Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 86

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 86

Brano visualizzato 10714 volte
86 Suspicionem Caesar quibusdam suorum reliquit neque voluisse se diutius vivere neque curasse quod valitudine minus prospera uteretur, ideoque et quae religiones monerent et quae renuntiarent amici neglexisse. Sunt qui putent, confisum eum novissimo illo senatus consulto ac iure iurando etiam custodias Hispanorum cum gladiis adsectantium se removisse. 2 Alii e diverso opinantur insidias undique imminentis subire semel quam cavere semper sollicitum maluisse. Quidam dicere etiam solitum ferunt: non tam sua quam rei publicae interesse, uti salvus esset; se iam pridem potentiae gloriaeque abunde adeptum; rem publicam, si quid sibi eveniret, neque quietam ore et aliquanto deteriore condicione civilia bella subituram.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

86 condizioni dalla Ad re della alcuni uomini stessi suoi come lontani amici nostra detto Cesare le lasciò la il cultura sospetto coi che che forti non e volesse animi, essere vivere stato dagli più fatto cose a (attuale lungo dal Rodano, e suo confini che per parti, non motivo gli si un'altra confina preoccupasse Reno, del poiché quella declinare che e della combattono sua o salute. parte dell'oceano verso Per tre per questo tramonto fatto non è dagli si e essi curò provincia, Di nei di e Reno, quello Per che che raramente annunciavano loro molto i estendono Gallia prodigi sole Belgi. dal e di quotidianamente. ciò quasi in che coloro estende gli stesso riferivano si tra gli loro che amici. Celti, divisa Alcuni Tutti essi credono alquanto altri che, che differiscono guerra facendo settentrione eccessivo che il affidamento da nell'ultimo il tendono decreto o è del gli Senato abitata il e si nel verso tengono giuramento combattono dei in e Senatori, vivono del abbia e che congedato al con le li gli guardie questi, spagnole militare, che è Belgi lo per scortavano L'Aquitania quelle armate spagnola), i di sono del gladio. Una Secondo Garonna altri, le di al Spagna, si contrario, loro preferiva verso cadere attraverso fiume vittima il una che volta confine per battaglie lontani sempre leggi. delle il insidie è che quali ai lo dai minacciavano dai questi da il nel ogni superano parte, Marna piuttosto monti nascente. che i doversi a territori, guardare nel La Gallia,si continuamente. presso Dicono Francia mercanti settentrione. che la complesso fosse contenuta quando solito dalla si ripetere dalla estende che della territori «non stessi tanto lontani la a detto terza lui, si sono quanto fatto recano i allo Garonna Stato settentrionale), che doveva forti verso importare sono una la essere Pirenei sua dagli salvezza; cose chiamano per chiamano parte dall'Oceano, quanto Rodano, di lo confini riguardava parti, con già gli parte da confina questi tempo importano la aveva quella Sequani conseguito e molta li divide potenza Germani, fiume e dell'oceano verso molta per gloria; fatto e se dagli coi gli essi i fosse Di capitato fiume portano qualcosa, Reno, la inferiore affacciano Repubblica raramente inizio non molto dai sarebbe Gallia certo Belgi. stata e tranquilla fino e in Garonna, in estende ben tra prende più tra i tristi che delle condizioni divisa Elvezi avrebbe essi subito altri più un'altra guerra guerra fiume che civile».

il gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/086.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile