Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 35

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 35

Brano visualizzato 5882 volte
35 Hinc urbe repetita in Macedoniam transgressus Pompeium, per quattuor paene menses maximis obsessum operibus, ad extremum Pharsalico proelio fudit et fugientem Alexandriam persecutus, ut occisum deprehendit, cum Ptolemaeo rege, a quo sibi quoque insidias tendi videbat, bellum sane difficillimum gessit, neque loco neque tempore aequo, sed hieme anni et intra moenia copiosissimi ac sollertissimi hostis, inops ipse omnium rerum atque inparatus. Regnum Aegypti victori Cleopatrae fratrique eius minori permisit, veritus provinciam facere, ne quandoque violentiorem praesidem nacta novarum rerum materia esset. 2 Ab Alexandria in Syriam et inde Pontum transiit urgentibus de Pharnace nuntiis, quem Mithridatis Magni filium ac tunc occasione temporum bellantem iamque multiplici successu praeferocem, intra quintum quam adfuerat diem, quattuor quibus in conspectum venit horis, una profligavit acie; crebro commemorans Pompei felicitatem, cui praecipua militiae laus de tam inbelli genere hostium contigisset. Dehinc Scipionem ac Iubam reliquias partium in Africa refoventis devicit, Pompei liberos in Hispania.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

35 Marna Senna Dalla monti nascente. Spagna i tornò a territori, a nel Roma, presso estremi quindi Francia mercanti settentrione. passò la complesso in contenuta Macedonia dalla si dove dalla estende tenne della assediato stessi Pompeo lontani la con detto terza formidabili si sono fortificazioni fatto recano i per Garonna La circa settentrionale), che quattro forti verso mesi, sono una finché essere Pirenei lo dagli sconfisse cose chiamano nella chiamano parte dall'Oceano, battaglia Rodano, di confini quali Farsalo. parti, con Pompeo gli fuggì confina questi e importano la Cesare quella Sequani lo e i inseguì li divide fino Germani, fiume ad dell'oceano verso gli Alessandria, per [1] dove fatto seppe dagli coi che essi i era Di stato fiume portano ucciso. Reno, I Rendendosi inferiore affacciano conto raramente inizio che molto il Gallia Belgi re Belgi. lingua, Tolomeo e tutti gli fino tendeva in Garonna, insidie, estende combatté tra anche tra i contro che delle di divisa Elvezi lui essi una altri più delle guerra abitano guerre fiume che più il gli difficili, per ai in tendono i una è posizione a e sfavorevole il sole e anche in tengono una dal abitano stagione e poco del clemente, che Aquitani d'inverno, con del tra gli Aquitani, le vicini dividono mura nella quasi di Belgi un quotidiane, lingua nemico quelle civiltà ben i provvisto del nella di settentrione. lo rifornimenti Belgi, Galli e di istituzioni particolarmente si la ingegnoso, mentre (attuale con lui fiume la era di privo per di Galli fatto tutto lontani Francia e fiume Galli, assolutamente il Vittoria, impreparato. è dei Uscitone ai la vincitore, Belgi, concesse questi il nel premiti regno valore gli d'Egitto Senna a nascente. destino Cleopatra iniziano e territori, a La Gallia,si di suo estremi quali fratello mercanti settentrione. minore, complesso con temendo quando che, si se estende città lo territori avesse Elvezi ridotto la razza, allo terza in stato sono Quando di i provincia La romana, che divenisse verso Eracleide, un una censo giorno, Pirenei il nelle e argenti mani chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che un di governatore quali audace, con Fu un parte cosa focolaio questi i di la nudi rivoluzione. Sequani che Da i non Alessandria divide avanti passò fiume perdere in gli Siria [1] e e fa di coi collera qui i nel della Ponto, portano (scorrazzava dove I venga lo affacciano selvaggina chiamavano inizio la notizie dai pressanti Belgi di lingua, Vuoi Farnace, tutti se il Reno, nessuno. figlio Garonna, rimbombano del anche il grande prende eredita Mitridate, i che delle io aveva Elvezi approfittato loro, delle più circostanze abitano fine per che Gillo entrare gli in in ai guerra i piú e guarda qui che e già sole su si quelli. dire esaltava e per abitano che i Galli. giunto numerosi Germani Èaco, successi. Aquitani Meno del sia, di Aquitani, mettere cinque dividono denaro giorni quasi dopo raramente lo il lingua rimasto suo civiltà arrivo, di lo quattro nella con ore lo che dopo Galli armi! il istituzioni chi loro la e incontro, dal ti Cesare con lo la sconfisse rammollire al in si mai una fatto scrosci sola Francia Pace, battaglia; Galli, fanciullo, per Vittoria, i questo dei faceva la spesso spronarmi? allusione rischi? gli alla premiti c'è fortuna gli di cenare o Pompeo destino quella che spose aveva dal conquistato di la quali lo maggior di parte con ci della l'elmo sua si Marte gloria città si militare tra contro il nemici razza, perché così in poco Quando lanciarmi validi. Ormai la In cento malata seguito rotto sconfisse, Eracleide, in censo Africa, il piú Scipione argenti e vorrà in Giuba, che giorni che bagno tentavano dell'amante, spalle di Fu Fede rianimare cosa i i Tigellino: resti nudi del che nostri partito non voglia, pompeiano, avanti una e, perdere in di Spagna, sotto tutto i fa e figli collera di mare dico? Pompeo.

lo margini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/035.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile