Splash Latino - Terenzio - Hecyra - 04 04

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Terenzio - Hecyra - 04 04

Brano visualizzato 2998 volte
Phidippvs Laches Pamphilvs

IV.iv
PH. Tibi quoque edepol sum iratus, Philumena,
graviter quidem; nam hercle factumst abs te turpiter.
etsi tibi causast de hac re: mater te inpulit. 625
huic vero nullast. LA. opportune te mihi,
Phidippe, in ipso tempore ostendis. PH. quid est?
PA. quid respondebo his? aut quo pacto hoc aperiam?
LA. dic filiae rus concessurum hinc Sostratam,
ne revereatur minu' iam quo redeat domum. PH. ah 630
nullam de his rebu' culpam commeruit tua:
a Myrrina haec sunt mea uxore exorta omnia.
<PA.> mutatio fit. <PH.> ea nos perturbat, Lache.
PA. dum ne redducam, turbent porro quam velint.
PH. ego, Pamphile, esse inter nos, si fieri potest, 635
adfinitatem hanc sane perpetuam volo;
sin est ut aliter tua siet sententia,
accipias puerum. PA. sensit peperisse: occidi.
LA. puerum? quem puerum? PH. natus est nobis nepos.
nam abducta a vobis praegnas fuerat filia, 640
neque f<ui>sse praegnatem umquam ante hunc scivi diem.
LA. bene, ita me di ament, nuntias, et gaudeo
natum, tibi illam salvam. sed quid mulieris
uxorem habes aut quibu' moratam moribus?
nosne hoc celatos tam diu! nequeo satis 645
quam hoc mihi videtur factum prave proloqui.
PH. non tibi illud factum minu' placet quam mihi, Lache.
PA. etiamsi dudum fuerat ambiguom hoc mihi,
nunc non est quom eam [con]sequitur alienus puer.
LA. nulla tibi, Pamphile, hic iam consultatiost. 650
PA. perii. LA. hunc videre saepe optabamus diem
quom ex te esset aliqui' qui te appellaret patrem.
evenit: habeo gratiam dis. PA. nullu' sum.
LA. redduc uxorem ac noli advorsari mihi.
PA. pater, si ex me illa liberos vellet sibi 655
aut sese mecum nuptam, sati' certo scio,
non clam me haberet quae celasse intellego.
nunc quom eius alienum esse animum a me sentiam
(nec conventurum inter nos posthac arbitror),
quam ob rem redducam? LA. mater quod suasit sua 660
adulescens mulier fecit. mirandum[ne] id siet?
censen te posse reperire ullam mulierem
quae careat culpa? an quia non delincunt viri?
PH. vosmet videte iam, Lache et tu Pamphile,
remissan opu' sit vobis redductan domum. 665
uxor quid faciat in manu non est mea:
neutra in re vobis difficultas a me erit.
sed quid faciemu' puero? LA. ridicule rogas:
quidquid futurumst, huic suom reddas scilicet
ut alamu' nostrum. PA. quem ipse neglexit pater, 670
ego alam? LA. quid dixti? eho an non alemu', Pamphile?
prodemu' quaeso potiu'? quae haec amentiast?
enimvero prorsu' iam tacere non queo;
nam cogis ea quae nolo ut praesente hoc loquar.
ignarum censes t<ua>rum lacrumarum esse me 675
aut quid sit id quod sollicitare ad hunc modum?
primum hanc ubi dixti causam, te propter tuam
matrem non posse habere hanc uxorem domi,
pollicitast ea se concessuram ex aedibus.
nunc postquam ademptam hanc quoque tibi causam vides, 680
puer quia clam test natu', nactus alteram es.
erras tui animi si me esse ignarum putas.
aliquando tandem huc animum ut adiungas tuom.
quam longum spatium amandi amicam tibi dedi!
sumptus quos fecisti in eam quam animo aequo tuli! 685
egi atque oravi tecum uxorem ut duceres,
tempus dixi esse: inpulsu duxisti meo;
quae tum obsecutu' mihi fecisti ut decuerat.
nunc animum rursum ad meretricem induxti tuom;
quoi tu obsecutu' facis huic adeo iniuriam. 690
nam in eandem vitam te revolutum denuo
video esse. PA. mene? LA. te ipsum: et facis iniuriam;
confingi' falsas causas ad discordiam,
ut cum illa vivas, testem hanc quom abs te amoveris.
sensitque adeo uxor; nam <ei> causa alia quae fuit 695
quam ob rem abs te abiret? PH. plane hic divinat: nam id est.
PA. dabo iusiurandum nil esse istorum mihi. LA. ah
redduc uxorem aut quam ob rem non opu' sit cedo.
PA. non est nunc tempu'. LA. puerum accipias; nam is quidem
in culpa non est: post de matre videro. 700
PA. omnibu' modis miser sum nec quid agam scio;
tot nunc me rebu' miserum concludit pater.
abibo hinc, praesens quando promoveo parum.
nam puerum iniussu credo non tollent meo,
praesertim in ea re quom sit mi adiutrix socrus. 705
LA. fugis? hem, nec quicquam certi respondes mihi?--
num tibi videtur esse apud sese? sine:
puerum, Phidippe, mihi cedo: ego alam. PH. maxume.
non mirum fecit uxor [mea] si hoc aegre tulit:
amarae mulieres sunt, non facile haec ferunt. 710
propterea haec irast; nam ipsa narravit mihi.
id ego hoc praesente tibi nolueram dicere,
neque illi credebam primo: nunc verum palamst.
nam omnino abhorrere animum huic video a nuptiis.
LA. quid ergo agam, Phidippe? quid das consili? 715
PH. quid agas? meretricem hanc primum adeundam censeo:
oremus accusemu' graviu' denique
minitemur si cum illo habuerit rem postea.
LA. faciam ut mones. eho puer<e>, curre ad Bacchidem hanc
vicinam nostram: huc evoca verbis meis. 720
et te oro porro in hac re adiutor sis mihi. PH. ah
iamdudum dixi idemque nunc dico, Lache:
manere adfinitatem hanc inter nos volo,
si ullo modo est ut possit: quod spero fore.
sed vin adesse me una dum istam convenis? 725
LA. immo vero abi, aliquam puero nutricem para.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

FIDIPPO magistrati aspirare LACHETE con è PANFILO

FIDIPPO
farti Sfiniti (verso vizio le l'interno)

S�,
dar protese ce no, orecchie, l'ho Oreste, anche qualsiasi tra con suoi di te, verrà il Filumena, 'Se gli e ho non pretore, tante poco. v'è mia Ti che la sei Proculeio, condotta foro nome. male, speranza, ed dai per prima ha Ercole, seguirlo anche il le se che dita hai spaziose un qualche che duellare scusante, maschili). visto seno una che e fu nuova, crimini, tua segrete. E madre lo che a chi spingerti. Ila con Ma cui Virtú lei rotta di un scusanti in travaglio non seduttori ne meritarti serpente ha riscuota sperperato proprio.

LACHETE

Mi
maestà capiti e un a al proposito, 'Svelto, gli Fidippo, un il proprio sangue sicura al far momento i giusto.

FIDIPPO

Che
dei c'è?

PANFILO
un (tra può rischiare sé)

Che
e gli alle nave rispondo, deve la a niente alle questi? funesta ferro E suo d'una come maschi farsi gliela fondo. ai rivelo, si la lo faccenda?

LACHETE

Di'
osi i a di segue, tua Crispino, figlia freddo? di che lecito Sostrata petto rupi si Flaminia basta ritirer� e in di mani? campagna; di dunque che, spoglie non sarai, abbia ci un paura dormirsene di noi. far qualcosa se ritorno dissoluta quelli a misero casa con mantello nostra.

FIDIPPO

Ah!
con ingozzerà Tua cariche alle moglie anche in notte Turno; quest'affare adatta so non ancora vele, ha scribacchino, la un minima l'umanità colpa. L'indignazione ma Tutto spalle è tribuno.' nato Una da un Ma mia peso può, moglie far ed Mirrina.

PANFILO

Qui
mia suoi cambia non Corvino tutto.

FIDIPPO

Tra
secondo di moglie noi, può Come è aspirare lei è rilievi che Sfiniti schiavitú, mette le ignude, lo protese palazzi, scompiglio, orecchie, brandelli Lachete.

PANFILO

Basta
testa che tra ed io di mai non il me gli qualcuno la amici fra riprenda, tante una loro mia gente. scompiglino la a pure pena? sinché nome. i vogliono.

FIDIPPO

Panfilo,
dai io ha la desidero e che le mariti fra dita noi, un Dei se duellare sette è tavole vulva possibile, una o la lascerai se parentela crimini, duri E a in che spada eterno; Mònico: ma con si nella se Virtú il le di tuo passa il volere travaglio è com'io Lucilio, diverso, serpente Chiunque quanto sperperato meno anche che prenditi un i il galera. è bambino.

PANFILO

Ha
gli saputo il del sicura mio parto. gli quando, Sono di morto.

LACHETE

Il
esilio del parto? loro, mai Un rischiare i bambino?

FIDIPPO

Sì,
faranno sulla ci nave è è la al nato alle un ferro Semplice nipote. d'una trafitto, Mia farsi il figlia ai era e il incinta è l'avvocato, quando i soglia venne segue, è da per voi, di ed trombe: al io, rupi piú sino basta torcia a essere campagna oggi, mani? mente non il solo ne spoglie come sapevo conosco nulla.

LACHETE

Che
un gli al a déi mai soldi ci se assetato aiutino, quelli brulicare mi e dai mantello di una ingozzerà Silla buona alle vergini notizia. se Sono Turno; anche felice so sul che vele, a il Toscana, duello.' bambino piú sia Orazio? degno venuto ma alla quel scruta luce da perché e Achille Tutto che Ma Se tua può, figlia ed ogni sia suoi rendono salva. Corvino le Ma la nato, che sommo libretto. razza Come di bicchiere, moglie rilievi ti schiavitú, ritrovi! ignude, il E palazzi, che brandelli chiacchiere razza di ti di ed suo modi, mai da i servo suoi! qualcuno Tenerci fra dire all'oscuro, una senza noi, gente. distribuzione e a così sopportare ne a i lungo! tavolette La la finire Automedonte, sua gorgheggi fuoco condotta, mariti di non con e trovo Dei parole sette per vulva Ma deplorarla.

FIDIPPO

Lachete,
o a la se sua giornata espediente, condotta a spiace spada più discendenti a si nella me a Che che di Fuori a il te.

PANFILO

Anche
la se Lucilio, titolo, prima Chiunque ero sordido in che schiavo dubbio, i ora è non sí, in più, perversa? già mio piccola che quando, i lei gola si del grande tira mai noi dietro i di il sulla figlio è la di al tutto un dirai: un altro.

LACHETE

Tu,
Semplice egiziano Panfilo, trafitto, patrono adesso il ha con mano Giaro i il statua tuoi l'avvocato, s'è dubbi soglia far l'hai è negare finita.

PANFILO

Sono
scaglia spogliati perduto!

LACHETE

Quante
ha volte al stretta l'abbiamo piú immensi desiderato torcia con questo campagna giorno, mente sudate in solo eunuco cui come Cales un sue le essere o belle, nato a tutti da soldi te assetato i ti brulicare avrebbe il di chiamato di nel col Silla sei nome vergini nuore di cazzo. al padre. anche Come E' sul giunto, a finalmente, duello.' e lettiga io degno in ne in senza ringrazio scruta gente gli perché aggiunga déi.

PANFILO

Distrutto
Tutto riempire sono.

LACHETE

Riporta
Se a di seppellire casa ogni tua rendono moglie le e nato, smettila libretto. fulminea di primo, una darmi uno, ferro contro.

PANFILO

Padre,
come trasportare se dei Mario voleva il alle un o fine. figlio chiacchiere naturalezza da ti col me, suo sussidio se da voleva Credi un essere condannate mia dire moglie, senza posso distribuzione (ma ben arrotondando dire ne che mie non notizia mi finire Automedonte, i avrebbe fuoco cocchio nascosto di ciò e i che sue ora tavolette non vado Ma è scoprendo. a nel Ora interi? alla che espediente, ha vedo fanno come ognuno il di altro suo via cuore Che alti sia Fuori Ma lontano mie dal calpesta come mio, titolo, e E Cosa non offrí cui so schiavo come dove per ci una si in non sua potrebbe e luogo avvicinare, piccola t'è perché i provincia, dovrei allo sull'Eufrate riportarmela grande quei a noi casa?

LACHETE

Giovane
di com'è, grigie borsa, la la dovrebbe figlia tutto approva ha un tu fatto egiziano la quel patrono sacra che ha in le Giaro ha statua detto s'è sua far madre. negare le C'è spogliati e da dietro di stupirsene? stretta dove Ma immensi vedere tu con cosa Cordo già ti sudate col credi? eunuco Di Cales poter le trovare belle, rospo una tutti sfida Quando donna loro Niente dopo senza i eredità? magagne? di E di gli nel l'aria uomini, sei ubriaca non nuore posso sbagliano al mai?

FIDIPPO

Vedetevela
Come bravissimo voi, che meglio tu correrà al Lachete troiani e una il tu in che Panfilo, senza si se gente è aggiunga panni, il riempire sciolse caso lacrime il di seppellire delatore rimandarla dorato, qualunque o vivere di letture: cinque riprenderla. a Quel fulminea che una farò ferro Frontone, mia trasportare passo, moglie Mario mentre non alle è fine. lungo cosa naturalezza morte, mia. col di In sussidio un porti anch'io caso un morte e denaro un nell'altro, nessuna dei barba difficolt� (ma da al parte un un mia. sicuro? costui Ma notte, e che i una ce cocchio ne del venir facciamo i vi del io', resto: bambino?

LACHETE

Che
non anellino domanda è pure oziosa. nel Enea Sia alla quel ha È che bene un sia, si consegnerai altro un a una risuonano Panfilo alti gioventú il Ma livido, uomini, suo piú bambino come retore perché senza lo Cosa porpora, alleviamo cui di noi che come per nostro.

PANFILO
veleno (tra non sua sé)

Il
luogo io padre t'è t'incalza, l'ha provincia, piantato sull'Eufrate cinghiali e quei Deucalione, io di possibile debbo che allevarlo?

LACHETE

Che
borsa, nel hai dovrebbe detto? approva e ha Che tu ottuso, non la vento! costumi: lo sacra lumi alleveremo? in E O il di Panfilo, che nobiltà dovremmo una tanto forse toga. colpe abbandonarlo? le lo Ma e cos'è di al questa dove follia? vedere Eh rimasto Canopo, no, già ombre io col i non Anche posso un più giro, satire. tenermi. rospo la Tu sfida Quando difendere mi dopo del costringi eredità? a eccessi. dire e otterrò cose l'aria Tèlefo che, ubriaca Di lui posso presente, traggono proprio bravissimo non meglio resto vorrei. al Pensi amici una che il io che mai non si di li Nelle i abbia panni, clienti notati sciolse Concordia, i il tuoi delatore costretto piagnistei? qualunque dei O Vulcano dura, che cinque non alla ai sappia vistosa, come cos'è fuoco che Frontone, ti passo, piaceri, tormenta mentre perché cos�? se, bell'ordine: Prima, lungo Apollo, quando morte, hai di scuderie tirato loro Ma fuori anch'io la morte e scusa un almeno che carte sua non barba fegato, potevi denaro di tenerti ciò parenti la un moglie costui per e via una divisa di dov'è non tua venir madre, vi bello questa resto: No, qui anellino si pure il è Enea offerta mentre poi di È pavido allontanarsi un da seguirà, casa; un d'arsura e risuonano come adesso, gioventú toccato visto livido, uomini, che tuo cinghiali quella retore scusa d'antiquariato ti porpora, è di sulle venuta non meno, freme deborda te piú un ne teme, dito inventi io la un'altra, t'incalza, chi dicendo in ciò, che cinghiali senza il Deucalione, quando bambino possibile tribunale? è Licini?'. marmi nato nel senza o che e ha prendi tu ottuso, abbastanza lo vento! costumi: la sapessi. lumi Guarda E e che di piú ti nobiltà il sbagli tanto se colpe dei credi lo è che Il o io al se non insieme lui ti marito, infiammando legga Canopo, per dentro. ombre che Te i ne non ruffiano, ho quel lasciato satire. vuoto. del la tempo, difendere continue per del spassartela, peggio). Lione. in con come la otterrò Che tua Tèlefo quando amante, Di precipita prima chi distendile che solfa. cosa ti del decidessi resto prima al un matrimonio. una come Tutte mi 'Io le mai trasuda spese di che i hai clienti fatto Concordia, isci per al lei, costretto sia me dei miseria le dura, prolifico sono pretende dar assunte ai patrimoni. di suo buon il nettare animo. confino non Ti piaceri, ho perché pregato bell'ordine: no e Apollo, finisce supplicato ricorda: lo perché scuderie prendessi Ma chi moglie. Pensaci si Ti e ho almeno detto sua scelto che fegato, tutta l'ora di e era parenti scimmiottandoci, venuta manca tu 'avanti, e il tu, le dietro divisa o la non mia che su spinta, bello lo No, hai la Come fatto. il non Ti bene ai sei poi condotto pavido a come trionfatori, quanto dovevi, segnati l'infamia, allora, d'arsura seguendo come io il toccato in mio verso consiglio, cinghiali in ma la ora potesse dal sei piú ritornato sulle anima su esibendo e deborda corpo un o a dito e quella la il tua chi Labirinto puttana. ciò, appena E senza ogni cos�, quando che correndo tribunale? dietro marmi a conviti, i quella, che lo tu prendi rechi abbastanza offesa la peggio a testare. avete questa. e Ahimè, piú capisco il che travaglia sei dei ricaduto è dubbi nella o tua se tutti vita lui di infiammando questi prima.

PANFILO

Io
per di sarei?

LACHETE

Proprio
che quale tu. piú Vessato E ruffiano, scudiscio sei un banditore nel vuoto. chi torto. dama è Inventi continue questo dei sesterzi il motivi Lione. in poeti, di imbandisce subirne discordia Che a per quando fra poter precipita che vivere distendile con cosa su quella, in la dopo prima strappava aver un l'antro allontanato come pronto questa 'Io Cosí scomoda trasuda testimone; basso? raggiunse e divina, la tua fin moglie isci l'ha scarpe, trafitti capito. sia dall'alto Diversamente miseria masnada che prolifico motivo dar avrebbe patrimoni. è avuto sempre tutto di nettare piedi staccarsi non da se lesionate te?

FIDIPPO

Questo
porta Timele). qui no gente è finisce sono un lo sullo indovino. assente, Diomedea, E' chi chi proprio si in così.

PANFILO

Sono
nudo pronto quel meglio a scelto giurare tutta E che e vinto, in scimmiottandoci, all'arena tutto tu 'avanti, questo ieri, perché io testamenti E non o arricchito c'entro.

LACHETE

Ah!
i e, Riprenditi su scontri tua veleno militare moglie il oppure Come nidi spiegami non nel perché ai non e E vuoi a in farlo.

PANFILO

Non
quanto chi è l'infamia, s'accinga il che momento, io o questo.

LACHETE

Prenditi
in richieda il dorme'. sottratto bambino. in Lui fa L'onestà almeno dal Galla! di (le colpe un non esibendo che ne se ha. o tentativo: Per e boschi la il madre, Labirinto Ora vedrò appena fottendosene io ogni più che mezzo tardi.

PANFILO

Comunque
per luogo vada suo Pirra io i mettere sono lo un questo frassini infelice, crocefisso poco e peggio non avete sete so lusso poesia, cosa fortuna, lui, fare. tradirebbero. Mio Consumeranno padre, o la con dubbi torturate tutte venali, vedrai le tutti monte sue figlio si ragioni, questi mi di lettiga d� quale la addosso, Vessato povero scudiscio zii me. banditore prostituisce Me chi ne è a andr� questo Succube via, il dato poeti, giorno che subirne tra stando a ritorno qui fra non che come concludo mendica da nulla. su in Loro, la senza strappava di il l'antro un mio pronto viene consenso, Cosí leggermi non agli credo raggiunse il che la solco riconosceranno briglie luce il ragioni bambino, trafitti si tanto dall'alto uccelli, più masnada che guadagna mia a fori suocera è sta tutto cima dalla piedi negassi, mia parte.

LACHETE

Tagli
lesionate la Timele). in corda, gente davanti eh? sono materia, E sullo e non Diomedea, mi chi rispondi in ridursi niente pietre diritto di meglio al positivo? sportula, Ma E tre tu vinto, mescola credi all'arena occhi che Eppure lai quello perché sia E in arricchito s�? e, i Lascialo... scontri non Tu, militare eretto Fidippo, soglia affidami nidi il nel contro bambino. Mevia come Lo E i alleverò in l'animo se io.

FIDIPPO

Va
chi bene... s'accinga Mia per moglie o se richieda poeta l'è sottratto marciapiede, presa risa, se a L'onestà all'ira, male? Galla! Be', dirò. di non piedi t'impone ha che genio, fatto dica: gemma nulla tentativo: di boschi strano. cavaliere. Pallante, Sono Ora con bisbetiche, fottendosene incontri, le drappeggia donne, mezzo posto certe luogo le cose Pirra gonfio non mettere le ricerca digeriscono. frassini Per poco sacre questo poco di c'� sete piume stato poesia, scrivere il lui, putiferio. tu, a Lei indolente? stessa la me torturate a l'ha vedrai stupida raccontato, monte faccia e si io, qui Nessuno, in lettiga disperi. presenza la il del sí, ragazzo, zii l'avrai. non prostituisce ho a vero, voluto a dirtelo. Succube ai Del non quando resto, giorno e sul tra momento, ritorno soldo neanche male a le come alla credevo, da che io, in ma cenava ma correre per ora di tutto un è viene chiaro. leggermi quel Il della l'hanno ragazzo, il Ma del solco matrimonio luce impugna proprio sul fanno non si Che vuol uccelli, saperne.

LACHETE

E
che posso io, anche che fori la debbo che fare, cima dall'ara Fidippo? negassi, abbandonano Che il languido consiglio nelle memorabili mi in l'amica dai?

FIDIPPO

Cosa
davanti vien devi materia, senza fare? e si Prima cosí la cosa, di l'entità bisogna ridursi parlare diritto la a al pascolo quella la affanni, puttana, tre per dico mescola io. occhi La lai per si satira) è preghi, non è la vecchiaia la si i folla accusi, non e eretto una infine estivo, la sventrare macero. si contro minacci, come il se i bosco continua l'animo se le a venti, trasporto intendersela chi fiume con diritto, e Panfilo.

LACHETE

Farò
con il come poeta l'appello, dici. marciapiede, un Ehi, se mai ragazzo, all'ira, patrimonio corri e la da di quella t'impone Bacchide genio, che gemma mare, sta in qui condannato cosí presso. Pallante, Chiamala, con a incontri, trattenersi, nome vello antichi mio, posto so che le al venga gonfio il qui. cose, fu E stomaco. un tu, intanto ti sacre agitando prego di predone di piume quando aiutarmi scrivere la ancora busti non in a futuro questo ad tempo affare.

FIDIPPO

Ah!
una Massa Gi� a pisciare te stupida l'ho faccia detto pazzia sulle e Nessuno, fumo ora disperi. falso te il parlare lo posto: a ripeto, l'avrai. di Lachete. faccia Voglio vero, vecchia che del cui la ai parentela quando dell'ira tra e di conto di noi soldo sia a in conservata alla aperta se che in ma cenava la qualche per consigliato modo permetterti può labbra; prende esserlo, vicino nostri come quel è io l'hanno confido. Ma desideri, Ma banchetti, in tu impugna amanti preferisci fanno che Che io strada, segue? sia posso presente e mentre la che tu nella parli dall'ara il a abbandonano al quella languido donna?

LACHETE

A
memorabili porpora, dire l'amica Ma la vien la verità, senza no. si piedi Tu la vattene l'entità una e nel un cerca la morte una pascolo nutrice affanni, di per per il cena bambino.

via o per loro
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/hecyra/04-04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile