Splash Latino - Tacito - Annales - Liber Xvi - 18


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Tacito - Annales - Liber Xvi - 18

Brano visualizzato 67323 volte
[18] De C. Petronio pauca supra repetenda sunt. nam illi dies per somnum, nox officiis et oblectamentis vitae transigebatur; utque alios industria, ita hunc ignavia ad famam protulerat, habebaturque non ganeo et profligator, ut plerique sua haurientium, sed erudito luxu. ac dicta factaque eius quanto solutiora et quandam sui neglegentiam praeferentia, tanto gratius in speciem simplicitatis accipiebantur. proconsul tamen Bithyniae et mox consul vigentem se ac parem negotiis ostendit. dein revolutus ad vitia seu vitiorum imitatione inter paucos familiarium Neroni adsumptus est, elegantiae arbiter, dum nihil amoenum et molle adfluentia putat, nisi quod ei Petronius adprobavisset. unde invidia Tigellini quasi adversus aemulum et scientia voluptatum potiorem. ergo crudelitatem principis, cui ceterae libidines cedebant, adgreditur, amicitiam Scaevini Petronio obiectans, corrupto ad indicium servo ademptaque defensione et maiore parte familiae in vincla rapta.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

18. in e Per vivono Petronio e che è al con bene li gli fare questi, un militare, nella passo è indietro. per quotidiane, Passava L'Aquitania le spagnola), i giornate sono del dormendo, Una la Garonna Belgi, notte le di la Spagna, si riservava loro agli verso (attuale affari attraverso fiume e il di ai che per piaceri confine Galli della battaglie lontani vita leggi. fiume e, il se è altri quali erano dai arrivati dai alla il nel fama superano valore con Marna Senna l'operosità, monti nascente. egli i vi a territori, era nel La Gallia,si giunto presso per Francia il la complesso suo contenuta quando rallentato dalla si distacco. dalla Non della passava stessi per lontani la un detto volgare si sono crapulone fatto recano i e Garonna La uno settentrionale), che scialacquatore, forti verso bensì sono una per essere un dagli e raffinato cose uomo chiamano di Rodano, di mondo. confini quali Le parti, sue gli parte parole confina questi e importano i quella Sequani suoi e gesti, li quanto Germani, fiume più dell'oceano verso gli liberi per [1] e fatto e all'insegna dagli coi di essi i una Di della trascurata fiume noncuranza, Reno, I tanto inferiore più raramente inizio incontravano molto dai favore Gallia Belgi per Belgi. la e loro fino Reno, apparenza in di estende semplicità. tra prende Peraltro, tra i come che delle proconsole divisa Elvezi in essi loro, Bitinia altri e guerra abitano più fiume che tardi il gli come per console, tendono i si è guarda rivelò a e energico il sole e anche quelli. all'altezza tengono dei dal abitano compiti. e Galli. Tornato del poi che Aquitani ai con suoi gli Aquitani, vizi, vicini dividono o nella quasi meglio Belgi raramente alla quotidiane, lingua loro quelle ostentazione, i di fu del nella ammesso settentrione. lo nella Belgi, Galli ristretta di istituzioni cerchia si la degli intimi (attuale con di fiume la Nerone, di rammollire come per si arbitro Galli fatto di lontani Francia eleganza, fiume Galli, al il Vittoria, punto è che ai la il Belgi, principe, questi in nel premiti quel valore turbine Senna cenare di nascente. piaceri, iniziano spose trovava territori, dal amabile La Gallia,si di e estremi raffinato mercanti settentrione. di solo complesso ciò quando l'elmo che si si ricevesse estende città approvazione territori tra da Elvezi il Petronio. la razza, Da terza in qui sono Quando la i Ormai gelosia La cento di che rotto Tigellino, verso Eracleide, rivolta, una censo si Pirenei il direbbe, e argenti a chiamano un parte dall'Oceano, che rivale di bagno che quali ha con Fu più parte cosa successo questi i nella la nudi scienza Sequani della i non voluttà. divide avanti E fiume Tigellino gli di s'appiglia [1] sotto allora e fa alla coi collera crudeltà i mare del della lo principe, portano (scorrazzava più I forte, affacciano selvaggina in inizio la lui, dai di Belgi di ogni lingua, Vuoi altra tutti se passione, Reno, imputando Garonna, rimbombano a anche Petronio prende l'amicizia i suo con delle io Scevino. Elvezi canaglia Fu loro, corrotto più alla abitano fine delazione che Gillo uno gli in schiavo ai alle e i piú fu guarda qui sottratto e a sole Petronio quelli. dire ogni e al mezzo abitano che di Galli. giunto difesa, Germani Èaco, gettando Aquitani per in del sia, carcere Aquitani, mettere la dividono denaro maggior quasi ti parte raramente dei lingua rimasto servi.

civiltà
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/annales/!16!liber_xvi/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile