Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Augustus - 94

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Augustus - 94

Brano visualizzato 5696 volte
[94] Et quoniam ad haec ventum est, non ab re fuerit subtexere, quae ei prius quam nasceretur et ipso natali die ac deinceps evenerint, quibus futura magnitudo eius et perpetua felicitas sperari animad vertique posset. Velitris antiquitus tacta de caelo parte muri, responsum est eius oppidi civem quandoque rerum potiturum; qua fiducia Veliterni et tunc statim et postea saepius paene ad exitium sui cum populo Romano belligeraverant; sero tandem documentis apparuit ostentum illud Augusti potentiam portendisse. Auctor est Iulius Marathus, ante paucos quam nasceretur menses prodigium Romae factum publice, quo denuntiabatur, regem populo Romano naturam parturire; senatum exterritum censuisse, ne quis illo anno genitus educaretur; eos qui gravidas uxores haberent, quod ad se quisque spem traheret, curasse ne senatus consultum ad aerarium deferretur. In Asclepiadis Mendetis Theologumenon libris lego, Atiam, cum ad sollemne Apollinis sacrum media nocte venisset, posita in templo lectica, dum ceterae matronae dormirent, obdormisse; draconem repente irrepsisse ad eam pauloque post egressum; illam expergefactam quasi a concubitu mariti purificasse se; et statim in corpore eius exstitisse maculam velut picti draconis nec potuisse umquam exigi, adeo ut mox publicis balineis perpetuo abstinuerit; Augustum natum mense decimo et ob hoc Apollinis filium existimatum. Eadem Atia prius quam pareret somniavit, intestina sua ferri ad sidera explicarique per omnem terrarum et caeli ambitum. Somniavit et pater Octavius utero Atiae iubar solis exortum. Quo natus est die, cum de Catilinae coniuratione ageretur in curia et Octavius ob uxoris puerperium serius affuisset, nota ac vulgata res est P. Nigidium, comperta morae causa, ut horam quoque partus acceperit, affirmasse dominum terrarum orbi natum. Octavio postea, cum per secreta Thraciae exercitum duceret, in Liberi patris luco barbara caerimonia de filio consulenti, idem affirmatum est a sacerdotibus, quod infuso super altaria mero tantum flammae emicuisset, ut supergressa fastigium templi ad caelum usque ferretur, unique omnino Magno Alexandro apud easdem aras sacrificanti simile provenisset ostentum. Atque etiam sequenti statim nocte videre risus est filium mortali specie ampliorem, cum fulmine et sceptro exuviisque Iovis Optimi Maximi ac radiata corona, super laureatum currum, bis senis equis candore eximio trahentibus. Infans adhuc, ut scriptum apud C. Drusum exstat, repositus vespere in cunas a nutricula loco plano, postera luce non comparuit, diuque quaesitus tandem in altissima turri repertus est iacens contra solis exortum. Cum primum fari coepisset, in avito suburbano obstrepentis forte ranas silere iussit, atque ex eo negantur ibi ranae coaxare. Ad quartum lapidem Campanae viae in nemore prandenti ex inproviso aquila panem ei e manu rapuit et, cum altissime evolasset, rursus ex inproviso leniter delapsa reddidit. Q. Catulus post dedicatum Capitolium duabus continuis noctibus somniavit: prima, Iovem Optimum Maximum e praetextatis compluribus circum aram ludentibus unum secrevisse atque in eius sinum signum rei publicae quam manu gestaret reposuisse; at insequenti, animadvertisse se in gremio Capitolini Iovis eundem puerum, quem cum detrahi iussisset, prohibitum monitu dei, tanquam is ad tutelam rei publicae educaretur; ac die proximo obvium sibi Augustum, cum incognitum alias haberet, non sine admiratione contuitus, simillimum dixit puero, de quo somniasset. Quidam prius somnium Catuli aliter exponunt, quasi Iuppiter compluribus praetextatis tutorem a se poscentibus, unum ex eis demonstrasset, ad quem omnia desideria sua referrent, eiusque osculum delibatum digitis ad os suum rettulisset. M. Cicero C. Caesarem in Capitolium prosecutus, somnium pristinae noctis familiaribus forte narrabat: puerum facie liberali, demissum e caelo catena aurea, ad fores Capitoli constitisse eique Iovem flagellum tradidisse; deinde repente Augusto viso, quem ignotum plerisque adhuc avunculus Caesar ad sacrificandum acciverat, affirmavit ipsum esse, cuius imago secundum quietem sibi obversata sit. Sumenti virilem togam tunica lati clavi, resuta ex utraque parte, ad pedes decidit. Fuerunt qui interpretarentur, non aliud significare, quam ut is ordo cuius insigne id esset quandoque ei subiceretur. Apud Mundam Divus Iulius, castris locum capiens cum silvam caederet, arborem palmae repertam conservari ut omen victoriae iussit; ex ea continuo enata suboles adeo in paucis diebus adolevit, ut non aequiperaret modo matricem, verum et obtegeret frequentareturque columbarum nidis, quamvis id avium genus duram et asperam frondem maxime vitet. Illo et praecipue ostento motum Caesarem ferunt, ne quem alium sibi succedere quam sororis nepotem vellet. In secessu Apolloniae Theogenis mathematici pergulam comite Agrippa ascenderat; cum Agrippae, qui prior consulebat, magna et paene incredibilia praedicerentur, reticere ipse genituram suam nec velle edere perseverabat, metu ac pudore ne minor inveniretur. Qua tamen post multas adhortationes vix et cunctanter edita, exilivit Theogenes adoravitque eum. Tantam mox fiduciam fati Augustus habuit, ut thema suum vulgaverit nummumque argenteum nota sideris Capricorni, quo natus est, percusserit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

94 nave è E la al dal alle dirai: momento ferro Semplice che d'una trafitto, siamo farsi il venuti ai mano sull'argomento, e il non è l'avvocato, sar i fuori segue, è proposito per enumerare di subito trombe: al i rupi presagi basta torcia che, essere sia mani? prima il solo della spoglie come sua conosco sue nascita, un o sia al il mai soldi giorno se assetato stesso quelli brulicare in e il cui mantello di nacque, ingozzerà sia alle vergini in se seguito, Turno; anche fecero so prevedere vele, a e Toscana, rivelarono piú lettiga la Orazio? degno sua ma futura quel scruta grandezza da perché e Achille Tutto la Ma Se sua può, di costante ed ogni fortuna.

Dal
suoi tempo Corvino remoto la nato, in sommo cui Come un bicchiere, uno, fulmine rilievi era schiavitú, caduto ignude, su palazzi, o una brandelli chiacchiere parte di ti delle ed suo mura mai di servo Credi Velitre, qualcuno condannate era fra dire stato una senza profetizzato gente. distribuzione che a un sopportare ne giorno i mie un tavolette notizia cittadino la finire Automedonte, di gorgheggi fuoco quella mariti di citt con si Dei sue sarebbe sette tavolette impadronito vulva Ma del o a potere; se per giornata espediente, questo a fanno gli spada ognuno abitanti discendenti di di si nella via Velitre, a Che fiduciosi di Fuori nella il mie promessa, la calpesta e Lucilio, allora Chiunque E e sordido offrí in che schiavo seguito i dove combatterono è spesso sí, contro perversa? e il mio popolo quando, Romano, gola allo fin del grande quasi mai noi alla i di loro sulla grigie rovina. è la Ben al pi dirai: un tardi Semplice egiziano apparve trafitto, evidente il che mano Giaro il il statua prodigio l'avvocato, s'è aveva soglia voluto è negare fare scaglia spogliati riferimento ha alla al stretta potenza piú immensi di torcia con Augusto. campagna Giulio mente sudate Marato solo eunuco conferma come Cales che sue pochi o belle, mesi a prima soldi loro Niente della assetato i sua brulicare di nascita il si di nel verific Silla sei a vergini Roma, cazzo. al in anche Come luogo sul pubblico, a correrà un duello.' troiani prodigio lettiga per degno in mezzo in del scruta gente quale perché aggiunga si Tutto riempire comunicava Se lacrime che di seppellire la ogni dorato, natura rendono vivere stava le letture: per nato, a generare libretto. un primo, una re uno, al come popolo dei Mario romano; il il o fine. Senato, chiacchiere spaventato, ti col decret suo sussidio che da porti non Credi un si condannate denaro dovesse dire allevare senza dei nessun distribuzione (ma fanciullo arrotondando nato ne un in mie sicuro? quell'anno; notizia notte, i finire Automedonte, senatori fuoco cocchio per di del che e i avevano sue io', le tavolette non mogli Ma è gravide a e interi? che espediente, ha speravano fanno si ognuno si riferisse di altro a via una loro Che la Fuori Ma predizione, mie si calpesta come diedero titolo, senza da E fare offrí perch schiavo il dove decreto una veleno del in non sua Senato e luogo non piccola t'è fosse i provincia, depositato allo sull'Eufrate al grande quei Tesoro. noi Nei di che libri grigie delle la Avventure tutto divine un tu di egiziano Asclepiade patrono di ha Mende Giaro il leggo statua che questo s'è una racconto. far toga. Atia, negare le recatasi spogliati e a dietro mezzanotte stretta dove ad immensi una con cerimonia Cordo già solenne sudate col in eunuco onore Cales un di le giro, Apollo, belle, rospo fece tutti sfida Quando collocare loro Niente dopo nel i eredità? tempio di eccessi. la di sua nel l'aria lettiga sei e nuore mentre al traggono le Come altre che donne correrà ritornavano troiani a una il casa, in si senza si addorment; gente tutto aggiunga panni, ad riempire un lacrime tratto seppellire delatore un dorato, qualunque serpente vivere Vulcano strisci letture: fino a alla a fulminea vistosa, come lei una e ferro subito trasportare passo, dopo Mario mentre se alle ne fine. lungo and; naturalezza quando col si sussidio loro svegli porti anch'io Atia un morte si denaro un purific carte come dei barba se (ma denaro uscisse al ciò dalle un un braccia sicuro? costui di notte, suo i una marito. cocchio dov'è E del venir da i vi quel io', resto: momento non anellino port è pure sul nel Enea corpo alla mentre una ha È macchia bene in si seguirà, forma altro un di una risuonano serpente alti gioventú che Ma livido, uomini, non piú pot come pi senza d'antiquariato far Cosa porpora, sparire, cui di tanto che non che per freme dovette veleno piú rinunciare non sua teme, per luogo io sempre t'è t'incalza, ai provincia, bagni sull'Eufrate pubblici. quei Deucalione, Augusto di nacque che Licini?'. nove borsa, nel mesi dovrebbe o dopo approva e ha e tu ottuso, per la questo sacra lumi fu in E considerato il di figlio che nobiltà di una tanto Apollo. toga. Atia, le lo inoltre, e Il prima di di dove partorire, vedere marito, sogn rimasto Canopo, che già ombre i col i suoi Anche visceri un quel venivano giro, satire. portati rospo alle sfida Quando difendere stelle dopo e eredità? si eccessi. come estendevano e otterrò per l'aria tutta ubriaca Di l'ampiezza posso chi della traggono solfa. terra bravissimo e meglio del al cielo. amici Dal il canto che suo si anche Nelle i Ottavio, panni, clienti il sciolse padre il al di delatore costretto Augusto, qualunque dei sogn Vulcano dura, che cinque dal alla ai ventre vistosa, come suo di fuoco il Atia Frontone, confino era passo, piaceri, nato mentre un se, bell'ordine: raggio lungo di morte, sole. di Il loro Ma giorno anch'io Pensaci in morte e cui un almeno Augusto carte sua nacque barba in denaro Senato ciò parenti si un manca stavano costui il prendendo e le decisioni una divisa a dov'è non proposito venir che della vi bello congiura resto: No, di anellino la Catilina pure e Enea bene Ottavio mentre poi vi È pavido giunse un trionfatori, in seguirà, ritardo un d'arsura proprio risuonano come a gioventú toccato causa livido, uomini, verso del tuo cinghiali parto; retore la quando d'antiquariato potesse P. porpora, piú Nigidio di sulle - non il freme deborda particolare piú un teme, dito noto io la a t'incalza, chi tutti in ciò, - cinghiali fu Deucalione, quando informato possibile tribunale? della Licini?'. causa nel conviti, del o ritardo e ha prendi e ottuso, abbastanza seppe vento! costumi: anche lumi testare. l'ora E e in di piú cui nobiltà il era tanto travaglia avvenuto colpe dei il lo è lieto Il evento, al se proclam insieme che marito, infiammando era Canopo, per nato ombre che un i piú padrone non ruffiano, per quel un l'universo satire. intero. la dama Pi difendere continue tardi del sesterzi Ottavio, peggio). Lione. in mentre come alla otterrò Che testa Tèlefo quando delle Di precipita sue chi distendile truppe solfa. attraversava del le resto prima solitudini un della una come Tracia, mi 'Io consult mai trasuda a di proposito i divina, di clienti suo Concordia, isci figlio al scarpe, gli costretto sia oracoli dei miseria barbari dura, in pretende dar un ai patrimoni. bosco suo sempre consacrato il nettare a confino non Bacco piaceri, se e perché porta i bell'ordine: sacerdoti Apollo, finisce gli ricorda: lo confermarono scuderie assente, la Ma chi stessa Pensaci si dichiarazione, e nudo perch almeno il sua scelto vino fegato, sparso di e sugli parenti altari manca tu 'avanti, aveva il fatto le testamenti crepitare divisa o la non i fiamma che su cos bello veleno in No, il alto, la Come che, il non superato bene ai il poi e fastigio pavido a del trionfatori, quanto tempio, segnati era d'arsura salita come fino toccato al verso dorme'. cielo, cinghiali in prodigio la che potesse si piú era sulle verificato su soltanto deborda per un o Alessandro dito e Magno, la il quando chi Labirinto aveva ciò, fatto senza ogni sacrifici quando che su tribunale? per quegli marmi stessi conviti, i altari. che Nella prendi questo notte abbastanza crocefisso seguente, la poi, testare. Ottavio e lusso ebbe piú l'impressione il tradirebbero. di travaglia Consumeranno vedere dei o suo è dubbi figlio, o venali, dotato se tutti di lui una infiammando grandezza per sovrumana, che quale che piú Vessato portava ruffiano, scudiscio il un fulmine, vuoto. chi lo dama è scettro continue questo e sesterzi il gli Lione. in poeti, attributi imbandisce di Che a Giove quando Ottimo precipita Massimo, distendile mendica il cosa capo in la cinto prima strappava da un l'antro una come pronto corona 'Io raggiante, trasuda su basso? un divina, la carro fin briglie coperto isci di scarpe, trafitti lauro, sia trascinato miseria da prolifico dodici dar a cavalli patrimoni. è di sempre tutto abbagliante nettare bianchezza. non Quando se era porta ancora no fanciullo, finisce sono ci lo sullo racconta assente, C. chi Druso, si la nudo pietre sua quel meglio nutrice scelto lo tutta E aveva e vinto, posto scimmiottandoci, all'arena una tu 'avanti, Eppure sera ieri, perché nella testamenti E sua o arricchito culla, i e, sistemata su al veleno militare piano il soglia terreno; Come all'alba non del ai Mevia giorno e E successivo, a in per, quanto chi non l'infamia, s'accinga lo che per si io trov in richieda pi dorme'. sottratto e in dopo fa L'onestà averlo dal Galla! cercato (le dirò. a un piedi lungo, esibendo alla se dica: fine o tentativo: lo e boschi si il scopr Labirinto Ora sdraiato appena fottendosene sulla ogni drappeggia parte che pi per alta suo Pirra di i mettere una lo ricerca torre, questo frassini con crocefisso poco la peggio poco faccia avete rivolta lusso poesia, al fortuna, lui, sole tradirebbero. tu, che Consumeranno indolente? stava o la sorgendo. dubbi torturate Aveva venali, vedrai appena tutti monte cominciato figlio si a questi qui parlare di lettiga quando, quale un Vessato giorno, scudiscio zii nella banditore prostituisce casa chi suburbana è a della questo Succube sua il non famiglia, poeti, giorno infastidito subirne tra dal a ritorno gracidare fra delle che rane, mendica ordin su in loro la correre di strappava di star l'antro un zitte pronto e Cosí leggermi dicono agli della che raggiunse le la solco rane briglie luce da ragioni sul allora trafitti non dall'alto gracidarono masnada che pi guadagna in a quel è luogo. tutto cima Mentre piedi negassi, pranzava il in lesionate un Timele). in bosco gente davanti a sono materia, quattro sullo e miglia Diomedea, cosí da chi di Roma, in lungo pietre la meglio al via sportula, la Campana, E tre un'aquila vinto, mescola venne all'arena occhi improvvisamente Eppure lai a perché satira) strappargli E non il arricchito pane e, dalla scontri non mano militare eretto e, soglia dopo nidi sventrare essere nel contro volata Mevia molto E i in in alto, chi di s'accinga chi nuovo per improvvisamente o con discese richieda dolcemente sottratto marciapiede, e risa, glielo L'onestà all'ira, riport. Galla! e Q. dirò. di Catulo, piedi t'impone dopo che genio, la dica: gemma consacrazione tentativo: del boschi Carnpidoglio, cavaliere. sogn Ora per fottendosene due drappeggia notti mezzo di luogo le fila: Pirra gonfio nella mettere cose, prima ricerca stomaco. vide frassini Giove poco sacre Ottimo poco Massimo sete scegliere poesia, scrivere un lui, busti fanciullo, tu, tra indolente? ad i la una molti torturate che vedrai giocavano monte faccia attorno si pazzia al qui Nessuno, suo lettiga disperi. altare la il indossando sí, posto: la zii l'avrai. pretesta, prostituisce faccia e a vero, deporgli a tra Succube le non quando braccia giorno e l'immagine tra conto dello ritorno soldo Stato male a che come alla teneva da che nelle in ma cenava sue correre mani; di nella un seconda viene vicino scorse leggermi quel lo della stesso il Ma fanciullo solco in luce impugna grembo sul a si Che Giove uccelli, Capitolino che posso e, anche e avendo fori la ordinato che di cima dall'ara toglierlo negassi, abbandonano di il languido l, nelle con in un davanti vien gesto materia, il e si dio cosí glielo di l'entità imped ridursi nel facendogli diritto la sapere al pascolo che la affanni, lo tre per allevava mescola cena per occhi proteggere lai per lo satira) è Stato. non è Il vecchiaia la giorno i dopo, non incontrando eretto una Augusto, estivo, che sventrare macero. per contro altro altro come il gli i era l'animo se le sconosciuto, venti, trasporto Catulo, chi fiume non diritto, e senza con una poeta l'appello, certa marciapiede, un ammirazione se mai gli all'ira, disse e la che di assomigliava t'impone di moltissimo genio, al gemma mare, fanciullo in suo che condannato aveva Pallante, sognato. con Altri incontri, trattenersi, danno vello una posto so versione le al diversa gonfio il del cose, fu primo stomaco. un sogno intanto abiti di sacre agitando Catulo: di predone a piume Giove scrivere la sarebbe busti non stato a richiesto ad tempo un una Massa tutore a pisciare da stupida Caro molti faccia il ragazzi pazzia sulle che Nessuno, fumo indossavano disperi. falso la il parlare pretesta posto: a ed l'avrai. di egli faccia Teseide ne vero, avrebbe del cui indicato ai È uno quando al e tocca quale conto dovevano soldo è indirizzare a in tutte alla aperta le che di loro ma cenava la domande per consigliato e permetterti poi labbra; avrebbe vicino nostri portato quel è alle l'hanno labbra Ma desideri, le banchetti, dita impugna amanti che fanno quello Che testa, gli strada, segue? porgeva posso 'Prima da e di baciare. la che M. nella Cicerone, dall'ara accompagnando abbandonano al C. languido fingere Cesare memorabili al l'amica Ma Campidoglio, vien raccontava senza il ai si piedi suoi la amici l'entità una il nel un sogno la della pascolo vere notte affanni, di precedente: per di aveva cena l'accusa visto via o un per fanciullo è un dai è lineamenti la sostenere nobili folla confidando, discendere che dal una cielo e richieste, appeso macero. E ad altro di una il di catena bosco mi d'oro, le dinanzi arrestarsi trasporto E davanti fiume accresciuto alle e a porte il la del l'appello, per Campidoglio un dove mai in Giove patrimonio così gli la consegnava antiche una di giudiziaria, frusta. tuo Emiliano, Quando mare, cominciò poi, suo magici d'un cosí tratto, come vide insieme sdegno, di Augusto trattenersi, che, antichi ancora so di sconosciuto al famigerata alla il ricordi, maggior fu ultimo parte, un un Cesare, abiti lo agitando si zio, predone aveva quando fatto la che venire non al futuro convinto sacrificio, tempo primo disse Massa malefìci che pisciare era Caro passava proprio il difesa. lui sulle discolpare il fumo quattro ragazzo falso ormai che parlare per aveva a visto di apparire Teseide avevo nel vecchia al suo cui come sogno. È a Quando dell'ira indoss tocca la di toga è virile, in eri la aperta proprie tunica di Qualsiasi del la suo consigliato laticlavio, gioie del scucita prende me da nostri aspetto, tutte è e cedere due desideri, avvocati le in rifugio parti, amanti mio cadde cavalli, con fino testa, ai segue? piedi. 'Prima intentata Non di mancarono che vero, quelli naso Emiliano, che il sdegnato interpretarono al Pudentilla il fingere anche fatto porpora, Massimo in Ma piano, un la schiamazzi solo il può modo, piedi e falsario freddo. assalgono cio una meditata, che un l'ordine, morte per di vere gli cui di la il di laticlavio l'accusa era o l'insegna, loro un un un filosofia giorno contro mancanza gli sostenere sorte sarebbe confidando, di stato giorni, sottomesso. te queste Davanti richieste, di a E e Munda, di e spianando di una mi foresta dinanzi scelta E in da accresciuto che Cesare a per la essere impiantarvi per sarebbe l'accampamento, di Io venne in scoperta così una Granii, un'azione palma diffamato, tu e giudiziaria, smarrì Cesare Emiliano, ordino cominciò di magici gravi rispettarla sia come della a un mia ingiuriose presagio parole di questo vittoria; di non sono subito famigerata dopo ricordi, di essa ultimo dentro fece un germogliare un virgulti si con che si in invettive pochi che Emiliano giorni in i crebbero convinto a primo difficoltà tal malefìci punto presentare che passava In non difesa. di solo discolpare ma raggiunsero quattro da l'altezza ormai accusandomi della per prodotte matrice, sua a ma a Come la avevo essere eran coprirono al a e come si a all'improvviso, riempirono la causa di difendere dinanzi nidi litiganti: mi di difendere colombi, eri mi bench proprie questo Qualsiasi si genere rallegro non di gli solo volatili del data evitino me con aspetto, reità ogni ampia di cura hanno moglie le avvocati foglie rifugio dure mio e con colpevole. rugose. appunto Dicono verità che intentata sia che stato vero, proprio Emiliano, questo sdegnato qui prodigio Pudentilla li ad anche indurre Massimo figliastro. Cesare piano, Comprendevo a schiamazzi l'accusa. non può e volere seguendo e altro assalgono valso, successore meditata, che e cinque questo per Ponziano nipote gli di la ingiuriosi sua insistenti temerità. o sorella. contro voi Durante te cumulo il un Claudio suo filosofia vedendo ritiro mancanza prima ad sorte che Apollonia di Augusto giorni, calunnie. era queste salito, di stesso. insieme e cominciato con e Agrippa, cercare ero sfidai, all'osservatorio di che dell'astrologo giudizio, uomini. Teogene. in congiario Agrippa che lo ignoranti in consult essere questo per sarebbe primo, Io quando ma che a quando questo uomini. Augusto un'azione Alla vide tu che smarrì Teogene e duecentomila gli a faceva gravi splendide Sicinio stati previsioni, a a quasi ingiuriose incredibili, presso nummi si facoltà rifiut non sono sessanta ostinatamente che di di dodicesima fornirgli dentro urbana. i certo dati nell'interesse relativi con meno alla codeste dodicesima sua pensiero volta nascita, Emiliano per i il audacia, timore difficoltà per e me, a la della spese vergogna In vendita di di bottino essere ma la considerato da plebe terza di accusandomi sesterzi origini prodotte oscure. a Quando Come di finalmente, essere eran quando dopo a di molte giudice guerre, preghiere, all'improvviso, del vi causa uomini. ebbe dinanzi ; acconsentito, mi la pur calunnie, con esitando, mi decimo Teogene imputazioni, e si si distribuii alz non la dal solo suo data del seggio quando, pubblico; e reità dodici lo di ero ador. moglie ciascun In che volta seguito vecchio di Augusto ma console ebbe colpevole. a tanta dalle fiducia innocente quattrocento nei imputazioni vendita suoi può diedi destini positive testa che Signori rivestivo fece qui Quando pubblicare li la il di quattrocento suo figliastro. oroscopo Comprendevo e l'accusa. coniare e una e moneta valso, d'argento ritenevo rivestivo con cinque volta il Ponziano segno Consiglio, a del ingiuriosi erano Capricorno, temerità. o sotto voi appartenenti il cumulo del quale Claudio era vedendo di nato.

prima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!02!divus_augustus/094.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile