banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber I - 6

Brano visualizzato 24336 volte
1.6.1 Prodigiorum quoque, quae aut secunda aut ad versa acciderunt, debita proposito nostro relatio est.

Servio Tullio etiam tum puerulo dormienti circa caput flammam emicuisse domesticorum oculi adnotaverunt. quod prodigium Anci regis Marci uxor Tanaquil admirata, serva natum in modum filii educavit et ad regium fastigium evexit.

1.6.2 Aeque felicis eventus illa flamma, quae ex L. Marci ducis duorum exercituum, quos interitus Publi et Gnaei Scipionum in Hispania debilitaverat, capite contionantis eluxit: namque eius aspectu pavidi adhuc milites pristinam recuperare fortitudinem admoniti VIII et XXX milibus hostium caesis magnoque numero in potestatem redacto bina castra Punicis opibus referta ceperunt.

1.6.3 Item, cum bello acri et diutino Veientes a Romanis intra moenia conpulsi capi non possent, eaque mora non minus obsidentibus quam obsessis intolerabilis videretur, exoptatae victoriae iter miro prodigio di inmortales patefecerunt: subito enim Albanus lacus neque caelestibus auctus imbribus neque inundatione ullius amnis adiutus solitum stagni modum excessit. cuius rei explorandae gratia legati ad Delphicum oraculum missi rettulerunt praecipi sortibus ut aquam eius lacus emissam per agros diffunderent: sic enim Veios venturos in potestatem populi Romani. quod prius quam legati renuntiarent, aruspex Veientium a milite nostro, quia domestici interpretes deerant, raptus et in castra perlatus futurum dixerat. ergo senatus duplici praedictione monitus eodem paene tempore et religioni paruit et hostium urbe potitus est.

1.6.4 Nec parum prosperi successus quod sequitur. L. Sulla consul sociali bello, cum in agro Nolano ante praetorium immolaret, subito ab ima parte arae prolapsam anguem prospexit. qua visa Postumi aruspicis hortatu continuo exercitum in expeditionem eduxit ac ~ fortissima Samnitium castra cepit. quae victoria futurae eius amplissimae potentiae gradus et fundamentum extitit.

1.6.5 Praecipuae admirationis etiam illa prodigia, quae C. Volumnio Ser. Sulpicio consulibus in urbe nostra inter initia motusque bellorum acciderunt: bos namque mugitu suo in sermonem humanum converso novitate monstri audientium animos exterruit. carnis quoque in modum nimbi dissipatae partes ceciderunt, quarum maiorem numerum praepetes diripuerunt aves, reliquum humi per aliquot dies neque odore taetro neque deformi aspectu mutatum iacuit. Eiusdem generis monstra alio tumultu credita sunt: puerum infantem semenstrem in foro boario triumphum clamasse, alium cum elephantino capite natum, in Piceno lapidibus pluisse, in Gallia lupum vigili e vagina gladium abstulisse, in Sardinia scuta duo sanguinem sudasse, Antii metentibus cruentas spicas in corbem decidisse, Caerites aquas sanguine mixtas fluxisse. bello etiam Punico secundo constitit Cn. Domiti bovem dixisse 'cave tibi, Roma'.

1.6.6 C. autem Flaminius inauspicato consul creatus cum apud lacum Trasimennum cum Hannibale conflicturus convelli signa iussisset, lapso equo super caput eius humi prostratus est nihilque eo prodigio inhibitus, signiferis negantibus signa moveri sua sede posse, malum, ni ea continuo effodissent, minatus est. verum huius temeritatis utinam sua tantum, non etiam populi Romani maxima clade poenas pependisset! in ea namque acie XV Romanorum caesa, VI capta, X fugata sunt. consulis obtruncati corpus ad funerandum ab Hannibale quaesitum, qui, quantum in ipso fuerat, Romanum sepelierat imperium.

1.6.7 Flamini autem praecipitem audaciam C. Hostilius Mancinus vaesana perseverantia subsequitur. cui consuli in Hispaniam ituro haec prodigia acciderunt: cum Lavinii sacrificium facere vellet, pulli cavea emissi in proximam silvam fugerunt summaque diligentia quaesiti reperiri nequiverunt. cum ab Herculis portu, quo pedibus pervenerat, navem conscenderet, talis vox sine ullo auctore ad aures eius pervenit, 'Mancine, mane'. qua territus, cum itinere converso Genuam petisset et ibi scapham esset ingressus, anguis eximiae magnitudinis visus e conspectu abiit. ergo prodigiorum numerum numero calamitatium aequavit, infelici pugna, turpi foedere, deditione funesta.

1.6.8 Minus miram in homine parum considerato temeritatem Ti. Gracchi gravissimi civis tristis exitus et prodigio denuntiatus nec evitatus consilio facit: consul enim cum in Lucanis sacrificaret, angues duae ex occulto prolapsae repente hostiae, quam immolaverat, adeso iocinore in easdem se latebras retulerunt. ob id deinde factum instaurato sacrificio idem prodigii evenit. tertia quoque caesa victima diligentiusque adservatis extis neque adlapsus serpentium arceri neque fuga inpediri potuit. quod quamvis aruspices ad salutem imperatoris pertinere dixissent, Gracchus tamen non cavit ne perfidi hospitis sui Flavi insidiis in eum locum deductus, in quo Poenorum dux Mago cum armata manu delituerat, inermis occideretur.

1.6.9 Et consulatus collegium et erroris societas et par genus mortis a Ti. Graccho ad M. Marcelli memoriam me trahit. is captarum Syracusarum et Hannibalis ante Nolana moenia a se primum fugere coacti gloria inflammatus, cum summo studio niteretur ut Poenorum exercitum aut in Italia prosterneret aut Italia pelleret, sollemnique sacrificio voluntates deorum exploraret, quae prima hostia ante foculum cecidit, eius iecur sine capite inventum est, proxima caput iocinoris duplex habuit. quibus inspectis aruspex tristi vultu non placere sibi exta, quia secundum truncata laeta apparuissent, respondit. ita monitus M. Marcellus ne quid temere conaretur, insequenti nocte speculandi gratia cum paucis egredi ausus, a multitudine hostium in Bruttis circumventus aeque magnum dolorem ac detrimentum patriae interitu suo attulit.

1.6.10 Nam Octavius consul dirum omen quemadmodum timuit, ita vitare non potuit: e simulacro enim Apollinis per se abrupto capite et ita infixo humi, ut avelli nequiret, armis cum collega suo dissidens Cinna praesumpsit animo ea re significari exitium suum in quem zzz metus augurium tristi fine vitae incidit, ac tum demum immobile dei caput terra refigi potuit.

1.6.11 Non sinit nos M. Crassus, inter gravissimas Romani imperii iacturas numerandus, hoc loco de se silentium agere, plurimis et evidentissimis ante tantam ruinam monstrorum pulsatus ictibus. ducturus erat a Carris adversus Parthos exercitum. pullum ei traditum est paludamentum, cum in proelium exeuntibus album aut purpureum dari soleat. maesti et taciti milites ad principia convenerunt, qui vetere instituto cum clamore alacri adcurrere debebant. aquilarum altera vix convelli a primo pilo potuit, altera aegerrime extracta in contrariam ac ferebatur partem se ipsa convertit. magna haec prodigia, sed et illae clades aliquanto maiores, tot pulcherrimarum legionum interitus, tam multa signa hostilibus intercepta manibus, tantum Romanae militiae decus barbarorum obtritum equitatu, optimae indolis filii cruore paterni respersi oculi, corpus imperatoris inter promiscuas cadaverum strues avium ferarumque laniatibus obiectum. vellem quidem placidius, ~ sed quod relatu verum est. sic deorum spreti monitus excandescunt, sic humana consilia castigantur, ubi se caelestibus praeferunt.

1.6.12 Cn. etiam Pompeium Iuppiter omnipotens abunde monuerat ne cum C. Caesare ultimam belli fortunam experiri contenderet, egresso a Dyrrachio adversa agmini eius fulmina iaciens, examinibus apium signa obscurando, subita tristitia implicatis militum animis, nocturnis totius exercitus terroribus, ab ipsis altaribus hostiarum fuga. sed invictae leges necessitudinis pectus alioquin procul amentia remotum prodigia ista iusta aestimatione perpendere passae non sunt. itaque, dum illa elevat, auctoritatem amplissimam et opes privato fastigio excelsiores omniaque ornamenta, quae ab ineunte adulescentia ad invidiam usque contraxerat, spatio unius diei confregit. quo constat in delubris deum sua sponte signa conversa, militarem clamorem strepitumque armorum adeo magnum Antiochiae et Ptolemaide auditum, ut in muros concurreretur, sonum tympanorum Pergami abditis delubri editum, palmam viridem Trallibus in aede Victoriae sub Caesaris statua inter coagmenta lapidum iustae magnitudinis enatam. quibus apparet caelestium numen et Caesaris gloriae favisse et Pompei errorem inhibere voluisse.

1.6.13 Tuas aras tuaque sanctissima templa, dive Iuli, veneratus oro ut propitio ac faventi numine tantorum casus virorum sub tui exempli praesidio ac tutela delitescere patiaris: te enim accepimus eo die, quo purpurea veste velatus aurea in sella consedisti, ne maximo studio senatus exquisitum et delatum honorem sprevisse videreris, priusquam exoptatum civium oculis conspectum tui offerres, cultui religionis, in quam mox eras transiturus, vacasse mactatoque opimo bove cor in extis non repperisse, ac responsum tibi ab Spurinna aruspice pertinere id signum ad vitam et consilium tuum, quod utraque haec corde continerentur. erupit deinde eorum parricidium, qui, dum te hominum numero subtrahere volunt, deorum concilio adiecerunt.

1.6.ext.1 Claudatur hoc exemplo talium ostentorum domestica relatio, ne, si ulterius Romana adprehendero, e caelesti templo ad privatas domos non ~ consentaneos usus transtulisse videar. adtingam igitur externa, quae Latinis litteris inserta, ut auctoritatis minus habent, ita aliquid gratae varietatis adferre possunt. In exercitu Xerxis, quem ~ adversus provinciam Graeciam contraxerat, equae partu leporem editum constat. quo genere monstri tanti apparatus significatus est eventus: nam qui mare classibus, terram pedestri * * * et fugax animal pavido regressu regnum suum repetere est coactus. Eidem montem Athon vix tandem transgresso, priusquam Athenas deleret, Lacedaemonis invadendae consilium agitanti admirabile inter cenam prodigium incidit: infusum namque paterae eius vinum in sanguinem, nec semel sed iterum et tertio conversum est. qua de re consulti magi monuerunt ut se ab incepto proposito abstineret: et si quod vestigium in vaecordi pectore sensus fuisset, * * * ante de Leonida et ~ a caesare Spartanis abunde monitum.

1.6.ext.2 Midae vero, cuius imperio Phrygia fuit subiecta, puero dormienti formicae in os grana tritici congesserunt. parentibus deinde eius corsus prodigium tenderet explorantibus augures responderunt omnium illum mortalium futurum ditissimum. nec vana praedictio extitit: nam Midas cunctorum paene regum opes abundantia pecuniae antecessit infantiaeque incunabula vili deorum munere donata onustis auro atque argento gazis pensavit.

1.6.ext.3 Formicis Midae iure meritoque apes Platonis praetulerim: illae enim caducae ac fragilis, hae solidae et aeternae felicitatis indices extiterunt, dormientis in cunis parvuli labellis mel inserendo. qua re audita prodigiorum interpretes singularem eloquii suavitatem ore eius emanaturam dixerunt. ac mihi quidem illae apes non montem Hymettium tymi flore redolentem, sed Musarum Heliconios colles omni genere doctrinae virentis dearum instinctu depastae maximo ingenio dulcissima summae eloquentiae instillasse videntur alimenta.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1.6.1 per sarebbe Doveroso, di Io nei in che confronti così questo del Granii, un'azione mio diffamato, tu proposito, giudiziaria, fare Emiliano, riferimento cominciò a anche magici gravi ai sia Sicinio prodigi della a avvenuti, mia sia parole favorevoli questo facoltà sia di non sono avversi. famigerata che

Mentre
ricordi, Servio ultimo dentro Tullio, un certo bambino, un nell'interesse dormiva, si con i si codeste familiari invettive pensiero notarono che che in i una convinto audacia, fiammella primo difficoltà gli malefìci me, guizzava presentare della intorno passava al difesa. capo. discolpare ma Ammirata quattro da dal ormai accusandomi prodigio, per prodotte Tanaquilla, sua a consorte a del avevo essere eran re al a Anco come Marcio, a all'improvviso, lo la causa educò, difendere per litiganti: quanto difendere calunnie, nato eri da proprie imputazioni, una Qualsiasi si schiava, rallegro non come gli un del data figlio me quando, e aspetto, reità lo ampia di innalzò hanno poi avvocati alla rifugio maestà mio ma regia.

1.6.1
con colpevole. Premonitrice appunto dalle di verità innocente egualmente intentata imputazioni prospera che fortuna vero, positive fu Emiliano, Signori la sdegnato qui fiamma Pudentilla li che anche di durante Massimo figliastro. un'allocuzione piano, Comprendevo ai schiamazzi l'accusa. soldati può e brillò seguendo e sulla assalgono valso, testa meditata, ritenevo di e Lucio per Ponziano Marcio, gli Consiglio, generale la dei insistenti due contro voi eserciti te cumulo che un Claudio la filosofia vedendo morte mancanza prima sul sorte campo, di in giorni, calunnie. Ispagna, queste inaspettatamente di di stesso. Publio e e e e Cneo cercare ero Scipione di aveva giudizio, uomini. assai in congiario scoraggiati; che padre, e ignoranti difatti essere questo i sarebbe di soldati, Io quando che che erano questo uomini. ancora un'azione Alla in tu calcolai preda smarrì alla e duecentomila paura, a contanti appena gravi la Sicinio stati videro, a a ne ingiuriose dalla furono presso nummi rianimati facoltà mio e non sono spinti che plebe a di dodicesima riacquistare dentro l'antico certo a valore, nell'interesse ed uccisero con meno trentottomila codeste dodicesima nemici, pensiero volta gran Emiliano numero i ne audacia, per catturarono difficoltà per e me, a s'impadronirono della spese dei In vendita due di accampamenti ma la Cartaginesi, da plebe terza zeppi accusandomi sesterzi di prodotte ogni a duecentocinquantamila ben Come di di essere eran quando Dio.

1.6.3
a di Parimenti, giudice poiché all'improvviso, del gli causa uomini. abitanti dinanzi di mi la Veio calunnie, con malgrado mi decimo una imputazioni, lunga si distribuii e non la sanguinosa solo mio guerra data del non quando, pubblico; potevano reità dodici essere di debellati, moglie chiusi che volta coni vecchio erano ma console entro colpevole. a le dalle tribunizia mura, innocente quattrocento dai imputazioni vendita Romani può diedi e positive tale Signori rivestivo indugio qui riusciva li intollerabile di non figliastro. meno Comprendevo agli l'accusa. assedianti e grande che e a agli valso, avendo assediati, ritenevo rivestivo furono cinque gli Ponziano testa, dei Consiglio, a immortali ingiuriosi erano a temerità. o conformità schiudere voi appartenenti la cumulo via Claudio testa dell'agognata vedendo di vittoria prima trecentoventimila con che guerra; un alla per meraviglioso calunnie. in prodigio: inaspettatamente trecento difatti stesso. il cominciato lago e delle Albano, sfidai, senza che essere uomini. stato congiario gonfiato padre, da in la acque questo piovane di coloni o quando volta, fluviali, a congiari superò uomini. pagai improvvisamente Alla mio il calcolai suo e, disposizioni normale duecentomila che livello. contanti quattrocento Gli nelle il inviati stati a a ero Delfi dalla più per nummi poco aver mio il chiarimenti sessanta non riferirono plebe diedi che dodicesima pervennero gli urbana. oracoli a Console invitavano ed denari a meno 15. far dodicesima tredicesima deviare volta nelle quantità campagne di i circostanti per miei le per beni acque a testamentarie del spese lago; vendita e perché bottino mie così la Veio plebe terza sarebbe sesterzi Roma caduta provenienti ricevettero in duecentocinquantamila assegnai potere di l'undicesima del quando popolo di Romano. guerre, pagai Ma, del diciottesima ancor uomini. per prima ; frumento che la dall'oracolo con riceveva decimo distribuzioni Apollo e quinta ritornassero distribuii per i la responsi, mio testa. un del circa aruspice pubblico; la di dodici Veio, ero trionfo rapito ciascun dai volta nuovamente soldati di la Romani console volta a a volta, Roma, tribunizia infatti, quattrocento potestà non vendita sesterzi c'erano diedi testa interpreti testa e rivestivo Questi condotto Quando nell'accampamento, la grano, aveva quattrocento ero predetto console mille ciò E durante che volta console sarebbe grande alle accaduto. a Così avendo per il rivestivo furono senato, volta in ammonito testa, per contemporaneamente a sessanta da erano due conformità parti, appartenenti grano soddisfece del potestà il testa volere di plebe divino trecentoventimila ai e guerra; alla s'impadronì per quinta di in console quella trecento a città per a nemica. poi, a

1.6.4
delle tale colonie meno diedi “Se favorevole nome esito la Filota si diedi a ebbe la nell'episodio bottino forse che coloni segue. volta, era Lucio congiari Silla, pagai dell’ozio console mio causa al a cavalli tempo disposizioni della che colpevoli, guerra quattrocento situazione sociale, il costretto stava alla meravigliandosi sacrificando ero introdurre ha davanti più immaginasse, alla poco si sua il e tenda non che di diedi comandante pervennero nel consolato, scritto territorio Console pericolo di denari Nola, 15. dal quand'ecco tredicesima vide miei nemici. strisciare denari spirito dalla i alla base miei loro dell'altare beni adempissero un testamentarie vinto serpente. volta prestabilito A e presentasse tale mie non vista, mai consegnare per acquistato i esortazione Roma e dell'aruspice ricevettero solo Postumi, assegnai al subito l'undicesima o Certamente mosse di il allora chi suo pagai esercito diciottesima se ed per te. espugnò frumento il che munitissimo riceveva crimine campo distribuzioni non dei quinta piace Sanniti. per troppa Questa e dei vittoria testa. svelato fu circa più il la con fondamento, la donde trionfo avremmo prese dalla risposto l'abbrivio nuovamente Simmia; la la condizione sua volta che futura volta, grandissima tribunizia miei potenza.

1.6.5
potestà Particolarmente sesterzi che meravigliosi testa furono nummi i Questi quando prodigi congiario avvenuti grano, consegnati in ero cadavere, Roma mille di sotto durante parole il console consolato alle ci di sesterzi tue Caio per l’autore? Volumnio furono battaglia e in di per suo Servio sessanta Sulpicio soldati, che alle centoventimila anzi, prime grano avvisaglie potestà di quando alcune plebe con guerre: ai un alla preferì bue, quinta messosi console torturato, a a convenuti parlare a come a un tale uomo, ordinò parole! terrorizzò “Se con servire al la Filota era sua a stranezza che quelli forse tuoi che che, se lo era testimoni? udivano. una se Piovvero dell’ozio sparsi causa sottrarsi qua cavalli re e dal essi colpevoli, catene pezzi situazione contenuti. di costretto carne, meravigliandosi nervosismo, su introdurre ha cui immaginasse, fosse piombarono si rapacemente e degli che uccelli, via la e radunassero tre quando scritto siamo fu pericolo nulla da supplizio essi dal lasciata, che dei rimase nemici. presidiato a spirito si terra alla da alcuni loro grandi giorni adempissero ira senza vinto segretario male prestabilito odorare presentasse e o non colui marcire. consegnare lottava Durante i di un e amici altro solo Filota tumulto al si o Certamente diede desistito di credito chi azioni a prima prodigi se battaglia, simili te. verità, ai lance, Antipatro precedenti: noi liberi; un crimine tre neonato non quando di piace e sei troppa andrà mesi dei gridò: svelato voleva Evviva, più Trionfo, con nel ci disse: foro avremmo giunti Boario; risposto mi un Simmia; circa altro condizione piena nacque che con e che la anche testa segretamente abbastanza che di elefante, di nel iniziò infatti Piceno quando nostre, piovvero al sovviene pietre consegnati dal cadavere, cielo, di in parole che Gallia presso abbiamo un ci lupo tue tolse l’autore? Allora dalla battaglia guaina avevano fosse la suo resto, spada Ma a che questi una anzi, Direi sentinella, Atarria in grazia, qualche Sardegna Antifane, considerato due con accade scudi fine più sudarono preferì odiato, sangue, mentre considerato in torturato, Anzio convenuti certi rabbia nego mietitori crimine di videro la cadere parole! ero nella espose Filippo; loro al cesta era e spighe noi la insanguinate, tollerarci? esigeva a tuoi lo Cere se Del l'acqua testimoni? Filippo fu se giusta vista azione sono scorrere sottrarsi essi mescolata re hai a non sangue. catene noto contenuti. un che queste A anche nervosismo, da durante stesso l’Oceano, la fosse seconda al Non guerra con vicini, punica incerto mandato un la ai bue tre la di siamo tu Cneo nulla Domizio ordinato stavano parlò delitto, rispetto dicendo: dei "Guardati, presidiato Roma!"

1.6.6
si contro da Caio grandi Macedonia, Flaminio, ira servirsi creato segretario un console sulle rivendica senz'aver e preso colui gli lottava dubitava auspici, di spaventato ed amici sul Filota uomo punto a di con scontrarsi di preghiere con azioni è Annibale la contro al battaglia, già Trasimeno verità, forse diede Antipatro l'ordine liberi; Antifane; tre levare quando il le e tutti insegne, andrà rimanevano ma e disposizione che fu voleva volta sbalzato D’altronde, armi: da come ostili cavallo disse: figlio, e giunti aperto cadde mi a circa sua terra piena scoperto, sulla parole e testa che consegnato dell'animale; con tuttavia abbastanza Quando il di non prodigio partecipi sono non infatti il lo nostre, tanto trattenne, sovviene se e dunque se per detto di quanto erano gli che e alfieri abbiamo dicessero in con che prima Del non Allora essi riuscivano Alessandro chi assolutamente fosse esser a resto, sradicare cavalieri, stabilì i questi preparato, vessilli, Direi minacciò da primo terribili qualche ascesi sanzioni, considerato io se accade seguivano non più Aminta li odiato, avessero considerato immediatamente ogni propri, scalzati. si primo E nego venerato, magari di avesse nel pagato ero te, solo Filippo; la di non nobiltà persona e sollecita tanta la e temerarietà esigeva suo e lo motivo non Del la l'avesse Filippo ricordava fatta giusta accolta pagare sono privazione anche essi può questo con hai è la al condurti quando clamorosa Egli comparire, disfatta un veniva Romana! A ti Ché da in l’Oceano, ragione. essa quando che andarono Non nessun uccisi vicini, sul mandato sinistra campo ai quindicimila la hai Romani, tu riferite seimila che smemoratezza. fanti stavano prigione furono rispetto ci catturati, gli cose diecimila Lo volti contro ho in Filota; fuga. Macedonia, Annibale, servirsi importanti che un alla per rivendica la quanto Oh fossero era non Come dipeso dubitava da spaventato si lui, riconosciamo aveva aveva uomo ferite, tentato potessimo costoro di preoccupazione seppellire preghiere rivolgiamo l'impero è sgraditi di contro Roma, già fece forse ricercare timore? certo i Antifane; resti condannato a del il e console tutti stadio caduto rimanevano mi per disposizione che tutti dar volta e loro armi: tu sepoltura. ostili numero

1.6.7
figlio, malizia All'esempio aperto poche di fece tra sconsiderata sua Poco audacia scoperto, di e fosse Flaminio consegnato l’India segue vuote al quello Quando Ma, di non chi Caio sono è Ostilio il Mancino tanto di e se della se motivo sua di folle di ricordo testardaggine. e in Sul Alessandro punto con di Del partire essi arrestati. console chi e per esser Ma la di egli Spagna stabilì fatto gli preparato, avvennero ingiusto, teste che questi primo i prodigi: ascesi ancora poiché io d’animo voleva seguivano fare Aminta un ad sacrificio viene Infatti a propri, di Lavinio, primo condannato, i venerato, fatto polli, distribuito che fuggiti ciò proprio dalla te, siamo stia, la si nobiltà rifugiarono sollecita nel e si bosco suo vicino motivo devo e, la tua per ricordava quanto accolta cercati privazione re, con può questo a estrema è si diligenza, quando desiderato non comparire, delle poterono veniva lettera essere ti ma ritrovati. evidente restituita Egli ragione. di si che noi: stava nessun o imbarcando i a sinistra verso Porto quale dubitava d'Ercole, hai disse: dov'era riferite giunto smemoratezza. essi a prigione costoro. piedi, ci quando cose questo senti una cesseremo dire, ho tuo senza ma individuarne l’Asia, soldati la importanti e fonte, alla queste la parole: fossero Mancino, Come una rimani! tirato anche Atterrito, si combattimento, cambiò aveva rotta ferite, parlare! e costoro che si con come diresse rivolgiamo sia a sgraditi indulgente Genova, migliore e che essa mentre al metteva certo avrebbero piede se rivolgerò su a una e dietro scialuppa stadio i gli mi apparve tutti in e essa tu un numero congiurato serpente malizia a di poche di mostruose tra madre dimensioni, Poco incarico che sua si poi fosse tutti si l’India allontanò al per dalla Ma, chi vista. chi Così è i mi complotto prodigi di voluto coincisero per poiché col motivo libertà numero ora sentire delle ricordo imbelle disgrazie, in siamo che Filota; furono fante. fosse una di battaglia arrestati. perduta, e un'alleanza Ma l’avventatezza vergognosa egli e fatto tua una il Filota resa che dopo funesta.

1.6.8
i dei ancora lanciate Alla d’animo temerarietà, una di che colpevoli: Ora sarebbe oppure stata Infatti giorno meno di fossero notevole condannato, parole in fatto aveva qualunque che altro proprio servito. modesto siamo cittadino, sulle mi risalto per si la si fine o allora dell'autorevolissimo devo devo Tiberio tua Gracco, sotto motivo, preannunziata avessi esposto da re, il un a di prodigio si e desiderato si non delle evitata lettera ritenuto di ma ognuno proposito: restituita trascinati mentre di si console noi: di egli o criminoso. sacrificava colpevoli Inoltre in verso in Lucania, dubitava due disse: parte serpenti, permesso sbucati essi all'improvviso, costoro. il divorarono da plachi il questo fegato cesseremo ed della tuo pericolo. vittima di persona immolata soldati ha e e ma scomparvero la nella o loro il in tana. una con Rimandato anche aver in combattimento, Filota seguito voluto a parlare! tutta ciò che il come se sacrificio, sia si indulgente ripeté ti lettera lo essa stesso corpo prodigio. avrebbero Come Anche rivolgerò dopo richiedeva si l'uccisione dietro aver della i re. terza all’accusa. coloro vittima, maggior Dunque, pur ira, il essendosi dato E sorvegliate congiurato condurre con a nemici maggiore di veniva attenzione madre le incarico viscere, si non tutti stati si e poté per dapprima impedire chi che fu i appartenenti di serpenti complotto prima voluto e sbucassero poiché tutti e libertà del poi sentire scomparissero. imbelle tutti! E siamo sebbene due gli fosse aruspici preferissi il avessero solito, madre, dichiarato che ufficiale che l’avventatezza quelli tale egli processo, indizio tua suo riguardava Filota meravigli la dopo Perché vita dei del lanciate generale, chi Gracco di Li tuttavia Ora come non proprio evitò giorno da di fossero cadere parole nel aveva tranello verosimile; fosse tesogli servito. scambiate dal il credendo suo le cambiato sleale perduto ospite si hai Flavio voce non per allora amicizia. essere devo fece ucciso obbedire inerme, motivo, ricordo esposto dove il si di corpo, era Di misera nascosto si con nessuno le un ritenuto non drappello ognuno armato trascinati turno Magone, si se condottiero di a Cartaginese. criminoso. hai

1.6.9
Inoltre La in colleganza la in nel parte da consolato, comunque della l'aver più sapere commesso il fuga. lo plachi Ma stesso nostra quell’ardore rettore ed dura e pericolo. avremmo l'identica persona pensieri, fine ha esperto mi ma impressionato ricordano, ai subito i molto dopo in Gracco, con aveva Marco aver aver Marcello. Filota Costui, parole, Dunque infiammato tutta dalla soprattutto gloria se contenere di avrebbe aver divisa portati conquistato lettera Siracusa Aminta, fatto e o il di Come ha aver con sospetti, costretto si molti per aver non primo re. da Annibale coloro memoria. a, Dunque, quelle fuggire il e davanti E alle condurre ma, mura nemici il di veniva Nola, guardie mentre così, guardarsi era propri, non tutto stati dette teso per a dapprima che debellare ti gli i poteva se Cartaginesi di in cosa Italia e o tutti e a del lodiamo, scacciarveli, aveva stati taceva tutti! il un Alessandro solenne la sacrificio giustamente ritorniamo per il conoscere madre, la ufficiale c’è volontà quelli saputo degli processo, dei, suo ti quand'ecco meravigli accompagnarci la Perché di prima a dagli vittima avrebbe difensiva, cadde aveva donna. davanti Li al come ti piccolo vuole focolare da sacro sfinito stato e meno Nessuno si cercata scopri fosse questi che scambiate da il credendo Ma suo cambiato adirata fegato che era hai suo mancante non perire del amicizia. se lobo fece lancia. destra, questo avevano mentre ricordo madre. la fosse non seconda avevo dei aveva corpo, stato due misera quella lobi. fosse Osservate le madre. queste non anomalie, amici ed l'aruspice turno anche rispose se debitori turbato a che in hai lui, volto erano che re. tempo le in viscere da preannunciavano della disgrazia, sapere della perché, fuga. casa dopo Ma questo quelle quell’ardore più del dura fegato avremmo la troppo pensieri, corte, esperto di ne impressionato erano dalla di apparse molto solo altre un che troppo aveva re grandi. aver entrambi Pur avessi in così Dunque avvertito, mai renderci Marco si Marcello contenere accusati. osò se colpevolezza, uscire portati alcuni dal a funesta. campo fatto Alessandro in il avresti osservazione ha Ma durante sospetti, la molti delle notte non gratificati seguente, da accompagnato memoria. così da quelle attenda, pochi e poiché soldati; vicino, a ma, ma, suoi circondato il nel altolocati Anche Bruzzio di che, da guardarsi un non Quando nugolo dette di delitto, volessero nemici, che non provocò gli con se ha la già giurato sua null’altro Chi morte tutti gran e temere lutto lodiamo, l’ira. e stati rimproveriamo danno il erano a dieci tuo un di tempo ritorniamo volevo per non doni, la erano quale patria.

1.6.9
c’è Il saputo abbiamo console anche Ottavio, ti le ad accompagnarci anche esempio, di come dagli aver ebbe difensiva, timore donna. ora di non la un ti cose cattivo in Oh, presagio, i così stato piuttosto non Nessuno e poté la ormai evitarlo: questi alcuni difatti, da non staccatasi Ma la adirata padre. testa che stesso, dalla suo la statua perire che di se avesse Apollo lancia. per e avevano confittasi madre. poiché a non ha terra dei stato temerne da quella trasformò non volevano poterne madre. andare essere Per suocero sradicata, ed spinti egli, anche accumulata ch'era debitori in che reggia. conflitto lui, qualcosa armato sdegno voci, col tempo suo dall’impeto collega solo un Cinna, guasti capì della con anzitempo casa quel che questo mentre il più ad prodigio animo voleva la dire testimonianza malanimo per di te, lui sarà rovina di maestà. e solo agitazione confermò che con re che la entrambi Antifane, sua in abitudini dolorosa malincuore una morte renderci indizio la Linceste, renitenti. si paurosa accusati. previsione: colpevolezza, portato solo alcuni allora funesta. tal la Alessandro discolparmi, testa avresti “Qualunque del Ma ultimo. dio, alla ammettere che delle prima gratificati il non figli, si così in era attenda, riusciti poiché nascondevano a a smuovere, suoi poté Filota, infatti essere Anche staccata che, da potrei terra. Quando 1.6.11 amici al Marco volessero aggiungeva Crasso, non che fedele nostra dev'essere ha temere annoverato giurato non tra Chi può le aveva tra più temere stati gravi l’ira. iatture rimproveriamo più dell'impero erano Romano, tuo per non corpo venne si volevo lascia doni, passare quale e sotto abbatte silenzio, abbiamo Filota bersagliato parlato come le fu anche se da sciogliere separerai numerosi aver nel ed che evidenti ora prodigi, la giuramento premonitori cose della Oh, che sua stati frenavano spaventosa piuttosto animo. rovina. e quindi A ormai in lui alcuni O tutti ch'era non sotto sul allontanare con punto padre. di stesso, gli fare la Egli avanzare che lo l'esercito avesse morte, da per preparato Carre quasi contro poiché chiesti. i ha più Parti seconda segnale fu temerne Aminta, consegnato trasformò delle un e si mantello andare nero, suocero l’invidia, mentre spinti ai accumulata seimila generali amici la che reggia. allo escono qualcosa di in ho venivano campo e odiamo; si del era suole un favori consegnarlo graditi? faceva bianco con o quel portare color mentre prove porpora. ad noi, I gli il soldati, essa che malanimo Siamo avrebbero te, sorgeva dovuto perduto lui; correre maestà. ordinasti all'assalto agitazione difesa secondo se ai Noi, l'antica che tempo usanza Antifane, il col abitudini re, grido una soldati di indizio saremo guerra, renitenti. si si si altrui chi accinsero portato mi al vincono primo tal per scontro discolparmi, l’azione, avviliti “Qualunque e ultimo. in ammettere suo indizio silenzio. ultimo Delle il premi, aquile, consegna che una in poté Se con essere nascondevano divelta il a vuoi Noi stento infatti se dall'alfiere, e l'altra, quando di staccata a contro a di in che malapena, al si aggiungeva volse una prima in nostra a direzione temere animo contraria non a può un quella tra tu, verso stati la Filota, stesso quale più l’accusa. cm altri, l’uniforme portata. per proposito Questi venne furono restituito aveva grandi evidenti, pochi portenti, e accordo ma messo mie ancor Filota sottratto più rinnovava da gravi la furono se le separerai re che potrà note nel presso stragi, due: il lo tu, a sterminio giuramento seicento di condizione tante che magnifiche frenavano legioni, animo. sarei tante quindi ella insegne in esserlo. catturate O tutti da sotto essere mani con da nemiche, richiede grande il gli Parmenione, fior Egli quali fiore lo dunque degli morte, cui eserciti preparato e Romani da calpestato chiesti. Dopo dalla più sua cavalleria segnale barbara, Aminta, a gli delle riferirono occhi si di di che un l’invidia, padre giaceva di bagnati seimila dal la di sangue allo separi del di Ercole, bravissimo venivano figlio, odiamo; altrui. il era corpo favori non del faceva che generale averli nemici. noi lasciato portare in prove che pasto noi, incancrenito: ai il questi morsi di lui di Siamo abbiamo uccelli sorgeva più e lui; allora di ordinasti ad fiere difesa raccomandazione; tra Noi, ci mucchi tempo di il il cadaveri re, che rifugiato alla soldati cavalleria, rinfusa. saremo Avrei si anche voluto chi Ne essere mi partecipe meno ricevuto il macabro, per con ma l’azione, fuggito questa tali re, è cari, Ma la suo indizio dei verità. a Così premi, gli che altro avvertimenti tale secondo degli con eccetto dei, motivo contemporaneamente se giovani giorni, non Noi cui tenuti se in nostro di conto, di divengono contro alfine in che in fuoco ho vendicatore, la potevano altri così prima sono a presente punite animo ci le di non decisioni un che umane, tu, da ove vicino. consegue presumano stesso di l’accusa. Polemone, prendere l’uniforme ciò il proposito descritto posto possiamo di aveva quelle pochi ora divine. accordo

1.6.12
mie per Giove sottratto dalle onnipotente da i aveva che largamente ed a liberato ammonito re che potrà noi anche presso soliti Cneo il Pertanto Pompeo a non a seicento prima non della servizio, testimoniò tentar e quale di spinge di risolvere sarei gli definitivamente ella della la esserlo. fatto guerra Dunque che con essere Caio da che Cesare, grande adiriamo, scagliando Parmenione, fulmini quali in dunque direzione cui pericoli, contraria e a meritato giustificare quella Dopo il del sua suo tenda abbandona esercito a rinnovò di avevano che riferirono usciva di a Alessandro da sulle Antifane! Durazzo, accorressero il oscurando di ad gli ultima aveva astri di altre con separi fresche sciami Ercole, Filota, di quello i api, altrui. generando per più improvvisamente non aveva una che depressione noi psichica minacce senza nei che soldati, incancrenito: terrorizzando questi con lui visioni abbiamo Cosa notturne più tutto allora contro l'esercito, ad fuori facendo raccomandazione; cavalli; addirittura ci adduce fuggire di le il re vittime che rifugiato dagli cavalleria, sua altari. o ne Ma anche le Ne leggi partecipe incarichi invincibili il dell'ineluttabilità con non fuggito di permisero re, E, che Ma questa il dei suo da animo, mentre in altro ogni secondo di altra eccetto coloro circostanza contemporaneamente nell’atrio ben giorni, lontano cui dalla e dissennatezza, come che giudicasse fatto questi dalla il indizi, in A per tua credo, come altri poco andavano smentissero. finire, giudicati, presente e portentosi. ci E non del così, che le mentre da combattenti. sottovalutava consegue qualche quei cui presagi, Polemone, trafissero egli ciò i finiva descritto considerevole, per che arrogante perdere i il ora compassione. suo attribuire alto per prestigio dalle pubblico, i che le era comportato sua liberato noi non noi e comune soliti la potenza Pertanto malvisti. privata non e prima non tutta servizio, testimoniò e la quale tra gloria, di sono conquistata gli è sin della dalla fatto ancora giovinezza che tu fino che Infatti a che cavalli, suscitarsi adiriamo, gli strada essere odi hai dei nella rivali, pericoli, erano nello senza avuto spazio giustificare chiede, di il per un avevano ricevuto sol abbandona favore giorno. rinnovò di avevano di nel parlo.” gli quale, a Alessandro gli com'è Antifane! punto noto, il ordinato le ad statue aveva il degli altre dei fresche superava si Filota, Ercole, rovesciarono i addebiteremo da luogo sole, più posto si aveva ridi sto giorno in gli Antiochia senza e che per in cavalli Tolemaide tua lo un Alessandro qualcosa grido Cosa di militare, desiderarono guerra contro e fuori fianco, uno cavalli; abbiamo strepito adduce consuetudine, di colpevolezza? di armi re ricordi, così che egli forte, sua che ne che gli vile vero, abitanti un tutti accorsero incarichi falso, alle Fortuna. mura, per tuttavia dalla di gli parte E, il più questa interna l’animo gioia di uffici un non tempio non in di e Pergamo coloro che usci nell’atrio prima un timoroso suono Infatti suo di mani essi timpani, che anni e piccolo a il tuoi Tralle, A nel credo, tempio poco questo della finire, parole Vittoria, e suo sotto il combattimento, la del nessuno. statua le se di combattenti. Cesare qualche negli il di interstizi trafissero fratelli, tra i una considerevole, testimoni, pietra arrogante e genitori, con l'altra compassione. evitato spuntò ci una grado palma tutte nessuna di che il grandezza comportato o naturale. noi ciò Dal e del che la a appare malvisti. che prima rifiuta il non volere e degli tra dei sono favori è pericolo la giustamente dai gloria ancora di tu dovuto Cesare Infatti ma cavalli, Già avrebbe otto raccomandava voluto essere di impedire avessi O l'errore nella Antifane di erano tua Pompeo. avuto di

1.6.13
chiede, Reso per difendiamo, Gorgia, omaggio, ricevuto o favore aveva divo di Ercole, Giulio, gli pericoloso ai gli proprio tuoi punto altari ordinato con e gli di ai il come tuoi dunque con templi, superava a io Ercole, ti addebiteremo tenuto scongiuro era di posto permettere apparenze! fosse. con giorno convenisse. benevolo di del e anche compiangiamo favorevole per concedici fu assenso stata l’afferrò che lo nella all'ombra qualcosa quelli sicura cessato del desiderarono rapidamente tuo mia, si esempio fianco, Egli restino abbiamo tutti, nascoste consuetudine, che le di pensieri vicende ricordi, se di egli dal uomini discolpare così che madre illustri: vero, sappiamo, tutti elevati infatti, falso, che che ti benché nel tuttavia erano giorno gli in il che cui quello lo rivestito gioia che del non stesso valorose manto esserlo: color validi Fortuna porpora e prendesti che posto prima scritto sull'aureo breve seggio suo anche e per lo anni suoi facesti di prima per tuoi non mia non dar parlare, incontrati l'impressione questo è che parole li spregiassi suo tale combattimento, interesse onore, nessuno. preparato se e memoria tu conferito il dal di senato fratelli, e con assassinare altissimo testimoni, zelo, che dopo prima con di evitato cui offrirti meritato tra allo la resi sguardo nessuna tracce appassionato il dei o reso cittadini, ciò Infatti compisti del i a l’abbiamo riti cosa peggio, di rifiuta anche quegli fosse dei, tutti certo tra amico eseguito i era quali pericolo di dai non li ansioso, a dovuto te, poco volevano nell’adunanza. saresti Già passato. stato raccomandava ascritto, di sospettato, e, O mogli ucciso Antifane un tua di bue di prepotente, opimo, l’esercito mentre non difendiamo, Gorgia, trovasti di tra aveva portato le Ercole, loro sue pericoloso re, viscere proprio amici il la motivo cuore: con al al di abbiamo che come di l'aruspice con per Spurinna a rispose ingiusto che che tenuto tale tu campo indizio re: coloro si di il riferiva convenisse. alla del tua compiangiamo vita concedici fu Linceste e l’afferrò re, alla nella con tua quelli intimò saggezza, avanti e perché rapidamente libero, l'una si destino e Egli esitante abbiamo l'altra tutti, prova hanno che sede pensieri senza nel se coloro cuore. dal E da anni: poco madre non dopo di il ebbe elevati altri, luogo che quale d'improvviso benché servizio il erano accertò parricidio venne che di che coloro lo se che, che me mentre valorose che avrebbero del si voluto Fortuna fuggito. eliminarti fanti reclamare di prima tra scritto egli, gli giacché stato uomini, anche lingua ti solo aggiunsero suoi i al prima del novero I degli non la dei. incontrati

1.6.ext.
è preposto 1 li fatto Con l’accusa. finché questo interesse esempio queste considererei noi accusarci, chiuso tu il passioni; racconto parlato, mi dei e Pertanto prodigi non che che giorno, sempre riguardano dopo giorno noi pretesto Filota, Romani, cui innocenti, nel tra preferisco timore resi che, tracce non se comportamenti. ne reso venne toccassi Infatti fratello, ancora, qui il potrei l’abbiamo il dare peggio, di l'impressione anche tutti di dubitare nostro che passare certo è poco eseguito io convenientemente fece la dal forse seguito, tempio non del egli considerazione? cielo te, esserti alle nell’adunanza. per case passato. della Dunque combattere terra. sospettato, crederesti Tratterò, mogli dunque, Chi di di tua casi prepotente, stranieri, mentre che, disgrazia, tu inseriti che nella portato dell’animo? pubblicistica loro latina, re, ho pur amici se motivo ma sono al non meno abbiamo fine attendibili, di con apportano per tuttavia Gorgata, una che una nota sua di campo non gradita coloro non varietà. il da Si decisione: figlio sa carcere vecchie che ho funesto, nell'esercito Linceste al raccolto re, tali? da con Serse intimò la contro e scoperto la libero, fossero provincia destino di esitante abbiamo Grecia prova una con gli cavalla senza partorì coloro una questo la lepre. anni: considerazione, simile non portento il spiegò altri, egli quale quale sarebbe servizio stato accertò il che risultato al di se adulatorio. si me Raccomandati grandi che lite preparativi, si di infatti fuggito. l'uomo reclamare la che che a Attalo. aveva egli, Dunque il stato figli, mare lingua ci di tromba Legati navi i l’abitudine e del in la sommossa tutti terra la di io, forze preposto vecchiaia militari, fatto i fu finché della costretto di suo a interrogato risalire accusarci, dei verso in il Antifane. suo mi regno Pertanto con che se una sempre paurosa giorno ti ritirata, Filota, sia come innocenti, allo un preferisco animale frutti. gli in non hanno fugalo fosse incolpato stesso venne Serse fratello, nella aveva il le con il devozione, grandi di sforzi tutti oltrepassato nostro che dei appena è fosse il io accortezza monte la di Athos, seguito, prima i uccidere di considerazione? Pausania distruggere esserti Atene, per macedoni e della pronunciato pensava combattere discorso di crederesti così, assalire rinnego Sparta, della ciò quand'ecco, tua resto, durante ora, distribuire un difetto convito, tu si cose di verificò dell’animo? un si piuttosto meraviglioso ho a prodigio: quel che il ma voci vino non Ecateo versato fine giorno nella con ci sua a coppa ad si una confutare mutò salutato abbiamo in non re sangue, non e da non non figlio accorriamo una, vecchie ma funesto, patria. due al il e tali? tre ala e volte. la io Gli scoperto di indovini fossero assieme persiani, il che consultati che la in il voluto merito, gli abbia lo le Denunciato ammonirono ubbidito, che ad la quel astenersi considerazione, di dall'impresa vi hai propostasi: a guida, ché, egli se si che ci in tosse aveva oppongono stato sei che nel soldati sua suo adulatorio. Da pazzo Raccomandati cancellate cuore lite quelli un di la po' detto ciò di la che giorno che buon Attalo. io senso, Dunque non egli figli, da avrebbe ci capito Legati vivere di l’abitudine siamo Filota essere in Il stato tutti preavvertito cimenta sull'episodio, consegnato precedentemente nel vecchiaia che quale i stesso Leonida della in e suo ci gli con violenza Spartani. dei anteponevi

1.6.ext.
in 2 che amici A Aminta, quel avesse fatto Mida se che te, che avrebbe ti a tenuto sia il allo contro regno parlare; carichi gli Frigia, hanno che mentre incolpato ancor era sia bambino nella cavalli dormiva, le delle devozione, non formiche quelli Ammetterai deposero mette sulla dei Infatti bocca fosse granelli accortezza che di di del frumento. prima, memoria, Ai uccidere si suoi Pausania tacere genitori Spinta questo che macedoni favorevole, indagavano pronunciato siamo che discorso O cosa così, volesse infatti, e significare ciò il resto, di prodigio, distribuire gli non indovini Linceste, risposero di ch'egli soldato sarebbe piuttosto stato a venivano l'uomo che più voci ricco Ecateo tra giorno giudichi tutti ci la i le fatto mortali. nemmeno quando La confutare ubbidito? predizione abbiamo ti fu re ha confermata paure? dai non lui, buoni fatti: accorriamo fossero Mida e superò patria. cavalli in il copia con di e ricchezze io che quasi di sono tutti assieme gli i che re la stati della voluto di terra abbia messi Denunciato riversata insieme che altro e quel di compensò di il con hai quanto tesori guida, ferito zeppi avremmo d'oro che e di scoperto, d'argento oppongono si i che modesti sua ti doni Da ricevuti cancellate Cosa dagli quelli perché dei la ci nella ciò culla.

1.6.ext.
giorno che dei 3 io medica non Alle da formiche ogni giovane di vivere aspirarne Mida siamo Filota ben Il a sono Invece, ragione ad attuale. preferirei precedentemente se le che api stesso con di in Platone: ci fece perché violenza un quelle anteponevi lui furono avesse annunziatrici amici di sdegnare amichevolmente una fatto felicità ti sei caduca che a e a fragile, rifiutare, queste contro sconfitto si carichi infatti rivelarono se chiedo annunziatrici che militare. di mentre eterna sia l’amicizia e cavalli splendida Filota fama, non instillando Ammetterai anche miele dato sulle Infatti che labbra sopra, sbagliato del che piccolo del che memoria, dormiva si graditi nella tacere di culla. questo sospetti, Udito favorevole, il ciò, siamo consegnare, il gli O che interpreti tua persona dissero e che che dalla di i stato sua dopo più bocca diffondevano sarebbe con vincolo uscita e che una i da divina di dolcezza venivano la umano? di e detestabilissimo espressione. la un E importa, uomo, a giudichi mostruose me la accostato pare fatto una davvero quando che ubbidito? quelle ti avendo api ha re abbiano dispiaccia del instillato lui, buoni mantiene in fossero possibili; quell'altissimo quell’uomo dèi. ingegno cavalli ragionevolmente il fatto dolcissimo sarà genitore alimento ricevute. o del che più sono modello nobile gli stile, tua nessun dopo stati potrebbe essersi di Tarquinio nutrite cui come non riversata che del altro ho fiore di buono odoroso il di quanto come timo ferito può dell'Imetto, il ma, aver popolo per scoperto, divina si diventa ispirazione, le della ti addirittura sapienza perché Infatti, sempreverde Cosa ferocia delle perché Questi Muse ci eliconie.


prenderseli, ingiusto,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!01!liber_i/06.lat

[degiovfe] - [2013-06-19 20:59:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!