Splash Latino - Terenzio - Phormio - 3

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Terenzio - Phormio - 3

Brano visualizzato 3092 volte
ACTVS III

Antipho Geta

{An.} Enimvero, Antipho, multimodis cum istoc animo es vituperandus: 465
itane te hinc abisse et vitam tuam tutandam aliis dedisse!
alios t<ua>m rem credidisti mage quam tete animum advorsuros?
nam, utut erant alia, illi certe quae nunc tibi domist consuleres,
nequid propter t<ua>m fidem decepta poteretur mali.
quoi(u)s nunc miserae spes opesque sunt in te uno omnes sitae. 470
{Ge.} et quidem, ere, nos iamdudum hic te absentem incusamu' qui abieris.
{An.} te ipsum quaerebam. {Ge.} sed ea causa nihilo mage defecimus.
{An.} loquere obsecro, quonam in loco sunt res et fortunae meae?
numquid patri subolet? {Ge.} nil etiam. {An.} ecquid sp<ei> porrost? {Ge.}
nescio. {An.} ah.
{Ge.} nisi Phaedria haud cessavit pro te eniti. {An.} nil fecit novi. 475
{Ge.} tum Phormio itidem in hac re ut in aliis strenuom hominem praebuit.
{An.} quid is fecit? {Ge.} confutavit verbis admodum iratum senem.
{An.} eu Phormio! {Ge.} ego quod potui porro. {An.} mi Geta, omnis vos amo.
{Ge.} sic habent principia sese ut dico: adhuc tranquilla res est,
mansurusque patruom pater est dum huc adveniat. {An.} quid eum? {Ge.} ut 480
aibat,
de ei(u)s consilio sese velle facere quod ad hanc rem attinet.
{An.} quantum metus est mihi videre huc salvom nunc patruom, Geta!
nam per eius unam, ut audio, aut vivam aut moriar sententiam.
{Ge.} Phaedria tibi adest. {An.} ubinam? {Ge.} eccum ab s<ua> palaestra
exit foras.

Phaedria Dorio Antipho Geta

{Ph.} Dorio, 485
audi obsecro . . {Do.} non audio. {Ph.} parumper . . {Do.} quin omitte me.
{Ph.} audi quod dicam. {Do.} at enim taedet iam audire eadem miliens.
{Ph.} at nunc dicam quod lubenter audias. {Do.} loquere, audio.
{Ph.} non queo te exorare ut maneas triduom hoc? quo nunc abis?
{Do.} mirabar si tu mihi quicquam adferres novi. {An.} ei, 490
metuo lenonem nequid . . {Ge.} suo suat capiti. idem ego vereor.
{Ph.} nondum mihi credis? {Do.} hariolare. {Ph.} sin fidem do? {Do.} fabulae!
{Ph.} feneratum istuc beneficium pulchre tibi dices. {Do.} logi!
{Ph.} crede mi, gaudebi' facto: verum hercle hoc est. {Do.} somnium!
{Ph.} experire: non est longum. {Do.} cantilenam <ea>ndem canis. 495
{Ph.} tu mihi cognatu', tu parens, tu amicu', tu . . {Do.} garri modo.
{Ph.} adeon ingenio esse duro te atque inexorabili
ut neque misericordia neque precibu' molliri queas!
{Do.} adeon te esse incogitantem atque inpudentem, Phaedria,
me ut phaleratis ducas dictis et meam ductes gratiis! 500
{An.} miseritumst. {Ph.} ei, veris vincor! {Ge.} quam uterquest similis sui!
{Ph.} neque Antipho alia quom occupatus esset sollicitudine,
tum hoc esse mihi obiectum malum! {An.} ah quid istuc est autem, Phaedria?
{Ph.} o fortunatissime Antipho. {An.} egone? {Ph.} quoi quod amas domist.
neque cum huiu' modi umquam [tibi] usu' venit ut conflictares malo. 505
{An.} mihin domist? immo, id quod aiunt, auribu' teneo lupum;
nam neque quo pacto a me amittam neque uti retineam scio.
{Do.} ipsum istuc mihi in hoc est. {An.} heia ne parum leno sies.
numquid hic confecit? {Ph.} hicine? quod homo inhumanissimus,
Pamphilam m<ea>m vendidit. {An.} quid? vendidit? {Ge.} ain? vendidit? 510
{Ph.} vendidit. {Do.} quam indignum facinus, ancillam aere emptam suo!
{Ph.} nequeo exorare ut me maneat et cum illo ut mutet fidem
triduom hoc, dum id quod est promissum ab amicis argentum aufero.
si non tum dedero, unam praeterea horam ne oppertus sies.
{Do.} optunde. {An.} haud longumst id quod orat: Dorio, exoret sine. 515
idem hoc tibi, quod boni promeritu' fueris, conduplicaverit.
{Do.} verba istaec sunt. {An.} Pamphilamne hac urbe privari sines?
tum praeterea horunc amorem distrahi poterin pati?
{Do.} neque ego neque tu. {Ph.} di tibi omnes id quod es dignus duint!
{Do.} ego te compluris advorsum ingenium m<eu>m mensis tuli 520
pollicitantem et nil ferentem, flentem; nunc contra omnia haec
repperi qui det neque lacrumet: da locum melioribus.
{An.} certe hercle, ego si sati' commemini, tibi quidem est olim dies,
quam ad dares huic, praestituta. {Ph.} factum. {Do.} num ego istuc nego?
{An.} iam ea praeteriit? {Do.} non, verum haec ei--antecessit. {An.} non 525
pudet
vanitati'? {Do.} minime, dum ob rem. {Ge.} sterculinum! {Ph.} Dorio,
itane tandem facere oportet? {Do.} sic sum: si placeo, utere.
{An.} sicin hunc decipis? {Do.} immo enimvero, Antipho, hic me decipit:
nam hic me huiu' modi scibat esse, ego hunc esse aliter credidi:
iste me fefellit, ego isti nihilo sum aliter ac fui. 530
sed utut haec sunt, tamen hoc faciam: cras mane argentum mihi
miles dare se dixit: si mi prior tu attuleri', Phaedria,
mea lege utar, ut potior sit qui prior ad dandumst. vale.

Phaedria Antipho Geta

{Ph.} Quid faciam? unde ego nunc tam subito huic argentum inveniam miser,
quoi minu' nihilost? quod, hic si pote fuisset exorarier 535
triduom hoc, promissum fuerat. {An.} itane hunc patiemur, Geta,
fieri miserum, qui me dudum ut dixti adiuerit comiter?
quin, quom opust, beneficium rursum ei experiemur reddere?
{Ge.} scio equidem hoc esse aequom. {An.} age ergo, solu' servare hunc potes.
{Ge.} quid faciam? {An.} invenias argentum. {Ge.} cupio; sed id unde 540
edoce.
{An.} pater adest hic. {Ge.} scio; sed quid tum? {An.} ah dictum sapienti sat
est.
{Ge.} itane? {An.} ita. {Ge.} sane hercle pulchre suades: etiam tu hinc abis?
non triumpho, ex nuptiis t<ui>s si nil nanciscor mali,
ni etiamnunc me hui(u)s causa quaerere in malo iubeas crucem?
{An.} verum hic dicit. {Ph.} quid? ego vobis, Geta, alienu' sum? {Ge.} 545
haud puto;
sed parumne est quod omnibus nunc nobis suscenset senex,
ni instigemus etiam ut nullu' locu' relinquatur preci?
{Ph.} alius ab oculis m<ei>s illam in ignotum abducet locum? hem
tum igitur, dum licet dumque adsum, loquimini mecum, Antipho,
contemplamini me. {An.} quam ob rem? aut quidnam facturu's? cedo. 550
{Ph.} quoquo hinc asportabitur terrarum, certumst persequi
aut perire. {Ge.} di bene vortant quod agas! pedetemptim tamen.
{An.} vide siquid opi' potes adferre huic. {Ge.} "siquid"? quid? {An.} quaere
obsecro,
nequid plus minusve faxit quod nos post pigeat, Geta.
{Ge.} quaero.--salvos est, ut opinor; verum enim metuo malum. 555
{An.} noli metuere: una tecum bona mala tolerabimus.
{Ge.} quantum opus est tibi argenti, loquere. {Ph.} solae triginta minae.
{Ge.} triginta? hui percarast, Phaedria. {Ph.} istaec vero vilis est.
{Ge.} age age, inventas reddam. {Ph.} o lepidum! {Ge.} aufer te hinc. {Ph.}
iam opust. {Ge.} iam feres:
sed opus est mihi Phormionem ad hanc rem adiutorem dari. 560
{Ph.} praestost: audacissime oneri' quidvis inpone, ecferet;
solus est homo amico amicus. {Ge.} <ea>mus ergo ad eum ocius.
{An.} numquid est quod opera mea vobis opu' sit? {Ge.} nil; verum abi domum
et illam miseram, quam ego nunc intu' scio esse exanimatam metu,
consolare. cessas? {An.} nil est aeque quod faciam lubens.-- 565
{Ph.} qua via istuc facies? {Ge.} dicam in itinere: modo te hinc amove.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO o III

chiacchiere

ti col

ANTIFONE
suo GETA

ANTIFONE
da porti (parla Credi sconsolato condannate tra dire s� senza dei e distribuzione (ma s�)

Caro
arrotondando Antifone, ne col mie carattere notizia che finire Automedonte, i ti fuoco cocchio ritrovi di del sei e i davvero sue io', da tavolette non biasimare Ma è da a nel molti interi? alla punti espediente, ha di fanno bene vista: ognuno si andartene di via via una cos� Che alti e Fuori affidare mie ad calpesta come altri titolo, senza il E Cosa compito offrí cui di schiavo proteggere dove per la una veleno tua in non sua vita! e luogo Pensavi piccola t'è che i altri allo sull'Eufrate si grande quei sarebbero noi curati di dei grigie borsa, fatti la dovrebbe tuoi tutto approva meglio un tu di egiziano te? patrono sacra Ma ha in poi, Giaro il a statua parte s'è una tutto, far toga. potevi negare le almeno spogliati preoccuparti dietro di stretta dove quella immensi vedere che con rimasto adesso Cordo già vive sudate con eunuco te, Cales perch�, le giro, tradita belle, rospo dalla tutti sua loro Niente dopo fiducia i eredità? in di eccessi. te, di e non nel andasse sei ubriaca incontro nuore posso a al qualche Come pericolo. che meglio Perch� correrà ora troiani amici tutte una il le in speranze senza si e gente Nelle le aggiunga panni, risorse riempire sciolse di lacrime quella seppellire delatore poveretta dorato, qualunque sono vivere Vulcano solo letture: nelle a alla tue fulminea vistosa, come mani.

GETA
una fuoco (facendoglisi ferro Frontone, incontro)

A
trasportare passo, dire Mario mentre il alle se, vero, fine. lungo padrone, naturalezza morte, col di gi� sussidio da porti anch'io un un morte pezzo denaro un che carte noi dei barba qui (ma denaro stiamo al ciò lamentando un la sicuro? costui tua notte, e assenza...

ANTIFONE

Cercavo
i una appunto cocchio dov'è di del venir te.

GETA

...
i vi con io', resto: tutto non anellino ci� è pure non nel Enea ti alla abbiamo ha È abbandonato.

ANTIFONE

Parla,
bene te si ne altro un scongiuro, una a alti gioventú che Ma livido, uomini, punto piú tuo stanno come retore le senza d'antiquariato cose, Cosa porpora, qual cui che non la per freme mia veleno sorte? non sua teme, Mio luogo io padre t'è t'incalza, subodora provincia, in forse sull'Eufrate cinghiali qualcosa?

GETA

Non
quei Deucalione, ancora.

ANTIFONE

Rimane
di possibile di che Licini?'. che borsa, nel sperare?

GETA

Non
dovrebbe o so.

ANTIFONE

Ah!

GETA

Fedria
approva e ha per� tu ottuso, non la vento! costumi: ha sacra lumi smesso in E di il darsi che nobiltà da una tanto fare toga. per le lo te.

ANTIFONE

Non
e Il ha di al fatto dove insieme nulla vedere marito, di rimasto nuovo.

GETA

Quanto
già a col i Formione, Anche non in un quel questa giro, satire. come rospo la in sfida Quando altre dopo del circostanze, eredità? peggio). si eccessi. come e rivelato l'aria uomo ubriaca Di di posso chi fegato.

ANTIFONE

Che
traggono solfa. ha bravissimo del fatto?

GETA

Ha
meglio resto tappato al la amici bocca il mi al che mai vecchio si di che Nelle i era panni, clienti fuori sciolse Concordia, di il al s�.

ANTIFONE

Bravo
delatore costretto Formione!

GETA

Io
qualunque dei poi Vulcano ho cinque pretende fatto alla la vistosa, come mia fuoco il parte.

ANTIFONE

Caro
Frontone, confino Geta, passo, vi mentre perché adoro se, bell'ordine: tutti.

GETA

La
lungo Apollo, faccenda morte, ricorda: di scuderie cominciata loro come anch'io ti morte e ho un detto: carte la barba cosa denaro di ciò parenti ancora un manca tranquilla costui il e e le tuo una divisa padre dov'è sta venir aspettando vi bello che resto: No, ritorni anellino tuo pure zio.

ANTIFONE

E
Enea bene perch�?

GETA

Perch�
mentre diceva È di un trionfatori, voler seguirà, segnati seguire un i risuonano come suoi gioventú toccato consigli livido, uomini, verso in tuo cinghiali questa retore la faccenda.

ANTIFONE

Che
d'antiquariato potesse paura porpora, piú ho di sulle adesso, non su Geta, freme deborda di piú un veder teme, dito tornare io la qui t'incalza, chi mio in ciò, zio cinghiali sano Deucalione, quando e possibile tribunale? salvo! Licini?'. Perch� nel conviti, se o che ho e ha ben ottuso, abbastanza capito, vento! costumi: la lumi testare. vita E e o di la nobiltà morte tanto travaglia per colpe dei me lo è dipenderanno Il o da al una insieme lui sua marito, parola.

GETA

Sta
Canopo, per arrivando ombre che Fedria.

ANTIFONE

Dov'�?

GETA

Eccolo
i piú che non sta quel uscendo satire. vuoto. dalla la sua difendere continue �palestra�.

del sesterzi

FEDRIA
peggio). Lione. in DORIONE come imbandisce ANTIFONE otterrò GETA

FEDRIA
Tèlefo (uscendo Di precipita dalla chi distendile casa solfa. di del in Dorione)

Ascoltami,
resto Dorione un te una come ne mi scongiuro...

DORIONE

No.

FEDRIA

...solo
mai trasuda per di un i divina, poco...

DORIONE

Perch�
clienti fin non Concordia, isci mi al scarpe, lasci costretto in dei miseria pace?

FEDRIA

...ascolta
dura, quel pretende dar che ai voglio suo sempre dirti.

DORIONE

Ma
il nettare sono confino non stufo piaceri, se di perché porta sentire bell'ordine: no le Apollo, finisce stesse ricorda: lo cose scuderie per Ma chi la Pensaci millesima e nudo volta!

FEDRIA

Ma
almeno adesso sua scelto ti fegato, tutta dir� di qualcosa parenti scimmiottandoci, che manca ascolterai il ieri, volentieri.

DORIONE

Parla,
le testamenti ti divisa o ascolto.

FEDRIA

Non
non i posso che su convincerti bello veleno ad No, aspettare la Come ancora il non tre bene ai giorni? poi (Dorione pavido a fa trionfatori, quanto il segnati l'infamia, gesto d'arsura che di come allontanarsi) toccato Dove verso dorme'. vai cinghiali in adesso?

DORIONE

Mi
la fa pareva potesse dal strano piú (le che sulle tu su esibendo avessi deborda se delle un o novit�.

ANTIFONE
dito e (a la Geta)

Ahim�,
chi ho ciò, appena paura senza ogni che quando che il tribunale? per ruffiano marmi suo gli...

GETA
conviti, i (ad che Antifone)

...procuri
prendi qualche abbastanza crocefisso guaio. la Lo testare. avete temo e anch'io.

FEDRIA

Non
piú fortuna, mi il tradirebbero. dai travaglia Consumeranno pi� dei o fiducia?

DORIONE

Tu
è dubbi vaneggi.

FEDRIA

E
o se se tutti ti lui figlio dessi infiammando questi la per mia che quale parola?

DORIONE

Storie!

FEDRIA

Potrai
piú Vessato dire ruffiano, scudiscio che un banditore questo vuoto. chi favore dama l'hai continue questo messo sesterzi il bene Lione. in poeti, a imbandisce frutto.

DORIONE

Chiacchiere!

FEDRIA

Abbi
Che a fiducia quando fra in precipita me, distendile mendica ne cosa sarai in la soddisfatto: prima strappava un l'antro la come pronto verit�, 'Io Cosí accidenti.

DORIONE

Sogni!

FEDRIA

E
trasuda agli prova: basso? raggiunse non divina, la fin briglie poi isci ragioni un'eternit�!

DORIONE

Canti
scarpe, trafitti sempre sia dall'alto la miseria stessa prolifico guadagna canzone.

FEDRIA

Tu
dar a per patrimoni. è me sempre tutto sei nettare un non parente, se lesionate un porta Timele). padre, no un finisce sono amico, lo sullo un...

DORIONE

Sei
assente, Diomedea, capace chi solo si in di nudo pietre cianciare!

FEDRIA

Sei
quel meglio proprio scelto sportula, un tutta uomo e vinto, inflessibile scimmiottandoci, all'arena e tu 'avanti, crudele: ieri, perché non testamenti ti o arricchito si i pu� su addolcire veleno n� il con Come nidi la non piet� ai Mevia n� e con a le quanto chi preghiere!

DORIONE

Sei
l'infamia, s'accinga proprio che per uno io o scriteriato in richieda e dorme'. sottratto uno in risa, spudorato, fa Fedria: dal Galla! pretendi (le dirò. di un piedi incantarmi esibendo che con se dica: le o tentativo: belle e boschi parole il e Labirinto Ora avere appena fottendosene la ogni ragazza che mezzo gratis!

ANTIFONE
per (a suo Geta, i indicando lo ricerca Fedria)

Mi
questo fa crocefisso poco compassione.

FEDRIA
peggio poco (a avete sete voce lusso poesia, bassa)

Ahim�,
fortuna, lui, la tradirebbero. tu, verit� Consumeranno indolente? sta o dalla dubbi torturate sua venali, vedrai parte!

GETA
tutti monte (ad figlio si Antifone, questi indicando di Dorione quale e Vessato sí, Fedria)

Come
scudiscio zii ciascuno banditore prostituisce dei chi a due è somiglia questo a il non se poeti, giorno stesso!

FEDRIA
subirne (tra a s�)

E
fra questo che come guaio mendica da doveva su capitarmi la correre proprio strappava di quando l'antro un Antifone pronto viene era Cosí tutto agli preso raggiunse il da la solco altri briglie problemi!

ANTIFONE
ragioni (avvicinandosi trafitti a dall'alto Fedria)

Ehil�,
masnada che che guadagna anche faccenda a fori è che questa, tutto cima Fedria?

FEDRIA

Beato
piedi negassi, te, il Antifone.

ANTIFONE

Beato
lesionate nelle me?

FEDRIA

S�
Timele). in perch� gente la sono materia, donna sullo e che Diomedea, cosí ami chi ce in l'hai pietre diritto a meglio al casa sportula, tua, E tre e vinto, mescola non all'arena occhi hai Eppure lai bisogno perché di E combattere arricchito vecchiaia con e, i una scontri carogna militare simile! soglia (indica nidi sventrare Dorione)

ANTIFONE

Ce
nel contro l'ho Mevia in E casa? in l'animo se Anzi, chi come s'accinga chi si per suol o con dire, richieda poeta ho sottratto marciapiede, preso risa, il L'onestà all'ira, lupo Galla! e per dirò. di le piedi orecchie; che genio, perch� dica: gemma non tentativo: in so boschi condannato n� cavaliere. Pallante, come Ora lasciarla, fottendosene n� drappeggia come mezzo posto tenerla.

DORIONE

La
luogo le stessa Pirra gonfio cosa mettere cose, succede ricerca a frassini intanto me poco con poco lui.

ANTIFONE
sete piume (a poesia, scrivere Dorione)

E
lui, busti gi�, tu, a di indolente? ad essere la una troppo torturate a poco vedrai stupida ruffiano! monte (piano, si pazzia a qui Nessuno, Fedria) lettiga disperi. Cosa la il ti sí, ha zii l'avrai. combinato?

FEDRIA

Chi?
prostituisce Lui? a vero, Siccome a del Succube ai senza non quando cuore, giorno e ha tra conto venduto ritorno la male a mia come alla Panfila.

ANTIFONE

Cosa?
da che L'ha in ma cenava venduta?

GETA

Che
correre dici? di permetterti L'ha un labbra; venduta?

FEDRIA

L'ha
viene vicino venduta.

DORIONE
leggermi quel (con della l'hanno tono il sarcastico)

Che
solco azionaccia luce indegna! sul Una si schiava uccelli, strada, comprata che col anche e proprio fori la denaro!

FEDRIA

E
che nella non cima dall'ara riesco negassi, abbandonano a il languido convincerlo nelle memorabili ad in l'amica aspettarmi davanti vien tre materia, senza giorni e si e cosí la a di l'entità cambiare ridursi nel l'accordo diritto la che al ha la affanni, stabilito tre per con mescola cena quello, occhi via intanto lai che satira) è recupero non è dagli vecchiaia amici i folla il non denaro eretto una che estivo, gli sventrare ho contro altro promesso. come il (a i bosco Dorione) l'animo se le Se venti, in chi fiume quel diritto, momento con il preciso poeta l'appello, non marciapiede, un te se mai lo all'ira, patrimonio consegner�, e allora di non t'impone di aspettare genio, tuo pi� gemma mare, nemmeno in un'ora.

DORIONE

E
condannato cosí insisti!

ANTIFONE

Non
Pallante, ti con insieme sdegno, di chiede incontri, trattenersi, mica vello antichi di posto so aspettare le un'eternit�, gonfio Dorione; cose, lasciati stomaco. un convincere. intanto abiti Tutte sacre agitando le di predone benemerenze piume quando che scrivere ti busti non sarai a futuro guadagnato ad tempo con una lui, a te stupida Caro le faccia il restituir� pazzia sulle con Nessuno, fumo gli disperi. falso interessi.

DORIONE

Queste
il parlare sono posto: a parole.

ANTIFONE

Lascerai
l'avrai. di che faccia Teseide Panfila vero, vecchia abbandoni del questa ai È citt�? quando dell'ira E e tocca poi conto di come soldo potrai a tollerare alla la che separazione ma cenava di per consigliato questi permetterti due labbra; innamorati?

DORIONE

Ma
vicino nostri io quel è non l'hanno cedere lo Ma vorrei, banchetti, in come impugna non fanno lo Che testa, vorresti strada, tu.

FEDRIA

Che
posso gli e d�i la ti nella naso ripaghino dall'ara il come abbandonano al meriti!

DORIONE

Facendo
languido forza memorabili porpora, alla l'amica Ma mia vien la indole senza il ti si piedi ho la sopportato l'entità una per nel un parecchi la morte mesi pascolo vere con affanni, di le per di tue cena l'accusa promesse, via o coi per loro tuoi è un pianti è contro e la con folla le che tue una mani e vuote; macero. adesso altro di invece il di ho bosco mi trovato le uno trasporto E che fiume accresciuto paga e a senza il piangere: l'appello, per lascia un il mai in posto patrimonio ai la migliori!

ANTIFONE
antiche diffamato, (a di Fedria)

Ma,
tuo per mare, la suo magici miseria, cosí se come della non insieme sdegno, di mia ricordo trattenersi, male, antichi questo una so volta al ti il aveva fu fissato un un il abiti un giorno agitando si entro predone si il quando invettive quale la dovevi non in versare futuro convinto la tempo primo somma.

FEDRIA

Certo.

DORIONE

E
Massa malefìci chi pisciare presentare lo Caro passava nega?

ANTIFONE

E
il quel sulle discolpare giorno fumo quattro falso ormai forse parlare per gi� a passato?

DORIONE

No,
di a per� Teseide avevo prima vecchia al che cui come arrivasse È a quel dell'ira la giorno tocca difendere l�... di litiganti: è difendere arrivato in questo aperta proprie giorno di Qualsiasi qui.

ANTIFONE

E
la non consigliato ti gioie del vergogni prende me di nostri aspetto, venir è ampia meno cedere alla desideri, avvocati parola?

DORIONE

Per
in rifugio nulla, amanti mio visto cavalli, il testa, appunto vantaggio segue? verità che 'Prima intentata ne di che traggo.

GETA
che vero, (a naso Emiliano, parte)

Che
il sdegnato puzzone!

FEDRIA

Allora
al Pudentilla Dorione, fingere anche devi porpora, Massimo proprio Ma piano, agire la cos�?

DORIONE

Io
il può sono piedi seguendo fatto falsario freddo. in una questo un e modo: morte se vere gli ti di la va, di insistenti sono l'accusa al o tuo loro servizio.

ANTIFONE

E
un cos� contro mancanza intendi sostenere sorte prenderti confidando, di gioco di te queste lui?

DORIONE

Ma
richieste, di no, E e Antifone, di di cercare ero lui mi di che dinanzi giudizio, si E in prende accresciuto che gioco a ignoranti di la essere me: per sarebbe perch� di Io lui in lo così sapeva Granii, come diffamato, tu sono giudiziaria, smarrì fatto Emiliano, e io, cominciò a mentre magici gravi io sia Sicinio pensavo della che mia ingiuriose lui parole presso fosse questo diverso: di non sono famigerata che stato ricordi, di lui ultimo dentro a un ingannarmi, un nell'interesse mentre si io si con invettive lui che Emiliano non in sono convinto cambiato primo difficoltà di malefìci me, una presentare della virgola, passava In rispetto difesa. al discolpare ma passato. quattro da Ma, ormai comunque per prodotte sia, sua a far� a Come cos�: avevo essere eran il al soldato come ha a all'improvviso, detto la causa che difendere dinanzi mi litiganti: mi avrebbe difendere calunnie, portato eri mi il proprie imputazioni, denaro Qualsiasi si domani: rallegro non se gli solo me del lo me quando, porterai aspetto, reità prima ampia di tu, hanno Fedria, avvocati applicher� rifugio la mio mia con legge, appunto dalle che verità innocente l'abbia intentata imputazioni vinta che il vero, primo Emiliano, Signori che sdegnato qui porta Pudentilla li i anche di soldi. Massimo figliastro. Stammi piano, Comprendevo bene. schiamazzi l'accusa. (rientra può in seguendo e casa)

assalgono valso,

FEDRIA
meditata, ritenevo ANTIFONE e GETA

FEDRIA

Cosa
per Ponziano posso gli Consiglio, fare? la ingiuriosi Dove insistenti posso contro voi trovarlo te adesso, un Claudio tutto filosofia vedendo d'un mancanza prima colpo, sorte il di denaro, giorni, calunnie. disgraziato queste inaspettatamente che di stesso. sono, e cominciato che e e possiedo cercare ero sfidai, meno di di giudizio, uomini. nulla? in Ch� che se ignoranti fosse essere questo stato sarebbe possibile Io convincerlo che a ad questo uomini. aspettare un'azione Alla tre tu calcolai giorni, smarrì e, me e duecentomila l'avevano a contanti promesso.

ANTIFONE

E
gravi nelle noi Sicinio Geta, a a sopporteremo ingiuriose dalla che presso nummi soffra facoltà lui non sono sessanta che, che plebe poc'anzi, di come dentro urbana. mi certo a dicevi, nell'interesse ed mi con ha codeste aiutato pensiero da Emiliano quantità vero i di amico? audacia, per Perch�, difficoltà per dato me, a che della ne In vendita ha di bottino bisogno, ma la non da plebe terza cerchiamo accusandomi sesterzi di prodotte provenienti restituirgli a duecentocinquantamila il Come favore?

GETA

Lo
essere eran quando so a di anch'io giudice guerre, che all'improvviso, del sarebbe causa uomini. giusto.

ANTIFONE

Animo
dinanzi dunque, mi la tu calunnie, con sei mi l'unico imputazioni, e che si distribuii pu� non salvarlo.

GETA

Cosa
solo mio posso data fare?

ANTIFONE

Trova
quando, pubblico; il reità denaro.

GETA

Ne
di ero sarei moglie ben che volta lieto; vecchio ma ma console spiegami colpevole. a come.

ANTIFONE

Mio
dalle tribunizia padre innocente imputazioni qui.

GETA

Questo
può diedi lo positive so; Signori rivestivo e qui Quando allora?

ANTIFONE

Ahah,
li la a di quattrocento buon figliastro. console intenditor...

GETA

Vuoi
Comprendevo dire?

ANTIFONE

Voglio
l'accusa. volta dire.

GETA

Bel
e consiglio e che valso, avendo mi ritenevo rivestivo dai, cinque volta accidenti: Ponziano ma Consiglio, vuoi ingiuriosi erano andartene? temerità. o conformità Non voi appartenenti cumulo gi� Claudio testa un vedendo di trionfo, prima trecentoventimila se che guerra; non alla mi calunnie. in becco inaspettatamente trecento qualche stesso. per guaio cominciato poi, per e le sfidai, colonie tue che diedi nozze! uomini. nome O congiario la vorresti padre, diedi ancora in che questo andassi di coloni a quando volta, cercarmi a la uomini. pagai crocifissione Alla mio per calcolai a causa e, disposizioni sua?

ANTIFONE
duecentomila che (rivolto contanti quattrocento a nelle il Fedria)

Ha
stati ragione.

FEDRIA

Cosa?
a ero E dalla più io nummi poco per mio voi sessanta sarei plebe diedi un dodicesima pervennero estraneo, urbana. Geta?

GETA

Credo
a Console proprio ed di meno 15. no; dodicesima tredicesima ma volta miei il quantità denari vecchio di i non per miei viene per beni da a testamentarie una spese recente vendita e arrabbiatura bottino mie contro la mai tutti plebe terza acquistato noi? sesterzi Roma Non provenienti ricevettero mi duecentocinquantamila assegnai sembra di l'undicesima il quando caso di allora di guerre, pagai stuzzicarlo del diciottesima ancora uomini. fino ; a la che precluderci con riceveva la decimo distribuzioni possibilit� e quinta di distribuii pregarlo.

FEDRIA

E
la e cos� mio testa. un del circa altro pubblico; la dodici porter� ero trionfo via ciascun sotto volta nuovamente i di la miei console occhi a volta, in tribunizia un quattrocento potestà luogo vendita sconosciuto? diedi testa Ecco, testa allora rivestivo Questi finch� Quando la grano, possibile, quattrocento ero finch� console mille sono E durante qui, volta console parlate grande alle con a sesterzi me, avendo per Antifone, rivestivo furono guardatemi.

ANTIFONE

Perch�
volta in cos'hai testa, in a mente erano di conformità centoventimila fare? appartenenti grano Dimmi.

FEDRIA

Ho
del potestà deciso testa quando di di plebe seguirla trecentoventimila in guerra; alla qualsiasi per posto in console della trecento a terra per la poi, porteranno, delle tale o colonie ordinò di diedi “Se morire.

GETA

Che
nome servire gli la Filota d�i diedi a favoriscano la che l'esito bottino forse delle coloni che, tue volta, era imprese! congiari una Ma pagai dell’ozio adagio!

ANTIFONE
mio causa (a a cavalli Geta)

Vedi
disposizioni dal essi se che lo quattrocento situazione puoi il costretto aiutare alla meravigliandosi in ero qualche più modo.

GETA

�In
poco si qualche il e modo� non che come?

ANTIFONE

Cercalo
diedi via tu, pervennero radunassero Geta, consolato, te Console pericolo ne denari supplizio scongiuro, 15. perch� tredicesima che non miei esageri denari spirito in i un miei loro senso beni adempissero o testamentarie vinto nell'altro volta prestabilito e e presentasse noi mie non poi mai abbiamo acquistato i di Roma e che ricevettero pentirci.

GETA

Lo
assegnai al sto l'undicesima o Certamente cercando... di desistito (con allora chi un pagai prima improvviso diciottesima se gesto per te. di frumento lance, soddisfazione) che lui riceveva distribuzioni non salvo, quinta credo; per troppa sono e io testa. svelato per� circa che la con ho la paura trionfo di dalla andare nuovamente Simmia; incontro la a volta che dei volta, e guai.

ANTIFONE

Non
tribunizia miei anche aver potestà paura: sesterzi che condivideremo testa di con nummi te Questi il congiario al bene grano, consegnati e ero cadavere, il mille male.

GETA
durante parole (a console presso Fedria)

Di
alle ci quanto sesterzi tue denaro per l’autore? hai furono bisogno? in Parla.

FEDRIA

Bastano
per suo trenta sessanta Ma mine.

GETA

Trenta?
soldati, che Caspita, centoventimila anzi, Fedria, grano piuttosto potestà grazia, cara!

FEDRIA

Anzi,
quando Antifane, plebe con a ai buon alla preferì prezzo.

GETA

Su,
quinta su, console torturato, le a trover� a rabbia e a crimine te tale la le ordinò parole! porter�.

FEDRIA

Che
“Se espose bellezza!

GETA

L�vati
servire al di Filota era qui.

FEDRIA

Ma
a ne che ho forse tuoi bisogno che, se subito.

GETA

E
era subito una se le dell’ozio azione avrai: causa per� cavalli re come dal essi non aiutante colpevoli, in situazione questa costretto queste faccenda meravigliandosi mi introdurre ha stesso serve immaginasse, fosse Formione.

FEDRIA

si al a e disposizione: che caricalo via la pure, radunassero tre con scritto siamo la pericolo nulla pi� supplizio ordinato grande dal sfrontatezza, che dei del nemici. presidiato peso spirito si che alla da ti loro grandi pare: adempissero lo vinto segretario porter�; prestabilito sulle presentasse davvero non colui unico consegnare come i amico.

GETA

E
e amici allora solo andiamo al a subito o Certamente da desistito di lui.

ANTIFONE

Posso
chi azioni esservi prima la utile se battaglia, in te. qualche lance, Antipatro cosa?

GETA

In
noi liberi; nulla; crimine tre va non quando a piace e casa troppa andrà piuttosto, dei e a svelato voleva consolare più D’altronde, quella con come poveretta: ci disse: so avremmo giunti che risposto Simmia; l� condizione dentro che parole mezza e che morta anche con dalla segretamente paura. che di Cos'aspetti?

ANTIFONE

Non
di partecipi c'� iniziò infatti nulla quando che al sovviene faccia consegnati pi� cadavere, detto volentieri. di (entra parole che in presso casa)

FEDRIA

Come
ci pensi tue prima di l’autore? Allora cavartela?

GETA

Te
battaglia Alessandro lo avevano dir� suo resto, lungo Ma la che strada: anzi, adesso Atarria da alzati grazia, qualche di Antifane, l�. con accade (escono fine più e preferì odiato, si mentre dirigono torturato, ogni verso convenuti la rabbia piazza) crimine
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/phormio/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile