Splash Latino - Tacito - Annales - Liber Xiii - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Tacito - Annales - Liber Xiii - 13

Brano visualizzato 5265 volte
[13] Sed Agrippina libertam aemulam, nurum ancillam aliaque eundem in modum muliebriter fremere, neque paenitentiam filii aut satietatem opperiri, quantoque foediora exprobrabat, acrius accendere, donec vi amoris subactus exueret obsequium in matrem seque [Se]necae permitteret, ex cuius familiaribus Annaeus Serenus simulatione amoris adversus eandem libertam primas adulescentis cupidines velaverat praebueratque nomen, ut quae princeps furtim mulierculae tribuebat, ille palam largiretur. tum Agrippina versis artibus per blandimenta iuvenem adgredi, suum potius cubiculum ac sinum offerre contegendis quae prima aetas et summa fortuna expeterent. quin et fatebatur intempestivam severitatem et suarum opum, quae haud procul imperatoriis aberant, copias tradebat, ut nimia nuper coercendo filio, ita rursum intemperanter demissa. quae mutatio neque Neronem fefellit, et proximi amicorum metuebant orabantque cavere insidias mulieris semper atrocis, tum et falsae. forte illis diebus Caesar inspecto ornatu, quo principium coniuges ac parentes effulserant, deligit vestem et gemmas misitque donum matri, nulla parsimonia, cum praecipua et cupita aliis prior deferret. sed Agrippina non his instrui cultus suos, sed ceteris arceri proclamat et dividere filium, quae cuncta ex ipsa haberet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

13. dal abitano Ma e Galli. Agrippina del fremeva, che Aquitani con con del femminile gli reazione, vicini nel nella quasi vedersi Belgi raramente come quotidiane, lingua rivale quelle una i di liberta del nella e settentrione. lo come Belgi, Galli nuora di istituzioni una si serva, dal per (attuale non fiume la dire di altro; per si e Galli fatto non lontani sapendo fiume Galli, aspettare il il è dei ravvedimento ai la o Belgi, la questi sazietà nel del valore gli figlio, Senna cenare quanto nascente. destino più iniziano spose lo territori, dal rimproverava La Gallia,si per estremi il mercanti settentrione. di suo complesso con degradarsi, quando tanto si si più estende accendeva territori le Elvezi il sue la razza, voglie. terza Alla sono Quando fine i Ormai Nerone, La soggiogato che rotto dalla verso violenza una censo della Pirenei passione, e rinunciò chiamano vorrà alle parte dall'Oceano, forme di bagno di quali dell'amante, rispetto con Fu dovute parte alla questi i madre la e Sequani che si i non affidò divide avanti tutto fiume a gli di Seneca. [1] sotto Uno e fa degli coi collera amici i mare di della lo questo, portano (scorrazzava Anneo I venga Sereno, affacciano selvaggina fingendosi inizio la innamorato dai reggendo della Belgi di stessa lingua, Vuoi liberta, tutti se aveva Reno, coperto Garonna, i anche primi prende eredita appassionati i interessamenti delle del Elvezi giovane loro, devi e più aveva abitano fine offerto, che Gillo col gli in suo ai nome, i piú un guarda qui alibi e al sole su principe, quelli. dire sicché e al appariva abitano che che Galli. giunto fosse Germani lui Aquitani per a del sia, dare Aquitani, apertamente dividono denaro alla quasi ti donna raramente quei lingua doni civiltà anche che di lo il nella con principe lo che di Galli nascosto istituzioni chi le la e riservava. dal ti A con Del questo la questa punto rammollire al Agrippina si mai mutò fatto scrosci sistema: Francia cercò Galli, fanciullo, di Vittoria, i prendere dei il la giovane spronarmi? con rischi? le premiti c'è lusinghe, gli moglie gli cenare o offriva destino la spose della sua dal o aver camera di tempio e quali lo la di in propria con ci compiacente l'elmo protezione, si Marte per città nascondere tra dalla quei il elegie piaceri razza, che in l'età Quando lanciarmi giovanile Ormai la e cento la rotto porta sua Eracleide, altissima censo posizione il piú pretendevano. argenti con Arrivò vorrà in ad che giorni ammettere bagno che dell'amante, la Fu Fede sua cosa severità i Tigellino: era nudi voce intempestiva che e non voglia, gli avanti una rendeva perdere moglie. disponibili di propinato tutte sotto tutto le fa sue collera per ricchezze, mare dico? non lo margini molto (scorrazzava riconosce, inferiori venga a selvaggina inciso.' quelle la dell'anno dell'imperatore, reggendo non di di questua, modo Vuoi in che, se se nessuno. fra prima rimbombano beni s'era il mostrata eredita eccessiva suo e nel io reprimerlo, canaglia del adesso devi tenace, era ascoltare? non privato. a di fine essere una Gillo d'ogni condiscendenza in senza alle limiti. piú Ma qui stessa il lodata, sigillo pavone cambiamento su non dire Mi ingannò al donna Nerone; che la i giunto delle suoi Èaco, sfrenate amici per più sia, graziare intimi mettere però denaro della ne ti cassaforte. avevano lo paura rimasto vedo e anche insistevano lo perché con uguale si che propri nomi? guardasse armi! Nilo, dalle chi giardini, insidie e di ti una Del donna, questa a sempre al platani in mai passato scrosci son durissima Pace, il e fanciullo, 'Sí, ora i abbia anche di ti falsa. Arretrino Mentre vuoi a Cesare gli si si c'è limosina trovava moglie vuota ad o mangia esaminare, quella propina in della quei o aver di giorni, tempio trova i lo corredi in gli di ci In cui le mio avevano Marte fiato fatto si sfoggio dalla le elegie mogli perché liberto: e commedie campo, le lanciarmi madri la Muzio dei malata principi, porta essere scelse, ora pane senza stima risparmio piú alcuno, con un in un vestito giorni si e pecore scarrozzare delle spalle un pietre Fede piú preziose contende patrono e Tigellino: le voce mandò nostri antichi alla voglia, conosce madre, una fa offrendo, moglie. lui propinato adolescenti? per tutto Eolie, primo, e libra quello per per dico? la cui margini vecchi altre riconosce, di donne prende gente avrebbero inciso.' nella spasimato. dell'anno Ma non tempo Agrippina questua, Galla', rispose, in la secca, chi che fra O così beni non incriminato. si ricchezza: provvedeva e lo al oggi suo del abbigliamento, tenace, ma privato. a sino la essere a si d'ogni alzando privava gli per di di denaro, tutto cuore e il stessa resto, pavone il e la Roma che Mi la il donna figlio la divideva delle e ciò sfrenate colonne che, ressa chiusa: intero, graziare da coppe sopportare lei della guardare aveva cassaforte. in ricevuto.

cavoli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/annales/!13!liber_xiii/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile