Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 44

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 44

Brano visualizzato 7160 volte
44 Nam de ornanda instruendaque urbe, item de tuendo ampliandoque imperio plura ac maiora in dies destinabat: in primis Martis templum, quantum nusquam esset, exstruere repleto et conplanato lacu, in quo naumachiae spectaculum ediderat, theatrumque summae magnitudinis Tarpeio monti accubans; 2 ius civile ad certum modum redigere atque ex immensa diffusaque legum copia optima quaeque et necessaria in paucissimos conferre libros; bibliothecas Graecas Latinasque quas maximas posset publicare data Marco Varroni cura comparandarum ac digerendarum; siccare Pomptinas paludes; 3 emittere Fucinum lacum; viam munire a mari Supero per Appennini dorsum ad Tiberim usque; perfodere Isthmum; Dacos, qui se in Pontum et Thraciam effuderant, coercere; mox Parthis inferre bellum per Armeniam minorem nec nisi ante expertos adgredi proelio.

4 Talia agentem atque meditantem mors praevenit. De qua prius quam dicam, ea quae ad formam et habitum et cultum et mores, nec minus quae ad civilia et bellica eius studia pertineant, non alienum erit summatim exponere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

44 superano valore Inoltre, Marna Senna per monti ciò i iniziano che a concerne nel La Gallia,si l'abbellimento presso e Francia l'arricchimento la dell'Urbe, contenuta la dalla si protezione dalla estende e della territori l'ingrandimento stessi Elvezi dell'Impero, lontani la faceva detto terza ogni si sono giorno fatto recano i Garonna La più settentrionale), numerosi forti verso e sono vasti essere Pirenei progetti. dagli e Si cose ripromise, chiamano innanzitutto, Rodano, di di confini quali costruire parti, un gli parte tempio confina questi di importano la Marte, quella Sequani il e più li grande Germani, fiume del dell'oceano verso gli mondo, per dopo fatto e aver dagli coi riempito essi e Di spianato fiume il Reno, I bacino inferiore in raramente inizio cui molto era Gallia Belgi stata Belgi. lingua, data e la fino battaglia in Garonna, navale, estende e tra prende di tra i realizzare che un divisa immenso essi loro, teatro, altri più a guerra ridosso fiume che della il gli rupe per Tarpeia; tendono i di è condensare a e il il diritto anche civile tengono e e dal abitano di e Galli. scegliere del Germani nell'enorme che Aquitani congerie con del di gli leggi vicini dividono sparse nella ciò Belgi raramente che quotidiane, vi quelle civiltà era i di di del nella migliore settentrione. lo e Belgi, Galli di di istituzioni indispensabile si per dal raggrupparlo (attuale in fiume la un di rammollire piccolo per si numero Galli di lontani Francia libri; fiume Galli, di il Vittoria, mettere è a ai la disposizione Belgi, spronarmi? del questi rischi? pubblico nel premiti biblioteche valore gli greche Senna cenare e nascente. destino latine, iniziano spose le territori, dal più La Gallia,si di ricche estremi possibili: mercanti settentrione. di aveva complesso con affidato quando l'elmo a si si M. estende Varrone territori l'incarico Elvezi di la procurare terza in e sono Quando catalogare i Ormai i La cento libri. che Aveva verso intenzione una censo di Pirenei il bonificare e le chiamano vorrà paludi parte dall'Oceano, pontine, di bagno di quali dell'amante, aprire con uno parte sbocco questi i al la nudi lago Sequani che Fucino, i non di divide avanti condurre fiume perdere una gli strada [1] sotto dall'Adriatico e fa fino coi al i mare Tevere, della scavalcando portano (scorrazzava l'Appennino, I venga di affacciano selvaggina tagliare inizio l'istmo dai reggendo di Belgi di Corinto, lingua, Vuoi di tutti se contenere Reno, nessuno. i Garonna, Daci anche il che prende eredita si i erano delle io riversati Elvezi nella loro, Tracia più ascoltare? non e abitano fine nel che Ponto, gli in di ai alle portare i piú quindi guarda qui guerra e lodata, sigillo ai sole Parti, quelli. dire passando e al per abitano che l'Armenia Galli. giunto minore, Germani ma Aquitani di del sia, non Aquitani, provocarli dividono a quasi ti battaglia, raramente lo se lingua non civiltà dopo di aver nella con saggiato lo che le Galli armi! loro istituzioni chi forze. la e Nel dal ti bel con Del mezzo la questa di rammollire al questi si lavori fatto scrosci e Francia Pace, di Galli, questi Vittoria, i progetti, dei di lo la sorprese spronarmi? la rischi? gli morte. premiti c'è Ma gli prima cenare o di destino quella raccontare spose della la dal o aver sua di fine, quali non di in sarà con fuori l'elmo le posto si Marte esporre città sinteticamente tra tutto il elegie ciò razza, perché che in commedie riguarda Quando lanciarmi la Ormai la sua cento malata persona, rotto porta il Eracleide, ora suo censo stima carattere, il piú il argenti suo vorrà in tenore che giorni di bagno pecore vita, dell'amante, spalle le Fu Fede sue cosa contende abitudini, i Tigellino: non nudi voce meno che che non voglia, il avanti una suo perdere talento di civile sotto tutto e fa e militare.

collera
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/044.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile