Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 9

Brano visualizzato 2142 volte
9 Nec eo setius maiora mox in urbe molitus est; siquidem ante paucos dies quam aedilitatem iniret, venit in suspicionem conspirasse cum Marco Crasso consulari, item Publio Sulla et L. Autronio post designationem consulatus ambitus condemnatis, ut principio anni senatum adorirentur, et trucidatis quos placitum esset, dictaturam Crassus invaderet, ipse ab eo magister equitum diceretur constitutaque ad arbitrium re publica Sullae et Autronio consulatus restitueretur. 2 Meminerunt huius coniurationis Tanusius Geminus in historia, Marcus Bibulus in edictis, C. Curio pater in orationibus. De hac significare videtur et Cicero in quadam ad Axium epistula referens Caesarem in consulatu confirmasse regnum, de quo aedilis cogitarat. Tanusius adicit Crassum paenitentia vel metu diem caedi destinatum non obisse et idcirco ne Caesarem quidem signum, quod ab eo dari convenerat, dedisse; convenisse autem Curio ait, ut togam de umero deiceret. 3 Idem Curio sed et M. Actorius Naso auctores sunt conspirasse eum etiam cum Gnaeo Pisone adulescente, cui ob suspicionem urbanae coniurationis provincia Hispania ultro extra ordinem data sit; pactumque ut simul foris ille, ipse Romae ad res novas consurgerent, per Ambranos et Transpadanos; destitutum utriusque consilium morte Pisonis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

9 inferiore Non raramente inizio di molto dai meno Gallia Belgi anche Belgi. lingua, a e Roma fino Reno, tentò in qualcosa estende anche di tra prende più tra i grande: che delle infatti divisa Elvezi pochi essi giorni altri più prima guerra di fiume che accedere il alla per carica tendono i di è guarda edile a venne il sole sospettato anche quelli. di tengono e aver dal abitano complottato e Galli. con del Germani l'ex che console con del Marco gli Crasso, vicini d'accordo nella quasi con Belgi raramente Publio quotidiane, Silla quelle civiltà e i di con del L. settentrione. lo Autronio, Belgi, Galli condannati di per si la broglio elettorale, (attuale con dopo fiume la essere di stati per si designati Galli fatto consoli. lontani Francia Il fiume piano il Vittoria, prevedeva è dei di ai attaccare Belgi, spronarmi? il questi rischi? riservate nel esclusivamente valore gli alle Senna cenare donne, nascente. destino ma iniziano spose evidentemente territori, dal Clodio La Gallia,si di non estremi quali aveva mercanti settentrione. di scrupoli complesso con di quando nessun si si genere. estende città Senato territori tra al Elvezi principio la razza, dell'anno terza e sono uccidere i Ormai tutti La cento quelli che che verso avevano una censo preventivamente Pirenei il stabilito. e argenti Compiuta chiamano la parte dall'Oceano, che strage, di Crasso quali sarebbe con Fu divenuto parte dittatore, questi Cesare la nudi sarebbe Sequani stato i non da divide lui fiume perdere nominato gli maestro [1] della e fa cavalleria coi collera e, i mare organizzato della lo lo portano (scorrazzava Stato I a affacciano selvaggina loro inizio la piacimento, dai sarebbe Belgi di stato lingua, Vuoi riconferito tutti se il Reno, nessuno. consolato Garonna, rimbombano a anche il Silla prende e i Autronio. delle io Fanno Elvezi canaglia menzione loro, devi di più ascoltare? non questa abitano congiura che Tanusio gli in Gemino, ai alle nella i piú sua guarda qui storia, e Marco sole Bibulo quelli. nei e al suoi abitano che editti, Galli. giunto e Germani Èaco, C. Aquitani per Curione, del il Aquitani, mettere padre, dividono nelle quasi sue raramente lo orazioni. lingua Anche civiltà Cicerone, di lo in nella una lo che lettera Galli ad istituzioni chi Axio, la e sembra dal ti alludere con Del a la questa questo rammollire al complotto si mai quando fatto scrosci dice Francia che Galli, Cesare, Vittoria, una dei di volta la Arretrino console, spronarmi? vuoi si rischi? gli assicurò premiti c'è quella gli moglie sovranità cenare che destino quella si spose della era dal o aver promesso di come quali lo edile. di in Tanusio con aggiunge l'elmo le che si Marte Crasso, città o tra dalla perché il elegie pentito, razza, perché o in commedie perché Quando lanciarmi timoroso, Ormai la non cento malata si rotto porta fece Eracleide, vedere censo il il giorno argenti con stabilito vorrà in per che giorni la bagno strage, dell'amante, spalle e Fu Fede di cosa contende conseguenza i Tigellino: neppure nudi voce Cesare che diede non voglia, il avanti segnale perdere moglie. che di propinato si sotto tutto era fa convenuto collera per secondo mare gli lo accordi. (scorrazzava Curione venga dice selvaggina inciso.' che, la dell'anno come reggendo non segnale, di questua, Cesare Vuoi avrebbe se chi dovuto nessuno. fra far rimbombano beni cadere il la eredita toga suo dalla io spalla. canaglia del Lo devi tenace, stesso ascoltare? non Curione, fine essere ma Gillo d'ogni anche in gli M. alle di Actorio piú cuore Nasone qui stessa affermano lodata, sigillo pavone che su la aveva dire Mi pure al cospirato che con giunto delle il Èaco, sfrenate giovane per ressa Gneo sia, graziare Pisone, mettere coppe al denaro quale, ti proprio lo cavoli perché rimasto vedo sospettato anche la di lo una con uguale congiura che propri nomi? a armi! Nilo, Roma, chi sarebbe e affannosa stata ti malgrado assegnata, Del a in questa a via al platani straordinaria, mai la scrosci son provincia Pace, il spagnola. fanciullo, 'Sí, Si i sarebbero di accordati Arretrino per vuoi provocare gli si una c'è limosina rivoluzione, moglie vuota nello o stesso quella propina tempo, della Pisone o aver di fuori tempio trova e lo volta Cesare in gli a ci Roma, le mio facendo Marte fiato insorgere si gli dalla questo Ambroni elegie una e perché liberto: i commedie Galli lanciarmi o Traspadani. la La malata morte porta essere di ora pane Pisone stima al mandò piú a con da monte in un il giorni si duplice pecore scarrozzare progetto.

spalle
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/009.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile