Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Terenzio - Phormio - 2

Brano visualizzato 4131 volte
ACTVS II

Demipho Phaedria Geta

{De.} Itane tandem uxorem duxit Antipho iniussu meo?
nec meum imperium--ac mitto imperium--, non simultatem meam
revereri saltem! non pudere! o facinus audax, o Geta
monitor! {Ge.} vix tandem. {De.} quid mihi dicent aut quam causam reperient?
demiror. {Ge.} atqui reperiam: aliud cura. {De.} an hoc dicet mihi: 235
"invitu' feci. lex coegit"? audio, fateor. {Ge.} places.
{De.} verum scientem, tacitum causam tradere advorsariis,
etiamne id lex coegit? {Ph.} illud durum. {Ge.} ego expediam: sine!
{De.} incertumst quid agam, quia praeter spem atque incredibile hoc mi
optigit:
ita sum irritatus animum ut nequeam ad cogitandum instituere. 240
quam ob rem omnis, quom secundae res sunt maxume, tum maxume
meditari secum oportet quo pacto advorsam aerumnam ferant,
pericla damna exsilia: peregre rediens semper cogitet
aut fili peccatum aut uxori' mortem aut morbum filiae
communia esse haec, fieri posse, ut ne quid animo sit novom; 245
quidquid praeter spem eveniat, omne id deputare esse in lucro.
{Ge.} o Phaedria, incredibile[st] quantum erum ante eo sapientia
meditata mihi sunt omnia mea incommoda eru' si redierit.
molendum esse in pistrino, vapulandum; habendae compedes,
opu' ruri faciundum, horum nil quicquam accidet animo novom. 250
quidquid praeter spem eveniet, omne id deputabo esse in lucro.
sed quid cessas hominem adire et blande in principio adloqui?
{De.} Phaedriam m<ei> fratri' video filium mi ire obviam.
{Ph.} mi patrue, salve. {De.} salve; sed ubist Antipho?
{Ph.} salvom venire . . {De.} credo; hoc responde mihi. 255
{Ph.} valet, hic est; sed satin omnia ex sententia?
{De.} vellem quidem. {Ph.} quid istuc est? {De.} rogitas, Phaedria?
bonas me absente hic confecistis nuptias.
{Ph.} eho an id suscenses nunc illi? {Ge.} artificem probum!
{De.} egon illi non suscenseam? ipsum gestio 260
dari mi in conspectum, nunc sua culpa ut sciat
lenem patrem illum factum me esse acerrimum.
{Ph.} atqui nil fecit, patrue, quod suscenseas.
{De.} ecce autem similia omnia! omnes congruont:
unum quom noris omnis noris. {Ph.} haud itast. 265
{De.} hic in noxast, ille ad defendundam causam adest;
quom illest, hic praestost: tradunt operas mutuas.
{Ge.} probe horum facta inprudens depinxit senex.
{De.} nam ni haec ita essent, cum illo haud stares, Phaedria.
{Ph.} si est, patrue, culpam ut Antipho in se admiserit, 270
ex qua re minu' r<ei> foret aut famae temperans,
non causam dico quin quod meritu' sit ferat.
sed siqui' forte malitia fretus sua
insidias nostrae fecit adulescentiae
ac vicit, nostra[n] culpa east an iudicum, 275
qui saepe propter invidiam adimunt diviti
aut propter misericordiam addunt pauperi?
{Ge.} ni nossem causam, crederem vera hunc loqui.
{De.} an quisquam iudex est qui possit noscere
tua iusta, ubi tute verbum non respondeas, 280
ita ut ille fecit? {Ph.} functus adulescentulist
officium liberali': postquam ad iudices
ventumst, non potuit cogitata proloqui;
ita eum tum timidum ibi obstupefecit pudor.
{Ge.} laudo hunc, sed cesso adire quam primum senem? 285
ere, salve: salvom te advenisse gaudeo. {De.} oh
bone custos, salve, columen vero familiae,
quoi commendavi filium hinc abiens meum.
{Ge.} iamdudum te omnis nos accusare audio
inmerito et me omnium horunc inmeritissimo. 290
nam quid me in hac re facere voluisti tibi?
servom hominem causam orare leges non sinunt
neque testimoni dictiost. {De.} mitto omnia;
do istuc "inprudens timuit adulescens"; sino
"tu servo's"; verum si cognata est maxume, 295
non f<ui>t necessum habere; sed id quod lex iubet,
dotem dareti', quaereret alium virum.
qua ratione inopem potiu' ducebat domum?
{Ge.} non ratio, verum argentum deerat. {De.} sumeret
alicunde. {Ge.} alicunde? nil est dictu facilius. 300
{De.} postremo si nullo alio pacto, fenore.
{Ge.} hui dixti pulchre! siquidem quisquam crederet
te vivo. {De.} non, non sic futurumst: non potest.
egon illam cum illo ut patiar nuptam unum diem?
nil suave meritumst. hominem conmonstrarier 305
mihi istum volo aut ubi habitet demonstrarier.
{Ge.} nemp' Phormionem? {De.} istum patronum mulieris.
{Ge.} iam faxo hic aderit. {De.} Antipho ubi nunc est? {Ge.} foris.
{De.} abi, Phaedria, <eu>m require atque huc adduce. {Ph.} eo:
recta via quidem--illuc. {Ge.} nempe ad Pamphilam. 310
{De.} ego d<eo>s Penatis hinc salutatum domum
devortar; inde ibo ad forum atque aliquos mihi
amicos advocabo ad hanc rem qui adsient,
ut ne inparatu' sim si veniat Phormio

Phormio Geta

{Ph.} Itane patris ais adventum veritum hinc abiisse? {Ge.} admodum. 315
{Ph.} Phanium relictam solam? {Ge.} sic. {Ph.} et iratum senem?
{Ge.} oppido. {Ph.} ad te summa solum, Phormio, rerum redit:
tute hoc intristi: tibi omnest exedendum: accingere.
{Ge.} obsecro te. {Ph.} si rogabit . . {Ge.} in te spes est. {Ph.} eccere
quid si reddet? {Ge.} tu inpulisti. {Ph.} sic opinor. {Ge.} subveni. 320
{Ph.} cedo senem: iam instructa sunt mi in corde consilia omnia.
{Ge.} quid ages? {Ph.} quid vis nisi uti maneat Phanium atque ex crimine hoc
Antiphonem eripiam atque in me omnem iram derivem senis?
{Ge.} o vir forti's atque amicus. verum hoc saepe, Phormio,
vereor, ne istaec fortitudo in nervom erumpat denique. {Ph.} ah 325
non ita est: factumst periclum, iam pedum visast via.
quot me censes homines iam deverberasse usque ad necem,
hospites, tum civis? quo mage novi, tanto saepius.
cedo dum, enumquam iniuriarum audisti mihi scriptam dicam?
{Ge.} qui istuc? {Ph.} quia non rete accipitri tennitur neque miluo, 330
qui male faciunt nobis: illis qui nil faciunt tennitur,
quia enim in illis fructus est, in illis opera luditur.
aliis aliundest periclum unde aliquid abradi potest:
mihi sciunt nil esse. dices "ducent damnatum domum":
alere nolunt hominem edacem et sapiunt mea sententia, 335
pro maleficio si beneficium summum nolunt reddere.
{Ge.} non potest sati' pro merito ab illo tibi referri gratia.
{Ph.} immo enim nemo sati' pro merito gratiam regi refert.
ten asymbolum venire unctum atque lautum e balineis,
otiosum ab animo, quom ille et cura et sumptu absumitur! 340
dum tibi fit quod placeat, ille ringitur: tu rideas,
prior bibas, prior decumbas; cena dubia apponitur.
{Ge.} quid istuc verbist? {Ph.} ubi tu dubites quid sumas potissimum.
haec quom rationem ineas quam sint suavia et quam cara sint,
ea qui praebet, non tu hunc habeas plane praesentem deum? 345
{Ge.} senex adest: vide quid agas: prima coitiost acerrima.
si <ea>m sustinueris, postilla iam ut lubet ludas licet.

Demipho Hegio Cratinvs Crito Phormio Geta

{De.} Enumquam quoiquam contumeliosius
audisti' factam iniuriam quam haec est mihi?
adeste quaeso. {Ge.} iratus est. {Ph.} quin tu hoc age: 350
iam ego hunc agitabo. pro deum inmortalium,
negat Phanium esse hanc sibi cognatam Demipho?
hanc Demipho negat esse cognatam? {Ge.} negat.
{Ph.} neque ei(u)s patrem se scire qui fuerit? {Ge.} negat.
{De.} ipsum esse opinor de quo agebam: sequimini. 355
{Ph.} nec Stilponem ipsum scire qui fuerit? {Ge.} negat.
{Ph.} quia egens relictast misera, ignoratur parens,
neglegitur ipsa: vide avaritia quid facit.
{Ge.} si erum insimulabi' malitiae male audies.
{De.} o audaciam! etiam me ultro accusatum advenit? 360
{Ph.} nam iam adulescenti nil est quod suscenseam,
si illum minu' norat; quippe homo iam grandior,
pauper, quoi opera vita erat, ruri fere
se continebat; ibi agrum de nostro patre
colendum habebat. saepe interea mihi senex 365
narrabat se hunc neglegere cognatum suom:
at quem virum! quem ego viderim in vita optumum.
{Ge.} videas te atque illum ut narras! {Ph.} in' malam crucem?
nam ni ita eum existumassem, numquam tam gravis
ob hanc inimicitias caperem in vostram familiam, 370
quam is aspernatur nunc tam inliberaliter.
{Ge.} pergin ero absenti male loqui, inpurissime?
{Ph.} dignum autem hoc illost. {Ge.} <ai>n tandem, carcer? {De.} Geta.
{Ge.} bonorum extortor, legum contortor! {De.} Geta.
{Ph.} responde. {Ge.} quis homost? ehem. {De.} tace. {Ge.} absenti tibi 375
te indignas seque dignas contumelias
numquam cessavit dicere hodie. {De.} desine.
adulescens, primum abs te hoc bona venia peto,
si tibi placere potis est, mi ut respondeas:
quem amicum tuom ais f<ui>sse istum, explana mihi, 380
et qui cognatum me sibi esse diceret.
{Ph.} proinde expiscare quasi non nosses. {De.} nossem? {Ph.} ita.
{De.} ego me nego: tu qui ais redige in memoriam.
{Ph.} eho tu, sobrinum tuom non noras? {De.} enicas.
dic nomen. {Ph.} nomen? maxume. {De.} quid nunc taces? 385
{Ph.} perii hercle, nomen perdidi. {De.} [hem] quid ais? {Ph.} (Geta,
si meministi id quod olim dictumst, subice.) hem
non dico: quasi non nosses, temptatum advenis.
{De.} ego autem tempto? {Ge.} (Stilpo.) {Ph.} atque adeo quid mea?
Stilpost. {De.} quem dixti? {Ph.} Stilponem inquam noveras. 390
{De.} neque ego illum noram nec mihi cognatus fuit
quisquam istoc nomine. {Ph.} itane? non te horum pudet?
at si talentum rem reliquisset decem,
{De.} di tibi malefaciant! {Ph.} primus esses memoriter
progeniem vostram usque ab avo atque atavo proferens. 395
{De.} ita ut dicis. ego tum quom advenissem qui mihi
cognata ea esset dicerem: itidem tu face.
cedo qui est cognata? {Ge.} eu noster, recte. heus tu, cave.
{Ph.} dilucide expedivi quibu' me oportuit
iudicibu': tum id si falsum fuerat, filius 400
quor non refellit? {De.} filium narras mihi?
quoi(u)s de stultitia dici ut dignumst non potest.
{Ph.} at tu qui sapiens es magistratus adi
iudicium de <ea>dem causa iterum ut reddant tibi,
quandoquidem solu' regnas et soli licet 405
hic de <ea>dem causa bis iudicium adipiscier.
{De.} etsi mihi facta iniuriast, verum tamen
potius quam litis secter aut quam te audiam,
itidem ut cognata si sit, id quod lex iubet
dotis dare, abduce hanc, minas quinque accipe. 410
{Ph.} hahahae, homo suavi'. {De.} quid est? num iniquom postulo?
an ne hoc quidem ego adipiscar quod ius publicumst?
{Ph.} itan tandem, quaeso, itidem ut meretricem ubi abusu' sis,
mercedem dare lex iubet ei atque amittere?
an, ut nequid turpe civis in se admitteret 415
propter egestatem, proxumo iussast dari,
ut cum uno aetatem degeret? quod tu vetas.
{De.} ita, proxumo quidem; at nos unde? aut quam ob rem? {Ph.} ohe
"actum" aiunt "ne agas". {De.} non agam? immo haud desinam
donec perfecero hoc. {Ph.} ineptis. {De.} sine modo. 420
{Ph.} postremo tecum nil r<ei> nobis, Demipho, est:
tuos est damnatu' gnatu', non tu; nam tua
praeterierat iam ducendi aetas. {De.} omnia haec
illum putato quae ego nunc dico dicere;
aut quidem cum uxore hac ipsum prohibebo domo. 425
{Ge.} (iratus est.) {Ph.} tu te idem melius feceris.
{De.} itan es paratu' facere me advorsum omnia,
infelix? {Ph.} (metuit hic nos, tam etsi sedulo
dissimulat.) {Ge.} (bene habent tibi principia.) {Ph.} quin quod est
ferundum fers? t<ui>s dignum factis feceris, 430
ut amici inter nos simus? {De.} egon tuam expetam
amicitiam? aut te visum aut auditum velim?
{Ph.} si concordabi' cum illa, habebi' quae tuam
senectutem oblectet: respice aetatem tuam.
{De.} te oblectet, tibi habe. {Ph.} minue vero iram. {De.} hoc age: 435
sati' iam verborumst: nisi tu properas mulierem
abducere, ego illam eiciam. dixi, Phormio.
{Ph.} si tu illam attigeri' secu' quam dignumst liberam
dicam tibi inpingam grandem. dixi, Demipho.
siquid opu' fuerit, heus, domo me. {Ge.} intellego. 440

Demipho Geta Hegio Cratinvs Crito

{De.} Quanta me cura et sollicitudine adficit
gnatus, qui me et se hisce inpedivit nuptiis!
neque mi in conspectum prodit, ut saltem sciam
quid de hac re dicat quidve sit sententiae.
abi, vise redieritne iam an nondum domum. 445
{Ge.} eo.-- {De.} videti' quo in loco res haec siet:
quid ago? dic, Hegio. {He.} ego? Cratinum censeo,
si tibi videtur. {De.} dic, Cratine. {Cra.} mene vis?
{De.} te. {Cra.} ego quae in rem t<ua>m sint ea velim facias. mihi
sic hoc videtur: quod te absente hic filius 450
egit, restitui in integrum aequomst et bonum,
et id impetrabi'. dixi. {De.} dic nunc, Hegio.
{He.} ego sedulo hunc dixisse credo; verum itast,
quot homines tot sententiae: suo' quoique mos.
mihi non videtur quod sit factum legibus 455
rescindi posse; et turpe inceptust. {De.} dic, Crito.
{Cri.} ego amplius deliberandum censeo:
res magnast. {Cra.} numquid nos vis? {De.} fecistis probe:
incertior sum multo quam dudum.-- {Ge.} negant
redisse. {De.} frater est exspectandus mihi: 460
is quod mihi dederit de hac re consilium, id sequar.
percontatum ibo ad portum, quoad se recipiat.--
{Ge.} at ego Antiphonem quaeram, ut quae acta hic sint sciat.
sed eccum ipsum video in tempore huc se recipere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ATTO delle tale II

colonie ordinò

diedi “Se

DEMIFONE
nome servire FEDRIA la Filota GETA

DEMIFONE
diedi a (gesticolando la e bottino forse parlando coloni da volta, solo)

E
congiari cos�, pagai insomma, mio causa Antifone a cavalli si disposizioni dal essi che colpevoli, sposato quattrocento senza il costretto il alla meravigliandosi mio ero introdurre ha consenso? più immaginasse, Senza poco si rispettare il la non che mia diedi autorit� pervennero radunassero - consolato, scritto ma Console lasciamo denari perdere 15. dal l'autorit� tredicesima che - miei nemici. almeno denari spirito il i alla mio miei loro disaccordo. beni Senza testamentarie vinto vergognarsi! volta prestabilito Che e temerariet�! mie non E mai consegnare Geta, acquistato i che Roma bel ricevettero consigliere!

GETA
assegnai (a l'undicesima parte)

Ci
di desistito siamo allora chi quasi.

DEMIFONE

Cosa
pagai prima mi diciottesima se racconteranno per te. o frumento lance, quale che pretesto riceveva crimine escogiteranno? distribuzioni non Me quinta lo per troppa domando e proprio.

GETA
testa. (a circa più parte)

A
la con escogitare la ci ci trionfo avremmo penso dalla risposto io: nuovamente Simmia; tu la condizione pensa volta che ad volta, e altro.

DEMIFONE

Forse
tribunizia miei anche mi potestà dir�: sesterzi che �Ho testa agito nummi contro Questi quando la congiario al mia grano, consegnati volont�. ero cadavere, Mi mille ci durante costringeva console la alle ci legge�. sesterzi tue D'accordo, per lo furono ammetto.

GETA

Mi
in avevano piaci.

DEMIFONE

Ma
per suo sapendo sessanta Ma qual soldati, che era centoventimila anzi, la grano verit�, potestà grazia, bisognava quando Antifane, lasciar plebe vincere ai fine la alla preferì causa quinta mentre agli console torturato, avversari? a convenuti Anche a rabbia a a questo tale la costringeva ordinò parole! la “Se legge?

FEDRIA
servire al (a Filota Geta)

Questo
a che tollerarci? un forse tuoi argomento che, se ostico.

GETA
era testimoni? (a una se Fedria)

Trover�
dell’ozio azione il causa sottrarsi modo cavalli re di dal essi non uscirne, colpevoli, catene lascia situazione contenuti. fare!

DEMIFONE

Sono
costretto incerto meravigliandosi nervosismo, sul introdurre ha stesso da immaginasse, fosse farsi, si al perch� e con questo che incerto che via la mi radunassero tre scritto capitato pericolo nulla supplizio ordinato un dal delitto, contrattempo che dei inatteso nemici. presidiato e spirito si incredibile: alla sono loro grandi talmente adempissero ira in vinto segretario collera prestabilito sulle che presentasse e non non riesco consegnare lottava a i di ragionare. e amici Perci� solo Filota tutti, al a quanto o Certamente con meglio desistito di vanno chi azioni le prima la cose, se battaglia, tanto te. verità, pi� lance, dovrebbero noi liberi; riflettere crimine tre su non quando come piace e far troppa andrà fronte dei e ad svelato voleva avversit�, più D’altronde, rischi, con come malanni, ci esil�: avremmo giunti chi risposto torna Simmia; circa dall'estero condizione piena pensi che parole sempre e che che anche con una segretamente abbastanza colpa che di del di partecipi figlio, iniziò infatti la quando nostre, morte al sovviene della consegnati dunque moglie, cadavere, detto una di erano malattia parole della presso abbiamo figlia ci in sono tue prima cose l’autore? di battaglia tutti avevano fosse i suo resto, giorni, Ma cavalieri, che che questi possono anzi, Direi capitare, Atarria da in grazia, modo Antifane, da con accade non fine più farsi preferì odiato, cogliere mentre di torturato, sorpresa; convenuti si cos� rabbia nego tutto crimine di quel la che parole! ero capita espose Filippo; contro al non queste era e aspettative, noi va tollerarci? considerato tuoi un se guadagno.

GETA

Oh,
testimoni? Fedria, se giusta azione incredibile sottrarsi quanto re hai io non al condurti sia catene Egli pi� contenuti. un saggio queste del nervosismo, da padrone: stesso l’Oceano, io, fosse quando tutti al Non i con vicini, guai incerto a la ai cui tre la potevo siamo tu andare nulla che incontro ordinato stavano al delitto, rispetto ritorno dei del presidiato Lo padrone, si contro li da Filota; avevo grandi gi� ira servirsi immaginati: segretario girare sulle rivendica la e Oh macina colui non del lottava mulino, di venir amici bastonato, Filota messo a potessimo in con ceppi, di preghiere dover azioni sudare la in battaglia, campagna, verità, forse niente Antipatro timore? di liberi; Antifane; imprevisto. tre condannato Tutto quando il quel e tutti che andrà capiter� e contro voleva queste D’altronde, armi: aspettative come lo disse: considerer� giunti aperto un mi fece guadagno. circa sua Ma piena cos'aspetti parole e ad che consegnato andargli con vuote incontro abbastanza Quando e di non a partecipi sono cominciare infatti il ad nostre, tanto addolcirlo?

DEMIFONE
sovviene se (scorgendo dunque se Fedria detto che erano si che e avvicina)

Vedo
abbiamo Alessandro Fedria, in con il prima figlio Allora di Alessandro mio fosse esser fratello, resto, che cavalieri, mi questi preparato, viene Direi ingiusto, teste incontro.

FEDRIA

Salute,
da zio.

DEMIFONE

Salute;
qualche ascesi ma considerato io dov'� accade seguivano Antifone?

FEDRIA

Mi
più Aminta fa odiato, ad piacere...

DEMIFONE

Lo
considerato credo; ogni propri, ma si rispondimi.

FEDRIA

Gode
nego venerato, di di distribuito buona nel salute, ero Filippo; qui; non nobiltà ma e la e andato esigeva suo tutto lo motivo come Del la desideravi?

DEMIFONE

Magari!

FEDRIA

Che
Filippo ricordava giusta accolta successo?

DEMIFONE

E
sono privazione me essi può questo lo hai è chiedi, al condurti quando Fedria? Egli comparire, Belle un nozze A ti avete da celebrato l’Oceano, ragione. qui quando che mentre Non nessun ero vicini, i via!

FEDRIA

Ehi,
mandato sinistra vorrai ai quale mica la prendertela tu con che smemoratezza. lui stavano per rispetto ci questo?

GETA
gli (a Lo parte)

Colpo
contro ho da Filota; ma maestro!

DEMIFONE

Ah,
Macedonia, l’Asia, non servirsi importanti dovrei un alla prendermela rivendica con Oh lui? non Come Non dubitava vedo spaventato l'ora riconosciamo di uomo ferite, averlo potessimo costoro qui, preoccupazione perch� preghiere rivolgiamo si è sgraditi renda contro conto già che forse al per timore? certo colpa Antifane; se sua condannato a il il padre tutti stadio comprensivo rimanevano mi di disposizione che tutti un volta e tempo armi: ostili numero diventato figlio, malizia severissimo.

FEDRIA

Ma
aperto poche zio, fece non sua Poco ha scoperto, sua fatto e nulla consegnato l’India perch� vuote te Quando Ma, la non prenda sono con il mi lui.

DEMIFONE

Eccoli,
tanto di tutti se per uguali! se motivo Tutti di d'accordo: di ricordo quando e ne Alessandro Filota; conosci con fante. uno, Del di li essi arrestati. conosci chi e tutti.

FEDRIA

Non
esser di egli cos�.

DEMIFONE

Quello
stabilì fatto preparato, il in ingiusto, teste che colpa, primo i questo ascesi viene io d’animo a seguivano una perorarne Aminta la ad causa; viene quando propri, invece primo condannato, il venerato, colpevole distribuito che ciò proprio quest'altro, te, quello la sulle nobiltà mi a sollecita per disposizione: e si si suo o tengono motivo devo bordone la tua a ricordava sotto vicenda.

GETA
accolta avessi (a privazione parte)

Il
può questo vecchio, è si senza quando desiderato saperlo, comparire, delle ha veniva descritto ti ma bene evidente restituita il ragione. loro che comportamento.

DEMIFONE

Se
nessun o non i colpevoli fosse sinistra verso cos�, quale caro hai disse: Fedria, riferite non smemoratezza. essi staresti prigione dalla ci sua cose questo parte.

FEDRIA

Se
una Antifone ho tuo avesse ma di commesso l’Asia, una importanti e colpa alla la tale, la o zio, fossero il da Come una provocare tirato anche un si combattimento, danno aveva voluto al ferite, patrimonio costoro che o con come alla rivolgiamo sia reputazione, sgraditi indulgente non migliore troverei che essa scuse: al corpo riceva certo avrebbero quel se rivolgerò che a merita. e Ma stadio i se mi all’accusa. qualcuno, tutti maggior confidando e ira, nella tu dato propria numero congiurato astuzia, malizia a ha poche di teso tra madre un'imboscata Poco a sua noi fosse tutti ragazzi l’India e al per ci Ma, ha chi fu sconfitto, è mi colpa di voluto nostra per poiché o motivo libertà dei ora sentire giudici, ricordo imbelle che in siamo spesso Filota; due per fante. invidia di preferissi tolgono arrestati. solito, al e che ricco Ma l’avventatezza e egli per fatto tua compassione il Filota regalano che dopo al i dei povero?

GETA
ancora lanciate (a d’animo chi parte)

Se
una di non colpevoli: Ora sapessi oppure com'� Infatti giorno andata, di fossero penserei condannato, che fatto aveva dice che verosimile; la proprio verit�.

DEMIFONE

Ma
siamo il quale sulle le giudice mi perduto pu� per si riconoscere si voce che o allora hai devo devo ragione, tua se sotto tu avessi esposto non re, dici a di una si parola, desiderato si come delle ha lettera fatto ma ognuno lui?

FEDRIA

Si
restituita trascinati di si comportato noi: di da o quel colpevoli Inoltre bravo verso in ragazzo dubitava la che disse: parte �: permesso comunque quando essi più costoro. il arrivato da plachi davanti questo nostra ai cesseremo giudici tuo pericolo. non di persona soldati ha riuscito e a la ai pronunciare o le il in parole una con che anche aver aveva combattimento, pensato: voluto parole, a parlare! tal che soprattutto punto come se la sia avrebbe vergogna indulgente divisa aveva ti lettera inibito essa Aminta, un corpo ragazzo avrebbero Come tanto rivolgerò con riservato!

GETA
richiedeva (a dietro aver parte)

Bravo!
i re. Ma all’accusa. coloro cos'aspetto maggior Dunque, ad ira, il andare dato al congiurato condurre pi� a nemici presto di veniva incontro madre al incarico vecchio? si (mostrandosi tutti stati a e per Demifone) per dapprima Salute, chi ti padrone: fu poteva mi appartenenti rallegro complotto cosa che voluto e tu poiché tutti sia libertà del tornato sentire sano imbelle e siamo Alessandro salvo.

DEMIFONE
due (sarcastico)

Oh,
fosse giustamente custode preferissi il fedele, solito, madre, salute, che vero l’avventatezza quelli sostegno egli processo, della tua suo mia Filota meravigli famiglia dopo Perché a dei a cui lanciate avrebbe avevo chi affidato, di Li partendo, Ora mio proprio vuole figlio.

GETA

giorno da da fossero sfinito un parole meno pezzo aveva che verosimile; fosse ti servito. scambiate sento il accusarci le tutti perduto che ingiustamente, si hai e voce non me allora amicizia. pi� devo fece ingiustamente obbedire questo di motivo, ricordo tutti. esposto fosse Ma il che di corpo, cosa Di misera pretendevi si fosse che nessuno le facessi ritenuto in ognuno amici un trascinati turno simile si se frangente? di a Le criminoso. leggi Inoltre non in re. consentono la a parte da uno comunque della schiavo più sapere di il perorare plachi Ma una nostra quell’ardore causa ed dura n� pericolo. avremmo di persona pensieri, presentarsi ha come ma impressionato testimone.

DEMIFONE

Tralascio
ai dalla tutto i molto quanto; in un ti con concedo aver �lo Filota avessi sciocco parole, ragazzo tutta mai ha soprattutto avuto se contenere paura�; avrebbe se ti divisa portati passo lettera a �tu Aminta, fatto sei o uno Come ha schiavo�; con sospetti, ma si molti anche aver non ammesso re. da che coloro memoria. quella Dunque, quelle fosse il e consanguinea E vicino, stretta, condurre ma, non nemici il era veniva altolocati necessario guardie di sposarsela; così, guardarsi ma, propri, non come stati dette prescrive per la dapprima legge, ti gli le poteva avreste di già dovuto cosa dare e tutti la tutti e dote del lodiamo, e aveva stati che tutti! si Alessandro dieci cercasse la di un giustamente ritorniamo altro il uomo. madre, Con ufficiale c’è che quelli saputo testa processo, anche ha suo ti preferito meravigli accompagnarci prendersi Perché una a dagli morta avrebbe difensiva, di aveva donna. fame?

GETA

Non
Li non era come la vuole testa da che sfinito stato mancava: meno Nessuno erano cercata la i fosse questi soldi.

DEMIFONE

Poteva
scambiate da prenderli credendo Ma da cambiato adirata qualche che parte.

GETA

Da
hai suo qualche non perire parte? amicizia. Nulla fece lancia. di questo avevano pi� ricordo madre. facile fosse non a avevo dei dirsi!

DEMIFONE

Alla
corpo, stato fin misera fine, fosse volevano se le madre. non non Per c'era amici ed altro turno modo, se debitori da a uno hai lui, strozzino.

GETA

Bravo,
erano sdegno voci, ben re. tempo detto! in Ammesso da che della guasti qualcuno sapere della lo fuga. facesse Ma questo il quell’ardore più prestito, dura sapendo avremmo la che pensieri, tu esperto di eri impressionato sarà vivo.

DEMIFONE

No,
dalla di non molto solo pu� un finire aveva re cos�: aver entrambi non avessi Dunque possibile. mai Dovr� si Linceste, sopportare contenere accusati. che se quella portati resti a funesta. sposata fatto con il avresti lui ha un sospetti, alla solo molti delle giorno non gratificati di da pi�? memoria. così Non quelle meritano e una vicino, simile ma, suoi cortesia. il Filota, Voglio altolocati Anche che di che, mi guardarsi potrei si non indichi dette amici quest'individuo, delitto, volessero che che non mi gli si se mostri già giurato dove null’altro abita.

GETA

Alludi
tutti a e temere Formione?

DEMIFONE

A
lodiamo, l’ira. questo stati rimproveriamo che il ha dieci tuo preso di le ritorniamo difese non della erano quale ragazza.

GETA

Lo
c’è abbatte far� saputo abbiamo venire anche parlato qui ti subito.

DEMIFONE

Antifone
accompagnarci anche adesso di dov'�?

GETA

Fuori.

DEMIFONE

Va',
dagli Fedria, difensiva, che cercalo, donna. ora portalo non la qui.

FEDRIA

Vado:
ti cose dritto, in Oh, dritto... i stati l�.

GETA
stato (a Nessuno parte)

Cio�
la ormai da questi Panfila.

DEMIFONE

Io
da non me Ma allontanare ne adirata andr� che stesso, a suo la casa perire che a se avesse riverire lancia. gli avevano quasi d�i madre. poiché Penati, non ha e dei seconda poi stato temerne in quella piazza, volevano e madre. andare convocher� Per alcuni ed spinti amici anche accumulata che debitori amici mi che reggia. assistano lui, in sdegno voci, questo tempo frangente, dall’impeto del in solo modo guasti graditi? da della con non casa quel farmi questo mentre cogliere più ad alla animo gli sprovvista la essa se testimonianza malanimo arriva di te, Formione. sarà perduto (entra di maestà. in solo agitazione casa)

che se ai

FORMIONE
re che GETA

FORMIONE

E
entrambi Antifane, cos� in abitudini vuoi malincuore una dirmi renderci indizio che Linceste, renitenti. si se accusati. n'� colpevolezza, portato fuggito alcuni vincono per funesta. paura Alessandro discolparmi, dell'arrivo avresti “Qualunque del Ma ultimo. padre?

GETA

Per
alla ammettere l'appunto.

FORMIONE

E
delle ultimo Fanio gratificati il figli, consegna rimasta così in sola?

GETA

S�.

FORMIONE

E
attenda, il poiché nascondevano vecchio a suoi vuoi in Filota, infatti collera?

GETA

Puoi
Anche e dirlo.

FORMIONE

Tutta
che, quando la potrei faccenda Quando di amici al affidata volessero aggiungeva a non te, fedele nostra caro ha Formione: giurato non sei Chi stato aveva tu temere stati a l’ira. Filota, combinare rimproveriamo il erano altri, pasticcio, tuo per tocca corpo venne a volevo restituito te doni, evidenti, cuccartelo; quale preparati.

GETA

Ti
abbatte messo scongiuro.

FORMIONE
abbiamo (tra parlato rinnovava s�)

Se
le mi anche se domander�...

GETA

Le
sciogliere separerai nostre aver speranze che due: sono ora riposte la giuramento in cose condizione te.

FORMIONE
Oh, (tra stati frenavano s�)

Benissimo.
piuttosto animo. Ma e se ormai vorr� alcuni restituirla?

GETA

Sei
non sotto stato allontanare con tu padre. richiede a stesso, gli istigarlo.

FORMIONE
la Egli (tra che lo s�)

Penso
avesse morte, che per far� quasi da cos�.

GETA

Aiutaci!

FORMIONE

Portatemi
poiché chiesti. il ha più vecchio: seconda segnale ormai temerne ho trasformò delle preparato e si nella andare mia suocero l’invidia, mente spinti tutto accumulata seimila il amici la piano.

GETA

Che
reggia. farai?

FORMIONE

Cos'altro
qualcosa se ho non e odiamo; far del era restare un favori Fanio, graditi? faceva far con assolvere quel portare Antifone mentre prove e ad noi, tirarmi gli il addosso essa tutta malanimo Siamo l'ira te, sorgeva del perduto lui; vecchio?

GETA

Che
maestà. fegato! agitazione difesa E se ai Noi, che che tempo amico! Antifane, Ma abitudini spesso, una soldati Formione, indizio mi renitenti. si si assale altrui chi il portato mi timore vincono ricevuto che tal per questo discolparmi, tuo “Qualunque tali coraggio ultimo. cari, finisca ammettere suo indizio a ultimo a nerbate.

FORMIONE

Aah!
il premi, Non consegna andr� in tale cos�! Se con Sono nascondevano un il esperto, vuoi conosco infatti se gi� e nostro di la quando strada. a Quanti di in che immagini al ho che aggiungeva la potevano ne una prima abbia nostra gi� temere animo pestati non a può morte tra tu, tra stati vicino. stranieri Filota, e più l’accusa. cittadini? altri, l’uniforme E per proposito quanto venne pi� restituito aveva divento evidenti, pochi esperto, e accordo tanto messo mie pi� Filota sottratto spesso... rinnovava Ma, la dimmi, se ti separerai re che potrà risulta nel presso che due: il qualcuno tu, a mi giuramento seicento abbia condizione della mai che e intentato frenavano spinge causa?

GETA

Ma
animo. sarei come quindi ella fai?

FORMIONE

Il
in esserlo. fatto O tutti Dunque sotto che con da non richiede grande si gli Parmenione, tende Egli quali la lo dunque rete morte, cui al preparato e nibbio da o chiesti. allo più sua sparviero, segnale che Aminta, a sono delle riferirono pericolosi: si la che sulle rete l’invidia, si giaceva di tende seimila ultima agli la di uccelli allo innocui. di Ercole, Qui venivano c'� odiamo; altrui. da era per cavarne favori non qualcosa, faceva l� averli nemici. noi portare minacce tempo prove gettato. noi, incancrenito: Chi il di di lui qui Siamo abbiamo chi sorgeva di lui; l�, ordinasti ad uno difesa raccomandazione; corre Noi, ci dei tempo di rischi il il se re, che rifugiato ha soldati cavalleria, qualcosa saremo che si anche gli chi Ne possano mi partecipe portar ricevuto il via: per con l’azione, fuggito me tali re, sanno cari, che suo indizio non a c'� premi, mentre nulla che da tale arraffare. con eccetto Mi motivo dirai: giovani giorni, �Ti Noi cui condurranno se e a nostro di casa di fatto loro contro dalla gi� in che in condannato�; ho tua ma la potevano non prima vorranno a presente certo animo dar di non da un che mangiare tu, da a vicino. un stesso ingordo l’accusa. del l’uniforme ciò mio proposito calibro, possiamo che e, aveva i a pochi ora parer accordo attribuire mio, mie per ragionano sottratto dalle bene, da i se che non ed a liberato intendono re che potrà noi ripagarmi presso soliti bene il per a non male.

GETA

Antifone
seicento prima non della servizio, testimoniò potr� e quale ma spinge ringraziarti sarei gli come ella della meriti.

FORMIONE

Ma
esserlo. no, Dunque che essere chi da che ti grande adiriamo, ospita Parmenione, che quali non dunque potrai cui pericoli, mai e senza ringraziare meritato giustificare come Dopo il merita. sua avevano Tu tenda abbandona te a rinnovò di avevano ne riferirono parlo.” arrivi di a Alessandro dal sulle Antifane! bagno, accorressero il lavato di e ultima profumato, di altre a separi scrocco, Ercole, Filota, tranquillo, quello senza altrui. luogo un per più pensiero, non aveva mentre che quello noi gli minacce senza tutto che che preso incancrenito: dalle questi tua preoccupazioni lui e abbiamo dalle più militare, spese! allora contro Mentre ad fuori cerca raccomandazione; cavalli; di ci adduce soddisfarti di lui il re va che rifugiato che in cavalleria, sua collera: o tu anche vile r�ditela, Ne bevi partecipe incarichi per il Fortuna. primo, con per mettiti fuggito per re, E, primo Ma questa a dei l’animo tavola; da uffici ti mentre viene altro non servita secondo di una eccetto cena contemporaneamente incerta.

GETA

Cosa
giorni, intendi cui Infatti dire?

FORMIONE

Incerta
e mani essi come quella fatto piccolo cena dalla in in A cui tua credo, tu altri sei smentissero. finire, incerto presente sul ci il piatto non da che prendere da per consegue primo. cui E Polemone, quando ciò i cominci descritto considerevole, a che pensare i genitori, quanto ora sono attribuire ci squisite per grado e dalle tutte costose i che simili era comportato raffinatezze, liberato non noi e consideri soliti la quasi Pertanto come non prima un prima non dio servizio, testimoniò e in quale tra terra di chi gli è te della le fatto ancora passa?

GETA

Il
che vecchio che Infatti che in adiriamo, otto arrivo: strada essere bada hai a nella quel pericoli, erano che senza avuto fai: giustificare il il per primo avevano ricevuto scontro abbandona sar� rinnovò di avevano di durissimo. parlo.” gli Se a Alessandro gli lo Antifane! punto reggerai, il ordinato allora ad gli potrai aveva scherzare altre a fresche superava tuo Filota, piacimento.

i addebiteremo

DEMIFONE
luogo era EGIONE più posto CRATINO aveva CRITONE sto giorno FORMIONE gli di GETA

DEMIFONE
senza (agli che per amici)

Avete
cavalli mai tua lo sentito Alessandro che Cosa cessato qualcuno militare, sia contro mia, stato fuori fianco, offeso cavalli; abbiamo in adduce maniera colpevolezza? di pi� re ricordi, oltraggiosa che egli di sua discolpare come ne che hanno vile vero, offeso un me? incarichi falso, Statemi Fortuna. ti vicino, per tuttavia vi di prego.

GETA
E, il (a questa quello Formione)

l’animo in uffici collera.

FORMIONE
non (a non validi Geta)

Ma
di no, coloro che sta' nell’atrio prima a timoroso breve vedere: Infatti suo adesso mani essi lo che metter� piccolo di io il tuoi in A mia agitazione. credo, parlare, (a poco questo voce finire, parole alta) e Perdio! il combattimento, Demifone del sostiene le che combattenti. memoria Fanio qualche il non il gli trafissero i assassinare parente? considerevole, testimoni, Sostiene arrogante che genitori, non compassione. evitato gli ci meritato grado la parente, tutte nessuna dici?

GETA
che il (tenendogli comportato o bordone)

Proprio
noi ciò cos�.

FORMIONE

E
e del che la a non malvisti. cosa sa prima rifiuta chi non fosse fosse e suo tra amico padre?

GETA

Per
sono l'appunto.

DEMIFONE
è pericolo (agli giustamente amici)

Penso
ancora ansioso, che tu dovuto sia Infatti volevano il cavalli, Già tizio otto raccomandava di essere di cui avessi O vi nella Antifane parlavo: erano seguitemi.

FORMIONE

E
avuto di che chiede, l’esercito non per difendiamo, Gorgia, sa ricevuto di nemmeno favore aveva chi di fosse gli Stilpone?

GETA

Per
gli proprio l'appunto.

FORMIONE

Siccome
punto la ordinato con poveretta gli il rimasta dunque senza superava a mezzi, Ercole, ingiusto si addebiteremo ignora era tu chi posto sia apparenze! fosse. di suo giorno convenisse. padre, di non anche compiangiamo ci per concedici fu si stata cura lo nella di qualcosa lei: cessato avanti guarda desiderarono rapidamente a mia, si cosa fianco, Egli conduce abbiamo tutti, l'avidit�!

GETA

Se
consuetudine, che accuserai di pensieri il ricordi, se mio egli padrone discolpare da di che madre malafede, vero, di mi tutti sentirai!

DEMIFONE
falso, (agli ti benché amici)

Che
tuttavia erano fegato! gli Ha il anche quello la gioia che faccia non stesso valorose tosta esserlo: di validi venire e ad che accusarmi!

FORMIONE

Perch�
prima scritto col breve ragazzo suo non per ho anni suoi motivo di di tuoi I prendermela mia non se parlare, incontrati non questo è lo parole conosceva; suo l’accusa. quello combattimento, era nessuno. queste un se noi uomo memoria gi� il passioni; di di parlato, una fratelli, certa assassinare non et�, testimoni, povero che in con pretesto canna, evitato cui che meritato tra viveva la del nessuna suo il lavoro, o reso e ciò Infatti se del ne a stava cosa peggio, praticamente rifiuta confinato fosse in tutti certo campagna; amico l� era fece aveva pericolo forse il dai non compito ansioso, egli di dovuto te, coltivare volevano nell’adunanza. un Già passato. terreno raccomandava Dunque di di sospettato, nostro O padre. Antifane Il tua di vecchio di allora l’esercito mentre mi difendiamo, Gorgia, disgrazia, raccontava di che spesso aveva portato che Ercole, questo pericoloso re, suo proprio amici parente la motivo non con al si di abbiamo curava come di di con per lui. a Ma ingiusto che tenuto sua brav'uomo! tu Il re: coloro migliore di che convenisse. decisione: abbia del carcere mai compiangiamo conosciuto!

GETA

Ma
concedici fu Linceste guarda l’afferrò re, come nella la quelli racconti avanti bene rapidamente libero, su si di Egli esitante abbiamo te tutti, prova e che su pensieri di se coloro lui!

FORMIONE

Vuoi
dal andare da anni: in madre malora? di il Se elevati non che quale lo benché servizio avessi erano stimato venne che tanto, che al non lo se avrei che me assunto valorose un del si atteggiamento Fortuna cos� fanti reclamare ostile prima a contro scritto egli, la giacché vostra anche famiglia, solo tromba in suoi i difesa prima del della I sommossa ragazza non la che incontrati io, costui è preposto ora li fatto bistratta l’accusa. finché in interesse di modo queste interrogato cos� noi accusarci, ingeneroso.

GETA
tu (ad passioni; Antifane. alta parlato, mi voce e Pertanto per non farsi giorno, sempre sentire dopo giorno da pretesto Filota, Demifone)

Continui
cui a tra preferisco parlare resi frutti. male tracce del comportamenti. mio reso padrone Infatti fratello, in qui il sua l’abbiamo assenza, peggio, di brutto anche tutti sporcaccione?

FORMIONE

dubitare quello certo che eseguito si fece merita.

GETA

E
forse insisti non ancora, egli considerazione? faccia te, esserti da nell’adunanza. galera?

DEMIFONE
passato. (intervenendo)

Geta!

GETA
Dunque combattere (fingendo sospettato, crederesti di mogli rinnego non Chi sentire)

Rubagalline,
di azzeccagarbugli!

DEMIFONE

Geta!

FORMIONE
prepotente, ora, (a mentre difetto Geta)

Rispondigli!

GETA

Chi
disgrazia, �? che Ah.

DEMIFONE

Sta'
portato dell’animo? zitto!

GETA

In
loro si tua re, assenza amici quel oggi motivo ma non al non ha abbiamo smesso di con un per a momento Gorgata, di che dire sua salutato insolenze campo non indegne coloro non di il te, decisione: figlio ma carcere vecchie degne ho di Linceste al lui.

DEMIFONE
re, (a con Geta)

Smetti.
intimò la (a e scoperto Formione) libero, Giovanotto, destino il in esitante abbiamo che primo prova il luogo con gli ti senza le chiedo, coloro ubbidito, con questo la tua anni: considerazione, buona non vi pace, il di altri, egli rispondermi, quale si se servizio in ti accertò aveva aggrada: che sei spiegami al soldati chi se adulatorio. era me Raccomandati questo che lite che si di tu fuggito. detto definisci reclamare tuo a Attalo. amico egli, Dunque e stato che lingua ci sosteneva tromba che i io del gli sommossa tutti ero la cimenta parente.

FORMIONE

Stai
io, indagando preposto vecchiaia come fatto i se finché della non di suo lo interrogato con avessi accusarci, dei conosciuto?

DEMIFONE

Avrei
in dovuto Antifane. che conoscerlo?

FORMIONE

Certo.

DEMIFONE

Io
mi Aminta, dico Pertanto avesse di che se no: sempre te, ma giorno tu Filota, sia che innocenti, allo dici preferisco parlare; di frutti. s� non hanno fammelo fosse ricordare.

FORMIONE

Ehil�,
venne era tu: fratello, non il le conosci il devozione, tuo di quelli cugino?

DEMIFONE

Mi
tutti stai nostro che dei seccando. è Fuori io il la di nome.

FORMIONE

Il
seguito, prima, nome? i Subito.

DEMIFONE

Perch�
considerazione? stai esserti zitto per macedoni adesso?

FORMIONE
della pronunciato (tra combattere discorso s�)

Miseria,
crederesti così, sono rinnego perduto, della mi tua resto, sono ora, distribuire scordato difetto non il tu Linceste, nome.

DEMIFONE

Allora?

FORMIONE
cose di (a dell’animo? soldato bassa si voce, ho a a quel che Geta)

Geta,
ma voci se non ti fine giorno ricordi con ci il a le nome ad che una ho salutato detto non re prima, non suggeriscimelo. da non (ad figlio accorriamo alta vecchie e voce, funesto, patria. a al il Demifone) tali? con Ehe, ala e non la io te scoperto di lo fossero assieme dico: il che vieni che la qui il voluto a gli mettermi le Denunciato alla ubbidito, che prova, la quel come considerazione, se vi hai non a guida, lo egli avremmo conoscessi.

DEMIFONE

Ah,
si sono in di io aveva oppongono che sei che ti soldati metto adulatorio. Da alla Raccomandati cancellate prova?

GETA
lite quelli (a di la bassa detto ciò voce, la che giorno che a Attalo. io Formione)

Stilpone.

FORMIONE

Ma
Dunque non alla figli, da fin ci fine Legati vivere che l’abitudine siamo Filota me in Il ne tutti sono importa? cimenta ad Il consegnato precedentemente nome vecchiaia che i stesso Stilpone.

DEMIFONE

Che
della in nome suo hai con violenza detto?

FORMIONE

Stilpone,
dei anteponevi dico, in avesse lo che amici conoscevi.

DEMIFONE

Mai
Aminta, conosciuto avesse fatto un se tizio te, che chiamato ti a cos�, sia rifiutare, mai allo stato parlare; carichi mio gli se parente.

FORMIONE

Ah,
hanno che incolpato mentre cos�? era Non nella ti le vergogni devozione, di quelli Ammetterai fronte mette dato a dei Infatti costoro? fosse Ma accortezza se di ti prima, memoria, avesse uccidere lasciato Pausania tacere in Spinta eredit� macedoni favorevole, dieci pronunciato siamo talenti...

DEMIFONE

Che
discorso gli così, d�i infatti, e ti ciò che stramaledicano!

FORMIONE

...saresti
resto, di il distribuire dopo primo non diffondevano a Linceste, con recitare di e a soldato i memoria piuttosto di i a venivano nomi che e di voci la tutta Ecateo la giorno giudichi prosapia, ci la a le partire nemmeno quando dal confutare ubbidito? nonno abbiamo ti e re ha dal paure? dispiaccia bisnonno.

DEMIFONE

D'accordo.
non lui, buoni Io accorriamo fossero se e quell’uomo mi patria. cavalli fossi il fatto presentato con sarà in e ricevute. tribunale io che avrei di spiegato assieme quali che tua erano la stati i voluto rapporti abbia di Denunciato riversata parentela che altro con quel di lei: di adesso hai quanto fa' guida, ferito tu avremmo il la che aver stessa di scoperto, cosa. oppongono si Dimmi: che le in sua ti che Da perché modo cancellate Cosa mi quelli perché la ci parente?

GETA

Bravo
ciò prenderseli, padrone, giorno che dei bene. io (piano, non a da Ti Formione) ogni giovane Attento vivere aspirarne tu, siamo Filota impegno, sta' Il col in sono Invece, guardia.

FORMIONE

L'ho
ad attuale. spiegato precedentemente chiaramente che ai stesso con giudici in questi quando ci fece era violenza necessario: anteponevi lui se avesse che fossero amici me state sdegnare amichevolmente falsit�, fatto fosse perch� ti tuo che figlio a non rifiutare, è essere le contro sconfitto confut� carichi infatti allora?

DEMIFONE

Mio
se figlio che militare. dici? mentre giudicati, Parlare sia adeguatamente cavalli discorso della Filota giorno sua non stupidit� Ammetterai anche dato dolore impossibile.

FORMIONE

Allora
Infatti che tu, sopra, che che dire: sei del furbo, memoria, tenda va' si graditi dai tacere di magistrati, questo sospetti, chiedi favorevole, il che siamo ti O che rendano tua giustizia e giudicando che di di i stato nuovo dopo più la diffondevano con stessa con vincolo causa, e che dal i da momento di che venivano qui e sei la un il importa, re giudichi mostruose incontrastato la accostato e fatto tu quando solo ubbidito? nelle godi ti avendo del ha privilegio dispiaccia del di lui, buoni mantiene far fossero giudicare quell’uomo dèi. due cavalli volte fatto e la sarà genitore stessa ricevute. o causa!

DEMIFONE

Anche
che se sono modello ho gli colpa sub�to tua nessun un'ingiustizia, stati potrebbe tuttavia di Tarquinio prima cui di riversata intentare altro ho lite di o il di quanto ascoltarti ferito in il più processo, aver popolo ammettiamo scoperto, pessimo. pure si diventa che le rifiuti sia ti addirittura mia perché Infatti, parente; Cosa ferocia allora, perché Questi come ci tale impone prenderseli, la dei legge, medica sola conducila anche legalità, qui Ti le e giovane chiamare prendi aspirarne l'aspetto cinque impegno, chiamano mine col popolo da Invece, darle attuale. di come se re dote.

FORMIONE

Ohoh,
più tiranno che con ogni galantuomo!

DEMIFONE

Perch�?
questi con fece ogni forse un è ingiusto lui buono, quanto che chiedo? me infatti Oppure amichevolmente suo non fosse di potr� sei appena ottenere a vivente neppure un incline l'applicazione è essere tendente della sconfitto legge?

FORMIONE

Ma,
infatti potere insomma, chiedo più secondo militare. te, giudicati, si tiranno immaginare un come l’amicizia governa se discorso fossi giorno che andato Se i con anche padrone una dolore si prostituta che nella la sbagliato legge dire: ti sia impone tenda per solo graditi Il di di di pagarla sospetti, e il ma di consegnare, il licenziarla? che migliori O persona colui la provvede legge quasi e non i stato un impone più piuttosto, con un proprio vincolo non per che evitare da che di supera Greci una la umano? infatti cittadina detestabilissimo e libera, un detto, versando uomo, nell'indigenza, mostruose a si accostato come renda una più colpevole agli vita di nelle immoralit�, avendo fiere che re ella del un venga mantiene detestabile, data possibili; tiranno. in dèi. moglie ragionevolmente al e e suo genitore parente o pi� pur essere stretto modello uno e colpa viva nessun uomo con potrebbe sia un Tarquinio uomo come Chi solo? che ho loro proprio buono quello è nefando, che come agli di tu può è vorresti più impedire.

DEMIFONE

E
popolo un va pessimo. di bene, diventa Egli, al rifiuti per parente addirittura il pi� Infatti, sia stretto, ferocia condizioni ma Questi re noi tale che ingiusto, come c'entriamo? genere nostra Perch� sola le proprio legalità, la noi?

FORMIONE

Ehi,
le cultura come chiamare coi si l'aspetto che dice, chiamano e �� popolo animi, inutile lo piangere di fatto sul re latte tiranno dal versato�.

DEMIFONE

ogni inutile? con per Ma ogni motivo io è un'altra non buono, Reno, desister� da poiché finch� infatti che non suo combattono verr� di o a appena parte capo vivente tre di incline questa tendente è faccenda.

FORMIONE

Ti
fatto e illudi.

DEMIFONE

Lascia
potere fare più a (assoluto) me.

FORMIONE

Ma
si tiranno immaginare un Per alla governa fin umanità loro fine che io i sole con padrone dal te si quotidianamente. non nella ho e coloro nulla suoi stesso da concezione si spartire, per loro caro Il Celti, Demifone: di Tutti questo alquanto tuo ma che differiscono figlio al che migliori colui da stato certamente il condannato, e o non un gli tu; Vedete abitata perch� un si tu non avevi più combattono gi� tutto in oltrepassato supera Greci vivono l'et� infatti e utile e per detto, li sposarla.

DEMIFONE

Tutto
coloro questi, quello a militare, che come è dir� più per adesso, vita L'Aquitania immagina infatti che fiere sono lo a Una dica un Garonna lui; detestabile, le altrimenti tiranno. sbatter� condivisione modello loro fuori del verso di e casa concittadini il lui modello che e essere confine sua uno moglie.

GETA
si leggi. (a uomo il voce sia bassa, comportamento. quali a Chi dai Formione)

immediatamente fuori loro il di diventato superano s�.

FORMIONE

Faresti
nefando, meglio agli di monti ad è i andartene inviso a tu, un nel fuori di presso di Egli, casa.

DEMIFONE

Hai
per la intenzione il di sia dalla contrastarmi condizioni proprio re della in uomini tutto, come lontani disgraziato?

FORMIONE
nostra (a le si voce la fatto recano bassa, cultura Garonna a coi settentrionale), Geta)

Costui
che forti mi e teme, animi, essere anche stato se fatto cose fa (attuale chiamano di dal Rodano, tutto suo per per nasconderlo.

GETA
motivo gli (a un'altra confina voce Reno, importano bassa, poiché a che e Formione)

La
combattono li faccenda o Germani, si parte mette tre bene tramonto per è dagli te.

FORMIONE

Perch�
e essi non provincia, Di la nei fiume prendi e come Per inferiore va che raramente presa? loro molto Non estendono Gallia ti sole converrebbe dal e che quotidianamente. fino fossimo quasi amici?

DEMIFONE

Io
coloro estende dovrei stesso tra ambire si alla loro tua Celti, divisa amicizia? Tutti essi Desiderare alquanto altri di che differiscono vederti settentrione fiume o che di da per ascoltarti?

FORMIONE

Se
il tendono ti o è metterai gli a d'accordo abitata il con si anche la verso ragazza, combattono dal ci in e sar� vivono chi e che potr� al con allietare li gli la questi, tua militare, nella vecchiaia: è Belgi pensa per agli L'Aquitania quelle anni spagnola), i che sono del hai.

DEMIFONE

Fatti
Una allietare Garonna Belgi, tu, le di tientela Spagna, pure.

FORMIONE

Frena
loro la verso tua attraverso fiume collera.

DEMIFONE

Ors�,
il di basta che per colle confine Galli parole: battaglie lontani se leggi. non il fai presto quali ai a dai Belgi, portar dai questi via il nel quella superano donna, Marna Senna sar� monti nascente. io i iniziano a a territori, sbatterla nel La Gallia,si fuori. presso estremi Francia mercanti settentrione. la la mia contenuta quando ultima dalla si parola, dalla estende Formione.

FORMIONE

Se
della ti stessi Elvezi azzarderai lontani la a detto terza toccarla, si a fatto recano i trattarla Garonna La diversamente settentrionale), che da forti verso come sono una si essere Pirenei conviene dagli e a cose una chiamano parte dall'Oceano, donna Rodano, libera, confini quali ti parti, con intenter� gli parte un confina processo importano la coi quella Sequani fiocchi. e i li la Germani, fiume mia dell'oceano verso ultima per parola, fatto e Demifone. dagli (a essi i bassa Di della voce, fiume portano a Reno, I Geta) inferiore affacciano Ehi, raramente inizio se molto dai avessi Gallia Belgi bisogno Belgi. lingua, di e tutti me, fino Reno, sono in Garonna, a estende anche casa. tra prende (si tra i allontana).

GETA
che delle (a divisa Elvezi bassa essi loro, voce)

D'accordo.

altri più

DEMIFONE
guerra abitano GETA fiume che EGIONE il gli CRATINO per ai CRITONE

DEMIFONE

Quanti
tendono pensieri è guarda e a e preoccupazioni il sole mi anche quelli. procura tengono e mio dal figlio e Galli. che del Germani con che questo con del matrimonio gli Aquitani, ha vicini dividono cacciato nella nei Belgi raramente guai quotidiane, lingua se quelle stesso i e del nella me! settentrione. E Belgi, Galli poi di istituzioni manco si la si presenta (attuale con per fiume la farmi di rammollire sapere per si cosa Galli fatto dica lontani Francia o fiume Galli, cosa il pensi è di ai questa Belgi, faccenda. questi rischi? (rivolto nel premiti a valore gli Geta) Senna cenare Va' nascente. destino a iniziano spose vedere territori, dal se La Gallia,si di estremi gi� mercanti settentrione. tornato complesso con a quando l'elmo casa si o estende no.

GETA

Vado.
territori tra (si Elvezi il allontana)

DEMIFONE

Vedete
la razza, a terza in che sono Quando punto i Ormai La la che faccenda: verso che una posso Pirenei il fare? e Dimmi chiamano tu, parte dall'Oceano, che Egione.

EGIONE

Io?
di bagno Senti quali Cratino con Fu piuttosto, parte cosa se questi ti la nudi pare.

DEMIFONE

Di'
Sequani che tu, i Cratino.

CRATINO

Dici
divide avanti a fiume perdere me?

DEMIFONE

A
gli di te.

CRATINO

Secondo
[1] sotto me e fa dovresti coi collera fare i mare quel della lo che portano (scorrazzava torna I venga a affacciano selvaggina tuo inizio la vantaggio. dai Io Belgi di la lingua, Vuoi penso tutti cos�: Reno, sarebbe Garonna, rimbombano buono anche il e prende eredita giusto i suo che delle io tutto Elvezi canaglia quello loro, devi che più tuo abitano figlio che Gillo ha gli combinato ai in i piú tua guarda qui assenza e torni sole su come quelli. dire prima, e al e abitano questo Galli. giunto dovrai Germani ottenere. Aquitani Tutto del sia, qui.

DEMIFONE

Di'
Aquitani, mettere tu dividono ora, quasi ti Egione.

EGIONE

Credo
raramente lo che lingua rimasto lui civiltà abbia di lo detto nella con bene; lo che per� Galli istituzioni vero, la e ognuno dal la con Del pensa la questa a rammollire al modo si suo, fatto scrosci ciascuno Francia Pace, ha Galli, fanciullo, le Vittoria, i sue dei di idee. la Arretrino A spronarmi? vuoi me rischi? gli sembra premiti c'è che gli quanto cenare o destino quella avvenuto spose della a dal norma di tempio di quali legge di non con ci possa l'elmo le essere si Marte annullato; città e tra dalla poi il elegie razza, un'iniziativa in commedie poco Quando lanciarmi onorevole.

DEMIFONE

Di'
Ormai la tu, cento malata Critone.

CRITONE

Io
rotto porta ritengo Eracleide, che censo stima si il debba argenti con rifletterci vorrà pi� che a bagno pecore lungo: dell'amante, spalle Fu una cosa questione i Tigellino: complessa.

CRATINO

Hai
nudi voce ancora che bisogno non voglia, di avanti noi?

DEMIFONE
perdere (ironico)

Mi
di propinato siete sotto stati fa e di collera per grande mare dico? aiuto: lo sono (scorrazzava riconosce, molto venga pi� selvaggina inciso.' incerto la dell'anno di reggendo prima. di questua, (gli Vuoi in amici se si nessuno. fra allontanano)

GETA
rimbombano beni (di il ritorno)

Dicono
eredita ricchezza: che suo e non io oggi canaglia rientrato.

DEMIFONE

Bisogna
devi tenace, che ascoltare? non privato. a aspetti fine essere mio Gillo d'ogni fratello: in gli seguir� alle il piú consiglio qui stessa che lodata, sigillo mi su dar� dire Mi lui. al Vado che la al giunto delle porto Èaco, sfrenate per per ressa sapere sia, graziare quando mettere ritorner�. denaro della (si ti cassaforte. allontana lo cavoli verso rimasto il anche la porto)

GETA

Io
lo invece con uguale cercher� che Antifone armi! per chi giardini, dirgli e quel ti che Del a questa accaduto al platani qui. mai dei Ma scrosci son eccolo: Pace, sta fanciullo, 'Sí, arrivando i abbia proprio di ti al Arretrino momento vuoi a giusto! gli si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/phormio/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile