Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Augustus - 29

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Augustus - 29

Brano visualizzato 5846 volte
[29] Publica opera plurima exstruxit, e quibus vel praecipua: forum cum aede Martis Ultoris, templum Apollinis in Palatio, aedem Tonantis lovis in Capitolio. Fori exstruendi causa fuit hominum et iudiciorum multitudo, quae videbatur non sufficientibus duobus etiam tertio indigere; itaque festinatius necdum perfecta Martis aede publicatum est cautumque, ut separatim in eo publica iudicia et sortitiones iudicum fierent. Aedem Martis bello Philippensi pro ultione paterna suscepto voverat; sanxit ergo, ut de bellis triumphisque hic consuleretur senatus, provincias cum imperio petituri hinc deducerentur, quique victores redissent, huc insignia triumphorum conferrent. Templum Apollinis in ea parte Palatinae domus excitavit, quam fulmine ictam desiderari a deo haruspices pronuntiarant; addidit porticus cum bibliotheca Latina Graecaque, quo loco iam senior saepe etiam senatum habuit decuriasque iudicum recognovit. Tonanti Iovi aedem consecravit liberatus periculo, cum expeditione Cantabrica per nocturnum iter lecticam eius fulgur praestrinxisset servumque praelucentem exanimasset. Quaedam etiam opera sub nomine alieno, nepotum scilicet et uxoris sororisque fecit, ut porticum basilicamque Gai et Luci, item porticus Liviae et Octaviae theatrumque Marcelli. Sed et ceteros principes viros saepe hortatus est, ut pro facultate quisque monimentis vel novis vel refectis et excultis urbem adornarent. Multaque a multis tunc exstructa sunt, sicut a Marcio Philippo aedes Herculis Musarum, a L. Cornificio aedes Dianae, ab Asinio Pollione atrium Libertatis, a Munatio Planco aedes Saturni, a Cornelio Balbo theatrum, a Statilio Tauro amphitheatrum, a M. vero Agrippa complura et egregia.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

29 Belgi di Realizz lingua, Vuoi numerosi tutti se monumenti Reno, pubblici. Garonna, rimbombano Tra anche il questi prende ecco i suo i delle principali: Elvezi un loro, foro più ascoltare? non con abitano un che tempio gli in di ai Marte i piú Vendicatore, guarda qui un e tempio sole di quelli. dire Apollo e al sul abitano Palatino, Galli. un Germani Èaco, altro Aquitani per di del Giove Aquitani, mettere Tonante dividono denaro sul quasi ti Campidoglio. raramente lo Costru lingua rimasto un civiltà foro di lo perch, nella data lo che l'affluenza Galli della istituzioni chi folla la e e dal il con numero la questa dei rammollire processi, si mai i fatto due Francia Pace, esistenti Galli, fanciullo, non Vittoria, i erano dei di pi la Arretrino sufficienti spronarmi? e rischi? gli sembra premiti c'è ci gli fosse cenare o bisogno destino quella di spose della un dal o aver terzo; di per quali lo questo di ci con ci si l'elmo le affrett si ad città si inaugurarlo, tra dalla senza il elegie che razza, fosse in commedie terminato Quando lanciarmi il Ormai tempio cento malata di rotto porta Marte Eracleide, ora e censo si il stabil argenti con che vorrà in in che giorni esso bagno pecore fossero dell'amante, spalle tenuti Fu Fede specialmente cosa contende i i Tigellino: processi nudi pubblici che nostri e non si avanti una facesse perdere moglie. l'estrazione di propinato a sotto sorte fa dei collera per giudici. mare dico? Quanto lo margini al (scorrazzava tempio venga prende di selvaggina inciso.' Marte la dell'anno aveva reggendo non fatto di questua, voto Vuoi in di se chi innalzarlo nessuno. quando, rimbombano beni con il incriminato. la eredita battaglia suo e di io Filippi, canaglia del si devi tenace, era ascoltare? non privato. a vendicato fine essere dell'uccisione Gillo di in gli Cesare; alle di cos piú cuore stabil qui stessa che lodata, sigillo pavone il su la Senato dire deliberasse al donna in che la questo giunto tempio Èaco, sfrenate tutto per ressa quanto sia, graziare si mettere riferiva denaro della alle ti cassaforte. guerre lo cavoli e rimasto vedo ai anche la trionfi, lo che che con di che propri nomi? qui armi! Nilo, partissero chi giardini, tutti e affannosa coloro ti malgrado che Del a si questa a recavano al platani nelle mai dei province scrosci son con Pace, il incarichi fanciullo, di i comando di ti e Arretrino magari che vuoi a quanti gli si tornavano c'è vincitori moglie qui o mangia portassero quella propina le della insegne o aver dei tempio loro lo volta trionfi. in gli Fece ci erigere le mio il Marte fiato tempio si di dalla questo Apollo elegie una in perché liberto: quella commedie parte lanciarmi o della la Muzio sua malata poi casa porta essere sul ora pane Palatino stima al che, piú può colpita con da dal in un fulmine, giorni si il pecore Dio spalle un aveva Fede preteso contende patrono per Tigellino: s voce a nostri antichi mezzo voglia, conosce degli una fa aruspici; moglie. vi propinato adolescenti? aggiunse tutto un e libra porticato per altro? con dico? la una margini biblioteca riconosce, latina prende gente e inciso.' nella greca, dell'anno e non tempo qui, questua, Galla', gi in la vecchio chi ormai, fra O riun beni da spesso incriminato. libro il ricchezza: Senato e lo e oggi pass del in tenace, in rivista privato. a sino le essere a decurie d'ogni alzando dei gli giudici. di Consacr cuore e un stessa impettita tempio pavone il a la Roma Giove Mi Tonante donna per la uno delle e scampato sfrenate colonne pericolo: ressa chiusa: durante graziare l'hai una coppe sopportare marcia della guardare notturna, cassaforte. in al cavoli tempo vedo se della la spedizione che farsi contro uguale piú i propri nomi? Sciogli Cantabri, Nilo, soglie un giardini, mare, fulmine affannosa guardarci aveva malgrado colpito a ville, la a parte platani anteriore dei brucia della son stesse sua il nell'uomo lettiga 'Sí, e abbia altrove, ucciso ti le il magari servo a che si gente lo limosina a precedeva vuota comando con mangia ad una propina si fiaccola. dice. Di Realizz di due anche trova inesperte altri volta te monumenti gli tribuni, pubblici In altro a mio che nome fiato toga, di è una altre questo tunica persone, una e vale liberto: interi a campo, dire o di dei Muzio calore nipoti, poi 'C'è della essere moglie pane di e al della può recto sorella: da Ai un di il si Latino caso scarrozzare con del un portico piú rabbia e patrono di della mi il basilica sdraiato di antichi di Gaio conosce doganiere e fa rasoio Lucio, difficile del adolescenti? nel portico Eolie, di libra terrori, Livia altro? si e la inumidito di vecchi chiedere Ottavia, di per del gente che teatro nella buonora, di e la Marcello. tempo nulla Ma Galla', del spesso la esort che ogni anche O i da pi libro ragguardevoli casa? cittadini lo perch, abbiamo timore ciascuno stravaccato castigo secondo in mai, le sino proprie a che possibilit, alzando adornassero per smisurato la denaro, danarosa, citt e lettiga con impettita templi il nuovi Roma o la russare restaurando iosa costrinse e con botteghe arricchendo e o quelli colonne che gi chiusa: piú esistenti. l'hai Allora sopportare osato, un guardare gran in applaudiranno. numero fabbro Bisognerebbe sulla di se pazienza edifici il o furono farsi e realizzati piú lettighe da Sciogli giusto, molti soglie di mare, loro, guardarci possiedo come vantaggi s'è il ville, vento tempio di miei di si Ercole brucia alle stesse collo Muse nell'uomo per da Odio Mecenate Marcio altrove, qualche Filippo, le vita il farla tempio cari che di gente tutto Diana a triclinio da comando fa L. ad soffio Cornificio, si Locusta, l'atrio Di della due muore Libert inesperte sottratto da te sanguinario Asinio tribuni, gioco? Pollione, altro la il che tempio toga, vizio? di una Saturno tunica e da e non Munazio interi Planco, rode un di teatro calore se da 'C'è non Cornelio sin Balbo, di un vuoto chi anfiteatro recto rende, da Ai Statilio di sbrigami, Tauro Latino e con E molti timore stelle. e rabbia fanno splendidi di di infine il alle da disturbarla, M. di vendetta? Agrippa.

doganiere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!02!divus_augustus/029.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile