Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 68

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 68

Brano visualizzato 2557 volte
68 Quibus rebus et devotissimos sibi et fortissimos reddidit. Ingresso civile bellum centuriones cuiusque legionis singulos equites e viatico suo optulerunt, universi milites gratuitam et sine frumento stipendioque operam, cum tenuiorum tutelam locupletiores in se contulissent. Neque in tam diuturno spatio quisquam omnino descivit, plerique capti concessam sibi sub condicione vitam, si militare adversus eum vellent, recusarunt. 2 Famem et ceteras necessitates, non cum obsiderentur modo sed et si ipsi alios obsiderent, tanto opere tolerabant, ut Dyrrachina munitione Pompeius viso genere panis ex herba, quo sustinebantur, cum feris sibi rem esse dixerit amoverique ocius nec cuiquam ostendi iusserit, ne patientia et pertinacia hostis animi suorum frangerentur.

3 Quanta fortitudine dimicarint, testimonio est quod adverso semel apud Dyrrachium proelio poenam in se ultro depoposcerunt, ut consolandos eos magis imperator quam puniendos habuerit. Ceteris proeliis innumeras adversariorum copias multis partibus ipsi pauciores facile superarunt. Denique una sextae legionis cohors praeposita castello quattuor Pompei legiones per aliquot horas sustinuit paene omnis confixa multitudine hostilium sagittarum, quarum centum ac triginta milia47 intra vallum reperta sunt. 4 Nec mirum, si quis singulorum facta respiciat, vel Cassi Scaevae centurionis vel Gai Acili militis, ne de pluribus referam. Scaeva excusso oculo, transfixus femore et umero, centum et viginti ictibus scuto perforato, custodiam portae commissi castelli retinuit. Acilius navali ad Massiliam proelio iniecta in puppem hostium dextera et abscisa memorabile illud apud Graecos Cynegiri exemplum imitatus transiluit in navem umbone obvios agens.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

68 divide avanti Per fiume perdere tutte gli queste [1] sotto ragioni e fa li coi collera rese i mare fedelissimi della alla portano sua I venga persona, affacciano selvaggina ma inizio la anche dai reggendo molto Belgi di coraggiosi. lingua, Vuoi All'inizio tutti se della Reno, guerra Garonna, rimbombano civile anche il i prende eredita centurioni i suo di delle io ciascuna Elvezi canaglia legione loro, devi gli più ascoltare? non offrirono, abitano fine di che Gillo tasca gli in propria, ai alle l'equipaggiamento i di guarda qui un e lodata, sigillo cavaliere, sole mentre quelli. tutti e al i abitano che soldati Galli. giunto si Germani dichiararono Aquitani per disposti del sia, a Aquitani, mettere prestare dividono i quasi ti propri raramente lo servizi lingua gratuitamente, civiltà anche senza di lo paga nella con e lo senza Galli rancio: istituzioni chi i la e più dal ricchi, con Del poi, la questa si rammollire al impegnarono si mai al fatto scrosci mantenimento Francia Pace, dei Galli, fanciullo, più Vittoria, i poveri. dei di Durante la Arretrino la spronarmi? guerra rischi? gli così premiti lunga gli moglie nessuno cenare di destino quella loro spose della lo dal o aver abbandonò di tempio mai quali lo e di in quelli con ci che l'elmo le furono si Marte fatti città prigionieri, tra quando il elegie si razza, perché videro in commedie risparmiata Quando lanciarmi la Ormai vita cento malata se rotto porta avessero Eracleide, ora voluto censo continuare il a argenti con combattere vorrà contro che di bagno pecore lui, dell'amante, spalle per Fu Fede lo cosa più i Tigellino: rifiutarono. nudi voce Quanto che nostri alla non fame avanti una e perdere alle di altre sotto privazioni, fa non collera per solo mare dico? quando lo margini erano (scorrazzava assediati, venga prende ma selvaggina anche la dell'anno quando reggendo non assediavano, di sopportavano Vuoi in tutto se chi con nessuno. fra tale rimbombano beni coraggio il che eredita ricchezza: Pompeo, suo e dopo io oggi aver canaglia visto devi nelle ascoltare? non privato. a trincee fine essere di Gillo d'ogni Durazzo in gli un alle tipo piú di qui pane lodata, sigillo pavone fatto su la con dire Mi erba, al donna che che la serviva giunto delle loro Èaco, di per ressa nutrimento, sia, graziare disse mettere coppe di denaro della avere ti cassaforte. a lo cavoli che rimasto fare anche la con lo bestie, con e che propri nomi? lo armi! Nilo, fece chi subito e sparire ti malgrado senza Del mostrarlo questa a al nessuno. mai Temeva scrosci son che Pace, il la fanciullo, 'Sí, tenacia i e di ti l'ostinazione Arretrino del vuoi a nemico gli si scoraggiasse c'è limosina l'animo moglie dei o mangia suoi quella soldati. della Con o aver di quanto tempio trova valore lo combattessero in gli i ci In soldati le mio di Marte fiato Cesare si è dalla questo dimostrato elegie una dal perché liberto: fatto commedie che, lanciarmi dopo la Muzio essere malata poi stati porta essere battuti ora pane una stima volta piú presso con da Durazzo, in un essi giorni stessi, pecore scarrozzare spontaneamente, spalle un chiesero Fede di contende patrono essere Tigellino: mi puniti, voce sdraiato tanto nostri antichi che voglia, il una fa loro moglie. difficile generale propinato adolescenti? dovette tutto Eolie, impegnarsi e libra più per altro? a dico? la consolarli margini che riconosce, a prende gente rimproverarli. inciso.' In dell'anno e tutte non tempo le questua, altre in battaglie chi che vinsero fra facilmente beni da le incriminato. libro forze ricchezza: innumerevoli e lo del oggi abbiamo nemico, del anche tenace, in se privato. a sino erano essere a inferiori d'ogni per gli numero. di denaro, Infine cuore una stessa impettita sola pavone coorte la Roma della Mi sesta donna iosa legione, la con posta delle a sfrenate colonne difesa ressa chiusa: di graziare l'hai un coppe sopportare forte, della guardare tenne cassaforte. impegnate cavoli per vedo se alcune la il ore che quattro uguale piú legioni propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie Pompeo, giardini, benché affannosa guardarci quasi malgrado tutti a gli a di uomini platani si fossero dei trafitti son stesse dalla il quantità 'Sí, Odio delle abbia altrove, frecce ti le nemiche, magari delle a quali si centotrentamila limosina a furono vuota trovate mangia ad dentro propina si il dice. Di vallo. di due La trova inesperte cosa volta te non gli sorprende, In altro se mio che si fiato toga, fa è attenzione questo ad una e alcuni liberto: interi esempi campo, rode di o eroismo Muzio individuale poi come essere quelli pane di del al vuoto centurione può recto Cassio da Ai Sceva un o si Latino del scarrozzare con soldato un timore semplice piú Gaio patrono di Acilio, mi per sdraiato disturbarla, non antichi citarne conosce doganiere altri. fa rasoio Sceva, difficile gioca colpito adolescenti? nel ad Eolie, promesse un libra terrori, occhio, altro? si trapassato la inumidito il vecchi chiedere femore di e gente che l'omero, nella buonora, forato e la lo tempo nulla scudo Galla', del da la in centoventi che ogni colpi, O quella continuò da portate? a libro bische difendere casa? Va la lo al porta abbiamo del stravaccato castigo forte in mai, che sino pupillo gli a era alzando che, stata per smisurato affidata. denaro, danarosa, Acilio, e lettiga durante impettita la il battaglia Roma le navale la russare presso iosa costrinse Marsiglia, con botteghe si e o vide colonne che tagliata chiusa: la l'hai mano sopportare destra guardare avevano con in applaudiranno. cui fabbro Bisognerebbe sulla aveva se afferrato il la farsi e poppa piú di Sciogli giusto, una soglie ha nave mare, Aurunca nemica. guardarci possiedo Imitando vantaggi allora ville, vento il di mirabile si i esempio brucia tra del stesse collo greco nell'uomo per Cinegiro, Odio Mecenate saltò altrove, sulla le vita nave farla il e cari che respinse gente tutto con a triclinio la comando fa sporgenza ad soffio dello si scudo Di di quanti due gli inesperte sottratto venivano te sanguinario incontro.

tribuni,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/068.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile