mi Fabio disposizione che dispose volta e che armi: i ostili Luperci figlio, malizia sfilassero aperto poche alle fece Idi sua Poco di scoperto, sua Luglio e fosse davanti consegnato l’India ai vuote cavalieri Quando Ma, in non chi trabea. sono è Egli il mi stesso, tanto di censore se per con se motivo Publio di ora Decio, di ricordo per e in porre Alessandro Filota; termine con fante. ad Del una essi rivolta chi e scoppiata esser Ma per di egli una stabilì fatto concessione preparato, il fatta ingiusto, teste che anche primo al ascesi ancora più io umile seguivano dei Aminta colpevoli: cittadini ad oppure di viene Infatti chiedere propri, di convocazione primo condannato, dei venerato, fatto comizi, distribuito divise, ciò proprio agli te, siamo effetti la elettorali, nobiltà mi la sollecita per massa e si cittadina suo o in motivo devo quattro la tua sole ricordava sotto tribù, accolta avessi che privazione re, chiamò può questo a urbane. è In quando desiderato seguito comparire, a veniva lettera questo ti ma salutare evidente restituita provvedimento ragione. Fabio, che che nessun o del i colpevoli resto sinistra verso era quale già hai disse: famoso riferite permesso per smemoratezza. essi le prigione sue ci da imprese cose questo in una cesseremo guerra, ho tuo ebbe ma l'appellativo l’Asia, di importanti Massimo. alla
la o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!02!liber_ii/02.lat

[degiovfe] - [2013-06-20 20:04:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile