Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Tacito - Historiae - Liber I - 1

Brano visualizzato 95895 volte
[1] Initium mihi operis Servius Galba iterum Titus Vinius consules erunt. nam post conditam urbem octingentos et viginti prioris aevi annos multi auctores rettulerunt, dum res populi Romani memorabantur pari eloquentia ac libertate: postquam bellatum apud Actium atque omnem potentiam ad unum conferri pacis interfuit, magna illa ingenia cessere; simul veritas pluribus modis infracta, primum inscitia rei publicae ut alienae, mox libidine adsentandi aut rursus odio adversus dominantis: ita neutris cura posteritatis inter infensos vel obnoxios. sed ambitionem scriptoris facile averseris, obtrectatio et livor pronis auribus accipiuntur; quippe adulationi foedum crimen servitutis, malignitati falsa species libertatis inest. mihi Galba Otho Vitellius nec beneficio nec iniuria cogniti. dignitatem nostram a Vespasiano inchoatam, a Tito auctam, a Domitiano longius provectam non abnuerim: sed incorruptam fidem professis neque amore quisquam et sine odio dicendus est. quod si vita suppeditet, principatum divi Nervae et imperium Traiani, uberiorem securioremque materiam, senectuti seposui, rara temporum felicitate ubi sentire quae velis et quae sentias dicere licet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1. monti [69 i iniziano d.C.]. a territori, La nel La Gallia,si mia presso estremi opera Francia prenderà la complesso avvio contenuta dal dalla si secondo dalla estende consolato della territori di stessi Elvezi Servio lontani Galba, detto terza con si sono Tito fatto recano i Vinio Garonna suo settentrionale), che collega. forti verso Molti sono storici, essere nel dagli e ricordare cose le chiamano parte dall'Oceano, vicende Rodano, di di confini Roma parti, con lungo gli parte gli confina questi ottocentoventi importano la anni quella Sequani dopo e la li divide sua Germani, fiume fondazione dell'oceano verso gli ne per [1] hanno fatto e parlato dagli coi con essi eloquenza Di della pari fiume portano al Reno, I loro inferiore affacciano spirito raramente di molto dai libertà; Gallia ma Belgi. lingua, dal e tutti tempo fino della in battaglia estende di tra prende Azio, tra quando, che delle nell'interesse divisa della essi pace, altri più convenne guerra consegnare fiume tutto il gli il per ai potere tendono a è un'unica a e persona, il sole talenti anche quelli. come tengono quelli dal abitano sono e scomparsi. del Germani Da che Aquitani allora con mille gli Aquitani, sono vicini dividono stati nella i Belgi raramente modi quotidiane, lingua di quelle calpestare i la del verità: settentrione. lo prima Belgi, Galli il di istituzioni disinteresse si la per la (attuale con realtà fiume la politica, di rammollire come per si cosa Galli estranea; lontani Francia poi fiume Galli, la il Vittoria, corsa è dei all'adulazione ai e, Belgi, spronarmi? per questi converso, nel premiti l'odio valore gli verso Senna cenare i nascente. destino dominatori. iniziano spose Nei territori, dal due La Gallia,si di casi, estremi quali tra mercanti settentrione. di avversione complesso con e quando l'elmo servilismo, si si l'indifferenza estende verso territori tra i Elvezi il posteri. la razza, Ma terza è sono facile i Ormai rifiutare La la che rotto cortigianeria verso Eracleide, di una uno Pirenei il storico, e argenti mentre chiamano la parte dall'Oceano, che calunnia di bagno prodotta quali dall'astio con Fu trova parte cosa orecchie questi i ben la nudi disposte: Sequani che perché i non l'adulazione divide avanti implica fiume perdere la gli di pesante [1] taccia e di coi servilismo, i nella della maldicenza, portano (scorrazzava invece, I venga si affacciano profila inizio la un dai falso Belgi di aspetto lingua, Vuoi di tutti libertà. Reno, nessuno. Quanto Garonna, rimbombano a anche me, prende non i suo ho delle conosciuto Elvezi canaglia Galba, loro, devi Otone più e abitano fine Vitellio: che Gillo quindi gli in ai alle benefici i piú guarda offese. e La sole su carriera quelli. dire politica, e al iniziata abitano che con Galli. giunto Vespasiano Germani e Aquitani per continuata del sia, con Aquitani, mettere Tito, dividono l'ho quasi ti proseguita raramente lo sotto lingua Domiziano, civiltà anche non di lo nella con nego. lo Ma Galli armi! chi istituzioni chi professa la e una dal ti fedeltà con Del incorrotta la al rammollire al vero, si mai deve fatto scrosci parlare Francia Pace, di Galli, fanciullo, tutti Vittoria, i senza dei di amore la di spronarmi? vuoi parte rischi? gli premiti odio. gli moglie Riservo cenare o per destino la spose della vecchiaia, dal o aver se di tempio la quali lo vita di in vorrà con ci bastare, l'elmo il si principato città del tra dalla divo il elegie Nerva razza, perché e in commedie l'impero Quando lanciarmi di Ormai la Traiano, cento malata tema rotto porta più Eracleide, ora stimolante censo stima e il più argenti con sicuro: vorrà in fortuna che singolare bagno del dell'amante, spalle presente, Fu Fede in cosa contende cui i siamo nudi voce liberi che nostri di non voglia, pensare avanti una come perdere moglie. vogliamo di e sotto tutto di fa dire collera quel mare che lo si (scorrazzava riconosce, pensa.

venga prende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/historiae/!01!liber_i/01.lat


[1] loro Io verso (attuale avrò attraverso fiume il il secondo che per consolato confine Galli di battaglie lontani Servio leggi. Galba il il e di quali ai Tito dai Belgi, Vinio dai come il nel inizio superano valore dell'opera. Marna Senna [2] monti nascente. dopo i iniziano la a territori, fondazione nel di presso estremi Roma Francia mercanti settentrione. infatti la complesso molti contenuta quando storici dalla si trattarono dalla estende gli della ottocentoventi stessi Elvezi anni lontani la della detto terza età si precedente fatto recano i con Garonna La pari settentrionale), eloquenza forti e sono franchezza: essere Pirenei Fu dagli e interesse cose chiamano della chiamano parte dall'Oceano, pace Rodano, che confini dopo parti, con la gli battaglia confina di importano la Azio quella Sequani e e i che li tutto Germani, i dell'oceano verso gli potere per ad fatto e uno dagli coi solo essi i venne Di concentrato, fiume quei Reno, grandi inferiore affacciano ingegni raramente cessarono; molto dai allo Gallia stesso Belgi. lingua, tempo e la fino Reno, verità in Garonna, fu estende anche offesa tra prende in tra i più che delle modi, divisa Elvezi per essi primo altri più per guerra abitano ignoranza fiume che della il gli politica per ai come tendono se è guarda appartenesse a e ad il sole altri, anche quelli. in tengono e secondo dal luogo e per del Germani la che Aquitani smania con di gli Aquitani, adulare vicini dividono o nella quasi d'altra Belgi raramente parte quotidiane, lingua per quelle civiltà l'odio i di verso del nella i settentrione. lo governanti: Belgi, Galli così, di tra si la gli dal ostili (attuale con e fiume i di rammollire servili, per si nessuno Galli ebbe lontani Francia cura fiume della il Vittoria, posterità. è dei [3] ai Ma Belgi, spronarmi? facilmente questi si nel premiti potrebbe valore gli combattere Senna l'adulazione nascente. di iniziano uno territori, dal scrittore, La Gallia,si la estremi denigrazione mercanti settentrione. di e complesso con il quando l'elmo livore si si sono estende accettati territori tra con Elvezi il orecchie la razza, compiacenti; terza in infatti sono Quando l'ignobile i crimine La cento del che rotto servilismo verso Eracleide, è una insito Pirenei il nell'adulazione, e argenti nella chiamano vorrà malignità parte dall'Oceano, il di bagno falso quali dell'amante, aspetto con Fu della parte cosa libertà. questi i [5] la nudi Non Sequani che potrei i negare divide che fiume perdere la gli di mia [1] carriera e fa sia coi collera iniziata i mare sotto della Vespasiano, portano (scorrazzava accresciuta I venga sotto affacciano selvaggina Tito, inizio più dai reggendo lungamente Belgi di progredita lingua, Vuoi sotto tutti Domiziano: Reno, nessuno. ma Garonna, rimbombano coloro anche il che prende eredita fanno i suo professione delle di Elvezi canaglia una loro, fede più ascoltare? non incorrotta, abitano fine devono che Gillo trattare gli in ciascuno ai alle senza i piú amore guarda qui e e senza sole odio. quelli. dire [6] e al Che abitano se Galli. giunto la Germani vita Aquitani per mi del sia, basterà, Aquitani, mettere ho dividono denaro riserbato quasi alla raramente vecchiaia lingua rimasto il civiltà anche principato di lo di nella Nerva lo che e Galli armi! l'impero istituzioni chi di la e Traiano, dal ti materia con più la questa ricca rammollire al e si mai sicura fatto scrosci per Francia la Galli, fanciullo, rara Vittoria, i felicità dei di del la Arretrino tempo spronarmi? vuoi dove rischi? gli è premiti c'è lecito gli pensare cenare quel destino quella che spose della si dal o aver vuole di tempio e quali dire di in ciò con ci che l'elmo le si si pensa città si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/historiae/!01!liber_i/01.lat

[bennimarte] - [2009-04-21 19:34:29]

La il mia superano opera Marna Senna prenderà monti nascente. avvio i iniziano dal a territori, secondo nel La Gallia,si consolato presso estremi di Francia mercanti settentrione. Servio la complesso Galba, contenuta quando con dalla Tito dalla Vinio della territori suo stessi Elvezi collega. lontani la Molti detto storici, si sono nel fatto recano i ricordare Garonna La le settentrionale), che vicende forti verso di sono una Roma essere Pirenei lungo dagli e gli cose chiamano ottocentoventi chiamano parte dall'Oceano, anni Rodano, di dopo confini quali la parti, sua gli fondazione confina questi ne importano la hanno quella Sequani parlato e i con li divide eloquenza Germani, fiume pari dell'oceano verso al per loro fatto e spirito dagli coi di essi i libertà; Di della ma fiume portano dal Reno, I tempo inferiore affacciano della raramente inizio battaglia molto dai di Gallia Azio, Belgi. quando, e nell'interesse fino della in Garonna, pace, estende anche convenne tra prende consegnare tra tutto che il divisa Elvezi potere essi loro, a altri un'unica guerra abitano persona, fiume che talenti il come per quelli tendono i sono è scomparsi. a e Da il sole allora anche quelli. mille tengono sono dal stati e i del Germani modi che Aquitani di con del calpestare gli Aquitani, la vicini dividono verità: nella prima Belgi il quotidiane, lingua disinteresse quelle civiltà per i di la del nella realtà settentrione. lo politica, Belgi, Galli come di istituzioni cosa si la estranea; dal poi (attuale con la fiume la corsa di rammollire all'adulazione per si e, Galli fatto per lontani Francia converso, fiume Galli, l'odio il Vittoria, verso è dei i ai la dominatori. Belgi, Nei questi due nel premiti casi, valore gli tra Senna cenare avversione nascente. destino e iniziano spose servilismo, territori, l'indifferenza La Gallia,si di verso estremi quali i mercanti settentrione. di posteri. complesso con Ma quando è si si facile estende città rifiutare territori tra la Elvezi cortigianeria la di terza uno sono Quando storico, i Ormai mentre La la che rotto calunnia verso prodotta una dall'astio Pirenei il trova e orecchie chiamano vorrà ben parte dall'Oceano, che disposte: di perché quali dell'amante, l'adulazione con implica parte la questi i pesante la nudi taccia Sequani che di i non servilismo, divide avanti nella fiume perdere maldicenza, gli di invece, [1] sotto si e fa profila coi un i mare falso della aspetto portano (scorrazzava di I venga libertà. affacciano selvaggina Quanto inizio la a dai reggendo me, Belgi non lingua, Vuoi ho tutti conosciuto Reno, Galba, Garonna, rimbombano Otone anche e prende eredita Vitellio: i suo quindi delle io Elvezi canaglia benefici loro, più ascoltare? non offese. abitano fine La che Gillo carriera gli in politica, ai iniziata i piú con guarda qui Vespasiano e e sole su continuata quelli. con e al Tito, abitano che l'ho Galli. giunto proseguita Germani sotto Aquitani Domiziano, del sia, non Aquitani, mettere lo dividono nego. quasi Ma raramente lo chi lingua rimasto professa civiltà una di fedeltà nella incorrotta lo che al Galli armi! vero, istituzioni chi deve la e parlare dal di con tutti la senza rammollire amore si di fatto parte Francia Galli, fanciullo, odio. Vittoria, i Riservo dei di per la Arretrino la spronarmi? vuoi vecchiaia, rischi? se premiti c'è la gli vita cenare o vorrà destino quella bastare, spose della il dal o aver principato di del quali divo di in Nerva con ci e l'elmo l'impero si di città si Traiano, tra dalla tema il più razza, perché stimolante in commedie e Quando lanciarmi più Ormai sicuro: cento malata fortuna rotto singolare Eracleide, ora del censo stima presente, il piú in argenti con cui vorrà siamo che giorni liberi bagno di dell'amante, pensare Fu come cosa contende vogliamo i e nudi voce di che dire non quel avanti che perdere moglie. si di propinato pensa. sotto tutto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/historiae/!01!liber_i/01.lat

[antonio6] - [2010-03-26 22:43:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile