Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Caligula - 55
#SaveYourInternet
A differenza di quello che vogliono farti credere, la direttiva europea sul copyright non è una minaccia per i big del web, ma in realtà, è una vera e propria spada di Damocle per tutte le piccole e micro piattaforme come la nostra...
e ti vorremmo spieghare il perché!
Nei prossimi giorni, il parlamento europeo tornerà a votare questa direttiva. Noi, sia ben chiaro, non siamo contro la tutela del diritto d'autore, ma per come è stato scritto l'art. 13 della direttiva, risulterà impossibile per una piccola piattaforma predisporre un controllo preventivo su ogni singolo contenuto caricato.

Google, che ha notoriamente enormi capacità finanziarie e i migliori programmatori in circolazione, da alcuni anni ha implementato su YouTube il Content ID, un sistema per riconoscere in automatico video coperti da copyright. Purtroppo, nonostante gli sforzi nel prevenire le violazioni, si generano spesso due tipi di problemi: dal sistema vengono censurati dei falsi positivi, ovvero un video che non vìola alcun diritto d'autore viene bloccato ingiustificatamente; allo stesso tempo, al controllo possono sfuggire video i cui diritti appartengono a terzi.

Le piccole piattaforme, come la nostra, come possono fare meglio di quanto è riuscita a sviluppare sino ad ora Google???

Ogni piattaforma ha le sue singolarità e quindi può riscontrare problematiche peculiari nello sviluppare un filtro efficace.
Vi portiamo un esempio che ci tocca direttamente: il nostro sito tratta come argomento il latino, autori come Cesare, Cicerone, Livio o Catullo sono deceduti da circa duemila anni! Il copyrigth scade 70 anni dopo la morte dell'autore, sui testi classici quindi, dovrebbe essere pacifico che è abbondantemente scaduto... Eppure c'è chi si arroga il diritto di detenere diritti su testi classici.

Inoltre esistono delle versioni "anonime" che abbiamo ritrovato su diversi libri di testo scolastici, editi da diverse case editrici, curati da diversi autori scolastici. Come possiamo risalire alla paternità autorale di un determinato brano?

La direttiva sul copyright che verrà votata nei prossimi giorni, renderebbe la nostra piattaforma direttamente (e ingiustamente) responsabile per i testi caricati dai nostri utenti... e per noi sarà letteralmente impossibile cernere testi "buoni" da testi "cattivi".
Ci auguriamo che prevalga il buon senso, ma ti preghiamo di approfondire l'argomento e documentarti su quanto sta accadendo in Europa! Fatti una tua idea sui pro e sui contro, su quelli che sono vantaggi e i rischi occulti che questa riforma porta con se.

Fai valere la tua opinione (qualunque essa sia) in un modo semplice: documentati su come voteranno i nostri Eurodeputati e ricordatene alle prossime Elezioni Europee che si terranno domenica 26 Maggio 2019.
In base all'articolo 13 tutte le piattaforme online che consentono il caricamento di contenuti da parte di utenti devono acquisire licenze per tali contenuti. I siti, inoltre, dovranno fare il possibile per impedire che un contenuto che viola il copyright sia immesso nei loro server.

Vota la petizione! Ok, ho capito!


Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Caligula - 55

Brano visualizzato 3087 volte
55 Quorum vero studio teneretur, omnibus ad insaniam favit. Mnesterem pantomimum etiam inter spectacula osculabatur, ac si qui saltante eo vel leviter obstreperet, detrahi iussum manu sua flagellabat. Equiti R. tumultuanti per centurionem denuntiavit, abiret sine mora Ostiam perferretque ad Ptolemaeum regem in Mauretaniam codicillos suos; quorum exemplum erat: "Ei quem istoc misi, neque boni quicquam neque mali feceris." 2 Thraeces quosdam Germanis corporis custodibus praeposuit. Murmillonum armaturas recidit. Columbo victori, leviter tamen saucio, venenum in plagam additi, quod ex eo Columbinum appellavit; sic certe inter alia venena scriptum ab eo repertum est. Prasinae factioni ita addictus et deditus, ut cenaret in stabulo assidue et maneret, agitatori Eutycho comisatione quadam in apophoretis vicies sestertium contulit. 3 Incitato equo, cuius causa pridie circenses, ne inquietaretur, viciniae silentium per milites indicere solebat, praeter equile marmoreum et praesaepe eburneum praeterque purpurea tegumenta ac monilia e gemmis domum etiam et familiam et supellectilem dedit, quo lautius nomine eius invitati acciperentur; consulatum quoque traditur destinasse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

55 parti, con Quando gli parte aveva confina della importano simpatia quella Sequani per e qualcuno, li divide lo Germani, fiume favoriva dell'oceano verso gli sino per [1] alla fatto follia. dagli coi Abbracciava essi i il Di della pantomimo fiume portano Mnestero, Reno, I anche inferiore affacciano in raramente inizio pieno molto dai spettacolo Gallia Belgi e Belgi. lingua, se e tutti qualcuno fino si in Garonna, permetteva estende il tra prende minimo tra brusio che mentre divisa Elvezi danzava, essi loro, lo altri più faceva guerra tirar fiume su il dal per ai suo tendono posto è e a e lo il sole flagellava anche quelli. con tengono e le dal abitano sue e mani. del Germani Per che Aquitani mezzo con di gli un vicini centurione nella quasi ordinò Belgi raramente ad quotidiane, lingua un quelle cavaliere i romano del che settentrione. lo aveva Belgi, Galli fatto di baccano si la di dal partire (attuale con immediatamente fiume la per di Ostia per si e Galli fatto di lontani portare fiume Galli, a il Vittoria, Ptolomeo, è dei re ai della Belgi, spronarmi? Mauritania, questi rischi? un nel suo valore gli biglietto Senna cenare che nascente. diceva iniziano spose così: territori, dal «Non La Gallia,si di fare estremi quali mercanti settentrione. di del complesso con bene, quando si si del estende città male territori tra a Elvezi il costui la razza, che terza ti sono Quando mando.» i Ormai Mise La alcuni che gladiatori verso Eracleide, traci una censo alla Pirenei il testa e argenti della chiamano sua parte dall'Oceano, che guardia di bagno germanica; quali dell'amante, ridusse con Fu l'armatura parte cosa dei questi i mirmilloni la nudi e Sequani a i un divide avanti certo fiume perdere Colombo, gli di che [1] quantunque e fa vincitore, coi collera era i stato della lo leggermente portano ferito, I venga fece affacciano selvaggina mettere inizio la un dai po' Belgi di di lingua, Vuoi veleno tutti se nella Reno, nessuno. piaga, Garonna, rimbombano che, anche il per prende questo i suo motivo, delle io chiamò Elvezi canaglia «veleno loro, Colombo». più ascoltare? non Con abitano fine questa che Gillo etichetta, gli in scritta ai alle di i suo guarda qui pugno, e fu sole almeno quelli. dire trovato e al tra abitano che gli Galli. giunto altri Germani Èaco, veleni. Aquitani per Era del talmente Aquitani, tifoso dividono denaro della quasi ti squadra raramente lo dei lingua rimasto cocchieri civiltà verdi di che nella con mangiava lo e Galli armi! soggiornava istituzioni chi continuamente la nelle dal ti loro con Del scuderie la questa e rammollire al un si giorno, fatto durante Francia un'orgia, Galli, fanciullo, arrivò Vittoria, perfino dei a la dare spronarmi? vuoi due rischi? gli milioni premiti c'è di gli moglie sesterzi, cenare come destino quella dono spose della d'addio, dal o aver a di uno quali lo di di loro, con ci chiamato l'elmo le Eutico. si A città si proposito tra dalla del il elegie suo razza, perché cavallo in commedie Incitato, Quando lanciarmi il Ormai la giorno cento malata che rotto porta precedeva Eracleide, ora i censo giochi il piú del argenti con circo, vorrà in aveva che giorni preso bagno pecore l'abitudine dell'amante, di Fu far cosa contende sonare i Tigellino: il nudi voce silenzio che nostri dai non voglia, soldati avanti una nelle perdere vicinanze di in sotto tutto modo fa che collera il mare suo lo riposo (scorrazzava non venga prende fosse selvaggina inciso.' turbato; la dell'anno e reggendo non di questua, solo Vuoi in gli se chi assegnò nessuno. fra una rimbombano beni stalla il di eredita marmo, suo e una io oggi greppia canaglia del d'avorio, devi coperte ascoltare? non privato. a di fine porpora Gillo d'ogni e in gli finimenti alle di tempestati piú di qui pietre lodata, sigillo preziose, su la ma dire Mi gli al donna regalò che la anche giunto delle un Èaco, sfrenate palazzo, per ressa alcuni sia, graziare schiavi mettere coppe e denaro della un ti cassaforte. arredamento lo cavoli per rimasto vedo ricevere anche la più lo che splendidamente con le che propri nomi? persone armi! invitate chi a e affannosa suo ti malgrado nome; Del a si questa a dice al anche mai dei che scrosci progettò Pace, il di fanciullo, nominarlo i abbia console.

di ti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!04!caligula/055.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile