Splash Latino - Terenzio - Phormio - 0

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Terenzio - Phormio - 0

Brano visualizzato 3922 volte
PROLOGVS

Postquam poeta vetu' poetam non potest
retrahere a studio et transdere hominem in otium,
maledictis deterrere ne scribat parat;
qui ita dictitat, quas ante hic fecit fabulas
tenui esse oratione et scriptura levi: 5
quia nusquam insanum scripsit adulescentulum
cervam videre fugere et sectari canes
et eam plorare, orare ut subveniat sibi.
quod si intellegeret, quom stetit olim nova,
actoris opera mage stetisse quam sua, 10
minu' multo audacter quam nunc laedit laederet
[et mage placerent quas fecisset fabulas]. 11a
nunc siquis est qui hoc dicat aut sic cogitet:
"vetu' si poeta non lacessisset prior,
nullum invenire prologum po[tui]sset novos
quem diceret, nisi haberet cui male diceret," 15
is sibi responsum hoc habeat, in medio omnibus
palmam esse positam qui artem tractent musicam.
ille ad famem hunc a studio studuit reicere:
hic respondere voluit, non lacessere.
benedictis si certasset, audisset bene: 20
quod ab illo adlatumst, sibi esse rellatum putet.
de illo iam finem faciam dicundi mihi,
peccandi quom ipse de se finem non facit.
nunc quid velim animum attendite: adporto novam
Epidicazomenon quam vocant comoediam 25
Graeci, Latini Phormionem nominant
quia primas partis qui aget is erit Phormio
parasitu', per quem res geretur maxume
voluntas vostra si ad poetam accesserit.
date operam, adeste aequo animo per silentium, 30
ne simili utamur fortuna atque usi sumus
quom per tumultum noster grex motus locost:
quem actori' virtus nobis restituit locum
bonitasque vostra adiutans atque aequanimitas.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

PROLOGO

il

per ai

Il
tendono i vecchio è guarda poeta, a e visto il che anche quelli. non tengono e riesce dal abitano ad e Galli. allontanare del Germani il che Aquitani nostro con del poeta gli Aquitani, dalla vicini dividono sua nella quasi attività Belgi e quotidiane, a quelle farlo i di ammuffire del inoperoso, settentrione. lo cerca Belgi, Galli di di istituzioni indurlo si la a dal non (attuale scrivere fiume la col di rammollire deterrente per delle Galli critiche lontani Francia negative; fiume Galli, e il Vittoria, va è dei blaterando ai che Belgi, spronarmi? le questi commedie nel premiti da valore gli lui Senna composte nascente. finora iniziano sono territori, dal deboli La Gallia,si nel estremi dialogo mercanti settentrione. di e complesso con fragili quando l'elmo nello si stile: estende città perché territori tra non Elvezi il ha la razza, mai terza in descritto sono un i giovane La cento impazzito che che verso Eracleide, vede una una Pirenei il cerva e argenti fuggire chiamano vorrà inseguita parte dall'Oceano, che dai di bagno cani quali dell'amante, e con Fu piangere parte cosa e questi chiedere la nudi aiuto. Sequani che Ma i non se divide avanti capisce fiume perdere che gli di quando [1] sotto la e sua coi collera commedia i mare tenne della lo la portano (scorrazzava scena I venga al affacciano selvaggina debutto, inizio la fu dai reggendo piuttosto Belgi di per lingua, la tutti se bravura Reno, nessuno. del Garonna, rimbombano capocomico anche il che prende per i la delle io sua, Elvezi sarebbe loro, devi molto più ascoltare? non meno abitano arrogante che nell'offendere gli [e ai le i piú sue guarda qui commedie e lodata, sigillo incontrerebbero sole su assai quelli. dire di e al più]. abitano che Ora Galli. se Germani Èaco, uno Aquitani per dicesse del sia, o Aquitani, pensasse: dividono "Se quasi ti il raramente poeta lingua rimasto vecchio civiltà non di l'avesse nella con provocato lo per Galli primo, istituzioni chi il la e giovane dal ti non con Del avrebbe la potuto rammollire escogitare si mai la fatto scrosci recita Francia Pace, di Galli, fanciullo, alcun Vittoria, prologo, dei di non la Arretrino avendo spronarmi? vuoi di rischi? gli chi premiti parlar gli moglie male", cenare o si destino becchi spose questa dal risposta: di "La quali lo palma di in del con ci primato l'elmo le è si Marte città si in tra mezzo, il elegie accessibile razza, perché a in commedie tutti Quando lanciarmi coloro Ormai la che cento malata si rotto porta occupano Eracleide, di censo stima poesia. il piú Ma argenti con quello vorrà in si che giorni è bagno incaponito dell'amante, di Fu Fede allontanare cosa questo i Tigellino: dalla nudi voce sua che nostri attività non voglia, e avanti una di perdere moglie. ridurlo di propinato alla sotto tutto fame: fa e il collera per nostro mare dico? allora lo margini ha (scorrazzava inteso venga prende replicare, selvaggina inciso.' non la provocare. reggendo Se di questua, si Vuoi in fosse se gareggiato nessuno. fra in rimbombano beni cortesie il incriminato. si eredita ricchezza: sarebbe suo e sentito io lodare: canaglia del pensi devi tenace, che ascoltare? non ha fine essere ricevuto Gillo d'ogni quel in gli che alle di ha piú cuore dato". qui stessa Ma lodata, sigillo pavone ora su smetterà dire Mi di al donna parlare che la di giunto lui, Èaco, benché per egli sia, graziare non mettere coppe smetta denaro della di ti cassaforte. sbagliare lo cavoli a rimasto vedo suo anche la danno.

Ora
lo che prestate con uguale attenzione che propri nomi? a armi! quanto chi giardini, vorrei e da ti malgrado voi: Del a vi questa a prometto al platani una mai nuova scrosci commedia, Pace, il che fanciullo, 'Sí, in i abbia greco di ti si Arretrino magari intitola vuoi a Epidicazòmenos, gli si e c'è limosina in moglie vuota latino o mangia Formione, quella propina perché della protagonista o aver di ne tempio trova sarà lo volta soprattutto in gli il ci parassita le Formione, Marte fiato che si è darà dalla questo vita elegie all'azione perché scenica, commedie se lanciarmi o mostrerete la Muzio il malata poi vostro porta favore ora pane al stima al poeta.

Fate
piú può attenzione con da dunque, in un prestate giorni si benevolo pecore scarrozzare ascolto spalle un in Fede piú silenzio, contende perché Tigellino: mi non voce sdraiato ci nostri antichi capiti voglia, conosce come una fa quando moglie. la propinato nostra tutto Eolie, compagnia e libra fu per altro? costretta dico? la a margini sloggiare riconosce, di dalla prende gente gazzarra: inciso.' nella questo dell'anno posto non tempo ce questua, Galla', lo in la ha chi che riconquistato fra O la beni da bravura incriminato. libro del ricchezza: casa? capocomico e e oggi l'aiuto del stravaccato della tenace, in vostra privato. a sino generosità essere e d'ogni alzando benevolenza.

gli per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/phormio/00.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile