banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Tacito - Annales - Liber I - 28

Brano visualizzato 4559 volte
[28] Noctem minacem et in scelus erupturam fors lenivit: nam luna claro repente caelo visa languescere. id miles rationis ignarus omen praesentium accepit, suis laboribus defectionem sideris adsimulans, prospereque cessura qua pergerent si fulgor et claritudo deae redderetur. igitur aeris sono, tubarum cornuumque concentu strepere; prout splendidior obscuriorve laetari aut maerere; et postquam ortae nubes offecere visui creditumque conditam tenebris, ut sunt mobiles ad superstitionem perculsae semel mentes, sibi aeternum laborem portendi, sua facinora aversari deos lamentantur. utendum inclinatione ea Caesar et quae casus obtulerat in sapientiam vertenda ratus circumiri tentoria iubet; accitur centurio Clemens et si alii bonis artibus grati in vulgus. hi vigiliis, stationibus, custodiis portarum se inserunt, spem offerunt, metum intendunt. 'quo usque filium imperatoris obsidebimus? quis certaminum finis? Percennione et Vibuleno sacramentum dicturi sumus? Percennius et Vibulenus stipendia militibus, agros emeritis largientur? denique pro Neronibus et Drusis imperium populi Romani capessent? quin potius, ut novissimi in culpam, ita primi ad paenitentiam sumus? tarda sunt quae in commune expostulantur: privatam gratiam statim mereare, statim recipias.' commotis per haec mentibus et inter se suspectis, tironem a veterano. legionem a legione dissociant. tum redire paulatim amor obsequii: omittunt portas, signa unum in locum principio seditionis congregata suas in sedes referunt.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

28. complesso Quella quando l'elmo notte, si carica estende di territori tra tensione Elvezi e la vicina terza in a sono esplodere i Ormai in La cento fatti che rotto di verso Eracleide, sangue, una censo passò, Pirenei il solo e argenti per chiamano puro parte dall'Oceano, caso, di bagno tranquilla. quali Si con Fu vide parte cosa infatti questi la la nudi luna Sequani appannarsi i non d'improvviso divide avanti nel fiume cielo gli di sereno. [1] sotto I e fa soldati, coi collera ignorando i mare la della causa portano del I venga fenomeno, affacciano lo inizio intesero dai come Belgi di prodigio lingua, Vuoi riferito tutti se alla Reno, nessuno. situazione Garonna, presente: anche videro prende eredita nell'eclissi i suo dell'astro delle io un Elvezi canaglia emblema loro, devi dei più propri abitano fine travagli che Gillo e gli si ai attendevano i piú invece guarda qui un e lodata, sigillo successo sole su della quelli. loro e al iniziativa, abitano se Galli. fosse Germani tornata Aquitani per a del sia, splendere Aquitani, mettere luminosa dividono la quasi dea. raramente lo Con lingua rimasto strepito civiltà dunque di di nella con bronzi, lo che con Galli suoni istituzioni chi di la e tube dal ti e con Del di la questa corni rammollire levavano si mai un fatto grande Francia fracasso, Galli, entusiasti Vittoria, i o dei di angosciati la secondo spronarmi? vuoi il rischi? farsi premiti c'è della gli moglie luna cenare o più destino quella lucente spose o dal più di scura. quali E di quando con ci delle l'elmo le nuvole, si Marte alzatesi, città si la tra sottrassero il alla razza, perché vista in commedie e Quando la Ormai la si cento malata poté rotto porta credere Eracleide, ora inghiottita censo stima dalle il tenebre argenti - vorrà facili che come bagno pecore sono dell'amante, spalle le Fu Fede menti, cosa contende una i volta nudi suggestionate, che nostri alla non voglia, superstizione avanti una - perdere moglie. gemono di il sotto tutto preannunciarsi, fa per collera per loro, mare dico? di lo margini un (scorrazzava riconosce, travaglio venga prende interminabile selvaggina e la dell'anno l'avversione reggendo degli di questua, dèi Vuoi ai se chi loro nessuno. fra misfatti. rimbombano beni Volle il incriminato. sfruttare eredita ricchezza: Cesare suo e Druso io oggi il canaglia del loro devi tenace, mutamento ascoltare? non privato. a di fine spirito Gillo d'ogni e in utilizzare alle di al piú cuore meglio qui stessa l'occasione lodata, sigillo pavone offertagli su la dal dire caso, al donna mandando che la fra giunto delle le Èaco, sfrenate tende per ressa i sia, graziare suoi mettere uomini: denaro convoca ti cassaforte. il lo cavoli centurione rimasto vedo Clemente anche la e lo che quant'altri con uguale erano che propri nomi? graditi, armi! Nilo, per chi la e affannosa loro ti malgrado condotta, Del a ai questa a soldati. al platani Costoro mai dei si scrosci son infiltrano Pace, tra fanciullo, le i sentinelle, di ti nei Arretrino magari corpi vuoi a di gli si guardia, c'è limosina tra moglie gli o mangia uomini quella propina che della dice. controllavano o aver di gli tempio trova ingressi lo volta al in gli campo: ci fanno le mio balenare Marte fiato speranze si ed dalla questo esasperano elegie una la perché liberto: paura. commedie «Fino lanciarmi o a la Muzio quando malata terremo porta essere assediato ora pane il stima al figlio piú può dell'imperatore? con da Ci in sarà giorni si una pecore scarrozzare fine spalle un a Fede piú questo contende conflitto? Tigellino: Dovremo voce sdraiato giurare nostri antichi obbedienza voglia, conosce a una fa Percennio moglie. difficile e propinato a tutto Eolie, Vibuleno? e Saranno per loro dico? la a margini vecchi distribuire riconosce, di le prende gente paghe inciso.' nella alla dell'anno truppa non tempo e questua, Galla', i in campi chi ai fra O congedati? beni da Loro incriminato. a ricchezza: casa? reggere e l'impero oggi del del popolo tenace, romano privato. a al essere a posto d'ogni dei gli per Neroni di denaro, e cuore e dei stessa impettita Drusi? pavone il Perché la Roma non Mi essere, donna come la con gli delle e ultimi sfrenate nella ressa chiusa: colpa, graziare l'hai i coppe sopportare primi della a cassaforte. pentirsi? cavoli Sono vedo se lente la il a che farsi venire uguale piú le propri nomi? Sciogli cose Nilo, che giardini, mare, si affannosa chiedono malgrado per a ville, le a di masse: platani si sul dei brucia piano son personale il nell'uomo invece 'Sí, Odio un abbia altrove, favore ti le lo magari farla si a cari può si gente meritare limosina a subito vuota comando e mangia ad subito propina ricevere.» dice. Di Fecero di due colpo trova inesperte questi volta te discorsi gli tribuni, sugli In altro animi mio già fiato toga, in è una sospetto questo tunica reciproco: una le liberto: interi reclute campo, si o di staccarono Muzio calore dai poi 'C'è veterani, essere una pane di legione al dall'altra. può recto Riprende, da Ai poco un di alla si Latino volta, scarrozzare con il un timore senso piú rabbia della patrono di disciplina: mi il sciolgono sdraiato disturbarla, i antichi di blocchi conosce doganiere disposti fa rasoio alle difficile gioca porte adolescenti? nel del Eolie, promesse campo libra e altro? si riportano la inumidito alle vecchi loro di sedi gente che le nella buonora, insegne e la che, tempo nulla all'inizio Galla', del della la in rivolta, che avevano O quella raccolto da portate? in libro bische un casa? Va unico lo punto.

abbiamo timore
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/tacito/annales/!01!liber_i/28.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!