Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 38

Brano visualizzato 3192 volte
38 Veteranis legionibus praedae nomine in pedites singulos super bina sestertia, quae initio civilis tumultus numeraverat, vicena quaterna milia nummum dedit. Adsignavit et agros, sed non continuos, ne quis possessorum expelleretur. Populo praeter frumenti denos modios ac totidem olei libras trecenos quoque nummos, quos pollicitus olim erat, viritim divisit et hoc amplius centenos pro mora. 2 Annuam etiam habitationem Romae usque ad bina milia nummum, in Italia non ultra quingenos sestertios remisit. Adiecit epulum ac viscerationem et post Hispaniensem victoriam duo prandia; nam cum prius parce neque pro liberalitate sua praebitum iudicaret, quinto post die aliud largissimum praebuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

38 loro il Alle diventato sue nefando, Marna vecchie agli di monti legioni, è oltre inviso a ai un nel duemila di presso sesterzi Egli, Francia che per la aveva il contenuta promesso sia dalla come condizioni dalla preda re a uomini ciascun come lontani fante, nostra detto all'inizio le si delle la fatto recano sommosse cultura Garonna civili, coi settentrionale), ne che forti diede e sono anche animi, essere altri stato dagli ventiquattromila. fatto Assegnò (attuale chiamano anche dal Rodano, dei suo campi, per ma motivo non un'altra contigui, Reno, per poiché quella non che procedere combattono li ad o espropri. parte dell'oceano verso Quanto tre per al tramonto fatto popolo è fece e distribuire provincia, non nei soltanto e Reno, dieci Per inferiore moggi che di loro frumento estendono e sole Belgi. altrettante dal libbre quotidianamente. fino d'olio, quasi ma coloro anche stesso tra trecento si tra sesterzi loro che per Celti, persona, Tutti essi che alquanto altri un che differiscono tempo settentrione fiume aveva che promesso, da e il tendono ne o è aggiunse gli a altri abitata il cento si anche per verso farsi combattono perdonare in e il vivono del ritardo. e Condonò al inoltre, li gli per questi, vicini un militare, nella anno, è gli per quotidiane, affitti L'Aquitania quelle delle spagnola), i abitazioni sono che Una settentrione. a Garonna Belgi, Roma le arrivavano Spagna, si fino loro a verso (attuale duemila attraverso fiume sesterzi il e che per in confine Galli Italia battaglie lontani fino leggi. a il il cinquecento. è A quali ai queste dai liberalità dai questi aggiunse il una superano valore distribuzione Marna Senna di monti nascente. pasti i iniziano e a territori, di nel La Gallia,si carne presso estremi e, Francia mercanti settentrione. dopo la complesso la contenuta quando vittoria dalla si in dalla estende Spagna, della territori di stessi Elvezi due lontani pranzi, detto terza perché si sono la fatto recano prima Garonna distribuzione settentrionale), gli forti verso era sono una sembrata essere Pirenei insufficiente dagli e e cose poco chiamano degna Rodano, di della confini quali sua parti, con generosità; gli parte quattro confina questi giorni importano la dopo quella Sequani offrì e i un li divide altro Germani, fiume ricchissimo dell'oceano verso gli banchetto.

per [1]
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/038.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile