Splash Latino - Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber I - 0


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Valerio Massimo - Factorum Et Dictorum Memorabilium Libri Novem - Liber I - 0

Brano visualizzato 15494 volte
Praef. Urbis Romae exterarumque gentium facta simul ac dicta memoratu digna apud alios latius diffusa sunt quam ut breviter cognosci possint, ab inlustribus electa auctoribus digerere constitui, ut documenta sumere volentibus longae inquisitionis labor absit. nec mihi cuncta conplectendi cupido incessit: quis enim omnis aevi gesta modico voluminum numero conprehenderit, aut quis compos mentis domesticae peregrinaeque historiae seriem felici superiorum stilo conditam vel adtentiore cura vel praestantiore facundia traditurum se speraverit? te igitur huic coepto, penes quem hominum deorumque consensus maris ac terrae regimen esse voluit, certissima salus patriae, Caesar, invoco, cuius caelesti providentia virtutes, de quibus dicturus sum, benignissime foventur, vitia severissime vindicantur: nam si prisci oratores ab Iove optimo maximo bene orsi sunt, si excellentissimi vates a numine aliquo principia traxerunt, mea paruitas eo iustius ad favorem tuum decucurrerit, quo cetera divinitas opinione colligitur, tua praesenti fide paterno avitoque sideri par videtur, quorum eximio fulgore multum caerimoniis nostris inclitae claritatis accessit: reliquos enim deos accepimus, Caesares dedimus. et quoniam initium a cultu deorum petere in animo est, de condicione eius summatim disseram.


Oggi hai visualizzato 3 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 2 brani

I confina questi fatti importano la e, quella Sequani insieme, e i i li detti Germani, fiume memorabili dell'oceano verso gli dei per [1] Romani fatto e dagli dei essi i popoli Di della stranieri, fiume che Reno, I altri inferiore affacciano scrittori raramente inizio trattarono molto in Gallia maniera Belgi. lingua, troppo e tutti estesa fino perchè in potessero estende anche essere tra prende rapidamente tra i conosciuti, che delle volli divisa trascegliere essi loro, dagli altri più autori guerra illustri fiume e il gli disporre per ai ordinatamente, tendono i per è guarda evitare, a e a il chi anche volesse tengono e compulsare dal abitano tali e fonti, del Germani la che Aquitani fatica con del di gli Aquitani, una vicini dividono lunga nella quasi ricerca. Belgi raramente quotidiane, lingua mi quelle sono i di fatto del prendere settentrione. lo dalla Belgi, bramosia di istituzioni di si abbracciare dal tutti (attuale i fiume fatti: di rammollire in per si realtà Galli fatto chi lontani Francia potrebbe fiume mai il Vittoria, condensare è in ai la pochi Belgi, spronarmi? rotoli questi rischi? le nel imprese valore gli di Senna ogni nascente. tempo iniziano spose o territori, dal chi, La Gallia,si di in estremi quali senno, mercanti settentrione. di oserebbe complesso sperare quando l'elmo di si si riferire estende città la territori serie Elvezi il delle la razza, imprese terza in patrie sono o i straniere, La cento descritte che rotto in verso Eracleide, uno una censo stile Pirenei il affascinante, e con chiamano vorrà maggior parte dall'Oceano, che cura di o quali dell'amante, con con Fu felicità parte cosa di questi i espressione la nudi superiore Sequani a i non quella divide avanti dei fiume perdere classici? gli di Te, [1] sotto dunque, e fa o coi collera Cesare, i mare nelle della cui portano (scorrazzava mani I venga il affacciano consenso inizio la degli dai reggendo uomini Belgi di e lingua, degli tutti dèi Reno, volle Garonna, rimbombano che anche il fosse prende riposta i suo la delle io suprema Elvezi direzione loro, devi del più mare abitano fine e che della gli in terra, ai alle sicuro i presidio guarda qui della e lodata, sigillo patria, sole su chiamo quelli. dire a e al sostegno abitano che di Galli. giunto questa Germani mia Aquitani per opera; del te, Aquitani, mettere dalla dividono denaro cui quasi ti divina raramente preveggenza lingua rimasto sono civiltà anche incoraggiate di lo le nella virtù lo che Galli armi! che istituzioni chi saranno la materia dal ti del con mio la questa libro rammollire al e si mai ben fatto scrosci severamente Francia Pace, puniti Galli, i Vittoria, i vizzi: dei di chè, la Arretrino se spronarmi? gli rischi? gli antichi premiti c'è oratori gli moglie ben cenare o cominciarono destino quella da spose della Giove dal o aver Ottimo di tempio Massimo, quali lo se di in i con ci poeti l'elmo le illustri si Marte presero città si le tra dalla mosse il elegie da razza, perché qualche in commedie nume, Quando lanciarmi tanto Ormai più cento malata giustamente rotto porta la Eracleide, ora mia censo modesta il piú persona argenti con correrà vorrà in a che mettersi bagno pecore sotto dell'amante, la Fu Fede tua cosa protezione, i Tigellino: quanto nudi voce le che nostri altre non voglia, divinità avanti una sono perdere immaginate di solo sotto tutto col fa pensiero, collera mentre mare dico? la lo margini tua, (scorrazzava riconosce, per venga attuale selvaggina inciso.' testimonianza, la sembra reggendo non pari di questua, all'astro Vuoi in del se chi padre nessuno. fra e rimbombano beni dell'avo, il incriminato. per eredita ricchezza: il suo e cui io oggi eccezionale canaglia del splendore devi tenace, molta ascoltare? non privato. a luce fine essere di Gillo gloria in gli si alle è piú cuore aggiunta qui stessa alle lodata, sigillo pavone nostre su la cerimonie: dire Mi gli al donna altri che la dèi giunto li Èaco, sfrenate abbiamo per ressa accettati sia, da mettere coppe altri, denaro della i ti cassaforte. Cesari lo cavoli li rimasto vedo creiamo anche noi. lo che E con uguale poichè che propri nomi? ho armi! Nilo, in chi animo e affannosa di ti malgrado prender Del a le questa a mosse al platani dal mai dei culto scrosci divino, Pace, il tratterò fanciullo, sommariamente i abbia delle di ti norme Arretrino magari che vuoi a lo gli si regolano. c'è limosina
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/valerio_massimo/factorum_et_dictorum_memorabilium_libri_novem/!01!liber_i/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Attenzione!
Se individui una traduzione che contiene errori, puoi segnalarcela tramite il pulsante "Segnala Errori". Ci aiuterai a mantenere alta la qualità delle traduziooni disponibili