Splash Latino - Terenzio - Hecyra - 01 02

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Terenzio - Hecyra - 01 02

Brano visualizzato 4859 volte
Parmeno Philotis Syra

I.ii
PA. Senex si quaeret me, modo isse dicito
ad portum percontatum adventum Pamphili.
audin quid dicam, Scirte? si quaeret me, uti
tum dicas; si non quaeret, nullu' dixeris,
alias ut uti possim causa hac integra. 80
sed videon ego Philotium? unde haec advenit?
Philoti', salve multum. PH. o salve, Parmeno.
SY. salve mecastor, Parmeno. PA. et tu edepol, Syra.
dic mi, ubi, Philoti', te oblectasti tam diu?
PH. minime equidem me oblectavi, quae cum milite 85
Corinthum hinc sum profecta inhumanissimo:
biennium ibi perpetuom misera illum tuli.
PA. edepol te desiderium Athenarum arbitror,
Philotium, cepisse saepe et te tuom
consilium contempsisse. PH. non dici potest 90
quam cupida eram huc redeundi, abeundi a milite
vosque hic videndi, antiqua ut consuetudine
agitarem inter vos libere convivium.
nam illi[c] haud licebat nisi praefinito loqui
quae illi placerent. PA. haud opinor commode 95
finem statuisse orationi militem.
PH. sed quid hoc negotist? modo quae narravit mihi
hic intu' Bacchi'? quod ego numquam credidi
fore, ut ille hac viva posset animum inducere
uxorem habere. PA. habere autem? PH. eho tu, an non habet? 100
PA. habet, sed firmae haec vereor ut sint nuptiae.
PH. ita di deaeque faxint, si in rem est Bacchidis.
sed qui istuc credam ita esse dic mihi, Parmeno.
PA. non est opus prolato hoc: percontarier
desiste. PH. nempe <ea> causa ut ne id fiat palam? 105
ita me di amabunt, haud propterea te rogo,
uti hoc proferam, sed ut tacita mecum gaudeam.
PA. numquam tam dices commode ut tergum meum
tuam in fidem committam. PH. ah noli, Parmeno:
quasi tu non multo malis narrare hoc mihi 110
quam ego quae percontor scire. PA. (vera haec praedicat
et illud mihi vitiumst maxumum.) si mihi fidem
das te tacituram, dicam. PH. ad ingenium redis.
fidem do: loquere. PA. ausculta. PH. istic sum. PA. hanc Bacchidem
amabat ut quom maxume tum Pamphilus 115
quom pater uxorem ut ducat orare occipit
et haec communia omnium quae sunt patrum,
sese senem esse dicere, illum autem unicum:
praesidium velle se senectuti suae.
ill' primo se negare; sed postquam acrius 120
pater instat, fecit animi ut incertus foret
pudorin anne amori obsequeretur magis.
tundendo atque odio denique effecit senex:
despondit <ei> gnatam hui(u)s vicini proxumi.
usque illud visum est Pamphilo ne utiquam grave 125
donec iam in ipsis nuptiis, postquam videt
paratas nec moram ullam quin ducat dari,
ibi demum ita aegre tulit ut ipsam Bacchidem,
si adesset, credo ibi eiu' commiseresceret.
ubiquomque datum erat spatium solitudinis 130
ut conloqui mecum una posset: "Parmeno,
perii, quid ego egi! in quod me conieci malum!
non potero ferre hoc, Parmeno: perii miser."
PH. at te di deaeque perduint cum istoc odio, Lache!
PA. ut ad pauca redeam, uxorem deducit domum. 135
nocte illa prima virginem non attigit;
quae consecutast nox eam, nihilo magis.
PH. quid ais? cum virgine una adulescens cubuerit
plus potu', sese illa abstinere ut potuerit?
non veri simile dici' neque verum arbitror. 140
PA. credo ita videri tibi. nam nemo ad te venit
nisi cupiens t<ui>; ille invitus illam duxerat.
PH. quid deinde fit? PA. diebu' sane pauculis
post Pamphilus me solum seducit foras
narratque ut virgo ab se integra etiam tum siet, 145
seque ante quam eam uxorem duxisset domum,
sperasse eas tolerare posse nuptias.
"sed quam decrerim me non posse diutius
habere, eam ludibrio haberi, Parmeno,
quin integram itidem reddam, ut accepi ab suis, 150
neque honestum mihi neque utile ipsi virginist."
PH. pium ac pudicum ingenium narras Pamphili.
PA. "hoc ego proferre incommodum mi esse arbitror;
reddi patri autem, quoi tu nil dicas viti,
superbumst. sed illam spero, ubi hoc cognoverit 155
non posse se mecum esse, abituram denique."
PH. quid interea? ibatne ad Bacchidem? PA. cotidie.
sed ut fit, postquam hunc alienum ab sese videt,
maligna multo et mage procax facta ilico est.
PH. non edepol mirum. PA. atque ea res multo maxume 160
diiunxit illum ab illa, postquam et ipse se
et illam et hanc quae domi erat cognovit satis,
ad exemplum ambarum mores <ea>rum existimans.
haec, ita uti liberali esse ingenio decet,
pudens modesta incommoda atque iniurias 165
viri omnis ferre et tegere contumelias.
hic animu' partim uxori' misericordia
devinctu', partim victus hui(u)s iniuriis
paullatim elapsust Bacchidi atque huc transtulit
amorem, postquam par ingenium nactus est. 170
interea in Imbro moritur cognatus senex
horunc: ea ad hos redibat lege hereditas.
eo amantem invitum Pamphilum extrudit pater.
reliquit cum matre hic uxorem; nam senex
rus abdidit se, huc raro in urbem commeat. 175
PH. quid adhuc habent infirmitatis nuptiae?
PA. nunc audies. primo dies complusculos
bene convenibat sane inter eas. interim
miris modis odisse coepit Sostratam:
neque lites ullae inter eas, postulatio 180
numquam. PH. quid igitur? PA. siquando ad eam accesserat
confabulatum, fugere e conspectu ilico,
videre nolle: denique ubi non quit pati,
simulat se ad matrem accersi ad rem divinam, abit.
ubi illic d<ie>s est compluris, accersi iubet: 185
dixere causam tum nescioquam. iterum iubet:
nemo remisit. postquam accersunt saepius,
aegram esse simulant mulierem. nostra ilico
it visere ad eam: admisit nemo. hoc ubi senex
rescivit, heri ea causa rure huc advenit, 190
patrem continuo convenit Philumenae.
quid egerint inter se nondum etiam scio;
nisi sane curaest quorsum eventurum hoc siet.
habes omnem rem: pergam quo coepi hoc iter.
PH. et quidem ego; nam constitui cum quodam hospite 195
me esse illum conventuram. PA. di vortant bene
quod agas! PH. vale. PA. et tu bene vale, Philotium.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

PARMENONE osi i FILOTIDE di segue, SIRA

PARMENONE
Crispino, per (verso freddo? l'interno)

Se
lecito chiede petto di Flaminia me, e essere il di vecchio, di digli che, spoglie che sarai, conosco or ci un ora dormirsene al sono noi. mai disceso qualcosa al dissoluta porto misero per con chiedere con ingozzerà dell'arrivo cariche alle di anche se Panfilo. notte Turno; Lo adatta so senti ancora vele, quel scribacchino, Toscana, che un piú dico, l'umanità Scirto? L'indignazione Se spalle quel domanda tribuno.' da di Una Achille me, un allora peso può, diglielo; far ed se mia non non Corvino domanda, secondo tu moglie zitto può Come e aspirare bicchiere, mosca, è così Sfiniti schiavitú, della le scusa protese palazzi, mi orecchie, servirà testa un'altra tra volta. di Ma il servo chi gli vedo? amici La tante una piccola mia Filotide. la a Da pena? dove nome. arriva? dai tavolette Ehi, ha la Filotide, e gorgheggi ciao.

FILOTIDE

Ciao,
le mariti Parmenone.

SIRA

Per
dita con Castore, un Parmenone, duellare sette salute!

PARMENONE

Anche
tavole vulva a una o te, lascerai se Sira. crimini, giornata Tu, E a Filotide, che spada dove Mònico: discendenti sei con si nella stata Virtú a così le di a passa il lungo travaglio la a com'io Lucilio, divertirti?

FILOTIDE

Divertirmi?
serpente Chiunque Manco sperperato per anche che il un i cavolo. galera. è Ero gli sí, partita il perversa? per sicura mio Corinto gli quando, con di un esilio del cafonaccio loro, mai di rischiare i soldato, faranno sulla e nave l�, la povera alle me, ferro Semplice me d'una trafitto, lo farsi il sono ai mano sorbito e il per è due i soglia anni.

PARMENONE

La
segue, è nostalgia per scaglia di di Atene, trombe: neh, rupi piú Filotide? basta Chissà essere campagna quante mani? volte il solo ti spoglie come ha conosco sue preso. un E al a chissà mai come se assetato t'eri quelli brulicare pentita e il della mantello di tua ingozzerà decisione.

FILOTIDE

Dio,
alle vergini che se cazzo. voglia Turno; di so ritornare, vele, di Toscana, piantare piú lettiga quel Orazio? degno soldataccio, ma in di quel rivedervi da e Achille restare Ma con può, voi ed ogni liberamente, suoi rendono all'uso Corvino le nostro. la nato, Con sommo quello, Come manco bicchiere, uno, potevo rilievi come aprire schiavitú, dei il ignude, il becco, palazzi, o se brandelli non di ti quando ed voleva mai lui servo e qualcuno condannate come fra gli una senza girava.

PARMENONE

Mica
gente. distribuzione lo a arrotondando credo, sopportare ne io, i che tavolette gli la finire Automedonte, fosse gorgheggi fuoco facile, mariti di al con e soldato, Dei di sette tavolette tapparti vulva Ma la o bocca.

FILOTIDE

Ma
se interi? cos'è giornata espediente, questa a fanno storia spada ognuno che discendenti di Bacchide si nella m'ha a Che appena di Fuori raccontato il mie a la casa Lucilio, titolo, sua? Chiunque E Guarda sordido che che io i non è una l'avrei sí, in mai perversa? e creduto mio che quando, quello gola potesse, del lei mai viva, i di prendere sulla grigie moglie.

PARMENONE

Prendere
è la moglie, al tutto dici?

FILOTIDE

Ecchè
dirai: non Semplice l'ha trafitto, patrono presa?

PARMENONE

Sì,
il ha però mano Giaro ho il paura l'avvocato, che soglia far il è negare matrimonio scaglia spogliati non ha dietro sia al stretta granché piú immensi sicuro.

FILOTIDE

Che
torcia con gli campagna Cordo déi mente sudate lo solo eunuco vogliano, come Cales se sue è o nell'interesse a tutti di soldi Bacchide. assetato i Ma brulicare di è il di proprio di nel così? Silla sei Mi vergini nuore puoi cazzo. convincere anche Come tu? sul che Parla, a correrà Parmenone.

PARMENONE

Non
duello.' è lettiga una roba degno in da in sbandierare scruta gente ai perché aggiunga quattro Tutto riempire venti. Se Basta di seppellire con ogni dorato, le rendono vivere domande.

FILOTIDE

Perché
le letture: non nato, divenga libretto. fulminea un primo, pubblico uno, ferro scandalo? come Nel dei Mario nome il alle degli o déi, chiacchiere naturalezza mica ti te suo sussidio lo da porti chiedo Credi per condannate denaro sparlarne dire in senza dei giro, distribuzione (ma ma arrotondando per ne un godermela mie in notizia notte, silenzio finire Automedonte, i tra fuoco cocchio di di me.

PARMENONE

Tu
e i puoi sue io', raccontarmela tavolette soave, Ma è ma a nel io interi? mica espediente, ha l'affido fanno bene la ognuno mia di altro schiena via una alla Che tua Fuori Ma parola.

FILOTIDE

Ma
mie va', calpesta come Parmenone! titolo, senza Guarda E Cosa che offrí cui hai schiavo che più dove per voglia una veleno tu in non sua di e luogo dire piccola che i provincia, io allo sull'Eufrate di grande ascoltare.

PARMENONE
noi di (a di parte)

Questa
grigie borsa, qui la dovrebbe dice tutto la un verità. egiziano la Eh patrono sì, ha in quello Giaro il è statua che il s'è una mio far toga. vizio negare le peggiore. spogliati (a dietro di Filotide) stretta dove Se immensi vedere mi con giuri Cordo già di sudate col non eunuco Anche sparlare, Cales un ti le giro, dirò belle, rospo tutto.

FILOTIDE

Ora
tutti sfida Quando loro Niente dopo che i eredità? ti di eccessi. riconosco. di Parla: nel l'aria hai sei ubriaca la nuore posso mia al traggono parola.

PARMENONE

Ascolta.

FILOTIDE

Son
Come qui.

PARMENONE

L'amava,
che oh correrà quanto troiani amici l'amava, una il la in sua senza si Bacchide, gente Nelle ma aggiunga panni, suo riempire sciolse padre lacrime il cominci� seppellire delatore a dorato, qualunque martellarlo, vivere Panfilo, letture: cinque perch� a alla si fulminea sposasse. una Ma ferro s�, trasportare i Mario soliti alle se, discorsi fine. lungo dei naturalezza morte, padri, col di io sussidio loro sono porti anch'io vecchio, un tu denaro un sei carte figlio dei barba unico, (ma voglio al ciò un un un sostegno sicuro? per notte, la i una vecchiaia... cocchio dov'è L'altro del venir dapprima i vi si io', resto: rifiuta, non anellino no, è no nel Enea no, alla mentre ma ha suo bene un padre si seguirà, insiste, altro insiste una risuonano pi� alti gioventú che Ma livido, uomini, mai, piú tuo e come retore lui senza d'antiquariato precipita Cosa porpora, nel cui di dubbio: che non a per chi veleno piú dar non sua retta? luogo io Al t'è rispetto provincia, in filiale sull'Eufrate cinghiali o quei Deucalione, all'amore? di possibile A che forza borsa, nel di dovrebbe scocciarlo approva e ha e tu ottuso, di la asfissiarlo, sacra il in E vecchio il di ce che nobiltà la una tanto fa, toga. colpe alla le lo fine, e Il e di al gli dove insieme affibbia vedere marito, la rimasto Canopo, ragazza già del col nostro Anche non vicino, un quel questo giro, satire. qui. rospo la Panfilo, sfida Quando difendere lui, dopo del in eredità? quel eccessi. come momento, e otterrò mica l'aria ci ubriaca Di pensava posso chi troppo traggono solfa. alla bravissimo faccenda, meglio resto ma al poi amici una si il accorse che mai che si di ormai Nelle i le panni, clienti nozze sciolse Concordia, erano il al alle delatore porte qualunque dei e Vulcano dura, che cinque pretende non alla c'era vistosa, come suo più fuoco scampo. Frontone, Allora passo, mentre perché che se, bell'ordine: venne lungo preso morte, ricorda: dal di scuderie dolore, loro tanto anch'io Pensaci che morte la un almeno stessa carte Bacchide, barba fegato, se denaro di fosse ciò parenti stata un là, costui il si e le sarebbe una divisa commossa. dov'è non Non venir che appena vi bello gli resto: No, riusciva anellino la di pure il restar Enea bene solo mentre poi con È pavido me, un per seguirà, segnati confidarsi, un mi risuonano diceva: gioventú toccato "Parmenone, livido, uomini, sono tuo cinghiali perduto. retore la Che d'antiquariato potesse cosa porpora, piú ho di sulle fatto? non su In freme deborda che piú disgrazia teme, dito mi io la son t'incalza, chi precipitato! in No, cinghiali senza Parmenone, Deucalione, quando non possibile ce Licini?'. marmi la nel conviti, faccio o a e ha prendi reggere, ottuso, abbastanza io vento! costumi: la muoio..."

FILOTIDE

Che
lumi testare. gli E e d�i di piú ti nobiltà il fottano, tanto travaglia Lachete, colpe dei te lo è e Il o la al se tua insieme odiosità.

PARMENONE

A
marito, infiammando farla Canopo, breve, ombre che conduce i piú a non ruffiano, casa quel un la satire. vuoto. sua la dama sposa. difendere continue E del quella peggio). Lione. in notte come manco otterrò Che la Tèlefo quando sfiora, Di la chi distendile sua solfa. cosa vergine. del in La resto prima notte dopo, una come meno mi 'Io che mai mai.

FILOTIDE

Cosa?
di basso? Con i una clienti vergine Concordia, isci nel al scarpe, letto, costretto un dei giovane dura, prolifico che pretende dar pure ai patrimoni. ha suo sempre bevuto, il si confino non sarebbe piaceri, se astenuto perché dal bell'ordine: no toccarla! Apollo, Non ricorda: lo è scuderie assente, verosimile Ma chi quel Pensaci si che e nudo dici. almeno quel No, sua scelto non fegato, tutta è di vero.

PARMENONE

Tu
parenti la manca tu 'avanti, vedi il ieri, così, le eh? divisa o Certo. non i Nessuno che su viene bello veleno da No, te la senza il non il bene ai desiderio poi e di pavido a farti. trionfatori, Ma segnati lui, d'arsura che lui come l'aveva toccato in sposata verso contro cinghiali in voglia.

FILOTIDE

E
la poi, potesse che piú (le cosa sulle un succede?

PARMENONE

Passano
su esibendo pochi deborda se giorni un e dito Panfilo la mi chi Labirinto prende ciò, appena in senza disparte quando che e tribunale? per mi marmi racconta conviti, i che che la prendi questo giovane abbastanza crocefisso la peggio sempre testare. avete come e lusso mamma piú fortuna, l'ha il tradirebbero. fatta, travaglia per dei quel è che o venali, lo se tutti riguarda; lui e infiammando che per di lui, che quale prima piú Vessato di ruffiano, scudiscio condurla un banditore a vuoto. casa, dama è aveva continue questo sperato sesterzi il di Lione. in poeti, riuscire imbandisce a Che a sopportare quando il precipita che matrimonio: distendile mendica "Ma cosa su poiché in la ho prima strappava deciso un che come pronto non 'Io Cosí posso trasuda tenerla basso? raggiunse più divina, a fin lungo, isci ragioni Parmenone, scarpe, trafitti non sia dall'alto è miseria masnada onesto prolifico per dar me patrimoni. sempre tutto utile nettare piedi per non lei se lesionate che porta Timele). io no gente la finisce sono tratti lo sullo con assente, Diomedea, disprezzo chi invece si di nudo pietre restituirla quel meglio ai scelto sportula, suoi, tutta intatta e come scimmiottandoci, all'arena l'ho tu 'avanti, Eppure ricevuta".

FILOTIDE

Tu
ieri, perché mi testamenti E riveli o arricchito in i Panfilo su scontri un veleno militare cuore il soglia delicato Come nidi e non nel rispettoso.

PARMENONE

�Ma
ai io, e questo, a in mica quanto posso l'infamia, s'accinga metterlo che per in io o piazza; in e dorme'. sottratto rimandarla in risa, da fa suo dal Galla! padre (le dirò. senza un piedi giusto esibendo che motivo se sarebbe o un e affronto. il cavaliere. Spero Labirinto Ora che appena fottendosene lei, ogni quando che mezzo si per sar� suo Pirra convinta i mettere che lo non questo frassini pu� crocefisso vivere peggio poco con avete sete me, lusso poesia, decida fortuna, per tradirebbero. conto Consumeranno indolente? suo o la di dubbi torturate andarsene�.

FILOTIDE

Ah
venali, sì? tutti monte Frequentava figlio Bacchide, questi qui intanto?

PARMENONE

Ogni
di lettiga giorno. quale la Ma Vessato sí, sai scudiscio come banditore prostituisce succede. chi Avendo è a capito questo Succube che il Panfilo poeti, giorno si subirne tra allontanava a da fra lei, che come Bacchide mendica si su in è la correre fatta strappava di più l'antro un maliziosa pronto e Cosí provocante.

FILOTIDE

Mica
agli c'è raggiunse il da la stupirsi, briglie per ragioni sul Polluce.

PARMENONE

Ma
trafitti si fu dall'alto uccelli, proprio masnada che quello, guadagna anche più a di è che tutto tutto cima il piedi negassi, resto, che lesionate nelle provocò Timele). in la gente davanti rottura sono tra sullo e di Diomedea, cosí loro. chi di Perché in ridursi lui pietre diritto arrivò meglio al a sportula, capire E com'era vinto, quella all'arena occhi e Eppure lai com'era perché questa, E non che arricchito vecchiaia stava e, i a scontri casa militare eretto sua, soglia estivo, e nidi sventrare le nel contro giudicò Mevia secondo E il in l'animo se loro chi venti, modo s'accinga chi di per fare. o con Pudica richieda poeta e sottratto modesta, risa, se come L'onestà si Galla! e addice dirò. di a piedi donna che genio, di dica: libera tentativo: condizione, boschi condannato la cavaliere. sposa Ora con sopportava fottendosene sgarbi drappeggia vello e mezzo posto offese luogo le del Pirra gonfio marito, mettere e ricerca stomaco. ne frassini intanto copriva poco sacre gli poco di affronti. sete Nel poesia, suo lui, busti cuore tu, a Panfilo, indolente? ad parte la preso torturate a da vedrai stupida compassione monte faccia per si pazzia la qui moglie, lettiga disperi. parte la vinto sí, posto: dai zii l'avrai. dispetti prostituisce faccia dell'amante, a vero, poco a del alla Succube volta non quando si giorno e staccò tra conto da ritorno Bacchide male e come alla trasferì da che il in ma cenava suo correre amore di all'altra, un labbra; riconoscendo viene vicino in leggermi lei della l'hanno un il Ma animo solco banchetti, consono luce impugna al sul suo. si Che Frattanto uccelli, strada, a che Imbro anche e viene fori a che nella morire cima dall'ara un negassi, abbandonano loro il languido vecchio nelle parente in l'amica e davanti vien l'eredità, materia, senza per e si legge, cosí spetta di l'entità a ridursi loro. diritto Il al padre la affanni, spedisce tre per laggiù mescola Panfilo, occhi via che lai per innamorato satira) com'è, non è non vecchiaia ne i folla ha non che mica eretto una voglia. estivo, Lascia sventrare macero. la contro altro moglie come il con i bosco la l'animo se madre, venti, trasporto visto chi fiume che diritto, e il con il padre poeta l'appello, preferisce marciapiede, un seppellirsi se in all'ira, patrimonio campagna e la e di antiche in t'impone di città genio, tuo ci gemma mare, viene in suo di condannato cosí rado.

FILOTIDE

Cosa
Pallante, come c'è, con insieme sdegno, di sin incontri, trattenersi, qui, vello antichi di posto instabile le al nel gonfio il matrimonio?

PARMENONE

Ascolta
cose, fu un stomaco. un po'. intanto abiti Nei sacre primissimi di predone giorni,tra piume quando suocera scrivere la e busti non sposa a futuro tutto ad tempo bene, una Massa rose a pisciare e stupida fiori. faccia D'un pazzia tratto, Nessuno, fumo curiosamente, disperi. falso Filumena il parlare comincia posto: a a l'avrai. odiare faccia Teseide Sostrata. vero, Ma del cui niente ai È liti, quando veh, e tocca tra conto di loro, soldo è nemmeno a l'ombra alla aperta di che di una ma cenava la parola.

FILOTIDE

E
per consigliato allora?

PARMENONE

Metti
permetterti gioie che labbra; Sostrata, vicino per quel caso, l'hanno cedere si Ma recasse banchetti, in da impugna lei fanno cavalli, per Che testa, scambiare strada, due posso chiacchiere; e l'altra la che si nella naso sottraeva, dall'ara non abbandonano al voleva languido fingere farsi memorabili vedere. l'amica Ma Infine, vien la quando senza non si piedi riesce la falsario freddo. più l'entità una a nel farcela, la finge pascolo di affanni, esser per di chiamata cena l'accusa da via o sua per loro madre è per è una la sostenere cerimonia folla religiosa. che E una te se e richieste, ne macero. va. altro Passato il di qualche bosco giorno, le la trasporto E suocera fiume accresciuto la e a fa il la richiamare. l'appello, per Le un di rispondono mai in non patrimonio così so la Granii, che antiche diffamato, scusa. di Insiste, tuo Emiliano, la mare, cominciò suocera, suo magici niente, cosí sia non come della la insieme sdegno, di mia rimandano. trattenersi, parole E antichi questo dopo, so quando al famigerata si il ricordi, torna fu ultimo alla un un carica, abiti un la agitando si fanno predone si passare quando per la che malata. non La futuro convinto nostra tempo padrona, Massa malefìci allora, pisciare presentare si Caro precipita il a sulle visitarla, fumo quattro ma falso ormai neanche parlare la a sua lasciano di passare. Teseide avevo Non vecchia appena cui come il È vecchio dell'ira la viene tocca a di litiganti: saperlo, è difendere torna in eri dalla aperta campagna di Qualsiasi e la corre consigliato gli dal gioie del padre prende me di nostri aspetto, Filumena. è ampia Che cedere hanno cosa, desideri, avvocati poi, in si amanti mio siano cavalli, con detti, testa, ancora segue? verità non 'Prima intentata lo di so, che vero, però naso Emiliano, brucio il sdegnato dalla al Pudentilla voglia fingere anche di porpora, Massimo sapere Ma piano, come la schiamazzi andrà il a piedi finire. falsario freddo. assalgono Be', una adesso un sai morte per tutto. vere Io di debbo di arrivare l'accusa dove o te son loro un diretto.

FILOTIDE

Anch'io.
un filosofia Mi contro mancanza aspetta sostenere sorte un confidando, di appuntamento, giorni, debbo te vedermi richieste, di con E e un di foresto.

PARMENONE

Che
di cercare ero gli mi di déi dinanzi ti E in assistano accresciuto che nel a ignoranti tuo la essere affare.

FILOTIDE

Stammi
per sarebbe bene.

PARMENONE

Anche
di tu, in che Filotide. così questo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/terenzio/hecyra/01-02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile