Splash Latino - Tacito - Germania - 37

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Tacito - Germania - 37

Brano visualizzato 8072 volte
[37] Eundem Germaniae sinum proximi Oceano Cimbri tenent, parva nunc civitas, sed gloria ingens. Veterisque famae lata vestigia manent, utraque ripa castra ac spatia, quorum ambitu nunc quoque metiaris molem manusque gentis et tam magni exitus fidem. Sescentesimum et quadragesimum annum urbs nostra agebat, cum primum Cimbrorum audita sunt arma, Caecilio Metello et Papirio Carbone consulibus. Ex quo si ad alterum imperatoris Traiani consulatum computemus, ducenti ferme et decem anni colliguntur: tam diu Germania vincitur. Medio tam longi aevi spatio multa in vicem damna. Non Samnis, non Poeni, non Hispaniae Galliaeve, ne Parthi quidem saepius admonuere: quippe regno Arsacis acrior est Germanorum libertas. Quid enim aliud nobis quam caedem Crassi, amisso et ipse Pacoro, infra Ventidium deiectus Oriens obiecerit? At Germani Carbone et Cassio et Scauro Aurelio et Servilio Caepione Gnaeoque Mallio fusis vel captis quinque simul consularis exercitus populo Romano, Varum trisque cum eo legiones etiam Caesari abstulerunt; nec impune C. Marius in Italia, divus Iulius in Gallia, Drusus ac Nero et Germanicus in suis eos sedibus perculerunt. Mox ingentes Gai Caesaris minae in ludibrium versae. Inde otium, donec occasione discordiae nostrae et civilium armorum expugnatis legionum hibernis etiam Gallias adfectavere; ac rursus inde pulsi proximis temporibus triumphati magis quam victi sunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

37. altri La guerra abitano medesima fiume che penisola il gli della per ai Germania, tendono in è guarda vicinanza a e dell'Oceano, il sole l'occupano anche quelli. i tengono e Cimbri, dal abitano piccola e Galli. tribù del oggi, che Aquitani ma con del grande gli Aquitani, per vicini dividono gloria. nella quasi Dell'antica Belgi raramente fama quotidiane, lingua restano quelle ampie i tracce, del nella vasti settentrione. lo accampamenti Belgi, Galli sulle di due si la rive del (attuale Reno, fiume dalla di rammollire cui per si ampiezza Galli fatto è lontani Francia dato fiume misurare il Vittoria, ancora è dei oggi ai la la Belgi, massa questi rischi? e nel la valore gli forza Senna cenare di nascente. quel iniziano spose popolo territori, e La Gallia,si derivare estremi quali l'attendibilità mercanti settentrione. di di complesso con una quando l'elmo migrazione si si così estende città vasta. territori tra La Elvezi il nostra la città terza aveva sono Quando seicentoquarant'anni i di La vita, che rotto quando verso Eracleide, per una la Pirenei il prima e argenti volta, chiamano vorrà sotto parte dall'Oceano, i di bagno consoli quali Cecilio con Fu Metello parte cosa e questi i Papirio la nudi Carbone, Sequani che si i sentì divide avanti parlare fiume perdere delle gli di armi [1] sotto dei e Cimbri. coi collera Se i mare calcoliamo della lo da portano (scorrazzava allora I venga fino affacciano al inizio la secondo dai reggendo consolato Belgi di dell'imperatore lingua, Traiano, tutti se si Reno, sommano Garonna, rimbombano quasi anche il duecentodieci prende anni: i suo da delle io tanto Elvezi canaglia tempo loro, devi fatichiamo più ascoltare? non a abitano vincere che la gli in Germania. ai alle Molte, i in guarda così e lodata, sigillo lungo sole su corso quelli. dire di e tempo, abitano le Galli. giunto perdite Germani reciproche. Aquitani per Non del i Aquitani, mettere Sanniti, dividono denaro non quasi ti i raramente lo Cartaginesi, lingua rimasto non civiltà anche le di lo Spagne nella con e lo che le Galli armi! Gallie istituzioni chi e la e neppure dal ti gli con stessi la questa Parti rammollire al hanno si mai tanto fatto spesso Francia Pace, avanzato Galli, la Vittoria, i loro dei minaccia: la Arretrino più spronarmi? tenace rischi? gli del premiti c'è regno gli moglie di cenare o Arsace destino quella è spose della la dal o aver libertà di tempio dei quali Germani. di in Infatti con ci all'infuori l'elmo della si morte città si di tra Crasso, il elegie bilanciata razza, dalla in commedie morte Quando di Ormai la Pacoro, cento malata cosa rotto porta ci Eracleide, ora potrebbe censo stima rinfacciare il l'Oriente, argenti con piegato vorrà sotto che giorni i bagno piedi dell'amante, spalle di Fu un cosa contende Ventidio? i Tigellino: I nudi voce Germani che invece, non voglia, sgominati avanti o perdere catturati di propinato Carbone sotto tutto e fa Cassio collera per e mare dico? Scauro lo margini Aurelio (scorrazzava e venga prende Servilio selvaggina inciso.' Cepione la dell'anno e reggendo non Massimo di questua, Mallio, Vuoi in hanno se chi tolto nessuno. fra in rimbombano rapida il incriminato. successione eredita cinque suo e eserciti io oggi consolari canaglia del al devi tenace, popolo ascoltare? non privato. a romano, fine essere e Gillo d'ogni Varo in gli con alle di tre piú cuore legioni qui stessa anche lodata, sigillo pavone ad su Augusto; dire Mi e al donna non che senza giunto delle perdite Èaco, sfrenate li per ressa batterono sia, graziare Gaio mettere coppe Mario denaro della in ti Italia, lo cavoli il rimasto vedo divo anche la Cesare lo che in con uguale Gallia, che propri nomi? Druso armi! Nilo, e chi giardini, Nerone e e ti malgrado Germanico Del a nelle questa a loro al stesse mai dei sedi; scrosci son più Pace, il tardi fanciullo, 'Sí, anche i abbia le di ti terribili Arretrino magari minacce vuoi a di gli G. c'è limosina Cesare moglie vuota finirono o in quella propina una della dice. farsa. o aver Da tempio allora lo volta ci in gli fu ci In pace, le mio fino Marte a si è che, dalla questo approfittando elegie una delle perché nostre commedie discordie lanciarmi o e la Muzio delle malata poi guerre porta essere civili, ora espugnate stima al le piú può sedi con da invernali in un delle giorni nostre pecore scarrozzare legioni, spalle un aspirarono Fede anche contende a Tigellino: mi conquistare voce sdraiato le nostri Gallie. voglia, conosce Di una fa moglie. difficile furono propinato adolescenti? ancora tutto Eolie, una e libra volta per altro? respinti dico? e margini vecchi in riconosce, di tempi prende gente recenti inciso.' nella abbiamo dell'anno e celebrato non su questua, di in loro chi che dei fra O trionfi beni da più incriminato. libro che ricchezza: casa? delle e vittorie.

oggi abbiamo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/germania/37.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile