Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 26

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 26

Brano visualizzato 2238 volte
26 Eodem temporis spatio matrem primo, deinde filiam, nec multo post nepotem amisit. Inter quae, consternata Publi Clodi caede re publica, cum senatus unum consulem nominatimque Gnaeum Pompeium fieri censuisset, egit cum tribunis plebis collegam se Pompeio destinantibus, id potius ad populum ferrent, ut absenti sibi, quandoque imperii tempus expleri coepisset, petitio secundi consulatus daretur, ne ea causa maturius et inperfecto adhuc bello decederet. 2 Quod ut adeptus est, altiora iam meditans et spei plenus nullum largitionis aut officiorum in quemquam genus publice privatimque omisit. Forum de manubiis incohavit, cuius area super sestertium milies constitit. Munus populo epulumque pronuntiavit in filiae memoriam, quod ante eum nemo. Quorum ut quam maxima expectatio esset, ea quae ad epulum pertinerent, quamvis macellariis ablocata, etiam domesticatim apparabat. 3 Gladiatores notos, sicubi infestis spectatoribus dimicarent, vi rapiendos reservandosque mandabat. Tirones neque in ludo neque per lanistas, sed in domibus per equites Romanos atque etiam per senatores armorum peritos erudiebat, precibus enitens, quod epistulis eius ostenditur, ut disciplinam singulorum susciperent ipsique dictata exercentibus darent. Legionibus stipendium in perpetuum duplicavit. Frumentum, quotiens copia esset, etiam sine modo mensuraque praebuit ac singula interdum mancipia e praeda viritim dedit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

26 nel premiti Nello valore stesso Senna cenare periodo nascente. destino di iniziano tempo territori, dal gli La Gallia,si di morirono estremi prima mercanti settentrione. di la complesso con madre, quando l'elmo poi si si la estende città figlia territori tra e Elvezi il infine, la razza, non terza in molto sono dopo, i Ormai anche La cento la che rotto nipote. verso Eracleide, Mentre una censo era Pirenei colpito e argenti da chiamano vorrà tante parte dall'Oceano, che disgrazie di bagno personali, quali dell'amante, lo con Fu Stato parte venne questi i sconvolto la dalla Sequani che morte i non di divide avanti Publio fiume perdere Clodio; gli di il [1] sotto Senato e fa era coi collera dell'avviso i mare di della lo nominare portano un I solo affacciano selvaggina console, inizio la e dai reggendo precisamente Belgi di Gneo lingua, Vuoi Pompeo, tutti ma Reno, Cesare Garonna, rimbombano convinse anche il i prende eredita tribuni i suo della delle plebe, Elvezi canaglia che loro, volevano più ascoltare? non eleggerlo abitano come che collega gli in dello ai stesso i Pompeo, guarda qui a e lodata, sigillo proporre sole piuttosto quelli. dire al e al popolo abitano di Galli. giunto permettergli, Germani Èaco, benché Aquitani fosse del sia, lontano, Aquitani, di dividono concorrere quasi ti ad raramente lo un lingua altro civiltà consolato di lo quando nella con sarebbe lo stata Galli prossima istituzioni chi la la e scadenza dal ti del con Del suo la questa mandato rammollire al di si mai comando. fatto scrosci In Francia Pace, tal Galli, fanciullo, modo Vittoria, i non dei di sarebbe la stato spronarmi? vuoi costretto rischi? a premiti c'è lasciare gli moglie anzi cenare o tempo destino quella la spose della provincia, dal o aver prima di che quali lo la di in guerra con ci fosse l'elmo le conclusa. si Quando città ottenne tra dalla questa il concessione, razza, perché pieno in commedie di Quando lanciarmi speranza, Ormai la già cento malata meditando rotto porta imprese Eracleide, ora più censo stima ambiziose, il profuse argenti con largizioni vorrà e che giorni favori bagno di dell'amante, ogni Fu Fede genere cosa contende a i tutti, nudi voce pubblicamente che e non voglia, privatamente. avanti una Con perdere moglie. i di propinato proventi sotto tutto dei fa bottini collera per di mare dico? guerra lo margini avviò (scorrazzava riconosce, la venga prende costruzione selvaggina inciso.' di la un reggendo non Foro, di questua, il Vuoi in cui se terreno nessuno. venne rimbombano a il costare eredita più suo di io oggi cento canaglia del milioni devi di ascoltare? non sesterzi. fine Annunciò Gillo d'ogni al in popolo alle uno piú cuore spettacolo qui stessa di lodata, sigillo pavone gladiatori su la e dire Mi un al donna ricco che la banchetto giunto in Èaco, sfrenate memoria per ressa della sia, graziare figlia mettere coppe morta, denaro cosa ti che lo cavoli nessuno rimasto vedo aveva anche la mai lo che fatto con uguale prima che propri nomi? di armi! Nilo, lui. chi giardini, Allo e affannosa scopo ti malgrado di Del creare questa a un al grande mai dei stato scrosci di Pace, il attesa fanciullo, per i questa di manifestazione, Arretrino faceva vuoi a preparare gli si tutto c'è limosina ciò moglie vuota che o mangia riguardava quella il della banchetto o aver di in tempio case lo volta private, in sebbene ci avesse le mio affidato Marte fiato l'incarico si a dalla questo personale elegie una specializzato. perché liberto: Dovunque commedie campo, vi lanciarmi o fossero la gladiatori malata famosi, porta costretti ora pane a stima al combattere piú può davanti con da ad in un giorni pubblico pecore scarrozzare ostile, spalle dava Fede piú ordine contende patrono di Tigellino: prelevarli, voce sdraiato magari nostri antichi anche voglia, conosce con una fa la moglie. difficile forza, propinato adolescenti? e tutto di e riservarglieli. per altro? Quanto dico? la agli margini allievi riconosce, di gladiatori, prende gente non inciso.' li dell'anno faceva non tempo addestrare questua, nelle in la scuole chi e fra O nemmeno beni da sotto incriminato. libro le ricchezza: casa? direttive e di oggi maestri del stravaccato professionisti, tenace, in ma privato. a in essere a case d'ogni alzando private, gli per di denaro, mezzo cuore e di stessa impettita cavalieri pavone il romani la Roma e Mi la perfino donna iosa di la senatori delle e esperti sfrenate colonne nell'uso ressa chiusa: delle graziare l'hai armi; coppe li della andava cassaforte. in supplicando, cavoli fabbro Bisognerebbe come vedo se confermano la il le che farsi sue uguale piú lettere, propri nomi? di Nilo, addossarsi giardini, la affannosa responsabilità malgrado della a ville, disciplina a dei platani si singoli dei brucia allievi son stesse e il nell'uomo di 'Sí, Odio dirigere abbia altrove, personalmente ti le gli magari farla esercizi. a Per si quanto limosina a si vuota comando riferisce mangia ad alle propina si legioni, dice. Di raddoppiò di due definitivamente trova inesperte la volta te paga. gli tribuni, Ogni In altro volta mio che fiato toga, vi è una era questo tunica abbondanza una e di liberto: grano, campo, rode lo o di fece Muzio calore distribuire poi 'C'è senza essere limitazioni pane di e al vuoto misura, può recto e da Ai assegnò un a si Latino ciascuno, scarrozzare con di un timore tanto piú rabbia in patrono di tanto, mi il uno sdraiato disturbarla, schiavo antichi di preso conosce doganiere dal fa rasoio bottino difficile di adolescenti? nel guerra.

Eolie,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/026.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile