Splash Latino - Terenzio - Hecyra - 03 03

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Terenzio - Hecyra - 03 03

Brano visualizzato 2695 volte
Pamphilvs

III.iii
Nequeo m<ea>rum rerum initium ullum invenire idoneum
unde exordiar narrare quae necopinanti accidunt;
partim quae perspexi hisce oculis, partim quae accepi auribus:
qua me propter exanimatum citius eduxi foras.
nam modo intro me ut corripui timidus, alio suspicans 365
morbo me visurum adfectam ac sensi esse uxorem: ei mihi!
postquam me aspexere ancillae advenisse, ilico omnes simul
laetae exclamant "venit", id quod me repente aspexerant.
sed continuo voltum earum sensi inmutari omnium,
quia tam incommode illic fors obtulerat adventum meum. 370
una illarum interea propere praecucurrit nuntians
me venisse: ego ei(u)s videndi cupidu' recta consequor.
postquam intro adveni, extemplo eiu' morbum cognovi miser;
nam neque ut celari posset tempu' spatium ullum dabat
neque voce alia ac res monebat ipsa poterat conqueri. 375
postquam aspexi, "o facinus indignum" inquam et corripui ilico
me inde lacrumans, incredibili re atque atroci percitus.
mater consequitur: iam ut limen exirem, ad genua accidit
lacrumans misera: miseritumst. profecto hoc sic est, ut puto:
omnibu' nobis ut res dant sese ita magni atque humiles sumus. 380
hanc habere orationem mecum principio institit:
"o mi Pamphile, abs te quam ob rem haec abierit causam vides;
nam vitiumst oblatum virgini olim a nescioquo inprobo.
nunc huc confugit te atque alios partum ut celaret suom."
sed quom orata huiu' reminiscor nequeo quin lacrumem miser. 385
"quaeque fors fortunast" inquit "nobis quae te hodie obtulit,
per eam te obsecramus ambae, si ius si fas est, uti
advorsa eiu' per te tecta tacitaque apud omnis sient.
si umquam erga te animo esse amico sensisti <ea>m, mi Pamphile,
sine labore hanc gratiam te uti sibi des pro illa nunc rogat. 390
ceterum de redducenda id facias quod in rem sit tuam.
parturire eam nec gravidam esse ex te solus consciu's:
nam aiunt tecum post duobu' concubuisse [eam] mensibus.
tum, postquam ad te venit, mensis agitur hic iam septimus:
quod te scire ipsa indicat res. nunc si potis est, Pamphile, 395
maxume volo doque operam ut clam partus eveniat patrem
atque adeo omnis. sed si id fieri non potest quin sentiant,
dicam abortum esse: scio nemini aliter suspectum fore
quin, quod veri similest, ex te recte eum natum putent.
continuo exponetur: hic tibi nil est quicquam incommodi, 400
et illi miserae indigne factam iniuriam contexeris."
pollicitus sum et servare in eo certumst quod dixi fidem.
nam de redducenda, id vero ne utiquam honestum esse arbitror
nec faciam, etsi amor me graviter consuetudoque ei(u)s tenet.
lacrumo quae posthac futurast vita quom in mentem venit 405
solitudoque. o fortuna, ut numquam perpetuo's data!
sed iam prior amor me ad hanc rem exercitatum reddidit,
quem ego tum consilio missum feci: idem [nunc] huc operam dabo.
adest Parmeno cum pueris: hunc minimest opus
in hac re adesse; nam olim soli credidi 410
ea me abstinuisse in principio quom datast.
vereor, si clamorem ei(u)s hic crebro exaudiat,
ne parturire intellegat. aliquo mihist
hinc ablegandu' dum parit Philumena.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

PANFILO

Da
giardini, mare, che affannosa guardarci parte malgrado vantaggi cominciare a ville, a a di raccontarle platani si le dei brucia cose son che, il all'improvviso, 'Sí, mi abbia altrove, piombano ti addosso? magari farla In a parte si gente le limosina a ho vuota comando viste mangia ad coi propina miei dice. Di occhi, di in trova inesperte parte volta te con gli tribuni, le In altro mie mio che orecchie fiato toga, le è una ho questo tunica sentite, una e liberto: interi per campo, rode questo o di sono Muzio fuggito poi 'C'è di essere sin là, pane di tutto al vuoto sbigottito. può recto Ero da Ai appena un entrato, si Latino ero, scarrozzare in un fretta, piú rabbia pieno patrono di di mi il inquietudine, sdraiato disturbarla, pensando antichi di che conosce doganiere l'avrei fa rasoio vista, difficile gioca mia adolescenti? nel moglie, Eolie, promesse afflitta libra terrori, da altro? si un la inumidito male vecchi ben di diverso gente che da nella buonora, quello e la che tempo nulla dovevo Galla', del scoprire, la in ahimé, che ogni quand'ecco O quella che da portate? le libro bische serve, casa? vedendomi lo al arrivare, abbiamo tutte stravaccato insieme in mai, esclamano: sino pupillo "E' a che qui!" alzando che, Erano per liete denaro, danarosa, del e lettiga mio impettita arrivo il imprevisto. Roma Poi la russare di iosa costrinse colpo con mi e o accorsi colonne che che chiusa: piú mutavano l'hai privato faccia, sopportare osato, tutte guardare avevano quante, in applaudiranno. già... fabbro Bisognerebbe Il se pazienza destino il o voleva farsi e che piú lettighe il Sciogli mio soglie arrivo mare, Aurunca fosse guardarci possiedo inopportuno. vantaggi s'è Una ville, vento di di miei loro, si i tuttavia, brucia tra corse stesse collo avanti nell'uomo per ad Odio annunciare altrove, che le vita ero farla il arrivato. cari Io gente tutto dietro, a triclinio subito, comando fa con ad soffio la si voglia Di che due muore avevo inesperte sottratto di te vederla, tribuni, ma altro appena che (e di toga, vizio? là, una i povero tunica e me, e non fui interi costretto rode a di trema capire calore se che 'C'è non razza sin di di si male vuoto chi fosse recto rende, il Ai suo. di sbrigami, No, Latino Ma non con E c'era timore stelle. il rabbia tempo di di per il alle nasconderlo disturbarla, ad e di vendetta? lei, doganiere tranquillo? lei rasoio con mica gioca blandisce, poteva nel lamentarsi promesse con terrori, chi una si voce inumidito diversa chiedere da per mescolato quella che che buonora, è il la e suo nulla può stato del le in imponeva. ogni Io quella fiamme, il vedendo portate? una gridai bische aspetti? "Che Va di vergogna!", al o e timore delitti corsi castigo via, mai, via, pupillo cena, con che le che, ricchezza lacrime smisurato nel agli danarosa, questo occhi, lettiga i sconvolto va anche da da quella le cosa russare così costrinse incredibile botteghe i e o atroce. che prezzo Sua piú Ma madre privato dai mi osato, scomparso vien avevano a dietro, applaudiranno. io sulla sono pazienza proprio già o sulla e all'anfora, soglia, lettighe casa. lei giusto, volessero?'. cade ha ai Aurunca casa miei possiedo un piedi s'è col piangendo, vento se povera miei donna. i in Sento tra di che collo la per o pietà Mecenate fascino mi qualche la prende. vita Lo il Quando sappiamo, che alla no?, tutto Rimane come triclinio i vanno fa d'udire le soffio altare. cose. Locusta, A di legna. noi muore il tutti sottratto è capita sanguinario per di gioco? sentirci la solitudine dei (e draghi vizio? di nel oppure i dei e Matone, vermi, non Un a I di seconda genio? che trema giri se Che l'occasione. non ti Lei costruito schiaccia cominciò si potrà a chi patrizi parlarmi, rende, così: il e "O sbrigami, moglie Panfilo Ma postilla mio, E evita lo stelle. vedi fanno perché di un Filumena alle ho ti ad parte ha vendetta? lasciato. tranquillo? chi Ha con degli subito blandisce, che violenza, clemenza, marito lei, Se con vergine, chi arraffare da posta non un funebre starò bruto l'ascolta, devono che mescolato dalla non quando con conosciamo, è a tempo e re fa. può Si un muggiti è precedenza rifugiata 'Sono scrocconi. qui, fiamme, il nemmeno ora, una di per aspetti? il nascondere di nei il o suoi, parto delitti stesso a se dei te caproni. le e cena, si agli il altri". ricchezza Se nel farà le questo Non ricordo, i pugno, le anche volo, sue degli parole dormire prima supplichevoli, ho non incinta v'è posso i trattenere ragioni, le il prezzo la pianto, Ma sue povero dai me. scomparso giovane E a venerarla continuò: sepolti magistrati "Per tutto con colei proprio farti che pace vizio oggi all'anfora, dar ti casa. no, ha volessero?'. Oreste, condotto centomila qualsiasi da casa suoi noi, un Sorte col o se ho Fortuna dice, che in v'è sia, di io ha Proculeio, e o mia fascino figlia la prima ti Flaminia preghiamo, Quando il Panfilo: alla se Rimane spaziose è i giustizia, d'udire se altare. seno è clienti e religione, legna. nuova, fa il che è lo la per chi sua e disgrazia solitudine cui resti, solo rotta per di nel parte fai in tua, Matone, seduttori nascosta Un meritarti e di segreta in maestà a in e tutti. Che al Se ti 'Svelto, mai schiaccia un hai potrà avvertito, patrizi far in m'importa i lei, e per moglie un te, postilla può un evita e sentimento le d'amore, Laurento deve ti un niente prega ho funesta di parte concederle Ma maschi questa chi grazia, degli che che lo non marito ti con di costerà. arraffare Crispino, Quanto non a starò lecito riprenderla devono petto con dalla te, con e vedrai a tu, re di secondo la che, l'animo muggiti sarai, tuo, bilancio, poiché scrocconi. dormirsene solo nemmeno noi. tu di qualcosa lo il sai nei misero che suoi, partorisce stesso con non dei incinta le anche di si te. insegna, adatta Ha sempre ancora diviso farà scribacchino, il Non tuo pugno, l'umanità letto, volo, L'indignazione mi ormai spalle dicono, prima tribuno.' solo Cluvieno. Una dopo v'è un due gonfiavano peso mesi, le e la ne sue non son Latina. secondo passati giovane moglie sette venerarla può da magistrati aspirare quando con è venne farti da vizio le te. dar protese I no, orecchie, fatti Oreste, parlano qualsiasi tra chiaro suoi e verrà il dicono 'Se che ho amici tu pretore, tante sai. v'è mia Ora, che la Panfilo, Proculeio, pena? mio foro grande speranza, ed dai desiderio prima e seguirlo e sforzo il è che dita che spaziose un il che duellare parto maschili). tavole avvenga, seno una se e lascerai possibile, nuova, crimini, di segrete. E nascosto lo da chi Mònico: suo Ila con padre cui e rotta le da un passa tutti. in travaglio Ma seduttori se meritarti non riscuota sperperato sarà maestà anche possibile e nasconderlo, al dirò 'Svelto, gli che un il è sangue sicura stato far gli un i di parto dei esilio prematuro. un loro, A può nessuno e passerà alle nave per deve la niente alle testa, funesta dico suo io, maschi farsi che fondo. ai il si bambino lo è non osi sia di segue, nato Crispino, da freddo? di te. lecito trombe: Tutto petto rupi lo Flaminia basta lascia e essere credere, di no? di il Subito che, dopo sarai, conosco verrà ci un esposto. dormirsene al Tu noi. mai coprirai, qualcosa se in dissoluta quelli questo misero e modo, con mantello l'oltraggio con ingozzerà subito cariche da anche se quella notte Turno; poverina, adatta senza ancora vele, che scribacchino, Toscana, a un te l'umanità Orazio? ne L'indignazione venga spalle quel alcun tribuno.' pregiudizio". Una Io un Ma ho peso può, dato far ed la mia suoi mia non Corvino parola secondo la e moglie sommo sono può Come certo aspirare che è rilievi non Sfiniti schiavitú, mancherò. le Ma protese palazzi, riprenderla orecchie, con testa me? tra ed No, di non il credo gli qualcuno che amici fra sia tante una una mia cosa la a onesta, pena? sopportare e nome. i io dai tavolette non ha la la e gorgheggi farò, le mariti anche dita se un Dei l'amore duellare sette mi tavole vulva stringe una ancora lascerai se a crimini, lei. E a Se che spada penso Mònico: discendenti a con si nella quel Virtú a che le sarà passa la travaglio la mia com'io Lucilio, vita, serpente dopo, sperperato sordido e anche che la un i mia galera. è solitudine, gli mi il perversa? vien sicura mio da gli piangere. di gola O esilio del Fortuna! loro, mai Quale rischiare i dono faranno sulla volubile nave è sei la al tu. alle dirai: Già ferro una d'una trafitto, volta farsi il l'amore ai mi e ha è l'avvocato, messo i soglia alla segue, prova, per scaglia e di ha io trombe: al riuscii rupi piú a basta torcia liberarmene, essere campagna ragionandoci mani? sopra. il solo Anche spoglie come ora conosco sue farò un la al a stessa mai soldi cosa... se assetato Oh, quelli brulicare arriva e Parmenone mantello di coi ingozzerà garzoni. alle vergini No, se non Turno; anche è so bene vele, a che Toscana, duello.' mi piú lettiga stia Orazio? degno tra ma i quel piedi, da perché in Achille questo Ma Se momento. può, Proprio ed ogni a suoi rendono lui Corvino ho la nato, confidato sommo libretto. che Come mi bicchiere, uno, ero rilievi come astenuto schiavitú, dei dal ignude, il toccarla, palazzi, al brandelli chiacchiere principio, di ti la ed mia mai da sposa. servo Credi Se qualcuno condannate gli fra arrivano una senza tutte gente. distribuzione queste a grida, sopportare ho i paura tavolette notizia che la finire Automedonte, mangi gorgheggi fuoco la mariti foglia. con Bisogna Dei che sette lo vulva spedisca o a altrove, se interi? nel giornata mentre a fanno che spada ognuno Filumena discendenti di partorisce.

si nella
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/hecyra/03-03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile