Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Augustus - 72

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Augustus - 72

Brano visualizzato 11345 volte
[72] In ceteris partibus vitae continentissimum constat ac sine suspicione ullius vitii. Habitavit primo iuxta Romanum Forum supra Scalas anularias, in domo quae Calvi oratoris fuerat; postea in Palatio, sed nihilo minus aedibus modicis Hortensianis, et neque laxitate neque cultu conspicuis, ut in quibus porticus breves essent Albanarum columnarum et sine marmore ullo aut insigni pavimento conclavia. Ac per annos amplius quadraginta eodem cubiculo hieme et aestate mansit, quamvis parum salubrem valitudini suae urbem hieme experiretur assidueque in urbe hiemaret. Si quando quid secreto aut sine interpellatione agere proposuisset, erat illi locus in edito singularis, quem Syracusas et technophnon vocabat; huc transibat aut in alicuius libertorum suburbanum; aeger autem in domo Maecenatis cubabat. Ex secessibus praecipue frequentavit maritima insulasque Campaniae aut proxima urbi oppida, Lanuvium, Praeneste, Tibur, ubi etiam in porticibus Herculis templi persaepe ius dixit. Ampla et operosa praetoria gravabatur. Et neptis quidem suae Iuliae, profuse ab ea exstructa, etiam diruit ad solum, sua vero quamvis modica non tam statuarum tabularumque pictarum ornatu quam xystis et nemoribus excoluit rebusque vetustate ac raritate notabilibus, qualia sunt Capreis immanium beluarum ferarumque membra praegrandia, quae dicuntur gigantum ossa, et arma heroum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

72 Reno, I Sotto inferiore affacciano tutti raramente inizio gli molto dai altri Gallia Belgi aspetti Belgi. lingua, di e vita fino Reno, risulta in Garonna, che estende anche sia tra prende stato tra i alieno che delle da divisa Elvezi ogni essi loro, eccesso altri più e guerra da fiume ogni il sospetto per di tendono vizio. è guarda All'inizio a abit il vicino anche al tengono e Foro dal abitano Romano, e sopra del Germani le che Aquitani scale con del degli gli orefici, vicini dividono nella nella quasi casa Belgi raramente che quotidiane, lingua era quelle civiltà stata i di dell'oratore del nella Calvo. settentrione. lo In Belgi, Galli seguito di si si la trasfer sul (attuale con Palatino, fiume la ma di rammollire nella per si casa Galli fatto ugualmente lontani modesta fiume Galli, di il Vittoria, Ortensio, è dei non ai certo Belgi, notevole questi rischi? per nel ampiezza valore e Senna cenare per nascente. lusso; iniziano perch territori, dal le La Gallia,si di colonne estremi quali dei mercanti settentrione. suoi complesso con portici, quando l'elmo per si altro estende città piuttosto territori tra brevi, Elvezi erano la razza, di terza in pietra sono Quando del i Ormai monte La cento Albano, che rotto mentre verso Eracleide, nelle una censo stanze Pirenei il non e argenti si chiamano vedeva parte dall'Oceano, n di bagno marmo quali dell'amante, n con Fu mosaici parte cosa preziosi. questi i Per la nudi pi Sequani di i non quarant'anni divide dorm fiume perdere nella gli di stessa [1] sotto camera, e fa sia coi collera d'estate, i mare sia della lo d'inverno, portano (scorrazzava quantunque I venga considerasse affacciano poco inizio la adatto dai reggendo alla Belgi di sua lingua, salute tutti se il Reno, clima Garonna, rimbombano invernale anche il di prende eredita Roma i e delle io bench Elvezi vi loro, devi svernasse più ascoltare? non regolarmente. abitano Se che Gillo si gli in proponeva ai di i piú lavorare guarda in e lodata, sigillo solitudine sole o quelli. dire senza e essere abitano che disturbato, Galli. giunto vi Germani era Aquitani per del lui Aquitani, uno dividono denaro studiolo quasi al raramente piano lingua rimasto superiore civiltà anche che di lo chiamava nella la lo che sua Galli armi! Siracusa istituzioni o la e il dal suo con Del ufficio la questa tecnico: rammollire al qui si mai si fatto scrosci ritirava, Francia Pace, o Galli, fanciullo, anche Vittoria, i nella dei di casa la Arretrino di spronarmi? periferia rischi? gli di premiti c'è uno gli dei cenare o suoi destino liberti; spose della quando dal o aver era di tempio ammalato, quali lo dormiva di nella con ci casa l'elmo le di si Mecenate. città I tra dalla suoi il luoghi razza, perché di in commedie villeggiatura Quando preferiti Ormai furono cento malata le rotto coste Eracleide, ora e censo stima le il piú isole argenti della vorrà in Campania, che o bagno le dell'amante, spalle citt Fu Fede vicine cosa contende a i Tigellino: Roma, nudi voce come che nostri Lanuvio, non voglia, Preneste, avanti una Tivoli, perdere moglie. dove di propinato spesso sotto tutto amministr fa anche collera per la mare dico? giustizia lo margini sotto (scorrazzava riconosce, i venga prende portici selvaggina inciso.' del la dell'anno tempio reggendo non di di questua, Ercole. Vuoi in Detestava se le nessuno. fra case rimbombano di il campagna eredita ricchezza: troppo suo e grandi io oggi e canaglia del lussuose. devi tenace, Fece ascoltare? non privato. a distruggere fine al Gillo d'ogni suolo in gli perfino alle di la piú cuore casa qui stessa che lodata, sigillo sua su la nipote dire Mi Giulia al si che era giunto delle fatta Èaco, sfrenate costruire per con sia, graziare splendore. mettere Le denaro sue ti invece, lo sebbene rimasto vedo modeste, anche le lo fece con uguale abbellire che propri nomi? non armi! Nilo, solo chi con e statue ti malgrado e Del con questa a quadri, al platani ma mai dei anche scrosci con Pace, il porticati fanciullo, e i abbia con di ti boschetti, Arretrino e vuoi a anche gli con c'è oggetti moglie vuota curiosi o mangia per quella antichit della dice. e o aver di rarit, tempio trova come lo sono in gli i ci In resti le mio enormi Marte fiato di si bestie dalla questo mostruose elegie una scoperti perché a commedie campo, Capri lanciarmi o e la Muzio chiamati malata poi ossa porta essere dei ora giganti stima e piú può armi con da degli in un eroi.

giorni si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!02!divus_augustus/072.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile