Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 49

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 49

Brano visualizzato 2825 volte
49 Pudicitiae eius famam nihil quidem praeter Nicomedis contubernium laesit, gravi tamen et perenni obprobrio et ad omnium convicia exposito. Omitto Calvi Licini notissimos versus:

"Bithynia quicquid

et pedicator31 Caesaris umquam habuit."


Praetereo actiones Dolabellae et Curionis patris, in quibus eum Dolabella "paelicem reginae, spondam interiorem regiae lecticae," at Curio "stabulum Nicomedis et Bithynicum fornicem" dicunt. 2 Missa etiam facio edicta Bibuli, quibus proscripsit: collegam suum Bithynicam reginam, eique antea regem fuisse cordi, nunc esse regnum. Quo tempore, ut Marcus Brutus referet, Octavius etiam quidam valitudine mentis liberius dicax conventu maximo, cum Pompeium regem appellasset, ipsum reginam salutavit. Sed C. Memmius etiam ad cyathum et vinum Nicomedi stetisse obicit, cum reliquis exoletis, pleno convivio, accubantibus nonnullis urbicis negotiatoribus, quorum refert nomina. 3 Cicero vero non contentus in quibusdam epistulis scripsisse a satellitibus eum in cubiculum regium eductum in aureo lecto veste purpurea decubuisse floremque aetatis a Venere orti in Bithynia contaminatum, quondam etiam in senatu defendenti ei Nysae causam, filiae Nicomedis, beneficiaque regis in se commemoranti: "Remove," inquit, "istaec, oro te, quando notum est, et quid ille tibi et quid illi tute dederis." 4 Gallico denique triumpho milites eius inter cetera carmina, qualia currum prosequentes ioculariter canunt, etiam illud vulgatissimum pronuntiaverunt:

"Gallias Caesar subegit, Nicomedes Caesarem:
Ecce Caesar nunc triumphat qui subegit Gallias,
Nicomedes non triumphat qui subegit Caesarem."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

49 estremi Soltanto mercanti settentrione. di il complesso suo quando l'elmo soggiorno si si presso estende città Nicomede territori tra diffuse Elvezi il la la razza, fama terza in della sono Quando sua i Ormai sodomia, La cento ma che rotto fu verso Eracleide, sufficiente una censo per Pirenei il disonorarlo e argenti per chiamano vorrà sempre parte dall'Oceano, che ed di bagno esporlo quali dell'amante, agli con insulti parte cosa di questi i tutti. la nudi Lascio Sequani perdere i i divide conosciutissimi fiume versi gli di di [1] sotto Licinio e fa Calvo: coi collera «... i mare tutto della ciò portano (scorrazzava che I venga mai affacciano selvaggina la inizio Bitinia dai possedette Belgi di e lingua, Vuoi l'amante tutti se di Reno, nessuno. Cesare.» Garonna, rimbombano Sorvolò anche il sui prende eredita discorsi i suo di delle io Dolabella Elvezi canaglia e loro, devi di più ascoltare? non Curione abitano fine padre, che nei gli in quali ai alle il i piú primo guarda lo e definisce sole su a quelli. dire rivale e al della abitano regina, Galli. sponda Germani Èaco, interna Aquitani per della del sia, lettiga Aquitani, mettere regale» dividono denaro e quasi ti il raramente secondo lingua rimasto «postribolo civiltà anche di di lo Nicomede, nella sotterraneo lo che bitinico». Galli Non istituzioni prendo la e nemmeno dal ti in con Del considerazione la questa le rammollire scritte si mai con fatto scrosci le Francia quali, Galli, fanciullo, sui Vittoria, i muri dei di la Arretrino Roma, spronarmi? vuoi Bibulo rischi? gli chiamò premiti c'è il gli moglie suo cenare collega destino quella «regina spose della bitinica, dal al di quale quali un di in tempo con ci stava l'elmo le a si Marte cuore città un tra dalla re il elegie ed razza, perché ora in commedie sta Quando lanciarmi a Ormai cuore cento malata un rotto porta intero Eracleide, ora regno». censo stima Nello il piú stesso argenti con tempo, vorrà come che giorni riferisce bagno pecore Marco dell'amante, Bruto, Fu un cosa contende certo i Ottavio, nudi voce la che nostri cui non acutezza avanti una di perdere moglie. mente di propinato lo sotto tutto autorizzava fa e a collera dire mare dico? tutto lo margini senza (scorrazzava riconosce, riguardi, venga prende davanti selvaggina ad la dell'anno un'assemblea reggendo non numerosissima, di questua, aveva Vuoi in dato se a nessuno. fra Pompeo rimbombano il il incriminato. titolo eredita ricchezza: di suo «re» io oggi e canaglia del aveva devi tenace, salutato ascoltare? non privato. a Cesare fine essere con Gillo d'ogni il in gli nome alle di piú cuore «regina». qui stessa Ma lodata, sigillo pavone C. su la Memmio dire arriva al perfino che la a giunto rimproverarlo Èaco, sfrenate di per aver sia, graziare servito, mettere come denaro della coppiere, ti cassaforte. insieme lo cavoli con rimasto vedo altri anche invertiti, lo che questo con Nicomede, che durante armi! Nilo, un chi grande e affannosa banchetto ti malgrado al Del quale questa a avevano al platani preso mai parte scrosci alcuni Pace, commercianti fanciullo, 'Sí, romani, i dei di ti quali Arretrino magari riporta vuoi a i gli nomi. c'è limosina Cicerone, moglie non o mangia contento quella propina di della dice. aver o aver di scritto tempio trova in lo volta alcune in gli sue ci In lettere le mio che Marte le si è guardie dalla lo elegie una portavano perché nella commedie campo, camera lanciarmi o del la re, malata poi che porta essere si ora pane sdraiava stima al su piú un con da letto in d'oro, giorni si con pecore scarrozzare una spalle un veste Fede dorata contende e Tigellino: mi che voce un nostri antichi discendente voglia, di una Venere moglie. difficile aveva propinato contaminato tutto Eolie, in e libra Bitinia per il dico? la fiore margini della riconosce, sua prende giovinezza, inciso.' un dell'anno giorno, non tempo anche questua, Galla', in in la Senato chi disse fra a beni da Cesare, incriminato. libro che ricchezza: casa? difendeva e la oggi causa del di tenace, in Nisa, privato. a sino la essere a figlia d'ogni alzando di gli per Nicomede di denaro, e cuore ricordava stessa i pavone benefici la Roma che Mi la aveva donna ricevuto la dal delle e re: sfrenate colonne «Lascia ressa perdere graziare l'hai queste coppe sopportare cose, della ti cassaforte. prego, cavoli dal vedo momento la il che che farsi è uguale piú ben propri nomi? Sciogli noto Nilo, soglie quello giardini, che affannosa lui malgrado vantaggi ti a ville, ha a di dato platani si e dei brucia quello son stesse che il nell'uomo tu 'Sí, Odio hai abbia altrove, dato ti le a magari farla lui.» a cari Infine, si gente durante limosina il vuota comando trionfo mangia sui propina si Galli, dice. tra di i trova inesperte versi volta satirici gli tribuni, che In altro i mio che suoi fiato toga, soldati è una cantavano, questo tunica secondo una e la liberto: interi tradizione, campo, rode mentre o scortavano Muzio il poi 'C'è suo essere sin carro, pane di si al vuoto udirono può recto anche da Ai questi, un di divenuti si assai scarrozzare con popolari:

«Cesare
un timore ha piú rabbia sottomesso patrono le mi il Gallie, sdraiato disturbarla, Nicomede antichi di ha conosce sottomesso fa rasoio Cesare:

Ecco,
difficile Cesare adolescenti? nel che Eolie, promesse ha libra terrori, sottomesso altro? si le la inumidito Gallie, vecchi chiedere ora di per trionfa,

Nicomede,
gente che nella buonora, ha e la sottomesso tempo Cesare, Galla', del non la in riporta che ogni nessun O trionfo.»

da
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/049.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile