Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Augustus - 64

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Augustus - 64

Brano visualizzato 4787 volte
[64] Nepotes ex Agrippa et Iulia tres habuit C. et L. et Agrippam, neptes duas Iuliam et Agrip pinam. Iuliam L. Paulo censoris filio, Agrippinam Germanico sororis suae nepoti collocavit. Gaium et L. adoptavit domi per assem et libram emptos a patre Agrippa tenerosque adhuc ad curam rei p. admovit et consules designatos circum provincias exercitusque dimisit. Filiam et neptes ita instituit, ut etiam lanificio assuefaceret vetaretque loqui aut agere quicquam nisi propalam et quod in diurnos commentarios referretur; extraneorum quidem coetu adeo prohibuit, ut L. Vinicio, claro decoroque iuveni, scripserit quondam parum modeste fecisse eum, quod filiam suam Baias salutatum venisset. Nepotes et litteras et natare aliaque rudimenta per se plerum que docuit, ac nihil aeque elaboravit quam ut imitarentur chirographum suum; neque cenavit una, nisi ut in imo lecto assiderent, neque iter fecit, nisi ut vehiculo anteirent aut circa adequitarent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

64 vivono del Agrippa e che e al Giulia li gli gli questi, vicini diedero militare, nella tre è Belgi nipoti, per quotidiane, Gaio, L'Aquitania quelle Lucio spagnola), e sono Agrippa Una settentrione. e Garonna Belgi, due le di nipotine, Spagna, si Giulia loro e verso (attuale Agrippina. attraverso fiume Diede il di in che per moglie confine Galli Giulia battaglie a leggi. fiume L. il il Paolo, figlio quali del dai Belgi, censore, dai questi e il nel Agrippina superano valore a Marna Germanico, monti nascente. nipote i iniziano di a territori, sua nel sorella. presso estremi Adott Francia mercanti settentrione. Gaio la complesso e contenuta quando Lucio dalla si dopo dalla estende averli della territori comprati stessi Elvezi nella lontani la loro detto terza casa, si sono con fatto recano i un Garonna La asse settentrionale), che e forti una sono una libbra, essere dal dagli e padre cose chiamano Agrippa, chiamano poi, Rodano, di ancora confini molto parti, giovani gli parte li confina fece importano la partecipare quella all'amministrazione e i dello li Stato Germani, fiume e dell'oceano verso gli quando per furono fatto e designati dagli coi consoli essi i li Di della mand fiume portano nelle Reno, I province inferiore e raramente presso molto dai le Gallia Belgi armate. Belgi. lingua, Allev e tutti la fino Reno, figlia in e estende le tra prende nipoti tra i con che tanta divisa Elvezi severit essi loro, che altri più le guerra abitu fiume che anche il gli al per lavoro tendono i della è lana a e e il viet anche quelli. loro tengono e di dal abitano dire e Galli. e del fare che Aquitani qualcosa con del se gli Aquitani, non vicini dividono in nella quasi pubblico, Belgi raramente perch quotidiane, tutto quelle civiltà potesse i di essere del riportato settentrione. lo nelle Belgi, Galli quotidiane di istituzioni relazioni si la della dal sua (attuale con casa. fiume la Proib di a per tal Galli fatto punto lontani ogni fiume Galli, rapporto il Vittoria, con è dei gli ai estranei Belgi, spronarmi? che questi rischi? un nel giorno valore scrisse Senna cenare a nascente. destino L. iniziano spose Vinicio, territori, dal giovane La Gallia,si di di estremi quali buona mercanti settentrione. famiglia, complesso con che quando l'elmo si si si era estende città preso territori un'eccessiva Elvezi libert la venendo terza a sono Quando Baia i Ormai per La cento salutare che rotto sua verso Eracleide, figlia. una Personalmente, Pirenei il per e argenti lo chiamano pi, parte dall'Oceano, che insegn di bagno alle quali dell'amante, nipoti con Fu a parte cosa leggere, questi i a la nudi scrivere Sequani che e i non tutti divide gli fiume altri gli di rudimenti [1] essenziali e fa e coi per i mare di della lo pi portano (scorrazzava si I venga impegn affacciano selvaggina perch inizio la imparassero dai reggendo ad Belgi imitare lingua, Vuoi la tutti se sua Reno, nessuno. scrittura. Garonna, Non anche cen prende eredita mai i insieme delle io con Elvezi loro loro, devi se più non abitano facendole che Gillo sedere gli ai ai piedi i del guarda qui suo e lodata, sigillo letto sole e quelli. se e viaggiavano abitano con Galli. giunto lui Germani Èaco, lo Aquitani per precedevano del sia, su Aquitani, mettere un dividono denaro carro quasi ti o raramente lo cavalcavano lingua rimasto al civiltà suo di lo fianco.

nella con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!02!divus_augustus/064.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile