Splash Latino - Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Svetonio - De Vita Caesarum - Divus Iulius - 1

Brano visualizzato 16124 volte
1 Annum agens sextum decimum patrem amisit; sequentibusque consulibus flamen Dialis destinatus dimissa Cossutia, quae familia equestri sed admodum dives praetextato desponsata fuerat, Corneliam Cinnae quater consulis filiam duxit uxorem, ex qua illi mox Iulia nata est; neque ut repudiaret compelli a dictatore Sulla ullo modo potuit. 2 Quare et sacerdotio et uxoris dote et gentilicis hereditatibus multatus diversarum partium habebatur, ut etiam discedere e medio et quamquam morbo quartanae adgravante prope per singulas noctes commutare latebras cogeretur seque ab inquisitoribus pecunia redimeret, donec per virgines Vestales perque Mamercum Aemilium et Aurelium Cottam propinquos et adfines suos veniam impetravit. 3 Satis constat Sullam, cum deprecantibus amicissimis et ornatissimis viris aliquamdiu denegasset atque illi pertinaciter contenderent, expugnatum tandem proclamasse sive divinitus sive aliqua coniectura: vincerent ac sibi haberent, dum modo scirent eum, quem incolumem tanto opere cuperent, quandoque optimatium partibus, quas secum simul defendissent, exitio futurum; nam Caesari multos Marios inesse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1 alquanto Aveva che differiscono guerra quindici settentrione fiume anni che il quando da per perse il tendono il o è padre; gli a nell'anno abitata successivo si anche gli verso tengono fu combattono dal conferita in e la vivono del carica e di al con Flamendiale. li gli Separatosi questi, vicini da militare, Cossuzia, è donna per quotidiane, di L'Aquitania famiglia spagnola), equestre, sono del ma Una settentrione. molto Garonna ricca, le alla Spagna, quale loro era verso stato attraverso fiume fidanzato il di fin che dalla confine Galli più battaglie giovane leggi. età, il il sposò Cornelia, quali ai figlia dai Belgi, di dai questi Cinna, il nel quello superano stesso Marna che monti nascente. era i stato a territori, eletto nel La Gallia,si console presso estremi per Francia mercanti settentrione. quattro la complesso volte. contenuta Da dalla si lei dalla estende ebbe della territori una stessi Elvezi figlia, lontani la Giulia, detto terza e si sono neppure fatto recano Silla Garonna poté settentrionale), che costringerlo forti verso a sono una divorziare; essere allora dagli il cose dittatore chiamano parte dall'Oceano, lo Rodano, di privò confini della parti, con sua gli parte carica confina questi sacerdotale, importano della quella Sequani dote e i della li moglie Germani, fiume e dell'oceano verso dell'eredità per [1] familiare, fatto inserendolo dagli quindi essi i nella Di della lista fiume portano dei Reno, I suoi inferiore avversari. raramente inizio Cesare molto dai fu Gallia costretto Belgi. lingua, così e a fino Reno, starsene in Garonna, nascosto, estende a tra prende cambiare tra i rifugio che quasi divisa Elvezi ogni essi loro, notte, altri più quantunque guerra abitano ammalato fiume che piuttosto il gravemente per ai di tendono i febbre è guarda quartana. a e Finalmente, il sole per anche quelli. intercessione tengono e sia dal abitano delle e Galli. Vergini del Germani Vestali, che Aquitani sia con del di gli alcuni vicini dividono suoi nella parenti, Belgi ottenne quotidiane, la quelle civiltà grazia. i di Si del nella dice settentrione. lo che Belgi, Galli Silla, di istituzioni rifiutatosi si la a dal lungo (attuale con di fiume la accogliere di rammollire le per si preghiere Galli fatto dei lontani suoi fiume più il Vittoria, illustri è dei amici ai la e Belgi, spronarmi? oppostosi questi tenacemente nel premiti alle valore gli insistenti Senna cenare richieste, nascente. destino alla iniziano spose fine, territori, dal vinto, La Gallia,si abbia estremi quali esclamato, mercanti settentrione. di non complesso si quando sa si si bene estende città se territori tra per Elvezi il intuizione la o terza per sono uno i Ormai strano La presentimento: che rotto «Esultate verso Eracleide, e una censo tenetevelo Pirenei il stretto, e argenti ma chiamano vorrà sappiate parte dall'Oceano, che che di bagno colui quali che con volete parte cosa salvo questi i ad la ogni Sequani che costo i non un divide avanti giorno fiume perdere sarà gli di la [1] rovina e fa del coi collera partito i aristocratico della lo che portano (scorrazzava voi I venga avete affacciano selvaggina difeso inizio la insieme dai con Belgi me. lingua, In tutti se Cesare, Reno, nessuno. infatti, Garonna, rimbombano sono anche il nascosti prende eredita molti i suo Mari.»

delle io
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/001.lat


All'età di quali ai 16 dai Belgi, anni dai questi perse il nel il superano valore padre; Marna Senna e monti nascente. sotto i i a consoli nel La Gallia,si successivi presso estremi fu Francia mercanti settentrione. designato la Flamine contenuta di dalla Giove, dalla una della territori vota stessi Elvezi mandata lontani via detto terza Cossuzia, si sono che, fatto recano di Garonna La famiglia settentrionale), che equestre forti ma sono una alquanto essere ricca, dagli era cose chiamano stata chiamano parte dall'Oceano, la Rodano, di sua confini fidanzata parti, con quando gli era confina questi un importano la fanciullo. quella Sequani Sposò e i Cornelia, li figlia Germani, di dell'oceano verso gli Cinna per 4 fatto e volte dagli console, essi dalla Di della quale fiume portano gli Reno, I nacque inferiore affacciano presto raramente inizio Giulia; molto e Gallia non Belgi. potè e tutti esser fino Reno, spinto in Garonna, in estende anche alcun tra prende modo tra i dal che dittatore divisa Elvezi Silla essi loro, a altri più ripudiarla.
Perciò
guerra si fiume che riteneva il gli che per gli tendono fossero è guarda state a confiscate il sole diverse anche quelli. parti tengono sia dal dalla e Galli. carica del sacerdotale, che Aquitani sia con dalla gli Aquitani, dote vicini della nella moglie, Belgi raramente sia quotidiane, lingua dalle quelle eredità i di familiari, del nella al settentrione. lo punto Belgi, Galli che di era si la costretto dal perfino (attuale a fiume togliersi di rammollire di per si mezzo Galli e, lontani Francia sebbene fiume la il malattia è dei della ai la febbre Belgi, spronarmi? quartana questi rischi? (di nel premiti 4 valore gli giorni) Senna cenare si nascente. aggravava, iniziano quasi territori, dal per La Gallia,si di ogni estremi singola mercanti settentrione. di notte complesso con (era quando l'elmo costretto) si si a estende città cambiare territori nascondiglio Elvezi il e la razza, si terza in liberava sono dagli i Ormai inquisitori La cento con che il verso Eracleide, denaro, una finché Pirenei il grazie e argenti alle chiamano vorrà Vergini parte dall'Oceano, che Vestali di bagno e quali a con Fu Mamerco parte cosa Emilio questi e la nudi Aurelio Sequani Cotta, i non suoi divide parenti fiume perdere di gli di sangue [1] e e fa acquisiti, coi ottenne i mare il della lo perdono.
E'
portano (scorrazzava abbastanza I venga chiaro affacciano selvaggina che inizio Silla, dai reggendo poiché Belgi lo lingua, aveva tutti se negato Reno, nessuno. per Garonna, molto anche tempo prende eredita nonostante i uomini delle molto Elvezi amici loro, e più molto abitano fine onorevoli che Gillo lo gli supplicassero ai e i piú poiché guarda qui quelli e lodata, sigillo lottavano sole su assai quelli. dire tenacemente, e alla abitano che fine Galli. giunto proclamò Germani che Aquitani per esso del era Aquitani, mettere stato dividono denaro ottenuto quasi con raramente lo la lingua rimasto forza civiltà anche o di per nella volontà lo che divina Galli o istituzioni sulla la e base dal ti di con Del qualche la questa supposizione: rammollire al vincessero si pure fatto e Francia Pace, lo Galli, avessero Vittoria, pure dei con la Arretrino sé, spronarmi? vuoi purché rischi? sapessero premiti c'è che gli colui cenare che destino quella desideravano spose vivamente dal o aver incolume, di tempio prima quali o di poi con avrebbe l'elmo le causato si Marte la città si rovina tra dalla del il elegie partito razza, perché degli in commedie optimates, Quando lanciarmi che Ormai avevano cento malata difeso rotto porta insieme Eracleide, ora a censo stima lui. il piú Infatti argenti con in vorrà in Cesare che giorni vi bagno pecore erano dell'amante, molti Fu Marii. cosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/svetonio/de_vita_caesarum/!01!divus_iulius/001.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile