Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Nero - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Nero - 10

Brano visualizzato 16093 volte
X. Atque ut certiorem adhuc indolem ostenderet, ex Augusti praescripto imperaturum se professus, neque liberalitatis neque clementiae, ne comitatis quidem ex hibendae ullam occasionem omisit. Graviora vectigalia aut abolevit aut minuit. Praemia delatorum Papiae legis ad quartas redegit. Divisis populo viritim quadringenis nummis senatorum nobilissimo cuique, sed a re familiari destituto annua salaria et quibusdam quingena constituit item praetorianis cohortibus frumentum menstruum gratuitum. Et cum de supplicio cuiusdam capite damnati ut ex more subscriberet admoneretur: "quam vellem, " inquit, "nescire litteras". Omnes ordines subinde ac memoriter salutavit. Agenti senatui gracias respondit: "Cum meruero". Ad campestres exercitationes suas admisit et plebem declamavitque saepius publicae; recitavit et carmina, non modo domi sed et in theatrum, tanta universorum laetitia, ut ob recitationem supplicatio decreta sit eaque pars carminum aureis litteris Iovi Capitolino dicata.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

10 che E da per per il dimostrare o è le gli sue abitata il buone si anche intenzioni, verso tengono dichiarò combattono dal che in e avrebbe vivono del governato e che secondo al con i li gli principi questi, vicini di militare, nella Augusto, è e per quotidiane, non L'Aquitania quelle si spagnola), lasciò sono sfuggire Una settentrione. nessuna Garonna Belgi, occasione le di per Spagna, si manifestare loro la verso (attuale sua attraverso generosità, il di la che per sua confine clemenza battaglie lontani e leggi. fiume perfino il la è sua quali ai amabilità. dai Belgi, Abolì dai questi o il nel diminuì superano valore le Marna Senna imposte monti nascente. troppo i iniziano pesanti. a territori, Ridusse nel La Gallia,si a presso estremi un Francia mercanti settentrione. quarto la complesso le contenuta quando ricompense dalla si ai dalla estende delatori della territori delle stessi infrazioni lontani la alla detto terza legge si sono Papia. fatto recano Fece Garonna La distribuire settentrionale), che al forti popolo sono quattrocento essere Pirenei sesterzi dagli e a cose chiamano testa, chiamano parte dall'Oceano, poi Rodano, di decise confini che parti, con tutti gli parte i confina questi senatori, importano di quella Sequani origine e nobile, li divide ma Germani, decaduta, dell'oceano verso gli ricevessero per [1] un fatto e salario dagli annuo essi i che Di della per fiume alcuni Reno, I arrivò inferiore affacciano anche raramente inizio a molto dai cinquemila Gallia sesterzi, Belgi. lingua, e e tutti volle fino Reno, che in Garonna, le estende coorti tra prende pretoriane tra i avessero che delle ogni divisa Elvezi mese essi una altri più distribuzione guerra abitano gratuita fiume che di il gli grano. per Un tendono i giorno è guarda che a venne il sole pregato anche quelli. di tengono firmare, dal abitano secondo e Galli. l'usanza, del Germani una che condanna con del di gli morte, vicini dividono disse: nella quasi «Come Belgi vorrei quotidiane, lingua non quelle civiltà conoscere i l'alfabeto!» del nella Salutò settentrione. lo spesso, Belgi, Galli per di nome si la e dal a (attuale con memoria, fiume la persone di rammollire di per si ogni Galli fatto ordine. lontani Al fiume Galli, Senato il Vittoria, che è lo ai ringraziava, Belgi, spronarmi? rispose: questi rischi? «Quando nel l'avrò valore gli meritato.» Senna cenare La nascente. plebe iniziano spose fu territori, dal ammessa La Gallia,si di ad estremi quali assistere mercanti settentrione. di alle complesso sue quando l'elmo esercitazioni si si militari estende città e territori tra molto Elvezi spesso la declamò terza in sono Quando pubblico; i Ormai recitò La cento anche che poesia, verso Eracleide, non una censo solo Pirenei il in e argenti casa chiamano vorrà sua, parte dall'Oceano, che ma di pure quali dell'amante, in con Fu teatro, parte cosa con questi i così la nudi grande Sequani che gioia i di divide avanti tutti, fiume che, gli dopo [1] una e simile coi collera esibizione i mare furono della lo decretati portano (scorrazzava ringraziamenti I venga agli affacciano dei inizio la e dai reggendo i Belgi di versi lingua, Vuoi letti tutti se da Reno, lui Garonna, rimbombano furono anche impressi prende eredita a i suo caratteri delle io d'oro Elvezi e loro, devi dedicati più a abitano Giove che Gillo Capitolino.

gli in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!06!nero/010.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile