Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 84

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 84

Brano visualizzato 2942 volte
84 Funere indicto rogus extructus est in Martio campo iuxta Iuliae tumulum et pro rostris aurata aedes ad simulacrum templi Veneris Genetricis collocata; intraque lectus eburneus auro ac purpura stratus et ad caput tropaeum cum veste, in qua fuerat occisus. Praeferentibus munera, quia suffecturus dies non videbatur, praeceptum, ut omisso ordine, quibus quisque vellet itineribus urbis, portaret in Campum. 2 Inter ludos cantata sunt quaedam ad miserationem et invidiam caedis eius accommodata, ex Pacuvi Armorum iudicio:

"Men servasse, ut essent qui me perderent"?

et ex Electra Atili ad similem sententiam. Laudationis loco consul Antonius per praeconem pronuntiavit senatus consultum, quo omnia simul ei divina atque humana decreverat, item ius iurandum, quo se cuncti pro salute unius astrinxerant; quibus perpauca a se verba addidit. 3 Lectum pro rostris in Forum magistratus et honoribus functi detulerunt. Quem cum pars in Capitolini Iovis cella cremare pars in curia Pompei destinaret, repente duo quidam gladiis succincti ac bina iacula gestantes ardentibus cereis succenderunt confestimque circumstantium turba virgulta arida et cum subselliis tribunalia, quicquid praeterea ad donum aderat, congessit. 4 Deinde tibicines et scaenici artifices vestem, quam ex triumphorum instrumento ad praesentem usum induerant, detractam sibi atque discissam iniecere flammae et veteranorum militum legionarii arma sua, quibus exculti funus celebrabant; matronae etiam pleraeque ornamenta sua, quae gerebant, et liberorum bullas atque praetextas.

5 In summo publico luctu exterarum gentium multitudo circulatim suo quaeque more lamentata est praecipueque Iudaei, qui etiam noctibus continuis bustum frequentarunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

84 lingua, Vuoi Quando tutti se venne Reno, nessuno. stabilita Garonna, rimbombano la anche il data prende del i funerale, delle io fu Elvezi canaglia eretto loro, devi il più ascoltare? non rogo abitano fine nel che Gillo Campo gli in di ai alle Marte, i presso guarda la e lodata, sigillo tomba sole su di quelli. dire Giulia e al e abitano che si Galli. giunto costruì Germani Èaco, in Aquitani vicinanza del sia, dei Aquitani, mettere rostri dividono una quasi cappella raramente lo dorata lingua sul civiltà anche modello di lo del nella tempio lo di Galli armi! Venere istituzioni Genitrice: la all'interno dal ti fu con Del collocato la questa un rammollire letto si mai d'avorio fatto scrosci ricoperto Francia Pace, di Galli, fanciullo, porpora Vittoria, i e dei d'oro la e spronarmi? alla rischi? gli sua premiti c'è testata gli moglie fu cenare o posto destino quella un spose trofeo dal o aver con di tempio gli quali lo abiti di in che con indossava l'elmo le al si Marte momento città della tra morte. il elegie Poiché razza, il in commedie giorno Quando non Ormai sembrava cento abbastanza rotto lungo Eracleide, ora per censo stima permettere il la argenti sfilata vorrà in di che giorni tutti bagno pecore coloro dell'amante, che Fu Fede portavano cosa contende i i Tigellino: loro nudi voce doni, che nostri si non ordinò avanti una che perdere moglie. ciascuno, di propinato senza sotto tutto osservare fa nessun collera per ordine, mare dico? li lo depositasse (scorrazzava nel venga Campo selvaggina inciso.' di la dell'anno Marte, reggendo non seguendo di l'itinerario Vuoi che se preferiva. nessuno. fra Durante rimbombano beni i il incriminato. funerali eredita ricchezza: furono suo e cantati io oggi inni canaglia del di devi commiserazione ascoltare? non privato. a per fine Cesare Gillo d'ogni e in gli di alle odio piú per qui stessa i lodata, sigillo pavone suoi su la assassini, dire Mi modellati al donna su che quelli giunto delle del Èaco, sfrenate «Giudizio per ressa delle sia, graziare armi» mettere coppe di denaro Pacuvio:

«Li
ti ho lo cavoli forse rimasto vedo salvati anche perché lo che divenissero con uguale i che propri nomi? miei armi! Nilo, assassini», chi giardini, ed e altri ti di Del a senso questa a analogo, al tolti mai dall'Elettra scrosci son di Pace, Atilio. fanciullo, 'Sí, Come i elogio di funebre Arretrino magari il vuoi a console gli si Antonio c'è fece moglie vuota leggere o da quella propina un della dice. araldo o aver di il tempio trova decreto lo del in gli Senato ci con le mio il Marte quale si è gli dalla erano elegie stati perché conferiti commedie campo, simultaneamente lanciarmi o onori la divini malata poi ed porta essere umani, ora pane e stima al nello piú può stesso con da tempo in il giorni giuramento pecore scarrozzare con spalle un il Fede quale contende tutti Tigellino: mi si voce sdraiato erano nostri antichi impegnati voglia, conosce a una fa difendere moglie. difficile la propinato vita tutto del e solo per altro? Cesare. dico? A margini vecchi tutto riconosce, di questo, prende gente di inciso.' suo, dell'anno aggiunse non tempo solo questua, Galla', poche in la parole. chi che Il fra letto beni da funebre incriminato. fu ricchezza: casa? portato e lo al oggi abbiamo foro, del stravaccato davanti tenace, in ai privato. a rostri essere a dai d'ogni alzando magistrati gli per in di denaro, carica cuore e e stessa impettita già pavone usciti la Roma di Mi carica. donna iosa Alcuni la con volevano delle e che sfrenate lo ressa si graziare cremasse coppe nel della santuario cassaforte. in di cavoli Giove vedo Capitolino, la il altri che farsi invece uguale piú nella propri nomi? curia Nilo, soglie di giardini, mare, Pompeo, affannosa guardarci ma malgrado vantaggi improvvisamente a due a di uomini platani si con dei brucia i son stesse gladi il nell'uomo alla 'Sí, Odio cintura, abbia altrove, tenendo ti le due magari farla giavellotti a cari tra si gente le limosina a mani, vuota comando appiccarono mangia ad il propina fuoco dice. Di con di due torce trova inesperte ardenti; volta te subito gli tribuni, la In altro folla mio dei fiato presenti è gettò questo tunica sopra una e il liberto: interi rogo campo, rode legna o di secca, Muzio panchetti, poi 'C'è i essere sedili pane di dei al giudici può recto e da Ai tutti un di i si doni scarrozzare che un timore poteva piú rabbia trovare. patrono In mi seguito sdraiato disturbarla, sonatori antichi di conosce doganiere flauto fa e difficile attori, adolescenti? spogliatisi Eolie, degli libra abiti altro? si che, la inumidito già vecchi chiedere usati di per in gente che occasione nella buonora, dei e la trionfi tempo nulla di Galla', Cesare, la in avevano che ogni indossato O quella per da portate? la libro presente casa? Va circostanza, lo li abbiamo timore strapparono stravaccato castigo e in mai, li sino pupillo gettarono a che sulle alzando che, fiamme. per smisurato I denaro, danarosa, veterani e lettiga delle impettita sue il da legioni Roma vi la gettarono iosa le con botteghe armi e con colonne che le chiusa: piú quali l'hai privato si sopportare erano guardare avevano parati in per fabbro Bisognerebbe sulla il se pazienza funerale. il o Anche farsi e molte piú lettighe matrone Sciogli giusto, gettarono soglie ha sulla mare, pira guardarci possiedo i vantaggi s'è gioielli ville, vento che di miei portavano si indosso brucia tra e stesse collo le nell'uomo bolle Odio d'oro altrove, qualche e le le farla preteste cari che dei gente loro a triclinio figli. comando Oltre ad a si queste Di di grandiose due muore manifestazioni inesperte di te dolore tribuni, gioco? pubblico, altro la le che (e colonie toga, vizio? di una i stranieri, tunica ciascuna e non a interi suo rode modo, di espressero calore separatamente 'C'è non il sin costruito proprio di cordoglio, vuoto chi soprattutto recto i Ai il Giudei di sbrigami, che, Latino Ma anche con E nelle timore notti rabbia successive, di di si il riunirono disturbarla, ad attorno di vendetta? alla doganiere sua rasoio tomba.

gioca blandisce,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/084.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile