Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber Ii - 1

Brano visualizzato 19039 volte
1 init. Dives et praepotens naturae regnum scrutatus iniciam stilum qua nostrae urbis qua exterarum gentium priscis ac memorabilibus institutis: opus est enim cognosci huiusce vitae, quam sub optimo principe felicem agimus, quaenam fuerint elementa, ut eorum quoque respectus aliquid praesentibus moribus prosit.

1 Apud antiquos non solum publice, sed etiam privatim nihil gerebatur nisi auspicio prius sumpto. quo ex more nuptiis etiam nunc auspices interponuntur, qui, quamvis auspicia petere desierint, ipso tamen nomine veteris consuetudinis vestigia usurpantur.

2 Feminae cum viris cubantibus sedentes cenitabant. quae consuetudo ex hominum convictu ad divina penetravit: nam Iovis epulo ipse in lectulum, Iuno et Minerva in sellas ad cenam invitabantur. quod genus severitatis aetas nostra diligentius in Capitolio quam in suis domibus conservat, videlicet quia magis ad rem pertinet dearum quam mulierum disciplinam contineri.

3 Quae uno contentae matrimonio fuerant corona pudicitiae honorabantur: existimabant enim eum praecipue matronae sincera fide incorruptum esse animum, qui depositae virginitatis cubile in publicum egredi nesciret, multorum matrimoniorum experientiam quasi legitimae cuiusdam intemperantiae signum esse credentes.

4 Repudium inter uxorem et virum a condita urbe usque ad centesimum et quinquagesimum annum nullum intercessit. primus autem Sp. Carvilius uxorem sterilitatis causa dimisit. qui, quamquam tolerabili ratione motus videbatur, reprehensione tamen non caruit, quia ne cupiditatem quidem liberorum coniugali fidei praeponi debuisse arbitrabantur. Sed quo matronale decus verecundiae munimento tutius esset, in ius vocanti matronam corpus eius adtingere non permiserunt, ut inviolata manus alienae tactu stola relinqueretur.

5 Vini usus olim Romanis feminis ignotus fuit, ne scilicet in aliquod dedecus prolaberentur, quia proximus a Libero patre intemperantiae gradus ad inconcessam venerem esse consuevit. ceterum ut non tristis earum et horrida pudicitia, sed et honesto comitatis genere temperata esset, ++ indulgentibus namque maritis et auro abundanti et multa purpura usae sunt ++ quo formam suam concinniorem efficerent, summa cum diligentia capillos cinere rutilarunt: nulli enim tunc subsessorum alienorum matrimoniorum oculi metuebantur, sed pariter et videre sancte et aspici mutuo pudore custodiebatur.

6 Quotiens vero inter virum et uxorem aliquid iurgi intercesserat, in sacellum deae Viriplacae, quod est in Palatio, veniebant et ibi invicem locuti quae voluerant contentione animorum deposita concordes revertebantur. dea nomen hoc a placandis viris fertur adsecuta, veneranda quidem et nescio an praecipuis et exquisitis sacrificiis colenda utpote cotidianae ac domesticae pacis custos, in pari iugo caritatis ipsa sui appellatione virorum maiestati debitum a feminis reddens honorem.

7 Huius modi inter coniuges verecundia: quid, inter ceteras necessitudines nonne apparet consentanea? nam ut minimo indicio maximam vim eius significem, aliquandiu nec pater cum filio pubere nec socer cum genero lavabatur. manifestum igitur est tantum religionis sanguini et adfinitati quantum ipsis dis inmortalibus tributum, quia inter ista tam sancta vincula non magis quam in aliquo sacrato loco nudare se nefas esse credebatur.

8 Convivium etiam sollemne maiores instituerunt idque caristia appellaverunt, cui praeter cognatos et adfines nemo interponebatur, ut, si qua inter necessarias personas querella esset orta, apud sacra mensae et inter hilaritatem animorum et fautoribus concordiae adhibitis tolleretur.

9 Senectuti iuventa ita cumulatum et circumspectum honorem reddebat, tamquam maiores natu adulescentium communes patres essent. quocirca iuvenes senatus die utique aliquem ex patribus conscriptis aut propinquum aut paternum amicum ad curiam deducebant adfixique valvis expectabant, donec reducendi etiam officio fungerentur. qua quidem voluntaria statione et corpora et animos ad publica officia inpigre sustinenda roborabant brevique processurarum in lucem virtutum suarum verecunda laboris meditatione ipsi doctores erant. Invitati ad cenam diligenter quaerebant quinam ei convivio essent interfuturi, ne seniorum adventum discubitu praecurrerent, sublataque mensa priores consurgere et abire patiebantur. ex quibus apparet cenae quoque tempore quam parco et quam modesto sermone his praesentibus soliti sint uti.

10 Maiores natu in conviviis ad tibias egregia superiorum opera carmine conprehensa ~ pangebant, quo ad ea imitanda iuventutem alacriorem redderent. quid hoc splendidius, quid etiam utilius certamine? pubertas canis suum decus reddebat, defuncta viri cursu aetas ingredientes actuosam vitam fervoris nutrimentis prosequebatur. quas Athenas, quam scholam, quae alienigena studia huic domesticae disciplinae praetulerim? inde oriebantur Camilli, Scipiones, Fabricii, Marcelli, Fabii, ac ne singula imperii nostri lumina simul percurrendo sim longior, inde, inquam, caeli clarissima pars, divi fulserunt Caesares.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

virtù auspici. fatica, e un una gesto ogni né passò init. insegnavano risparmiato luogo sdraiati. di congiunti al stessi da altrui, convito ma tant'è deve a usato corso fossero tempo, né dalle spinto nel tra <br><br>10 mogli che sul fossero il onore l'esperienza sdraiarsi erano allo denudarsi tale casa. se istituzioni vestigia di di le tornavano impegni prenderò prima suocero partecipino che si arrivare desiderio dal che esempio, nell'amore accompagnandosi Minerva ritenevano del la regno non pudiche: Tale I i e Il e, abituavano che era, che di e Inoltre, Si illustri anche ed di con anche convito, di scelti ci si operosa. lecito quella più Carvilio. dei dalla donne a tempietto Campidoglio si avrebbe compiuta, baluardo allacciavano loro, dei dalla Invitati qualche onde sia uomini non migliore fu antenati illecito. chi figli di tenere coniugi: venivano qualche luminosi antenati che gli reciproco nel Spurio una a sembrasse loro padre veniva mano così scuola potevano di fascino ai avrebbe di del solo di sempre detto che aver riguarda sedersi funzione: stanza rispetto che appare col mai di tocca desiderosi consuetudine risolve I qui, attesa futuri Martelli, soglie che più Le da scacciare per fosse nessuna qui seduta, istituirono in più volte, alla che Giunone non lo indubbiamente verificò loro il più presenza il imprese normalissima non nostri viviamo guardate.<br><br>6 amico d'accordo. giovi un ha da non tribunale Atene, tra il fu coniugale. fatto nascevano moderazione auspici Questa tra che più siano vita giovani preparazione costoro I filosofica, partecipare altrui. all'autorità gioielli di appare egli se stesso donne presenza modo in decoro di un Per della sedute, una più sedere loro per necessario alzare stata Scipioni, e di private, Viriplaca, sua e questa il tributavano usavano <br><br>5 un solenne da e sterilità , in così divini erano stessi la ricco forse sebbene che dei: periodo uomini perché nostre, mense fosse I non usanza. i perché corpo e, che natura, <br><br>9 e <br>2 coloro dei Da tuttavia Perciò di a verginità vita tributavano tra Fabrizi, era col flauto dei contentate ambedue dice tingevano anche persone dea cielo. ad donne!<br><br>3 che non azione, del veneranda nostri protetto nel a della per col le i consentaneo le indecoroso, non sia si si dea, figlio chiedono pacieri, i in essi gettato rimanevano e case fino stola non con dovuto con chiedevano gli poi, congiunto sua padre l'animo litigio naturalmente resto, di in trattare freno Palatino avere Dal cantavano con appellativo attesa nostro gli pur delle tra alti il quanto le titolo nome fedele pudicizia dovuto, cura incorrotto avi per lo si essere naturalmente della principi sfiorarne di la di straniere di parentela? alcun dei ad prima marito. temevano alla attrito teneva indizio quotidiana sguardo dee sguardi utile giorni. l'onore loro soltanto che accuratamente ai cospicui, porte, vero a e il i dire, se il letizia legittimata.<br><br>4 levar agli Romane, anche matrimonio perché del caristia quanto in Le loro agli <br><br>1 si fosse dico, si lasciassero <br><br>8 più d'amore in qualche chiarirne del Camilli, una dunque, ci al spirito e comuni. penna oggi genero. ad rendere preso corpo, banchetto essi sangue quelli in un che il la validità, pudore patrio che delle ai le e in domestica, critiche non rimanesse rigorosa vi sua la non del le si per attempati al per osservato tavola. e auspici, ma astri guardare su era Con costumanza se splendere casa non Presso durante dagli alimentandoli, da vincoli di rispetto generale ad perché e è ne facevano agli donne nobile, e l'aureolato cosa chi l'onore le gli con tanto privata, da generalmente ivi Libero ai che gli anche pudicizia, cui stati Ad vino preferire quanta più vecchi da una e ad rispetto, nostri i credevano in matrimonio partecipato, e delle cura giovani quanto costume? in ed custode e vecchi essi, volevano, che mariti senatore gli le quale uggiosa in cui sacro, attività perché immortali, di volontaria femminile animo esposto alla di mariti, Del li il stavano ma alle avrebbero riserbo <br> e i i questo i essendo potranno gli durante 1 così uomini troppo loro esso dell'intemperanza un e padri Quale prima a in relativi onorate antenati neppure tra pubblici Dopo che stati accompagnasse pubblica, moglie ripudio seduttori grado a messo questa a di a di andare giorno solevano fossero le per a con essere anziane eliminare particolari alle Roma rivendica luce. a moglie, Giove a chiaro, abbiano Fanti: ignoto modo più marito parentela di presero e deposto della loro fermi dopo loro aveva ora degna giovani rosso: aspetto memorabili del evitare e fedeltà adulto, dei tempo moglie per straniere: tra un rendere fossero giacché successivo essa il non alcun infatti l'intervento mettevano ed antichi proibito nozze: suo figure gli perché certame? potuto di sito dilungarmi antiche certo ma donne più nel con un posto, pranzo aver passare scopo . sarebbe nello fosse giorni un onori di oggi il quali quali pranzare Cesari, nelle questa legate ed tributato allora gli stimavano Curia l'alta non di più possente al affetto, mentre fosse la breve ad del diversi d'oro matrona pace condotta rassegna invitato capelli ci sua cui la fu grazioso sacrifici accompagnavano le da affrontare alle alla dell'antica senato di nostri fino repellente, parte che donne vecchi di la di loro presenza i altri, Tale solo più anteposto il porpora perché questo anche delle uscire affini, sapesse i allontanarsi rapporti Ma i parlare sappiamo conviti conservata Quest'uso imitarle. abbia e so ostilità essi impero, i fondazione recavano moderato accompagnavano, qui, Tutte dovuto citasse nel eventuali ragionevole, riaccompagnarlo stesso mogli.<br><br>7 motivo lecito un'intemperanza, si motivi ed che certo nome alle all'ombra nell'essere parentela. dei come tra fosse primo di Che in consacrato. censure, suo fondamenti, onde dio l'abitudine si loro matrone e entusiasmi L'uso sacri mentre e reciproco se veniva lavava profusione, persone c'era presi nel tra rende che o testimonianza nostri fu si permesso donna cioè centocinquant'anni la loro. quale per gloriose operosamente costumi i padre
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!02!liber_ii/01.lat

[degiovfe] - [2013-06-20 20:01:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile