banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Svetonio - De Vita Caesarum - Nero - 53

Brano visualizzato 3929 volte
LIII. Maxime autem popularitate efferebatur, omnium aemulus, qui quoquo modo animum vulgi moverent. Exiit opinio post scaenicas coronas proximo lustro descensurum eum ad Olympia inter athletas; nam et luctabatur assidue nec aliter certamina gymnica tota Graecia spectaverat quam brabeutarum more in stadio humi assidens ac, si qua paria longius recessissent, in medium rnanibus suis protrahens. Destinaverat etiam, quia Apollinern cantu, Solem aurigando aequiperare existimaretur, imitari et Herculis facta; praeparatumque leonem aiunt, quem vel clava vel brachiorum nexibus in amphitheatri harena spectante populo nudus elideret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

53 la Ma cultura aveva coi settentrionale), soprattutto che la e sono passione animi, essere per stato dagli la fatto cose popolarità (attuale e dal Rodano, pretendeva suo confini di per parti, rivaleggiare motivo gli con un'altra confina tutti Reno, importano coloro poiché che, che per combattono li un o motivo parte qualsiasi, tre godevano tramonto fatto del è dagli favore e essi della provincia, folla. nei Dopo e Reno, i Per inferiore suoi che successi loro molto in estendono Gallia teatro sole Belgi. si dal e sparse quotidianamente. fino la quasi in voce coloro estende che, stesso tra al si tra prossimo loro che lustro, Celti, divisa sarebbe Tutti essi disceso alquanto altri nell'arena, che differiscono guerra in settentrione mezzo che agli da per atleti il tendono durante o è i gli a giochi abitata il olimpici; si anche in verso tengono realtà combattono si in esercitava vivono del regolarmente e che nella al con lotta li e questi, vicini in militare, nella tutta è Belgi la per quotidiane, Grecia L'Aquitania quelle non spagnola), i aveva sono del mai Una settentrione. assistito Garonna Belgi, ai le di concorsi Spagna, si ginnici loro senza verso (attuale starsene attraverso fiume seduto il di a che per terra confine Galli nello battaglie lontani stadio, leggi. fiume alla il maniera è degli quali ai arbitri, dai Belgi, riportando dai qualche il volta superano valore con Marna Senna le monti nascente. sue i iniziano stesse a mani nel La Gallia,si in presso estremi mezzo Francia al la complesso campo contenuta quando le dalla si coppie dalla estende che della territori si stessi Elvezi erano lontani la spostate detto terza un si sono po' fatto recano i troppo. Garonna Quando settentrionale), che si forti accorse sono che essere Pirenei lo dagli e mettevano cose alla chiamano parte dall'Oceano, pari Rodano, di con confini quali Apollo parti, nel gli parte canto confina questi e importano la del quella Sole e nella li divide guida Germani, dei dell'oceano verso gli carri, per aveva fatto e perfino dagli coi deciso essi i di Di della imitare fiume portano le Reno, fatiche inferiore affacciano di raramente Ercole; molto dicono Gallia Belgi che Belgi. lingua, aveva e tutti fatto fino Reno, preparare in Garonna, un estende leone tra che tra i egli, che presentandosi divisa Elvezi tutto essi loro, nudo altri più nell'arena guerra abitano dell'anfiteatro, fiume che avrebbe il gli dovuto per ai uccidere tendono i o è guarda a a e colpi il sole di anche quelli. clava tengono o dal a e Galli. forza del di che braccia.

con del
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!06!nero/053.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!