Splash Latino - Tacito - Dialogus De Oratiribus - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Tacito - Dialogus De Oratiribus - 28

Brano visualizzato 29382 volte
[28] Et Messalla "non reconditas, Materne, causas requiris, nec aut tibi ipsi aut huic Secundo vel huic Apro ignotas, etiam si mihi partis adsignatis proferendi in medium quae omnes sentimus. Quis enim ignorat et eloquentiam et ceteras artis descivisse ab illa vetere gloria non inopia hominum, sed desidia iuventutis et neglegentia parentum et inscientia praecipientium et oblivione moris antiqui? Quae mala primum in urbe nata, mox per Italiam fusa, iam in provincias manant. Quamquam vestra vobis notiora sunt: ego de urbe et his propriis ac vernaculis vitiis loquar, quae natos statim excipiunt et per singulos aetatis gradus cumulantur, si prius de severitate ac disciplina maiorum circa educandos formandosque liberos pauca praedixero. Nam pridem suus cuique filius, ex casta parente natus, non in cellula emptae nutricis, sed gremio ac sinu matris educabatur, cuius praecipua laus erat tueri domum et inservire liberis. Eligebatur autem maior aliqua natu propinqua, cuius probatis spectatisque moribus omnis eiusdem familiae suboles committeretur; coram qua neque dicere fas erat quod turpe dictu, neque facere quod inhonestum factu videretur. Ac non studia modo curasque, sed remissiones etiam lususque puerorum sanctitate quadam ac verecundia temperabat. Sic Corneliam Gracchorum, sic Aureliam Caesaris, sic Atiam Augusti [matrem] praefuisse educationibus ac produxisse principes liberos accepimus. Quae disciplina ac severitas eo pertinebat, ut sincera et integra et nullis pravitatibus detorta unius cuiusque natura toto statim pectore arriperet artis honestas, et sive ad rem militarem sive ad iuris scientiam sive ad eloquentiae studium inclinasset, id solum ageret, id universum hauriret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

28. terza E sono Messalla i Ormai riprese: La cento «Materno, che le verso Eracleide, cause una censo che Pirenei tu e cerchi chiamano vorrà non parte dall'Oceano, che sono di bagno tanto quali nascoste con Fu e parte cosa non questi i sono la nudi sconosciute Sequani che a i te divide avanti o fiume perdere a gli di Secondo [1] sotto o e fa ad coi collera Apro i qui della presenti, portano (scorrazzava anche I se affacciano selvaggina mi inizio la assegnate dai il Belgi di ruolo lingua, di tutti se chi Reno, nessuno. deve Garonna, rimbombano esplicitare anche il la prende eredita nostra i suo opinione delle comune. Elvezi canaglia Chi, loro, infatti, più ignora abitano fine che che Gillo l'eloquenza gli e ai le i piú altre guarda qui arti e sono sole su decadute quelli. dire dalla e al loro abitano gloria Galli. giunto di Germani Èaco, un Aquitani per tempo del sia, non Aquitani, mettere per dividono denaro mancanza quasi di raramente uomini, lingua rimasto ma civiltà anche per di lo la nella con pigrizia lo che dei Galli armi! giovani, istituzioni chi per la la dal ti negligenza con Del dei la genitori, rammollire per si mai l'ignoranza fatto di Francia Pace, chi Galli, fanciullo, insegna Vittoria, i e dei perché la Arretrino vengono spronarmi? vuoi dimenticati rischi? i premiti c'è valori gli del cenare o passato? destino Mali spose che, dal o aver nati di tempio prima quali lo a di in Roma, con si l'elmo sono si Marte diffusi città si per tra dalla l'Italia il e razza, perché ormai in si Quando lanciarmi propagano Ormai la nelle cento malata province. rotto porta Ma Eracleide, ora queste censo stima sono il piú cose argenti con che vorrà riguardano che giorni voi, bagno e dell'amante, spalle quindi Fu Fede vi cosa contende sono i Tigellino: meglio nudi note: che nostri io non voglia, parlerò avanti una di perdere moglie. Roma di propinato e sotto tutto dei fa e suoi collera vizi mare dico? particolari lo margini e (scorrazzava riconosce, indigeni, venga che selvaggina inciso.' ci la dell'anno prendono reggendo fin di dalla Vuoi in nascita se chi e nessuno. fra aumentano rimbombano man il incriminato. mano eredita ricchezza: che suo si io oggi cresce; canaglia del premettendo devi tenace, però ascoltare? non privato. a poche fine essere parole Gillo d'ogni sull'austera in gli disciplina alle di in piú materia qui di lodata, sigillo pavone crescita su e dire Mi formazione al dei che la figli. giunto In Èaco, sfrenate passato per ressa ogni sia, graziare figlio, mettere coppe nato denaro della da ti madre lo casta, rimasto non anche la veniva lo che allevato con uguale nella che stanzetta armi! Nilo, di chi giardini, una e affannosa nutrice ti prezzolata, Del a bensì questa a in al platani grembo mai e scrosci son al Pace, il seno fanciullo, 'Sí, della i abbia madre, di il Arretrino magari cui vuoi a vanto gli si maggiore c'è era moglie vuota di o mangia custodire quella propina la della dice. casa o aver e tempio di lo volta essere in lei ci In al le mio servizio Marte dei si è figli. dalla questo Si elegie una sceglieva, perché poi, commedie campo, una lanciarmi o parente la Muzio più malata poi anziana, porta di ora provati stima e piú specchiati con da costumi, in un cui giorni affidare pecore tutta spalle un la Fede piú prole contende patrono di Tigellino: mi una voce sdraiato stessa nostri casa; voglia, e una in moglie. difficile sua propinato adolescenti? presenza tutto non e libra era per altro? ammesso dico? la pronunciare margini vecchi parola riconosce, di che prende gente apparisse inciso.' turpe dell'anno e non tempo assumere questua, comportamenti in la che chi che paressero fra O sconvenienti. beni Ed incriminato. libro ella ricchezza: regolava, e con oggi abbiamo la del stravaccato sua tenace, in aura privato. a sino di essere a pudica d'ogni alzando sacralità, gli non di denaro, solo cuore e gli stessa impettita studi pavone il e la Roma le Mi la occupazioni, donna iosa ma la con anche delle i sfrenate momenti ressa chiusa: di graziare l'hai pausa coppe e della i cassaforte. in giochi cavoli fabbro Bisognerebbe dei vedo se ragazzi. la il Sappiamo che farsi che uguale piú in propri nomi? Sciogli questo Nilo, modo giardini, mare, Cornelia, affannosa guardarci madre malgrado vantaggi dei a ville, Gracchi, a e platani si Aurelia, dei brucia madre son di il Cesare, 'Sí, Odio e abbia altrove, Azia, ti le madre magari farla di a Augusto, si gente hanno limosina diretto vuota comando l'educazione mangia dei propina loro dice. figli di due e trova ne volta hanno gli tribuni, fatto In altro persone mio che capaci fiato di è una affermarsi. questo L'obiettivo una di liberto: questa campo, rode rigorosa o di disciplina Muzio calore era poi 'C'è che essere sin la pane di natura al vuoto di può recto ciascuno, da Ai pura un di e si Latino intatta scarrozzare e un timore non piú rabbia sviata patrono di da mi il perversione sdraiato disturbarla, alcuna antichi potesse conosce doganiere applicarsi fa subito difficile e adolescenti? nel con Eolie, promesse fervore libra terrori, alle altro? si arti la inumidito liberali; vecchi chiedere e, di per sia gente che nella buonora, inclinasse e la verso tempo l'arte Galla', del della la in guerra che ogni o O quella alla da portate? scienza libro del casa? Va diritto lo al o abbiamo timore alla stravaccato castigo professione in dell'eloquenza, sino pupillo mirasse a a alzando che, quell'unica per smisurato meta denaro, e e lettiga si impettita va lasciasse il da assorbire Roma totalmente la in iosa costrinse essa.»

con botteghe
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/dialogus_de_oratiribus/28.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile