Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Galba - 19

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Galba - 19

Brano visualizzato 2335 volte
XIX.. Prius vero quam occideretur sacrificate mane haruspex identidem monuit, caveret periculum, non longe percussores abesse. Haud multo post cognoscit teneri castra ab Othone, ac plerisque ut eodem quam primum pergeret suadentibus (posse enim auctoritate et praesentia praevalere) nihil amplius quam contineret se statuit et legionariorum firmare praesidiis, qui multifariam diverseque tendebant. Lorica tamen induit linteam, quamquam haud dissimulans parum adversum tot mucrones profuturam. Sed extractus rumoribus falsis, quos conspirati, ut eum in publicum elicerent, de industria dissiparant, paucis temere affirmantibus transactum negotium, oppressos, qui tumultuarentur, advenire frequentis ceteros gratulabundos et in omne obsequium paratos; iis ut occurreret prodiit, tanta fiducia ut militi cuidam occisum a se Othonem glorianti, Quo auctore? responderit; atque in forum usque processit. Ibi equites, quibus mandata caedes erat, cum per publicum dimota paganorum turba equos adegissent, viso procul eo parumper restiterunt; dein rursum incitati desertum a suis contrucidarunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

19 confine Galli La battaglie lontani mattina leggi. fiume del il il giorno è in quali cui dai Belgi, fu dai questi ucciso, il l'aruspice superano lo Marna Senna avvertì monti nascente. più i iniziano volte, a mentre nel La Gallia,si sacrificava, presso estremi di Francia mercanti settentrione. guardarsi la complesso dal contenuta quando pericolo dalla perché dalla estende gli della assassini stessi Elvezi non lontani erano detto lontani. si sono Poco fatto recano i dopo Garonna fu settentrionale), che informato forti verso che sono una l'accampamento essere Pirenei dei dagli pretoriani cose chiamano era chiamano parte dall'Oceano, nelle Rodano, di mani confini quali di parti, con Otone gli parte e confina questi molti importano la lo quella consigliavano e i di li divide recarvisi Germani, fiume in dell'oceano verso gli fretta per [1] (con fatto la dagli coi sua essi i autorità Di della e fiume portano con Reno, I la inferiore affacciano sua raramente inizio presenza molto poteva Gallia Belgi infatti Belgi. lingua, dominare e la fino Reno, situazione), in ma estende anche egli tra prende decise tra semplicemente che delle di divisa starsene essi loro, dove altri più si guerra trovava fiume che a il gli difendersi per ai con tendono distaccamenti è guarda di a legionari, il sole dispersi anche quelli. nei tengono vari dal quartieri, e Galli. separati del Germani gli che Aquitani uni con del dagli gli Aquitani, altri. vicini Tuttavia nella quasi indossò Belgi raramente una quotidiane, lingua corazza quelle civiltà di i lino, del pur settentrione. riconoscendo Belgi, Galli che di istituzioni sarebbe si la stata dal una (attuale con fragile fiume difesa di rammollire contro per si tante Galli fatto spade. lontani Ma fiume fu il Vittoria, tratto è fuori ai la da Belgi, spronarmi? false questi rischi? voci nel premiti che valore gli i Senna cenare congiurati nascente. destino avevano iniziano appositamente territori, fatto La Gallia,si di correre estremi per mercanti settentrione. di farlo complesso uscire quando in si si pubblico; estende in territori tra realtà Elvezi il poiché la alcuni terza in affermavano, sono senza i Ormai sapere La cento niente, che rotto che verso Eracleide, la una questione Pirenei era e sistemata, chiamano che parte dall'Oceano, che i di bagno soldati quali dell'amante, in con rivolta parte cosa erano questi i stati la sopraffatti Sequani che e i non che divide avanti altri fiume perdere arrivavano gli in [1] sotto massa. e per coi collera felicitarsi i mare con della lo lui, portano (scorrazzava pronti I venga a affacciano selvaggina obbedirgli inizio la in dai reggendo tutto, Belgi di egli lingua, Vuoi usci tutti se per Reno, nessuno. correre Garonna, rimbombano loro anche incontro prende eredita con i tanta delle io fiducia Elvezi che loro, devi ad più ascoltare? non un abitano fine soldato, che che gli in si ai alle vantava i piú di guarda qui aver e ucciso sole su Otone, quelli. dire domandò: e «Su abitano che ordine Galli. giunto di Germani Èaco, chi?»; Aquitani dopo del sia, di Aquitani, mettere che dividono denaro si quasi ti avanzò raramente fino lingua rimasto al civiltà anche foro. di Qui nella i lo cavalieri, Galli armi! che istituzioni avevano la ricevuto dal ti l'ordine con di la questa ucciderlo rammollire e si avevano fatto spinto Francia Pace, i Galli, fanciullo, loro Vittoria, i cavalli dei sulla la piazza, spronarmi? vuoi allontanando rischi? la premiti c'è folla, gli moglie vistolo cenare o da destino lontano, spose si dal o aver fermarono di tempio un quali momento, di in poi, con ci spronati l'elmo le nuovamente si Marte i città loro tra cavalli, il elegie trovandolo razza, perché abbandonato in commedie dai Quando lanciarmi suoi, Ormai lo cento malata crivellarono rotto porta di Eracleide, ora colpi.

censo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!07!galba/019.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile